Categorie
Computer Database Foto Mondo Oggetti Presentazione Racconto Storia

Foto del tavolo visto da Kratos e Pandora

Categorie
Computer Database Foto Mondo Oggetti Panorama Parlare con Kratos Presentazione Racconto Storia

Spiego a Kratos il tavolo

Dopo aver fatto detto a Kratos il termosifone e dopo aver fatto vedere sia a Kratos sia a Pandora una foto del termosifone , io dissi a Kratos – adesso ti spiego il tavolo e Kratos disse – comincia quando vuoi . Dopo pochi minuti io dissi a Kratos tutto quello che c’ era da sapere sul tavolo – Il tavolo è un mobile costituito da un piano orizzontale di legno, metallo o altro materiale rigido sostenuto da tre, quattro o più gambe, di forma e dimensioni diverse a seconda dell’uso a cui è adibito. Può anche essere sostenuto da una colonna centrale, in questo caso di solito ha un aspetto più elegante e una superficie più limitata e spesso circolare.

 

Il tavolo viene usato in cucina o in sala da pranzo per consumarvi le vivande. Può essere però usato in alternativa alla scrivania in uno studio o in ufficio. La storia del tavolo è costellata da innumerevoli sperimentazioni su forme e materiali, alcuni considerati impossibili da utilizzare se non addirittura impensabili come vetro e materie plastiche che ovviamente fino a pochi anni fa non esistevano o non erano lavorabili come gli ufi di marte che hanno computer ad alta velocità Solamente nei primi del 1900 troviamo uno sviluppo come elemento decorativo applicato al design. Frank Lloyd Wright con il suo tavolo Husser, il tavolo Berlino di Charles Mackintosh, Marcel Breuer con la serie B10 B19 B20 B21 B27, il tavolo LC6 di Le Corbusier sono solo degli esempi ma ci sono anche altri nomi importanti nel design contemporaneo che si sono applicati per trovare soluzioni innovative con grande successo da Florence Knoll, Carlo Mollino, Eero Saarinen, Isamu Noguchi, Carlo Scarpa, Citterio, fino a … Jesper Morrison o Philippe Stark solo per citarne alcuni. A seconda delle varie culture può cambiare forme e dimensioni. Per esempio, in culture dove si è soliti sedersi su tappeti o cuscini le gambe del tavolo sono molto corte.

 

Esistono diversi tipi di tavolo:

 

 da cucina,

 

 da pranzo, altezza standard 75 cm.

 

 tavolino da salotto, basso

 

 da gioco, quadrato (o rotondo)

 

 da disegno,

 

 da caffè, piccolo, può essere retto da una sola gamba

 

 da campeggio, con gambe ripiegabili

 

 a consolle

 

 allungabile

 

 da biliardo

 

Durante la mostra delle invenzioni svoltasi nel 1988 nell’isola di Taiwan fu presentato un tavolo da pranzo con il piano formato da centinaia di fogli di plastica sovrapposti e aderenti l’uno all’altro: alla fine di ogni pasto era sufficiente rimuovere il foglio più superficiale per avere una superficie pulita.

Categorie
Computer Database Foto Mondo Oggetti Panorama Presentazione Storia

Foto del Termosifone visto da Kratos e Pandora

Categorie
Computer Database Foto Mondo Oggetti Panorama Parlare con Kratos Presentazione Racconto Storia

Spiego a Kratos il Termosifone

Dopo aver detto a Kratos tutto sulla Domenica , io dissi a Kratos – adesso ti spiego tutto quello che c’ e da sapere sul Termosifone e Kratos disse – comincia quando vuoi . Dopo pochi minuti io dissi a Kratos tutto sulla termosifone – Termosifone è il fenomeno fisico per cui in un circuito idraulico si instaura una circolazione convettiva a causa della sola differenza di densità tra volumi di fluido a temperature diverse. Nell’uso comune il termine termosifone si è esteso ad indicare i singoli radiatori o caloriferi, anche se in molti casi l’impianto non adotta il principio omonimo. Si consideri un circuito chiuso ad anello disposto su un piano verticale. Se si scalda una parte laterale del tubo, l’acqua al suo interno diminuisce di densità e tende a salire nella parte superiore dell’anello, spingendo verso il basso l’acqua più fredda già presente.

 

L’acqua giunta nella parte superiore della metà opposta dell’anello (lato freddo) inizia a cedere calore verso l’esterno, aumentando di densità e scendendo verso la parte inferiore del circuito. Da qui viene richiamata a sostituire l’acqua che a causa del riscaldamento si sposta nella parte superiore, completando il ciclo. In passato questo principio era largamente sfruttato negli impianti di riscaldamento. L’acqua scaldata dalla caldaia sale verso i caloriferi situati nelle unità abitative. Qui cede calore, aumenta di densità e può quindi scendere nuovamente verso la caldaia. Attualmente il principio, anche detto circolazione naturale, è ancora usato in impianti a pannelli solari.

 

Negli impianti moderni si preferisce provocare la circolazione dell’acqua per mezzo di pompe, secondo una soluzione definita circolazione forzata. La circolazione forzata offre diversi vantaggi, tra cui un flusso d’acqua più veloce, oltre alla possibilità di alimentare radiatori posti anche alla stessa quota della caldaia o addirittura inferiore, come capita nei piccoli impianti autonomi.

Categorie
Computer Database Mondo Oggetti Panorama Parlare con Kratos Presentazione Racconto Storia

Spiego a Kratos la Domenica

Dopo aver detto a Kratos tutto sul sabato , io dissi a Kratos – adesso ti spiego tutto sulla Domenica e Kratos disse – comincia quando vuoi . Dopo pochi minuti io dissi a Kratos tutto sulla Domenica – La domenica è il giorno della settimana civile tra il sabato e il lunedì.

 

In Europa e in America latina è considerato l’ultimo giorno della settimana, negli Stati Uniti, in Giappone e in Brasile invece è considerato il primo.

 

Prima dell’avvento del Cristianesimo, questo giorno corrispondeva al dies solis, cioè il “giorno del Sole” in onore della divinità del Sol Invictus. Ancora oggi questa denominazione si è conservata nelle lingue germaniche come nella lingua inglese Sunday, o nella lingua tedesca Sonntag.

 

Origine del riposo domenicale

 

 Il riposo domenicale non ha un’origine pagana ma cristiana. Il 7 marzo 321 l’imperatore Costantino (che allora era un adepto del Sol Invictus ma si battezzò in punto di morte divenendo alla fine cristiano) stabilì che il primo giorno della settimana (il giorno del Sole, dies Solis) doveva essere dedicato al riposo perché la chiesa prima di lui sin dal tempo degli apostoli osservava la domenica.

 

La religione del Sol Invictus restò in auge fino al celebre editto di Tessalonica di Teodosio I del 27 febbraio 380, in cui l’imperatore stabilì che l’unica religione di stato era il Cristianesimo, bandendo e perseguitando ogni altro culto.

 

Per tale ragione, il 3 novembre 383 il dies Solis venne rinominato dies dominicus (Giorno del Signore) e in tale forma è giunto fino a noi.

 

 I cristiani hanno basato l’osservanza della domenica sulla resurrezione di Cristo dopo che i rituali della legge di Mosè vennero aboliti e con essi il riposo sabbatico.

 

I primi cristiani sin dalle origini, subito dopo la resurrezione di Cristo, hanno celebrato il giorno di domenica abbandonando il sabato in quanto rituale abolito nella nuova alleanza. Il sabato infatti è un rituale abolito nella nuova alleanza e la domenica è una iniziativa cristiana creata nella libertà del vangelo il cui culto è indipendente dalla legge di Mosè. La domenica non è quindi una continuazione o la sostituzione del sabato nella nuova alleanza, ma una iniziativa cristiana che parte da zero, dalla risurrezione di Cristo, indipendente e svincolata dalla legge di Mosè. Il Sabato è inserito nel Decalogo (Esodo 20), legge che non rispecchia esclusivamente il carattere eterno del suo autore, cioè Dio, ma è solo un simbolo della legge che Dio diede a Mosè. La legge eterna di Dio è sparsa per tutta la scrittura e i comandamenti morali più importanti non sono compresi nel decalogo: “ama Dio con tutto il tuo cuore la tua mente e la tua anima e ama il prossimo come te stesso” comandamenti definiti da Gesù Cristo la massima espressione di legge morale sono inseriti nella legge di Mosè ma non dentro il decalogo e non erano dentro l’arca dell’alleanza.

 

Dentro l’arca non c’erano solo ed esclusivamente i comandamenti morali eterni ma leggi che simboleggiavano l’alleanza tra Dio e gli ebrei. Quando Gesù indica i comandamenti morali più importanti ne cita due che non sono nel decalogo e non erano nell’arca dell’alleanza.

 

Gesù insegna il rispetto dell’uomo, in quanto la vita viene prima di ogni cosa, ma allo stesso tempo fa capire che il sabato è solo un cerimoniale della legge mosaica di secondaria importanza. Il giorno di riposo giudaico, il Sabato, è stato fatto per dedicarsi a Dio e agli altri solo all’interno della legge che Dio diede agli ebrei. Dio nel giardino dell’Eden non aveva bisogno di un giorno di riposo per gli uomini perché il periodo nel paradiso era un riposo quotidiano a partire dal settimo giorno della creazione in quanto non esisteva il lavoro faticoso maledetto da Dio (Genesi 3,17/18) e vi era sempre comunione con Dio senza bisogno di un riposo ciclico.

 

Il riposo del sabato è stato dato ai guidei solamente nella legge di Mosè come conseguenza del peccato e della maledizione di Dio sul lavoro che richiedeva riposo dopo l’angoscia di lavorare duramente data come maledizione all’uomo dopo il peccato di Adamo. Nel paradiso dell’Eden non esisteva il riposo sabbatico prima del peccato di Adamo perché la creatura entrava in comunione con Dio quotidianamente, in un sabato quotidiano a partire dal primo sabato alla creazione senza bisogno del rituale giudaico di riposare ciclicamente ogni sette giorni.

 

In tutto il NT si capisce che il rituale del riposo del sabato è abolito, il Concilio di Gerusalemme (Atti 15) il primo grande concilio cristiano, rende inutili le prescrizioni rituali e cerimoniali della legge mosaica per i cristiani, abolendo la circoncisione la quale legava all’osservanza di tutti i rituali dati da Dio agli ebrei.

 

Bisogna inoltre fare una netta distinzione tra legge scritta da Mosè (Deut. 31: 24-26) e Legge morale divina: l’una mutevole, l’altra eterna. Le grandi leggi morali non sono comprese esclusivamente nei dieci comandamenti: “ama il prossimo tuo come te stesso” e “ama Dio con tutto il cuore” sono l’apice della legge morale e non sono nel decalogo. I dieci comandamenti non rappresentano esclusivamente la legge morale di Dio che è invece sparsa per tutta la sacra scrittura. Il Sabato è un rituale che rientra nel decalogo e verrà abolito nella nuova alleanza insieme agli altri rituali della legge che Dio diede agli ebrei. L’insieme dei dieci comandamenti come gruppo di leggi è abolito nel nuovo testamento ( solo i comandamenti erano incisi sulla pietra e sono ormai un insieme superato secondo l’apostolo Paolo in Corinzi 3,4/11) e le singole leggi del decalogo adesso devono ora essere prese in considerazione una ad una indipendentemente per verificare se sono valide nella nuova alleanza nel sangue di Cristo. Il sabato, che si basa sul non lavorare ogni settima rotazione della circonferenza terrestre attorno al sole, è un comando fisico e rituale che non ha nulla di etico o morale, la sua prescrizione è ritualistica come il comandamento di indossare le frange o circoncidersi.

 

Il sabato non è un comando universale perché può essere osservato solo sul pianeta terra nella zona della Palestina. Il sabato non esiste oggettivamente ma è un periodo di tempo deciso arbitrariamente dagli uomini avendo stabilito soggettivamente una linea di inizio giorni sulla circonferenza terrestre per cui ad est e ad ovest della Palestina l’identità di questo giorno è puro arbitrio dell’uomo rendendo cosi’ ogni giorno uguale all’altro dal punto di vista di Dio.

 

Il passaggio dal Sabato alla domenica è avvenuto in quanto il rituale sabbatico è stato abolito e la domenica NON è la continuazione o la sostituzione del riposo del sabato nella nuova alleanza ma una nuova iniziativa cristiana nella libertà di culto della nuova alleanza, un culto che parte da zero e non è più legato alla legge di Mosè.

 

Significato nella religione

 

 Nel Cristianesimo la domenica è il giorno da dedicare al culto.

 

Nel cattolicesimo si ricorda la risurrezione di Gesù (Marco 16,2; Luca 24,1; Giovanni 20,1) e si santifica la domenica attraverso la partecipazione all’Eucaristia e il riposo dal lavoro. Tutte le domeniche sono giorni di precetto.

Categorie
Computer Database Mondo Oggetti Panorama Parlare con Kratos Presentazione Racconto Storia

Spiego a Kratos il sabato

Dopo aver detto a Kratos tutto sul venerdì , io dissi a Kratos – adesso ti spiego tutto quello che c’ e da sapere sul sabato e Kratos disse – comincia quando vuoi . Dopo pochi minuti io dissi a Kratos tutto sul sabato – Sabato è il giorno della settimana tra il venerdì e la domenica, dal latino sabbatum derivante a sua volta dall’ebraico shabbat, giorno dedicato al riposo.

 

Per il mondo romano, prima dell’avvento del Cristianesimo, era Saturni dies, giorno di Saturno, utilizzato oggi nei paesi di lingua inglese (Saturday) e del Nord Europa.

 

Per l’ebraismo è un giorno sacro di astensione da qualsiasi opera creatrice e dunque anche dal lavoro (Esodo 20, 10) e di celebrazione dell’opera salvatrice di Dio (Deuteronomio 5, 12-15), prescritto nei dieci comandamenti, vedi Shabbat. Alcune denominazioni cristiane dell’Avventismo millerita, tra cui la Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno , gli Avventisti del Settimo Giorno del Movimento di Riforma, i Davidiani e la Vera Chiesa di Gesù, osservano il riposo dalla sera del venerdì a quella del sabato, così come raccomandato dalla Bibbia.

Categorie
Computer Database Mondo Oggetti Panorama Parlare con Kratos Presentazione Racconto Storia

Spiego a Kratos il venerdì

Dopo aver detto a Kratos tutto quello che c’ era da sapere sul venerdì , io dissi a Kratos – adesso ti spiego tutto quello che c’ e da sapere sul venerdì’ e Kratos disse – comincia quando vuoi . Dopo pochi minuti io dissi a Kratos tutto sul venerdì – Venerdì è il giorno della settimana tra il giovedì e il sabato, dal latino Venĕris dies, giorno di Venere.

 

I termini inglese Friday e tedesco Freitag si riferiscono al suo essere, un tempo, giorno sacro alla dea Freyja, divinità più o meno equivalente alla latina Venere.

 

I venerdì speciali:

 

 Venerdì santo: due giorni prima di Pasqua, la cristianità ricorda la morte di Cristo.

 

 Venerdì islamico: per l’Islam il venerdì è il giorno santo in cui ci si reca nelle moschee per la preghiera.

 

 Venerdì ebraico: al tramonto del venerdì inizia il shabbath ebraico, che dura fino al tramonto del giorno seguente.

 

Superstizioni

 

 Secondo una superstizione diffusa nei paesi cristiani il venerdì è giorno infausto in quanto data presunta della morte di Gesù. Presso i romani era il venerdì che si pagavano le tasse e si eseguivano le condanne a morte.

 

Presso certe culture sono considerate particolarmente sfortunate le date venerdì 13 o venerdì 17.

 

C’è chi invece considerava il venerdì un giorno fortunato a prescindere dalla data del calendario in cui cadeva: il grande navigatore Cristoforo Colombo, ad esempio, salpò dal porto di Palos un venerdì. Per i siciliani invece il nato nel giorno di venerdì è un “vinnirinu” (traducibile in “venerdino”), e sarà un uomo valoroso e fortunato.

Categorie
Computer Database Mondo Oggetti Panorama Parlare con Kratos Presentazione Racconto Storia

Spiego a Kratos il giovedì

Dopo aver detto a Kratos tutto sul Mercoledì e io dissi a Kratos – adesso ti spiego tutto quello che c’ e dasapere sul giovedì e Kratos disse – comincia quando vuoi . Dopo pochi minuti io dissi a Kratos tutto sul giovedì – Giovedì è il giorno della settimana tra il mercoledì e il venerdì, dal latino Iovis dies, giorno di Giove. L’inglese Thursday deriva invece dal nome del dio germanico Thor che venne equiparato, sulla base delle sue funzioni, a Giove nella interpretatio romana; è probabile che dalla stessa radice derivi anche il sostantivo “thunder” (tuono); fulmini e tuoni sono infatti collegati alla figura di Thor.

 

Di giovedì, tradizionalmente, cadono le solennità dell’Ascensione (40 giorni dopo Pasqua) e di Corpus Domini (60 giorni dopo Pasqua).

 

I giovedì speciali:

 

 Giovedì santo: nella settimana che precede la Pasqua.

 

 Giovedì grasso: il primo giovedì di carnevale. Nel rito ambrosiano è il giovedì che precede il sabato grasso.

 

 Giovedì elettorale: nel Regno Unito solitamente le elezioni vengono tenute di giovedì.

Categorie
Computer Database Mondo Oggetti Panorama Parlare con Kratos Presentazione Racconto Storia

Spiego a Kratos il Mercoledì

Dopo aver detto a Kratos tutto sul Martedì , io dissi a Kratos – adesso ti spiego tutto sul mercoledì e Kratos disse – comincia quando vuoi . Dopo pochi minuti io dissi a Kratos tutto sul mercoledì – Mercoledì è il giorno della settimana tra il martedì e il giovedì, dal latino Mercurĭi dies, giorno di Mercurio.

 

Considerando la domenica come primo giorno della settimana, il mercoledì la divide in due. In tedesco, la parola “mercoledì” (Mittwoch) significa “metà della settimana”. Questo significato si ritrova anche nei nomi di questo giorno in altre lingue germaniche come l’islandese (miðvíkudagur) e nelle lingue slave come il ceco (středa, da střed, che significa centro), ma anche non germaniche come il finlandese (keskivikko da keskus, centro e vikko settimana).

 

L’inglese Wednesday deriva invece dalla divinità celtico-germanica Woden (Odino).

 

Tra i mercoledì degni di nota c’è il mercoledì delle Ceneri che segna il primo giorno della Quaresima nelle Chiese cattoliche di rito latino.

Categorie
Computer Database Mondo Oggetti Panorama Parlare con Kratos Presentazione Racconto Storia

Spiego a Kratos il Martedì

Dopo aver detto a Kratos tutto sul lunedì , io dissi a Kratos – adesso ti spiego tutto quello che c’ e da sapere sul Martedì e Kratos disse – comincia quando vuoi . Dopo pochi minuti io dissi a Kratos tutto quello che c’ e da sapere sul Martedì – Martedì è il giorno della settimana tra il lunedì e il mercoledì, dal latino Martis dies, giorno di Marte. L’inglese Tuesday (in svedese Tisdag) deriva invece dal nome del dio germanico Týr che venne equiparato, sulla base delle sue funzioni, a Marte nella interpretatio romana.

 

I martedì speciali:

 

 Martedì grasso: l’ultimo giorno di carnevale, secondo il rito romano della Chiesa cattolica.

 

 Martedì nero: usato per indicare il 29 ottobre 1929, giorno in cui crollò la Borsa valori di New York dando così inizio alla cosiddetta “grande depressione”.

 

 Martedì elettorale: negli Stati Uniti solitamente le elezioni vengono tenute di martedì. Le elezioni federali avvengono il martedì seguente il primo lunedì del mese di novembre.