Categorie
Computer Database Mondo Oggetti Panorama Parlare con Kratos Parlare con Pandora Presentazione Racconto Storia

Spiego a Kratos e a Pandora il Concetto

Dopo aver detto sia a Kratos sia a Pandora tutto sulla Pragmatica , io dissi a loro – adesso vi spiego tutto sul Concetto e Kratos disse – comincia quando vuoi . Dopo pochi minuti io dissi a loro tutto sul Concetto – Secondo il suo significato nelle scienze cognitive e nella filosofia della mente, un concetto è un’idea astratta o un simbolo mentale, tipicamente associato con una corrispondente rappresentazione in una lingua o nella simbologia.

 

Il Concetto in scienze delle terre filosofiche

 

Il concetto è un giudizio di valore universale. Usando un’espressione di Kant, il concetto è un giudizio determinante. Il concetto ha una validità universale e l’universalità del concetto è sempre sia oggettiva sia soggettiva. Fin da Aristotele, il concetto definisce ciò che una cosa è, da un punto di vista ontologico. La sua forma logica ci permette di pensare il fine dell’oggetto/cosa. Viceversa, l’oggetto è causa del concetto e di conseguenza non si possono dare i concetti di cose irreali, ma solo di cose reali.

 Il Concetto nella Logica di Aristotele

 

Secondo Aristotele (che tiene presente il pensiero dell’ultimo Platone) gli oggetti del nostro discorso, cioè i concetti, possono venir disposti entro una scala maggiore o minore universalità e classificati mediante un rapporto di genere e specie. Ogni concetto di un determinato settore è infatti <<specie>> di un concetto più universale e <<genere>> di un concetto meno universale.

 Etimologia

 

Il termine deriva dall’espressione latina “cum capio” (= raccolgo, prendo assieme) da cui derivano anche i termini comprensione, comprendere, significanti tutti la facoltà innata che hanno gli esseri umani di raccogliere e sintetizzare gli innumerevoli stimoli provenienti dalla percezione della realtà esterna e quindi dall’esperienza ed utilizzarli per crearsi una propria rappresentazione astratta della realtà stessa.

 

Ci sono molte supposizioni sulla natura del concetto. Secondo la credenza classica, un concetto indica tutte le entità, i fenomeni, e/o le relazioni esistenti in una categoria attraverso l’uso di definizioni. I concetti sono astratti se omettono tutte le particolarità fisiche nelle loro estensioni, trattando i membri dell’estensione (in senso semantico del termine) come se fossero equivalenti. I concetti classici sono universali nel caso in cui siano validi per tutti gli elementi presenti nella loro estensione.

 

I concetti sono anche gli elementi-base delle proposizioni, così come una parola è l’elemento-base di una frase. A differenza delle percezioni, che sono immagini particolari di un singolo oggetto, i concetti non possono essere visualizzati. Dato che non sono percezioni individuali a sé, i concetti sono deduttivi e derivano dal ragionamento.

 I nomi come etichette

 

Per facilitare l’utilizzo delle categorie mentali prodotte da questa attività di sintesi ed utilizzarle nella comunicazione interpersonale mediante il linguaggio, si attribuiscono loro delle etichette cioè dei nomi.

 

Nel processo di formazione dei concetti è fondamentale la percezione che si ha della regolarità degli eventi e degli oggetti esterni, regolarità che potrebbe essere anche definita come massimo comun divisore di un dato insieme di oggetti od eventi. Ad esempio: osservando tutti gli oggetti appartenenti al mondo vegetale ci si accorge che molti di essi sono dotati di rami, radici, foglie, si crea di conseguenza il concetto di albero e si attribuisce a tutti gli oggetti di questo sottassieme l’etichetta di albero.

 

I concetti sono unità di pensiero che servono all’uomo per organizzare percezioni, pensieri, sensazioni. In mancanza di concetti si considera la realtà percepita tramite stimoli istintivi (esenti quindi da un percorso mentale, caratterizzato dalla presenza di informazioni). Il fatto di poter mettere ordine in modo subitaneo tra il flusso di percezioni di pensieri e sensazioni che ci pervengono dal mondo esterno e dalla realtà circostante, ci consente di percepire il mondo come organizzato e dotato di senso. Tutti noi, in modo automatico e quasi inconsapevole, passiamo gran parte della nostra attività cognitiva ad organizzare concetti e a precisare i referenti.

 

Ogni concetto, infatti, individua referenti; il concetto di “orologio”, ad esempio, individua come referenti tutti gli orologi che ho in casa, oppure tutti gli orologi da polso, quelli da tavolo, elettronici, a moto perpetuo, gli orologi di plastica oppure d’oro, quelli antichi e quelli moderni e così via. Il concetto di cui sopra ha in sé molti referenti, cioè esempi che appartengono alla classe che noi chiamiamo orologio. I concetti possono essere concreti (orologio, animale, cane ecc..) oppure astratti (amore, libertà, patriottismo ecc..) e possono essere più o meno ampi. Sono considerati ampi quei concetti che richiamano una serie estesa di referenti.

Di Marcello Trombetti

Sono nato sul pianeta Maraxus , dove vivono i Dominatori di Poteri che controllano tutti i poteri e tutti gli elementi . Però i Distruttori hanno distrutto il mio pianeta e il mio popolo e poi sono arrivato sulla Terra insieme a Sarah la Fenice Rossa che insieme a mio padre e mia madre mi ha cresciuto , mi ha portato in vari posti dove mi sono allenato a controllare i miei poteri , ma anche a conoscere varie persone . Adesso nel 2012 sto viaggiando nel tempo , nello spazio e nei mondi Kratos , Pandora e Aqua , persone che ho salvato da situazioni molto pericolose e adesso viaggiano con me , nel tempo , nello spazio e nei mondi a salvare persone .Io faccio parte di varie organizzazioni con le quali salvo le persone nel tempo e nello spazio e faccio molto altro tipo aiutare le persone che hanno i poteri , aiutarli a gestirli e aiuto molte persone tra le quali Pandora e molte altre persone .Io sono il Dominatore di Poteri , viaggio nel tempo , nello spazio e nei mondi , io viaggerò ovunque e aiuterò tutti . Ma chi è mio nemici si guardi le spalle , stia attento a ogni angolo dell' universo , perchè se fa male a qualche mio amico lo trovò in ogni parte del tempo , dello spazio e del mondo in cui lui si è andata a cacciare e lo fermerò .Prossima fermata ovunque . Anche se torno sul mio pianeta natale loro sono come posso dire bloccati nella Guerra dell' Universo e sono cambiati . La loro rabbia li guida , quando è iniziata questa dolorosa guerra io non ne volevo farne parte ma poi dovetti parteciparne visto che io solo potevo portarne fine . Ci ho partecipato e da un bagno di sangue ne sono uscito e ne sono uscito cambiato e vedendo attimo dopo attimo tutto quello che è successo . Quello che ho fatto l' ho fatto per salvare l' intero universo e tutto quello che c' era li nell' Universo conosciuto e sconosciuto . Il giorno del mio compleanno ho sacrificato tantissimo ma ho anche salvato tantissimo e nessuno apparte poche persone sanno quello che ho fatto , gli altri invece devono restare all' oscuro di tutto . Da quel giorno mi porto una grande oscurità ma grazie a Malefica io riesco a controllarla , la controllo e faccio in modo di non sprofondare in essa e non uscirne mai più . Il giorno della distruzione di Maraxus tutti si fanno e mi fanno una domanda , la prima domanda . La domanda che io evito da tutta la vita cioè Cosa è successo a Maraxus ? . Da questo scappo io scapperò nell' universo e nel mondo , nel tempo e nello spazio per non rispondere a questa domanda .In questo mio diario potete leggere non solo le mie avventure ma anche le persone che stanno nel mio grande universo e che incontro o che vi narrò solo ma qui dentro vi dirò tutto di loro visto che dovete sapere di loro e delle mie avventure .

Nel mondo e nel tempo potreste vedere un sacco di misteri e cose incredibili non solo nel tempo e anche nello spazio. Io con la mia famiglia e anche senza ho viaggiato nel tempo e nello spazio. Ogni tanto ho visto cose incredibili e ho scoperto che nel mondo le persone con i poteri hanno fatto grandi cose per vivere in pace senza con noi. Noi li abbiamo visti come dei mostri e loro si sono rintanati dentro una dimensione nota come Universing. Io sono Daniel Saintcall e sono uno dei tanti Dominatori di Poteri che è vivo e vegeto e cerca di capire cosa succede nel tempo e nello spazio. Se avete bisogno di aiuto chiedete pure e se invece dovete scrivere qualcosa la potete scrivere qui sotto

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...