Categorie
2012 2013 Foto Infamous Infamous 2 Mondi Fantastici Mondo Ps3 Videogiochi Xbox 360

Sucker Punch non esclude lo sviluppo di inFAMOUS 3

Interrogato circa l’eventuale sviluppo di un terzo episodio di inFAMOUS, Bruce Oberg, co-fondatore di Sucker Punch, non ha escluso alcuna possibilità.

“Staremo a vedere”, ha detto. “Abbiamo un ottimo rapporto con Sony e adoriamo la piattaforma PlayStation. Sono sincero quando dico che per noi dispone di una tecnologia fantastica con cui lavorare. In più aspetti come i media, il marketing e finanche l’approccio produttivo ci consentono di creare i giochi che vogliamo, e ciò è davvero incredibile.

La licenza del franchise inFAMOUS è di proprietà di Sony, un prezzo che Sucker Punch ha deciso di pagare volentieri a fronte della libertà che il publisher finora gli ha concesso.

 

Categorie
2013 Foto Ginnastica Artistica Notizie dal Mondo

Enrico Casella e il ruolo da Direttore: cosa cambierà?

Nel 2008 Enrico Casella, guru indiscusso della ginnastica artistica italiana, veniva designato come Direttore Tecnico Nazionale del settore femminile. Era l’anno delle Olimpiadi di Pechino e il nostro ingegnere nucleare era fresco dei grandi successi ottenuti dalla sua Vanessa Ferrari: l’oro mondiale ad Aarhus 2006, il bronzo di Stoccarda 2007 condito dal titolo europeo conquistato nello stesso anno. Quella stagione doveva rappresentare la definitiva consacrazione della nostra Campionessa che però sbarcò in Cina acciaccata e con un brutto infortunio che non le dava tregua. I Giochi non andarono come alcuni esponenti si aspettavano (o meglio sognava, visto che era difficile pretendere qualcosa in più dalla bresciana in quelle situazioni) e si tornò a casa a mani vuote e con gli Europei casalinghi di Milano da preparare nel 2009. Qualche mese prima dell’appuntamento meneghino Casella venne sollevato dall’incarico per alcune divergenze con i piani alti della Federazione che volevano approcciare un “cambio di filosofia” nel sistema.

A quattro anni di distanza il super allenatore (parola riduttiva per il suo caso) torna in sella. La prima assemblea federale post elezioni di dicembre ha riaffidato l’incarico al fondatore del sistema Brixia. In mezzo quattro lunghe stagioni, spesso difficili. Con la consapevolezza di esser riuscito a riportare Vanessa ai livelli che le competono (il quarto posto di Londra, col bronzo rubato, è la testimonianza principe); la certezza di aver continuato a crescere altre ottime ginnaste (Erika Fasana si allena al PalAlgeco per tre volte a settimana, Giulia Leni è una sua allieva); l’abilità di aver iniziato a formare alcune ragazzine che rappresenteranno il nostro futuro (Pilar Rubagotti, Sofia Busato e compagnia); i consigli dati alla nostra grandissima promessa Enus Mariani che, quando non si esercita a Lissone con Massimo Gallina e Federica Gatti, lavora a Brescia; l’invenzione di fondare una squadra e di portarla al vertice della disciplina in Italia; l’impresa di esser riuscito a farsi costruire una palestra spettacolare; e tanto altro. Può incutere timore a guardarlo (solo per la sua stazza da grande rugbysta, sia chiaro) maogni atleta che l’ha incontrato riconosce il cuore d’oro e le doti del 55enne.

Ad ottobre l’Australia gli aveva offerto la possibilità di assumere la guida della Nazionale femminile.Una proposta assolutamente allettante, soprattutto dal punto di vista economico (il valore preciso dell’ingaggio non è mai stato reso noto). Casella, in un’intervista rilasciata ad Ilaria Leccardi perTuttosport, ha dichiarato di averci pensato profondamente e che “ero pronto a partire. L’ho comunicato al Presidente Agabio che però mi ha chiesto di rimanere e assumere la direzione tecnica. Ho sentito riconosciuto il valore del mio lavoro in queste stagioni”. Per fortuna non ce lo siamo fatti scappare: una personalità del genere nasce una volta ogni cent’anni. A trattenerlo sicuramente l’amore per Vanessa e la consapevolezza di poter dare ancora tanto al nostro Paese.

Quali sono le sue idee? Cosa cambierà concretamente? Nell’intervista sopracitata ha posto come paletto principale quello di basare il sistema sulla meritocrazia. Dovrebbe essere una cosa scontata ma evidentemente in precedenza non funzionava così. Quindi un monitoraggio costante delle top 20 (una cerchia ipotizzata dal sottoscritto) per poi arrivare a convocare in body azzurro le migliori sul “campo” senza valutare fattori estranei alla prestazione ginnica. A nostro parere sarà un Direttore che entrerà costantemente in contatto con tutti gli allenatori, che collaborerà e consiglierà, vagliando attentamente passo a passo il lavoro delle sportive e proponendo magari anche alcune difficoltà specifiche. Si potrebbero vedere (ma questa è solo un’ipotesi) anche dei collegiali in più per confrontarsi e migliorarsi ulteriormente. In sostanza un Direttore più presente, più coinvolto nella vita di tutti i giorni, più preparatore, più stimolatore.

La prima ricetta è già stata presentata: alle tre Accademie Nazionali (ex Centri Federali, di Milano, Roma e Brescia) saranno affiancate anche altre accademie periferiche più piccole per tenere sott’occhio i nuovi talenti e le nuove promesse.

Ora tutti al lavoro che abbiamo di fronte un quadriennio in cui riuscire a dare il massimo.

Chiudiamo confermando la presenza di Vanessa Ferrari all’American Cup (quarta tappa della Coppa del Mondo 2012/2013) di marzo (notizia che si sapeva già da un mesetto, ma è sempre bene ricordarlo).

Categorie
2013 Film Foto Mondi Fantastici Mondo Notizie dal Mondo

Star Trek 2, un primo piano di Spock in una nuova foto

Dopo avervi mostrato la mini-serie/prequel a fumetti Star Trek: Countdown to Darkness, oggi potete ammirare un primo piano inedito di Zachary Quinto che posa nei panni di Spock in Into Darkness Star Trek, atteso sequel sci-fi diretto da J.J. Abrams, sulla cover di SFX, rivista cinematografica che tratta esclusivamente del mondo della fantascienza.

Di seguito la sinossi ufficiale di Into Darkness Star Trek:Quando l’Enterprise viene richiamata a casa, l’equipaggio scopre che una terrificante e inarrestabile forza proveniente dall’interno stesso dell’organizzazione ha devastato la flotta e tutto quello che rappresenta, lasciando il nostro mondo in uno stato di crisi. Con un conto in sospeso molto personale da pagare, il Capitano Kirk guida una caccia all’uomo in un mondo in guerra per catturare una vera e propria arma umana di distruzione di massa. I nostri eroi vengono quindi catapultati in un’epica partita a scacchi tra la vita e la morte: l’amore verrà messo in discussione, gli amici si troveranno divisi e Kirk dovrà fare dei sacrifici per salvare l’unica famiglia che gli rimane, ovvero il suo equipaggio.

Star Trek Into Darkness esordirà nelle nostre sale (anche in 3D) il 6 giugno 2013.

Guarda il trailer di Into Darkness Star Trek

Sotto, Zachary Quinto posa nei panni di Spock sulla cover di SFX e una ricca gallery del film:

 

Categorie
2013 Combattimento Corpo a Corpo Dead or Alive 5 Foto Mondi Fantastici Mondo Notizie dal Mondo Ps3 Videogiochi Xbox 360

Dead or Alive 5 – Combattimenti in bikini

Entrando a gamba tesa nella questione del sessismo videoludico, Tecmo Koei ha pubblicato un raffinatissimo filmato in cui possiamo vedere i combattenti, o meglio, le combattenti di Dead Or Alive 5 che combattono su Zack Island, location già vista nei sobri Dead or Alive Xtreme Beach Volley e in Dead or Alive Xtreme 2.

Le ragazze se le daranno di santa ragione in micro bikini, mentre gli uomini saranno dotati di costumi più o meno ridicoli. Ehi! Ma un bello stage di lotta nel fango? Così, per alzare un po’ il livello!

Categorie
2013 Dead Space 3 Foto Mondi Fantastici Mondo Notizie dal Mondo Pc Ps3 Videogiochi Xbox 360

Dead Space 3: microstransazioni per potenziare le armi

Durante l’ultima presentazione allestita da Electronic Arts, i ragazzi di Eurogamer hanno notato quello che non avrei mai voluto leggere, vale a dire che in Dead Space 3 farà la sua comparsa il famigerato sistema delle microtransazioni, utile per potenziare e migliorare l’equipaggiamento dei protagonisti. E’ noto che Dead Space 3 farà del “crafting” una parte importante di gioco proprio per permettere tramite materiali raccolti la modifica e il miglioramento di armi ed armature: bene, se Isaac o John Carver esauriscono le risorse, è possibile acquistarne altre utilizzando i propri soldi reali.

Yara Khroury, produttore del gioco, ha però voluto precisare che si tratterà di un sistema opzionale, poichè la raccolta di denaro da usare nel marketplace sarà effettuata da bot. Non sarà quindi obbligatorio mettere mano al portafogli. E ci mancherebbe altro, dico io.
Per continuare dopo la pausa è necessaria una microtransazione… non è vero, tranquilli.

Ad ulteriore filtro per evitare che qualche bambino nutelloso prosciughi la carta di credito di papà, non sarà possibile potenziare le vostre armi con le microtransazioni fin da subito, perchè parecchi potenziamenti interessanti saranno disponibili soltanto nelle fasi avanzate di gioco, oppure solo rigiocando una seconda volta la storia nella modalità game+. Per fortuna questo dovrebbe evitare di rovinarsi un gioco che dovrebbe essere un survival Horror con armi potenti fin dall’inizio.
Vi ricordo che oggi è attesa la demo di Dead Space 3, mentre il gioco completo è in arrivo sugli scaffali per l’8 febbraio su PC, Ps3 e Xbox 360.