Categorie
2013 Film Foto Galleria Galleria Foto Giappone Mutante Mutanti Notizie dal Mondo supereroi Superpoteri

The Wolverine: «Il 90% del film sarà ambientato in Giappone»

Il mutante dagli artigli di adamantio è pronto a tornare in una veste ancora più violenta e tormentata in The Wolverine, una sorta di spin-off/reboot con l’intramontabile Hugh Jackman. In un’intervista rilasciata a Mtv, il regista James Mangold ha speso diverse parole sul suo nuovo cinecomic, che dipinge una delle pagine più drammatiche del nostro eroe: «Ho avuto la meravigliosa opportunità di ambientare in Giappone oltre il 90% del film. E nonostante restano vivi diversi elementi dei capitoli precedenti, come la presenza di Hugh Jackman, abbiamo avuto la possibilità di realizzare una sorta di reboot del tono del film, rendendolo più dark e andando più in profondità nel personaggio». Chi ha letto la graphic novel diFrank Miller e Chris ClaremontWolverine, su cui è basato questo cinecomic, saprà bene quanto il Giappone sia protagonista assoluto della storia: «Una parte siginificativa del film è parlata in giapponese e il cast è quasi tutto di origini orientali. Quindi si avverte quella strana sensazione di un personaggio proveniente dal mondo del Far West (che sarebbe Logan/Wolverine, ndr) che si ritrova in una cultura orientale molto lontana dal suo modo di vivere. Credo che i film, i combattimenti, la filosofia e le arti marziali giapponesi abbiano influenzato molto questo film». Il regista ha avuto parole anche per la rabbia furente di Wolverine: «Uno dei tratti caratteristici di Wolverine nei fumetti è quella rabbia da berseker (secondo la tradizione norrena si tratta di spietati guerrieri scandinavi che prima della battaglia entravano in uno stato di trance, guidato da una furia cieca, che li rendeva addirittura insensibili al dolore, ndr) e abilità fisiche dettate da qualcosa di primordiale. Tratti che ritroveremo anche nel film». Se non vedete l’ora di vedere tradotte in immagini le parole di Mangold, sappiate che, secondo il regista, approderà presto in Rete un trailer di The Wolverine. Ancora un po’ di pazienza!

The Wolverine esordirà nelle nostre sale (anche in 3D) il 26 luglio 2013.

Categorie
2013 2014 Carolina Kostner Foto Mondo Notizie dal Mondo Pattinaggio sul Ghiaccio

Carolina Kostner sfida le russe per il quinto titolo

Firenze, 25 gennaio 2013 – Solo chi era a Vancouver, nella notte in cui Carolina Kostner precipitava in continuazione sul ghiaccio, forse può comprendere appieno il senso di una resurrezione sportiva che poi è anche realizzazione di un sogno umano e professionale.

Perché tre anni fa, in Canada, la carriera della pattinatrice sembrava mestamente consegnata all’album delle illusioni: sì, d’accordo, da ragazzina aveva alimentato speranze, però poi aveva mantenuto ben poco… A distanza di nemmeno trentasei mesi, la Kostner è la campionessa mondiale in carica e da oggi a Zagabria si esibisce per conquistare quello che sarebbe il quinto titolo europeo. Da Incompiuta a Fata vincente, passando (anzi, danzando) attraverso il deserto dell’anima, perché nulla come la sconfitta assicura la solitudine. Adesso, Carolina è scampata alla sindrome dell’isolamento.

‘Per me’. Nella capitale della Croazia si gareggia a livello continentale, ma la competizione può ben essere considerata una sorta di prologo della Olimpiade bianca del 2014. Anche perché arrivano dalla Russia le nuove sfidanti della azzurra. «Tuktamisheva e Sotnikova — racconta Carolina — hanno quasi dieci anni meno di me, sono ancora minorenni. Un po’ mi rivedo in loro, nel loro entusiasmo. Poi , da avversaria, mi auguro che avvertano la tensione…».

La Kostner ha vinto molto, vorrebbe aggiungere altre perle alla collana dei successi, ma non è più schiava della ossessione. «Ho trovato un equilibrio interiore da quando ho capito che pattino per me stessa, non debbo dimostrare nulla a nessuno. Sono serena, non sarà una medaglia in più o in meno a cambiarmi la vita».

Oggi, nel programma corto, Carolina si esibirà sulle note della colonna sonora di ‘Frankenstein junior’. Domani, gran finale con il ritmo del ‘Bolero’. Ieri frattanto storico bronzo per Stefania Berton ed Ondrej Hotarek che hanno conquistato la prima medaglia italiana nelle coppie d’artistico ad una rassegna continentale.

Categorie
2013 Foto Galleria Galleria Foto Mondi Fantastici Mondo Notizie dal Mondo Pc Ps3 Videogiochi Xbox 360

Splinter Cell: Blacklist – Sam Fisher in un poker di scatti di gioco

Le luci verdognole della divisa d’ordinanza di Sam Fisher rischiarano nuovamente la via intrapresa dall’agente speciale più famoso della storia dei videogiochi e ci permettono di ammirare quattro immagini di gioco inedite di Blacklist, il prossimo capitolo della saga di Splinter Cell che, dopo la “parentesi fuggitiva” di Conviction, ritornerà al suo gameplay primigenio.

Richiamato in servizio su ordine diretto della presidentessa degli USA Patricia Caldwell, zio Sam dovrà recarsi in Medio Oriente per porre un freno alle ambizioni nutrite da una potente cellula terroristica insediatasi nell’area per mettere insieme un esercito composto da miliziani, da kamizake e da hacker che, senza il nostro intervento, rischiano di distruggere le potenze occidentali.

Se dal punto di vista narrativo l’elemento di innovazione più evidente è costituito dalla capacità di agire in completa libertà in virtù della “Quinta Libertà” accordata a Fisher dal presidente americano in persona, per quanto concerne tutto ciò che avrà a che fare col gameplay spicciolo, invece, la novità più importante è senza dubbio quella correlata alla possibilità di attingere in qualunque momento agli aiuti a distanza forniti dai droni di supporto, dai satelliti geostazionari, dagli elicotteri e dagli uomini a terra che l’organizzazione Fourth Echelon metterà a disposizione del loro agente di punta per agire in vario modo sui nemici, ad esempio oscurandone i radar, causando black-out o semplicemente reperendo informazioni sulla loro posizione sulla mappa.

Prima di chiudere, vi ricordiamo che l’uscita di Splinter Cell: Blacklist su PC, PlayStation 3 e Xbox 360 è stata da poco posticipata al 20 agosto.

 

Categorie
2013 Ada Knight Detective Dialoghi Distintivo Dominatore di Poteri Mondi Fantastici Mondo Mutanti Parlare con Ada Knight Parlare con Pandora Parlare con Tempesta Presentazione Racconto Sopralluoghi Storia supereroi Superpoteri

Dico a Pandora cosa fa un agente e un detective della Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi .

Mi piace tanto lavorare per la Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi anche se come posso dire è un po’ una rottura di scatole , perché tra scartoffie che devi compilare e fare rapporti ai superiori . Ma anche se ci sono queste scocciature è davvero bello lavorare per loro , perché puoi viaggiare nel tempo , nello spazio e nei mondi .Certo quello lo faccio già grazie al T.A.R.D.I.S e viaggio nel tempo e nello spazio e nei mondi quando voglio io e dove svoglio io . Ma lavorare per loro e bello , perché puoi rendere l’ universo , i pianeti e un posto migliore per vivere per tutti . Una cosa che mi colpi fu il fatto che Pandora aveva mostrato questo nuovo carattere , ma sopratutto la cosa che mi piacque di Pandora che lei un giorno venne verso di me e mi disse che voleva entrare a far parte della Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi . Quando Pandora mi disse tale cosa lo devo ammettere rimasi un po’ stupito ma poi decisi di fare tutto il possibile per far in modo che questa cosa possa essere realizzata . Quindi io feci imparare diverse cose a Pandora , come prendere le impronte digitali e altro .

Il 22 Gennaio io avevo deciso a Pandora di farle capire cosa significava essere un agente di Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi . Entrai in camera sua e vide Pandora che era sul suo letto con una maglietta e pantaloni neri e con le gambe incrociate e si stava concentrando per vedere il passato o il futuro . Dopo tanti tentativi lei riusci a vedere l’ evento prolungato che era riuscita a vedere nelle settimane precedenti , cioè il piccolo Connor mentre era nel suo villaggio in fiamme . Io bussai alla sua porta e Pandora mi fece entrare e io dissi a lei – oggi ti faccio vedere cosa significa essere un agente di Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi .Possiamo dire che Pandora stava aspettando tale momento da un bel po’ di tempo , Pandora si era iniziata a mettere una maglietta qualsiasi e dei pantaloni cosi . Io però fermai Pandora e le dissi – senti Pandora , visto che tu vuoi diventare un agente di Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi non ti puoi vestire con una maglietta normale o dei pantaloni . Ti devi vestire bene , cioè una camicia e dei pantaloni . Pandora mi disse – ma io non ho queste cose , dove le prendiamo e io dissi a lei – però queste cose c’ e l’ ha mia sorella Alyssa . Io e Pandora con molta calma in camera di Alyssa e bussai alla sua porta e – Alyssa puoi aprire la porta . Mia sorella Alyssa ci apri la porta con molta calma , vide me e Pandora insieme e disse in maniera molto calma e gentile – cosa volete ? . Io guardandola in faccia – posso avere una camicia e dei pantaloni della misura di Pandora , le voglio mostrare come è essere un agente di Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi . Alyssa fece provare alcune camicie e alcuni pantaloni . Dopo poco tempo trovò i pantaloni e la camicia perfetta per Pandora e quando la vidi con queste cose messe bene , io dissi – che gli stavano bellissimo . Dopo un po’ di tempo io e Pandora andammo nella grande mela cioè New York , dove si trova la nostra base . Una volta entrati incontri quella della sicurezza e dissero vedendo me e Pandora – Ciao Marcello , chi è la tua amica ? . Io risposi a loro stringendo la mano – lei è Pandora vorrebbe diventare un agente della Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi . Uno della sicurezza guardo Pandora vestita con la camicia e con i pantaloni e stringendogli la mano a Pandora e lei strinse la sua molto forte – spero tu potrai diventare una noi . Io e Pandora salimmo le scale e subito incontrai la mia collega Ada Knight con una bella camicia nera , pantaloni blu e soprabito nero . Io insieme a Pandora andammo verso di lei e dissi in maniera molto gentile – come te la passi ? , Ada mi guardò e vide me e Pandora – bene , me la passo bene ho solo bisogno di un po’ di caffè . Poi guardò dietro di me e vide Pandora tutta vestita bene e mi disse – che ci fa Pandora qui ? . Pandora senti quello che aveva chiesto Ada e disse – vorrei diventare un agente di Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e Marcello mi sta facendo vedere cosa significa esserlo . Ada sentendo le parole di Pandora , le disse – spero tu possa diventarlo e se hai bisogno di aiuto questo è il mio biglietto da visita . Ada prese dalla sua tasca sinistra dei pantaloni il biglietto da visita dove ci stava scritto “Ada Knight Polizia Internazionale del Tempo dello Spazio e dei Mondi . N° Telefonico 0817955171 , 225 A,M Streat .” Pandora in modo molto cordiale – certo se ho qualche problema ti chiamo , mentre Pandora iniziò a parlare con la mia collega di alcune io ero andato a fare un po’ di caffè sia per me e per Ada . Con molta calma li portai insieme e poi lo diedi ad Ada . Ada lo prese e disse- grazie Marcello . Poi lo inizio a bere con molta calma , io iniziai a far visitare il posto a Pandora , il primo posto fu quello degli uffici e sopratutto il mio ufficio . Pandora inizio a farmi tipo tremila domande tipo come una macchina che spara a raffica proiettili ma invece lei sparava domande . Io iniziai a rispondere a Pandora , visto che Pandora si stava scocciando andammo fuori per le strade a risolvere un caso .Il primo caso che era passato sulla mia scrivania era un furto , ma non furto normale , ma una persona non era entrato un potere . Non aveva scassinato né porte , né finestra e sopratutto non era scassinato niente . Allora questa persona ha un potere , cioè il potere di attraversare le pareti , leggendo il rapporto che mi ero portato appresso capì che la persona aveva il potere di attraversare le pareti e io dissi a Pandora – Ascoltami bene noi cerchiamo una persona che ha 12 o 13 anni , capelli corti , maglietta nera e pantaloni neri . Facciamo cosi dividiamoci , cosi copriamo più zone , iniziammo subito le ricerche , io andavo di posto in posto e non trovavo nessuna traccia del ragazzino . Pandora inizio pure lei a cercare e dopo un po’ di vie , riusci a trovare il ragazzino , Pandora si avvicino a lui e disse – ti ho preso , fermati non ti voglio far del male . Il ragazzino disse a Pandora – lasciami , Pandora prese il telefono e mi chiamo e mi disse dove eravamo , io arrivai subito e dissi a Pandora – brava l’hai trovato . Pandora mi chiese – adesso che ne facciamo di lui ? , io risposi – adesso non andrà in un posto normale , cioè in galera ma se vuole può andare in un posto dove ci sono persone speciali con i suoi stessi poteri . Lui è un mutante e adesso lo portiamo in posto dove lui imparerà il controllo dei suoi poteri e un giorno utilizzarli per il bene . Il ragazzino di nome Zane sentendo le mie parole – quindi adesso mi porterai in un posto dove ci sono persone che hanno i miei stessi poteri e dove posso imparare a prenderne il controllo e io dissi – si . Poi io dissi a loro – datemi la mano , mi concentrai e ci teletrasportammo nella scuola di Xavier , che ora viene gestita da Wolverine , molti ragazzi mi videro apparire e si stavano domando se io ero un mutante o ero qualcosa’ altro . Insieme a Pandora e a Zane andammo alla ricerca di Wolverine , ma non c’ era da nessuna parte , poi dietro le mie spalle sulla scale apparì Tempesta e disse in maniera molto gentile – chi sei ? , io risposi – Sono Marcello il Dominatore di Poteri , questa è Pandora è questo è Zane , volevo parlare con Wolverine . Tempesta disse – non c’ e , comunque che cosa gli volevi dire , io dissi a Tempesta – ho trovato questo ragazzino che già da qualche giorno rubava grazie ai suoi poteri , mi chiedevo se per caso lui si poteva unire alla vostra scuola . Tempesta si avvicino a Zane che si era messo dietro me e Pandora , non lo so forse per proteggersi , Tempesta si avvicino e disse a Zane – calmati qui non ti verrà fatto nessun male . Zane andò con Tempesta e io dissi a lei – io e Pandora ce ne andiamo , forse ci rivediamo Tempesta . Tempesta ci saluto e disse – Ciao Marcello . Tornammo alla stazione di Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi e Pandora – grazie per questa giornata , adesso sempre più voglio diventare un agente . Pandora grazie a questa giornata aveva capito cosa significa essere un agente di Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi .