Categorie
2013 2014 Cinema Film Foto Mondi Fantastici Mondo Mutante Mutanti Notizie Notizie dal Mondo

Dopo averci mostrato il Professor X di Patrick Stewart e l’Uomo Ghiaccio di Shawn Ashmore (qui e qui le potete recuperare) oggi il regista Bryan Singer ci porta ancora dietro le quinte del suo X-Men: Days of Future Past (il secondo capitolo della rinnovata saga dei mutanti Marvel iniziata nel 2011 con X-Men – L’inizio). E posta dal suo ormai attivissimo account Twitter un’altra immagine dal set del film in corso a Montreal: a essere immortalata è niente meno che Halle Berry nei panni di Tempesta.

Dopo averci mostrato il Professor X di Patrick Stewart e l’Uomo Ghiaccio di Shawn Ashmore (qui equi le potete recuperare) oggi il regista Bryan Singer ci porta ancora dietro le quinte del suo X-Men: Days of Future Past (il secondo capitolo della rinnovata saga dei mutanti Marvel iniziata nel 2011 con X-Men – L’inizio). E posta dal suo ormai attivissimo account Twitter un’altra immagine dal set del film in corso a Montreal: a essere immortalata è niente meno che Halle Berry nei panni di Tempesta.

Bryan Singer ha messo insieme una grande squadra attoriale molto interessante raccogliendo molti degli interpreti del primo episodio (vedi James McAvoyMichael Fassbender e Jennifer Lawrence) nonché diversi personaggi della vecchia trilogia come Ian McKellanHugh Jackman. Oltre a Anna PaquinEllen Page e Peter Dinklage nei panni del villain. Scritto da Simon KinbergX-Men: Days of Future Past si svolge nell’arco narrativo di Giorni di un futuro passato del 1981, ambientato in un futuro alternativo distopico in cui gli USA sono dominati dalla Sentinelle e i mutanti vivono in campi di concentramento, un’adulta Kitty Pryde torna indietro nel tempo e impedisce un assassinio causato dalla Fratellanza che scatenerà una catastrofica isteria anti-mutanti. La trama alterna scene nel futuro e nel presente.

Il film uscirà nelle nostre 18 luglio del 2014. Potrete seguire l’intera produzione cliccando su Mi Piace sul riquadro sottostante per rimanere aggiornati.

 

Categorie
2013 Cinema Film Mondi Fantastici Mondo Notizie Notizie dal Mondo Star Trek

Panico e Spock in pericolo nella prima clip di Into Darkness – Star Trek

Ecco la primissima clip di Into Darkness: Star Trek, l’atteso sequel della saga interstellare direttaJ.J. Abrams. Nel video in questione viene mostrata una scena di grande panico e paura che si svolge a bordo dell’Enterprise dove tutto l’equipaggio è estremamente preoccupato per il loro collega Spock (Zachary Quinto) che, in missione tra le fiamme, sta rischiando la morte. A questo punto il capitano Kirk (Chris Pine) è colto da un dubbio: violare le direttive e salvare l’amico o attenersi alle regole e lasciar morire l’amico? Una bella tensione che si conclude con una lapidaria e sarcastica frase di Karl Urban che suggerisce a Kirk come si sarebbe comportato Spock al suo posto…

Vi ricordiamo che per maggiori informazioni sulla pellicola potete consultare i seguenti link:

– Into Darkness – Star Trek: preview IMAX da 35 minuti, il nostro commento!

– Into Darkness – Star Trek: intervista a Bryan Burk della Bad Robot!

Questa la trama del film, il cui cast comprende i nomi di Chris Pine (kirk), Zachary Quinto (Spok), Zoe SaldanaSimon PeggAlice EvePeter Weller e Nazneen Contractor.

Quando l’Enterprise è chiamata a tornare verso casa, l’equipaggio scopre una terrificante e inarrestabile forza all’interno della propria organizzazione che ha fatto esplodere la flotta e tutto ciò che essa rappresenta, lasciando il nostro mondo in uno stato di crisi.

Spinto da un conflitto personale, il Capitano Kirk condurrà una caccia all’uomo in un mondo in guerra per catturare una vera e propria arma umana di distruzione di massa.
Mentre i nostri eroi vengono spinti in un’epica partita a scacchi tra la vita e la morte, l’amore verrà messo alla prova, le amicizie saranno lacerate, e i sacrifici compiuti per l’unica famiglia che Kirk abbia mai avuto: il suo equipaggio.

Into Darkness: Star Trek uscirà nei cinema italiani a giugno del 2013. Per rimanere aggiornati sul film seguite le nostre news dal blog. Vi ricordiamo inoltre che qui trovate la pagina facebook italiana del film.

 

Categorie
2013 2014 Foto Galleria Galleria Foto Mondi Fantastici Mondo Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps3 Ps4 Videogiochi Xbox 360 Xbox 720 Zombi

The Evil Within: Shinji Mikami spiega il ritorno al genere dei survival horror

Tralasciando l’esperimento pseudo-horror di Shadows of the Damned compiuto nel 2011 con Suda51, gli anni di “allontanamento autoimposto” di Shinji Mikami dal genere dei survival horror sono ormai diventati otto, se consideriamo che il suo ultimo impegno nella saga di Resident Evil coincide con il lancio, nel 2005, del quarto capitolo “maggiore” della sua storica epopea zombesca.

Consapevole di dover spiegare il perchè del riavvicinamento a questo storico genere videoludico, l’acclamato produttore e designer giapponese ha colto al volo l’occasione offertagli dai giornalisti di Eurogamer.net per offrirci tutte le delucidazioni del caso:

“Il perchè del mio ritorno al genere dei survival horror sta tutto nella triste constatazione che i survival horror moderni, oramai, sono diventati dei semplici giochi action. Non si sviluppano più dei titoli in grado di spaventare l’utente, al mondo sembra non esserci più nessuno intenzionato a realizzare dei veri giochi in cui gli aspetti horror e survival prevalgono sugli altri elementi della trama e del gameplay. È questa la motivazione più grande che mi ha spinto a riabbracciare questo genere.”

Per il papà della serie di Resident Evil, quindi, più che del suo impegno in prima persona c’era estremo bisogno di qualcuno che ritornasse a coltivare le verdi e sanguinolente praterie digitali dei giochi horror inariditesi col tempo per colpa della strada intrapresa da tutti gli altri attori dell’industria, come lui stesso ci spiega in una video-intervista concessa, stavolta, ai giornalisti di IGN:

“I giochi di questo genere sono sempre più orientati all’azione e ciò ci danneggia tutti, bisognava invertire la rotta e fare in modo che il pubblico capisse che la strada imboccata non era a senso unico. Con The Evil Within, il nostro scopo sarà quello di portare il giocatore a impugnare il controller e ad esclamare ‘Wow, erano anni che non giocavo a un titolo così spaventoso!’. Tutti i nostri sforzi sono concentrati su questo, vogliamo ridare un senso al genere e siamo sicuri di riuscirci.”

A conferma di queste dichiarazioni, il boss degli studi indipendenti di Tango Gameworks ha inoltre rivelato dei nuovi dettagli sulla struttura di gioco e sulla componente narrativa di The Evil Within. In aggiunta alle informazioni offerteci l’altro giorno in occasione dell’annuncio del progetto, il buon Mikami ha spiegato che il titolo, incentrato sull’incubo ad occhi aperti vissuto dal detective Sebastian dopo essere stato attaccato da una misteriosa forza demoniaca, sarà sorretto da un sistema di crafting delle armi e degli oggetti utilizzabili per proseguire nella trama (dai grimaldelli di fortuna ai motorini elettrici per sbloccare cancelli o porte blindate) o per sfuggire alle creature d’ombra che ci inseguiranno (dalle trappole alle esche).

In virtù del taglio survival dato all’avventura, naturalmente non ci si potrà dotare di martelli o di altri oggetti pesanti (in una dimensione abitata da mostri in grado di assalirti in qualunque momento e da qualsiasi punto della mappa, l’agilità è la migliore arma di difesa): sempre in ragione del perenne senso di precarietà psicologica che Mikami vuole infondere a chi si addentrerà nella storia della sua prossima proprietà intellettuale, non si avrà nemmeno la possibilità di costruire o di utilizzare armi automatiche come mitragliatrici e fucili, ma solo ed esclusivamente lance e bastoni di fortuna, coltelli da lancio e, raramente, delle pistole.

Senza indugiare oltre, chiudiamo il pezzo ricordando a chi ci segue che l’uscita di The Evil Within è prevista indicativamente nel 2014 su PC, PlayStation 3, Xbox 360 e sulle piattaforme della prossima generazione di console.