Categorie
Brighmore Damon Saintcall Daniel Saintcall Delilah Cooperspoon Dominatore di Poteri Dr Alyssa Saintcall

Una Lettera per Delilah Cooperspoon

La lettera che avevo scritto per Delilah Cooperspoon , l’ avevo scritta qualche giorno prima che succedesse tutta la storia dello scontro tra noi due . Mi ero messo in camera mia e l’ avevo iniziata a scrivere , volevo essere sicura che c’ ero solo io nella stanza e nessun ‘ altro .Era una cosa privata per il momento e che poi sarebbe divenuta una cosa pubblica solo per Delilah Cooperspoon . Dopo il nostro scontro lei si risveglio nel suo letto e senti un forte dolore al collo , da uno dei suoi uomini si fece portare del ghiaccio e lo mise sul collo . Mentre stava andando via da camera sua , vide una lettera sulla porta di camera sua ed era scritta da me . Lei prese la lettera e la mise sulla sua scrivania , non sapeva se leggerla oppure incendiarla . Ma dopo averci pensato un po’ apri la lettera . “ Mi dispiace per il dolore al collo , anche tu e i tuoi uomini avete cercato di uccidermi , io non ti ho voluto uccidere solo perché non volevo diventare come te , ma anche per un altro motivo e questo te lo dire assolutamente . Questo fa parte della storia , io so chi ti ucciderà nel futuro . Prima che tu mi facessi attaccare dai tuoi uomini ho avuto una visione di un uomo noto come Daud che ti uccideva . Forse conosci già questo nome e non mi sorprende , lui è il responsabile della morte dell’ imperatrice di Dunwall . Non so se leggerai la lettera o no , anche se tu hai provato a uccidermi e a prendere i miei occhi della fenice per entrare nell’ Universing per uccidere un sacco di persone e portare il male in quel mondo . Ti voglio dire stai molto attenta , anche se sei molto potente , cerca di non farti uccidere da lui . Cerca di sopravvivere in un modo o nell’ altro , tu sei forte . Mentre ero li ti ho studiata e sei molto potente e se vuoi puoi fare , quindi anche cercare di riscrivere il tuo destino . Cordiali saluti da Daniel Saintcall Il Dominatore di Poteri .” Sotto avevo scritto “ PS grazie per avermi aiutato a diventare un grande mago e cerca d sopravvivere , cosi forse un giorno potremmo aggiustare il nostro rapporto e da nemici ad amici “ . Delilah prese la lettera e la mise tra le sue missive , voleva che quella lettera non doveva essere letta da nessuno neanche dalle sue guardie . Delilah pensò molto a quello che le avevo detto e non sapeva cosa fare , ma per il momento quello che lei doveva fare era essere pronta a incontrare il suo prossimo nemico cioè Daud l’ assassino dell ‘ Imperatrice di Dunwall . Non sapeva quando sarebbe arrivato , non sapeva cosa avrebbe fatto , ma se in pochi giorni ho conosciuto Delilah Cooperspoon lei era pronta a fare di tutto per sopravvivere contro di lui . Il dolore al collo che le avevo fatto io duro tre giorni , il colpo era molto forte , ma ho dovuto fare cosi invece di ucciderla pugnalandola al cuore con un coltello o con la mia spada . Ma se l’ avessi uccisa ci sarebbe stato un pezzo mancante nella storia di una persona cioè Daud . Io guardo e osservo il tempo , lo spazio e i mondi e vedo attraverso le mie visioni del futuro cosa possa succedere a loro . Nella mia visione del futuro su Daud avevo visto che lui uccideva Delilah Cooperspoon , quindi se l’ avessi uccisa io , avrei fatto un grave danno non solo al tempo ma anche allo spazio . Cioè si sarebbe creata una realtà alternativa e questo non era nei miei piani , il mio piano era li e imparare a utilizzare la magia , anche lo scontro c’ era ma ucciderla non faceva parte del mio piano . Delilah decise di fare questo un piano malvagio , molto malvagio con me è stata buona e forse un po’ dura . Ma con Daud non si sarebbe risparmiata , avrebbe utilizzato tutte le sue streghe , avrebbe messo trappole e le sue statue che nel mondo reale potevano solo parlare , ma nell’ Oblio potevano fare tutto e quindi diventavano da cose quasi inutili a potenti risorse . Delilah con me non aveva fatto nessun male a nessuno , perché sapeva che io mi sarei intromesso , ma adesso visto che non c’ ero io o nessun’ altro a fermare il suo piano . Lei decise di agire con il suo grande piano malvagio . Anche io quando ero la vidi che Villa Brighmore era un rudere e tutte le persone li dentro si lamentavano di stare qui , pure io mi lamentavo che questo posto era bruttissimo . Delilah pure lei voleva stare bene , vivere in un posto migliore e avere tutto il potere per se . Il suo grande piano era quello di prendere possesso della giovane Emily Kaldwin , la figlia dell’ Imperatrice Jessamine Kaldwin . Lo voleva a ogni costo e ci sarebbe riuscita . Delilah voleva utilizzare Emily per diventare Imperatrice Delilah I , se ci sarebbe riuscita lei avrebbe fatto diventare Dunwall un posto molto più brutto e terrificante . Dunwall era riuscita a riprendesi non solo dalla peste , ma anche dalla morte della sua amata Imperatrice . Se il piano di Delilah fosse riuscito , Dunwall forse non sarebbe mai più un posto bello da vivere , ma sarebbe divenuto un posto dove né gli Aristocratici e persone normali dovevano guardarsi le spalle e vedere davanti se una delle Streghe di Brighmore avesse ucciso loro o avesse fatto qualcosa di peggio . 

Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, i temi caldi del pre-Mondiali. Al Massucchi per vedere…

Oggi pomeriggio si disputerà a Vigevano l’ottavo Trofeo Massucchi, vera prova pre-mondiale per Nazionale italiana femminile di ginnastica artistica (clicca qui per scoprire tutte le informazioni in merito).

Enrico Casella ha comunque già diramato le convocazioni per l’imminente rassegna iridata che si svolgerà ad Anversa tra due settimane (cliccate qui per scoprire i quattro attesissimi nomi).

 

Dunque quali saranno le cose più interessanti su cui dovremo puntare nell’incontro contro la Germania?

– Il corpo libero di Vanessa Ferrari. NUOVO. Rinnovato rispetto alle ultime uscite, proprio con le super diagonali che l’hanno portata ai vertici internazionali. Cambiata anche la musica, con un tango che si preannuncia intenso e movimentato. Questo è l’appuntamento più atteso: capiremo lo stato di forma della nostra Campionessa e ci potremo fare un’idea su cosa potrà combinare ad Anversa.

 

– Il doppio avvitamento di Adriana Crisci. Finalmente è arrivato il tanto atteso volteggio della torinese che a 31 anni torna a rivestire il body azzurro e a volare ai Mondiali dopo oltre un decennio dall’ultima uscita. L’olimpica di Sidney ha sette vite e torna a ruggire: ad Anversa sarà la ginnasta più anziana in pedana dopo l’eterna e immensa Chusovitina. Alla tavola potrebbe regalarsi soddisfazioni importanti: l’obiettivo di una finale di specialità è chiaro e ben segnato. Tra poche ore le prime risposte…

 

– Carlotta Ferlito ha rimesso a posto la propria uscita alle parallele (una D per richieste di esigenze e di abbuoni). Soprattutto, però, siamo curiosi di capire come la siciliana sia uscita dalla maturità e come abbia sfruttato queste settimane di palestra. Sulla sua trave potrebbero avverarsi sogni importanti…

– L’emozione di Alessia Leolini che ieri ha appreso di essere stata convocata per i Mondiali. Essere presenti all’appuntamento clou della stagione al primo anno da senior è un numero uscito a poche ginnaste. Sarà importante capire lo stato psicologico della sedicenne e su quale attrezzo punterà maggiormente.

 

Tra gli altri temi caldi: Elisa Meneghini e le sue difficoltà in prospettiva 2014 dove sarà uno dei cardini della squadra chi si proietterà ai Mondiali di Nanning (non dimentichiamoci che ci sarà il passaggio tra le grandi di Enus Mariani).

La reazione di Leni e Gandolfi, tagliate fuori all’ultimo momento. Il ritorno alle gare di Francesca Deagostini dopo una sfilza incredibile di infortuni che l’ha tenuta esclusa dalle pedane per oltre un anno.

L’entusiasmo di Paglia, Buro, Praz e Rocca che avranno l’onore di vestire il body azzurro.