Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, Anversa 2013: le pagelle di un’Italia magica e storica

Una magica Italia sta tornando dal Belgio dove ieri si sono conclusi i Mondiali di ginnastica artistica. Ecco le pagelle delle nostre magiche azzurre scese in pedana ad Anversa 2013.

 

VANESSA FERRARI: 10. Araba Fenice, continuerò a ripetere. Leggendaria e storica per la ginnastica artistica italiana. La migliore ginnasta azzurra di sempre. Nessuno la demolisce. Nessuno la abbatte. Giurie, infortuni, ingiustizie: niente scalfisce una Campionessa grande quanto tutto il movimento nazionale. Non ci sono intoppi che tengano: la Cannibale di Orzinuovi si mangia i furti, azzanna la Polvere di Magnesio come mai nessuna e si regala un nuovo incredibile, trionfo.

Medaglia d’argento al corpo libero. La bresciana torna su un podio iridato dopo il bronzo nel concorso generale conquistato a Stoccarda 2007. Sei anni dopo! Migliora il terzo posto ottenuto ad Aarhus al quadrato magico, due giorni dopo essere diventata reginetta per una notte e per tutta la vita; riscatta il quarto posto delle Olimpiadi, quando tra furti e regolamenti stupidi, scoppiò in un pianto a dirotto e meditò seriamente al ritiro.

Questa è la quinta medaglia mondiale per super Vany, la prima d’argento di una carriera dorata e sempre più irripetibile (è il 49esimo sigillo nella storia del nostro Paese, il sesto al femminile).

E poteva pure fare cinquanta ed entrare ancora di più nella leggenda se il ricorso degli Stati Uniti non le avesse tolto il bronzo alla trave che aveva già in tasca e che sarebbe stato sorprendente. Stava festeggiando, poi vede il tabellone segna punti che si muove, la Biles che la sopravanza e lei che finisce al quarto posto… Ma non torniamo sulle dolenti note. Il quarto posto finale, però, è il miglior piazzamento dell’Italia sui 10cm negli ultimi 63 anni (dal bronzo di Licia Macchini nel 1950).

Il sesto posto nel concorso generale consacra la sua interezza, la sua integrità, la sua immensa capacità.A quasi 23 anni è ancora qui, sulla cresta dell’onda contro ragazze che, quando lei trionfava ad Aarhus, andavano ancora alle elementari…

Mancano tre anni alle prossime Olimpiadi. Enrico Casella ha chiaramente detto: “Non abbiamo ancora finito…”. Il sogno a cinque cerchi è più vivo che mai.

 

CARLOTTA FERLITO: 8,5. Non voleva più fare l’all-around e arriva undicesima: dimostrazione che il lavoro, se ben mirato, paga sempre anche quando non si eccelle in un attrezzo (e le parallele non sono state un “disastro”). Nettamente migliorati i piazzamenti di Londra 2012 e di Tokyo 2011.

Temevamo che non si qualificasse per la finale alla trave (sottoscritto in testa, ma esclusivamente per il valore delle avversarie) e invece non solo è entrata tra le magnifiche otto per la prima volta in carrierama ha addirittura terminato al quinto posto. La siciliana, però, non è andata d’accordo con i giudici per tutta la settimana: sempre sottovalutata, spesso inspiegabilmente, fino al quinto posto finale alla trave. Non le viene riconosciuta un’importante combinazione, il D Score ne risente e il punteggio precipita.

L’esercizio di ieri è stato ottimo. Certo ci sono stati tre, quattro sbilanciamenti a cui i giudici si sono potuti attaccate, non neghiamolo. Ma l’esecuzione è stata eccessivamente penalizzata: le hanno tolto praticamente 1.8 punti, come la Biles che ha sbagliato cose clamorose!

Ad ogni modo la 18enne deve tornare da Anversa contenta di se stessa, dei propri mezzi e pronta a provarci nelle prossime occasioni. Anche se certi treni passano solo una volta in carriera: li puoi prendere, ma se poi non ti obliterano il biglietto…

 

FRANCESCA DEAGOSTINI: 7,5. Primo Mondiale, prima vera uscita internazionale tra le grandi. La 17enne torna alla grande in pedana dopo 18 mesi tormentati: infortunio alla mano, operazione alle ginocchia, mancata convocazione alle Olimpiadi. La leoncina milanese risponde al meglio alle sollecitazioni e alle aspettative, guadagna addirittura un sorprendente undicesimo posto alla trave (sarebbe stata riserva se non ci fosse la stupida regola dei passaporti) grazie a un esercizio molto elegante e ben tenuto.

Si toglie la soddisfazione di entrare nel codice dei punteggi grazie alla sua fantasiosa entrata alla trave (è una semplice A, ma sarà per sempre nella Bibbia della Polvere di Magnesio). Un’ottima base su cui costruire il futuro e un’ottima medicina per riprendere convinzione nei propri mezzi.

 

ALESSIA LEOLINI: 7. Valutiamo positivamente la toscana perché era al primo anno da senior e ha subito vestito il body azzurro nell’appuntamento più importante. La sedicenne si è fatta prendere da una grandissima emozione che a tratti non ha gestito, commettendo diverse imperfezioni. L’importante, però, era fare esperienza, sentire il profumo che tira a un Mondiale, vedere le grandi, gareggiare in un contesto importante. Ne farà tesoro per un futuro in cui sarà un pezzo importante della Nazionale: proprio per questo motivo, valutiamo positivamente anche la sua convocazione.

 

ITALIA: 10 e lode. Cinque finali, una medaglia, un quarto posto, un quinto posto. Torniamo a casa con un podio come non succedeva dal 2010 (Matteo Morandi). Per la prima volta nella storia due azzurre nella finale alla trave. Non potevamo sperare in un bilancio migliore.

E non dimentichiamoci che avevamo a casa quattro infortunate di peso: Giorgia Campana, Elisabetta Preziosa, Erika Fasana (cioè tre olimpiche) più Adriana Crisci, convocata e poi infortunatasi a Vigevano, che avrebbe lottato fino all’ultimo per una finale al volteggio.

 

Categorie
Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Silent Hill

Disponibili online le ultime soundtrack di Silent Hill

Sumthing Else Music ha pubblicato le colonne sonore degli episodi più recenti della serie Silent Hill.

I giochi inclusi nella libreria digitale comprendono anche Silent Hill: Downpour e Silent Hill: Book of Memories, i titoli più recenti, le cui OST sono state realizzate da Daniel Licht.

Licht è subentrato all’acclamato Akira Yamaoka, il cui ultimo lavoro sul franchise è stato per Silent Hill: Homecoming, dopo aver lavorato al serial Dexter ed essere stato il compositore di Dishonored.

 

Categorie
android IOS Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Star Wars

NimbleBit e Disney annunciano Star Wars: Tiny Death Star

NimbleBit e Disney hanno annunciato lo sviluppo di Star Wars: Tiny Death Star.

Il titolo è uno spin-off della popolare serie mobile Tiny Tower e sarà ambientato all’interno della Morte Nera, e verrà pubblicato “presto” per i dispositivi Android e iOS.

L’obiettivo sarà “gestire business intergalattici e costruire una Morte Nera tutta nuova”, esplorando “location ispirate a Star Wars per attirare personaggi iconici e specie sulla vostra stazione spaziale” in “questo gioco stile 8-bit”.

 

Categorie
Mondo Notizie Notizie dal Mondo Serie Tv

Revenge 3, Scandal 3, Hart of Dixie 3, Castle 6: spoiler

Subito dopo il salto,vi proponiamo alcune anticipazioni sugli show RevengeScandal,Hart of Dixie e Castle.

 

In Revenge, scopriremo all’inizio del secondo episodio l’opinione che Aiden ha di Emily; in Scandal, il rapporto tra David ed Olivia sembra essersi cristallizzato ed i due condividono una gelida amicizia e questo clima si manterrà per i primi cinque episodi della terza stagione.

In Hart of Dixie, l’arrivo di Josh porterà i cinque personaggi principali dello show ad allontanarsi e di conseguenza meno possibilità per Zoe e Wade di interagire; concludiamo con Castle, dove nell’episodio di stasera sarà divertente vedere le dinamiche relazionali tra Beckett ed i suoi vecchi colleghi ora che la donna non è più dalla loro parte.

 

Categorie
Foto Galleria Galleria Foto Mondo Notizie Notizie dal Mondo Serie Tv

Hostages 1×03: anticipazioni, foto e video

Inizia una nuova settimana e tra i tanti nuovi appuntamenti, vi proponiamo Hostages, il nuovo drama politico che andrà in onda sul network americano CBS. Continuate a leggere per le anticipazioni, le foto ed il video promozionale.

Power of Persuasion si intitola il terzo episodio della prima stagione della serie. Duncan (Dylan McDermott) minaccia Ellen (Toni Collette) che deve convincere il Presidente a tenerla come suo chirurgo dopo che lui decide di volersi rivolgere ad un altro medico, o ci saranno notevoli conseguenze per lei. Inoltre, Ellen incontra la figlia di Duncan e acquista uno sguardo più interno nella sua vita.

 

Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo Recensione

Il cacciatore di donne: le recensioni dagli Usa

No, devo dire che Il cacciatore di donne (The Frozen Ground) non mi ha affatto conquistato, l’ho trovato un po’, come dire, “statico”, “dimenticabile” e non mi ha coinvolto minimamente. Ecco perché non sono d’accordo con la recensione di Cineblog, ed ecco perché ho deciso di dare un’occhiata alle critiche dei giornalisti Americani: su Rotten, mentre scrivo, i voti delle recensioni positive sono al 57%.

Forrest Hartman – Reno Gazette-Journal: non è innovativo, ma è un thriller ben ritmato e coinvolgente che ha il fascino aggiunto di una narrazione-verità.

Maryann Johanson – Flick Filosopher: Vanessa Hudgens come vittima è molto più convincente rispetto sia al poliziotto Nicolas Cage o l’assassino John Cusack.

Susan Granger – SSG Syndicate: è destinato ad una rapida sepoltura nella gelida tundra.

Betty Jo Tucker – ReelTalk: Un thriller agghiacciante con interpretazioni di prim’ordine di John Cusack, Nicolas Cage e Vanessa Hudgens.

Doris Toumarkine – Film International Journal: il debutto di Scott Walker è raccontato con stile ed eleganza. Ottime interpretazioni.

Pete Hammond – Movieline: Abbiamo visto un sacco di film di serial killer, ma questa storia vera è ben recitata e coinvolgente.

Chris Bumbray – JoBlo Emporium: Non è affatto male. Nicolas Cage dà la sua migliore interpretazione da anni.

Stephen Holden – New York Times: l’unico fresco elemento del film è l’ambiente invernale, che avvolge tutto in un clima di stanco fatalismo.

Gary Goldstein – Los Angeles Times: il film è troppo triste, disarticolato e genericamente raccapricciante per essere convincente.

Matteo Kassel – New York Observer: Un thriller vago e dimenticabile che avrebbe beneficiato di più dello sviluppo del personaggio, o almeno di una messa a terra della narrazione in un protagonista centrale.

Simon Brookfield – We Got This Covered: “Il cacciatore di donne” è un vecchio thriller di scuola con molto da offrire.

Staci Layne Wilson – Yahoo!: Nonostante il disagio tra criminalità-thriller e storia vera, il film ha i suoi momenti.

Mark Adams – Screen International: il film è ammirevole in quanto delinea il dramma in via di sviluppo.

Siobhan Synnot – Scotsman: Basato su una storia vera, il film è molto accurato nella sua raffigurazione dell’Alaska, ma a quanto pare non è così interessato ai personaggi o alla psicologia.

Emma Simmonds – The List: Uno strano mix di thriller e di storia vera ma spesso senza ispirazione.

Ben Rawson-Jones – Digital Spy: Un thriller ammirevole.

Brian Viner – Daily Mail [UK]: un film di polizia con serie procedurali ma con poche sorprese.

Matthew Turner – ViewLondon: una sceneggiatura sconnessa e frustrante, accoppiata con qualche dialogo ridicolmente sciatto.

Nigel Andrews – Financial Times: Tutto il film, in realtà, viene da un congelatore. Scongelare prima, poi riscaldare.

Rich Cline – Contactmusic.com: Anche se questo thriller è basato su una storia vera, ma non sembra mai lontanamente credibile.

Henry Fitzherbert – Daily Express: Non rompe un nuovo terreno, ma è teso, suggestivo e inquietante.

Tim Evans – Sky Movies: Dopo una serie scoraggiante di thriller di routine, Nicolas Cage alza il gioco.

Tom Huddleston – Time Out: Si tratta di un thriller ambizioso da vecchia scuola: niente di più e niente di meno.

Kim Newman – Empire Magazine: C’è molto in questo thriller, non ultimo la riunione del duo “Con Air”.

 

Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, Anversa 2013: le pagelle di un Mondiale fantastico

I Mondiali 2013 di ginnastica artistica sono ormai alle spalle. Come consueto, eccoci con le nostre pagelle di Anversa 2013.

Non ci sono le italiane, perché a loro è dedicato il prossimo articolo.

 

SIMONE BILES: 10. La nuova reginetta. La Venere Nera della ginnastica artistica. Entra nella storia della Polvere di Magnesio per essere la prima atleta di colore a vincere un titolo mondiale, proprio come Gabby Douglas era stata la prima a vincere un’Olimpiade. La sedicenne di Columbus conquista il titolo iridato all-around al primo anno tra le seniores, come solo le grandi Campionesse sono riuscite a fare.

La statunitense ha dominato quasi incontrastata, è il nuovo fenomeno della Polvere di Magnesio e (se lo vorrà) è destinata a comandare la scena per tutto il quadriennio che porta a Rio de Janeiro 2016.Possiede un’acrobatica di livello vertiginoso, forse la migliore che si sia mai vista; ha una potenza pazzesca; porta in dote una grande elasticità e una completezza di esecuzione sui quattro attrezzi, trovando due picchi imprendibili al volteggio e al corpo libero. Sarà poco elegante, precisa, forse anche poco femminile (a detta di alcuni), ha tolto qualcosa all’artistica pura ma è, indiscutibilmente, la migliore del Pianeta!

Porta a casa addirittura quattro medaglie (le manca solo l’alloro alle parallele). Conquista anche il bronzo alle trave, che non meritava assolutamente, rubandolo alle due italiane…

 

KYLA ROSS: 8,5. Dopo i trionfi olimpici, è stata l’unica Fierce Five a non staccare nemmeno per un giorno e a continuare alacremente ad allenarsi. Gli sforzi e i sacrifici sono stati premiati. Precisa, pulita, ordinata ha conquistato un bellissimo argento nell’all-around riuscendo addirittura a balzare al comando prima dell’ultima rotazione. Ha fatto sudare la Biles nella parte centrale di gara, recuperandola alle parallele e alla trave, poi si è dovuta inchinare alla prestazione monstre della connazionale al corpo libero.

Certo, eterna seconda: tre argenti (generale, trave, parallele). Ma può ritenersi più che soddisfatta. Dovrà rivedere i D Score se vorrà vincere finalmente qualche medaglia d’oro.

 

ALIYA MUSTAFINA: 9. Non stava bene e si è visto chiaramente. Aveva una cera che era tutto tranne quella di una ragazza in grado di fare l’impresa. Ci ha provato fino all’ultimo, stringendo i denti in una maniera impressionante. In qualifica è caduta al corpo libero, mancando clamorosamente la finale di specialità. Nella finale dell’all-around ha dato due sgasate alle parallele e al quadrato magico e si è presa un meritatissimo bronzo.

Clamorosamente è crollata nell’esercizio sugli staggi e non è riuscita ad andare oltre al terzo posto. Ma, non poteva andare via da Anversa senza conquistare l’oro. E lo fa sull’attrezzo più impensabile, quello a lei meno congeniale: la trave. Sui 10cm abbiamo visto un’altra Mustafina, una sosia: zero squilibri con le spalle, praticamente nessuno sbilanciamenti, collegamenti perfetti, zero sorrisi ma uno sguardo di ghiaccio che è da amare. L’uscita perfetta le regala il titolo. Quando la Zarina si mette in testa di fare una cosa, la fa!

 

LARISA IORDACHE: 6,5. Quando una ginnasta cade per due volte sul suo attrezzo preferito, nelle due occasioni più importanti della carriera…Lo scricciolo di Bucarest versa un’infinità di lacrime per due capitomboli dalla trave che nessuno si sarebbe aspettato: durante il concorso generale quando attaccava il bronzo e soprattutto durante la finale di specialità.

Il bronzo al corpo libero placa solo parzialmente le sue delusioni. La rumena tornerà a casa sicuramente insoddisfatta e arrabbiata con sé stessa. L’inverno sarà lungo e pieno di lavoro per tornare più carica che mai nel 2014: ha diversi conti in sospeso…

 

MCKAYLA MARONEY: 8. La miglior vaulter del Mondo. Non c’è storia. Atterraggi perfetti, stoppati sul posto con una grazia, un’eleganza e un sorriso da modella. Una delle più belle del circuito. L’oro alla tavola era scontato ed è l’unica ragazza che ha confermato il successo di Tokyo2011. Ha provato anche a strappare la qualificazione nell’all-around, ma qualche errore di troppo l’ha costretto ad abdicare per la (stupida) regola dei passaporti.

 

HUANG HUIDAN: 8-. Clamorosa campionessa del Mondo alle parallele: al -debutto, a sorpresa, la cinese sfrutta al meglio l’errore della connazionale Jinnan e si regola una gioia che porterà nel cuore per tutta la vita.

SHANG CHUNSONG: 5. Non vogliamo essere cattivi, ma siamo sicuri che questa cinese abbia 17 anni? I precedenti del suo Paese in materia di falsificazione delle carte di identità ci obbligano a pensare male… Ne dimostra dodici (o anche meno).

YAO JINNAN: 7. La media tra il 10 per l’esecuzione del leggendario Mo Salto e il 4 per la bruttissima caduta in finale che le ha tolto l’oro scontato alle parallele.

 

VICTORIA MOORS: 10. Quando scassini il portone del (quasi) impossibile… La canadese rivoluziona la ginnastica artistica presentando il leggendario Silivas teso al corpo libero! Una missione impossibile, riuscita perfettamente nella finale del concorso generale individuale dopo essere caduta in qualifica, che costringe la Federazione Internazionale a inserire la difficoltà I nel codice dei punteggi.

SANDRA IZBASA e OKSANA CHUSOVITINA: 10, alla carriera. L’immensa rumena ha provato ancora a dare un colpo e a salire sul podio del corpo libero: ci sarebbe salita se non avesse sbagliato la conclusione. A quanto pare sembra aver chiuso qui la sua carriera, ma mai dire mai.

L’eterna Oksy non è riuscita nel miracolo di prendersi una medaglia a 37 anni: due volteggi non all’altezza l’hanno relegata al quinto posto. Ma lei di ritiro non vuole sentirne parlare. Spingerà fino alle prossime Olimpiadi, ne siamo ormai sicuri…

 

PREMIO BELLEZZA. McKayla Maroney.

PREMIO COMBATTIVITA’: Aliya Mustafina.

PREMIO TENACIA: Vanessa Ferrari.

PREMIO SORPRESA: Un Hong Jong.

PREMIO ELEGANZA: Kyla Ross.

PREMIO FAIR PLAY: Kyla Ross.

PREMIO ACROBATICITA’: Simone Biles.

PREMIO ARTISTICITA’: Larisa Iordache.

MIGLIOR CORPO LIBERO: Simone Biles.

MIGLIOR PARALLELE: Yao Jinnan

MIGLIOR VOLTEGGIO: McKayla Maroney

MIGLIOR TRAVE: Larisa Iordache

 

Categorie
Mondo Notizie Notizie dal Mondo Serie Tv

Once Upon a Time 3, Glee 5, NCIS 11, 2 Broke Girls 3, The Mentalist 6: spoiler

Subito dopo il salto, vi proponiamo alcune anticipazioni sugli show Once Upon a Time,GleeNCIS2 Broke Girls e The Mentalist.

 

In Once Upon a TimeNeal dovrà affrontare una serie di situazioni negative, mentre il nuovo interesse amoroso di Regina potrebbe essere qualcuno che la donna non ha mai incontrato, mentre il pubblico sì.

Nel sesto episodio di Glee, sono in corso i casting per una ragazza che frequenta un prestigioso college, che sarà una fotografa ed una super modella mentre i fan di NCIS che hanno apprezzato la performance di Murray saranno felici di sapere che l’attore ritornerà nello show.

Un altro personaggio che rivedremo è Chiandra in 2 Broke Girls, dato che Max ha conservato il numero della ragazza e che la chimica fra le due è irresistibile la rivedremo sicuramente in azione.

Concludiamo con The Mentalist, dove vedremo nella puntata della prossima settimanaJane correre nella casa dove si trovava Lisbon, avendo presto una conferma del suo destino.

 

Categorie
Foto Galleria Galleria Foto Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Sleepy Hollow 1×04: anticipazioni, foto e video

Tornano stasera in onda le misteriose e sovrannaturali avventure di Sleepy Hollow. Nell’episodio di oggi, dal titolo The Lesser Key of Solomon, troviamo una ricerca disperata, e un nuovo importante indizio sulla loro missione.

Lt. Abbie Mills e Ichabod Crane ricerca della sorella separata di Abbie, Jenny (guest star Lyndie Greenwood), che è scappata da un ospedale psichiatrico di Sleepy Hollow. In un episodio che vuole cambiare completamente il gioco, e che include un flashback del vero Boston Tea Party, Abbie e Ichabod scoprono di più sul male che stanno affrontando … e, infine, apprendono il nome di chi bisogna cacciare.

Categorie
Foto Galleria Galleria Foto Mondo Notizie Notizie dal Mondo

The Blacklist 1×03: anticipazioni, foto e video

No. 84: Wujing è il titolo della terza puntata della serie televisiva The Blacklist, che andrà in onda sul network americano NBC e della quale vi proponiamo, subito dopo il salto, un breve riassunto, una galleria fotografica ed un video promozionale.

 

In questo episodio, l’FBI darà la caccia ad una spia cinese, Wujing, che avrebbe assoldato Red per decodificare una trasmissione della CIALiz, fingendo di essere un crittografo della CIA. si reca in missione con Red per decodificare il messaggio e contemporaneamente proteggere i segreti del governo americano.

Infine, Liz si adopera attivamente nella sua indagine su Tom.

Trailer The Blacklist 1×03 : http://www.serietivu.com/the-blacklist-1×03-anticipazioni-foto-video-182897.html