Categorie
Aqua Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Gazzetta dell' Universo Mondo Parlare con Aqua Universing Universo

Metto in guardia Aqua dei pericoli di questo universo

Era da molto tempo che volevo parlare di una cosa ad Aqua e visto che io spesso lavoravo su casi , non avevo mai il tempo .Alla fine dopo un po trovai il tempo e feci venire Aqua in camera mia e lei mi chiese in modo gentile – cosa c’ e Daniel ? . Io la guardai e dissi – ti stai chiedendo come mai ti ho fatta venire il camera mia ma sopratutto perché stai in questo universo , adesso te lo dirò . Aqua voleva sapere perché si trovava qui , perché le avevo dato gli occhi della fenice e anche altro – quale è il motivo , lo voglio sapere . Io le dissi – sei qui perché questo è pieno di oscurità , pieno di persone malvagie ma molto malvagie .  Nel mondo ci sono criminali di ogni specie . Tipo assassini , stupratori , persone che hanno dei super poteri e li utilizzano per il lato oscuro . Adesso in questi giorni io ti faccio vedere diverse cose e cosi puoi capire meglio la situazione in cui il mondo in cui ci troviamo . Aqua mi disse – quindi mi hai portato qui per sconfiggere il male qui ?. io la guardai con occhi sinceri e le dissi – si , l’ ho fatto per questo e visto che non sapevo se avresti accettato oppure no volevo vedere se riuscivi ad abituarti a questo mondo e poi parlarti di questa cosa . Aqua mi guardò e disse – certo che voglio togliere il lato oscuro da  questa città e spero che posso farlo ma grazie anche al tuo aiuto . Io dissi ad Aqua – fammi finire una cosa al computer e io ti faccio vedere le cose che ti ho detto .

Categorie
Ada Knight Alukard Saintcall Angela Ferrante Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Helena Saintcall Malefica

Ferisco in modo grave una ragazzina senza accorgemene

Per colpa di quello che è successo a Maraxus perdo più volte il controllo e mi arrabbio più facilmente e quando lo faccio esce fuori la rabbia e la furia cieca che sono dentro di me . Provo con tutte le mie forze a non farla uscire , di seppellirla dentro di me ma non è facile e davvero molto difficile e purtroppo in un giorno molto brutto ho fatto una cosa che non volevo fare e quel giorni capì anche che aveva bisogno di aiuto . Anche se non lo volevo ammettere fino adesso , però quel giorno lo capì e quel giorno tutto andò male . Un uomo aveva rapinato un negozietto di liquori , era una cosa facile ma nelle condizioni in cui ero niente era facile . Primo ero calmo e l’ attimo dopo ero arrabbiato , la furia nera entrò in scena grazie al fatto che l’ uomo stava per uccidere una donna innocente che era venuta a prendere il vino per suo marito . Lui la prese e io ero li e non potevo fare niente e alla fine successe i miei capelli si allungarono e diventarono rossi fuoco , il mio giaccone nero passo da nero a rosso e poi tutto attorno un aura rossa come il fuoco . Io feci comparire la mia spada e nel colpire il nemico , colpi anche la donna tranciando il suo braccio sinistro . Ada aveva provato tutto e poi mi diede un pugno nello stomaco e io mi ripresi e vidi quello che avevo fatto , era la cosa più brutta che avevo fatto . Ero caduto in basso questa volta e quando stavo andando a curare la donna , lei scappo da me e mi stava guardando come se fossi un mostro . Io ero entrato nella mia macchina e Ada si era seduta accanto a me e disse – Daniel , mi dispiace dirtelo ma hai superato il limite adesso ti devi far aiutare . Guarda sei sempre arrabbiato e oggi ha ferito mortalmente una donna . Ora ti fai aiutare a controllarla . Quando tornammo al mio distretto io fui portato nella stanza di Angela Ferrante e lei sapeva quello che io avevo fatto e lei si rivolse ad Ada – ci puoi scusare , questa è una conversazione personale . Ada abbandono la stanza e ritornò con calma alla sua scrivania e poi sul tavolo vidi quello che era una lettera inter-dimensionale . Io chiusi la porta e poi dissi ad Angela – mi dispiace per quello che ho fatto , adesso voglio farmi aiutare a controllare la furia nera . Angela mi guardò e vide che ero veramente dispiaciuto per quello che avevo fatto e mi disse – hai visto che sul mio tavolo c’ era una lettera inter-dimensionale .

Si , l’ ho vista – e capì anche chi doveva il mittente e io poi le dissi – viene da parte dei miei genitori , giusti . Angela mi fece cenno con la testa e disse – adesso vieni con me nella lettera inter-dimensionale e poi i tuoi genitori ti aiuteranno a capire chi può aiutarti . Io e Angela toccammo la lettera ed entrammo e li c’erano mio padre Alukard e mia madre Helena . Sapevano già quello che io avevo fatto , Alukard e Helena sapevano che io ero tornato troppo presto alla mia vita , ma nemmeno questo io volevo ammettere e poi mia madre Helena disse – oramai questo è successo ,adesso figlio ti farai aiutare da qualcuno . Una nostra vecchia conoscenza che conosciamo da parecchio . Mi aspettavo chiunque , ma poi vidi una persona che mi fece gelare il sangue e lo sguardo era fisso su di lei . Aveva un mantello nero , un copricapo nero con delle lunghe corna nera e sopratutto aveva un bellissimo vestito nero e poi un magnifico bastone nero . Era lei Malefica , mi aspettavo chiunque ma lei no e lei venne verso di me e verso i miei genitori e si rivolse a mia madre e mio padre e disse – Questo è vostro figlio , quello che si è fatto controllare dalla furia nera e ha tranciato il braccio a una ragazza . So gia tutto , ho visto cosa ha fatto e adesso io devo aiutarlo .

Si adesso devi fare quello che hai fatto per noi , cioè fargli controllare la furia nera oggi ha fatto una cosa brutta di cui noi due non andiamo fieri di quello che ha fatto . Malefica venne verso di me , i nostri sguardi erano uno davanti all’ altro e io le dissi – Anche se sei malvagia ho bisogno del tuo aiuto . Anche se i miei genitori non  chiedevano il tuo aiuto , se questa operazione andava male sarei venuto da te . Malefica mi guardò e mi disse – Non dovevi arrivare a questo punto ragazzo , dovevi farlo prima cioè chiedere il mio aiuto e ti conviene metterci tutta la grinta nel tuo corpo seno non riuscirai mai a controllare la furia nera che è dentro di te . Ci metteremmo tutti i giorni a controllare la furia dentro di te e solo perché sei figlio di Alukard e Helena non ci andò leggero con te , ci andrò davvero molto pesante e quando saremo nel mio castello io sarà il tuo incubo peggiore . Alukard e Helena erano d’ accordo con Malefica , mi aspettava un duro allenamento e visto che stavo parlando con Malefica la Regina del Male non mi sarei aspettato da lei un trattamento di favore anzi un vero orrore .

Categorie
Erika Fasana Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, Erika Fasana: “Guarita dall’infortunio! In gara a febbraio”

Erika Fasana è una delle cinque favolose azzurre che a Londra 2012 hanno portato l’Italia nella finale olimpica a squadre per la prima volta nella nostra storia.

La stagione che sta per terminare, però, è stata una delle più difficili per la comasca che ha visto ripresentarsi l’infortunio alle tibie che l’aveva già colpita dopo l’esperienza britannica.

La 17enne è scesa in pedana in pochissime volte durante quest’anno: tre tappe di Serie A, Trofeo Internazionale di Jesolo. Impossibile andare ad Europei e Giochi del Mediterraneo causa quell’infortunio che poi l’ha messa ko per la seconda parte della stagione.

 

Erika, però, si è finalmente rimessa in forma e a Ginnastica Artistica Italiana ha dichiarato: “Ora sto bene l’infortunio alla tibia è guarito. Sono stata ferma per la tibia, ma non ho mai smesso di andare in palestra. Ho fatto praticamente solo parallele e potenziamento”.

E poi decide di scherzare con una battuta che va molto di moda nel mondo della Polvere di Magnesio quando ci si infortuna agli arti inferiori: “Vorrei informare tutti che mi candiderò per l’oro olimpico alle parallele”.

 

Ha ripreso gli allenamenti da circa un mese e dovrebbe essere pronta per la prima tappa di Serie A1, in programma l’8 febbraio prossimo a Firenze, dove vestirà il body della Brixia Brescia (ricordiamo che la sua società d’appartenenza è la Polisportiva Fino Mornasco dove si allena ancora alcune volte in settimana sotto lo sguardo di Laura Rizzoli).

 

Categorie
51 Secolo Alukard Saintcall Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Fucina di Villengard Helena Saintcall Il Dottore Jack Harkness Max Villengard Occhio della Fenice Sarah la Fenice Rossa Sarah Saintcall Secolo Vulkanus Villengard

Cerco di salvare la Fucina di Villengard

Nel 51 secolo esiste una fucina dove c’ erano moltissime armi soniche , armi incredibili venivano da li . Alcune era legali e altre un po meno legali ma la Fucina di Villengard è era il posto perfetto per chiunque , chi lo voleva un arma doveva andar e li e trovare quella che era giusta per lei o per lui . Se volevi un arma quello era il posto migliore dove trovarla e comprarla . Molte persone che provenivano da diversi pianeti ,di diversi universi e sopratutto in diversi parti del tempo venivano li . Per esempio il Dottore e Jack Harkness e poi pure io . Il giorno in cui esplose io ero li e stavo cercando in tutti i modi per non farla bruciare , ma non ci riusci . Io arrivai li verso le 8:40 di mattina e iniziai a cercare con con calma il motivo per cui sarebbe stata esplosa ma anche con la mia vista non trovai niente ed ero andato dappertutto ma non trovai niente . Sarah la Fenice Rossa era alla mia ricerca e mi trovò nella Fucina di Villengard e mi vide su un tetto di un palazzo a vedere qualcosa che stava in basso . Lei apparve dietro di me e disse – Daniel che stai facendo qui ? , io non ero sorpreso che era riuscita a trovarmi e io le dissi – Ho avuto una visione . Oggi la Fucina di Villengard verrà distrutta e io sono venuto qui sopra e grazie alla mia occhio della fenice sto cercando di capire cosa può succedere e se qualcuno vuole provare a distruggerla ma per il momento niente . Mi puoi dare una mano copriamo più fronti e cosi insieme cerchiamo di impedire che questa fabbrica e i suoi ospiti muoiono . Sarah capì’ che io avevo ragione e disse – certo ti aiuto . Lei e io non volevamo essere responsabili di tutte quelle persone . Non avevo capito la causa ma avevo visto esplosioni e alcune morte anche se non era successo ma grazie ai miei occhi io li potevo vedere . La Fucina era gestita dal suo illustre proprietario cioè Max Villengard , lui era il proprietario di questa fucina e lui si occupava di tutto , anche delle cose più piccole ma un giorno arrivò il fratello di Max cioè Vulkanus Villengard . Vulkanus era davvero molto arrabbiato con il padre e con il fratello , secondo Vulkanus , il padre doveva dare la fucina di famiglia a lui e non a Max . Vulkanus era furbo e astuto ma sopratutto lui era molto vendicativo ed era un pazzo e dentro di lui scorreva questa idea per tutto “ Se non posso averla io , non la deve avere nessuno “ e cosi chiese a dei teppisti di distruggere le turbine della fornace e fare in modo che quando la fornace inizio a funzionare esplose tutto . Io lo sapevo perché avevo trovato i teppisti che erano andati verso le turbine con spranghe di ferro e tutto quello che serviva per fermare le turbine e non farle più partire . Però io non riusci a fermarli non perché non volevo ma perché il posto era molto grande e loro erano stati fatti entrare e io invece non potevo perché non sapevo dove erano le turbine e cosi potei fare niente . In quel momento nella fucina iniziarono i prima problemi , perché nell’ aria senti odore di bruciato lo sentivo io e Sarah . Io dissi a Sarah – Senti andiamo a parlare con Max e diciamo quello che sta succedendo e facciamo in modo di far andare via questa gente . Andai io e Sarah era vicino a me e Max era al bancone , io andai da lui e dissi – Ascoltami attentamente io sono Daniel Saintcall e ti voglio informare che tra pochi minuti la tua fornace esploderà , quindi di a tutti di andare via il più presto possibile . Pure Il Dottore aveva provato a riparare le turbine ma non ci era riuscito e cosi era andato al centro di comando che trovò subito al cacciavite sonico che ha . Si era fatto strada tra moltissime gente e poi aveva provato a salvare la fornace ma non ci era riuscito . Max dopo pochi minuti rispose al telefonino e la chiamata proveniva dalla fornace e disse – Muoviti fa uscire tutti ,la fornace esploderà tra 6 minuti , fa uscire tutti da li adesso e muoviti . Sotto il suo bancone Max aveva messo un pulsante di emergenza , lo premette con un pugno e il messaggio arrivo a tutti e tutti se ne andarono alle loro astronavi . Alla fine pure io e Sarah la Fenice Rossa ce ne andammo da li e per l’ ultimo il Dottore che ci stava provando ancora ma per tutto il tempo non ci era riuscito e dovette abbandonare la Fucina con tutti gli altri . Io avevo salvato moltissime persone e tutti mi ringraziarono per mio aiuto , se non li avvisavo in tempo tutti sarebbero morti . Sarah Saintcall mi una volta a casa mi guardò con uno sguardo fiero e disse – Bravissimo , anche se non sei riuscito a salvare la Fucina di Villengard però sei riuscito a salvare moltissimi alieni e moltissime persone che erano li . Non potevo fare niente , se io avrei voluto salvare la Fucina avrei dovuto avere delle turbine nuove e tre ore , visto che dovevo togliere le vecchie e metterne delle nuove e tutto sarebbe stato molto difficile e se sbagliavo un cavo o un filo tutto sarebbe stato distrutto . Oramai era fatta e nessuna delle armi si era salvata ma almeno Max era sano e salvo non aveva più la Fucina ma era vivo . Quando era sulla sua astronave ricevette una chiamata di suo padre proprio quando seppe che la sua Fucina era stata distrutta non era molto preoccupata per essa ma per suo figlio e disse – tu stai bene ? .

Si , sto bene e anche tutte le persone che erano li , sono state evacuate prima dell’ esplosione sopratutto grazie a un uomo di nome Daniel Saintcall . Quando il padre senti il nome e pensò a una cosa e disse – Meno male che si sono salvati tutti quanti e la persona che hai incontrata e uno dei figli di Alukard e Helena Saintcall . Max chiese al padre – ma i Dominatori di Poteri non erano morti tutti nella Guerra dell’ Universo .

Pare di no e meno male che oggi c’ e stato lui , seno sarebbero morte un sacco di gente . Certo abbiamo perso la Fucina ma almeno tutte le persone che erano li sono vive , questo è l’ importante . La Fucina era stata distrutta dal fratello per vendetta e non si poteva dire che era stato Vulkanus perché lui aveva fatto sparire tutte le tracce del suo passaggio e aveva ucciso le persone che erano nella fornace .Una volta distrutta la turbina , lui chiuse a chiave la porta della fucina e li lascio li a morire per la prima esplosione , io non li potevo salvare perché per loro era troppo tardi ed erano già morti . La Fucina di Villengard è stata distrutta per vendetta , solo questo e niente altro .