Categorie
Alice Miller Angela Marini Azzurra Alfieri Luce Miller

Azzurra Alfieri cerca di calmare Alice e Luce Miller

Da quando Angela aveva rasato a zero le loro teste il loro comportamento era cambiato visto che appena sentivano una porta aprirsi avevano paura che fosse un ‘ altra volta Angela a farle qualcosa di peggio . Azzurra le aveva portate sul suo letto che era come quello degli altri cioè sporco e davvero molto scomoda ma era meglio di niente . Una volta sul letto Azzurra si inizio a comportare come una madre affettuosa e prese un fazzoletto che aveva nella tasca destra dei suoi pantaloni e inizio a togliere le lacrime delle ragazze dal volto . Il volto era quello di sempre ma appena sentivano una porta cambiava in pochi minuti da essere felice a essere tristi e piene di paura visto che quello che le aveva fatto quella pazza sadica era stato molto brutto . Azzurra abbraccio Alice e Luce e le poteva solo accarezzare solo la testa visto che dei loro capelli non c’ era traccia visto che erano in una stanza a terra e solo il tempo li avrebbe fatti ricrescere . Per farle calmare ci voleva ben altro di una giornata , c’ era bisogno di più tempo visto che erano ancora molto scosse e quando sentivano una porta aprirsi andavano sotto i loro letti per non farsi prendere da nessuno visto che aveva paura che questa volta le ferite potevano essere sul loro dolce volto oppure sul loro corpo . Azzurra era l’ unica persona che poteva farle calmare visto che anche quando era a scuola e stava succedendo qualcosa di male per loro Azzurra le prendeva sotto le sue dolci attenzione e le proteggeva . Alice e Luce avevano davvero molto paura visto che Angela con loro era stata davvero molto malvagia e crudele visto che lo aveva fatto per vendetta e quella volta non le poteva difendere nessuno neanche Azzurra che aveva provato a fare qualcosa ma quella volta era troppo tardi visto che le prove erano li e anche il colpevole . Angela dopo aver rasato a zero la testa delle gemelle Alice e Luce Miller andò da Azzurra e la prese da dietro per i capelli e li teneva molto stretti con la sua mano destra – non le potrai proteggere per sempre queste ragazzine . Puoi fare quello che vuoi ma prima o poi loro soccomberanno per mano mia e prima di farle morire tu dovrai sentirle gridare il tuo nome e tu le vedrai morire una dopo l’ altra e tu vivrai ma con un grande peso nel cuore cioè che tu le potevi salvare ma eri legata da una parte e quindi sono morte per colpa della tua paura anche se non è vero però io gli dirò cosi prima di morire e tu non potrai fare niente . Angela vide che Azzurra aveva uno straccio in mano e stava pulendo nelle varie parti e per far diventare il suo lavoro più levante sputo su una maglietta nera e dopo averla lasciata andare – vedi su quella maglietta c’ e una macchia prendila e lavala prima che io mi tolga la cintura dei pantaloni e ti do una frustata di fuoco e i se i tuoi capelli per la piccola prese che ti ho fatto male figuriamoci la schiena dopo la frustata di fuoco . Azzurra prese la maglietta nera dove sulla quale aveva sputato Angela e poi per rendere ancora il lavoro più pesante e schifoso fermo Azzurra prese la maglietta e vide che non era ancora molto sporca e visto che aveva nell’ altra mano il suo caffè e lo verso sulla maglietta nera e poi disse – adesso muoviti oppure farò quello che ti ho detto prima e per farti passare il dolore dovrai andare molte volte dalla guaritrice . Azzurra mise la maglietta nella lavatrice e poi decise di tornare dalle gemelle Miller per curare il loro stato mentale e proprio in quel momento il suo potere si risveglio ed era quello di distruggere le loro paure . Azzurra distrusse la loro paura che era grande visto che le loro paure aveva l’ aspetto di Angela e dopo aver fatto vedere come affrontarlo loro non avevano più nessuna paura di quella persona . Quando lo faceva tutto attorno al suo corpo c’ era una luce blu molto illuminante e non solo il suo corpo ma anche quello di Alice e Luce Miller . Dopo aver finito Alice e Luce smisero di piangere e adesso erano più forte e quindi adesso potevano affrontare tutto e per questo era una cosa molto bella . Alice e Luce ringraziarono Azzurra che aveva tolto la sua paura dal loro cuore che aveva un peso dentro e non sapevano come toglierselo visto che era dentro di lei e puntava sulla sua paura e questo le faceva mettere a piangere in ogni occasione . Azzurra anche se aveva tolto la paura dal cuore delle sue amiche e quello che voleva fare era uccidere Angela con il coltello di quella stronza che aveva tolto i capelli dalle teste di Angela . Quello che voleva fare era dargli un messaggio bello forte del tipo scrivere puttana sul armadietto di Angela ma non sapeva se farlo oppure no visto che se lo faceva questa volta non sarebbe stata punita solo Azzurra ma anche le altre ragazze ma in modo molto brutto . Angela decise di non farlo per non far punire le altre ragazze e quindi fare una cavolata del genere non era un buon momento visto che se faceva questa cosa le ragazze si sarebbero arrabbiate con Azzurra e quindi invece di essere unite sarebbero state unite e quindi non tutto sarebbe stato bello . 

Categorie
Alessandra Neri Daphne Strange Dottoressa Amelia Neri Guerriera Oscura L' Ombra Livia Santoro Roberto Auditore Serena Rafferty

L’ Ombra parla con Alessandra Neri e Amelia Neri

 

Dopo che L’ Ombra aveva rassicurato Alessandra Neri che adesso era nel suo alter ego la Pistolera Nera e le aveva detto che avrebbe fatto di tutto per salvare la vita della Guerriera Oscura se era in pericolo anche dal più piccolo . Una cosa che aveva detto la professoressa Livia Santoro era che quando dentro la parte più oscura quando vengono colpiti le ferite che si hanno la dentro le hanno pure nella realtà . L’ Ombra decise di dire questa cosa alla Pistolera Oscura anche se sapeva che dopo aver detto quelle parole lei avrebbe fatto ancora molto più di più per proteggerla . L’Ombra si giro verso la Pistolera Oscura e inizio a dire – scusa non ho detto una cosa né a te e nemmeno alla Guerriera Oscura , Non glielo detto per non farla preoccupare di questa cosa . Alessandra Neri era seduta alla sua scrivania per vedere se le sue pistole erano molto ben pulite oppure no e poi chiese in molto cordiale – cosa non hai detto . Se è qualcosa di brutto devi dirmela subito . Alla fine decise di mollare il sacco e di dire tutto ad Alessandra Neri visto che se non glielo diceva nel futuro la vita della Guerriera Oscura sarebbe stata in pericolo – Livia mi ha detto che se uno viene ferito quando è nella parte oscura di una mente manipolata viene ferito anche nella realtà e quindi per salvare le nostre vite anche quella della Guerriera Oscura abbiamo bisogno della Dottoressa Amelia Neri . Quello che aveva detto era molto brutto visto che non sapeva come avrebbe reagito Alessandra Neri a questa cosa – ne sei sicuro , gli chiese mentre teneva ferma una delle due pistole fermo nella mano sinistra . L’ Ombra gli fece cenno con la testa e poi gli disse mentre la guardava nei suoi occhi che erano pieni di rabbia visto che sapeva già che non poteva fare niente visto che gli unici che potevano entrare nella mente di una persona sono quelli che hanno il potere di leggere il pensiero delle persone . Alessandra si alzo dalla sedia e andò vicino all’ Ombra ma questa volta era calma e gli disse come un favore personale visto che adesso la Guerriera Oscura era divenuta una cosa molto preziosa – per favore proteggila visto che li dentro ci saranno pericoli come non mai visto che non so cosa dovete fare ma fai attenzione pure per lei . L’ Ombra decise di fare come aveva detto la Pistolera Oscura visto che non voleva perdere una grande alleata e anche un amica e quindi decise di fare questo – In questa missione dobbiamo farci aiutare pure da Amelia Neri cosi se siamo in pericolo oppure abbiamo qualche ferita lei ci può curare e noi possiamo andare avanti con la nostra missione . Alessandra chiamo dal suo citofono Amelia Neri che era dentro al suo studio per vedere se aveva qualcosa da fare ma per il momento non aveva niente e poi fu chiamata dalla sua amica preside . Una volta arrivata vide li dentro l’ Ombra e capì che doveva essere una cosa molto importante e decise di prendere parola prima lui – non adesso ma tra un giorno abbiamo bisogno del tuo aiuto visto che io e la Guerriera Oscura dobbiamo entrare nella mente di Daphne e stiamo per andare nella parte più oscura e quando veniamo feriti li dentro veniamo feriti anche qui e per questo tu ci devi curare ogni volta che abbiamo delle ferite e anche quelle più gravi . Amelia era felice di aiutare queste persona visto che lo stava facendo per salvare le ragazze rinchiuse li dentro e tutte quante venivano trattate molto male . Amelia capiva quanto poteva essere pericoloso e decise di aiutare l’ Ombra ma prima di farlo fece un avviso all’ Ombra visto che Amelia era stata aiutata più volte dalla Guerriera Oscura in passato e quando lei era in pericolo si faceva aiutare da Amelia Neri . Quando si doveva ricucire andava da Amelia Neri che aveva capito chi era ma non lo aveva mai detto a nessuno per salvare la sua vita e per fare in modo che lei salvasse le persone che avevano un problema oppure no . Amelia Neri sapeva che se moriva Serena Rafferty la speranza delle persone che non erano famose poteva morire e per questo doveva farlo . Visto che se moriva lei le cheerlader o meglio dette I mostri avrebbero fatto tutto quello che avrebbero voluto e questa scuola sarebbe divenuto il loro covo oscura dove fare tutto quello che avevano in mente di malvagio . Se Serena Rafferty moriva qui dentro ci sarebbe stata l’ anarchia e nessuno avrebbe potuto aiutare le persone che non era come le cheerlader . Le cheerlader erano delle Amazzoni e per questo le persone che non erano molto ben allenate non avevano nemmeno una possibilità contro di loro . Amelia sapeva già cosa sarebbe successo se La Guerriera Oscura moriva tutte le ragazze meno popolari sarebbero morte e nessuno ci avrebbero potuto fare niente nemmeno L’ Ombra visto che lui aveva la mente ma loro aveva tutto nel senso una forza mostruosa , un allenamento incredibile e un aspetto che le faceva sembrare e delle dee e per questo nessuno poteva resistere al loro fascino . Nessuno avrebbe potuto fermare queste arpie che adesso non potevano fare niente ma una volta sconfitta la Guerriera Oscura ci sarebbe stata una sola cosa li per i corridoi delle scuola cioè il sangue delle ragazze meno popolari .  

 

Categorie
Alessandra Neri Daphne Strange Guerriera Oscura L' Ombra Pistolera Oscura Roberto Auditore Serena Rafferty

L’ Ombra si fa aiutare dalla Guerriera Oscura e dall’ Ombra

Dopo che aveva sentito dalla sua professoressa Livia che lei non avrebbero detto a nessuno del suo alter ego visto che sapeva cosa sarebbe successo se avrebbe detto a qualcuno cosa fare cioè sarebbe morto . Adesso che la vita era sicura visto che Livia aveva una mente davvero molto sicura visto che se uno provava ad entrare nella mente della professoressa uno non sarebbe riuscito a trovare niente visto che il modo di proteggerla era come un labirinto senza nessuna via di uscita . Ci aveva messo tre mesi per fare questa protezione visto che prima doveva impararlo a fare senza alcun pericolo. La secondo volta lo doveva fare in movimento e poi la terza volta quando più persona provavano a cercare di entrare dentro la sua mente e senza questa protezione visto che doveva fare due cose cioè proteggere la sua mente e sconfiggere i nemici che erano dentro la sua mente . Ci aveva messo un sacco di tempo ma dopo diverse volte ci è riuscita e adesso la sua mente ha una grande protezione . Roberto se ne andò dall’ aula e con calma stava pensando a chi la poteva aiutarlo e poi si ricordo che aveva una persona che sapeva leggere la mente delle persona ma per il momento non sapeva a che livello era e quindi non sapeva se sapeva entrare dentro la mente di una persona . La Guerriera Oscura era dentro l’ ufficio della preside e stava vedendo le pistole nere che erano sulla scrivania della preside . Le pistole nere erano bellissime e molto potenti e quando le toccavi potevi sentire il loro potere che era molto grande . L’Ombra era tornato nell’ ufficio della preside e aveva chiuso a chiave la porta e poi si mise seduta con La Guerriera Oscura sulle poltrone . L’ Ombra era curioso di sapere a che punto era nel leggere la mente e disse con un tono calmo e anche un po’ serio – Guerriera Oscura sai entrare dentro la mente delle persone si o no ? . La Guerriera Oscura lo sapeva fare e anche molto visto che come sapeva fare L’ Ombra poteva far apparire il suo equipaggiamento dentro la mente di un ‘ altra persona . La Guerriera Oscura vide gli occhi dell’ Ombra che erano seri e poi tornarono ad essere meno seri quando la ragazza le disse – si lo so fare . Perché lo volevi sapere ? . L’ Ombra decise di dire all’ Ombra e alla Pistolera Nera i pericoli che doveva affrontare li dentro – Allora ho parlato con la professoressa Livia e mi ha detto che li dentro ci saranno mostri e molte persone che vogliono far del male a tutti quelli che entrano nella parte più oscura della mente di Daphne . Ho chiesto alla Guerriera Oscura questa cosa perché lei viene con me visto che dobbiamo fare una cosa molto pericolosa e non ce la posso fare tutto da solo e ho bisogno del suo aiuto . La Pistolera Nera sapeva che questa era molto pericolosa e decise di far fare a loro due questa cosa e disse – allora se dovete fare questa cosa , non importa a che punto state ma dovete andarvene subito appena c’ e un pericolo sono stata chiara . Se no non ci andate e non se ne fa niente perché voi siete due miei alleati e amici e non vi voglio perdere visto che li dentro ci sono pericoli come non mai . L’ Ombra e la Guerriera Oscura decisero di accettare questa condizione e mentre la Guerriera Oscura era andata a riposarsi un po’ visto che era stanca e quindi per far funzionare il potere di leggere nel pensiero era meglio dormire visto se uno non dormiva bene si poteva morire . L’ Ombra era rimasta nella stessa stanza con la preside e sapeva già cosa voleva fare cioè dire a lui di proteggere la vita della sua amica che forse se con gli anni sarebbe stata in vita sarebbe potuta diventare la nuova Pistolera Oscura e cosi in modo da passare alla prossima generazione . La Pistolera Oscura si avvicino all’ Ombra e lui stava indietreggiando passo dopo passo e con uno sguardo molto serio visto che aveva le sue pistole in mano e aveva quasi la voglia di usarle e disse – La Guerriera Oscura è una persona molto importante per me quindi fa attenzione alla sua vita . L’ Ombra non aveva nessuna paura delle minacce fatte a lui visto che negli anni ne avevano fatte molte e decise di dire – la proteggerò molto bene quindi non ti preoccupare . 

Categorie
Alessandra Neri Daphne Strange Guerriera Oscura L' Ombra Livia Santoro Roberto Auditore Serena Rafferty

Roberto chiede aiuto a Livia Santoro

Livia Santoro è la nostra professoressa che ci insegna a leggere nel pensiero visto che non tutti riescono a capire come leggere nella mente delle persone e come utilizzare tutti i poteri legati a questo potere . Questo potere si evolve nel mettere un pensiero nella testa , poi creare un illusione e anche altro visto che se uno vuole può rendere reale una cosa ma di questo potere vi parlo più tardi quando Roberto e dentro la mente di Daphne Strange . Livia ha 25 anni , hai dei capelli neri lunghi ed è molto bella e sopratutto sa fare tutti i poteri legati ai poteri della mente e per questo lo sapeva cosa stavamo pensando e quindi lei sapeva questa cosa visto che ci riusciva a leggere come un libro . Roberto sapeva che era molto pericolosa andare nella mente di una persona che era stata manipolata e quindi prima di andarci voleva sapere se ci doveva andare da sola oppure no visto che era una cosa molto pericolosa da sola . Già era riuscita a stento a fare quello che aveva fatto senza morire e senza essere scoperto e già quello era difficile visto che c’ erano un sacco di nemici e adesso non sapeva cosa avrebbe trovato nella parti più oscure e per questo decise di chiedere aiuto alla sua professoressa Livia . Livia non era ancora uscita dalla sua aula visto che stava prendendo tutto quello che le serviva e Roberto decise di entrare nella sua aula . Una volta entrato chiuse la porta dopo essere entrato e decise di fare una domanda alla professoressa Livia che stava prendendo tutto e poi quando vide Roberto voleva capire cosa stava facendo li . Roberto si mise vicino a Livia e decise di fare la domanda che era molto importante visto che se serviva il suo aiuto per riprendere i ricordi perduti di Daphne . Roberto era pronto a chiedere visto che era una cosa molto importante e non riguardava sole le ragazzine rapite ma anche la sua vita – Professoressa Livia vorrei sapere se so che c’ e una persona che è stata manipolata e io devo entrare nella parte oscura della sua mente ci devo andare da solo oppure no . Livia sapeva che era una cosa molto pericolosa da sola visto che quando doveva fare queste cose ci andava con il suo gruppo di persone e alla fine decise di dire al suo alunno Roberto – se devi entrare nella parte più oscura della mente di una persona che è stata manipolata ci devi andare con un ‘ altra persona . Roberto se ne stava andando dall’ aula della professoressa Livia e in quel momento lo fermo mettendo la mano sulla porta e la chiuse – Roberto se devi farlo e hai qualche problema con questa tua operazione mi devi subito chiedere aiuto perché quello che stai per fare è molto pericolo e per questo ti chiedo fai attenzione quando stai dentro la mente visto che li dentro il posto sarà pieno di mostri e molte altre cose che li dentro ci sono . Roberto prima di andare a parlare con Alessandra Neri e con la Guerriera Oscura decise di stare un po’ con la professoressa Livia . Roberto chiuse la porta e si fermo sulla porta e si giro con la faccia verso la professoressa Livia e gli chiese in molto molto cordiale e anche un po’ preoccupato e decise di chiedere a lei tutto quello che sapeva visto che era vera esperta – Professoressa mi può dire tutto quello che posso incontrare li dentro . Livia sapeva dell’ Ombra e l’ unica che sapeva su di lui e che aveva un teschio nero sulla mano destra e quando li vide sul braccio di Roberto capì chi era . Dopo che la professoressa Livia aveva finito di dire a Roberto tutto quello che c’ era da sapere sulla parte oscura della mente e quando se ne stava andando gli disse – Buona Fortuna Ombra . Roberto si fermo dalla porta e guardo verso la professoressa Livia che aveva scoperto il suo segreto e gli disse per rassicurarlo – non ti preoccupare sono una tomba , non dirò niente e nessuno mi puoi entrare nella mente visto che ho fatto una protezione mentale davvero molto forte . Se hai bisogno chiedi pure a me . Roberto adesso sapeva cosa fare visto che grazie alla professoressa Livia adesso sapeva su tutti i pericoli nella parte oscura di una mente che era stata manipolata .