Categorie
2013 2014 2015 2016 Cinema Film Lara Croft Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Marti Noxon sceneggerà il nuovo Tomb Raider

Da Buffy l’Ammazzavampiri a Tomb Raider. Colpo a sorpresa della MGM e della GK Films, affidatisi proprio a Marti Noxon per riportare in vita Lara Croft. Ad annunciare l’avvenuto accordo Variety.

Pubblicato per la prima volta nel 1996, il videogioco Tomb Raider ha venduto oltre 35 milioni di ‘unità’ in giro per il mondo, tanto da tramutare la Croft in uno dei nomi simbolo del settore. Ad aiutare il ‘fenomeno pop’ legato a Tomb Raider, ovviamente, anche i due titoli cinematografici visti in sala nel 2001 e nel 2003, con protagonista Angelina Jolie.

Ultimamente (5 marzo 2013), Square Enix ha rilanciato il gioco in grande stile, riavviando la serie con un titolo semplice ed eloquente. Tomb Raider. Hollywood seguirà queste orme, riportando in sala il mito. 432 i milioni di dollari all’epoca incassati dal doppio capitolo, ancora a caccia della ‘nuova’ Lara Croft.

Tra gli script per il grande schermo di Marti Noxon si ricordano i dimenticabili I Am Number Four e Fright Night, remake proprio dell’Ammazzavampiri del 1985. Ad una donna, in conclusione, il compito di far risorgere Tomb Raider.

 

Categorie
2013 2014 2015 2016 Cinema Film Mondo Notizie Notizie dal Mondo

L’Uomo d’Acciaio 2: la Warner pianifica il sequel – torna Zack Snyder

Pochi giorni ancora e l’Uomo d’Acciaio sarà finalmente realtà. Pochi giorni ancora per leggere la nostra recensione, e per valutare l’eventuale boom al box office. Nell’attesa, la Warner avrebbe deciso di bruciare le tappe pianificando di fatto il capitolo 2.

Anche se ancora inedito, il film di Zack Snyder ha infatti già incassato circa 170 milioni di dollari, grazie ad una serie di patnership con oltre 90 marchi sparsi in giro per il mondo. Quasi l’intero budget del film è stato ampiamente ripagato da questa clamorosa operazione di puro marketing, tanto da consentire un capitolo 2 ancor prima di ‘pesare’ con mano l’eventuale successo in sala.

Secondo quanto riportato da Deadline, infatti, Zack Snyder tornerà in cabina di regia per l’Uomo d’Acciaio 2, così come è stato già riconfermato David S. Goyer in cabina di sceneggiatura. Per Goyer, va detto, il colpo è stato doppio, perché proprio a lui lo studios ha affidato l’ambito progetto Justice League, da sceneggiare ed ufficializzare una volta quantificato il boom di Superman.

Unico dubbio rimasto ancora a galla, quello legato a Christopher Nolan, produttore, mentore e co-sceneggiatore di questo primo capitolo e ancora tutt’altro che certo di tornare nel secondo. O almeno non in questi panni così pressanti. Lanciato il sasso, ovviamente, in rete è già esploso il toto-villain per il sequel. Chi vedremo al fianco di Clark Kent: Brainiac, Bizarro, Metallo, Doomsday, Darkseid o altri?

Interpretato da Henry Cavill, Diane Lane, Kevin Costner, Amy Adams, Michael Shannon, Russell Crowe, Christopher Meloni, Harry J. Lennix, Antje Traue e Laurence Fishburne, L’Uomo d’Acciaio uscirà il 20 giugno nei cinema d’Italia

 

Categorie
2013 2014 2015 2016 Cinema Film Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Penélope Cruz nuova Bond-girl?

Giusto un paio di giorni fa era arrivata la bella notizia della conferma in cabina di regia, dopo lunghi corteggiamenti e negoziazioni, di Bond 24 dell’acclamato regista inglese Sam Mendes (qui i dettagli). Ora arrivano altre novità su questo prossimo capitolo del franchise con protagonista l’agente con licenza di uccidere 007: da quel che riporta Yahoo! Movies UK, sembrerebbe infatti che si sia anche già trovata una nuova Bond-girl… Penélope Cruz.

L’attrice spagnola (Oscar per Vicky Cristina Barcelona) sarebbe infatti in trattative per vestire i panni della sensuale e misteriosa donna che intrigherà il protagonista Daniel Craig. Come fa notare il sito, se le trattative andassero in porto, la Cruz (39 anni) sarebbe la Bond-girl più vecchia della storia della saga: dettaglio a dire il vero tutt’altro che importante anche perché l’affascinante Craig è ormai alla soglia dei 45. Per i produttori Barbara Broccoli e Michael G. Wilson quello di  Penélope Cruz è assolutamente il nome giusto ed entrambi sono motivati convincere l’attrice ad accettare il ruolo e a cercare di incastrare i suoi impegni pregressi per rendere la sua partecipazione a Bond 24 (e magari anche a Bond 25) possibile. Vi terremo aggiornati.

Le riprese di Bond 24 dovrebbero iniziare nell’estate 2014: con una certa prudenza si è parlato di una release per il 2016, ma anche l’ipotesi di un’uscita nel 2015 non è poi così remota.

La “venerazione” dei produttori del franchise Barbara Broccoli e Michael G. Wilson verso Mendes è cosa nota e il suo iniziale diniego nel dirigere Bond 24 (le motivazioni non erano legate a nessuna incomprensione artistica o frizioni con la produzione quanto al fatto che il regista inglese aveva già in corso altri progetti, per lo più teatrali, che non voleva trascurare) li aveva lasciati molto amareggiati. Con Skyfall, l’autore inglese Sam Mendes aveva confezionato un prodotto spettacolare e raffinato al tempo stesso, un film elegante e commerciale che è arrivato ad incassare più di 1,1 miliardi di dollari nel mondo. Ora che il suo nome è confermato e che anche una Bond-girl è (quasi) stata trovata, sembra che il progetto si stia realmente mettendo in moto.

 

Categorie
2015 2016 2017 Cinema Film Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Alice in Wonderland 2 – Into the Looking Glass: James Bobin alla regia?

Per molti fan della prima ora di Tim Burton, Alice in Wonderland ha segnato la filmografia del regista. In negativo. Venduta l’anima alla Disney, Tim ha dato vita ad un film ancora oggi estremamente criticato, ma in grado di incassare 1,024,299,904 dollari in tutto il mondo. Una quantità impressionante di denaro, che ha lanciato il filone ‘fiabe live action al cinema’ e spinto la major ad ideare un clamoroso sequel.

Alice in Wonderland avrà infatti un capitolo 2, ma senza Burton al timone. Variety riporta infatti che James Bobin, regista del primo film dei Muppet e del sequel in arrivo, The Muppets… Again!, sarebbe in trattative per dirigere il ritorno di Alice in sala, attualmente intitolato Into the Looking Glass.

Ad occuparsi dello script, ancora una volta, Linda Woolverton, mentre in cabina di produzione ritroveranno spazio Joe Roth, Suzanne Todd e Jennifer Todd. Dopo Il Grande e Potente Oz, e in attesa di “Maleficent,” “Cinderella,” “Peter and the Starcatchers” e “Magic Kingdom”, la Disney torna così a toccare con mano l’Universo fiabesco, prendendo probabilmente a piene mani daAttraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò, scritto da Lewis Carroll nel 1871 e già ‘fonte’ di materiale per l’Alice in Wonderland di Burton.

Per Bobin, in passato, c’è stato anche la serie televisiva dal taglio musicale Flight of the Conchords, prima di fare il suo esordio al cinema con i Muppet. Per quanto riguarda il cast della pellicola, ovviamente, nessuno sa chi tornerà, anche se tra Johnny Depp, Mia Wasikowska, Anne Hathaway, Helena Bonham Carter e Crispin Glover, la più scontata e portata al ritorno, quasi obbligatoriamente, sarà ovviamente Mia.

 

Categorie
2013 2016 Cinema Film Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Il film di Angry Birds sarà scritto da Jon Vitti

Rovio ha annunciato che il film di Angry Birds sarà scritto da Jon Vitti, che ha curato alcuni episodi de I Simpson, King of the Hill e Da Ali G Show.

Vitti ha scritto alcuni degli episodi storici dei Simpson, tra cui l’iconica Mr. Spazzaneve.

Il film sarà prodotto da David Maisel (Iron Man) e John Cohen (Cattivissimo me), e vedrà il buio delle sale cinematografiche l’1 luglio 2016.

 

Categorie
1994 1997 2011 2013 2014 2015 2016 Cinema Film Mondi Fantastici Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Timecop torna al cinema: arriva il reboot Universal

Ancora reboot in quel di Hollywood, grazie al fumetto Dark Horse Timecop, pronto a tornare in sala per volere della Universal Pictures. Nel 1994, grazie alla regia di Peter Hyams e con Jean-Claude Van Damme protagonista, il film fece la sua comparsa al cinema, incassando 44.853.581 dollari negli USA e 56.793.000 nel resto del mondo, per un totale globale di 101.646.581 dollari.

Al centro della trama i viaggi nel tempo. Perché si possono cambiare sia il passato che il futuro. Il nostro futuro. Protagonista indiscusso Max Walker, poliziotto duro ed intransigente, chiamato a fermare un nefasto complotto per distruggere il tempo a noi conosciuto. La pellicola del 1994 trasse ovviamente ispirazione dai fumetti di Mike Richardson (autore del soggetto) e Mark Verheiden (che l’ha anche sceneggiato), con Sam Raimi alla produzione. Ad occuparsi del reboot, invece, saranno Marc Shmuger e Tom McNulty.

“Ragazzi, mi piacerebbe l’idea di un ritorno. Mi piace come rumor. ‘Timecop’ stato un progetto divertente e uno dei miei primi film. Fu divertente da fare e credo davvero che ci sia la possibilità di dar vita ad un franchise, per la TV o il cinema. Sarebbe bello riportarlo in sala”.

Parole di Verheiden, rilasciate nel 2011 al sito Comingsoon.net ed oggi diventate realtà, per un film, quello del 1994, che ebbe anche un breve spin-off televisivo nel 1997 e un sequel, uscito direttamente in dvd nel 2003, titolato Timecop 2: The Berlin Decision. Al momento non si hanno notizie ulteriori, riguardanti regista e soprattutto protagonista, ma certo è che Timecop tornerà tra noi. Ma chi chiamare in sostituzione di Jean-Claude Van Damme, nel lontano 1994 autentico divo dell’action?

 

Categorie
2013 2014 2015 2016 Cinema Film Mondi Fantastici Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Film 2013-2014: Jurassic Park 4 sarà un reboot? – news dalle trame di Poltergeist e Ghostbusters 3

– Ghostbusters 3: ci risiamo. Dan Aykroyd è tornato a parlare dell’ormai fantomatico Ghostbusters 3, direttamente dallo studio di Larry King, annunciando che il film si baserà su una nuova ricerca di fisica particellare che alcuni ragazzi e ragazze stanno portando avanti presso la Columbia University. Peccato che questa ricerca sia una minaccia per i nostri quattro piani di esistenza, ovvero la lunghezza, l’altezza, la larghezza e il tempo, tanto da costringere gli Acchiappafantasmi a tornare in azione. Script pronto da una vita, ma via alla produzione ancora avvolto nel totale mistero.

– Poltergeist
: via alle riprese nel mese di settembre per il remake di Poltergeist firmato Gil Kenan (City of Ember). La nuova versione del film seguirà Eric Bowen e la sua famiglia. Perso il lavoro, l’uomo deve infatti trasferire tutto e tutti in una nuova città, per provare a ricominciare. Sua figlia Madison verrà però rapita, facendogli realmente capire cosa sia davvero importante: la famiglia. In questa nuovo Poltergeist la moglie di Eric, Amy, sarà in grado di comunicare con i morti, mentre tra i nuovi personaggi spiccherà quello di Carrigan Burke, personaggio televisivo a cui il soprannaturale non fa paura.

– Jurassic Park 4: inizialmente annunciato per l’estate del 2014, ed ora rinviato a data da destinarsi, Jurassic Park 4 non vedrà il ritorno di Sam Neill. E’ praticamente certo. Da quel che ha detto l’attore al Dominion Post, il film sarà un ‘enorme reboot’. Una vera e propria ripartenza del franchise. Peccato che il produttore Frank Marshall abbia detto esattamente il contrario: “non sarà un reboot”. Chi dei due avrà ragione?

– Hunter Killer: dopo un lungo e travagliato sviluppo, la Relativity Media ha trovato il suo regista per Hunter Killer. Secondo quanto riportato da Variety, infatti, sarà McG a dirigere il dramma d’azione. Tratto dal romanzo “Firing Point” di Don Keith e George Wallace, Hunter Killer ruoterà attorno ad un capitano di un sottomarino chiamato a lavorare con il team Navy SEAL per salvare il Presidente Russo, rapito durante un colpo di stato militare. Visto recentemente in sala con This Means War, McG sta attualmente girando Three Days to Kill, film sempre targato Relativity con protagonisti Kevin Costner, Hailee Steinfeld, Amber Heard e Connie Nielsen.

 

Categorie
2012 2016 Federica Pellegrini Sport

Pellegrini: “Lucas la mia ultima chance Sono pronta a emigrare”

Ieri Federica Pellegrini era a Milano per un incontro con il suo sponsor Nilox

Tra Fede e il nuovo tecnico accordo di 4 anni: «Dopo Londra mi ha ferito che alcuni nell’ambiente abbiano parlato coi giornalisti e non con me»
giorgio viberti
MILANO

ètornata. Dopo la delusione olimpica Federica Pellegrini non lascia, raddoppia. Ieri a Milano, in un meeting organizzato dallo sponsor Nilox (tecnologia al servizio di sport e divertimento), è parsa rinfrancata, vogliosa, ottimista. E sorridente.

Federica, ci sembra rinata. La cura Lucas funziona, allora?

«Forse. Ho di nuovo grandi progetti e tanta fiducia».

Ci spiega la metamorfosi?

«Philippe Lucas per me era l’ultima chance di tornare nell’élite. Per questo, insieme a Filippo (Magnini, il suo fidanzato, ndr), ho deciso di affidarmi di nuovo a lui come prima dei Mondiali di Shanghai (2011, ndr), che per me andarono molto bene».

Ma Lucas allena a Narbonne, a 900 km dalla sua Verona.

«Troveremo un accordo. Spero che Philippe voglia venire con regolarità al Centro federale di Verona, altrimenti andremo noi da lui in Francia».

La Federnuoto italiana tempo fa non sembrava approvare l’arrivo di Lucas in Italia.

«È vero e le dichiarazioni del presidente Barelli non mi erano piaciute, però la sua conferma alla guida della Fin pare aver risolto tante cose. Magia delle elezioni. Butini e Coconi (responsabili tecnici azzurri, ndr) sono venuti a Verona per cercare una soluzione. E adesso la Federazione è disposta a fare un contratto a Lucas».

Allora è tutto risolto?

«No, perché Philippe è legato, credo ancora per un anno, alla società di Narbonne. Aspetto al più presto una sua decisione, ma in ogni caso mi allenerà lui».

Con quali obiettivi?

«Con un progetto di 4 anni, verso i Giochi 2016. In questo Lucas è anche più estremo di me, dice che posso concedermi un anno meno stressante per poi tornare più forte di prima. Ho fiducia».
In che cosa consiste quest’anno “meno stressante”?

«Più lavoro in palestra, allenamenti anche a piedi, di corsa, come non avevo mai fatto. Per questo sono anche dimagrita».

E niente più gare individuali di stile libero, la sua specialità?

«Preparerò solo le staffette e nel frattempo mi dedicherò di più a delfino e dorso, magari tentando anche di qualificarmi in quelle specialità per i Mondiali 2013».
Qualcuno aveva detto che lei cullava l’idea di un figlio…

«Per un bimbo ci sarà tempo. Ora ho in testa Rio e sono disposta a fare qualsiasi cosa, anche passare tre anni a Narbonne».

Beh, non sarà poi l’inferno…

«Ma voi avete mai provato a vivere a Narbonne? Io sì».

Non c’è vita notturna?

«Quella non mi interessa proprio, visto che alle 7,30 si va già in vasca. Verona però…».
Teme di sentirsi sola?

«Il mio è uno sport solitario, ma la gente cara mi è sempre stata vicina, anche dopo la delusione di Londra. E degli altri non mi interessa molto».

C’è una ferita ancora aperta dopo il flop dei Giochi?

«Volevo due ori e invece ho raccolto solo due quinti posti. Non do colpa a nessuno, ma mi ha fatto male che alcune persone dell’ambiente abbiano avuto il coraggio di parlare solo con i giornalisti e non con me. Io sono sempre stata diretta nei miei rapporti personali, a costo magari di passare per str… Altri con me non lo sono stati».

Categorie
2011 2016 Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri New York Pandora Pandora Black T.A.R.D.I.S Venere Zeus

Salvo Pandora

20 Marzo 2011

Era il 20 Marzo 2011 e faceva freddo ma non troppo freddo e quindi potevi stare in un posto o in luogo senza sentire quel freddo da Siberia o quel freddo che non potevi stare fermo in un posto solo. Io avevo intenzione di fare una cosa molto importante e Sarah la Fenice Rossa e la famiglia lo sapeva e invece di dire impossibile, mi aveva detto un altra cosa – se ci riesci va bene. Ma devi essere pronto al fatto che tutto potrebbe andare male e che Pandora non ti vuole seguire e che non si fida di te. Io ero pronto a questo fatto e aveva deciso di farlo, aveva deciso di prendere la piccola Pandora che era rimasta per molti secoli dentro a quel vaso. Sarah la Fenice Rossa mi aveva fatto capire che il vaso era dentro l’ Empire State Building e quindi se andavo li era un vero e autentico suicidio visto una volta passato dentro la Hall, la persona che gestiva che le chiavi per andare dentro l’ Olimpo mi avrebbe guardato da lontano e avrebbe capito che io ero speciale. Ma quello che io seppi solo nel 2016 e grazie al fatto che Pandora si ricordo di questo e che fu Venere a liberarla dal vaso e poi lei andò dentro alle rive del Mar Egeo. Venere aveva deciso di farlo e di liberare li quello che c’ era nel vaso perché voleva sia liberare le emozioni delle persone, ma anche liberare Pandora. Questo me lo fece notare la mia I.A detta Cortana e me lo mostrò sullo schermo e Sarah sapeva cosa volevo fare ma si mise davanti a me – devi aspettare che tutto sia finito e che li appaia Pandora. Dopo che lei è apparsa puoi andare li e salvarla da qualunque cosa. Io dovetti fare come diceva la mia madrina Sarah e aspettai un ora e poi vidi che i fulmini che erano apparsi li sopra erano scomparsi nel nulla e da dentro al vaso non usciva più nulla tranne il corpo di una giovane donna di nome Pandora che cadde in mare. Venere stava per buttarsi giù e salvare la vita della sua amica ma si trovò nell’ Olimpo e non sapeva come, ma poi si girò e vede davanti a se l’ unica persona che non voleva vedere in quel momento cioè Zeus- hai da dire qualcosa in tuo discolpa dea Venere? . Venere guardo Zeus con uno sguardo di sfida e di affronto – si non è stato giusto far vedere a Kratos che Pandora era morta, quando invece lei era solo intrappolata dentro al vaso e che tu non la volevi liberare per tenerlo in pugno. Zeus decise di non fare nulla contro Venere visto che se lo faceva sarebbe stata una prova per la verità detta da Venere. Mentre nell’ Olimpo tutti discutevano di quello che aveva fatto Venere, io teletrasportai il mio T.A.R.D.I.S li sulle scogliere del pericolossimo Mar Egeo e poi mi tuffai li dentro. Ogni metro che facevo io, il corpo di Pandora cadeva ancora più in basso e cosi usai i miei poteri e inizia a nuotare molto velocemente e presi Pandora e poi la riportai a galla. Una volta tra le mie braccia la misi a terra e poi usai i miei poteri di guarigione per far sputare l’ acqua a Pandora e lei ne sputò davvero molto a terra. Zeus mi aveva visto in faccia e avevo capito chi ero e aveva capito cosa ci avrei fatto con Pandora e mi lascio fare visto che grazie al T.A.R.D.I.S e ai miei occhi avevo capito chi era e cosa avrei fatto a Pandora. Pandora si alzo con calma vicino alla mia nave e lei mi serve stare li a vedere il cielo e poi lei si rivolse a me – dove siamo ?. Io andai verso di me con calma – siamo sulle Rive del Mar Egeo e io sono Daniel. Pandora si alzo con calma visto che lei era svenuta a terra prima di potermi dire qualcosa e ci credo visto che lei aveva perso quello che c’ era dentro di lei e voglio dire tutto anche quella parte del vaso che le aveva permesso di stare in acqua cosi a lungo e senza morire. Pandora capì che si poteva fidare di me visto che vicino a lei c’ era una borraccia di acqua fresca e a lei non importava per adesso cosa fosse, basta che lei poteva bere acqua visto che era da molto tempo che non la beveva. Pandora dopo aver bevuto venne verso di me – io sono Pandora e credo che tu sia qui per salvarmi. Io feci cenno con la testa di si e diedi la mano a Pandora – adesso io ti porto a casa mia e li ti puoi mettere degli abiti normali e cosi non senti più freddo e sopratutto mi puoi spiegare cosa ti ricordi. Pandora aveva capito che io ero li per salvarla e non per ucciderla e cosi decise di fidarsi di me e io la portai a casa mia con uno dei miei poteri cioè il teletrasporto.