Categorie
Delondry Bates Doccia Icy Jenna Jenna Milton Robert Foreman

Jenna Milton decide di rendere Icy pazza e farla escludere dagli altri

Jenna Milton voleva uccidere Icy ma voleva farlo quando non c’ era nessuno accanto a lei . Voleva che morisse dentro un posto abbandonato per mano sua e visto che tutti la consideravano morta avrebbero pensato che Icy si era suicidata e si era scritta quella cosa sul corpo per far pensare che Jenna era viva . Jenna dopo aver fatto qualche giro di pattuglia capì cosa doveva fare per rendere Icy pazza e farla escludere da tutta quanta la scuola e sarebbe una persona che secondo tutti e morta e va al suo stesso funerale . Dentro la Spirit Academy si studiano molte cose tra le varie anche psicologia sopratutto per cercare di non far impazzire gli studenti . Quando si hanno dei poteri pensi di essere un dio in terra e di poter fare tutto quello che vuoi e alcune persone vengono mandate li per capire la grande differenza tra il bene e il male . Tra le varie persone che hanno fatto psicologia e Jenna Milton e li dentro era la migliore di tutto il corso e quindi se c’ era una persona che sapeva come rendere una persona da razionale a pazza e cosi farla isolare da tutta la scuola quella era Jenna . Jenna sapeva che Icy era la sua più grande nemica e uno dei grandi ostacoli per stare vicino al suo amato . Jenna decise di far impazzire Icy andando al suo stesso funerale e una volta arrivata li l’ avrebbe minacciata di morte . Chi stava li pensava che Delondry stava cercando di trovare dei nuovi modi per minacciare i criminali e per questo nessuno le diceva niente , anzi la incoraggiava a fare queste . Jenna aveva trovato la copertura perfetta per dare inizio alla morte di Icy e niente e nessuno le avrebbe tolto il pensiero di tale vendetta . Jenna aveva quel pensiero non solo dentro la sua mente ma anche in tutto il corpo visto che lei stava scoppiando di adrenalina e non vedeva l’ ora di avere quella piccola puttanella nella sue mani per uccidere e cosi continuare la sua vita da fidanzata morta gelosa che uccide tutte le ragazze che ci provavano con Robert . Icy prima di andare al funerale era calma visto che il suo più grande nemico era morto e adesso non si doveva più preoccupare di stare lontano da Robert . Pure Robert era un po’ felice visto che adesso poteva parlare con tutte le ragazze che voleva e senza che nessuna di loro finisse in ospedale o peggio . Jenna era un vero mostro e aveva progettato tutto quanto dentro la sua mente e avrebbe fatto di tutto per riprendersi Robert . Quando Jenna tornava a casa sua si faceva una bella doccia calda e poi una volta messo qualcosa addosso faceva il piano per rendere Icy una pazza e non farla ascoltare da nessuno . Jenna aveva progettato tutto nei più minimi particolari visto che aveva deciso come procedere . Il suo piano era andare vicino ad Icy e dire alla madre che era un agente di polizia e che le doveva fare solo alcune domande e invece lei si sarebbe rivelata a lei e le detto quello che sarebbe successo nel senso che tra tre giorni sarebbe morta . Jenna doveva fare solo quello e poi il resto sarebbe venuto da se visto che un corpo c’era e tutto le prove che quella era Jenna erano li e tutti avrebbero creduto pazza Icy . Jenna non doveva fare niente apparte dare ad Icy una bella minaccia davanti a lei e poi tutto avrebbero isolato Icy visto che diceva che Jenna era viva e invece era morta . 

Categorie
Casa del Detective Daniel Saintcall Doccia Dominatore di Poteri Parkour Realta Aumentata Rebecca Russo Universing Universo Valentina Richardson Volpe Rossa Umana

Aiuto Rebecca Russo a controllare i poteri che gli avevo dato

Rebecca Russo una cosa che faceva tutte le mattine cioè si alzava la mattina presto verso le sei , si era messo una bella tuta rossa e poi andava a fare jogging e tutti i giorni si faceva una bellissima corsa per le strade dell’ Universing  , lo faceva per fare ginnastica e questo la aiutava a stendere i nervi . Appena tornava si faceva una buona doccia calda e poi si metteva una bella maglietta nera , pantaloni neri e delle scarpe nere . Una cosa che dovete sapere su Rebecca Russo era che alcune volte gli piace il rosso , alcune volte il rosso e altre volte altri colori e tutto dipende da come sta nel suo umore . Alcune volte il nero perché era arrabbiata oppure quando era felice e quel giorno Rebecca era molto felice , visto che oggi io l’ avrei aiutata a controllare i propri poteri . Rebecca una volta messe tutto quelle cose nere si era messo un braccialetto rosso come il fuoco , glielo aveva fatto Valentina Richardson per scusarsi di quello che aveva fatto nel loro allenamento . Sotto questo braccialetto c’ era un foglio sotto il braccialetto fatto per Rebecca Russo “ Mi dispiace non volevo farti male . Ti ho fatto questo braccialetto per chiederti scusa . Mi dispiace molto Tua figlia Rebecca “ . Quando Rebecca vide il braccialetto era davvero molto felice e quando vide Valentina andò ad abbracciarla e poi le diede un bacio sulla fronte e le disse con tanta felicità – Grazie figlia mia . Rebecca era felice di ottenere quel bellissimo braccialetto rosso fatto con i poteri della Volpe Rossa Umana che Valentina aveva imparato a utilizzare con calma e con quello fece il braccialetto . Rebecca era felice di sapere che sua figlia Valentina le voleva molto bene e aveva una cosa fatta con tutto il suo amore .

Io ero vestito con una maglietta nera con scritto “ Black Storm “ , pantaloni neri e scarpe da ginnastica visto che con quelle cose addosso aveva fatto parkour , un modo veloce e sicuro per arrivare alla Casa del Detective . Presi le chiavi e andai in cucina a prendere l’ acqua e inizia a bere moltissimo , Rebecca mi vide che stavo bevendo e dopo aver visto che avevo finito di bere mi guardo in faccia – mi puoi aiutare a imparare a controllare i miei poteri ? .

Io una volta finito di bere l’ acqua che era fresca e molto gelata ma con la mia invulnerabilità potevo bere tutta l’ energia gelata che volevo , poi senti quello che mi disse Rebecca , mi girai una volta messo l’ acqua a posto e una messo seduto su una delle sedia in cucina – Ok , adesso ti aiuto a controllare i tuoi poteri cosi potrai fare quello che ti serve .

Io e Rebecca insieme andammo nella camera degli allenamenti , io ci entrai prima e poi con un passo lente mi segui Rebecca che era pronta lo potevo vedere nei suoi occhi . Io mi misi accanto a Rebecca , eravamo uno davanti all’ altro e gli misi la mano sulla spalla – ora per far funzionare i tuoi poteri ti devi concentrare sul cuore . Non devi pensare con la testa nel far funzionare i tuoi poteri ma con il cuore , se non lo fai con il cuore non ci riesci . Rebecca provo a controllare il potere della telecinesi e vide che li c’ era un bastone di legno . Smise di pensare con la testa ma con il cuore e riusci ad alzarlo di tre metri e questo fu un grande passo in avanti di prima . Rebecca mi ringrazio per quello che avevo , cioè le aveva detto il metodo giusto per utilizzare i suoi poteri e cosi con calma e con molto allenamento lei poteva fare tutto .Rebecca vide la mia maglietta e non era sudato un po’ , aveva visto della polvere sotto le mie scarpe e però la mia maglietta non era sudata . Rebecca capì che io avevo fatto Parkour , una cosa che Rebecca voleva fare era il Parkour e mi chiese senza nessuna paura – mi impari il Parkour ? . Io ero sempre pronto ad aiutare tutti quanti e pure Rebecca e le disse con molta cortesia e con calma – certo te lo insegno . Mentre eravamo nella Sala degli Addestramenti e pure prima avevo sentito dei passi femminili di una ragazzina ed erano quelli di Valentina Richardson e io dissi ad alta voce – Lo insegno pure a te Valentina . Andai ad aprire la porta e trovai Valentina Richardson che stava origliano la nostra conversazione ed era molto felice di imparare a fare il Parkour . 

Categorie
1995 Alukard Saintcall Damon Saintcall Daniel Saintcall Distruttori Doccia Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Dr Alyssa Saintcall Maraxus Osservatore Osservatori Sarah la Fenice Rossa Sarah Saintcall Spazio Tempo

Il Mio Grido di Dolore

Dopo che la Guerra dell’ Universo era finita e io me ne ero andato da li , ripensai a cosa avevo appena perso . Mi girai e vidi tutto distrutto e senza nessuna possibilità di fare qualcosa per riportare indietro tutto e fare in modo che la strage fatta dai Distruttori fosse portata al termine . Nessuno del mio popolo era in vita , nessuno apparte me , mio fratello Damon e mia sorella Alyssa e della mia madrina Sarah Saintcall . Loro erano vivi sulla Terra e la verità di quello che è successo li sul mio pianeta nessuno deve saperla . Settembre arrivò e mi vide che ero insanguinato e pure la mia spada era piena di sangue dal suo manico fino alla fine .
Mi guardò in un modo strano come se lui sapesse cosa avevo fatto ,ma non mi disse niente . Lui sapeva che per me quel giorno il giorno del mio 18 compleanno era il giorno più brutto della mia vita . Lo potevo dire forte , era appena uscito dalla Guerra dell’ Universo e poi lancia il mio grido di dolore . Lo feci davanti al capo degli Osservatori che era li perché glielo avevo detto io di raggiungermi li dopo che ero uscito dalla Guerra dell’ Universo .

Tre Giorni Prima

Mi ero svegliato verso le 6 e mi fece una buona doccia calda e poi mi presi il caffè più forte che c’ era e poi senza dire niente né a Damon né a mia sorella Alyssa andai nel centro di Bright Falls e li incontrai Settembre e lui sapeva perché era li vicino a me .
– Quindi vuoi farlo . Vuoi andare da solo nella Grande Guerra dell’ Universo , è una pazzia . Sarah Saintcall ti ha detto che non ci devi andare .
– Lo so che mi ha detto che non ci devo andare però ieri ho avuto una visione nella quale faceva vedere che io entravo li e vincevo la Guerra dell’ Universo . Ci devo andare e voglio tu mi incontra dopo che ho fatto quello che ho fatto per tacere tutto e fare finta che quello che è successo li non lo sappia nessuno . Nessuno lo deve sapere né mio fratello né mia sorella , questo è una cosa che devo fare solo io . Settembre in quel momento gli sembro di parlare non con un giovane Daniel Saintcall , ma gli sembrava di parlare con il me del futuro che era molto più maturo e nel futuro aveva fatto cose molto grandi e sopratutto non aveva ancora rivelato a sua sorella e a suo fratello la verità su quello che è successo su Maraxus e solo io la dovevo conoscere e basta . Quello che ho fatto li , l’ ho fatto per salvare l’ intero universo e anche se ho fatto questa scelta quel giorno ho scarificato tantissimo . Ma non lo posso dire a nessuno , lo stesso giorno in cui ho fatto tale scelta ho fatto un giuramento solenne con i miei genitori Alukard e Helena Saintcall . Loro proprio mi dissero di non dire a nessuno quello che ho io fatto li , anche se l’ ho fatto per il bene dell’ intero universo . Tutte le persone li mi avrebbero guardato come un mostro , peggio dei Distruttori e cosi ogni giorni , ogni mese ,ogni anno e tutti gli anni che verranno devo portare il peso di quello che ho fatto li 25 Ottobre del 1991 e nessuno deve saperlo .

Categorie
2011 2013 Abbigliamento Accappatoio Accessori Daniel Saintcall Doccia Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Dr Alyssa Saintcall Pandora Parlare con Alyssa Parlare con Pandora

Faccio la doccia a Pandora e mia sorella Alyssa le fa dei nuovi vestiti

Il giorno in cui portai Pandora a casa , le feci conoscere alcune cose basilari che le servivano . Alla fine io presi le misure del corpo di Pandora per un motivo valido , perché volevo far fare a mia sorella Alyssa un bel vestito per Pandora . Diedi le misure a mia sorella Alyssa e lei con molta calma fece un bellissimo pigiama rosso e dal suo cassetto un bella mutandine rossa . Pandora mentre le prendevo le misure mi chiese – perché mi stai prendendo le misure ? , io le risposi – vedi Pandora questo vestito non è più bello , vedi è stropicciato , inoltre è strappato in alcuni punti e quindi adesso mia sorella Alyssa ti sta facendo un bellissimo pigiama rosso per te e sopratutto dopo ti portò da lei per farti spiegare e farti mettere una cosa . Pandora chiese – cosa ? e io le risposi – dopo con calma lo saprai , adesso ti porto in bagno e ci facciamo una bella doccia calda . Entrammo in bagno , io con calma le tolsi la cosa che aveva addosso , ma anche prima aveva un po paura , ma io le dissi – senti Pandora , non ti faccio niente di male , sta tranquilla e tutto andrà bene . Pandora si fidò di me e si fece levare la tunica che indossava , io la portai all’ interno della doccia e poi apri l’ acqua calda , non troppo calda non volevo far scottare Pandora . Dopo qualche minuto arrivò mia sorella Alyssa dentro il bagno e vide io che aspettavo li vicino che Pandora faceva la doccia . Alyssa aveva portato qualche asciugamano per Pandora , dopo poco Pandora usci dalla doccia calda , io le misi un accappatoio addosso e iniziai ad asciugarla . Io e Pandora uscimmo dal bagno e andammo in camera di mia sorella Alyssa , Pandora vide che era davvero una bella stanza piena di cose interessanti e cose che lei non aveva mai visto . Pandora vide questa ragazza con i capelli rossi , molto alta e molto bella , si avvicinò con calma a lei e disse da dietro – Piacere di conoscerti Alyssa , io sono Pandora . Alyssa noto Pandora e disse – piacere di conoscerti Pandora , adesso vieni con me e io ti faccio indossare alcune cose che ho preparato per te , Alyssa mi fece segno con gli occhi ” lasciaci un pò da soli ” . Io feci come mi aveva detto mia sorella e lei con calma fece vestire Pandora con quel pigiama rosso e poi la aiuto con calma a mettergli le mutandine rossa . Tutte e due le cose erano sul suo letto e le aveva preparate lei da sola . Alyssa disse – Marcello puoi entrare . Io entrai e tutti e due vedemmo Pandora che era bellissima con questi abiti addosso , Alyssa prese la porta del suo armadio , li c’ era uno specchio e fece specchiare Pandora . Pandora si vide nello specchio e disse – sono davvero carina con questi abiti , Alyssa vide che al look mancava una piccola cosa , cioè un cerchietto rosso da abbinare ai vestiti che indossava . Lei lo prese dal cassetto centrale del suo armadio che si trovava sotto i suoi bellissimi vestiti , lo prese con calma senza romperlo e lo sistemò sulla testa di Pandora con calma . Il look che aveva fatto mia sorella Alyssa per Pandora era perfetto e pure a Pandora piaceva e disse ad Alyssa – posso tenermi queste cose ? , Alyssa guardò negli occhi Pandora e disse – le ho fatte per te queste cose , quindi ti può tenere tutto anche il cerchietto e sopratutto ti sta benissimo . Io guardai Pandora e dissi – sei bellissima , stai davvero molto bene con questo stile , alla fine io e Pandora ci abbracciammo . 

 

Categorie
2013 Doccia Ginnastica Artistica Mirror's Edge Mondi Fantastici Mondo Parlare con Pandora Pensieri Persone Racconto Storia T-shirt

Pandora inizia a fare Ginnastica Artistica

Io avevo detto a Pandora di fare qualche sport tipo ginnastica artistica o altri sport che erano alla sua portata . Tra tutte le scelte , lei decise di praticare la ginnastica artistica , prima di praticarla decise di prendere informazioni sulle varie attrezzi si usano nella ginnastica artistica . L’ abbigliamento che doveva utilizzare in una gara o nella palestra e sopratutto le varie acrobazie . Nel mondo della ginnastica artistica ci sono molte acrobazie che si posso fare . Per esempio nel corpo libero , si possono fare salti all’ indietro , sulla trave di equilibrio si possono fare salti anche li fare salti , salti all’ indietro . Cioè in generale possiamo dire che la ginnastica artistica è molto bello come sport , sopratutto perché li incontri ragazze della tua età che ti aiutano a svolgere esercizi . Pandora aveva visto qualche video su come fare esercizi e aveva preso informazioni , io però con molta calma e dolcezza – non puoi imparare le cose da internet , come tutte le cose si impara facendo . Pandora dalle mie parole capì che se lei voleva fare ginnastica artistica doveva farla , per esempio prendiamo un attimo il parkour , Pandora lo imparò facendo con me e con Faith Connors di Mirror’s Edge . Allora lei inizio a cercare su internet una palestra dove poteva imparare queste cose , trovo molte palestre qui a Giugliano in Campania . Allora lei inizio ad andare tutti i giorni in quella palestra , si iniziava da sola a preparare una borsa dove metteva tutte le sue cose come asciugamani . La prima volta andai con Pandora nella palestra , perché dovevo inscrivere Pandora nella palestra . Quando andai io a parlare con il proprietario Pandora inizio a parlare un po’ con le altre persone che facevano pratica li dentro , voleva sapere un po’ se gli insegnati erano bravi e altro . Tra le varie ragazze Pandora fece subito amicizia con una ragazza che si chiama Federica Auditore una donna di 22 anni , molto bella e atletica . Quel giorno Federica aveva i capelli tutti tirati indietro in una forma di una coda di cavallo , e teneva ferma i capelli con alcune forcine per capelli e indossava una maglietta nera e dei pantaloni neri ed era a piedi nudi si avvicino a Pandora e disse – gli allenatori sono molto bravi e pazienti , ci aiutano nell’ eseguire i vari esercizi e si preoccupano di noi se ci facciamo male , comunque io sono Federica , piacere di conoscerti e Pandora strinse la mano e disse – io sono Pandora , piacere di conoscerti Federica , non sono tanto brava in ginnastica artistica se ho bisogno di aiuto ti posso chiedere aiuto a te . Federica disse a Pandora – certo , se hai bisogno aiuto puoi chiedere aiuto a me , agli allenatori o altre ragazze . Io che ero li a iscrivere Pandora nella palestra e li c’ era il capo della palestra un tipo molto atletico che da come mi strinse la mano capì subito che era un pugile . Quando lui mi strinse la mano io dissi – bella stretta , che è stato un pugile nel passato e Dante mi guardo e quando io gli strinsi la mano , gliela strinsi forte e penso lo stesso e quando io gli dissi quello , lui dissi – non ho afferrato il vostro nome e io dissi a lui – io mi chiamo Marcello e sono venuto per iscrivere una mia amica di nome Pandora qui , perché lei vuole fare ginnastica artistica . Dante mi domandò – dove è la ragazza ? , io risposi – è giù a parlare con alcune persone . Uscimmo dal suo ufficio e indicai Pandora e tutti e due insieme andammo verso Pandora e Dante disse a Pandora – piacere di conoscerti io sono Dante e sono il capo della palestra , benvenuta . Pandora diede la mano a Dante e disse – piacere di conoscerla io sono Pandora . Quando avevo portato Pandora alla palestra erano le 16:30 di pomeriggio , una bella giornata di sole , un sole tipo che spaccava le pietre . Il proprietario Dante si era presentato a Pandora e dopo prese Pandora e disse – adesso ti voglio far incontrare la tua allenatrice . Pandora andò con lui con passo lento e deciso e dal suo passo si vedeva che non si sarebbe fermata li , lei voleva fare qualsiasi cosa e tra le prime cose era la Ginnastica Artistica . La sua allenatrice una donna di 27 anni con i capelli molto lunghi ma spesso se li tirava indietro perché gli ostruivano la visuale . Pandora li vide ed era molto bella , atletica e stava vicino a delle ragazze vicino alla trave a dire come dovevano fare i vari esercizi e sopratutto se qualcuno non li faceva bene lei diceva cosa sbagliava e gli diceva il modo giusto per eseguire l’ esercizio . La donna di 27 anni si chiama Dana Mercer sapeva parlare inglese perfettamente visto che si aveva viaggiato molto e si era preparata da sola . Aveva studiato a scuola tutto sulla ginnastica artistica e poi quando all’ università per scienze motorie lei pote diventare un allenatrice dell’ università . Avendo la qualifica lei poteva operare da tutte le parti e decisi di operare sia all’ università sia in una palestra e da li inizio ad allenare le varie ragazze che andavano da lei . Lei con loro era un po’ dura ma quando serviva sapeva essere gentile e le sapeva ascoltare e consigliare alla grande . Pandora andò verso di lei e disse a lei – Piacere di conoscerla io sono Pandora e voglio imparare a fare ginnastica artistica e lei strinse la mano a Pandora e disse – Piacere di conoscerti Pandora , io sono Dana e sarò la tua allenatrice , so che sei alle prime armi io ti aiuterò a capire come fare i primi esercizi e ti farò diventare molto brava . Dopo un po’ Pandora venne verso di me e dissi – adesso io devo fare un po’ di esercizi , se ho bisogno di aiuto sarai qui . Io dissi a Pandora guardandola negli occhi – certo Pandora io staro qui e ce ne andiamo insieme . Pandora entrò negli spogliatoi insieme alla altre ragazze e si mise maglietta e pantaloncini che erano nella sua borsa. Pandora non aveva bisogno di mettersi i capelli dietro con una coda di cavallo , perché lei aveva i capelli corti . Dopo un po’ Dana fece allenare un po’ Pandora sulla trave , i primi tentativi andarono male , ma poi Pandora si mise di impegno e cerco di trovare il metodo giusto per non perdere l’ equilibrio sulla trave e sempre con molta calma lei inizio a fare gli esercizi sulla trave senza cadere . Dopo inizio a fargli fare qualche esercizio di corpo libero e inizio a fare come gli aveva detto l’ insegnate e tutto andò bene . Quando il primo giorno di allenamento fini , Dana andò verso Pandora e – Pandora se ti alleni tutti i giorni , tu potrai diventare brava , ma solo con molta pratica e molta pazienza potrai diventare brava in questo sport , ora va a fare la doccia e domani alle 15:00 ti spetto a fare l’ allenamento . Pandora senti l’ incoraggiamento di Dana e disse tra se e se “ se mi alleno tutti i giorni come mi ha detto la mia allenatrice potrò diventare brava “ . Pandora si fece la doccia e si vesti e poi andò verso di me come se gli fosse caduto il mondo a terra e io dissi a Pandora – niente si ottiene facilmente , ci vuole molta pazienze e bisogna faticare ogni giorno . Quindi sicuramente nei giorni a seguire se ti allenerai nel modo giusto e sicuramente seguirai gli insegnamenti della tua insegnate tu potrai diventare brava in ginnastica artistica . Pandora grazie alle mie parole si era tirata su di morale e disse – grazie Marcello , adesso mi impegnerò e diventerò brava in ginnastica artistica . 

Categorie
2012 Abbigliamento Accessori Allenamento Armi Assassinare Dialoghi Doccia Dominatore di Poteri Me Mondi Fantastici Mondo Parlare con Kratos Parlare con Pandora Persone Polizia Internazionale Polizia Internazione del Mondo Fantastico Racconto

Imparò a Pandora a chi sparare e cosa sa fare la pistola Ribellione

Il giorno dopo ci svegliammo e avevo deciso di dire a Pandora contro chi doveva utilizzare la pistola e sopratutto cosa sapeva fare . Ma prima dovevo aspettare perché Pandora aveva deciso di farsi una bella doccia calda . Dopo averla si mise sopra i reggiseno e mutandine una bella maglietta rossa e dei pantaloni blu e delle pantofole nere . Io quel giorno indossavo una bella maglietta nera e dei pantaloni neri e delle pantofole nere , invece Kratos indossavo una bella maglietta rossa e dei pantaloni blu e delle pantofole nere . Comunque Pandora usci dalla sua stanza ben vestita e pettinata e disse – Marcello adesso puoi dirmi a contro chi devo utilizzare la pistola e cosa sa fare questa pistola . Io allora iniziai a dire a Pandora – allora la pistola la puoi utilizzare solo se è necessario , diciamo che qualcuno si era messo a sparare contro di te o e strettamente necessario allora prendi la pistola e spara , ma se non è strettamente necessario allora non farlo . Pandora disse – ok , quindi diciamo che uno mi vuole uccidere , oppure incontro un animale o una persona che mi vuole uccidere io posso utilizzare . Adesso dimmi cosa può fare questa pistola . Allora io iniziai con la spiegazione – Allora questa pistola può fare molte cose nel senso che può sparare qualunque tipo di proiettile nel senso diciamo che metti u proiettile demoniaco o altri tipi di proiettile nella pistola tu li metti e la pistola si adatta a quel tipo di proiettile . Pandora disse – Ci starò attenta a questa pistola e la utilizzerò per difendere le brave persone . Pandora se ne stava tornando in camera sua con la pistole e io la fermai e gli dissi – aspetta un attimo che ti devo dare un ultima cosa e Pandora e Kratos curiosi dissero – cosa ? , io risposi – il fodero della pistola . Pandora prese il fodero della pistola e in camera sua cerco di capire come metterlo . Essendo una signora del tempo lei lo capì in pochi minuti .

Categorie
2012 Accappatoio Allenamento Aqua Combattimento Corpo a Corpo Doccia Dominatore di Poteri Keyblade Keyblade Gunblade Mare Mondi Fantastici Mondo Parlare con Aqua Persone Presentazione Racconto Storia supereroi Tempo

Creare una stanza degli allenamenti per Aqua .

Quella mattina avevo deciso di creare una stanza dove Aqua si poteva allenare , allora mi avvicinai alla sua porta bussai e Aqua disse – chi è ? e io sono – Marcello , posso entrare ? e Aqua mi disse – si un attimo . Aqua mise tutto a posto , apri la porta di legno e mi fece entrare . Aqua mi disse – cosa vuoi ? e io dissi a lei – so che vuoi un posto per allenarti e Aqua disse – è tu come lo sai ? , mi hai letto il pensiero , giusto e io dissi – si , comunque te ne voglio dare uno molto grande e spazioso e Aqua disse – si ne voglio uno . Allora andai vicino alle fine della stanza , misi le mani sul muro , mi concentrai e feci apparire una grande porta enorme , entrammo e c’ era un posto enorme , anzi gigantesco tanto grande da poterci far allenare una squadra di rugby , c’ erano moltissimi attrezzi per sollevare pesi , armi di legno . Poi alla fine  della stanza c’ era un grande bagno sia maschile che femminile e moti accappatoi e molti asciugamani di vari colori . Inoltre in questa stanza per gli allenamenti si poteva mettere uno sfondo . Aqua vedendo tutto questo disse – grazie Marcello per avermi fatto questo post e io dissi a lei – non c’e di che , se hai bisogno di allenarti vai qui e ti alleni . Il pavimento della stanza era molto grande , lungo e di colore blu come il mare visto che ad Aqua piaceva quel colore , allora lo feci apparire di quel tipo di colore e anche i muri delle stanze erano di quel colore . Aqua si mise a camminare nella stanza e lei vide che quasi tutta la stanza e pavimento completo era di colore blu come il mare e Aqua mi disse – il blu è il mio colore preferito come facevi a saperlo ? e io dissi – in tutta la tua avventura dei mondi , i tuoi vestiti , i tuoi capelli e le armi sono di colore blu , ma quello del mare allora io ho capito che a te piaceva quel tipo di colore e Aqua disse – comunque grazie Marcello . Alla fine del muro c’ era uno lettore dvd con vari dischetti , Aqua lo vide e disse – che cos’ e questo ? e io dissi – quello è un lettore dvd , con vari dischetti , ci vari tipi di musiche , non sapevo quali musiche di piacciono quindi ho messo su vari dischetti vari tipi di musiche e Aqua disse – grazie Marcello . Aqua vide i vari dischi e tra i vari dischi c’ erano alcuni sul mare e Aqua disse – Marcello vedo che qui ci sono vari dvd sul Mare e io dissi – questo posto l’ ho fatto non solo per farti allenare ma anche per farti rilassare quando in alcuni momenti sei stressata e ho pensato che alcuni dvd in ho inciso il rumore del mare possa aiutarti a rilassarti e Aqua disse – grazie Marcello .

Categorie
2012 Abbigliamento Accappatoio Curiosità Doccia Foto Mondo Persone Signori del Tempo

Accappatoio di Aqua

Accappatoio bianco di Aqua.

Accappatoio bianco di Aqua e lo utilizza dopo aver fatto la Doccia .