Categorie
Città Disegno Famiglia Genitori Lisa Londra Mondo Moderno Napoli Paura Pericoli Rabbia Sarah Saintcall Solitudine

Disegno di Lisa

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

Sarah Saintcall quando era sul tetto di quel palazzo, aveva visto che Lisa con la sua mano delicata e molto calma aveva creato quel bel disegno. Sarah era lì e non si era mossa di un millimetro visto che voleva vedere il disegno finito e se era bello forse lo avrebbe preso come spunto per avere un nuovo aspetto. Sarah mentre vedeva Lisa fare il disegno li sul foglio e senza essere disturbata da nessuno e nemmeno dal vento o dal suono di un autobus che stava arrivando. Sarah vide grazie agli occhi della fenice che in Lisa c’era qualcosa di speciale e non era il disegno e il fatto che era brava, ma che dentro di lei c’era un potere molto speciale e molto particolare. Sarah aveva percepito il potere di vedere e di dipingere il futuro dentro Lisa e questo le fece capire che forse era questo il motivo per i suoi genitori l’avevano abbandonata in una casa famiglia di notte quando lei stava dormendo. Ma Sarah non senti solo il potere dentro al corpo di Lisa, ma senti anche una profonda solitudine e grande rabbia. La solitudine perché nessuno la voleva per colpa del suo potere di vedere il futuro o di dipingerlo su una tela o su un foglio. La rabbia invece era per i suoi genitori visto che senza scrivere un biglietto la lasciarono dentro una casa famiglia senza nessuna spiegazione. Sarah era per le strade per cercare un nuovo aspetto, ma non trovo solo quello ma anche una persona molto simile a lei. Sarah aveva trovato una ragazzina molto carina e molto gentile, ma dentro di lei c’ erano quelle emozioni che distruggevano ogni rapporto e ogni possibilità di avere una famiglia o di essere affidati a una famiglia. Sarah vedeva li Lisa e non ci poteva credere che dei genitori avevano abbandonato un grande tesoro come questo. Sarah non torno subito ma decise di vedere come mai Lisa era stata abbandonata e che gente erano i suoi genitori. Sarah prima di tornare indietro voleva vedere il passato di Lisa e capire come era arrivata a questo punto. Prima di prendere il suo nuovo aspetto davanti a me, mio fratello Damon, mia sorella Alyssa e i miei zii Kira e Oliver si voleva occupare di questa dolce signorina che era da sola. Sarah era lì sul tetto e una parte del suo corpo diceva “fai qualcosa a questa signorina. Non può stare lì da sola in un mondo così pericoloso e cosi oscuro. I suoi genitori non le hanno insegnato i pericoli del mondo moderno e così può finire in ogni situazione pericolosa. Sarah Saintcall era lì sul tetto di un palazzo e decise di dare un futuro a Lisa e non farla vagare per le strade di Napoli tutta da sola e cosi essere vista come un mostro o come un rifiuto dagli. Sarah aveva già capito che non era cosi visto che adesso era una simpatica signorina e fino a quando era considerata cosi dagli altri, il suo futuro poteva cambiare e cosi diventare importante per questo grande e imponente mondo.

Categorie
Aliena Genitori Irisa Prince Nemici Razza Uccidere Vendetta Votan

Aspetto di Irisa Prince

defiance103-1

Irisa Prince è un aliena che proviene da un pianeta molto lontano nello spazio . Lei proviene dal pianeta dei Votan e lei in tenere età ha perso tutto . Irisa ha sempre cercato un motivo per restare in vita e lo ha capito quando ebbe il suo potere cioè trovare le persone che avevano ucciso la sua famiglia e la sua gente . All’ inizio lei era spinta dalla vendetta ma ogni passo che faceva verso l’ Universing capiva che doveva farlo visto che quelle persone lo avrebbero fatto ogni volta e cosi un altro pianeta e un altra persona sarebbe stata l’ ultima della sua razza . Lei credeva che era sbagliato uccidere quelle persone ma una volta entrato nelle loro menti vide solo distruzione , rabbia e nessuna compassione . Irisa Prince decise di uccidere quelle persone visto che loro erano dei mostri che avrebbero preso una persona o un bambino e lo avrebbero preso come ostaggio ma una volta che lei è arrivata li sul posto , quelle persone avrebbero ucciso il bambino o l’ ostaggio come niente e davanti agli occhi di Irisa . Quindi se uno le chiedeva con calma e con un sguardo serio – valeva la pena ucciderli ? . Irisa avrebbe guardato quella persona negli occhi e gli avrebbe detto con una grande calma ma anche con uno sguardo serio – si , ne valeva la pena visto che questi sono mostri o assassini che uccidono anche un bambino in fasce per far vedere al prossimo che si deve aver paura di loro .