Categorie
2009 2010 2011 Annie Prince Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Janice Prince Lisa Litigio Milano

Lisa diventa Annie Prince

Lisa

Lisa aveva troppa paura di tornare a casa dai suoi genitori visto che loro avevano pensato che lei era pazza e che non aveva voluto dire la verità. Lisa non voleva farsi trovare per nulla al mondo e cosi decise di cambiarsi colore dei capelli e di cambiare nome e cognome. Prima trovo una donna di nome Janice Prince che la vide li seduta su una panchina tutta sola. Janice si avvicino a lei con calma – tesoro hai perso la tua mamma ?. Lisa guardo la donna negli occhi – no, lei mi doveva accompagnare a farmi i capelli e invece mi ha dato buca. Ci vorrei andare perché ne ho bisogno. Janice ci stava andando pure del parrucchiere e cosi decise di portare Lisa con lei. Lisa aveva dato inizio al suo grande piano per cambiare identità e diventare Annie Prince. Non voleva vivere con questa donna, lei voleva solo farsi dare una mano a cambiare colore di capelli e grazie a questa cosa poteva trovare una donna che aveva un cognome diverso dal suo e cosi poteva dare inizio alla sua nuova vita li a Milano. Una volta entrati dal parrucchiere Lisa cambio il suo colore di capelli dal rosso fuoco al colore bianco e poi se ne andò via facendo finta che aveva ricevuto una telefonata da sua madre. Prima di andare via da li lascio un messaggio per Janice e diceva “ mi dispiace se me ne sono andata, ma io sono scappata di casa e non voglio essere presa. La mia famiglia mi ha fatto qualcosa di orribile, cioè ha manipolato i miei ricordi o qualcosa del genere. Adesso io non so se sono Lisa o se sono qualcuno altro. Adesso devo fare un viaggio per capire chi sono e sopratutto cosa sono. Mi dispiace ancora Lisa. Lisa se ne andò via da li lasciando quel biglietto e Janice capì che Lisa stava piangendo quando lo scrisse visto che la parte di sopra era un po’ bagnata ma non troppo. Lisa aveva usato Janice per diventare una nuova persona e cosi lei non sarebbe mai stata presa dai genitori e dalla polizia. Lei aveva usato Janice Prince, per essere Annie Prince e cosi lei poteva andare in giro con questo alter-ego senza farsi prendere. Lisa dentro al suo parrucchiere si era messa a pensare alla sua nuova storia, al suo nuovo compleanno, cosa avevano fatto i suoi genitori. Cioè li dentro non solo si cambio colore di capelli, ma si rese un altra persona e cosi diventò Annie Prince. Lisa aveva deciso di usare il parrucchiere per essere un altra persona e cosi scomparire nel nulla. Adesso lei poteva andare in giro senza alcun problema e senza farsi trovare da nessuno. Lisa li dentro aveva deciso di tagliare i ponti con la sua vecchia vita visto che la sua famiglia erano stati dei mostri e invece di crederle e di darle aiuto le hanno detto solo alzando la voce – basta con queste fandonie. Tu non hai la magia e sei solo una pazza. Smettila di dire queste follie, sembri una pazza e non mia figlia. Lisa aveva visto che poi l’ avevano portata da uno strizzacervelli e la sua diventò normale di nuovo, ma i suoi sogni no. Quelli divennero incubi e lei ogni sera ricordava quell’ evento che aveva dimenticato. Lisa si era scocciata di non potersi confidare con la sua famiglia e cosi scappo via e nel farlo imbocco la strada per diventare Annie Prince.

Categorie
Alexander Saintcall Carmela Carmelita Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Helena Saintcall Milano Visione del Futuro

Alexander parla a Carmelita di mettere su famiglia

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

Alexander aveva sentito pure lui le urla della piccola Carmela ed era uscito con la moglie Carmelita . Erano uno vicini all’ altro e sapevano già cosa fare e sarebbe a dire Alexander usando i poteri della telecinesi manteneva la ringhiera nella stessa posizione e cosi la piccola Carmela non sarebbe caduta e sarebbe morta in un modo molto orribile e in una pozza di sangue e tutti avrebbero incolpato Carmelita e Alexander per quella tragedia . Alexander era li fermo come una roccia bella pesante e non faceva muovere la ringhiera di un millimetro . Mentre lui faceva questo Carmelita fece un salto molto lungo e preciso e salto pure sopra la ringhiera di ferro che a vedere da li sopra era fatta alla cazzo di cane . Carmelita vedeva che non ci avevano messi il cuore in quel progetto semplice . Una volta salvata Carmelita , Alexander non si fermo ad essere ringraziato dalle persone ma uso gli occhi della fenice per vedere una cosa che aveva visto tre giorni fa cioè una espressione di sua moglie che diceva “ voglio una bambina tutta mia da accudire . Voglio diventare una madre “ . In quel giorno esatto Alexander usando gli occhi della fenice vide quella espressione in faccia di sua moglie ed era felice perché pure lui non vedeva l’ ora di essere padre e insegnare a sua figlia tutto quello che sapeva . Alexander e Carmelita stavano camminando per le strade di Milano e poi si fermarono e Alexander inizio a dire – ho visto la tua espressione . Tu vuoi essere madre e io voglio essere un padre . Allora mettiamo insieme una famiglia . Noi due siamo bravissimi con i bambini e quindi saremo dei genitori perfetti . Carmelita decise di prendere sul serio quelle parole – allora mettiamo insieme una famiglia tutta nostra . Carmelita e Alexander si abbracciarono e li comparve la loro visione del futuro . Erano loro vicino a una culla e li dentro c’ era una bellissima bambina e il loro nome era Helena . Grazie a quella visione del futuro capirono che fare una famiglia in quel tempo era possibile e decisero di provarci visto lo volevano con tutte le loro forze .

Categorie
Bambina Dolore Ferite Maura Milano Padre Paura Sofferenza Speranza

Curiosità su Maura

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

Maura ogni volta che faceva arrabbiare suo padre aveva una nuova ferita e non era poco grave ma era molto grave . Anche se le succedeva questo non aveva mai mollato la speranza . Maura aveva una grande speranza e non vedeva l’ ora che qualcuno arrivasse e la salvasse dalla vita triste che faceva . Maura aspettava ogni giorno che qualcuno venisse li nella sua città cioè Milano e le dava la possibilità di avere una nuova vita normale come le altre . Maura vedeva le sue amiche che avevano una famiglia normale invece lei era sempre ferita e aveva ogni volta paura . Maura ogni nuovo giorno pensava che potesse essere l’ ultimo giorno di vita . Aveva tanta paura che dormiva con la porta chiusa cosi suo padre non veniva nel cuore della notte e faceva qualcosa di molto brutto solo perchè lui aveva bevuto molto o cosi perchè gli andava perché doveva sfogare la sua grande rabbia . Maura pensava che ogni giorno e ogni notte poteva essere il suo ultimo giorno li a Milano e aveva paura che potesse essere trovata morta con un sacco di lividi sul corpo . Maura aveva davvero paura quando era a casa , ma fuori era forte e non si lasciava mettere i piedi in testa da nessuno

Categorie
Collana Cristallo del Potere Dolore Dominatrice di Poteri Helena Saintcall Latino Mercatino Milano Paura Potere Rabbia

Maura vede la collana accendersi

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

Maura era li ferma davanti al mercatino e vicino a mia madre Helena e si era fermata perché aveva visto la collana accendersi . Prima di andare via da li Maura si avvicino al mercatino e vicino a mia madre e con calma – prima ti ho sentito dire delle parole sussurrando .Voglio sapere cosa hai fatto ? . Helena decise di accontentare la curiosità di Maura – ho visto i tagli che hai il suo corpo e ti ho dato questa collana per un buon motivo e sarebbe a dire protezione . La prossima volta che qualcuno ti prova a toccare o farti male , tu non ti farai nulla ma saranno loro a farsi male . Non troppo male . Maura era forte per le strade ma quando era in casa lei era fragile come un fuscello e aveva bisogno di aiuto e sembrava che lo avesse trovato . Si mise a piangere davanti a mia madre e poi si asciugo le lacrime e prima di andare via da li di corsa – grazie per questa protezione . Prima di andare si mise dentro la maglietta la collana e uso i suoi capelli per nascondere il filo che teneva insieme la collana . Non voleva farla vedere ai suoi genitori e sopratutto a suo padre visto che gliela avrebbe strappata di dosso e poi l’ avrebbe venduta per della birra da quattro soldi . Maura la voleva avere sempre con se per vedere se quello che diceva la donna era vero oppure no ma anche per ricordarsi di Helena Saintcall . Maura si voleva ricordare di sua madre perché era l’ unica persona che si era importata di lei e di quelle sue ferite sul corpo . Maura aveva fatto di tutto per nasconderle e cosi non essere vista come una vittima . Per le strade poteva essere Maura la forte che non aveva paura di nessuno e non voleva essere la vittima . Maura non voleva essere una di quelle persone che stava li per le strade e le poteva accadere di tutto perché era stata vista come quella vera persona è sarebbe a dire una persona che ha sparato un sacco di stronzate e adesso lei è presa di mira da tutte le persone che sono per le strade .

Categorie
Alex Rider Crinale Infernale Demone Incendi Milano Piromane

Aspetto di Roak L’ Incendiario

fantasy_demone_di_fuoco

Alex Rider 22 anni , capelli neri e copriva la sua testa con un cappuccio nero . Lui abitava a Milano ed era un piromane che faceva moltissimi incendi . Tutti avevano paura di questi incendi visto che erano grandi tipo sette metri . Alex si faceva chiamare dai suoi amici Roak e cosi il suo nome si sparse in tutta la città e tutti ebbero paura di lui visto che ci lo fermava finiva male . Roak decise di fare un colpo grosso un centro commerciale . Ma quello fu il suo ultimo colpo visto che una persona era ancora la dentro e decise di fermarlo una volta per tutte . Era una guardia di sicurezza che chiuse tutte le porte e prima di andare vide se lui riusciva a scappare oppure e poi con le sue chiavi si apri la porta di sicurezza e se ne andò via lasciando il ragazzo li dentro . Prima di uscire prese la sua torcia e distrusse le telecamere di sicurezza e fece in modo che la colpa ricadesse sul ragazzo . Alex era arrivato all’ Inferno per quello che aveva fatto a Milano . Ma adesso dentro di lui c’ era rabbia e sete di vendetta e una grande passione per il fuoco . Lui li non era più una vittima ma un uomo che poteva fare tutto e si trasformo in un potete demone di fuoco . Prima di provare a scappare dall’ inferno vide al Crinale Infernale il volto di David Jacob Black e lo disse con una voce infernale e davvero spaventosa  – appena esco di qui distruggerò tutto quello che hai . Adesso il mio nome è Roak e sarò la persona che spazzerà via la tua intera vita e quando avrò finito con tutto attorno a te sarà solo cenere , morte e sofferenza .

Categorie
Alieni Alina Conte Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Milano Serena Ricci

Nokia Lumia 930 di Alina Conte

nokia-lumia-930

La madre di Alina glielo compro per il suo 18° compleanno quando erano a Milano  e da quel giorno l’ ha sempre portato ovunque . Era un modo per rimanere in contatto non solo la sua famiglia per quando era in pericolo o voleva far sapere se stava bene oppure ma anche con i suoi amici skate . Quando glielo avevo presi vidi in un visione tutto quello che aveva fatto grazie a questo telefonino . Vidi che aveva fatto foto di trick che poi avrebbe studiato e riprodotto dal vivo . Video dei suoi trick che non appena trovava una buona connessione internet e li metteva su youtube e cosi si faceva conoscere in tutto il mondo per essere una grande skater . Io con il mio cacciavite sonico non avevo solo bloccato il segnale ma aveva fatto salvato li sulla scheda tutto quello che aveva per sicurezza . Ma li avevo pur sul mio cacciavite sonico ci aveva messo poco a tenere i dati nel suo grande banca dati . Cosi Alina Conte dopo che eravamo saliti al piano di sopra con Serena Ricci vedeva che io toglievo la scheda per mettere la scheda nera e cosi tenere lontano le linee dei Cyberman e sopratutto tenere accesso il suo telefonino sempre . Ma pensava che avrebbe perso tutto e invece grazie a me aveva tutto e poteva continuare la sua vita da skater visto che era l’ unica vita che gli era rimasta .

 

Categorie
Ada Knight Alina Conte Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Milano Pandora Black Serena Ricci

Daniel Saintcall

250px-AidenRender

Ieri ero andato a Milano senza Ada Knight . Ero andato in un negozio di skate sulla 27 strada . Una volta entrato li dentro vidi alcuni skate . Li dentro ce ne erano moltissimi . I disegni li sotto le tavole da skateboard erano magnifiche . Serena li teneva dentro delle teche cosi per tenerli al sicuri . Serena sapeva che tutti volevano i skateboard e avrebbero fatto di tutto per prenderne uno anche rubarlo . Io allora le aveva detto di fare questa mossa – mettili dentro una teca anti impatto . Se li metti dentro quelle teche nemmeno con un colpo di pistola il vetro si distrugge . Serena stava li alla cassa e stava prendendo i soldi da un cliente che aveva preso una tavola da skateboard con un disegno magnifico sotto . Li c’ era la scritta D3vil . Questo era il nickname di quello skater . Una volta pagato lo skater se ne andò da li e Serena mi vide subito . Si avvicino a me e mi abbraccio – Daniel come stai ? . Io ero li vicino a una teca guardavo e non toccavo – sto bene e tu invece . Serena inizio a vedere che stavo guardando le varie tavole e sapeva che io ero li per vedere le tavole . Ero li e le vedevo visto che erano bellissime . Quando Serena metteva le tavole dietro una teca , non faceva vedere il davanti ma il dietro e cosi le persone potevano vedere quei magnifici disegni . Serena inizio a vedere quelle magnifiche tavole – pure io sto bene . Adesso mi sto occupando di una una ragazzina . Il suo nome è Alina Conte . Lei mi ha detto che ha bisogno di aiuto per entrare in questo mondo . Io allora ho deciso di dargli il mio aiuto . Serena vedeva che il mio sguardo era puntato su una tavola con un drago nero – ti vedo che stai vedendo quella tavola con il drago nero . La vuoi comprare oppure no . E molto bella e tutti ci vogliono mettere le meni sopra . Io sapevo che era bella – no per il momento no . Ma appena ho tempo la compro ci vediamo .

 

Categorie
Ada Knight Alina Conte Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Milano Pandora Black Serena Ricci

Aspetto di Alina Conte

250px-AidenRender

Oggi mi ero svegliato verso le 6 del mattino e li prima di svegliarmi ebbi una visione . Questa visione faceva vedere che Pandora Black non conosceva a fondo solo Serena Ricci ma anche un altra persona . Sto parlando di Alina Conte . Io sapevo di Alina Conte . Ieri Serena me ne aveva parlato . Ma non mi aveva fatto vedere una foto su di lei . Visto che era un pò preoccupato visto che voglio sempre sapere se queste persone sono chi dicono di essere oppure no . Pure io in alcuni mento per vivere e quindi voglio vedere se Alina Conte è il suo vero nome oppure no . Per il momento mi basta una foto . Andai a Milano senza Ada Knight . Ada Knight mi trovo subito e vide che stava seguendo questa ragazzina . Ada si siede li vicino a me su una panchina – chi è lei ? . Io ero li che la vedevo da lontano Alina – lei è Alina Conte . E una futura amica di Pandora . Ma prima di far incontrare le loro strade voglio vedere se lei è veramente Alina Conte oppure questo non è il suo vero nome . Per il momento le faccio una foto e cosi conosco il suo volto e cosi posso capire da vicino e da lontano dove va . Ada vedeva che io ero in gamba e sapevo fare le cose e le stavo usando per capire se questa persona vuole far del male a Pandora oppure e un modo per arrivare a me e uccidere il Dominatore di Poteri . Dovevo capirlo e solo allora potevo rassicurami e far passare il suo tempo con Pandora Black

Skater_girl_by_tatareen

Categorie
Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Milano Pandora Black

Aspetto dello Skateboard di Serena

Pandora Black quando ieri si era andato a comprare il suo skateboard aveva conosciuto Serena . Serena non aveva detto niente a Pandora su di lei . Io invece la conoscevo e anche molto bene . Intendo che io e lei abbiamo fatto molte volte Skateboard insieme . Lei mi ha insegnato le basi e tutto quello che so . Serena non ha detto a Pandora che lei era una persona molto esperta in questo campo . Ma credo che lo scoprirà da sola . Serena ha uno skateboard professionale ed è grazie a quello che è divenuta una delle migliori . Lei non ha poteri . Ma è solo una ragazza speciale che sa il fatto suo e riesce a a battere le persone che hanno poteri . Lei si trova a Milano e Pandora e andata fino li con i suoi poteri . Però ha avito un nuovo mezzo di trasporto e si è fatta una nuova amica . Io quando faccio una gara con lei non uso i miei poteri . Altri invece vedono che lei è in gamba e la vogliono far abbassare la cresta e cosi usano i loro poteri . Io ero sempre li a vedere se qualcuno di loro la faceva dopo tutto è mia amica

ar-3110-13

Categorie
Cacciatore di Streghe Daniela Pellegrini Milano Roma Strega Streghe Stregoneria

HTC One M8 di Daniela Pellegrini

strega3py0

Daniela Pellegrini prima di avere il telefonino che ha attualmente , aveva il nokia lumia 710 . Il Noia Lumia 710 lo ebbe fino ad oggi . Pochi giorni quando era Roma e stava andando verso Milano uno dei Cacciatori di Streghe uso uno dei suoi incantesimi per distruggere il suo telefonino . Questo Cacciatore e Daniela erano su un autobus che era in modo . Lui era li vicino a Daniela e li vicino senza farsi vedere da lei uso la sua magia per prendere  il suo telefonino . Daniela non se ne accorse solo quando usci dall’ autobus , prese per mano il telefonino che aveva in tasca e vide che non c’ era . Prima di andare vide il tizio che era vicino a lei e vide nella sua mano il suo telefonino . Questo cacciatore prima di scomparire come un ombra fece cadere a terra il cellulare di Daniela e ci mise il suo grande e possente piede sopra . Daniela non si dispero visto che tiro fuori dalla tasca destra dei suoi pantaloni una sim card . Una volta deciso di andare a Milano tolse la sim card ed entro in silenzio radio . Daniela si andò a prendere dentro un negozio l’ HTC One M8 . Ci mise la sua sim card e poi se ne andò a Milano . Il Cacciatore le aveva distrutto il telefonino per isolarla . Senza aiuti era una preda facile . Anche se era una strega per scomparire nel nulla aveva bisogno di aiuto e senza telefonino nel momento in cui doveva scomparire era una preda davvero facile visto che era in una grande città e non aveva amici li e tutti potevano essere nemici .

htc-one-review-m8-labshot-04-640x359