Categorie
2013 Ada Knight Angela Ferrante Aqua Kratos Mondo New York Pandora Parlare con Angela Parlare con Aqua Parlare con Kratos Parlare con la Rete Parlare con Pandora Parlare con Rebecca Sarah la Fenice Rossa

Costruisco un ISM e lo metto nell’ ufficio riunioni

Tra le varie che volevo mettere nel mio ufficio da lavoro era un ISM . L’ ISM è un apparecchio tipo ipad ma molto grande e molto bello , da quella postazione di lavoro si posso vedere moltissime cose come vedere mappe satellitari , documenti e molto altro . Non sapevo come costruirlo , cosi chiesi aiuto a Rebecca e le chiesi – mi puoi aiutare a creare un ISM . Rebecca che era entrato nelle mie telecamere di sicurezza , voleva vedermi e cercare di capire perché volevo fare tale cose , ci mise un po’ a decidere se fare questa strumento informatico oppure no . Kratos , Pandora e Aqua non sapevo su cosa stavo lavorando , ma alla fine entrarono e vollero sapere per forza cosa fare . Gli spiegai la situazione e cosa volevo fare e alla fine decisero di aiutarmi a fare tale progetto . Aqua andò in camera mia a prendere un foglio A4 per il progetto , Kratos e Pandora presero i vari attrezzi da lavoro . Ci voleva molto lavoro per fare tale cosa e gli oggetti da prendere erano davvero molti . Rebecca se ne intendeva di queste cose ed era la più brava , se non mi sbaglio pure lei aveva un ISM dentro il suo rifugio . Un ISM come posso dire è come un ipad ma molto più grande , li ci puoi inserire chiavette USB e molte altre cose per prendere e mettere file . Per fare tale cosa ci voleva davvero un lavoro di squadra e sopratutto attenzione , inizia a disegnare il progetto e su un foglio apparte iniziai a segnare tutto quello che mi serviva . Rebecca grazie alle telecamere vide cosa mi serviva e inizio con il ISM a vedere i vari pezzi che mi servivano dove stavano . Rebecca senza che io me ne accorgersi , aveva modificato le mie videocamere e ci aveva messo anche dei altoparlanti . Questi altoparlanti erano stati messi sotto la videocamere ed erano piccolissimi , ma uno con una buona vista ci sarebbe riuscito a vederle . Rebecca disse – Daniel , so dove trovare questi oggetti . Alcuni si trovano a Roma , altri a Milano , altri a New York e gli altri pezzi in Giappone , i posti che mi aveva detto Rebecca era molti da visitare e in città cosi grazie e molto difficili trovare tali oggetti . Kratos parlò a chiunque stesse parlando e disse – Ci puoi dire i luoghi precisi , dove trovare questi oggetti , cosi sappiamo dove andare e dove trovarli . Kratos da quando gli avevo donato tutti i poteri , lui non era stato sempre arrabbiato , anzi lui aveva fatto ritornare in superficie quelle emozioni che erano dentro di lui . Lui le aveva sepolte dentro se per lasciare spazio a una sola cosa , la rabbia ,ma adesso lui non doveva più pensare solo alla rabbia , ma anche alle altre emozioni , perché mentre prima lui non aveva nessuno , invece adesso a Pandora e inoltre ci siamo noi . Dopo entrammo nel T.A.R.D.I.S e ci dividemmo i compiti , io andai a New York , Pandora a Roma , Aqua a Milano e con c’ era anche Sarah la Fenice Rossa che decise di andare in Giappone . Prima che feci andare Pandora , Kratos , Aqua e Sarah la Fenice Rossa dove avevano deciso di andare . Diedi a loro degli auricolari fatti da me per i loro telefonini , cosi una volta trovati i pezzi , loro me lo dicevano e io li potevo venire a prendere in ogni momento . Trovare i vari pezzi non fu molto facile come tutti quanti si credevano , era davvero molto difficile trovarli , ci volle davvero molto tempo . Alla fine tutti insieme portammo i pezzi nell’ ufficio delle riunioni della Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi . Appena arrivammo Angela Ferrante mi chiese vedendoci tutti quanti li – che ci fate tutti qui . Io risposi a lei – noi abbiamo bisogno di uno strumento molto potente per poter vedere tutto quello succede sia sulla Terra sia negli altri mondi , quindi io insieme alla mia squadra abbiamo preso tutti i pezzi e adesso noi ci mettiamo a fare tale oggetto . Angela Ferrante voleva un oggetto che ci poteva aiutare a tenere la situazione sotto controllo e visto che io ero molto bravo in queste mi chiese di farlo . Con calma iniziai a mettere i pezzi , inizialmente facevo da solo ma poi mi aiutarono Kratos poi Pandora , poi Aqua e poi la mia collega Ada Knight a fare ISM . Una volta finito di metterlo e di installare tutte le varie cose per renderlo completamente funzionante . La prima a provarlo fu Angela Ferrante e vide che tutto funzionava ed era meglio di quello che c’ era sulla Terra e che veniva utilizzato dalla squadra di Sam Fisher cioè “ La Fouth Echelon “ . Angela appena stava per dire grazie , noi ce ne eravamo già andati via .

 

Categorie
2013 Allenamento Landris Mondo Parlare con la Rete Parlare con Rebecca Schiava Shadow Black Spazio Tempo Universo

Rebecca disperata per la morte di Gabriele

Dopo essere tornata a casa e aver pianto sul corpo di suo fratello Gabriele che era molto per salvare la sua dolce sorellina da quel mostro che non disse il suo nome , non disse niente . Uccise Gabriele e basta , senza pensarci due volte , lo fece e basta , quanto a Rebecca non lo fece , nessuno lo sa perchè non uccise la ragazzina o non fece come gli aveva detto qualcuno di portala sul pianeta Landris dove si commerciavano schiave sia belle , sia brutte . Forse perchè non gli andava o forse perchè vide la ragazza negli occhi e vide che se andava in quel posto cosi brutto , lei non sarebbe mai tornata viva . Visto che in Landris , gli schiavi vengono trattati peggio , nel senso vengo frustati , le persone gli fanno delle cicatrici sul qualunque parte del corpo e poi ridevano , facevano quelle cicatrici perchè non dovevano essere più belle dei loro padroni . Una volta ho visto una cosa del genere e Sarah la Fenice Rossa mi vide che stavo per intervenire , ma mi blocco e disse – non puoi intervenire ? io la guardai negli occhi – che succede se intervengo ? e lei mi disse – vieni uccisa davanti a tutta questa persona , senza nessuna possibilità di sopravivvere , per favore non fare niente .Purtroppo dovetti stare fermo , senza poter far niente , vidi una persona intervenire quello che vidi fu peggio di qualunque altra cosa che ho visto . Delle persone preserò la ragazzina e anche  l’ uomo che stava provando a prendere la ragazzina per portala via da quel luogo disumano  , altri disserò – mettegli dritta la testa e fategli aprire gli occhi . Gli uomini lo tenevano fermo li e poi davanti agli occhi dell’ uomo ucciserò la sua bambina senza poter far niente .Anche se loro avevano ucciso una ragazzina innocente o una donna , nessuno verrà arrestato li , perchè li c’ e una persona che fa leggi e se qualcuno prova a fare qualcosa lui li uccide con i poteri dell’ oscurità senza nessuna pietà . Sarah la Fenice Rossa mi disse – non potevi fare niente per salvare la ragazzina . Rebecca che era tornata in camera sua era disperata , stava sul letto a pensare a suo fratello morto e lei e stata inutile , non ha potuto fare niente . Inizio a piangere moltissime lacrime , il suo pianto er infinito e senza tregua , neanche la notte finiva . La madre andò li a coccolare la sua piccolina , cercò di risollevarle il morale perso dopo quella missione nella quale lei è tornata viva e lui no . Per questo Rebecca si sentiva in colpa , alla fine dopo diversi giorni il fantasma di suo fratello arrivò e disse – sorellina smettila di sentirti in colpa , non potevi fare niente per , non potevi salvarmi , non avreti potuto fare proprio niente . Alla fine lei si addomentò e nei suoi sogni apparì Shadow Black . Rebecca ebbè un pò paura e disse a lui che era davanti a lui – cosa vuoi da me ? eShadow Black disse – voglio farti diventare una persona forte , decisa , sempre pronta ad agire e non impotente come quel giorno in cui è morto tuo fratello . Comunque condoglianze . Rebecca disse – come vuoi diventare forte , voglio sapero . Shadow Black disse – voglio darti dei poteri , dei grandi poteri . Rebecca disse – forse stai scegliando la persona sbagliata , non ho fatto niente per aiutare mio fratello . Shadow Black le disse – alcune volte non fare niente è la cosa più saggia , voglio dire hai fatto bene a scappare , non potevi fare niente contro quel tizio . Rebecca disse – se mi alleno sia con questi poteri , sia fisicamente , sia mentalmente pensi che un giorno potrò diventare una persona forte , pronta a tutto . Shadow Black – non lo so , devi solo credere in te stessa e solo tu potrai sapere se ci riuscirai oppure no a superare questo brutto momento . Rebecca alla fine decise di non piangere più , inizio ad allenarsi , a diventare più forte sia fisicamente sia mentalmente . Il padre vide che sua figlia Rebecca non era più quella ragazzina che non riusciva a fare niente , lei era in gamba ed era diventata molto forte . Lei voleva esserlo sia con i poteri sia senza .

Categorie
1999 2013 Allenamento Alukard Saintcall Daniel Saintcall Distruttori Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Dr Alyssa Saintcall Helena Saintcall Mondo Parlare con la Rete Parlare con Sarah Pianeti Sarah la Fenice Rossa

La Rete e Sarah la Fenice Rossa mi dicono di cambiare aspetto

Ci volle davvero molto tempo prima di prendere il totale controllo di tutti i miei poteri , per ottenere il controllo non ho chiesto solo a persone che facevano del bene , spesso ho chiesto anche a persone che facevano del male . Per esempio Poison Ivy , mi ci è voluto un bel pò per far aiutare da lei , ma dopo averle fatto vedere che avevo il suo stesso potere e sopratutto le feci vedere che anche io amvo le piante come lei , lei decise di aiutarmi a controllare il potere della natura . Il potere della natura è molto potente , se lo sai utilizzare bene può essere utilizzato sia per fare un gran bene ma anche un grande male . La natura è ovunque , quindi se lo sai utilizzare bene questo potere può fare grandi cose . Era il 25 ottobre del 1998 avevo 19 anni , ero tornato a Defiance per fare un pò di allenamento , li c’ erano La Rete che ancora non voleva farmi vedere il suo aspetto e poi c’ era Sarah la Fenice Rossa la mia madrina . Poi mi guardarono e disserò tutti e due – Daniel devi fare cosa , che forse non ti piacerà e forse si . Io guardai a Sarah la Fenice Rossa e poi guardai La Rete attraverso le telecamere . Le chiesi a loro con molta ansia , non sapevo di cosa volevano parlarmi , ma se tutti e due volevano parlarmi doveva essere qualcosa di preoccupante o peggio – cosa devo fare ? . Loro mi guardarono e disserò – vedi questo aspetto che hai non dico che non ci piace , però te ne devi scegliere uno nuovo , lo devi cambiare sia per farti riconoscere dai tuoi nemici , tipo i Distruttori che come sai hanno distrutto sia il tuo pianeta sia la gente . Io ci pensavo tutte le notti , appena chiudo gli occhi appena per poco sento tutto , la gente che urla , il mio pianeta che esplode . Voi mi chiederete come mai so cosa è successo sul mio pianeta natale , questo non l’ ho mai detto a Sarah la Fenice Rossa , forse un giorno lo dirò oppure no , io e mia Alyssa ci siamo stati li non intendo quando eravamo piccoli . Quando io avevo 19 e lei 21 anni , andammo sul nostro pianeta natale e cercammo di fare tutto il possibile per impedire quello che è successo . Non ci siamo riusciti e siamo tornati a casa , la nostra l’ ultima immagine che abbiamo li , i nostri genitori Alukard e Helena Saintcall aprono un portale e ci mandano a casa nostra . Alla fine chiesi a loro – quindi lo devo fare per confondere i miei nemici e poi – come faccio con le persone che ho conosciuto negli altri mondi ? Sarah la Fenice Rossa disse – Daniel non ti preoccupare le persone ti riconosceranno grazie alla tua spada . Alla fine dissi a loro – va bene cambierò aspetto , ma prima devo andare in giro per il mondo a trovarne uno bello e forte , mi potere accompagnare in questo viaggio . Sarah la Fenice Rossa disse di se e La Rete disse – non lo so ancora , devo vedere se riesco a venire oppure no . Io dissi alla Rete – mi hai detto che si deve rischiare , se non si rischia non potrai mai sapere cosa succederà per favore vieni con noi in questo viaggio . La Rete non sapeva se accettare oppure , lei come io avevo molti nemici e non sapeva che sarebbe successo se fosse andata in un posto qualasiasi con me , forse avrebbe incontrato un suo nemico o peggio . Alla fine le mi disse – Daniel ci devo pensare , ti chiamo io quando avrò voglia di parlare , si disconesse un attimo e nella sua base inizio a piangere , inizio ad arrabbiarsi e poi andò in palestra a sfogare tutta la sua rabbia repressa . Provai io a chiamarla , ma c’ era un messaggio che si ripeteva – Voglio essere lasciata in pace per un pò . Alla fine le mandai un messaggio mentale non so dove si trovasse – Rete se hai bisogno di aiuto o solyano parlare con qualcuno , vieni a cercarmi o chiamami io cercherò di aiutarti o altro . Mandami un messaggio o altro , io verrò ovunque tu sei , io verrò li e ti aiuterò . Quando seinti il mio messaggio mentale , pianse ancora di più perchè tempo fa durante un imbostacata a Salir 5 , lei perse suo fratello maggiore . Il fratello maggiore di Rete , la aiutava in tutto anche nelle cose più complesse , era li giusto per aiutarla , certo alcune volte non andavo d’ accordo però in alcuni momenti andavano d’ accordo e si aiutavano a vicenda .. Quando perse suo fratello lei decise di cambiare di diventare più audace , di essere sempre pronta a combattere , non sarebbe stata più la ragazzina che si mise a piangere e il nemico la risparmia perchè gli fa pena . Inatti e successo questo , quando il nemico uccise il fratello di Rete davanti a lei , il nemico stava andando da lei con la spada pronta in mano e stava per ucciderla , ma poi lei si mise a piangere e il nemico non la uccise , gli fece pena e la lascio stare li e disse – ucciderti sarebbe uno spreco di tempo , io non perdo tempo con persone deboli e miserabili come te , poi se ne ando davanti agli occhi increduli della ragazzina . La prossima volta lei era pronta . La Rete mi mandò un messaggio mentale – Daniel grazie per il tuo supporto se ho bisogno di aiuto o altro , io ti chiamo .

Categorie
1996 Computer Portatile Napoli New York Parlare con la Rete Parlare con Sarah Racconto Rete Sarah la Fenice Rossa Telefonini

Chiedo alla Rete se puo aiutarmi a creare un computer portatile

Dopo che ero riuscito a spegnere la città per 5 minuti , avevo bisogno di un computer portatile , per alcuni motivo molto importanti visto che ero un agebte della Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi io dovevo purtroppo per mi grandissima sfortuna fare i rapotti e mi scociavo a farli a penna , visto che era senza un computer portatile chiesi a lla Rete di aiutarmi a crearlo . Io chiesi a lei –  Rete mi aiuti a creare un computer portatile , mi serve per fare rapotti per la Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi e poi mi serve per fare molto altro . La Rete mi disse – si , ma dimmi le altre motivazioni e io ti aiuto a fare questa cosa che vuoi fare , io risposi a lei – ora ti spiego , avendo accesso a un computer portatile io potrei ottenere informazioni su persone e su altre cose . Potrei sapere dove abitano , se sono corroti oppure no e sopratutto posso entrare nei database del F.B.I , della C.I.A e cosi se i nostri fanno parte della loro lista di nemici io lo posso sapere e cosi aiutare loro a prenderli e . La Rete dopo un pò di ripensamenti disse – va bene , ti aiuto , poi prese il suo cellulare e chiamò Sarah la Fenice Rossa e gli disse – Daniel mi ha chiesto aiuto per creare un computer portatile e mi ha dato delle ottime ragione , quindi ti chiedo vieni nel magazzino e aiutamolo a crearlo . Sarah la Fenice Rossa chiese alla Rete – che ragione ti ha dato ? e La Rete rispose – mi ha detto che cosi che può ottenere informazioni sulle persone , dove abitano e cosi entrare legalmente nei database del F.B.I , della C.IA e in altri e aiutarli a catturare persone pericolose . Sarah la Fenice Rossa ci pensò pure lei su questa cosa e disse – va bene , aiuto Daniel a fare questa cosa . Sarah la Fenice Rossa si presento al magazzino e disse – Daniel sono venuta qui per aiutarti in questo progetto , io era felice che lei era qui cosi le dissi – grazie per essere venuta qui ad aiutarmi . La Rete mandò sul mio nokia lumia 920 un lungo elenco di attrezzi e cose da prendere per crearlo , vicino a ogni attrezzo ci stava scritto dove prendere tali pezzi . I pezzi si trovavano in varie parti del mondo : Milano , Napoli , New York , New Messico , Tokyo e altre città , in tutte queste città c’ e un pezzo che mi serviva per creare il computer portatile . Una volta tornati con tutti questi pezzi , La Rete inizio a dire sia a me , sia a Sarah la Fenice Rossa come mettere i fili , dove mettere le varie schede e tutte le altre cose . Tutto era stato messo al posto giusto e funzionvava perfettamente , Sarah la Fenice Rossa aveva preso anche un’ altra cosa che poteva essermi utile per portare il portatile dove volevo , cioè una borsa dove metterlo di colore rosso e mi piaceva un sacco . Io la ringrazia e ringraziai anche la Rete visto che mi aveva aiutato a fare questa cosa .

Categorie
1996 2013 Dominatore di Poteri Macchina Mondo Parlare con la Rete Polizia Internazionale Polizia Internazione del Mondo Fantastico Racconto Rete supereroi Superpoteri Telefonini

Allenamenti per controllare il potere di parlare con le macchine

Non significa niente se ero o no riuscito a parlare con la Rete , la persone che mi ha aiutato in diverse cose . Per esempio a creare un auricolore di colore giallo come il mio telefonino , lei mi ha detto quali schede dovevo prendere e sopratutto lei mi ha guidato passo dopo passo a collegare i fili senza farmi del male o bruciarmi . Per questo le sono debitrice , ma adesso io dovevo mettermi di impegno , cioè da solo e senza l’ aiuto di nessuno volevo provare a spegnere la città per 5 minuti . 5 minuti mi poteva dare l’ oppurtintà di scomparire in qualunque parte del mondo . Ma non perchè era ricercato dalla polizia , io faccio parte della Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi e quindi io potevo andare in ogni posto e potevo fare tutte le investigazioni che volevo , ma anche se io  non avevo quel distinitivo facevo comunque indagini . Io sono il Dominatore di Poteri e quindi come compito ho il diritto di progettere le persone non solo dal male normale ma anche dal male più potente , quello che nessuno riesce a vedere , entra dentro di te , si nutre di te e alla fine cerca di prendere il totale controllo del tuo corpo e della tua mente . Lo fa perchè cosi può uccidere chiunque lei vuole fare del male , anche per un nulla lei uccide , lo fa perchè è scritto nel suo DNA . Comunque io era nel magazzino con la Rete che mi osservava da lontano , lei di nascosto aveva messo delle telecamere , però le aveva messe per vedere se ero al sicuro o no . Inizia a esercitarmi a spegnere la città per 5 minuti , il primo tentativo non face nulla , il secondo riusci a spegnere solo una barca a tre chilometri , il terzo nè spensi due . La Rete vide che mi stavo arrendendo e disse – Daniel , tutti quanti facciamo degli errori , ma sono proprio i nostri errori che ci portano a grandi risultati , non ti arrendere continua a provare fino a quando non ci riesci . Cosi mi misi di impegno e provai ogni giorni , fino a quando dopo molto tempo riusci a spegnere la città per 5 minuti . La Rete mi disse – bravo Daniel . Dopo 5 minuti la corrente tornò a tutti quanti e La Rete mi disse – utilizza questa cosa solo in casi estremi , solo quando sei braccato da qualcuno di pericolo , qualcuno di molto pericoloso . Dopo io dissi alla Rete – io vado a fare un pò di jogging , per una persone che ha dei poteri si deve fare anche allenamento se no di potrebbe uscire del sangue se sforzi troppo i tuoi poteri o li usi troppo a lungo . Mi misi un felpa nera con un capuccio che copriva la testa , misi il cellulare nella mia tasca destra e poi l’ auricolare dentro l’ orecchio dentro e iniziai a farlo .

Categorie
1996 Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Parlare con la Rete Rete Telefonini

Cerco di entrare in una telecamera di sicurezza con il mio telefonino

Con il mio telefonino potevo fare moltissime cose , andare in internet , scrivere messaggi e rispondere e fare molto altro . La Rete mi aveva detto – Daniel adesso ti dirò cosa puoi fare con il tuo telefonino utilizzando il potere di parlare con le macchine e io curioso di sapere dissi a lei – cosa posso fare ? . La Rete mi disse – puoi clonare un cellulare , puoi entrare in una telecamera di sicurezza , puoi bloccare il traffico e puoi fare moltissime cose . Ti basti poco e con questa capacita puoi fare tutto anche utilizzarla per aumentare la memoria del tuo telefonino oppure del tuo computer portatile . Io dissi a lei – quindi grazie a questa cosa posso entrare in una banca e prendere dei soldi e La Rete mi guardò – Daniel cerca di non utilizzare questo potere per il male , seno vengo li e ti fermo . Io dissi a lei – va bene , cerco di non utilizzare tale potere per il male , però era solo un ipotesi , non lo voglio fare davvero . La Rete mi disse – adesso ti dirò come entrare dentro una telecamera di sicurezza e io dissi – come faccio a fare questa cosa ? . La Rete disse – se stai calmo , te lo spiego . Io iniziai a stare calmo e poi lei mi dissi – concentrati , cerca di visualizzare dentro la tua mente cosa vuoi fare . Iniziai a concentrarmi e cercado di visualizzare dentro la mia mente cosa volevo fare cioè entrare dentro una telecamera di sicurezza con il mio telefonino  . Iniziai a visualizzarlo dentro la mia mente , e poi provai a farlo con il mio telefonino questa cosa che volevio fare .Ma per parlare con la Rete fu difficile ,fu difficile anche fare questa cosa , le prime volte non ci riusci perché non era una cosa semplice da fare . Dentro una telecamera di sicurezza ci sono un sacco di macchine pronte a fare il loro lavoro , La Rete mi disse – provaci di nuovo , non mollare anche io le prima volte non ci riuscivo ma ci provavo ogni giorni e alla fine dopo molto tempo di pratica ci riusci e cosi devi fare pure tu . Alla fine mi misi con tutto l’ impegno , ci provai di nuovo e alla fine ero riuscito a entrare per poco  ci ero riuscito , dopo 3 ore ero riuscito quasi ad entrare ci era mancato davvero pochissimo . Io dissi alla Rete – ci ero riuscito , ci era mancato pochissimo , La Rete mi disse – continua a provarci . Io allora iniziai a continuare a provare ad entrare e dopo 5 ore di concentrazione riusci ad entrare in una telecamera di sicurezza con il mio nokia lumia 920 . Io dissi alla Rete – ci sono riuscito e La Rete mi guardò e dissi – Daniel bravissimo , però mi pare che ti è uscuto un pò di sangue dal naso . La Rete ha il potere di parlare con le macchine e li c’ erano alcune telecamere di sicurezza che io non nè sapevo l’ esistenza e per questo La Rete riusci a vedere tutto quello che mi succedeva . Mi era davvero uscito del sangue dal naso per colpa del troppo sforzo , io le chiesi – come mai mi è uscito il sangue dal naso ? e lei rispose – ora ti dico una cosa tu non devi solo allenare i tuoi poteri devi anche allenare il tuo corpo , se non lo alleni quando utilizzerai i tuoi poteri troppo a lungo perderai sempre più sangue . Alla fine io dissi a lei – quindi prima di allenare i miei poteri dovrei allenarmi pure in modo fisico e La Rete disse – si . 

 

Categorie
1996 Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Me Parlare con la Rete Racconto Sarah la Fenice Rossa Tecnologie Telefonini

La Rete mi dice che non ci possiamo mai incontrare faccia a faccia

Nel tardo pomeriggio veso le 16:45 del giorno in cui io , Sarah la Fenice Rossa e la Rete avevamo finito l’ auricolare per parlare con lei con tutte le persone con con volevo parlare senza avere il telefonino vicino all’ orecchio ogni volta . Sarah la Fenice Rossa se ne era andata e io dissi a lei – Rete , ma questo è il tuo vero oppure no e lei rispose – no , questo non è il mio vero nome , il mio vero è Rebecca Leone . Non potevo sapere se questo era il suo vero nome oppure se lo era inventato al momento , La Rete disse in maniera molto curiosa – perchè vuoi sapere il mio nome o altre informazioni ? , io le risposi – io di te mi fido , però non voglio scoprire che tu mi utilizzi solo per avere informazioni su di me e poi tradirmi . La Rete mi disse – te lo giuro Daniel , non ti voglio tradire nè ora nè mai , i tuoi genitori erano miei amici e quindi loro mi hanno detto di aiutarti nel tuo addestramento e se hai bisogno di aiuto io ci sono . Poi io dissi a lei – non ci possiamo incontrare faccia a faccia ? e La Rete rispose – mi diospiace no , perchè i miei nemici sanno che io sono morta e tutti devono continuare a pensarlo , se uscissi allo scoperto mi scoprono e io e te saremmo morti . Quindi te lo chiedo come amica non cercarmi e sopratutto non dobbiamo mai incontrarci . Io capì questa faccenda , pure io ho molti nemici e con amarezza dissi a lei – va bene , ma a una condizione  e La Rete disse – quale ? , io le risposi – se la tua identità fosse in pericolo , tu verrai da me e io ti proteggero come posso e La Rete nel posto dove stava , inizio a piangere e disse -lo faresti davvero ? e io le dissi – noi siamo amici e gli amici si aiutano quando sono in pericolo .

Categorie
1995 2013 Dominatore di Poteri Parlare con la Rete Parlare con Sarah Racconto Rete Sarah la Fenice Rossa Scheda Stella Stemma

La Rete mi aiuta a costruire un auricolare

Il Posto in cui ero andato per parlare con la Rete era un vecchio magazzino , li c’ erano tantissime cose . Cose che a persone non servivono cosi dicevamo ma se uno vedeva bene ed era bravo a cercare i pezzi giusti tali potevano essere utilizzati per rendere migliori le cose avevano gettato li per fare spazio a nuove cose che con il tempo avrebbero avuto . Io andai li e parlai mentalmente con la Rete – Rete mi puoi aiutare a fare un progetto ? . La Rete curiosa di sapere – voglio che mi aiuti a creare un auricolare per il mio nokia lumia 920 . La Rete disse – perché lo vuoi creare ? , io risposi – ascoltami attentamente , se io mi trovassi in un mondo magico , sarebbe completamente diverso uno non mi guarderebbe come una persona stramba o una persona pazza . Invece io mi trovo sulla Terra e se le persone vedono che muovo la testa o faccio altre cose come comunicare con te , pensano che io sia pazzo . Invece se tu mi aiuti a creare un auricolare per il mio nokia lumia 920 . Io posso comunicare con te e tutti quanti invece guardano che nell’ orecchio ho un auricolare e noi due possiamo comunicare senza nessuna preoccupazione . La Rete capì la situazione e disse – hai ragione , poi inizio a scrivere sul mio telefonino tutti i pezzi di cui avevo bisogno per fare tale cosa . Io iniziai a vedere la lista e dissi a lei – non so dove procurarmi tali cose . C’ e una cosa che non sapevo Sarah la Fenice Rossa aveva imparato da Aiden Pearce come clonare il cellulare , poi entrò dentro la fabbrica e disse – tu non lo sai , ma lo so Daniel . Io dissi a lei – che ci fai tu ? e Sarah la Fenice Rossa mi disse – ti potrei fare la stessa domanda , ma a vedere dalla lista dei componenti , stai cercando di creare un auricolare per il tuo nokia lumia 920 per poter parlare con la Rete senza che la gente ti prenda per pazzo , giusto. Io la guardai negli occhi e dissi a lei – si , voglio fare questo , puoi aiutare me e la Rete a fare questa cosa . Sarah la Fenice Rossa mi guardò negli occhi e disse – certo , dopo andammo in giro per i vari paesi come Tokyo , New York , Parigi e altre città . Ci volle molto tempo per cercare tutte le varie cose , perché non dovevamo trovare solo i pezzi che mi avevo detto La Rete ma avete un martello , una fiamma ossidrica , u cacciavite e altri oggetti utili per fare tale progetto . Una volta presi tutti i vari oggetti e li Sarah la Fenice Rossa mi portò un monospalla nero con lo stemma dei Dominatori di Poteri -tieni Daniel questo è per te , cosi se ci devi mettere qualcosa , la metti qui dentro . Io la ringrai e le dissi – mi aiuti , cosi mettiamo i pezzi qui dentro , Sarah la Fenice Rossa lo tenne aperto e io misi tutti i vari pezzi e attrezzi li dentro , tra le varie cose avevamo preso anche una maschera per proteggere il mio volto quando utilizzavo la fiamma ossidrica . Tornammo al magazzino e con l’ aiuto sia di Sarah la Fenice Rossa che inizio a far apparire un tavolo grande dove io potessi lavorare e un ‘ altro dove io mettevo i vari attrezzi . Invece la Rete mi guidava nel costruire l’ auricolare colore giallo per il nokia lumia 920 , quello mi serviva sia per comunicare con la Rete , ma anche per comunicare con gli altri senza che io dovessi mettere il telefonino vicino all’ orecchio . Una volta preso lo misi nell’ orecchio sinistro , io feci una chiamata alla Rete , perchè una volta aveva comunicato con il mio telefinino e io avevo il suo numero . Mi senti Rete – Rete rispose – ci sei riuscito , bravo Daniel . La Rete disse – quindi adesso se ti chiamo dal tuo nokia , tu mi rispondi e possiamo comunicare in qualunque luogo e io risposi – si è cosi .

Categorie
1996 2013 Mondi Fantastici Mondo Parlare con la Rete Racconto Rete

Provo a controllare il potere di parlare con le macchine

Dentro di me ci sono molti poteri , tra i quali il potere di parlare e controllare le macchine , per alcuni anni senza l’ aiuto nè di Sarah la Fenice Rossa nè di mia sorella Alyssa . Un giorno provai da solo a parlare e controllare le macchine , questo potere un giorno mi sarebbe servito non sapevo ancora per cosa ma nel futuro lo scopriro . Il giorno di cui vi sto parlando è il 17/07/1996 , avevo 17 anni e me ne ero andato in un posto lontano , in un posto isolato dove nessuno si sarebbe fatto male nè per colpa mia nè per i miei poteri . Il potere di parlare con le macchine è molto pericolo , perchè se perdo il controllo potrei azinare una macchina in qualunque parte del mondo e qualcuno potrebbe morire quindi dovevo stare attento . I primi tentativi niente , le macchine non mi parlavano e non le controllavio nemmeno un pò , poi alla fine dopo 7 tentativi le macchine iniziarono a parlarmi e a dirmi alcune della città e che potevo utilizzare il mio nokia lumia 920 per fare tutto quello che volevo . Io chiesi alla macchine in modo telepatico – perchè prima non riuscivo a sentirvi e loro risposo – perchè dovevamo capire se potevamo fidarci oppure no di te , ci sono persone che fanno del male e hanno il tuo stesso potere e lo utilizzano per il male e spesso uccidono persone . Poi dissi a loro – quindi io con questo potere posso controllare le macchine sia per telefonino o con altri apparecchi elettrici e loro come se mi sussarono  nella testa – si , anche con un computer portatile o altro , basta che ti concentri e poi utilizzare e fare del bene con questo potere , ma devi stare attento le persone ti possono rintracciare e possono farti del male , Daniel . Io dissi a loro – come fate a sapere chi sono ? e loro dicendolo proprio dentro la mia testa – noi siamo la rete , conosciamo tutti sulla Terra e sopratutto noi abbiamo una grandissima conoscenza di tutte le cose esistenti sia sulla Terra che su altri pianeti . Io dissi a loro – quindi voi siete come un grande essere che pensa , agisce e può fare tutto e loro dicendolo semprè nella mia testa – si e cosi , ora devi continuare il tuo allenamento nel saper controllare le macchine , se ti concentri ci riesci . Alla prossima Daniel .  Una delle varie cose che non mi aspettavo era questa che la rete potesse essere un essere che pensa , agisce e puo fare tutto , questa è proprio una cosa che non mi aspettavo . La rete ha ragione dovevo mettermi e cercare di controllare le macchine , questo potere mi può essere utile e per utilizzarlo al meglio dovevo imparare a utilizzarlo .