Categorie
Ada Knight Aida Brown Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Emma Strauss Sarah White The District

Paul Lambert parla con Emma Strauss

 

Paul era un ottimo criminologo grazie al tempo passato sui libri e tutti avevano visto questo cambiamento e tutti ne sapevano il motivo . Ma nessuno dei professori lo fermo visto che adesso aveva un obbiettivo trovare il responsabile della morte di Sarah White e Aida Brown . Paul era dentro l’ obitorio con Emma che era li vicino a lui e vide i suoi abiti . Paul li vide e capì che non erano di questo secolo visto che nessuno si vestiva cosi dai lontani anni 60 . Quando Emma aveva fatto vedere a Paul il telefonino capì che lei viaggiava davvero molto e doveva essere importante . Emma si mise sulla sedia visto che per il momento non aveva altri cadaveri da sezionare per capire cosa è successo a loro . Paul invece stava aspettando che Emma diceva a lui come era tornata indietro nel 1963 e come Daniel Saintcall la persone che dovevano chiamare era tornata nel 2014 per aiutare Paul Lambert . Emma era li e girò la sedia verso di lui – ero a New York e stavo facendo allenamenti sul teletrasporto visto che non ero molto brava . Mi stavo ancora allenando e uno di questi miei sbagli mi fece finire nel 1963 a Parigi . Fini vicino a un negozio e presi dei nuovi vestiti . Una volta arrivata la non sapevo cosa fare visto che le donne a quell’ epoca non avevano molti lavori . Ero in una strada e vidi un poster della Pan America Worldwide Company . Alla fine decisi di fare il grande salto e visto che ero in gamba nelle lingue . Parlavo francese e altre lingue e per questo sono andata li e mi sono messa a lavorare come assistente di volo . Lo feci per due anni e quando pensavo di non poter tornare più a casa fui avvicino da un passeggere . Capello nero in testa con uno strano simbolo , capetto marrone chiaro e vicino alla bocca aveva una maschera . Pensavo che era un passeggero che voleva farmi del male e invece era lui Daniel Saintcall e vicino a lui c’ era Ada Knight . Loro due si alzarono e vennero verso di me e andammo nel posto dove le assistenti di volo parlano . Una volta li dentro lui mi disse – io sono Daniel Saintcall e lei e la mia collega Ada Knight . Siamo di The District sappiamo che tu non sei di questo secolo . Se hai bisogno di aiuto per tornare nel 2014 venga con noi e la possiamo riportare li oppure vuole stare un altro qui con le tue amiche . Io e Ada sapevamo che Emma non poteva venire con noi senza un motivo valido . Emma vide che io inizia a vedere Ada Knight – che ne dici se mi fingo il suo fidanzato e cosi la portiamo via da qui . Una delle assistente di volo di nome Angela era entrata in quel momento e io per far capire che ero il fidanzato di Emma le diedi un bacio . Angela ci vide e dopo il bacio ci mettemmo al nostro posto . Ada che era vicino a me , mi guardo – bel bacio . Ma la prossima volta dimmi il tuo piano . Io la guardai – veramente non lo sapevo nemmeno io il piano . Ho preso l’ iniziativa e ci è andata bene . Una volta finito il viaggio verso New York Emma venne con noi . Angela gli fece occhiolino e Emma non aveva capito . Angela venne verso di noi – che significa quell’ occhiolino ? . Angela da quando aveva conosciuto Emma aveva visto che i segnali non li conosceva e diceva sempre – che cosa devo fare con te ? . Non conosci i segnali . Ma dove sei nata . Angela la guardo negli occhi – l’ occhiolino sta per dire non perderti il tuo fidanzato . Non fartelo scappare . Ora vai prima che qualcuno altro lo prendo . Emma non aveva capito di chi stava parlando Angela che era li dentro all’ aeroporto con lei – di chi stai parlando ? . Angela si mise le mani dentro i capelli e poi guardo in faccia Ada Knight – sto parlando della bellissima donna che sta vicino a lui . Sta attento . Ada aveva sentito cosa stava dicendo Angela e andò verso di lei – se pensi che io ti posso soffiare Daniel allora non mi conosci . Inoltre io sono già fidanzata . Io e Ada stavamo camminando insieme per andare in un punto dove nessuno ci poteva vedere e usare i nostri poteri – di cosa stavate parlando prima ? . Ada non raccontava alcune volte le sue cose – Angela pensa che tu e Emma fate una bella coppia . Inoltre pensava che io provavo qualcosa per te e che ti volevo togliere dalle grinfie di Emma . Adesso andiamo in un posto vuoto e torniamo nel 2014 .

 

Categorie
Aida Brown Luca Marino New York New York University Sarah White

Paul minaccia Luca Marino

 

Paul usci dal Patologo Forense e andò nei corridoi per cercare Luca Marino e ci mise un po’ a trovarlo . Luca Marino era dentro la palestra e stava facendo degli addominali . Mentre fece l’ ultimo di una serie senti una porta chiudersi a chiave e non si mise nessuna paura . Luca si alzo da terra e da dietro senti il respiro di Paul – vedo che alla fine hai capito che sono stato io a uccidere Sarah White . Luca cosi senza giro di parola o dire una bugia aveva ammesso l’ omicidio di Sarah White . Paul si avvicino a lui senza correre visto che nessuna sapeva che loro due erano li – perché lo hai fatto ? . Lei non ti aveva fatto niente . Luca era calmo troppo calmo e invece Paul era agitato più che mai – l’ ho fatto per far soffrite te . Non mi dovevi dare quel pugno allo stomaco . Ti avevo detto che te l’ avrei fatta pagare ma tu non mi hai sentito . Hai pensato che era troppo per me . Vendicarsi di te e invece io l’ ho fatto . Luca sapeva perché Paul era li – so perché sei qui . So che sei venuto qui per dirmi di non uccidere ancora e di non far del male alle altre ragazze di questo università . Ma tu non mi puoi fermare . Nessuno mi può fermare visto che non hai prove e questa mio discorso non vale perché non c’ e un agente di polizia in ascolto e quindi tu non mi puoi fare niente . Ma io invece ti posso fare tutto quello che voglio . Ti posso spezzare un braccio oppure ucciderti e fare in modo che tu ti sei impiccato per aver ucciso Sarah White e Aida Brown . Paul non si mise paura – tutti mi hanno visto venire qui dentro . Se lo fai tu finisci dentro per il mio omicidio e quindi non puoi più uccidere nessuno . Luca vide che Paul stava giocando non solo con la luce ma anche con l’ oscurità – vedo che stai giocando non solo pulito ma anche sporco . Per prendermi devi usare tutte le tue carte ma sta attento oppure il fatto che tu vuoi prendermi non lo puoi più fare . Per il momento ho mantenuto il segreto che tu non sei legato a Sarah White ed Aida Brown ma per pure caso mi può sfuggire questo piccolo particolare e tu non puoi più partecipare alla mia caccia . Paul prese per la maglietta Luca Marino e lo mise contro il muro – ora ascoltami bene . Io ti prenderò e poi te la faccio pagare per aver ucciso Sarah White e pure Aida Brown . Luca Marino con la mano sinistra libera fece togliere i vetri da contro il muro e li fece diventare delle grandi schegge di vetro . La prima si mise vicino alla spalla destra di Paul , la seconda contro la spalla sinistra . La terza contro il suo collo e le ultime due contro gli ossi che controllano il corpo . Paul adesso era lui ad essere minacciato – senti le cose che sono dietro di te . Sono delle grandi schegge di vetro e sono tutte puntate ai muscoli che controllano il tuo corpo . Ora mi lasci oppure ne faccio partire qualcuno e tu non ti muovi più . Paul era con le spalle al muro e non ci aveva pensato a quali poteri poteva avere Luca Marino – ti ho fatto arrabbiare e non hai pensato a quali poteri potevo avere . Sapevi che io ho dei poteri ma io te l’ ho fatto dimenticare con la tua smisurata rabbia contro di me . Luca si mise a ridere come un vero genio del male e Paul lo lascio andare . Luca rimise gli specchi come erano e prima di andare – bel tentativo questa tua minaccia . Ma sta attenta a chi minacci oppure prima o poi te la vedrai male e per Sarah White e per Aida Brown o per quelle brutte puttanelle non ci sarà nessuna giustizia . Paul lo dovette lasciar andare dalla palestra dove erano e prima di andare – non finisce qui . Ti prendo e poi ti uccido . Guardati le spalle . Luca prima di andare via – sta attento durante questa tua ricerca della verità . Gli incidenti possono capitare e non solo a te ma anche ai tuoi amici . Sta pronto e non mi minacciare mai più oppure i tuoi amici fanno una brutta fine .

 

Categorie
Aida Brown Luca Marino New York New York University Paul Lambert Sarah White

Aida Brown

 

Aida era una vera stronza e anche se una sua amica si era suicidata per lei non era un giorno per non fare niente ma secondo lei era il momento giusto per prendere l’ iniziativa e far uscire Paul con lei . Aida 25 anni ed era una vera stronza e ed era una persona davvero cattiva . Aida era innamorata in segreto di Paul Lambert che studiava Criminologia e adesso ci vedeva uno scopo in quel suo lavoro . Paul non si dimentico di Sarah White non solo dentro la sua mente ma anche dentro al suo cuore e decise di fare sul serio e dare tutto se stesso per rendere onore a Sarah . Aida non aspetto nemmeno un giorno per cercare di far uscire Paul con lui . Aida andò nell’ alloggio 178 dove era Paul , busso alla porta . Una volta entrata vide Paul immerso in un sacco di libri sulla Criminologia e li c’ erano foto e informazioni sull’ omicidio di Sarah White . Paul vide alla porta Aida e non la fece entrare visto che era occupato nel cercare di trovare il responsabile di Sarah .– non puoi passare stasera ora sono occupato . Sarah vide che Paul era turbato e stava per chiudere in faccia la porta ad Aida e lui la fermo – per favore devi uscire e non pensare alla morte di Sarah . Lei è morta e io sono qui . Paul aveva sentito delle voci su Aida ma non sapeva se erano vere oppure . Paul aveva sentito che quando lei era al liceo e una sua amica che era fidanzata con il ragazzo che voleva non aspetto nemmeno un giorno e gli chiese di uscire dopo il ragazzo aveva detto addio a quella persona . Paul non ci credeva ma poi lo vide con i suoi occhi – allora le voci che ho sentito dire sono vere . Non hai aspettato un giorno di chiedermi di uscire . Sarah è morta poche ore fa e tu cosa fai mi chiedi di uscire . Togliti dalla mia vista mi fai vomitare . Paul gli chiuse la porta in faccia e non gli rivolse più la parola visto che per i suoi occhi era un vero mostro e non una persona . Aida non aveva un cuore o se ce lo aveva lo aveva venduto oppure distrutto e mandato chissà dove lei . Tutti sapevano che non andavano d’ accordo e tutti pensavano che era stata lei a uccidere Sarah White . Tutto portava a lei visto che era l’unica persona con un movente per uccidere Sarah White . Pure Paul pensava che era stata lei visto che ai suoi occhi era un mostro e solo un mostro era capace di fare una cosa del genere . Luca aveva sentito dire che Aida era la responsabile della morte di Sarah la notte scorsa e si arrabbio moltissimo . Tutti i Serial Killer sono felici di trovare un capro espiatorio e farlo incastrare al posto loro ma Luca non lo era visto che avevano pensato che era il lavoro di una semplice stronza e non di un serial killer . Luca allora decise di darsi una calmata e torno in camera sua e sbatte la porta in modo molto brutto e nervoso come se dentro di lui era scoppiata una rabbia quasi disumana . Luca si mise alla sua scrivania e decise di uccidere di nuovo e questa volta toccava ad Aida Brown . Luca prima che tutti davano il contributo della morte di Sarah ad Aida Brown , la voleva già uccidere visto che quando Paul aveva detto quelle cose in faccia ad Aida era li . Luca era presente e aveva sentito ogni singola parola ma invece di andare li e sostenere Aida fece un piccolo sorriso visto che era felice di come stavano procedendo le cose . Luca vedeva che grazie ad Aida Paul stava soffrendo molto di più e adesso grazie all’ omicidio avrebbe un grande vuoto nel cuore . Aida era nel parcheggio della macchina e cercava dentro la borsa le chiavi della macchina e il telefonino per dire a sua madre che stava tornando a casa . Mise le mani nella borsa ma non trovava niente e per trovare le cose che gli servivano mise la mano destra nella borsa che era sulla sua macchina che era di colore blu . Luca con il suo costume nero non si avvicino molto e poi fece volare la borsa lontano da lei verso 279 metri . Aida alzo gli occhi e vide la borsa li lontana e capì che nella oscurità c’ era qualcuno . Li dentro non aveva niente per proteggersi e quindi adesso non era una stronza che poteva dare una bella lezione a qualcuno ma era una vittima . Luca li nella oscurità e grazie alla sua rabbia la telecinesi la prese subito . Luca aveva fatto venire da lei Aida e la teneva stretta nella sua morsa e poi la uccise e prima di uccidere – tu sei solo una stronza e adesso sei morta . Luca la uccise e poi la impicco come aveva fatto con Sarah White . Luca entrò nella università e vide Roberta Arcieri che era li vicino al suo armadietto . Luca si avvicino a lei visto che era amica di Aida – sei venuto per farmi uno scherzo . Roberta guardo gli occhi di Luca ed erano tristi – sono qui per dirti una cosa su Aida . Non so come te lo devo ma devo farlo . Roberta si mise a piangere – non è vero . Aida non è morta e viva e vegeta . Roberta usci a vedere , alzi gli occhi al lampione e vide il corpo senza vita di Aida li sopra al lampione e si era suicidata . Luca abbraccio Roberta – posso capire il tuo dolore . Anche se Aida mi odiava le volevo bene come una vera amica . Se posso fare qualcosa per te me lo devi solo dire . Luca con questo omicidio aveva inferto un altro colpo al cuore di Paul .

 

Categorie
Aida Brown Dana White Londra Luca Marino New York New York University Paul Lambert Sarah White

Sarah White

 

Sarah White 22 anni e viene da Londra e poi per una decisione da parte dei suoi genitori e dovuta andare alla New York University . Grazie al fatto che Sarah era molto carina , capelli neri lunghi fu facile stringere amicizia con gli altri li dentro . Sarah non era la solita ragazza che era debole e si faceva sottomettere dagli altri ma era una dura visto che nella vecchia scuola era stata sospesa due volte per aver fatto delle risse . In quelle rise che aveva fatto le persone che la volevano mettere sotto e picchiare a sangue e poi lasciarla li a terra non lo potevano più fare visto che Sarah diede loro una bella lezione . Fu sospesa due volte ma almeno non aveva nessuno che la picchiava e gli voleva scrivere sul corpo “ Bitch “ perché secondo loro andava a letto con un ragazzo che gli piaceva . Sarah in questa università cerco di non farsi cacciare visto che voleva essere una Medico Legale e quindi studiare medicina e andarsene . Se qui si innamorava allora era li destino che le diceva che arrivato il momento giusto per farlo . Dana la madre di Sarah prima di farla scendere dall’ auto – per favore cerca non farti sospendere pure in questa scuola . Sarah sbuffo e fece finta di stare alle direttive di sua madre visto che se avesse iniziato non avrebbe più finito – ci provo . Ma se qualcuno mi da fastidio oppure mi vuole scrivere sul petto una parola offensiva le lascio fare . Una volta entrata a scuola la prima persona che Sarah incontro fu Paul Lambert 22 anni , molto robusto e forte , capelli rasati a zero ed era è molto carino . Paul era li vicino a Sarah e si innamorato di lei – io sono Paul , benvenuta alla New York University .Sarah fu molto felice di essere in questa scuola visto che pure lei si era innamorata di Paul e aveva trovato un modo per non odiare questa università . Aida Brown ci aveva provato a far innamorare Paul di lei ma con tutte le sue mosse non ci era riuscita . Quando vide Paul e Sarah stare vicini non le piace per niente al mondo e andò verso Sarah con quella aria da stronza che ha una come lei . Sarah sapeva che tra poco si sarebbe messa nei guai e aveva promessa a sua madre di non mettersi nei guai . Aida andò vicino a Sarah e tra loro c’era aria di sfida – Come tu sei la nuova pivella qui dentro . Aida non aveva saputo molto su Sarah e pensava che poteva sottomettere Sarah con la sua aria e con il suo sguardo da stronza . Sarah non si mise nessuna paura – tu saresti la stronza di turno che deve cercare di mettermi sotto per mostrare a tutti chi è . Io non ho nessuna paura di te . Aida non fece niente visto che in quel momento c’ erano tutti gli studenti e tre professori . Ma prima di andare per la sua strada – e meglio se stai lontano da Paul e cerca di stare attenta gli incidenti possono capitare e ti potresti fare molto male . Sarah non aveva nessuna paura e poi lascio stare Aida e prese tutto quello che gli serviva per la sua prima lezione . Paul non aveva dato ascolto a Sarah visto che per lui era solo una amica e non una persona con cui fare sul serio . Luca Marino era stato preso in giro da Paul e decise di non agire su di lui ma su Sarah . Luca per colpa di Paul aveva un occhio nero sull’ occhio destro ed era molto gonfio e poi gli faceva male lo stomaco per un pugno nello stomaco . Paul sapeva che Luca era il migliore del corso e aveva deciso di fargli una cosa del genere per avere i compiti e anche il fatto che lui doveva dirgli tutte le risposte a tutti gli esami . Luca si rifiuto sputandogli nell’ occhio destro e quello gli fece questo . Luca sapeva come agire e sapeva che tutto gli sarebbe andato bene . Luca aspetto che Sarah arrivava alla sua macchina e una volta dentro mosse le chiavi per azionare l’ auto . Luca con il suo potere impedì che l’ auto funzionava . Sarah scese dall’ auto – maledetta auto . Non dovevi funzionare proprio in quel momento . Prese il cellulare e Luca con un piccolo gesto della mano glielo fece volare via dalla mano e Sarah inizio ad avere paura – se c’ e qualcuno non è divertente . Esca fuori . Sarah aveva molto paura visto che non aveva mai visto persone con i poteri e provo a scappare ma Luca uso la telecinesi per farla cadere a terra . Luca era con un costume nero che gli copriva tutto il volto e poi prese per i capelli Sarah e con la telecinesi gli spezzo il collo . Non gli diede il tempo di dire a Sarah qualcosa e poi con una corda che le mise intorno al collo e poi la alzo sopra al lampione e fece in modo che fosse un suicidio . Luca entro nella scuola di sera tardi e vide Paul che era vicino alle porte visto che stava andando a casa e poi vide Luca e gli disse – devi venire fuori e successo qualcosa a Sarah ? . Paul e Luca andarono fuori e videro che Sarah si era suicidata . Paul era triste e invece Luca era li dietro di lui e aveva quello sguardo di felicità visto che vedeva il suo nemico a terra che piangeva come una femminuccia .