Io e Pandora blocchiamo Aqua

Aqua aveva in mente questo incredibile che avrebbe permesso a noi tutti di avere delle vite normali e che nessuna guerra ci sarebbe mai stata, Se Aqua sarebbe riuscita a fare il suo piano non ci sarebbe stata nessuna Guerra dell’ Universo e quindi io non avrei fatto nulla visto che non c’ era nulla da fare. Io il 25 Ottobre del 2012 io ho dovuto uccidere tutta la mia gente e tutte le persone che conoscevo perchè il Consiglio dei Dominatori di Poteri era del tutto impazzito e voleva distruggere ogni singola cosa, Io invece volevo salvare ogni singola nel tempo e nello spazio e cosi ho dovuto quello che ho fatto. Io mentre ero seduto li su una sedia usando gli Occhi della Fenice vedevo che se Aqua facesse una cosa del genere noi non ci saremo mai incontrati visto che tutti erano nel loro universo e stavano vivendo la vita che dovevano. Se nessuno doveva combattere qualcosa allora nessuno si sarebbe mai incontrato e quindi non c’ era nessun Universing visto che la magia oscura non si era mai fatta vedere a Salem nel 1840. Io allora mi alzai dalla sedia e mi mossi vicino a Maestra Aqua che era deciso – non posso lasciartelo fare. So che questa cosa può impedire tali errori e tali omicidi, ma se lo fai tu creai un punto fisso nel tempo e nello spazio e noi non potremo mai più incontrarci. Voglio dire se lo fai tu perderai noi, il fatto che tu hai rincontrato Terra e Ventus e che tu abbia un mondo a noi tornare. Se tu impedisci alla oscurità di entrare dentro al corpo di Nora tutto quello che vedi attorno a te, Tutto quello che hai guadagnato in questo nuovo grande universo noto come Universing sparirà per sempre. Inoltre se lo fai Pandora non ci sarà più visto che lei sarà bloccata in eterno dentro al vaso e non potrà uscire da li mai più. Aqua dal mio lungo discorso capì che le conseguenze erano veramente molto gravi e decise di non farlo ma di darci solo una mano a fermare i Distruttori. Io andai verso di lei con un tono un pò più calmo – domani io ti voglio di una mia esperienza di viaggio nel tempo che ho fatto esattamente il 11 Settembre del 2001 durante l’ attacco al World Trade Center.

Melissa Mcarthur calma Dana Moretti

1064679786625674434kF60lZBc

Dana Moretti era nell’ ufficio di Melissa e aveva molto paura e Melissa grazie agli occhi della fenice lo vedeva . Vedeva che attorno a Melissa c’ era un aurea molto nera e decise di porre rimedio . Melissa vide che l’ oscurità era pure vicino alla sua mano ma la luce emanata da Melissa la distrusse . Melissa porse la mano a Dana e lei la prese e con calma andarono vicino a una porta che era chiusa a chiave . Melissa lascio per un attimo la mano di Dana e prese dal suo collo la chiave . Una volta messa e girata porto Dana Moretti dentro al suo grande salotto . Una volta che la porta si chiuse Melissa con il suo potere di parlare con le macchine spense le telecamere e spense i registratori per non far sentire a nessuno quello che si dicevano li dentro . Melissa con calma senza cadere si tolse le scarpe e Dana la guardo in modo un pò strano – che fai ? . Melissa vide Dana era preoccupata – non ci vede nessuno ho spento le telecamere dappertutto . Quindi se ti vuoi togliere quei tacchi per sentirti meglio lo puoi fare . Non li devi portare per forza . Dana se li tolse e i suoi piedi iniziarono a sentirsi meglio . Una volta sul divano Dana Moretti inizio a raccontare tutto a Melissa – io lavoravo li come Giornalista ma l’ 11 Settembre del 2001 sono stata li sul tetto per prendere un pò d’ aria e fare un pò di pausa con delle mie amiche . Stavamo parlando di ragazzi e stavamo parlando di cene . Poi gli aerei sono volati sopra le nostre teste . In quel momento mia madre mi ha chiamato però lo fece all’ ultimo minuto . Cioè pochi minuti prima che l’aereo fece saltare in aria le due Torri Gemelle . Melissa prese una coppa di gelato al cioccolato e la diede a Dana e lei inizio a mangiare . Ma prima di farlo abbraccio Melissa e lei inizio a dire – adesso tutto va bene . Tutto è passato e non devi preoccuparti più di nulla . Qui ci sono io con te . Non sono solo il tuo capo ma sono anche un amica . Anche se tu dici che ti vuoi dimettere io non le accetto perchè adesso non sei in te . Noi due staremo qui dentro fino a quando tu non sentirai meglio . Melissa e Dana passarono due ore li dentro e in quelle ore si trasformarono da sconosciute a migliori amiche . Li dentro si raccontarono i loro segreti e tutto quello che avevano passato .

 

ioinviaggiodue

ci guadagno il colore del grano...

Mile Sweet Diary

diario semiserio di una aspirante pasticcera

Illustra.

magazine

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Wikinerd

NERD e dintorni ;)

ioinviaggio

Dopo un po’ impari che il sole scotta, se ne prendi troppo. Perciò pianti il tuo giardino e decori la tua anima, invece di aspettare che qualcuno ti porti i fiori. E impari che puoi davvero sopportare, che sei davvero forte, e che vali davvero. E impari e impari e impari. Con ogni addio impari. (V. Shoffstall)

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

VOLO SOLO PER TE

Io e la mia vita...sul mio blog troverai parole che in questi angoli di paradiso potranno rasserenarti e regalarti se vorrai un momento di dolcezza..E se vorrai lasciarmi un commento sara' gradito da parte mia

Piccole Storie d'Amore

Vivo i giorni nella solitudine

NON SOLO MODA

La moda, uno strumento per essere positiva, negativa , simpatica, antipatica...semplicente TU

la musica è un luogo

Ogni pensiero risuona come una canzone.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: