Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Spazio Tempo

Predestination

Nel futuro ci sono eventi terribili fatte da persone davvero orribili . Una di queste persone non so perchè ma ha deciso di fare un grande massacro . Forse lo fa perchè gli piace oppure per un motivo ben specifico . Questo pazzo dinamitardo si chiama Fizzle Bomber . Non si sa il suo nome e non si sa nulla di lui . Ma grazie a questo evento e divenuto molto importante . Grazie a questo evento tutti hanno paura di essere attaccati di nuovo . Per fermare una volta per tutte questo pazzo dinamitardo mandando un viaggiatore nel tempo indietro nel tempo per fermarlo . Il nostro protagonista non ha un nome o se c’e la non lo dice per il momento . Lui ha provato a fermare l’ attentato nel futuro ma non ha avuto una buona fortuna e possiamo dire che la vita non gli andata bene . Io e Ada non lo sappiamo come sia tornato quello di un tempo . Per fermare questo pazzo dinamitardo deve viaggiare nel Gennaio del 1963 . Una volta tornato indietro nel tempo viene aiutato da un ragazzo . Se ci riesce a fermare questo pazzo la sua vita sarà sana e salva . Lui può avere una famiglia , un bambino . Ma ce la deve fare oppure il suo futuro andrà in pezzi come la sua vita . Il nostro eroe non sa che viaggiare nel tempo come fa lui e davvero molto pericoloso . Fosse l’ oggetto a portarlo in quell’ anno allora tutto va bene . Ma lui utilizza una macchina temporale molto strana e particolare . Per questo viaggiare nel tempo per lui e un grosso rischio . Anche se salva il futuro lui potrebbe morire per i troppi viaggi nel tempo .

 

Categorie
Angela Gentile Emma Strauss Londra

Aspetto di Angela Gentile

250px-Flight_Crew_Maggie

Angela divento non solo un amica per Emma Strauss ma anche una sorella e una insegnante per conquistare i ragazzi . Emma imparò un sacco di cose da Angela durante i loro viaggi nelle varie parti del mondo . Angela vide che Emma all’ inizio era molto insicura ma adesso grazie era divenuta una persona nuova e davvero molto bella . Davanti a se aveva una nuova Emma Strauss . Grazie ad Angela Emma era divenuta una persona che non era solo una donna che sapeva prendere i ragazzi ma anche una donna molto bella e grazie ad Angela aveva imparato a usare queste cose per fare tutto . Vide che dopotutto il viaggio nel 1963 non era stato poi cosi male visto che aveva conosciuto delle ottime amiche e che aveva imparato ad avere molto più fiducia in se e in quello che poteva fare . Una cosa che Angela le disse prima di partire per Londra in quel viaggio che sarebbe stato il suo lungo viaggio verso un grande futuro – Se ci credi con tutta te stessa ce la puoi fare . Anche stare qui . Adesso sarà difficile ma se ce la metti tutta ti sembrerà una cosa molto facile e ce la puoi tutti i giorni . Grazie a quelle parole Emma divenne più coraggiosa e decise di usare questo tempo nel 1963 per essere più forte e avere fiducia in se .

Categorie
1963 2014 Angela Gentile Emma Strauss Parigi

Angela Gentile

 

Angela Gentile 22 anni ed era una delle migliori amiche di Emma Strauss , l’ ha conosciuta quando era in aeroporto in Parigi . Angela era li e non vedeva l’ ora di salire a bordo sul’ aereo che l’ avrebbe portata per un po’ di tempo a Londra . Emma era li ed era tesa visto che non sapeva come sarebbe andata il primo giorno . Angela decise di andare li e calmarla un po’ visto che si vedeva dagli occhi e dallo sguardo che era basso e fermo . Angela si avvicino a lei che era vicina alla finestra a vedere quel grande aereo . Una volta vicina a lei Angela le mise una mano sulla spalla destra – calma tesoro . Fai un bel respiro ed espira . Ce la puoi fare a fare questo grande salto . Una volta fatto la prima volta ce la farai anche le altre volte . Emma fece come le aveva detto Angela . Fece un respiro lungo e inizio a calmarsi e poi butto fuori l’ aria . Grazie a lei era tornata calma e aveva riottenuto il suo coraggio che era stati buttato fuori con l’ aria che aveva buttato . Emma si girò verso Aurora e vide che era molto bella , capelli neri , occhi neri e uno sguardo bellissimo e attento . Gli occhi di Angela era svegli e attenti come quelli di un aquila ed erano li per accorgersi di ogni minimo casino e cosi poteva andare li e risolverlo . Non lo faceva solo nei suoi confronti ma anche con le sue amiche . Angela aveva deciso di fare questo lavoro non solo per vedere il mondo visto che era un suo grande sogno .Proveniva dall’ Italia e sapeva tutto di quel posto e ogni giorno le sembrava monotono e senza niente da fare . Poi un giorno il destino chiamò e vide il poster dedicato alla Pan America World Company . Vide che grazie a quel lavoro poteva non solo lavorare ma anche fare viaggi incredibili e bellissimi . Angela non vedeva l’ ora di farlo e cosi parti per fare questa vita avventurosa . I genitori non dissero no visto che avrebbe lavorato e quindi avrebbe avuto un futuro . Angela strinse subito amicizia con Emma e vide che lei non conosceva molto i ragazzi . Forse non aveva il coraggio e fu grazie ad Angela che Emma diventò brava in quel campo . Quando videro un ragazzo in Parigi , Angela gli diede un occhiata e pure Emma ma solo di sfuggita . Angela vide che Emma non sapeva cosa fare – vedo che abbiamo molto da fare su di te . Tu non sei mai uscita con un ragazzo ? . Emma la guardo negli occhi – non tanto . Sono stata per il mondo ho salvato persone e ho cercato di capire cosa fare nella mia vita e per colpa di queste cose io non ho avuto il tempo per andare con i ragazzi . Angela era li in camera di albergo con Emma sul suo letto – adesso che ci sono io tesoro . Cerchiamo di porre rimedio a questa cosa . Grazie a me saprai tutto sui ragazzi e una volta che torni da dove sei venuta almeno sarà una donna che tutti vorranno . Uccideranno per averti vicino . Ora andiamo visto che ho molto lavoro da fare con te . Angela per Emma non divenne solo un amica ma anche una sorella e una insegnante di vita . Grazie a lei capì come fare colpo con i ragazzi . Prima di andare in un bar e provare con qualche ragazzo Emma decise di dire una cosa ad Angela – senti ti devo dire una cosa e non so se tu la puoi accettare questa cosa oppure no ? . Angela era li stesa sul letto vicino a Emma – avanti tesoro tu mi puoi dire tutto . Dimmi non avere paura . Emma decise di confidarsi con la sua migliore amica – io non sono di questo tempo . Provengo dal 2014 e sono capitata qui per errore . Emma pensava che Angela avrebbe riso – lo sapevo già tesoro . Lo vedevo da come vedi il mondo . Tu vedi le cose come se sapevi già che accadevano . Emma per far vedere ad Angela che veniva dal 2014 prese il suo telefonino che era dentro il suo capello da assistente di volo . Angela lo vide e non ci capiva niente perché era superiore a ogni cosa che aveva visto in questo secolo – adesso con questa prova ti credo di sicuro tesoro . Non lo dirò a nessuno di me ti puoi fidare . Angela non diceva un segreto a nessuno lei era come una tomba i segreti morivano con lei .

 

Categorie
Ada Knight Aida Brown Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Emma Strauss Sarah White The District

Paul Lambert parla con Emma Strauss

 

Paul era un ottimo criminologo grazie al tempo passato sui libri e tutti avevano visto questo cambiamento e tutti ne sapevano il motivo . Ma nessuno dei professori lo fermo visto che adesso aveva un obbiettivo trovare il responsabile della morte di Sarah White e Aida Brown . Paul era dentro l’ obitorio con Emma che era li vicino a lui e vide i suoi abiti . Paul li vide e capì che non erano di questo secolo visto che nessuno si vestiva cosi dai lontani anni 60 . Quando Emma aveva fatto vedere a Paul il telefonino capì che lei viaggiava davvero molto e doveva essere importante . Emma si mise sulla sedia visto che per il momento non aveva altri cadaveri da sezionare per capire cosa è successo a loro . Paul invece stava aspettando che Emma diceva a lui come era tornata indietro nel 1963 e come Daniel Saintcall la persone che dovevano chiamare era tornata nel 2014 per aiutare Paul Lambert . Emma era li e girò la sedia verso di lui – ero a New York e stavo facendo allenamenti sul teletrasporto visto che non ero molto brava . Mi stavo ancora allenando e uno di questi miei sbagli mi fece finire nel 1963 a Parigi . Fini vicino a un negozio e presi dei nuovi vestiti . Una volta arrivata la non sapevo cosa fare visto che le donne a quell’ epoca non avevano molti lavori . Ero in una strada e vidi un poster della Pan America Worldwide Company . Alla fine decisi di fare il grande salto e visto che ero in gamba nelle lingue . Parlavo francese e altre lingue e per questo sono andata li e mi sono messa a lavorare come assistente di volo . Lo feci per due anni e quando pensavo di non poter tornare più a casa fui avvicino da un passeggere . Capello nero in testa con uno strano simbolo , capetto marrone chiaro e vicino alla bocca aveva una maschera . Pensavo che era un passeggero che voleva farmi del male e invece era lui Daniel Saintcall e vicino a lui c’ era Ada Knight . Loro due si alzarono e vennero verso di me e andammo nel posto dove le assistenti di volo parlano . Una volta li dentro lui mi disse – io sono Daniel Saintcall e lei e la mia collega Ada Knight . Siamo di The District sappiamo che tu non sei di questo secolo . Se hai bisogno di aiuto per tornare nel 2014 venga con noi e la possiamo riportare li oppure vuole stare un altro qui con le tue amiche . Io e Ada sapevamo che Emma non poteva venire con noi senza un motivo valido . Emma vide che io inizia a vedere Ada Knight – che ne dici se mi fingo il suo fidanzato e cosi la portiamo via da qui . Una delle assistente di volo di nome Angela era entrata in quel momento e io per far capire che ero il fidanzato di Emma le diedi un bacio . Angela ci vide e dopo il bacio ci mettemmo al nostro posto . Ada che era vicino a me , mi guardo – bel bacio . Ma la prossima volta dimmi il tuo piano . Io la guardai – veramente non lo sapevo nemmeno io il piano . Ho preso l’ iniziativa e ci è andata bene . Una volta finito il viaggio verso New York Emma venne con noi . Angela gli fece occhiolino e Emma non aveva capito . Angela venne verso di noi – che significa quell’ occhiolino ? . Angela da quando aveva conosciuto Emma aveva visto che i segnali non li conosceva e diceva sempre – che cosa devo fare con te ? . Non conosci i segnali . Ma dove sei nata . Angela la guardo negli occhi – l’ occhiolino sta per dire non perderti il tuo fidanzato . Non fartelo scappare . Ora vai prima che qualcuno altro lo prendo . Emma non aveva capito di chi stava parlando Angela che era li dentro all’ aeroporto con lei – di chi stai parlando ? . Angela si mise le mani dentro i capelli e poi guardo in faccia Ada Knight – sto parlando della bellissima donna che sta vicino a lui . Sta attento . Ada aveva sentito cosa stava dicendo Angela e andò verso di lei – se pensi che io ti posso soffiare Daniel allora non mi conosci . Inoltre io sono già fidanzata . Io e Ada stavamo camminando insieme per andare in un punto dove nessuno ci poteva vedere e usare i nostri poteri – di cosa stavate parlando prima ? . Ada non raccontava alcune volte le sue cose – Angela pensa che tu e Emma fate una bella coppia . Inoltre pensava che io provavo qualcosa per te e che ti volevo togliere dalle grinfie di Emma . Adesso andiamo in un posto vuoto e torniamo nel 2014 .

 

Categorie
1963 2014 Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Luca Marino Osservatore Osservatori Ottobre Paul Lambert

Sony Xperia Z2 di Emma Strauss

38758Una volta tornata nel 2014 grazie al mio aiuto e anche all’ aiuto di Ada Knight . Ottobre mi aveva detto che Emma Strauss era andata nel 1963 per un suo errore . Non la conoscrevo ma se Ottobre aveva fatto tutto quel cammino per arrivare a me doveva essere una cosa davvero molto importante . Paul era li ancora dentro l’ obitorio della New York University . Paul quando vide il telefonino di Emma – molto bello il telefonino . Mi puoi dire dove lo hai tenuto nascosto quando eri nel 1963 . Emma si giro verso di lui e con un gran bel sorriso – ci sono segreti che devo tenere e questo te lo posso dire . Diciamo che ho usato un nascondiglio che solo noi ragazze possiamo usare . Paul accetto quella risposta e poi disse – lo tenivi in un posto dove nessuno lo poteva vedere . Paul aveva visto come era vestita Emma – prima ti voglio fare una domanda prima che chiamiamo Daniel Saintcall . Emma era ancora girata verso di lui – vuoi sapere come mai sono vestita con degli abiti del 1963 . Adesso ti spiego tutto e centra anche Daniel Saintcall . Lui mi ha aiutato a tornare nel mio tempo e mi hai aiutato ad arrivare qui per salvarti da Luca Marino .

 

Categorie
1943 1947 1954 1961 1963 1970 1995 Notizie dal Mondo

Foto della Carriera di Larry Hangman

Categorie
1954 1961 1963 1970 2012 Notizie dal Mondo

Morto Larry Hagman fu il J.R. nella serie “Dallas”

Larry Hagman

E’ morto ieri a 81 anni l’attore americano Larry Hagman, conosciuto soprattutto per il suo ruolo dello spietato petroliere J.R. Ewing nella serie tv ‘Dallas’, ma anche come il maggiore Anthony Nelson della sitcom ‘Strega per amore’. Lo rende noto il the Dallas Morning News. Hagman è deceduto in ospedale a Dallas dopo complicazioni nella sua lotta al cancro, spiega la famiglia in un comunicato. Negli anni 90 a Hagman gli erano stati diagnosticati il cancro al fegato e la cirrosi epatica, dopo decenni di problemi con l’alcol.

Figlio d’arte, sua madre era Mary Martin una grande attrice di Broadway, Larry Hagman dopo la separazione dei suoi genitori va a vivere in California con la nonna con la quale resta fino alla morte di lei. Ha 12 anni quando torna a vivere con la madre che lavorava nei teatri di Broadway. Dopo aver frequentato il College entra nel mondo dello spettacolo. Mentre lavorava come attore in uno spettacolo di successo della madre, decide di restare dove lo spettacolo si trovava in quel momento: l’Inghilterra dove rimane per cinque anni. Durante questo periodo entra a far parte dell’U. S. Air Force. Trova anche il tempo di produrre e dirigere molti spettacoli teatrali.

In questo periodo incontra e si innamora di Maj Axelsson, una giovane designer svedese che sposa nel dicembre del 1954. Tornato negli Stati Uniti, comincia seriamente a lavorare in televisione. Ottiene un ruolo fisso nella soap opera pomeridiana Ai confini della notte dove interpreta il giovane avvocato Ed Gibson, ruolo che ricopre dal 1961 al 1963. Dopo otto anni a New York decide di trasferirsi a Hollywood con la moglie e i figli.

Nel 1965 ha il suo primo grande successo vestendo i panni dell’astronauta Tony Nelson nella sitcom Strega per amore (I Dream of Jeannie), accanto a Barbara Eden, ruolo ricoperto fino al 1970 per un totale di 139 episodi.

Nel 1978 accetta il ruolo del perfido J. R. Ewing in Dallas che proseguì per tredici anni consecutivi, fino al 1991. La prova che il personaggio di J. R. aveva raggiunto una notorietà a livello mondiale arriva nel novembre del 1980 quando l’episodio Who Shot J. R. (Chi ha sparato a J. R.) è vista da 350 milioni di telespettatori in 57 paesi. Ha poi ripreso il ruolo in 2 film TV (1996 e 1998) e nel sequel in onda dal 2012 su TNT.

Categorie
Computer Database Mondo Panorama Parlare con Pandora Presentazione Racconto Storia

Spiego a Pandora l’ aggressività

Dopo aver fatto vedere a Pandora le foto delle tigri , gli dissi – adesso ti spiego tutto quello che so sull’ aggressività e Pandora – ok , inizia pure quando . Io allora iniziai a spiegare a Pandora tutto quello che so sull’ aggressività – L’aggressione è un fenomeno complesso, che rientra nelle problematiche legate al manifestarsi della violenza negli esseri umani. Le dinamiche psichiche e biologiche che conducono ai conflitti violenti tra le persone, il loro legame con gli istinti primari sono questioni che da due secoli psicologi e altri studiosi analizzano e che recentemente si stanno chiarendo.

Etologia

Nell’etologia in generale (e nell’etologia umana in particolare) col termine aggressività s’intende l’impulso istintuale ad aggredire animali di altre specie o della propria al fine di attentare alla loro esistenza, per cibarsene nel caso di specie predatorie carnivore, o comunque di provocaro loro lesioni o danni diffusi. In altri termini, l’aggressività è letta dagli etologi come funzionale alla soddisfazione degli obiettivi primari: mangiare e copulare. Si ha aggressività per difendere un territorio, per proteggere i propri piccoli, per organizzare la scala sociale gerarchica all’interno di un gruppo nelle specie sociali. Konrad Lorenz ha studiato l’aggressività all’interno del comportamento animale, pubblicandone un primo saggio nel 1966 con il titolo Il cosiddetto male.

Scienze sociali

 In psicologia ed in altre scienze sociali e comportamentali, con il termine aggressività ci si riferisce all’inclinazione a manifestare comportamenti che hanno lo scopo di causare danno o dolore ad altri da sé.[senza fonte] L’aggressione in ambito umano può attuarsi sia sul piano fisico che verbale, ed una certa azione viene considerata aggressiva anche se non riesce nelle sue intenzioni di danneggiamento. Al contrario, un comportamento che causa solo accidentalmente un danno non è da considerarsi aggressione.[senza fonte]

L’aggressività è stato un argomento sempre trattato dalle scienze sociali (psicologia, sociologia, antropologia) ed infatti esistono varie teorie. Per alcuni studiosi l’aggressività dipende da fattori innati, cioè sostengono che si nasce con l’istinto di aggredire, per gli ambientalisti, invece, l’aggressività è un fattore acquisito. Alcune scuole ambientaliste sono:

 la scuola che si basa sulla teoria della frustrazione

 la scuola dell’apprendimento sociale

Teoria della frustrazione

La frustrazione è una condizione psicologica di sofferenza che nasce dalla impossibilità di soddisfare un’esigenza fondamentale di natura psicologica o fisica a causa di un ostacolo esterno. Grazie ad alcuni esperimenti di Leonard Berkowitz si dimostra che non solo la frustrazione può rendere aggressivi ma anche la presenza di indizi aggressivi. L’esperimento di Berkowitz, infatti, mette in evidenza che la causa dei comportamenti aggressivi, oltre alla frustrazione, è anche il modo in cui viene interpretata una situazione; se sono presenti armi, ad esempio, si è portati a credere che la situazione è pericolosa, pertanto frustrati o no si reagisce in modo aggressivo.

Scuola dell’apprendimento sociale

Questa scuola di pensiero si basa sulla teoria per cui si diventa aggressivi quando si hanno dei modelli aggressivi nell’ambito familiare o a scuola o tra gli amici; è quindi un fattore acquisito. La psicologia sociale afferma che in un gruppo di amici esiste la mentalità di gruppo, ovvero tutti compiono delle azioni perdendo la propria obbiettività, quindi se nel gruppo si aggredisce e se gli altri aggrediscono, noi componenti di quel gruppo siamo portati a fare altrettanto.

Antropologia

Gli antropologi partono dal presupposto che l’aggressività è una predisposizione del genere umano che si manifesta nei diversi popoli in modo diverso. Il popolo eschimese, ad esempio, ha una forma di aggressività passiva, ovvero il quiquq, che si ha quando una persona viene ignorata o presa in giro e quindi isolata dal gruppo pensando che quella persona provochi del male a tutti. Per l’antropologia, quindi, l’aggressività è innata, è un comportamento che si ha dalla nascita.

Funzioni e origine dell’aggressività

 kjnihyuhu in cui si esprimono le varie forme di aggressività sono molteplici, in quanto si identificano con i vari momenti della vita umana, nei quali l’individuo si trova in rapporti, temporanei o duraturi, con i suoi simili, a partire dalla primissima infanzia. Come è noto, tensioni che oppongono uno o più individui ltri si possono sviluppare all’interno della famiglia come nella scuola, nelle competizioni sportive come nelle lotte sindacali, nelle polemiche che vedono schierati in campi avversi i partiti politici come in quelle che talvolta avvampano tra due persone che discutono di sport. Forme di aggressività sono presenti in certi sogni notturni, come nei miti, nelle leggende e nelle favole per bambini, e tutto ciò è una prova ulteriore del ruolo non trascurabile occupato dall’aggressività nella vita umana.

Allo scopo di introdurre un elemento di chiarezza nella discussione sulla natura dell’aggressività, lo psicoanalista Erich Fromm, nel suo saggio Anatomia della distruttività umana, parte da una netta distinzione: « Dobbiamo distinguere nell’uomo due tipi completamente diversi di aggressione. Il primo, che egli ha in comune con tutti gli animali, è l’impulso, programmato filogeneticamente, di attaccare o di fuggire quando sono minacciati interessi vitali. Questa aggressione difensiva, “benigna”, è al servizio della sopravvivenza dell’individuo e della specie, è biologicamente adattiva, e cessa quando viene a mancare l’aggressione. L’altro tipo, l’aggressione “maligna”, e cioè la crudeltà e la distruttività, è specifica della specie umana, e praticamente assente nella maggior parte dei mammiferi; non è programmata filogeneticamente e non è biologicamente adattiva; non ha alcuno scopo e, se soddisfatta, procura voluttà »

 (E. Fromm, 1975, p.20)

Quanto all’origine dell’aggressività e dell’eventuale parentela dell’uomo con gli animali sotto questo riguardo, si possono distinguere grosso modo due gruppi principali di teorie con una gamma di posizioni intermedie. Per il primo l’aggressività è un istinto che l’uomo ha in comune con gli animali; per il secondo, invece, è qualcosa di specificamente umano, tanto più se si considera l’aggressività intraspecifica (cioè all’interno della specie), che presso gli animali, tranne rare eccezioni, non ha carattere distruttivo, mentre fra gli uomini non si ferma neppure dinanzi all’omicidio, alla strage, al genocidio. Secondo i sostenitori di quest’ultima concezione, l’origine dell’aggressività degli uomini è da ricercare nella lunga storia della loro evoluzione come specie. Al primo gruppo di teorie si sogliono ascrivere anche, sempre in via di generalizzazione e accantonando perciò una serie di distinzioni secondarie, la teoria delle pulsioni di Freud e la concezione esposta da Lorenz nell’opera “Il cosiddetto male” (ampliata con il titolo L’aggressività, 1963).

Per quanto riguarda la teoria delle pulsioni sviluppata da Freud nel corso degli anni, bisogna ricordare che nel saggio Al di là del principio del piacere egli « ha fatto proprio il presupposto che in ogni essere umano, in ogni cellula, in ogni sostanza vivente, siano all’opera due pulsioni: pulsione di vita e pulsione di morte. E questa seconda, Thanatos (in greco, morte), come la chiamò Freud, si rivolgerebbe sia all’esterno, apparendo quale distruttività, sia all’interno, quale forza autodistruttiva che conduce alla malattia, al suicidio o, se mescolata a impulsi sessuali, al masochismo. Non sarebbe determinata da circostanze, non sarebbe prodotta da nulla: l’uomo avrebbe soltanto la scelta di indirizzare questo impulso di distruzione o di morte contro se stesso o contro altri, trovandosi pertanto di fronte a un dilemma quanto mai tragico »

 (E. Fromm, 1984, p.54)

Secondo Konrad Lorenz, l’aggressività “è il risultato di un accumulo autonomo di energia” che, anche in assenza di stimoli esterni, finisce per dar luogo a comportamenti aggressivi. Con una notevole differenza, però, rispetto agli animali, presso cui l’aggressione intraspecifica ben raramente giunge ad esiti mortali. « I rappresentanti di una stessa specie (il fenomeno riguarda in modo particolare i vertebrati) combattono tra loro per la gerarchia, il territorio o la femmina. In generale, tuttavia, questi conflitti presentano una caratteristica davvero stupefacente, e che ne limita enormemente la pericolosità: sono cioè ritualizzati. Un comportamento aggressivo ritualizzato è formato da un insieme di elementi abbastanza stereotipati e convenzionali, come grida, esibizioni di parti corporee a effetto terrifico, movimenti alterni di avvicinamento, fuga, accerchiamento, atteggiamenti di minaccia o di resa incondizionata; ben difficilmente le armi micidiali dei contendenti, zanne, artigli, corna ecc. sono impiegate per uccidere. Il lupo vincitore non azzanna a morte il lupo vinto che gli offre, in atto di sottomissione, la gola, ma cavallerescamente permette all’antagonista di andarsene incolume. I daini cozzano le corna, ma, anche se uno degli avversari, nel corso della lotta, scopre il fianco, l’altro non gli vibrerà mai un colpo mortale in questa regione; aspetterà, invece, che il nemico ritorni in posizione frontale per riprendere l’assalto »

 (G. Gelli, 1986, pp.16-17).