Categorie
Computer Database Foto Mondo Oggetti Panorama Parlare con Kratos Parlare con Pandora Presentazione Racconto Storia

Faccio Apparire qualche Cosmetico per Pandora

Dopo aver fatto l’ incantesimo per far brillare le stelle disegnate sulla parte della camera di Pandora , io dissi a lei – adesso ti faccio apparire tutti i cosmetici che ti servono per truccarti e Pandora disse – ok , procedi . Dopo pochi minuti feci apparire tutti i cosmetici che a Pandora servono ma non in un posto qualsiasi sul suo letto e Pandora disse – ne sono tantissimi , grazie Marcello .

Categorie
Computer Database Foto Mondo Oggetti Panorama Presentazione Storia

Foto dell’ Acetone visto da Pandora

Categorie
Computer Database Foto Mondo Oggetti Panorama Parlare con Pandora Presentazione Racconto Storia

Spiego a Pandora l’ acetone

Dopo aver detto a Pandora tutto sullo smalto per unghie e  dopo averle fatto vedere una foto sullo smalto rosa per le unghie , le dissi – adesso ti spiego tutto sull’ acetone e Pandora disse – voglio sapere tutto sull’ acetone . Dopo pochi minuti le dissi tutto sull’ acetone – L’acetone (anche chiamato dimetilchetone, propanone e beta-chetopropano) è il chetone più semplice esistente. Il suo numero CAS è 67-64-1.

 

La sua formula chimica è CH3-CO-CH3; l’atomo di carbonio cui è legato l’atomo di ossigeno ha ibridazione sp2 ed è pertanto al centro di un triangolo grossomodo equilatero ai cui vertici stanno l’atomo di ossigeno e gli altri due atomi di carbonio.

 

L’acetone è un liquido incolore e infiammabile con un odore caratteristico (fruttato); è miscibile con acqua, etanolo e etere e trova principalmente impiego come solvente.

 

Il principale processo industriale per ottenere acetone è l’idrolisi dell’idroperossido di cumene. In presenza di catalizzatori, il cumene addiziona ossigeno e forma un idroperossido; dal riarrangiamento e successiva decomposizione di questo si originano acetone e fenolo.L’acetone viene anche utilizzato in cosmetica per rimuovere lo smalto e le impurità dalle unghie. Basta versarne una minima parte su un pezzetto di cotone idrofilo e si può eliminare con molta facilità il colore. Come solvente fortemente polare, ha anche una certa efficacia nel rimuovere i residui di adesivi cianoacrilici.

 

Viene anche utilizzato in laboratorio come solvente organico e come coadiuvante all’asciugatura della vetreria di laboratorio, dopo averla lavata (soprattutto in laboratorio di chimica organica).

 

Negli ultimi anni se ne sta sperimentando l’uso come additivo,in bassissime percentuali, per carburanti da trazione. Sembrerebbe permettere una combustione più completa della miscela aria carburante,consentendo un abbassamento del particolato emesso (particolarmente aggiungendolo al gasolio).[senza fonte]

 

Sicuramente, però il maggiore impiego di questo solvente è per la produzione di polimeri. Diversi milioni di tonnellate l’anno vengono prodotti per indirizzarli verso la sintesi dei polimeri acrilici (plexiglas) e delle resine epossidiche[senza fonte]. Dalla condensazione di acetone e fenolo si ottiene inoltre il bisfenolo A, intermedio essenziale per la produzione dei policarbonati (plastiche anti-urto, come per esempio quelle per caschi motociclistici).

 

Dalla condensazione di due molecole di acetone in ambiente alcalino si origina il diaceton-alcole, buon solvente della gomma e di alcune vernici. La condensazione di tre molecole in ambiente disidratante e termico (200 °C), invece, porta alla formazione del solvente isoforone risultato assai efficace come additivo per vernici, pitture, adesivi e per discogliere alcune plastiche.

 

Informazioni sull’ Acetone

 

Nome IUPAC

 propanone

 Nomi alternativi

 dimetilchetone

 

β-chetopropano

 Caratteristiche generali

 Formula bruta o molecolare C3H6O

 Massa molecolare (u) 58,08

 Aspetto liquido incolore

 Numero CAS [67-64-1]

 Proprietà chimico-fisiche

 Densità (g/cm3, in c.s.) 0,79

 Solubilità in acqua completamente miscibile

 Temperatura di fusione (K) 177,8 (-95,4 °C)

 ΔfusH0 (kJ·mol−1) 5,7

 ΔfusS0 (J·K−1mol−1) 32,3

 Temperatura di ebollizione (K) 329,4 (56,2 °C)

 ΔebH0 (kJ·mol−1) 31,3

 ΔebS0 (J·K−1mol−1) –

 Proprietà termochimiche

 ΔfH0 (kJ·mol−1) -248,4

 S0m(J·K−1mol−1) 199,8

 C0p,m(J·K−1mol−1) 126,3

 Indicazioni di sicurezza

 Flash point (K) 256 (- 17 °C)

 Limiti di esplosione 2,6 – 13%

 Temperatura di autoignizione (K) 831 (540 °C).