Categorie
Ada Knight Aurora Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Malefica Maleficent

Maleficent

Quando ti leghi a una persona e anche se nel passato le hai fatto del male , le vuoi bene lo stesso e cerchi di non farle altro male . Maleficent sa che Aurora e andata nel posto dove sta per iniziare il suo sonno senza fine e cerca di fermarlo . Insieme a lei c’e un altra persona con un cavallo molto bello . Malefica ha invece un cavallo nero e davvero molto oscuro e cerca di farlo correre il più velocemente possibile per fermare Auora . Ma nessuno dei due arriva in tempo e il cavallo e anche Malefica lo sente questa cosa e capisce che adesso il suo sonno senza fine finisca . Aurora si trova in un posto dove ci sono un sacco di cose rotte e li c’ e una tale oscurità . Alla fine vede quello che vede e viene attirata da qualcosa di molto oscuro e ci va e si punge il dito con l’ ago . Aurora era li a terra e io non potevo fare niente visto che solo una persona che ama Aurora la può risvegliare .

 

Categorie
Alice Alice Miller Danica Ghost Fire Rachele

Alice si fa il costume di Ghost Fire

Dopo che Alice smise di lavorare dal fabbro ma lo fece per fare altro , stare in un posto solo le scocciava e cosi andò a imparare e usare ago e filo . La madre di Alice le aveva imparato un sacco di cose ma tra le varie cose che non sapeva era usare ago e filo . Alice voleva imparare a farlo visto che non sapeva se un giorno o l’ altro si sarebbe dovuta occupare di sua sorella minore oppure un giorno avrebbe avuto una figlia tutta sua . Alice voleva fare come faceva le persone che aveva imparato a capire attraverso i libri e sarebbe a dire quelle persone che tramandavano tutto alle future generazioni . Una tra le varie cose che voleva imparare era usare ago e filo ma non era brava visto che quello che le mancava non era l’ agilità per far passare un ago in un filo ma le mancava la pazienza . Stava per abbandonare ma li incontrò la sua migliore amica che pure lei non aveva questa grande dote ma alla fine insieme ci riuscirono . Questa sua amica si chiamava Danica 17 anni come lei , occhi blu come il cielo , un viso davvero bello che appena lo vedevi ti innamoravi di lei . Alice e Danica erano divenute migliori amiche e con il tempo impararono a fare questa ardua cosa dell’ago e del filo . Durante questa cosa capirono che tra loro c’ era qualcosa in più dell’ amicizia e una notte ci baciarono e fu una cosa molto casuale . Nessuno le seppe visto che non sapevano nemmeno loro come era accaduto e sopratutto se tra loro c’era questa attrazione che avevano provato durante quel lungo bacio che si erano dati . Alice andò a parlare con Danica e voleva parlare con lei proprio del loro bacio – Non lo so cosa ci sia tra noi ma dobbiamo fermarci prima di capire se questa cosa tra noi e una cosa reale oppure era una cosa falsa e non la proviamo tra noi . Danica voleva lo stesso discorso alla sua amica Alice e cosi capirono che quella era una cosa reale visto che ogni giorno c ‘era questa forza che le faceva avvicinare l’ una all’ altra . Alice sapeva che se lo scopriva la sarta cioè Rachele tutti e due erano nei casini visto che non era come adesso che tutto poteva essere accettato ma era all’ antica . Rachele sapeva che le relazioni tra due ragazze erano sbagliate e per questo per far capire ad Alice quello che aveva fatto uccise davanti ai suoi occhi Danica . Rachele prese per i capelli Alice e la butto nel fango e poi disse con quello sguardo malefico – li devi stare lesbica del cazzo e rimanici . Alice invece se ne andò da li e cerco una nuova sarta dove capire come usare ago e filo e quindi entro in gioco la moglie di John che vide Alice per terra e stava soffrendo . Quando John vide Alice la vide piena di paura e piena di fango e la sua maglietta era piena del sangue dell’ amica . Per giorni non disse nulla ma poi disse tutto e loro erano di mentalità aperta e poi Francesca aiuto Alice a usare l’ ago e il filo . Dopo tutta quella disavventura aveva imparato a usare ago e filo ma lo aveva fatto a costo della sua amica Danica . Nel suo rifugio Alice ci mise tutto la notte per fare il suo costume di pelle e poi si fece una maschera e dei guanti di pelle . Quando la mattina tutti si svegliarono videro Alice con il costume e rimasero senza parole visto che era bellissima con tale costume . The Watcher chiese ad Alice – ti servirà pure un nome . Alice ci aveva già pensato e lo disse a tutti quanti – io sono Ghost Fire . The Watcher vide che Alice era nella direzione giusta e aveva trovato pure un nome perfetto per questa sua nuova vita . 

Categorie
Assassinare Assassino Dr Alyssa Saintcall La Rosa Nera Racconto Templari

Incontro gli Assassini con il mio giubbotto da assassino

Il mio giubbotto da Assassino
Il mio giubbotto da Assassino

Nel 2011 entrai a far parte degli Assassini e grazie a loro scopri che i Templari volevano conquistare il mondo intero , con calma volevano prenderne il controllo . Scopri che anche molti Nazisti erano Templari . Quando li incontrai la prima volta tutti avevano fatto vedere il loro volto tranne una e quando la vidi con il suo tatuaggio della Rosa Nera capi e dissi – Quindi tu sei l’ antenata della Rosa Nera . Lei venne verso di me e disse guardandomi negli occhi – si , sono proprio io e mi nascondo da una maschera per non farmi riconoscere dai miei nemici . Dopo quell’ incontro decisi che anche io dovevo prendere un capotto per nascondere il mio volto e cosi nessun nemico poteva vedere chi ero io . Una volta tornata al Rifugio dell’ Infinito mi diressi verso la camera di mia sorella e lei era li senza fare niente e io le dissi – mi puoi aiutare . Certo che vuoi che io faccia ? . Io le spiegai la mia idea e non la trovò molto brutta e cosi prese ago e filo e creò una bellissima giacca tra bianca e rossa e sopratutto per nascondere il mio volto . La indossai ed era perfetta per me e per il mio scopo , quando mi feci vedere dagli Assassini quando videro me con il cappuccio nessuno mi riconobbe tranne una e poi La Rosa Nera – Daniel sei tu ? . Io mi tolsi il cappuccio e lei mi riconobbe e disse – bellissima giacca , ma la prossima volta fa attenzione , avremo potuto ucciderti . La Rosa Nera era li e vedeva la mia giacca e pensò – quasi , quasi ne vorrei una nera con dietro lo stemma della rosa nera . Io mi diressi verso di lei e dissi – Ho letto i tuoi pensieri e se vieni con me , ti presento la persona che ha fatto questa giacca e cosi ne puoi avere una tua con lo stemma della tua antenata . Lei mi guardò e mi disse – Sei troppo presuntuoso .Forse ma se non vieni con me , non avrai mai una giacca come quella che ho io , La Rosa Nera capì che avevo ragione io e disse – arrivo . Una volta arrivati li lei e mia sorella si misero nella stanza e subito andarono d’accordo e sopratutto mia sorella Alyssa le fece una bellissima giacca nera con lo stemma della sua antenata .