Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Nani Principessa Amberlee Troll Will

The Shannara Chronicles – Albero sta morendo

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

Io sono stato molto tempo dentro al mondo di Shannara Chronicles e ci sono stato con Ada Knight visto che li dovevamo capire come mai i demoni erano riusciti a scappare o come erano stati capaci di fare una cosa del genere. Quando ho capito che l’ albero che era stato usato come protezione tra la dimensione attuale per tenere tutti al sicuro e l’ altra dimensione quella in cui c’ erano i demoni si stava rompendo e cosi questo mondo sarebbe tornato ad essere di pericolo 5 e non pericolo 1. Io e Ada ci siamo avvicinati all’ albero e ci siamo chiesti come mai stava morendo e in che modo. Forse la spia che ha scoperto che noi dovevamo trovare la Principessa Amberlee per mettere li dentro tutti i demoni e venuta qualche giorno prima li all’ albero e gli ha fatto qualcosa di molto brutto. Non credo che sia stato un demone a fare qualcosa all’ albero visto che nessuno gli ha fatto nulla e i demoni erano ancora tutti rinchiusi. Quindi io credo che dentro la Corte Reale c’ e un altra spia ma questa è umana. Io quando ero vicino all’ albero avevo pensato a tutto questo e poi mi girai e e guardai Ada – senti secondo me qui dentro c’ e un altra spia. Ma questa spia è umana e qualcuno deve aver fatto qualcosa all’ albero per fare in modo che i demoni siano tornati qui dentro. Forse la spia ha deciso di restare a corte perché non sapeva che fare e adesso lui può essere chiunque. Voglio dire che qualcuno qui dentro ha lanciato un incantesimo all’ albero e cosi lui ha iniziato a morire sotto i nostri occhi. Ada in pochi secondi capì quello che volevo dire io cioè che li a corte c’ e una spia ma non una spia normale ma una spia che poteva anche essere i drudi e quindi poteva aver usato la magia contro l’ albero che sta mandando in esilio i demoni. Io e Ada non sapevamo chi poteva essere visto che a questa persona non brillano gli occhi e poi non sono riuscita a vedere ogni parte del loro corpo. Per fare una magia del genere ci vuole un grande costo tipo una vita umana o qualcosa di simile e cosi l’ albero ha iniziato a morire e cosi i demoni stanno tornando. Forse questa persona è un altro Druido visto che non sappiamo se sono morti tutti quanti oppure uno di loro ha fatto finta di morie e visto che lui ha visto che i fratelli e le sue sorelle sono morte lui ha deciso di schierarsi con la parte del più forte cioè Il Signore degli Troll che adesso lui è tornato e sta facendo rinascere il suo antico esercito. Non so quale incantesimo o quale maledizione è stata lanciata sull’ albero ma deve molto potente e sopratutto deve essere stata fatta prima del Gautlet visto che l’ albero ha iniziato a morire subito dopo il tocco della Principessa Amberlee. Non posso dire cosa è stato fatto all’ albero visto che di magia druidica o di altre tipo di magie ne so poco, ma posso dirlo con molta certezza cioè che questo non è un normale incantesimo o una normale maledizione. Questa maledizione o questo incantesimo deve essere stato lanciato da una persona che ha molta forza vitale, che non ha paura di morire o di una persona che al suo posto sacrifica una persona a lui cara come se fosse nulla per lui. Non so se in questo mondo c’ e una persona del genere ma per colpa di questa maledizione l’ albero sta morendo e adesso tutto è nelle mani di Will che dovrebbe diventare un potente Druido e poi della Principessa Amberlee. Loro due devono unire le forze per salvare l’ albero e fare in modo che il Signore dei Troll non si risvegli e cosi risveglia tutte le sue armate e cosi distrugga tutto. Io e Ada non possiamo fare nulla visto che questa è una maledizione molto antica e può distrutta solo nel modo in cui ha detto il potente drudo Alanon.

Categorie
Alice Daniel Saintcall Distruttori Dominatore di Poteri Fantasmi Salir Salir 9

Sarah la Fenice mi parla dei Salir

fenice10

Quando sono i miei genitori su Maraxus il giorno in cui è scoppiata la prima grande guerra dell’ universo tra i Dominatori di Poteri e i Distruttori . Pensavo che la mia famiglia fosse finita li . Sarah la Fenice non mi aveva detto alcune cose sui Salir . Una delle cose che mi disse dopo che ero uscito dall’ università prima – vedi i Salir erano amici intimi dei genitori . Ma non sto parlando di normale amicizia ma di qualcosa di più forte . Sto parlando del fatto che fa parte della tua famiglia . Se era un parente e un amico mi poteva essere utile nel mio futuro scontro contro i Disruttori . Prima di affrontarli dovevo diventare sicuramente più forte oppure sarei morto e questo avrebbe portato ad alcune folle azione da parte non solo da Sarah la Fenice Rossa ma anche il grande e valoroso Salir IX . Se io fossi morto per mano loro si sarebbero uniti e avrebbero cercato di ucciderli . Sarah mi fece sedere su una panchina che era coperta da un grosso albero molto grande . Quell’ albero stava li da 22 anni ed era molto bello . Una volta seduti io guardai Sarah la Fenice per sapere in che io e lui siamo imparentati – in che modo io e lui siamo imparentati . Siamo cugini . Siamo fratelli oppure fratellastri . Sarah la Fenice era li seduta vicino a me . Era li calma e vedeva che era felice di vedere che aveva trovato qualcosa di bello . Però doveva fare con calma perché vedeva con gli occhi della fenice che con il mio futuro incontro con Sali IX gli avrei chiesto dove potevano essere i Distruttori . Sarah la Fenice Rossa decise di andare con calma , perché doveva impedire quella visione del futuro che aveva catturato con il suo bellissimo occhio destro . Sarah aveva messo le sue gambe una sopra l’ altra e poi si giro verso di me – siete cugini di settimo grado . Sarah la Fenice era li seduta con calma e vedeva che nella mia università non c’ era più nessuno – perché non c’ e nessuno li dentro la tua università ? . Io ero li e decisi di dire questa cosa , era molto importante – vedi una mia amica dell’ università è morta per colpa della droga . Prima di seguire la lezione ne aveva presa davvero molta . Io senza farmi vedere dagli altri ho provato a curarla con i miei poteri . Quello che sono riuscito a fare e farla respirare per un po’ e mi ha detto le sue ultime parole . Sarah sapeva che nel lungo viaggio della vita non si può salvare tutti quanti – quali sono state le sue ultime parole di questa ragazza . Aveva 19 anni era molto bella e carina ma era una vera stronza . Si drogava e poi metteva in ridicolo le persone dentro questa università . Le ultime parole di questa ragazza – vi odio tutti quanti . E odio i miei genitori . Io e Sarah eravamo li lontano e vedevamo che l’ambulanza ci aveva pochi minuti a venire . Li vicino c’ era stata un altra overdose . Mentre veniva l’ ambulanza Sarah la Fenice vide il fantasma della ragazza che camminava dentro il cortile dell’ università . Per il momento decise di non fare niente . Non potevamo fare nulla per il momento visto che ci voleva un giorno intero perché poteva rimanere nello stesso posto . Io e Ada la vedevamo scomparire e poi ricomparire in un altro posto . Prima era vicina a me e poi l’ attimo dopo era lontano su un tetto di un palazzo . La ragazza si chiama Alice . Alice era li lontano da me . Mi lancio uno sguardo davvero molto brutto e poi se ne andò . Sarah l’ attimo dopo mi porto via . Mi porto ad incontrare Salir IX per sapere della sua vita e di vedere quello che avevano fatto i Distruttori dopo aver ridotto in cenere il mio pianeta . Adesso dovevo incontrare mio cugino Salir IX . Sarah mi voleva portare da lui per farmi toccare la sua mano per vedere lui cosa aveva visto in tutta la sua lunga vita .

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Gamora Guardians of the Galaxy

Guardiani della Galassia

I Guardini della Galassia adesso sono pronti ad affrontare il loro nemico più forte . Adesso sono uniti , adesso non solo persone . Adesso sono amici . Drax prima era troppo arrabbiato per vedere che aveva bisogno di amici . Ma adesso grazie a tutti loro ha degli amici . Tutti loro sono divenuti amici . Pure Gamora adesso chiama Peter e gli altri amici . Adesso loro sono diretti verso la Dark Askter la nave del loro nemico . Ecco adesso una conversazione che hanno fatto tutti insieme e l’ hanno fatta per capire il loro rapporto .

Drax : Voglio che tutti sappiate quanto sono grato per la vostra accettazione dopo i miei errori .

Star-Lord : Tutti facciamo degli errori , Drax .

Drax : E un piacere avere ancora degli amici . Riesco a vedere a malapena . Tutto si era oscura e Groot inizia a fare una cosa e tutti diventa luminoso e Peter gli chiede dove lo ha imparato e poi si da la risposta da sola visto che lui dice solo ” Io sono Groot ” .

Drax : Tu , Quill sei mio amico . Questo stupito albero e mio amico . E questa puttana verde è ora mia .

Gamora non l’ ha presa bene – devi finirla

Nebula arriva e la definisce una traditrice e lo fa davanti ai suoi amici – Guarda cosa hai fatto . Sei sempre stata debole , stupida traditrice .

Drax : nessuno parla cosi dei miei amici . Drax si arrabbia molto per le parole dette da Nebula la nemica di Gamora .

Gamora : Ma puttana va perfettamente ? .

Drax adesso ha degli amici . Adesso sa cosa fare e anche un altro scopo oltre che la vendetta . Lui si vorrà sempre vendicare delle persona che ha ucciso la sua famiglia .Ma adesso ha un altro scopo più grande .

 

Categorie
Amelia Arcieri Demone Demoni Dr . Alessio Arcieri Dr . Erica Arcieri Dr Ilaria Fermi Foto Serena Arcieri Vanessa Arcieri

Serena porta a casa sua Ilaria

Ilaria ci mise poco a fare le valigie visto che non aveva molto . Tutto quello che aveva era li dentro la sua casa , ma adesso non poteva prendere più niente visto che era tutta bruciata e non si era salvato niente . Serena invece ci mise un po’ visto che si dovette fare una doccia calda e poi doveva cercare di farla fare pure a sua cugina che non voleva . Ilaria sul corpo aveva il profumo di sua madre e non era ancora andato via . Serena si avvicino a lei – senti Ilaria lo so che non vuoi dimenticare i tuoi genitori ma non ti potrai ricordare di loro da un profumo . Ma da una foto . Ilaria sapeva che nella casa tutte le loro foto erano bruciate . Ma Serena invece aveva fatto una foto in cui c’ erano tutti quanti . Serena decise di prendere quella foto e la fece vedere a Ilaria . Ilaria voleva sapere doveva aveva preso quella foto – dove hai preso questa foto ? . Serena decise di dirlo visto che doveva saperlo e solo con la verità poteva avere la fiducia di sua cugina – Mi ero messo su un albero e avevo scattato la foto li sopra e ti posso dire che non è bello quando un sacco di insetti o uccelli ti rompono le scatole mentre cerchi di fare la foto perfetta non solo per me ma anche per te , se un giorno ti serviva per ricordarti dei tuoi genitori . Adesso per favore ti vai la doccia visto che profumi di vomito e non ti ci porto in macchina con un simile puzza . Ilaria si annuso le ascelle e poi il suo corpo e senti la puzza che diceva Serena e decise di andarsela a fare . Serena voleva molto bene alla sua macchina e non avrebbe fatto sedere Ilaria fino a quando quella puzza che porta sul suo corpo non sarebbe svanita . Dopo un ora di doccia , partirono e arrivano a casa loro . La casa era molto grande e Ilaria piacque subito – e fantastico qui . Serena e Ilaria arrivarono alla porta e busso Ilaria . Amelia apri la porta e prima di farla entrare butto dell’ acqua santa sulla faccia di Ilaria . Ilaria entro e i suoi genitori gli buttarono addosso anche della farina e altro . Serena quando vide Ilaria in quello stato si mise a ridere visto che sembrava un fantasma o qualcosa del genere . Ilaria vide Serena ridere e con uno sguardo un po’ arrabbiata – non c’ e proprio niente da ridere . Adesso devo farmi una nuova doccia . Amelia indico il bagno a Ilaria e si fece una bella doccia calda per togliersi tutto quello che aveva sul corpo . Ilaria non sapeva perché lo avevano fatto e una volta tornato e abbracciato Erica e Alessio – mi potete dire perché mi avete buttato addosso tutte queste cose . Erica porto Ilaria nel salotto e tutti quanti erano li – lo abbiamo fatto perché non sapevamo se eri stata posseduta da un demone oppure eri morta e un demone aveva preso il tuo cadavere e lo aveva usato come corpo e quindi dovevamo essere certi del fatto che eri tu e non un demone mandato dai Figli della Notte . Erica era seduta su un divano con sua sorella maggiore Amelia – ci dovevo andare io alla New York University . Erica vide negli occhi Amelia e sapeva di cosa stava parlando – se avessimo mandato te a fare questa missione . Prima avesti fatto baldoria con alcuni compagni dell’ Università che conoscevi e poi avresti salvato tua cugina . Amelia sapeva che era vero e disse – lo so che avrei fatto cosi , ma almeno lo avrei fatto portando con me alcuni ricordi molto belli . Anche se mi piace come ha fatto Serena , io lo avrei fatto meglio . Ilaria vide che tra Serena e Amelia non scoppiava tanto questo amore tra sorella , anzi litigavano e gli piaceva visto che non aveva mai avuto una sorella e invece adesso ne aveva due . Ilaria vide questa nuova famiglia – sono davvero molto felice di essere qui , con tutti voi . Sono felice di essere con la mia nuova famiglia . Erica e Alessio erano vicini e anche gli altri erano felici – pure noi siamo felici che tu stai qui . Puoi stare tutto il tempo che vuoi visto che questa casa e casa tua .

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Oliver Queen

The Flash

Oliver sa di Barry Allen e di quello che gli è successo , ma adesso scopre che lui è divenuto la persona più veloce e adesso scopre che lui è più veloce delle sue freccie . Oliver ha deciso  di vedere con Barry se lui è più veloce delle sue frecce oppure no . Oliver ha il costume di Arrow e Barry ha il suo costume . Hanno scelto un posto molto deserto dove non c’ e nessuno e Oliver cammina verso il suo bersaglio e scossa la sua freccia . Barry sente i passi di Oliver quando cammina e quando Oliver ha messo il piede sul terra ha visto che alcuni piccoli massi si muovevano in modo molto strano . Oliver colpisce il bersaglio con la sua freccia , ma Barry ferma la freccia con la sua velocità . Oliver decide di fare sul serio e lo fa con tre freccie , lo fa come se lui fosse Robin Hood che poteva tirare molte freccie con il suo arco .

Categorie
Babbo Natale Beatrice Buon Natale Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Natale

Babbo Natale regala a Beatrice Ferrante una bicicletta

Babbo Natale aveva visto molti bambini e aveva dato a ognuno dei regali giusti per le proprie esigenze e poi arrivo a casa di Beatrice Ferrante . Babbo Natale vide che questa bambina era stata davvero molto buona e aveva subito delle cose dolorose in passato . Io ci avevo provato ma c’ era una cosa che Beatrice non ricordava ancora la sua morte . Babbo Natale sapeva che nell’ Universing questa dolce bambina era viva e cosi decisi di fare questo di dare a lei una bellissima bicicletta . Babbo Natale la stava mettendo sotto l’ albero di natale per lei e gli stava mettendo un biglietto ma Beatrice era li dietro di lui e disse -OH , OH , OH guarda chi c’ e una bellissima bambina che non riesce a dormire . Beatrice arrivo vicino a lui e disse – Daniel Saintcall mi ha detto che se sono buona tu saresti venuto e mi avresti portato delle belle e Babbo Natale disse – Daniel ha ragione . Ti ho portato una bella cosa Beatrice e so anche perché non riesci a dormire . Ma forse con un po di aiuto riesci a dormire . Beatrice si mise vicino a Babbo Natale e gli fece una magia e lei pote dormi sonni tranquilli , lui poi fece comparire delle coperte e copri Beatrice e prima di andare lui la mise sul divano e poi se ne andò dicendo  – Buon Natale Beatrice e poi lui se ne andò .

1

Categorie
Babbo Natale Bicicletta Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Mondo Spazio Tardis Tempo Universing Universo

Consegno a Babbo Natale la Sfera del Tempo

Centinaia di anni fa nell’ Universing esistevano degli oggetti , noti come Gli Oggetti del Tempo né erano moltissimi ed erano capaci di controllare il tempo e lo spazio . Visto che erano tanto pericolosi erano stati messi nella Camera del Tempo e messi li dentro erano al sicuro da mani avide e pronte a mettere sotto sopra il mondo intero . Quegli oggetti dovevano essere al sicuro dalle mani di ladri , alieni e creature oscure molto potenti e molto pericolose che si aggiravano per tutto l’ Universing . La Sfera del Tempo uno tra i molti oggetti che sono in giro , adesso c’ e l’ ha una persona molto buona e gentile , la più gentile che io abbia mai conosciuto cioè Babbo Natale . Come so che c’ e l’ ha lui perché io gliel’ho consegnata io stesso , prima di farlo lo scrutai nei suoi più profondi pensieri e lui era puro , non aveva malvagità nel suo cuore anzi una grandissima gentilezza e vidi che doveva consegnare moltissimi giocattoli il giorno di natale e visto che a me La Sfera del Tempo non serviva la diedi a lui e lui per tutto questo tempo la utilizzò per portare i giocattoli a tutti i bambini nel mondo . Prima di darla lui la dovetti riprendere perché uno degli oggetti che è stato rubato è proprio la Sfera del Tempo . Capì che era stato un ladro a rubare tale Sfera con i suoi poteri malefici , voleva essere lui a cambiare il mondo e trasformarlo nel suo mondo di terrore dove tutti avevano paura di lui . Lui era stato trattato da tutti come un mostro , lo picchiavano tutti i giorni e ogni giorno il suo odio aumentava . Visto che non aveva rispetto , rubando la Sfera del Tempo e imparando a utilizzare i suoi poteri magici , lui voleva essere temuto . Con i poteri che aveva poteva fare tutto e ogni giorno imparava nuovi trucchi e cosi lui poteva ottenere vendetta . Il nome di questo mago molto oscuro era Kiran Schultz un ragazzo di 22 anni e molto arrogante e molto vendicativo , visto che lui era ritenuto un mostro un giorno decise di diventarlo . Una volta che era riuscito a controllare i suoi poteri , andò da quelli che lo pestavano tutti i giorni e li uccise uno dopo tutti e li fece scoppiare in mille pezzi . Poi lascio quello che lo pestava di brutto per ultimo , cosi la sua vendetta sarebbe durato molto di più . Kiran si avvicinò a lui e disse – mostra un po’ di pietà e lui con una sfera di fuoco in mano , gli si avvicinò all’ orecchio e disse – no e poi lo colpi in pieno petto il suo nemico . Tutti avevano paura di lui e stava avendo successo nel mondo del crimine , ma tutto il mondo doveva avere paura di lui e aveva sentito parlare degli Oggetti del Tempo e tra i quali che gli interessava era la Sfera del Tempo . Lui la prese e io inizio a diventare un ladro nel tempo , aveva lasciato la sua firma dappertutto e quando scomparve la Sfera del Tempo ingaggiarono diverse persone e nessuno era riuscito a riprenderla . Alla fine decisi di farlo io senza essere ingaggiato da questa persona , dovetti aspettare la sera tardi e mi intrufolai in casa sua e li era pieno di cose che provenivano da ogni luogo storico e dovevano essere riportati ai suoi luoghi storici , ma prima di fare questo io dovevo riprendere la Sfera del Tempo . Ero entrato e la cercai dappertutto e poi visto che non la trovavo senza poteri provai con i poteri e la trovai subito , una volta presa me ne andai da li prima che lui si svegliasse dal letto . L’ avrei dovuta riportare indietro ma Babbo Natale aveva bisogno del mio aiuto , lui era molto preoccupato del fatto che forse non riusciva a portare i doni la sera di natale . Io lo avevo conosciuto l’ anno scorso e lui doveva consegnare una bicicletta rossa che gli elfi si erano dimenticati di mettere sulla slitta , io appari con il T.A.R.D.I.S e salutai Babbo Natale e dissi a lui – ci penso io a consegnare questo regalo . Per fare in modo che l’ ultimo regalo fosse consegnato , avrebbe fatto di tutto anche chiedere il mio aiuto e lo misi sotto l’ albero di natale . Quando ero dentro la casa vidi che l’ albero era piccolo ed era spoglio e dissi – faccio un ‘ altro bel regalo a questa bambina di 5 anni . Mi concentrai e feci diventare l’ albero di natale più grande e molto più bello di come era prima . Dopo me ne andai nel mio T.A.R.D.I.S e tornai da Babbo Natale a dire che avevo consegnato l’ ultimo regalo . Io conosco Babbo Natale dal suo primo viaggio e quel giorno pensava che non ce la faceva ,ma io arrivai con il mio T.A.R.D.I.S e dissi a lui – Non disperare Babbo Natale , adesso ti aiuto a fare in modo che tu possa consegnare i doni questo giorno e anche gli altri che verranno in futuro . Babbo Natale mi guardò e disse – come ? . Io presi dalla mia tasca destra del mio giubbotto e feci vedere la Sfera del Tempo e io dissi a lui – prendi questa a me non serve , io ho la mia macchina del tempo e a te serve più che a me . Io mi avvicinai a lui e la diedi alle sue grandi mani e dissi – Ho visto nel tuo futuro e grazie a questa sfera farai felice moltissimi bambini nel mondo . Lui mi abbraccio e disse – Grazie del tuo aiuto , ma comunque tu chi sei ? , io mentre mi avvicinai al T.A.R.D.I.S – io sono Daniel Saintcall , felice di esserti stato d’ aiuto , il T.A.R.D.I.S scompari davanti ai suoi occhi increduli e a lui non importava chi ero , l’ unica cosa che gli importava era quello di poter consegnare i doni quell’ anno . Quando il mio T.A.R.D.I.S scompari , Babbo Natale senti il rumore più bello che le sue orecchie avevano sentito , il suono che aveva sentito era il suono dell’ universo . 

Categorie
2012 Albero Foto Foto del Giono Presentazione Storia

Foto del Giorno . Albero con il maglione

Albero con il maglione

Ha tanti nomi diversi – yarn bombing, yarnstorming, guerrilla knitting, urban knitting, graffiti knitting – ma l’idea di fondo è una sola: colorare le città e le metropoli ridando vita, almeno simbolicamente, agli spazi più tristi e grigi. Come? Grazie a qualcosa di semplice e popolare: il lavoro a maglia, il graffito più inoffensivo del mondo.
Questa battaglia, che sta dilagando in moltissimi Paesi del mondo, si combatte a suon di pezze tessute a mano da decine, centinaia, migliaia di persone di tutte le età ed estrazione sociale: lana o uncinetto va bene tutto per rivestire pali della luce, stazioni della metropolitana, semafori, statue, monumenti, orologi, cabine telefoniche, alberi, biciclette o addirittura intere case, ossia ciò che non abbellisce ma ingrigisce la città o quello che un tempo sfavillava e che invece ora è abbandonato a sé stesso.
I primi avvistamenti di questo genere di urban art risalgono al 2004 in Olanda, ma sono poi sfociati rapidamente in veri e propri movimenti collettivi come il celebre “Knit the City” londinese.
In Italia è da poco nato “Mettiamoci una pezza”, organizzato dalle coraggiose donne aquilane per ridare alla loro città ferita un po’ di quel colore che il terremoto del 2009 ha spazzato via. Cento metri quadri da ricoprire con pezze lavorate a maglia o uncinetto, chiedendo la collaborazione di tutti, per quello che è un atto di amore verso la propria città martoriata e, al tempo stesso, un grido di protesta per uscire dalla situazione di stallo e immobilità che ancora pervade l’Aquila a tre anni dal sisma.