Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, Universiadi 2013: che finali di specialità!

Giornata dedicata alle finali di specialità alle Universiadi 2013. A Kazan, Mustafina brilla ancora, anche se non al 100%: conquista le solite amate parallele con un eccellente 6.3 di D Score, poi prende un comunque buon argento alla trave ma manca al corpo libero.

Al quadrato magico sbaglia di tutto, esce due volte di pedana e non presenta diverse difficoltà: addirittura ultima (12.875)! Non può ambire alla terza medaglia di giornata, la quarta dopo il titolo all-around di ieri. Al corpo libero, dunque, l’oro va a Kseniia Afanaseva come largamente previsto, nonostante un paio di gravi errori (penalità 0.40).

La nordcoreana Jong Un Hong esibisce due ottimi volteggi per difficoltà e vince l’oro di specialità insieme proprio a Kseniia (a sorpresa e con ottime esecuzioni).

La trave è della cinese Zhang, non certamente una prima linea. Stecca la Dementeva, dopo una spettacolare qualifica.

 

Al maschile brillano i campioni olimpici: Zanetti agli anelli e Yang al volteggio. Kuksenkov, fresco del titolo generale, si prende il cavallo; Garibov le amate parallele. Stepko e Beliyavskiy vanno via senza ori!Paolo Principi, unico italiano in gara, chiude al settimo posto nella finale alla sbarra.

Dieci finali, solo Garibov e Afanaseva fanno doppietta.

 

Di seguito tutti i podi e i punteggi dettagliati:

VOLTEGGIO (femminile):

1.         Jong Un Hong (Corea del Nord)         15.125

2.         Kseniia Afanaseva (Russia)                15.125

3.         Maria Paseka (Russia)                        14.950

 

PARALLELE ASIMMETRICHE:

1.         Aliya Mustafina (Russia)                    15.200

2.         Tatiana Nabieva (Russia)                   14.525

3.         Lisa Hill (Germania)                          14.500

 

TRAVE:

1.         Yelinzi Zhang (Cina)                          15.150

2.         Aliya Mustafina (Russia)                    14.525

3.         Elisabeth Black (Canada)                   14.400

5.         Anna Dementeva (Russia)                 13.725

 

VOLTEGGIO (maschile):

1.         Hak Seon Yang (Corea del Sud)         15.787

2.         Denis Ablyazin (Russia)                     15.350

3.         Igor Radivilov (Ucraina)                    15.237

 

CORPO LIBERO (femminile):

1.         Kseniia Afanaseva (Russia)                14.350

2.         Elisabeth Black (Canada)                   13.750

3.         Elsa Garcia (Messico)                        13.750

 

CAVALLO CON MANIGLIE:

1.         Nikolai Kuksenkov (Russia)              15.050

2.         Daniel Corral (Messico)                      14.975

3.         Oleg Stepko (Ucraina)                       14.850

 

CORPO LIBERO (maschile):

1.         Ryohei Kato (Giappone)                    15.450

2.         Fabian Hambuechen (Germania)       15.275

3.         David Belyavskiy (Russia)                 15.250

 

ANELLI:

1.         Arthur Zanetti (Brasile)                      15.875

2.         Denis Ablyazin (Russia)                     15.550

3.         Igor Radivilov (Ucraina)                     15.525

 

PARALLELE PARI:

1.         Emin Garibov (Russia)                      15.875

2.         David Belyavskiy (Russia)                 15.625

3.         Oleg Verniaiev (Ucraina)                   15.575

 

SBARRA:

1.          Emin Garibov (Russia)                   16.025

2.          Yusuke Tanake (Giappone)           15.550

3.          Ryohei Kato (Giappone)                15.275

7.          Paolo Principi (Italia)                     14.575

 

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, Universiadi 2013: i qualificati per le finali individuali

Ieri pomeriggio la Russia vinceva il concorso a squadre anche nel settore maschile dominando sempre più le Universiadi. Di seguito tutte le classifiche e i qualificati alle finali individuali: oggi pomeriggio il concorso generale, domani quelle di specialità.

 

CONCORSO GENERALE INDIVIDUALE:

1.         Oleg Verniaiev (Ucraina)       90.500

2.         Kato Ryohei (Giappone)        90.250

3.         Oleg Stepko (Ucraina)                        90.050

4.         David Belyavskiy (Russia)      89.750

5.         Nikolai Kuksenkov (Russia)  89.500

6.         Yusuke Tanaka (Giappone)   88.750

7.         Fabian Hambuechen (Germania)       88.300

8.         Artur Oyakawa (Brasile)        86.300

9.         Guillaume Augugliaro (Francia)         85.400

10.       Paolo Principi (Italia)             85.300

11.       Yang Zhang (Cina)                 85.300

12.       Cristian Bataga (Romania)      85.300

13.       Wentian Lu (Cina)                  84.700

14.       Paolo Ottavi (Italia)               84.650

15.       Gustavo Palma (Portogallo)   84.550

16.       Matthew Firth (Gran Bretagna)          84.550

17.       Francisco Barreto (Brasile)     84.250

18.       Kevin Rossi (Svizzera)                       84.150

19.       Kevin Antoniotti (Francia)     83.750

20.       Bence Talas (Ungheria)          83.200

21.       Sangwook Lee (Corea Sud)    83.200

22.       Andreas Bretscheinder (Germania)    83.100

23.       Simon Nuetzi (Svizzera)         83.050

24.       Minsoo Park (Corea Sud)       83.050

Il russo Nikita Ignatyev (sesto, 88.850), il giapponese Shogo Nonomura (nono, 87.650), l’italiano Ludovico Edalli (19esimo, 84.500), il cinese Leyang Zhang (21esimo, 84.200), l’ucraino Petro Pakhnyuk (23esimo, 84.050), il francese Kevin Antoniotti (25esimo, 83.300) non potranno partecipare alla finale per la regola dei passaporti.

 

CORPO LIBERO:

1.         Denis Ablyazin (Russia)         15.650

2.         David Belyavskiy (Russia)      15.300

3.         Fabian Hambuechen (Germania)       15.250

4.         Ryohei Kato (Giappone)        15.150

5.         Oleg Verniaiev (Ucraina)       15.100

6.         Yusuke Tanaka (Giappone)   15.050

7.         Michael Meier (Svizzera)        15.000

8.         Thomas Taranu (Germania)   15.000

Il russo Nikita Ignatyev (terzo, 15.100) non parteciperà alla finale per la regola dei passaporti.

 

VOLTEGGIO:

1.         Hak Seon Yang (Corea Sud)   15.525

2.         Denis Ablyazin (Russia)         15.375

3.         Igor Radivilov (Ucraina)         15.300

4.         Tomi Tuuha (Finlandia)         14.900

5.         Stanislav Valiyev (Kazakhstan)         14.850

6.         Marek Lyszczarz (Polonia)     14.800

7.         Viktor Kocherin (Kazakhstan)           14.800

8.         Hee Hoon Kim (Corea Sud)   14.725

 

SBARRA:

1.         Fabian Hambuechen (Germania)       15.500

2.         Emin Garibov (Russia)           15.300

3.         Yusuke Tanaka (Giappone)   15.200

4.         Ryohei Kato (Giappone)        15.150

5.         Arthus Oyakawa (Brasile)      15.100

6.         Maksym Semiankiv (Ucraina) 14.900

7.         David Vecsernyes (Ungheria) 14.750

8.         Paolo Principi (Italia)             14.700

 

ANELLI:

1.         Arthur Zanetti (Brasile)          15.900

2.         Denis Ablyazin (Russia)         15.700

3.         Chih Yu Chen (Taipei)                       15.550

4.         Nikita Ignatyev (Russia)         15.350

5.         Guanhua Wu (Cina)                15.300

6.         Igor Radivilov (Ucraina)         15.300

7.         Shogo Nonomura (Giappone)            15.200

8.         Thomas Taranu (Germania)   15.000

Il russo Nikolai Kuksenkov (ottavo, 15.050) non parteciperà alla finale per la regola dei passaporti.

 

CAVALLO CON MANIGLIE:

1.         Oleg Verniaiev (Ucraina)       15.650

2.         Oleg Stepko (Ucraina)                        15.500

3.         Nikolai Kuksenkov (Russia)  15.350

4.         Filip Ude (Croazia)                 15.250

5.         Emin Garibov (Russia)           15.100

6.         Pericles Fouro (Brasile)          15.100

7.         Daniel Corral (Messico)          15.050

8.         Shogo Nonomura (Giappone)            14.950

 

PARALLELE PARI:

1.         Oleg Verniaiev (Ucraina)       15.900

2.         Oleg Stepko (Ucraina)                        15.700

3.         Ryohei Kato (Giappone)        15.600

4.         David Belyavskiy (Russia)      15.550

5.         Andrei Muntean (Romania)    15.500

6.         Emin Garibov (Russia)           15.450

7.         Yusuke Tanaka (Giappone)   15.450

8.         Yang Zhang (Cina)                 15.350

Il russo Nikolai Kuksenkov (ottavo, 15.350) non potrà partecipare alla finale per la regola dei passaporti.

 

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, Universiadi -4: il programma. Dove vedere le gare?

Ieri abbiamo presentato le Universiadi, la competizione multi sportiva che inizierà sabato 6 luglio. Vi abbiamo spiegato cosa siano, come si sviluppa la competizione e vi abbiamo nominato le grandi ginnaste che vi parteciperanno (cliccate qui per leggere l’articolo).

Oggi vi regaliamo il programma dettagliato della ginnastica artistica. Gli orari sono italiani, ricordandovi che a Kazan (Russia) sono due ore avanti a noi. Le gare saranno visibili su Eurosport (canali 211 e 212 della piattaforma Sky), ma dovrebbero essere trasmette anche in streaming sul canale Youtube a questo link. http://www.youtube.com/watch?v=X6L897FkwN8

 

DOMENICA 7 LUGLIO:

12.00   Concorso a squadre femminile – Prima Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

13.30   Concorso a squadre femminile – Seconda Suddivisione (valido come qualifica individuale)

16.00   Concorso a squadre femminile – Terza Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

17.30   Concorso a squadre femminile – Quarta Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

 

LUNEDÌ 8 LUGLIO:

08.00   Concorso a squadre maschile – Prima Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

09.40   Concorso a squadre maschile – Seconda Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

13.00   Concorso a squadre maschile – Terza Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

14.40   Concorso a squadre maschile – Quarta Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

16.20   Concorso a squadre maschile – Quinta Suddivisione (valido anche come qualifica individuale)

 

MARTEDÌ 9 LUGLIO:

13.00   Finale concorso generale individuale (femminile)

17.00   Finale concorso generale individuale (maschile)

 

MERCOLEDÌ 10 LUGLIO:

13.30   Finale parallele asimmetriche

13.30   Finale corpo libero (maschile)

13.30   Finale cavallo con maniglie

13.30   Finale volteggio (femminile)

13.30   Finale anelli

17.00   Finale volteggio (maschile)

17.00   Finale parallele pari

17.00   Finale sbarra

17.00   Finale trave

17.00   Finale corpo libero (femminile)

 

Categorie
2013 Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, Giochi del Mediterraneo -6: tutto il programma

I Giochi del Mediterraneo si avvicinano: mancano solo sei giorni! Il Coni ha annunciato la compagine azzurra che ci rappresenterà a Mersin, ma per quanto riguarda la ginnastica artistica siamo ancora in attesa dell’ufficialità della Federazione Ginnastica d’Italia.

Stando a quanto afferma il massimo organo sportivo italiano, le nostre due Nazionali saranno composte da:

Vanessa Ferrari, Giorgia Campana, Elisabetta Preziosa, Giulia Leni, Chiara Gandolfi al femminile;

Andrea Cingolani, Ludovico Edalli, Enrico Pozzo, Paolo Principi, Paolo Ottavi al maschile (già ufficializzata dalla FGI).

 

Questo il programma dettagliato dell’evento, precisando che le gare sono state slittate di due giorni rispetto al programma originario (su cui ci eravamo soffermati tre giorni fa). Le nostre delegazioni partiranno lunedì 17 giugno. Ricordiamo che gli orari pubblicati sono italiani, ma in Turchia sono avanti di un’ora rispetto all’Italia. Al momento non sappiamo ancora dirvi se ci saranno streaming o dirette televisive.

 

VENERDÌ 21 GIUGNO:

09.00   1° girone Prova a squadre – Donne (valido anche come qualificazione individuale)

12.00   2° girone Prova a squadre – Donne (valido anche come qualificazione individuale)

14.30   Finale Prova a squadre – Donne

 

SABATO 22 GIUGNO:

8.30     1° girone Prova a squadre – Uomini (valido anche come qualificazione individuale)

12.00   2° girone Prova a squadra – Uomini (valido anche come qualificazione individuale)

14.45   Finale Prova a squadre – Uomini

 

DOMENICA 23 GIUGNO:

09.00   1° girone Finale concorso generale – Donne

11.15   Finale concorso generale – Donne

14.30   1° girone Finale concorso generale – Uomini

17.15   Finale concorso generale – Uomini

 

LUNEDÌ 24 GIUGNO: Finali di Specialità

10.00   Corpo libero – Uomini

10.30   Volteggio – Donne

10.30   Cavallo con maniglie

11.00   Parallele asimmetriche

11.00   Anelli

13.00   Trave

13.00   Volteggio – Uomini

13.30   Corpo libero – Donne

13.30   Parallele pari

14.00   Sbarra

 

REGOLAMENTO. Ogni Nazione ha diritto a portare cinque atleti; quattro saliranno su ciascun attrezzo, ma solo i tre migliori punteggi verranno conteggiati ai fini della classifica finale. Il concorso a squadre è valido anche come qualificazione per i concorsi individuali: all’all-around accederanno i migliori 24 ginnastici; alle singole finali di specialità i migliori otto.

 

Categorie
Computer Database Foto Mondo Oggetti Panorama Parlare con Kratos Parlare con Pandora Presentazione Racconto Storia

Spiego a Kratos e a Pandora gli Anelli

Dopo aver detto sia a Kratos sia a Pandora tutto sul Cavallo con le Maniglie e dopo avergli fatto vedere una foto su tale argomento , io dissi a loro – adesso vi spiego tutto sugli Anelli e Kratos disse – comincia quando vuoi . Dopo pochi minuti io dissi a loro tutto sugli Anelli – Gli anelli sono una delle specialità maschili della ginnastica artistica. L’esercizio agli anelli dura circa un minuto, durante il quale il ginnasta tiene posizioni statiche e compie passaggi dinamici, terminando con un salto detto uscita. Tutti i muscoli degli arti superiori vengono sollecitati in maniera intensa e sono quindi caratterizzati da elevata ipertrofia muscolare, mentre quelli degli arti inferiori non necessitano dello stesso livello di forza. Il fisico degli anellisti è infatti costituito dalle gambe leggere e dalla bassa statura, per massimizzare il rapporto forza/peso. Uno dei più rinomati atleti è l’italiano Jury Chechi.

 

Posizioni

 

L’attuale Codice dei Punteggi prevede che l’esercizio sia composto da 10 difficoltà, tra le quali devono esserci necessariamente movimenti di slancio, posizioni di forza, movimenti di slancio combinati a posizioni di forza, combinazioni tra 2 posizioni di forza, e deve terminare necessariamente con un’uscita.

 

Le posizioni statiche di base sono le seguenti:

 croce in verticale

 croce/croce in squadra

 rondine

 rondine inversa

 squadra

 orizzontale in appoggio a gambe unite

 orizzontale in appoggio a gambe divaricate

 

Queste posizioni aumentano di valore se eseguite in combinazione ad elementi di slancio:

 slancio-rondine

 salto avanti alla croce

 slancio-orizzontale

 slancio-rondine inversa

 slancio-croce verticale

 

Anche le seguenti combinazioni tra posizioni di forza fanno aumentare la nota di base dell’esercizio:

 salita dalla rondine alla croce verticale

 salita dalla rondine all’orizzontale a gambe unite

 salita dalla croce alla rondine

 salita dalla croce alla croce verticale

 dalla rondine, discesa in orizzontale in sospensione e risalita alla croce

 dall’orizzontale in sospensione, salita alla rondine

 

e cosi via tutte le possibili combinazioni tra le varie posizioni di base.

 

Va anche detto che il codice dei punteggi è in continuo aggiornamento e che gli atleti fanno di tutto per aumentare sempre di più la difficoltà di queste combinazioni.

 Passaggi

 

Vi sono numerosi movimenti per passare da una posa all’altra, sono detti passaggi.

 granvolta frontale

 granvolta dorsale

 slanciappoggio frontale

 slanciappoggio dorsale

 voltabraccia

 Punteggio e attrezzature

 

Gli esercizi sono seguiti da una commissione arbitrale a cui è affidato il compito di valutare l’esecuzione con un punteggio che va da uno a dieci. Per ogni errore commesso dall’atleta, a seconda della gravità vengono sottratti dei punti.

 errore piccolo < 0.1

 errore medio < 0.3

 errore grande < 0.5

 assistenza verbale 0.3 fisso

 assistenza fisica 0.5 fisso

 

Affinché non ci siano sostanziali differenze tra le pratiche di questa specialità da parte di differenti nazioni, la Federazione Internazionale prevede che le attrezzature siano regolate con il punto di sospensione a 5,75 m dal piano, l’altezza degli anelli a 2,75 m (inclusi i 20 cm del tappeto d’atterraggio), la distanza tra gli anelli di 50 cm e il diametro di 18 cm.