Categorie
Angeli Arwen Neri New York Poteri Roberta Sarah Universing Universo

Arwen Neri parte 2

cleopatra656565

Arwen era li da sola in quel vicolo . Sarah lo sapeva che Arwen non aveva nessuno da cui stare . Lo aveva capito quando aveva visto la ragazza vedere la città per la prima volta e non riconoscerla . Sarah decise di fare una cosa che non tutti avrebbero fatto e sarebbe fare da guida ad Arwen . Sarah non era una persona normale per Arwen . Vi chiederete come mai lei è riuscita a vedere il portale , a togliere il simbolo a terra subito . Sarah non è una persona , lei è un angelo . Non è un angelo qualunque quello è l’ angelo che protegge Arwen da ogni pericolo . Per vedere se sta bene oppure no ha preso aspetto umano per un po’ di tempo . Gli angeli e gli umani sono collegati . Arwen e Sarah sono collegati , se muore Arwen allora muore anche l’ angelo visto che che questo è l’ angelo di Arwen . Sarah non lo poteva dire per il momento . Sarah non sapeva se Arwen sapeva dei poteri , della magia , dell’ Universing e di altri universi . In questo giro della città voleva capire se Arwen sapeva queste cose oppure ne era all’ oscuro . Sarah si avvicino ad Arwen che era li vicino all’ angolo per vedere se i suoi genitori tornavano a prenderla . Ma non era cosi . Non stavano tornando . Sarah vedeva che non era passato nemmeno un giorno e secondo le disposizioni dei suoi genitori doveva dire tutto a lei solo dopo due giorni e non uno . Sarah con passo lento e deciso andò verso Arwen – senti lo so che vuoi che i tuoi genitori tornino . Ma per il momento non è cosi . Che ne dici se per il momento ci andiamo a prendere qualcosa da mangiare e da bere . Arwen moriva di fame da ieri e aveva molta sete . Sarah lo aveva iniziato a fare . Aveva iniziato il suo compito da angelo e sarebbe a dire salvare la vita ad Arwen . Sarah doveva farla bere e farle mangiare qualcosa oppure lei non sarebbe durata molto . Arwen sarebbe svenuta e forse sarebbe morta durante quel sonno profondo quasi come la morte . Vicino a quel vicolo c’ era un negozio e li vedeva pane e acqua . Sarah entro li dentro e Arwen si ricordo che una volta ci era stata li dentro . Arwen aveva preso del pane e un po’ di acqua e pure Sarah e stavano per scappare visto che il proprietario era venuto con una mazza di baseball in mano . La teneva molto forte in mano e stava per colpire in testa Arwen . Ma poi si fermo . Arwen alzo lo sguardo e vide che era Roberta la sua amica di infanzia . Era divenuta grande e si era trasferita a New York . Roberta mise a terra la mazza e abbraccio la sua amica – ehi amica come stai ? . Arwen non ebbe più paura – pensavo che tra poco mi stavi per dare questa mazza da baseball molte forte in testa . Roberta la guardo in volto – lo stavo per fare . Ma poi ho visto che sei tu amica . Non lo faccio , non ti preoccupare . Sarah tiro fuori quello che aveva messo sotto la sua giacca nera – non volevamo rubare , ma non ho soldi e neppure Arwen . Roberta aveva molte domande e prima di farle le portò via da li senza farsi vedere da nessuno . Una volta saliti nella casa di Roberta che era molto comoda . Arrivati nel salotto Roberta si mise comoda sulla sua poltrona , Sarah decise di rimanere in piedi e Arwen invece inizio a bere molta acqua e mangiare il pane come se non ci fosse un domani . Una volta finito di mangiare Arwen sapeva che Roberta aveva molte domande e decise di rispondere a tutte – Ieri avevo tutto . Adesso non sono più nell’ Universing . Adesso non ho soldi e non posso più andare li . Nessuno mi ha voluto dire niente . So soltanto che i miei genitori mi hanno lasciato dentro a un vicolo . Poi ho conosciuto Sarah che mi ha portata qui e ho incontrata . Dei miei genitori non so nulla . Roberta decise di dare ospitalità non solo ad Arwen ma anche a Sarah . Tutti e due avevano bisogno di riposo , una bella doccia calda e da bere e da mangiare . Roberta aveva vissuto per molto tempo dentro l’ Universing e aveva capito subito cosa era Sarah . Ma per il momento non aveva detto nulla visto che aveva fatto un ottimo lavoro e non voleva rovinarlo .