Categorie
1987 2017 2018 Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Politica Storia Politica The Occupation Uccidere Uccidere Persone Universi Universing

Dentro al mondo di The Occupation

Quando sei un giornalista devi stare attento al pezzo che decidi di scrivere visto che quello può portati a fare gravi danni a te stesso o alle persone che sono accanto a te. Ma devi stare attento anche al contesto visto che io e Ada siamo andati li da soli perchè era più sicuro cosi e perchè noi eravamo negli anni 80 e in Inghilterra e proprio nel momento esatto dove tutti stanno più sulla difensiva visto che hanno paura di quello che possa succedere a loro e alle loro famiglie. Visto che pochi giorni prima una persona ha ucciso 23 persone e lu ha deciso di fare tale gesto per dare inizio alla creazine The Union Act e cosi tutti possono essere liberi. Ma un giornalista ha capito una cosa molto importante e sarebbe a dire il nostro governo ci stava mentendo su una cosa e io Ada non abbiamo capito visto che i giornalista lo ha solo accenato a quello che ha fatto. La donna che ea con lui lo ha guardato e gli ha chiesto – cosa hai fatto. Ma lui non ha risposte ma ha solo aperto uno dei suoi casetti della scrivania e ha tirato fuori un fascicolo e poi nessuno ha più parlato. Essendo lui un girnalista ha deciso di fare una cosa molto pericolosa e io credo di sapere cosa possa aver fatto cioè ha detto quello che ha scopertyo ai media. C’ e una differenza tra oggi e gli 80′. Dire una cosa ai media negli anni 80 non è vista come una cosa bella, anche oggi non viene vista come una cosa bella ma alcune volte ti da una mano in una grande situazione difficile e insolita. Essendo un giornalista il protagonista di questa storia può andare in ogni posto e se lui viene fermato può dire – io sto lavorando a una storia

Essendo un giornalista lui può analizzare e ricordare ogni singolo dettaglio anche quando una guardia va in pausa o va a prendersi un caffè. Io e Ada ci siamo messi seduti in due angoli diversi di questo posto e abbiamo visto il giornalista che stava dando inizi alla sua ricerca sincronizzando il suo orologio.

Noi possiamo entrare nei vari uffici però dobbiamo stare attenti visto che nel presente puoi dire che hai sbagliato , ma se tu quel girnalista che sta lavorando a una storia che si basa non solo sulla perso0ne ma anche sulla politica allora non saranno molto compressivi e ti guardano con rabbia e ti diranno – io non voglio niente a che fare con questa storia. Vattene prima che chiamo la polizia

Grazie al nostro lavoro di giornalista noi possiamo vedere posti unici e alcuni distrutti e li possiamo trovare prove o tracce che nessuno ha voluto vedere perchè aveva troppa paura di andare li e scoprire la verità su tale storia e su tale storia politica.

Il Giornalista di questa storia ha fatto una cosa brutta a quei tempi e non sappiamo ancora cosa ha fatto ma sembra che sulla sua anima pesa molto tale scelta e lui ha deciso di farlo. Io e Ada ci chiediamo se tale scelta non è proprio brutta, ma soo che può essere vista brutta dagli altri e dal resto del mondo.

 

 

 

 

Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Robocop: nuovo poster per il remake di Josè Padilha

Sony Pictures ha reso disponibile un nuovo poster per il RoboCop del regista José Padilha che ha la peculiarità di porre in primo piano il casco della nuova armatura, che è l’unica parte del nuovo look cyborg dell’attore Joel Kinnaman riconducibile all’originale del 1987.

Questa locandina è un chiaro e palese riferimento al cult di Paul Verhoeven e all’intenzione di Padilha di affrontare questo nuovo film restando a mezzavia tra reboot e remake.

Anche il primo trailer ci ha mostrato l’approccio accorto di Padilha a questo rifacimento che pur consapevole di dover portare al cinema una nuova platea di spettatori per un riavvio di franchise, non ha però dimenticato per strada l’originale con tutta una serie di elementi familiari indirizzati ai fan del cult anni ‘80, che resta un imprescindibile punto di riferimento con due sequel, una serie d’animazione e una serie tv live-action.

Ricordiamo anche il solido cast di supporto che include Michael Keaton (Batman), Samuel L. Jackson (The Avengers), Gary Oldman (Il quinto elemento), Abbie Cornish (Sucker Punch),Jay Baruchel (Fanvboys) e Jackie Earle Haley (Watchmen).

 

Categorie
2013 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Cani Sciolti: recensione in anteprima del film con Mark Wahlberg e Denzel Washington

Denzel Washington e Mark Wahlberg sono in formissima in Cani Sciolti, il film d’azione cheapre il Festival di Locarno 2013 e che è da pochi giorni uscito negli States. Basato sulla graphic novel di Steven Grant, è un buddy cop movie che ogni tanto sa di anni 80 e che funziona soprattutto grazie ai suoi due protagonisti, coppia di spacconi che trascina la pellicola.

Per una volta il titolo italiano non è così idiota come può sembrare a prima vista. Perché gli agenti interpretati da Washington e Wahlberg sono davvero due “cani sciolti”. Prima in missione in incognito, poi abbandonati da tutti in un marasma in cui DEA, Marines, CIA e cartelli della droga sono tutti contro tutti…

Durante gli ultimi 12 mesi, l’agente della DEA Bobby Trench (Washington) e l’ufficiale dell’Intelligence della Marina degli Stati Uniti, Marcus Stigman (Wahlberg), hanno lavorato fianco a fianco in incognito come membri di una gang di trafficanti di droga. Ma sono diffidenti l’uno verso l’altro proprio come lo sono nei confronti dei criminali che sono tenuti a smascherare ed arrestare: perché nessuno sa la vera identità dell’altro.

Quando il loro tentativo di infiltrarsi in un cartello di droga messicano con il conseguente recupero di milioni di dollari va in fumo, Trench e Stigman vengono immediatamente sconfessati dai loro superiori. Ora che tutti li vorrebbero o in carcere o morti, possono contare soltanto l’uno sull’altro…

Un tempo Baltasar Kormákur, regista islandese qui alla sua terza prova americana (la seconda assieme a Wahlberg dopo Contraband), era considerato una delle giovani promesse del cinema europeo. Poi Hollywood l’ha chiamato e la critica ne ha preso subito le distanze: e infatti le sue prove americane mostrano i suoi limiti rispetto ai lavori in patria.

Però c’è da dire che con Cani Sciolti, scritto da Blake Masters (ideatore di Brotherhood e Law & Order: Los Angeles), azzecca finalmente una prova piuttosto onesta che come unico scopo ha quello di intrattenere lo spettatore. E, nel suo piccolo, il film riesce a non insultare mai lo spettatore, divertendo a sufficienza grazie a riuscite scene d’azione e ad una sceneggiatura più brillante del previsto per quel che riguarda il reparto dialoghi.

Ci sono almeno un paio di sequenze che valgono il prezzo del biglietto: un inseguimento in macchina fra i due protagonisti (con tanto di boss tenuto in ostaggio in uno dei bauli), e una caccia all’uomo in un appartamento con tanto di cecchino. Nulla di eccezionale, per carità: ma almeno la professionalità c’è. Anche perché le cosette che mettono il sorriso non sono poche.

La storia è ricca di twist e sorprese, tanti quanto bastano per far sì che Washington e Wahlberg portino a casa due ottime prove fisiche e con sfumature da commedia a tratti molto efficaci. Wahlberg poi, tutto “occhiolino alle ragazze” e gomma perennemente in bocca, è sinceramente irresistibile. I due protagonisti non si prendono mai sul serio, e così fa il film stesso: è qui cheCani Sciolti trova la sua giusta dimensione.

E se la prova dei due protagonisti supera alla grande l’esame, sono supportati da un cast secondario che fa il proprio dovere con altrettanta ironia. Bill Paxton è un folle e “cattivissimo” agente della CIA disposto a tutto pur di ritrovare i suoi soldi rubati in banca, mentre un’intrigantePaula Patton dà la giusta carica sexy alla pellicola. E non pare un caso che Edward James Olmos (qui Papi Greco) lo rivedremo in Machete Kills

C’è anche da dire che Cani Sciolti si regge bene per un’oretta. Poi sceneggiatura e regia iniziano un po’ a deragliare, non mantenendo lo standard di divertimento onesto e “corretto” che ci era stato offerto in precedenza. Tutto sembra un po’ andare all’aria verso la fine: ma a questo punto è meglio la caciara della seconda parte di Cani Sciolti che quella di In Trance, per capirci. Tra poco del film ce ne scorderemo, vero: ma attenzione al probabile sequel…

Voto di Gabriele: 6

Cani sciolti (2 Guns, USA 2013, azione 109′) di Baltasar Kormákur; con Mark Wahlberg, Denzel Washington, Paula Patton, Bill Paxton, James Marsden, Fred Ward, Edward James Olmos, Robert John Burke, Patrick Fischler, Tenaj L. Jackson, Evie Thompson, Lucky Johnson.Qui il trailer italianoUscita in sala il 24 ottobre 2013.

 

Categorie
2013 Assassin's Creed 4 Assassinare Assassino Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps3 Ps4 Wiiu Xbox 360 Xbox One

Assassin’s Creed IV -varie informazioni sulle parti di gioco con ambientazione moderna

Il rilascio delle immagini riportate ieri riguardanti la componente con ambientazione moderna di Assassin’s Creed IV: Black Flag è stato accompagnato da diverse informazioni da parte degli sviluppatori, che hanno risposto a varie domande poste dagli utenti su Twitter.

Il blog di Ubisoft le ha raccolte e proposte tutte insieme al link riportato in fondo, riassumiamo qui alcuni punti fondamentali emersi nell’occasione:

– Nell’ambientazione moderna interpretiamo un personaggio chiamato a lavorare presso l’Abstergo, scollegato dai protagonisti dei capitoli precedenti
– Ci saranno mini-game legati all’hacking e alla raccolta di informazioni all’interno dell’Abstergo (saremo dei “pirati dei tempi moderni”, dicono gli sviluppatori)
– In ogni momento sarà possibile scollegarsi dall’Animus ed esplorare più o meno approfonditamente la sede dell’Abstergo, raccogliendo una quantità variabile di informazioni ed espandendo in questo modo il background del gioco
– C’è una storia propria nella sezione moderna del gioco, nella quale sarà richiesto di prendere la parte di una o un’altra fazione in base a varie scelte
– All’interno dell’Abstergo si troveranno vari nastri con registrazioni che sveleranno ulteriori retroscena nella storia della compagnia, registrati da alcuni dipendenti negli anni 80
– La sede dell’Abstergo è ispirata a Montreal e al Quebec
– Torneranno personaggi dai capitoli precedenti, ma visti in un’altra prospettiva
– Previsti riferimenti al Soggetto 17
– Non ci saranno dialoghi nella sezione moderna, perché il protagonista è proprio il giocatore ed è dunque spersonalizzato
– Verranno rivelati dettagli su cosa è successo a Desmond, anche se preferiremo “tapparci le orecchie”, dicono gli sviluppatori

 

Categorie
2013 Fumetti Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Skin Trade: George R.R. Martin annuncia il fumetto tratto dal suo romanzo

Quando una sanguinosa scia di omicidi comincia ad abbattersi sulla sua piccola città, l’investigatrice privata Randi Wade inizia ad avere dei sospetti. Un serial killer strappa la pelle dalle sue vittime e gli efferati omicidi le portano alla mente la morte del proprio padre avvenuta circa venti anni prima. Con la polizia che brancola nel buio, Randi va in cerca di risposte da sola… ma quando un amico diventa un bersaglio dell’assassino, vengono rivelati sorprendenti segreti e Randi viene improvvisamente gettata in un oscuro mondo sotterraneo dove i mostri esistono e gli umani sono delle prede.

Questa è la trama di Skin Trade, romanzo degli anni 80 scritto da George R.R. Martin, perchè l’autore non è solo l’artefice delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, i romanzi fantasy che hanno dato vita a Game of Thornes (Il Trono di Spade), una delle serie tv più acclamate e seguite degli ultimi anni. No. Skin Trade è una storia horror intrigante che qualche anno fa era anche stata opzionata per passare sul grande schermo, ma oggi l’autore ha annunciato che il romanzo avrà la sua trasposizione, ma in una serie a fumetti! L’adattamento del comics sarà affidato a Daniel Abraham e illustrato da Mike Wolfer e verrà pubblicato dalla Avatar.

 

Categorie
2013 Bioshock Infinite Foto Mac Os Mondi Fantastici Mondo Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps3 Videogiochi Xbox 360

BioShock Infinite: il Codice Konami sblocca la modalità 1999

Conoscendo la passione di Ken Levine per il retrogaming, diversi giocatori di BioShock Infinite hanno provato a utilizzare il Codice Konami per vedere cosa sarebbe successo e, con loro somma sorpresa, sono riusciti a sbloccare in anticipo la famigerata “modalità 1999″.

In questa sua versione amarcord, il famigerato cheat code presente in quasi tutti i videogiochi di Konami degli anni ‘80 e ‘90 permette agli emuli più coraggiosi di Booker DeWitt di selezionare la “modalità 1999″ senza dover necessariamente concludere l’avventura almeno una volta.

Se volete bruciare le tappe della vostra permanenza a Columbia e portare a un nuovo livello l’esperienza di gioco di BioShock Infinite, questi sono i tasti e i pulsanti da premere su ogni piattaforma:

  • PC: Su, Su, Giu, Giu, Sinistra, Destra, Sinistra, Destra, tasto Cancella, tasto Conferma
  • PlayStation 3: Su, Su, Giu, Giu, Sinistra, Destra, Sinistra, Destra, pulsante O, pulsante X
  • Xbox 360: Su, Su, Giu, Giu, Sinistra, Destra, Sinistra, Destra, pulsante B, pulsante A

La modalità 1999 è un omaggio che gli sviluppatori di Irrational Games fanno a tutti gli hardcore gamer: una volta selezionata, l’avventura sulla città fluttuante del folle Profeta Comstock viene stravolta dalla brusca riduzione dei punti di respawn, dell’energia, dello Scudo Vigor e delle munizioni, oltreché da un aumento significativo del danno inflitto da ogni colpo inferto dal nemico, del tasso di prosciugamento della salute e del fattore di rigenerazione dello scudo. I potenziamenti delle armi e dei Vigor, per giunta, diventano permanenti e non possono essere deselezionati per poter rientrare del denaro speso. E questo perchè, riprendendo la frase di rito pronunciata da Ken Levine in risposta alle domande postegli in questi mesi dai giornalisti più curiosi:

“Il giocatore medio odierà a morte questa modalità. Ma è okay: mica è stata fatta per lui!”

BioShock Infinite è disponibile dal 26 marzo su PC, PS3 e X360 e lo sarà in estate su Mac OS.

 

Categorie
2012 AIDS Foto Foto del Giono

Foto del Giorno : AIDS, la strage continua

https://i2.wp.com/www.focus.it/Allegati/2012/11/rtxv9zr_769562.jpg

Sembra un titolo degli anni ’80/’90, quando la scoperta del virus accese i riflettori su questa infezione letale che mieteva vittime in ogni parte del mondo.
Col passare del tempo, l’attenzione iniziò progressivamente a diminuire e, complici le terapie retrovirali sempre più efficaci, iniziò a farsi strada una falsa rassicurazione diffusa nei confronti della malattia.
Niente di più sbagliato, come confermano i dati diffusi in occasione di questa Giornata Mondiale contro l’AIDS: nel mondo oggi sono 34,2 milioni le persone sieropositive (dati Unaids), con il 69% dei casi nell’Africa subsahariana. Ma non bisogna commettere l’errore, quando si parla di epidemia da HIV, di pensare che colpisca solo nei paesi più poveri. In realtà si tratta di una vera e propria pandemia, presente senza discriminazione in ogni paese del mondo, Italia compresa. E anche da noi il numero di sieropositivi non fa che aumentare, al ritmo di un contagio ogni 2 ore. Sono 160mila secondo l’Istituto Superiore di Sanità, con 4mila nuove infezioni all’anno trasmesse nell’80% dei casi per via sessuale (IST, ovvero le Infezioni Sessualmente Trasmesse). Ma i dati confermano anche un’altra allarmante verità, e cioè che nonostante i numeri e i contagi in costante aumento sull’argomento si sta abbassando la guardia. Secondo un’indagine condotta dal portale Studenti.it, il 31% dei giovani intervistati ha dichiarato di sapere poco o nulla sull’AIDS.
Ignoranza, silenzio e disattenzione sono i migliori alleati del virus, mentre la prevenzione rappresenta l’arma più potente per combatterlo.

Categorie
Computer Database Equipaggiamento Foto Mondo Oggetti Panorama Presentazione Storia

Foto delle minigonne viste da Pandora