Viaggio a New York con Pandora

New York è una città veramente favolosa con i suoi grandi palazzi e sopratutto per il palazzo più importante che ha l’ Empire State Building. Tutti la conoscono come la Grande Mela ma noi tutti persone magiche o creature magiche la conosciamo come il quartier generale dell’ Olimpo. Nessuno sa come ha fatto Zeus ma lui ha reso l’ Empire State Building la nuova base operativa del Monte Olimpo. Io avevo deciso di portare Pandora non a visitare quel palazzo ma un bar che è stato creato come rifugio per persone con poteri in pericolo e il nome di questo bar è noto come Visions. Pandora sapeva verso le 9 noi dovevamo andare e cosi andò da mia sorella Alyssa con un bel sorriso in faccia. Mia sorella Alyssa la vide cosi felice e si avvicino a lei per vedere cosa la rendeva cosi felice – Daniel mi vuole portare a New York e farmi vedere uno dei rifugi delle persone con i poteri. Alyssa e tutta la comunità magica sapeva di questi bar noti con questo nome cosi strano e atipico, nessuno sapeva perchè aveva tale nomi ma tutti erano felici di avere un posto dove stare tranquilli e usare i loro poteri. Alyssa creo un look adatto a Pandora e vestita in quel modo era bellissima. Pandora venne da me vestita con una maglietta rossa arancione con scritto ” Australia” e vicino a esso c’ erano delle palme e poi una gonna rosa non molto corta. Io ero già vestito visto che mi informato per capire se tutto era sicuro oppure no. Pandora venne vicino a me e noi ci mettemmo al centro della stanza e io presi la mano sinistra di mia cugina – adesso non lasciare la mia mano oppure finiamo in posti differenti e in una città come quella trovare una persona è davvero molto difficile. Pandora allora non lascio per nessun motivo e io mi teletrasportai senza alcun problema dentro a un vicolo secondario di New York proprio vicino al bar Visions. Questo è stato il mio primo viaggio nel tempo senza alcun problema, le altre volte mi è andata male e sono arrivato in posti dove non volevo andare. Pandora insieme si avvicino al grande bar e vidi che era enorme e grazie alla sua curiosità vedeva che si poteva mangiare sia dentro e che fuori visto che c’ erano i tavolini sia fuori che dentro. Pandora si mise seduta di fuori ma io mi avvicinai con calma – sediamoci all’ interno perchè li dentro ti devo parlare con tutta la calma e noi dobbiamo entrare in un altro posto. Io e Pandora ci sedemmo al terzo tavolo e poi io guardai Pandora con grande attenzione per farle capire che in quel momento doveva fare tutto quello che dicevo io ma era anche un altre modo per farle capire che adesso doveva prendere la mia mano e fare quello che dicevo io. Pandora mimo i miei movimenti alla grande e cosi noi due senza alcun minimo problema entrammo dentro l’ Universing. Mi ero portato appreso un gessetto e disegni il simbolo dell’ Universing e poi presi le due mani di Pandora e poi con il medio assieme al medio di Pandora noi entrammo dentro L’ Universing. Pandora una volta lasciate le mie mani vide che li c’ erano persone diverse con un aspetto del tutto diverso e tutto attorno a lei era strano, nuovo e diverso. Pandora aveva l’ aria veramente molto sorpresa e cosi rivolse lo sguardo verso di me – dove siamo ?. Pure io avevo lo stesso sguardo arrivai qui dentro per la prima volta e cosi le svelai dove noi ci troviamo – noi adesso ci troviamo nell’ Universing, una nuova dimensione creata per dare un rifugio alle persone con i poteri come te o fare in modo che qui possono avere un nuovo inizio e cosi riuscire a fare grandi cose. Ma io e te siamo qui dentro per farti capire cosa hai perso nel senso che tu non hai perso solo una parte dei tuoi ricordi ma anche altre due cose importanti. Pandora una volta sentito tale mie parole si rivolse verso di me con uno sguardo molto serio visto che non voleva che io ci girassi intorno o che dicessi una cosa per non dirlo – voglio cosa ho perso adesso ?. Io allora senza mezzi termini parlai a Pandora di quello che aveva perso – tu hai perso gli Occhi della Fenice, il Tuo vero aspetto e la possibilità di diventare una dea. Adesso noi stiamo seduti qui e affrontiamo questo discorso visto che queste cose sono molto importanti per te e per la tua storia.

Dentro al mondo di The Flash

Dentro all’ universo di The Flash stavano cambiando le cose per due persone molto importante per il nostro velocista scarlatto. Sto parlando di Iris e Caitlin, tutti e due stanno subendo un certo disorientamento in un modo e in un altro modo. Iris West sta andando negli stessi posti che visitava con Barry Allen ma poco a poco si è accorta che non era la stessa cosa. Ogni volta che andava in quei luoghi vedeva visione del passato e vedeva lei con Barry o vederlo correre per la città con la super velocità. Ma poco a poco si è accorta che non ce la poteva fare e quindi lei era in quello stato di mezzo e diceva tra se e se ” Se faccio tornare Barry Allen e come se lo facessi per egoismo. Ma se non lo faccio tornare io non riesco più a vivere visto che non ce la faccio più a stare da sola ” . E per questo che Iris quando ha saputo che Cisco voleva riportare Barry Allen non voleva accettare il fatto visto che non sapeva cosa sarebbe successo o peggio ancora non sapeva se le cose sarebbero tornare tali e quali oppure lei avrebbe avuto bisogno di po di tempo per capire cosa stava succedendo o no. Lo sto perchè ho visto Iris West a casa e ogni volta si girava per la casa e ogni volta li vedeva i  momenti più belli passati con Barry. Ma passiamo a Caitlin Snow lei invece ha deciso di non stare qui dentro le Star Labs per paura di non far male a nessuno e forse non provare quegli stimoli che le possa far provare emozioni oscure e cosi provare a uccidere i suoi amici o i suoi cari. E cosi lei ha deciso di lavorare dentro a un bar e Cisco ha deciso di provare a farle cambiare idea e cosi lei può tornare a lavorare li dentro e può dare una mano a loro senza usare i suoi poteri ma in veste di Dottoressa di scienza. Ma nonostante i suoi tentativi lei ha deciso di restare li dentro al bar dove ha deciso di lavorare forse per paura o per rabbia visto che nonostante i suoi grandi sforzi non è riuscita a resistere al lato oscuro e cosi non faceva del male ai suoi amici. In questo mondo ci sono andato da solo, per quanto riguarda Iris io mi posso muovere come voglio ma con Killer Frost devo stare più visto che mi può fare del male ma sopratutto perchè mi può riconoscere e cosi per sbaglio do inizio a un paradosso senza volerlo. Visto che io e Killer Frost ci siamo conosciuti nel futuro e lei mi ha insegnato a controllare il potere del ghiaccio. Ma il tempo si muove su uno stesso filo e quindi se vede i miei occhi rossi inizia il paradosso e tutto va di male in peggio in pochi minuti e io devo rimediare.

Erin Miller ci racconta come è iniziata la sua storia

Avevo deciso di portare Erin Miller e Jennifer Avery in un bar e non dentro l’ Universing visto che nessuno delle persone vicino a me non lo avevano scoperto ancora. Jennifer Avery seduta vicino a Erin Miller per tenerla al sicuro da sguardi brutti e che la potevano mettere paura e cosi noi non avremo mai saputo la sua storia. Jennifer Avery prese in mano il menu e inizio a vedere cosa voleva e prima di ordinare mi guardo in volto visto che mi ero tolto gli occhiali e lei poteva vedere i miei occhi rossi come il fuoco e subito mi fece due domande – Perché siamo in questo bar ? . Perché i tuoi occhi sono rossi ? . Io volevo delle risposte e decisi di rispondere a queste domande visto che stavo mettendo paura non solo a Jennifer Avery ma anche a Erin Miller – perchè io sono un alieno e sono stato mandato dalla Polizia di New York per capire cosa è successo alla Principessa Vittoria Rosetti e per puro caso Erin Miller sa cosa è successo. Dal mio soprabito nero tirai fuori un articolo di giornale e Jennifer Avery lesse la notizia ” La figlia di Vittoria Rosetti è tornata dopo anni che era scomparsa “. Alla fine i nostri sguardi si concentrarono su Erin Miller che stava facendo manbassa di patatine fritte e lei decise di dire a noi due cosa è avvenuto nella sua vita. Erin Miller si pulì la bocca con un tovagliolo di carta e poi inizio a raccontare la sua storia a noi due – Tutto ebbe inizio quando sono andata al Giardino Botanico di Orion City quando avevo 8 anni e io ero li da sola senza dirlo a nessuno. Ci ero andata sopratutto perchè una persona mi seguiva e mi ha seguito pure li dentro e alla fine io l’ ho affrontato. Nel senso che gli ho fatto perdere le mie tracce e poi gli sono andato dietro e gli ho fatto – mi stavi cercando. Lui ha detto di chiamarsi Shadow Black e che era li per darmi un potere per fare in modo che io nel futuro incontrassi una persona di nome Daniel Saintcall e cosi gli potevo dare una mano a vincere una certa guerra che avverrà nel futuro. Usai gli occhi della fenice su Erin Miller e senti il simbolo di Shadow Black dentro al suo corpo. Veramente io stavo scappando anche dai miei genitori non volevano portarmi li in quel luogo e cosi presi indicazioni e ci andai da sola. Dopo quell’ incontro e dopo essere tornata a casa e stato il peggio. Jennifer Avery lo chiese in modo diretto a Erin Miller – in che senso è andato tutto quanto male ? . Erin Miller mangio un altra patatina e poi continuo il suo racconto – eravamo in cucina, stavamo facendo colazione e pochi giorni prima di quel giorno io avevo visto che riuscivo a controllare questo potere e cosi senza indugio feci vedere a mia madre e a mio padre cosa sapevo fare. Mi alzai dalla sedia e presi un piccolo cerchietto che avevo in camera e attorno ci misi dei fiori. I miei genitori invece di dirmi brava e dove hai preso questi poteri, mi hanno guardato come un mostro da abbattere e io sono scappata in camera mia. E poi dalla finestra che è al primo piano me andai al Parco Vittoria visto che dalle foto e dai servizi al telegiornale sapevo che c’ era una piccola casa dove la Principessa Vittoria si riposava dopo aver reso migliore il giardino che si trova in Parco Vittoria. Io arrabbiata come non mai andai li sopratutto per non fare del male a nessuno, sapevo usare i miei poteri e li volevo usare per il bene e alla fine andai in quella piccola casa. Invece di usare i miei poteri per il male restai li a vedere cosa stava facendo la Principessa Vittoria Rosetti e durante il mio cammino avevo buttato il cerchietto che avevo fatto e decorato con i miei poteri. Per puro caso fu quel cerchietto che diede inizio all’ incontro tra me e la Principessa Vittoria. Lei lo prese e dal primo sguardo capì che quei fiori su quel cerchietto erano stati messi con un potere e cosi lei si fermo – chiunque sia qui dentro io non ti farò alcun male. Inoltre ti voglio far capire che io ti accetto per quello che sei. Io rimasi nascosta vicino a quella casa fino a quando non vidi alzarsi al centro del Parco Vittoria un grande girasole e io usci e andai da lei. Andai al centro del Parco Vittoria e lei fece alcuni passi verso di me – ti è piaciuta la mia casa Erin Miller ? . Io restai li immobile e non sapevo che dire e poi dissi – come sai il mio nome Principessa Vittoria ?. Vittoria venne verso di me e mi guardo in faccia – lo so perchè ti vedo quanto ti piace stare dentro al mio parco e so che quando hai ottenuto questi poteri della natura tu hai messo delle rose gialle e mi sono piaciute molto. Lei mi prese per mano e mi porto dentro la casa e non dentro la villa visto che voleva andare dentro per far una bella doccia calda  – perchè sei qui e non a casa tua ? . Lei lo sapeva ma decisi di dirglielo visto che notando dal mio cerchio di fiori a terra, era malridotto e sporco e da li avevo capito che io lo avevo gettato perchè qualcuno l’ aveva vista come un mostro e non come una normale persona che aveva usato i poteri per fare del bene – ho mostrato i miei poteri alla mia famiglia e invece di darmi aiuto, mi hanno guardato come un mostro da abbattere e io sono scappata di casa e li non ci voglio tornare mai più . Adesso non ho posto dove stare. Vittoria si era creata il Parco Vittoria sia per hobby e sia per dare un posto alle persone con poteri un posto dove usare i loro poteri senza essere visti come dei mostri. Alla Principessa Vittoria venne un idea prese uno specchio e mi fece notare che io e lei avevamo molte cose in comune. Lei aveva i capelli rossi e io avevo capelli rossi, lei aveva un neo sul collo e io ho un neo sul collo, lei aveva occhi blu e io ho gli occhi blu. Alla fine lei si avvicino a me – che ne dici se facciamo finta per un pò che sei mia figlia e io ti accetto perchè abbiamo un altra cosa in comune cioè lo stesso potere. Io decisi di accettare e lei si fece una doccia calda e me la fece fare pure a me e mi diede un abito e poi pensammo a una storia. Alla fine lei mi portò alla sua Reggia e li inizio la mia nuova vita. Erin Miller smise di raccontare la sua storia e poi inizio a bere un pò di coca cola e poi mi guardo – il resto ve lo voglio dire più tardi. Adesso non mi sento pronta. Io e Jennifer non volevamo forzare Erin e cosi farla chiudere e cosi anche la mia indagine si sarebbe chiusa.

 

Alani arriva dentro al mondo di Battleborn

Ho sentito parlare molto bene del mondo Battleborn, ma per adesso non ci entro visto che mi sto informando per conto mio su quel mondo, cioè sto leggendo le storie a fumetti di quel mondo e cosi prima di entrare li dentro io ne so molto di più. Per adesso io sono nell’ Universing e sono dentro a un bar, sto seduto li da solo e lo faccio perchè li ci sono due persone che sanno una cosa molto importante su quel mondo. Queste persone sono associate ai Distruttori e loro stanno cercando di capire chi è questa nuova eroina che deve entrare dentro al mondo di Battleborn. Nell’ Universing e attraverso storie a fumetti e voci si sta parlando di una nuova eroina detta Alani. Nessuno sa molto di questa Alani o noi fan sappiamo solo che ha questo aspetto che vedete in alto. Mentre ero nel Secondo Distretto io ho alzato gli occhi e mi sono messo a vedere uno schermo molto grande su un palazzo al centro della Piazza e li noi fan abbiamo potuto vedere il suo aspetto. Anche se noi sappiamo il suo aspetto, non sappiamo da dove proviene, che cosa sa fare, se ha ucciso qualcuno. Ma poi arrivo Melissa Mcarthur e si fece vedere sullo schermo grandi e disse alcune notizie su Alani. Melissa era li seduta su una sedia e inizio a dire con voce calma e tranquilla- Alani fa parte della fazione Endrid e quindi lei sa fare guarire le persone e sa combattere, vedendo che l’ universo era in pericolo decise di intraprendere la strada della Guerriera e grazie a tale scelta lei può salvare vite e mondi e nello stesso momento lei può sconfiggere i nemici con l’ acqua. Adesso io e i Distruttori sappiamo chi è l’ eroina Alani, ma adesso dobbiamo vedere in che modo entra e quando arriva. Poi quando pensavo che avrei dovuto aspettare un ora o tre ore, dietro al fumetto la copertina dove c’ era l’ aspetto di Alani si era aggiornato e li c’ era scritto 31 Maggio. Adesso io dovevo stare attento oppure i Distruttori avrebbero fatto in modo che questo personaggio non esistesse più.

Marvel’s Jessica Jones

Jessica Jones conosce New York e sopratutto quella parte della città conosciuta come Hell’s Kitcken . Lei la sa a memoria e l’ ha dovuto conoscere perchè lei è una Detective Privata e quindi deve capire dove andare , dove nascondersi per non farsi scoprire da una persona che sta seguendo facendo un lavoro . Jessica Jones era le strade di Hell’s Kitchen tutta sola ed erano le 11:57 del pomeriggio ed era quasi la mezzanotte . Anche se era quasi mezzanotte per le strade non c’ era proprio nessuno , anche se alcuni bar erano aperti senza nessuno che entrava o usciva . Nella strada che stava percorrendo Jessica non c’ era nessuna traccia e per niente non c’ erano cartacce per terra o bottiglie a terra perchè qualcuno aveva bevuto troppo e cosi per la rabbia visto che il barista non voleva fargli più bere e lui una volta uscito dal bar e li aveva buttato la bottiglia rompendola in mille pezzi e Jessica cosi con le sue calpestava i pezzi di vetri e li faceva diventare ancora più piccoli . Io la seguivo per vedere se qualcuno voleva fare del male a Jessica Jones o voleva andare in un posto dove poteva incontrare una persona per un nuovo lavoro . Ma invece Jessica Jones inizio a camminare un pò in avanti fino al centro di quella strada ma prima di farlo guardo da una parte all’ altra e poi inizio a guardare in alto . Tutto questo lo fece per vedere se poteva usare i suoi poteri oppure no . Jessica sapeva se qualcuno la vedeva saltare in alto , molto in alto poteva essere vista e quindi creduta come un mostro e non come una persona che poteva aiutare le persone di New York . Jessica Jones si mise in una certa posizione e poi fece un lungo salto sopra a delle scale di emergenza e proprio davanti all’ appartamento di qualcuno . Non so se doveva entrare oppure no ma si mise a guardare a sinistra e poi si fermo li . Non sapevo se quello era l’ appartamento di Jessica Jones o della migliore amica di Jessica o di Luke Cage . Ma credo che quello era l’ appartamento di Jessica Jones , forse dopo aver visitato alcuni posti aveva deciso di tornare a casa sua e di dormire un pò . Oppure aveva deciso di cambiarsi e di dare inizio alle sue gesta da eroina e per il momento senza costume e poi con il tempo se lo sarebbe fatto grazie al fatto che aveva trovato un nome o una identità per combattere il crimine oltre ad essere una Detective Privata .

Avverto Ada Knight della riunione al Rifugio dell’ Infinito

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

Una volta ripreso il mio vero aspetto usci con la mia auto e andai al bar Marshal’ Bar che era li dove lavora alcune volte come barista Ada Knight e oggi era uno di questi giorni . Io posteggiai l’ auto vicino all’ ingresso del bar . Non la misi sul marciapiede ma in un posto vuoto dove non si metteva mai nessuno . Chiusi l’ auto con le chiavi ed entrai nel bar . Andai diretto verso il bancone e arrivo Ada Knight senza il suo giaccone nero ma con una maglietta nera a maniche lunghe e con dei pantaloni neri – che cosa ti posso offrire ? . Io alzai lo sguardo con calma e senza nessuna fretta e guardai in faccia Ada Knight che era li calma ma era pronta a darmi un bel ceffone faccia o mi avrebbe arrestato se le avessi messo una mano sul culo – mi puoi offrire un abbraccio amica mia . Ma Ada Knight non fece niente del genere , anzi riconobbe la mia voce anche se era tra due anni che non la sentiva più in quel modo – certo , adesso te lo offro . Arrivo vicino a me , io ero pronto per il suo grande abbraccio ma rimasi deluso visto che mi diede un pugno molto forte sulla spalla destra – questo è per non avermi detto che cambiavi aspetto in Aiden Pierce . Poi mi diede un pugno sull’ altra spalla molto forte – questo è per non avermi detto che ritornavi al tuo aspetto originale . Tu devi dire sempre tutto alla tua collega . La prossima segnatelo da qualche parte oppure te lo segno in fronte . Io guarì in fretta dai colpi di Ada Knight e mi misi a ridere quando lei torno dietro al bancone – lo so che ti dovevo dire questa cosa però dovevo fare una cosa molto importante . Adesso che l’ ho fatta te l’ ho potuta dire . Ada mi passo una pinta di birra – questa la offre la casa . Ma questa è l’ ultima volta e non mi piace quanto tu non mi dici i tuoi segreti . Io bevvi la birra e guardai in faccia Ada Knight – calmati amica mia . Nel pomeriggio verso le 16: 20 e li dirò a tutti cosa nascondo . Li nel Rifugio dell’ Infinito tutti sapranno come mai ho cambiato e cosa nascondo , adesso è meglio che vada .

Marshal parla con Ada Knight

Ada Knight

Marshal lascio il bancone a sua figlia maggiore Federica , lo fece per parlare con sua nipote Ada Knight . Ada era andata in bagno e Marshal aveva sentito i suoi passi andare fino a li . Marshal arrivo alla porta del bagno e busso non molto forte – Ada posso entrare . Ada si era chiusa a chiave e quando senti la voce possente di Marshal apri la porta . Marshal apri la porta e vidi Ada lavarsi la faccia . Una volta che lei si era lavata la faccia Ada voleva sapere se quello era veramente suo zio oppure no – senti se sei mio zio voglio vedere una foto di te con mia madre . Marshal andò per primo in camera sua e fece cenno alla nipotina di venire . Ada entrò con passo lento e deciso . Una volta dentro l’ ufficio di suo zio vide una grande scrivania con un sacco di scartoffie sopra . Ma li sopra c’ era una cornice con la madre di Ada e li c’era suo zio . Marshal prese la foto e la fece vedere ad Ada Knight – questa foto l’ abbiamo fatta prima che è scomparsa . Aveva lasciato te da una amica e poi è scomparsa e io non sapevo dove eri tu . Adesso parliamo di cosa ti è successo in questi anni . Ada vide Marshal tornare con due sedie e poi lui era pronto a raccontare la sua storia – Mia madre non mi ha scritto un biglietto quando mi ha lasciato per la strada . Mi ha lasciato li per la strada e io non so nemmeno il motivo . Nessuno mi ha detto perché. Tutti mi hanno detto che era perché non mi amava o perché era stato una figlia cattiva , ma io non ci credo . Non lo so perché mi ha lasciato ma forse nel futuro lo saprò . Maggior parte del tempo non ho rubato , no . Ho cercato di stare fuori dai guai . Nel senso ho fatto diversi lavori tipo fornaia , fabbro e molti altri lavori . Un giorno incontrai questo Ronny che mi vide con un sacco di soldi e questa medaglietta al collo . Lui mi pugnalo alla spalla e io caddi a terrà , mi prese i soldi e la medaglietta e io non potei fare nulla . Adesso lui mi vuole uccidere perché mi sono ripresa tutto . Sono andata li di nascosto e mi sono ripreso soldi e medaglietta . Ma adesso io ho davvero bisogno di aiuto . Ho bisogno che qualcuno mi alleni a combattere e cosi potrò batterlo da solo e solo cosi lui mi lascerà in pace . Marshal vide che suo nipote Ada era pronta a finire questa storia – lo faccio io per te . Ada non lascio subito la stanza – zio potresti fare una cosa per me ? . Marshal era pronto a sentire – vedi oggi dovevo andare al liceo ma non ci sono potuta andare per colpa di questo problema . Puoi chiamali e dire che non sono venute perché dovevo fare una cosa per te . Marshal si fece dare il numero da Ada e la aiutò con il problema della scuola .

Marshal Bar

Ada Knight

Il Marshal Bar è un bar che si trova sulla sesta strada del Distretto 14 . Era un bar dove servono bevande alcoliche solo ai maggiorenni ma era anche un posto dove potevi riposati dal lavoro . Ada Knight ci andava ogni volta per vedere come stava barista . Il Barista non era una persona comune . Non aveva poteri ma era un Ex Marshal Federale e ai suoi tempi era un grande nel prendere i criminali . Anche se era andato in pensione , lui non aveva perso il colpo . Ada Knight scopri questo posto quando aveva 16 anni . Aveva appena rapinato una persona . La persona che aveva rapinato era Ronny , un ragazzo di 19 anni che rubava alle ragazzine un sacco di cose . Ronny era un uomo che era un vero criminale . Sulla sua fedina pedinale c’ era aggressione e molto minacce di morte ma sopratutto alcuni pestaggi a morte . Ada Knight non lo faceva vedere ma teneva un ciondolo in cui c’ era ritratto il volto di sua madre . Ada era entrata dentro la sua tana e se lo era ripreso . Ronny era bravo a trovare le persone e la trovo vicino a una strada per prendere l’autobus . Ronny non era bravo solo a trovare le persone ma era bravo pure a prevedere le sue mosse . Capì che Ada Knight voleva prendere un posto sullo Sky Bus per scappare e non farsi prendere . Ada vide che ogni posto era pieno di uomini di Ronny e decise di entrare in questo bar . Marshal Knight vide la piccola Ada entrare da quella porta e capì’ che si era cacciata in qualche casino – bisogno di aiuto piccolina ? . Ada si avvicino e si mise sullo sgabello che non era tanto grande – si , sto cercando di scappare da un pazzo . Ha cercato di rubarmi un gioiello in cui c’ e ritratta mia madre e io me lo sono ripreso . Ada fece vedere il volto al barista e a lui venne un colpo . Ada vide che il signore si mise a piangere e poi inizio a ridere come non mai – benvenuta tra noi Ada Knight . Ada non sapeva come mai il barista sapeva il suo nome – come fai a sapere il mio nome ? . L’ uomo che alto , bello , con i capelli neri e una faccia molto bella usci da dietro il tavolo e si avvicino alla piccola – vedi figliola io sono tuo zio . Tanti anni fa tua madre mi ha detto che eri incinta e poi non sapeva cosa fosse a te e a lei . Quindi adesso vedo che hai bisogno di aiuto . Be sei nel posto giusto . Ora vai di sopra a questi parassiti ci penso io . Poi io e te facciamo un lungo discorso , dopotutto voglio sapere cosa ti è successo in tutti questi anni .

Eye Candy – BRB

Lindy a qualunque costo vuole scoprire chi ha ucciso Ben e per scoprirlo vuole uscire con i suoi amici , ma loro non vogliono uscire con Lindy e perchè hanno paura di essere uccisi o di morire come è successo con Ben cioè uccisi e con un cellulare ficcato in bocca e li ci sta un messaggio diretto per Lindy . Lindy è un hacker e molto brava e quindi cerca di scoprire ogni dettaglio sulla scomparsa di sua sorella . Adesso sta in un bar e sta li ferma a guardare qualcuno o sta li a pensare a sua sorella scomparsa

Lindy grazie all’ aiuto della polizia può trovare altre vittime dello stesso serial killer e adesso ne ha trovato una

Lindy sa molto bene che ogni volta che prova a uscire con altri ragazzi quelli possono morire ma Lindy non vuole smettere di uscire con i ragazzi solo perchè ha questo serial killer vicino a lei

Lindy anche di sera ci prova con i ragazzi

Dentro questo mondo io e Ada vediamo un uomo che si gira verso Lindy . Non so chi sia o cosa voglia da lei ma la guarda

 

 

 

Eye Candy -K3U

Lindy Sampson è una grande hacker e lo è divenuta per aiutare le persone visto che lei non è riuscita a salvare sua sorella minore da un serial killer . Grazie a queste tecniche cerca di capire chi l’ ha uccisa e per quale motivo l’ ha fatto . Lindy agisce a New York e non da sola ma con i suoi amici Sophia e George ma ce anche il Detective Tommy che tiene molto a Lindy e le dice di non fare nulla ma lei non ce la fa a stare ferma e vedere il Serial Killer scappare ogni volta e uccidere tutte le ragazze che vuole . Lindy ha attirato troppo l’ attenzione su di se e adesso il Serial Killer ha deciso di uccidere lei . Lei ha capito che è lei il suo prossimo obbiettivo grazie alla festa . Ha visto tutto di lei grazie al profilo e grazie a quello che ha scoperto hackerando il suo pc . Grazie a tutto questo ha capito che Lindy Sampson è la sua prossima vittima .

Ecco Lindy con Sophia e con George e stanno parlando dei ragazzi che ci sono dentro al locale

 

ioinviaggiodue

ci guadagno il colore del grano...

Mile Sweet Diary

diario semiserio di una aspirante pasticcera

Illustra.

magazine

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Wikinerd

NERD e dintorni ;)

ioinviaggio

Piego e ripiego la mappa del tuo Infinito in un origami d’amore

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

VOLO SOLO PER TE

Io e la mia vita...sul mio blog troverai parole che in questi angoli di paradiso potranno rasserenarti e regalarti se vorrai un momento di dolcezza..E se vorrai lasciarmi un commento sara' gradito da parte mia

Piccole Storie d'Amore

Vivo i giorni nella solitudine

NON SOLO MODA

La moda, uno strumento per essere positiva, negativa , simpatica, antipatica...semplicente TU

la musica è un luogo

Ogni pensiero risuona come una canzone.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: