Categorie
Aurora Holmes Foto Galaxandra Evans Marion Stride Universing Universo

Galaxandra Evans trasforma Aurora in una signorina

beyondtwosouls4

Aurora aveva solo bisogno di una persona che le dava una mano a tornare quello che era cioè una dolce ragazzina che poteva dolce e carina con tutti e cosi non essere più una ragazzina che andava per le strade e rubava un sacco di cose . Marion la porto di sopra e vide un bagno ed entro con lei . Una volta entrata la aiuto a togliersi tutto e poi la mise sotto la doccia . Aurora era sotto la doccia nuda e vide che l’acqua stava facendo uscire il suo vero aspetto . Il vero aspetto di Aurora era bloccato dal nero che aveva da tre mesi e adesso grazie a Marion lei poteva vedere di nuovo il suo nuovo aspetto . Una volta che l’ acqua aveva tolto tutto il nero sul suo corpo – Marion puoi venire adesso sono adesso posso vedere il mio vero aspetto . Marion entro e inizio ad asciugare Aurora con calma e poi le fece rimettere a posto il vestito azzurro che si era tolto . Aurora non capiva perchè si era dovuta fare la doccia – perchè mi sono dovuta fare la doccia ? . Marion era li dentro al bagno con lei – te la sei dovuta fare seno nessuno si avvicina a te . Tu vuoi incontrare persone e che loro parlano con te allora ti devi fare la doccia . Aurora sbuffo come tipo per dire che palle ma non lo disse ma lo penso – adesso che facciamo Marion ? . Marion ci stava pensando – adesso cerchiamo un posto dove vivere per un pò . Cosi possiamo dare inizio alle nostre nuove vite e tu farai quello che ti dico io visto che sono più grande di te . Aurora vedeva che questo non era giusto – quindi se devo fare qualcosa la devo chiedere a te ? . Marion fece la faccia seria – si ma solo per un pò . Adesso noi siamo come due sorelle che si vogliono bene . Io ho perso il mio popolo e tutti i miei amici e non voglio perdere pure te . Quindi per favore fa come ti chiedo e quando lo chiedo e se non devi vuoi fare qualcosa la prendo in considerazione . Aurora abbraccio Marion visto che adesso aveva trovata non solo una amica ma anche una sorella maggiore .

 

Categorie
Aurora Foto Galaxandra Evans Marion Stride Universing Universo

Galaxandra Evans parla con Aurora

Fantasy warrior woman Wallpaper__yvt2

Galaxandra era li e inizio a cercare nella cucina e non ci trovo niente o tutto era scaduto da 11 anni . Poi inizio a cercare nelle varie stanze e non ci trovo niente di utile . Aurora aveva aspettato il momento giusto per scappare . Galaxandra era li con i sensi attenti e senti i piccoli passi di una ragazzina andare verso l’ ingresso . Galaxandra arrivo davanti all’ ingresso e blocco la porta – Salve ragazzina . Mi puoi dire perchè stai qui dentro ? . Aurora era li ferma e con uno sguardo da furba ragazzina – ti potrei chiedere la stessa cosa oppure ti posso chiedere perchè hai cambiato aspetto dentro questa casa . Galaxandra aveva trovato pane per i suoi denti e prima di dire qualcosa si invento un nome – io sono Marion Stride e tu chi sei ? . Aurora diede la mano a Marion – io sono Aurora e sono qui dentro perchè mi andava . Angelo era li vicino a questa casa – Aurora appena ti prendo ti faccio pagare tutte le mele che hai rubato . Marion aveva sentito e vide che la bugia di Aurora era caduta – quanto gli devi a quell’ uomo ? . Aurora non aveva soldi – io non ho soldi e quindi non gli posso pagare le mele . Marion usci dalla casa e andò vicino ad Angelo – mi puoi dire quanto Aurora ti deve dare ? . Angelo aveva contato 7 mele mancanti e tutto erano a uno skulls . Marion era molto ricca e diede 7 skulls ad Angelo . Aurora usci dalla casa e andò verso Angelo – scusami se ho rubato le mele ma non avevo soldi . Scusami . Angelo non fece niente ad Aurora . Marion torno in casa con Aurora – che ne dici se adesso io ti aiuto a tornare a essere una bella ragazza e sopratutto ti aiuto ad avere un lavoro . Aurora era molto felice di aver trovato una amica e una persona che le avrebbe fatto ottenere un nuovo futuro dove per lei tutto era possibile . Aurora non vedeva l’ ora di iniziare e disse – da cosa cominciamo ? . Marion la vide e capì subito cosa fare – la prima cosa che ti fai è una bella doccia calda e non voglio sentire un no . Poi ti trasformo in una dolce signorina .

 

Categorie
Aurora Galaxandra Evans Marion Stride Universing Universo

Aurora vede Galaxandra cambiare aspetto

Galaxandra aveva tanto corse che non controllo il posto e una ragazzina di 11 anni di nome Aurora era li nascosta dietro a una porta . Galaxandra non era uscita subito da li visto che voleva vedere se c’ era qualcosa . Aurora era venuta li per stare da sola . Quando voleva stare per i fatti suoi stava li da sola . Aveva sentito venire qualcuno li e decise di nascondersi dietro una porta e rimase li ferma per vedere cosa faceva questa donna . Aurora che era li ferma vicino alla porta vide con i suoi bellissimi occhi neri che la donna aveva cambiato aspetto . Aurora non fece nessun rumore visto che non sapeva che se quella donna era li per ucciderla oppure per riportarla indietro e pagare il furto che aveva fatto . Aurora non aveva soldi e voleva solo una mela e decise di rubarla . Una volta presa il proprietario Angelo che era li e vide Aurora andare via con la mente . Angelo la inizio a rincorrere e Aurora che era più veloce di lui si nascoste qui . Si era messa la mela in tasca ed era bella fresca e molto buona da mangiare . Aurora era rimasta li a vedere la scena e poi appena se ne andava sarebbe uscita da quel posto per cercare un posto dove dormire e bere qualcosa di fresco . Galaxandra anche se aveva un nuovo corpo era attenta a tutto quello che era in quel posto visto che era in un posto pieno di pericoli e alcuni potevano essere dietro a un angolo .

Categorie
Foto Galaxandra Evans Impera One Marion Stride Universing Universo

Galaxandra Evans cambio aspetto

Fantasy warrior woman Wallpaper__yvt2

Galaxandra Evans era li nell’ Universing fuori dal portale che l’ aveva portata li e dopo pochi minuti si era chiuso . Prima di chiudersi Galaxandra vide con i suoi occhi che il suo amato pianeta era divenuto un pianeta dove li non ci viveva nessuno . Adesso era desolato e nessuno che ci abitava . Galaxandra sapeva che prima o poi avrebbero annunciato a tutti che lei era morta e non viva . Galaxandra doveva cambiare forma oppure i Succhia Anime avrebbero capito che la Regina Galaxandra Evans era viva e vegeta e sarebbero arrivati li nell’ Universing e l’ avrebbero cercata dovunque . Galaxandra si mise a cercare un posto dove restare sola per un pò . Dopo lungo cercare vide una casa dove non ci abitava nessuno e provò ad entrarci . Galaxandra vide che la porta era chiusa a chiave e lei la scassino con le sue manieri . Uso il potere di attraversare le pareti e mise la sua mano destra nella porta e la sblocco dall’interno  e riusci ad entrare e una volta li  cambio aspetto e poi appena sarebbe stata considerata morta dai Succhia Anime poteva riprendere il suo vero aspetto . Dentro la casa non ci abitava nessuno da 7 anni visto che li erano stati uccisi tutti . Galaxandra adesso con questo nuovo aspetto poteva avere una nuova vita e cosi non essere più inseguita da i Succhia Anime .

 

Categorie
Abigal Walker Emily Walker Erica Ardenzi Fenice Fenix Jacob Walker

Abigal Walker impara a Erica a scassinare una serratura

 

Abigal Walker ha avuto una vita molto difficile visto che i suoi genitori la maggior parte del tempo erano drogati o pieni di alcol . Alcune volte quando Abigal provava a renderli migliori di tutto questo la segregavano in camera sua . Abigal all’ inizio si limitava solo a sbuffare e a essere arrabbiata con Emily e con Jacob . Ma con il tempo Abigal imparo a usare quei momenti come un modo per imparare a scassinare porte e serrature . Se riusciva a fare questo poteva andare nelle altre case e cosi rubare qualcosa che era dentro quelle case . Anche se Abigal lo sapeva che non era giusto rubare , però quando si ha due genitori che bevono e fumano per ottenere quello che vuoi devi pur fare qualcosa per ottenere qualcosa . Abigal sapeva che Erica non aveva nulla apparte quella nuova maglietta rossa con le stelle nere e gialle . Abigal vedeva che adesso Erica era una bellissima ragazza e lei ci andava bene in questo suo nuovo ruolo. Abigal era li dentro la stanza di una ragazza che oramai era abbandonata da molto tempo e non sarebbe più tornata . Erica si mise sulla sedia e inizio a vedere Abigal negli occhi – ora che mi insegni . Voglio proprio imparare qualcosa che mi aiuti a ottenere qualcosa . Abigal sapeva cosa si stava riferendo Erica – adesso ti insegno a scassinare una porta . Cosi se hai bisogno di un cambio di abito puoi entrare in una casa e prendere qualcosa di bello . Lo so che è rubare ma tu hai bisogno di tutto e quindi per persone come te che non hanno niente , rubare potrebbe essere una cosa utile per vivere . Ma lo devi decidere tu se lo vuoi fare oppure no . Erica adesso aveva la possibilità di scegliere se rubare oppure no . Anche se sapeva che rubare era sbagliato alcune volte per restare vivi e vegeti lo bisogna fare – lo voglio fare imparami a scassinare una porta. Erica e Abigal erano insieme e andarono davanti alla porta della camera della ragazza . Abigal chiuse la porta a chiave e inizio a fare lei . Abigal fece prima lui visto che Erica non sapeva neanche da dove cominciare . Abigal con il tempo si era creata un kit da scasso senza farlo sapere alla sua famiglia . Non voleva che loro scoprissero che entrava nella casa degli altri per prendere la loro roba e non gliela ridava più . Se si arrabbiavano per aver provato a fare una brutta fine con l’ alcol e con la droga , non mi sarei immaginato come si sarebbero arrabbiati quando avrebbero scoperto che Abigal rubava . Questa storia per Abigal poteva finire molto male e anche per Erica . Prima di iniziare Abigal decide di dire alcune cose ad Erica – allora prima di iniziare ti voglio stare attenta a non farti scoprire oppure vai in galera . Se ti scoprono puoi finire in galera oppure se va male ti possono uccidere . Quindi devi essere veloce e molto agile , ma con un corpo snello come il tuo sarai veloce e molto agile . Adesso sei con me e io ti aiuto per come posso . Erica prima era agitata ma poi si calmo . Abigal inizio a prendere il suo kit da scacco e inizio a scassinare con calma la porta . Ci mise poco visto che lei lo faceva da molto tempo e aveva imparato per restare viva e vegeta e cosi vivere la sua vita fuori da quella stanza oppure ci sarebbe rimasta per davvero molto tempo . Erica aveva visto ogni mossa di Abigal e l’ aveva memorizzata . Abigal chiuse la porta che aveva aperta a chiave e fece provare Erica . Erica ci mise davvero molto poco visto che fu veloce come non mai . Abigal non era mai stata cosi veloce e voleva delle spiegazioni da Erica – vedi non ti ho detto tutto sulla mia specie . Abigal era li vicino alla porta – cosa mi nascondi sorellina ? . Erica sapeva che non doveva avere segreti con la sua sorella maggiore – vedi i miei occhi . Adesso sono di un colore diverso . Sono rossi e sono cosi perché io ho una abilita oculare chiamata l’ Occhio della Fenice . Grazie a questa abilità posso memorizzare ogni movimento e posso riprodurlo . Abigal decise di dare un piccolo suggerimento a Erica – senti e meglio se impari a fare queste cose anche senza i tuoi poteri .Metti caso che un giorno questa tua abilità oculare ti viene rubata , non sai come scassinare una porta e se devi fare un furto oppure entrare in casa tua mentre c’ e un furto . Come entri se non lo sai fare . Erica sapeva che Abigal aveva ragione e decise di provare a fare senza questa abilità oculare .

 

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Elena Foto Galleria Galleria Foto

Bitten – Ready

I Mutt sono dei Licantropi molto diversi dai Lupi Mannari che si riuniscono . Sono molto diversi dai Lupi Mannari visto che se loro hanno deciso di attaccare lo fanno e basta e lo fanno quando le loro prede sono da sole . In una casa abbandonata uno dei Mutt attacca Elena con un bastone ma li dentro ci vede che Elena non è brava solo come lupo mannaro ma anche con il bastone visto che le sta dando di santa ragione al suo nemico . Elena per sconfiggere il suo nemico deve mettere tutta se stessa visto che il nemico e molto ben robusto e pronto a ucciderla a tutti i costi . La lotta inizia in una casa ma con una granata flash per attirare la loro attenzione . A un certo punto dello scontro con il nemico lui si trasforma in licantropo e pure Elena lo deve fare per avere una minima possibilità di battere il suo nemico che le vuole strappare il cuore . Elena deve sconfiggerlo in fretta se non vuole stare li mentre si svolge il duello finale dove capiremo chi vive o chi muore li dentro . Questo è lo scontro finale e non sappiamo chi vive o chi muore in entrambi i clan e solo vedendo questo arduo scontro potete capire chi vive e chi muore .

 

Categorie
Alice Alice Miller Katrine Chandler Kora Universing Universo Zombi

Katrine Chandler riprende il suo vero aspetto

 

Katrine non vedeva l’ ora che poteva riprendere il suo vero aspetto visto che si era scocciata di avere quel aspetto da ragazzina che aveva preso per sbaglio . Secondo i suoi calcoli tra tre ore doveva riprendere il suo vero aspetto visto che prima di abbandonare il libro dentro un suo rifugio dentro l’ Universing . Katrine dentro l’ Universing c’ era da alcune settimane e per ripararsi dalla pioggia e delle enormi quantità di zombie che c’ erano li per le strade aveva trovato un posto abbandonato . Il posto che Katrine aveva trovato era una casa che in precedenza era abitata da una famiglia di cinque persone e adesso erano divenute zombie . Non appena entro vide sangue a terra e un orecchio per terra . Katrine aveva visto di peggio nei posti che aveva visitato visto che le persone pensavano che tagliarsi un braccio o un orecchio e l’ infezione non entrava in circolo . L’ uomo era stato attaccato per primo quando era andato da solo senza alcuna arma a uccidere quello zombie . Lui non sapeva che era un vero zombie ma una persona che aveva bevuto troppo e pensava di buttarla fuori di casa con un calcio ben assestato per proteggere la sua famiglia . John aveva una bellissima moglie e avevano tre figlie tutte quanti maggiorenne e tutte quante per non essere uccise si erano rintanate dentro le loro stanza bloccandole con tutto quello che avevano li dentro . Ma niente fermo l’ avanzata degli zombie , volevano sangue e nuovi membri per far diventare umani degli zombie e ci erano riusciti . Katrine vide il corpo del padre in cucina e visto che sapeva che prima o poi si sarebbe rialzato prese la sua arma che era una trivella e distrusse il cervello del padre . Il sangue inizio a colare non solo per terra ma anche dalla sua arma e poi andò nella camera da letto dove dormivano questa coppia e li c’ era il corpo senza vita della moglie . Katrine sapeva che pure lei si sarebbe alzata da un momento o l’ altro e l’ avrebbe cercato di mangiarla per farle diventare una di loro . Katrine stava vedendo se li c’ era qualcosa che si poteva portare per se visto che non sapeva quando si sarebbe dovuta fermare per bere un po’ d’ acqua oppure farsi un bagno caldo . Ma niente , non trovo niente apparte le tre sorelle zombie che erano dietro di se e prese subito la sua arma e con un colpo le fece cadere a terra e poi le colpi tutte tre al cervello . La madre si rialzo dal letto e inizio a fare i tipici rumori degli zombie e poi andò verso Katrine che stava per dare un ultimo colpo al cervello delle sue figlie . Mentre lo stava per dare Katrine vide il riflesso della persona dietro di se e si giro subito con l’arma in mano per colpirla dentro allo stomaco . Alla fine colpi il cervello dell’ ultima delle sue figlie che era viva anche se possiamo dire che quella non era vita visto che non sai nemmeno quello che fai . Katrine la uccise e poi senza alcun problema di zombie ispeziono la casa e poi si fece una bella doccia calda visto che aveva un po’ il viso coperto di sangue e pure i suoi vestiti . Accanto alla doccia aveva la sua lancia versione trivella visto che aveva visto Zombieland e sapeva che uno delle varie regole quando ti fai la doccia o quando vai in bagno e ti puoi togliere tutto ma non le tue armi .Alla fine dopo tre ore Katrine davanti ad Alice riprese il suo aspetto originale – finalmente posso vedere come e la vera Katrine Chandler l’ Ammazza Zombie .

 

Categorie
Chicago Clara Saintcall Deadseck Dominatrice di Poteri New York

I Deadseck guardano il contenuto della pen drive

Clara mentre era nella zona notte cioè vicino a una della stanza da letto di una bambina che una volta abitava li ma adesso no visto che avevano deciso di andarsene da li visto che secondo il padre era non era più un posto sicuro e quindi decisero di trasferirsi a New York .Proprio li vicino a quella stanza Clara teneva bloccato l’Informatico con la sua Desert Eagle puntata a uno dei punti deboli che lui aveva sul collo . L’ Informatore aveva ottenuto dal suo obbiettivo una pen drive e passo dopo passo si chiedeva ma cosa c’ era dentro questa pen drive visto che potevano essere delle cose molto importanti e decise di andare dai suoi capi visto che voleva vederne il contenuto li con loro . Una volta arrivato al bar The Blind Eyes entro nel modo sicuro in cui entravano gli altri e tutti stavano aspettando che L’ Informatore facesse vedere quello che aveva trovato sul conto di questa Clara . L’ Informatore aveva la pen drive data dal suo obbiettivo e decise di mentire e dire che quelle informazioni le aveva prese lui e disse – Allora ho trovato molte informazioni sul nostro obbiettivo e sono tutte dentro questa pen drive . Mise la pen drive dentro al suo portatile che collego al suo grande proiettore e poi si lancio un video che era Clara a parlare – Voi vi starete chiedendo chi sono ? . Ma la domanda che dovete farsi e cosa so fare io e adesso ve ne do una dimostrazione . Una volta detto quelle parole parti un video che era sulla Siria e faceva vedere Clara che era dentro una casa e aveva ucciso delle bambine . Clara aveva fatto tutto il possibile per ottenere una prima missione nella loro organizzazione e aveva capito che se non faceva qualcosa lei non sarebbe successo niente . Dentro quel video molto lungo avevano visto che Clara aveva fatto del male a molte persone ma la domanda che si facevano le persone dentro quella stanza quello che stiamo vedendo e tutto quanto vero oppure e solo un video fatto per farci cascare nella sua trappola . L’ Informatore anche se era calmo vedeva che i suoi capi non erano convinti di quello che vedevano e alla fine decise di prendere parole e diede una idea a tutti quanti – Voi volete una prova per vedere se veramente può uccidere oppure no . Allora faccio un finto scambio di traffico umano e che tutte quante le persone sono nostri alleati e vediamo se Clara non fa niente contro questa cosa nel senso che se non ci aiuta a proteggere i nostri alleati allora la portiamo in un vicolo con una scusa e la uccidiamo ma invece se ci aiuta nel nostro piano fino alla fine noi ci possiamo fidare di lei . Tutti quanti erano d’accordo con il piano dell’ Informatore visto che quello che aveva tirato fuori dalla sua testolina bacata era un piano davvero molto geniale e che non poteva fallire . L’ Informatore poteva essere anche una persona senza nessuna paura ma se non riusciva a fare una semplice missione di osservazione gli sparavano dritto in testa e senza dargli il tempo di avere un altra chance visto che secondo loro i traditori o chi non riesce a combinare niente nella loro organizzazione deve fare sola una fine cioè la morte . Quella idea che gli era venuta in mente era stata una idea che lo aveva salvato per poco ma se non ne aveva altre poteva essere un grande rischio per lui visto che trovare un altro informatico era come trovare un euro per terra e poi dentro la rete ci sono un sacco di hacker più in gamba li dentro per esempio se moriva lui e se mia sorella come hacker era cosi in gamba poteva essere lei il nuovo hacker dei Deadseck . Se succedeva mia sorella Clara poteva essere un passo molto in avanti visto che con i loro dati in mano li avrebbe avuto nelle sue mani e distruggerli . 

Categorie
Beatrice Daniel Saintcall Fantasmi Mondo Osservatore Osservatori Racconto Sarah la Fenice Rossa Sarah Saintcall Settembre Torturatori Universing

Ragazzina Bruciata Viva parte 2

Mi sono sempre chiesto ma i fantasmi hanno paura o no , hanno paura di morire oppure no . Il giorno in cui cercavo di scoprire qualcosa sul passato della piccola Beatrice scopri di che cosa hanno paura i fantasmi . Non hanno paura di noi perché li possiamo vedere , ma hanno paura di alcune persone che sono dei sadici e cercando di uccidere tutti i fantasmi a loro non importava se erano buoni o cattivi a loro bastava toglierli dalla nostra realtà . Secondo loro tutti i fantasmi sono cattivi e spregevoli e vogliono distruggere tutto , ma Beatrice non aveva colpe e non aveva fatto niente . Lei era una vittima ma se i Torturatori l’ avrebbero visto , non importava quanto Beatrice implorava pietà loro non né avrebbero mostrata , quando ogni giorno vado o nel mondo o nell’ Universing io e gli agenti della Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi riceviamo sempre casi di fantasmi pestati a sangue , incatenati e torturati con cose che ai fantasmi fanno un casino di male . Loro utilizzano cinghie di ferro , sbarre di ferro o spranghe di ferro e sopratutto per far capire che tutti loro erano dei mostri le strappavano i capelli con molta forza e anche se piangevano loro continuavano . Le grida dei fantasmi sopratutto quelli più deboli gli dava forza e sopratutto era come uno stimolo per dire continua . Cioè in poche parole erano dei mostri senza nessuna pietà , lo dovevo evitare e dovevo impedire che queste succeda a Beatrice . Già era difficile per lei riottenere i suoi ricordi e sopratutto andare avanti , se le fosse successo tutti i progressi fatti o quelli che vorremo fare nel futuro non ci saremo più riusciti . Ritoccai a terra per avere più dettagli dell’ incidente per capire la dinamica e sopratutto per capire da dove è entrato e cosa ha fatto dopo che ha fatto questo orrendo crimine . Beatrice ti ricordi qualcosa dell’ incidente ? – le chiesi in modo gentile .

– No , purtroppo . Non mi ricordo niente . Beatrice non si ricordava niente , sapevo di un metodo che ho imparato da Sarah la Fenice . Un modo per recuperare i ricordi perduti nel tempo e che sono dentro la tua testa . Io dissi a lei – forse so un modo per farti ricordare qualcosa , ma potrebbe anche non funzionare .

Ci voglio provare , anche se quello che mi è successo e una cosa terribile e disumana , io la voglio ricordare perché fa parte di me . Beatrice anche se aveva solo 8 anni mostrava una maturità che tutti quanti ottengono quando hanno 18 anni invece lui c’ e l’ aveva adesso e devo dire . Io misi per terra e incrociai le gambe e Beatrice fece lo stesso e poi misi accanto a lei e dissi – sgombra la mente da tutti i tuoi pensieri fa finta che sei vuota e adesso chiudi gli occhi e pensa al passato . Non subito riottene i ricordi , perché la sua mente era come un computer con file cancellati ma nulla si cancella per sempre . Lei aveva paura e poi le dissi nell’ orecchio – smetti combattere , arrendi ai tuoi ricordi solo cosi potrai riottenerli . Beatrice fece come le avevo detto io e le era nella sua mente e lascio penetrare i ricordi perduti dentro di lei , tutti i ricordi erano tornati anche quelli più dolori e poi mi guardò aprendo gli occhi e facendo scendere una lacrima che portava due sentimenti dentro cioè gioia e dolore e poi disse – Adesso ricordo tutto . Proprio in quel momento arrivavano i Torturatori ed erano dietro di me e io sfoderai la mia spada e si incrocio con un ‘ascia ben affilata . Loro poteva solo vedere i fantasmi , non potevano entrare dentro l’ Universing e questo era un bene per noi . Io decisi di sconfiggerli e prima presi una bella rincorsa e spezzai l’ ascia del tipo e poi si misero tutti attorno a me e Beatrice era accanto a me ed era molto impaurita . Mi mossi a una grande velocità e diedi dei colpi molto forti ai collo di tutti i miei nemici per farli svenire , non li potevo catturare o chiamare la Polizia per catturare dei sospetti . Per il sistema loro non esistevano , come me erano senza impronte e sopratutto nessuno sapeva della loro esistenza , perché quando loro lasciavano il corpo di fantasma torturato a sangue loro non potevano dire chi erano perché loro indossavano delle maschere come quelle che utilizzano i Ghosts e anche se li avrebbero descritti la Polizia non avrebbe potuto fare niente e sopratutto anche se io li mettevo in carcere loro sarebbero usciti in cinque minuti da li , che sarebbe stato in modo legale o non legale loro se ne sarebbe andati li . Cioè l’ unico modo per sconfiggerli era ucciderli , ma avevo con me Beatrice e non volevo che mi vedesse contro un mostro invece di una persona che l’ aiutata . Prima di andarcene nell’ Universing li incatenai almeno avevo molto tempo prima che si liberassero . Presi Beatrice e insieme a lei entrammo dentro l’ Universing , li nell’ Universing i fantasmi sono diversi dal mondo normale cioè fino a quando stanno li è come avessero una forma corporea e possono mangiare , bere e possono fare molto altro . Presi Beatrice e la porta in un bar e io presi un hotdog e poi la signora si rivolse a lei – tesoro vuoi pure un hotdog . Beatrice era stupita e disse – lei mi vede .

Si ti vedo . Lo vuoi un hotdog ? .

Si che lo voglio . La signora lo mise nella mano di Beatrice e poi lei disse con molta educazione – grazie . Alla fine mi stupi pure io che lei essendo un fantasma poteva mangiare l’ hotdog e poi dietro di me apparve Settembre e disse – Salve Daniel e Salve Beatrice . Alla fine glielo chiesi e dissi – mi puoi dire come mai qui i fantasmi si vedono e riescono a fare cose che sulla Terra non riescono a fare . Settembre mi disse – ti posso dire che solo che da quando nato è l’ Universing e sempre stato cosi e cosi sarà . Beatrice si diresse verso Settembre e disse – quindi qui io è come fossi viva .

Esatto Beatrice – si mise allo stesso livello di Beatrice e poi le disse – Goditi la tua nuova vita ragazzina . Per il momento eravamo al sicuro , ma prima o poi loro avrebbero cercato Beatrice e le avrebbero fatto del loro peggio .

 

Fine Parte Seconda 

Categorie
Ada Knight Beatrice Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Fantasmi Polizia Internazionale

Ragazzina Bruciata Viva parte 1

Ero andato nel Quartier Generale della Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi e sulla mia scrivania trovai un fascicolo di una ragazzina che era stata bruciata viva . Sfoglai il fascicolo e decisi accettare il caso , sono d’ accordo a un pò di violenta ma sui bambini non si fa del male , chi lo per me è feccia , non un uomo è solo un mostro . Andai li dove avevano trovato il corpo della ragazzina , cioè sulla quinta strada ma sopratutto in una casa abbandonata . La casa era stata abbandonata nel 1898 e da li nessuno più ci ha vissuto , ma poi la mia radio quasi esplodeva di segnalazioni . Ma non si avvistamenti di una persona viva e vegata ma di un fantasma e cosi mi diressi li , il fantasma era quella della ragazzina morta ma nessuno poteva dire con certezza chi era , nemmeno io ma per un motivo perchè se io l’ avessi toccata la sua mano sarebbe divenuta polvere perchè era talmente carbonizzata che se uno la toccava il corpo nè poteva perdere un pezzo . Grazie ai poteri di Ada Knight la miserò sulla barella tramite il potere della telecinesi e cosi il medico legale la poteva mettere li . Io ero andato con la mia macchina , presi tutto quello che mi poteva servire cioè la mia spada e le mie pistole e mi diressi dentro . La ragazzina era morta nel centro della casa e quandai andai li , io vidi il suo spretto e lei disse – Ciao . La ragazzina stava giocorellando con il piede e poi si avvicino a me e le dissi – Tu sei la ragazina che è stata bruciata qui ? . La ragazzina però non si ricordava come era morta e disse – io non mi ricordo come sono morta e cose è successo qui dentro . Io capì che la ragazzina prima di essere uccisa le era successo qualcosa di brutto , qualcosa che non voleva ricorda e cosi anche essendo un fantasma lei non voleva ricordare . Io segnai sul mio diario quello che avevo capito li e poi dissi a lei – ti aiuto a ricordare quello che è successo . La ragazzina smise di giocare con il suo piede , lei aveva 8 anni e indossava un vestito bianco e un cerchietto bianco in testa e le sue scarpette erano bianche . Era vestita cosi perchè doveva andare a una comunione , ma li non ci arrivò mai e il suo nome era Beatrice ed era molto carina nonostante l’ età . Per capire quello che le era successo tocca il punto preciso dove era stata bruciata e vidi quello che le era successo . Lei non vide mai in faccia il suo aggrssore perchè portava una maschera , quello che le era successo è stato orribile e disumano . Dico cosi perchè quello l’ uomo era un mostro , prima le fece togliere i vestiti e poi la violento e poi la brucio con i suoi poteri . Non aveva mostrato nessuna pietà , nessuna anche se era piccola lui l’ ha uccisa e non ha mostrato rimorso . Una volta che aveva fatto togliere i vestiti a Beatrice prese un bidone della spazzatura , prese i suoi vestiti e li butto li dentro e poi brucio i suoi vestiti e cosi lei era li nuda e indifesa . Una volta visto decisi di non raccontarlo al suo fantasma , ma lei mi vide e disse – se è successo qualcosa ti brutto a me , lo voglio sapere . Alla fine decisi di dirlo e dissi – Senti tu sei stava violentata e poi l’uomo che ti ha rapito ti ha bruciato i vestiti e poi ti ha ucciso senza mostrare nessuna pietà . Beatrice mi chiese – come mai non ne lo ricordo ? , io la guardai nei suoi bellissimi occhi blu – non te lo ricordo perchè quando tu hai subbito questo bruttisimo trauma , il cervello ha erroto questa difesa e ti ha fatto dimenticare cosa ti è successo . Io inizai a guardare Beatrice e sulla sua mano c’ era un tatuaggio con scritto Beatrice e cosi dissi a lei – Beatrice e lei si girò verso e disse – si che c’ e . Beatrice mi guardò e disse – come mai ho reagito quando mi hai chiamato Beatrice ? . Perchè Beatrice e il tuo nome e adesso siamo già a una cosa importante . La ragazzina mi guardò e disse – Grazie a te ho riscoperto il mio nome , adesso però mi aiuti a scoprire anche il resto . Certo ti aiuto – le misi una mano sulla spalla e capì che io ero diverso da chi poteva parlare e vedere i fantasmi , io li potevo anche toccare e fare cose che gli altri non riuscivano a fare . Visto che avevo scoperto questa cosa io provai ad abbracciare Beatrice , non sapevo se ci sarei riuscito oppure no ma ci dovevo provare e alla fine ci riusci e Beatrice disse – io sono un fantasma , tu come mai mi puoi toccare e abbracciare . Lo vorrei sapere anche io Beatrice – le dissi , non lo sapevo nemmeno io . Ero sorpreso proprio quanto Beatrice , pure io pensavo che io non potevo fare niente con loro . Io invece capì era grazie ai miei poteri io li potevo toccare e sopratutto io potevo fare cose che gli altri non potevano fare .

Fine Parte 1