Mass Effect 4 non avrà alcun punto di contatto con la saga di Shepard

Mac Walters, lead writer di Mass Effect 4, ha dichiarato a Complex che la storia del gioco non avrà assolutamente alcun punto di contatto con quella di Shepard.

“Non posso scendere in dettagli, ma l’idea è di raccontare una storia che non sia relazionata in alcun modo a nessuno degli eventi legati a Shepard”, ha detto Walters.

“Ci abbiamo messo un po’ a deciderlo. L’elemento chiave è che dovrà essere Mass Effect, non dare la sensazione di essere uno spin-off”.

Riguardo invece il discusso finale della trilogia, questa la dichiarazione di Walters: “Sono passati 18-19 mesi da allora e penso che abbiamo sistemato come meglio potevamo nell’Extended Cut. Ovviamente non cambieremo più nulla, andremo solo avanti”.

 

Mass Effect: le origini della saga nei primi bozzetti preparatori di Matt Rhodes

Dopo aver contribuito a dare forma alle ambientazioni e ai personaggi della saga di Mass Effect, il direttore artistico Matt Rhodes ha deciso di pubblicare sulle pagine del suo blog i bozzetti preparatori e gli artwork realizzati di suo pugno nei caldi mesi che lo hanno visto collaborare a stretto contatto con il team creativo di BioWare per occuparsi assieme a loro del primo, glorioso capitolo dell’epopea sci-fi del comandante Shepard.

Alcuni bozzetti testimoniano il grande lavoro di cesellatura digitale compiuto dai designer per perfezionare i modelli dei protagonisti del cast dei tre capitoli della saga, altri invece s’allontanano volutamente dalla visione artistica predominante per esplorare soluzioni più ardite e rifocillare di idee gli autori della trama della campagna in singolo e il team di sviluppo spesosi per garantire la miglior esperienza narrativa e videoludica possibile agli utenti che, a partire dal 2007, hanno voluto immergersi nella dimensione di gioco gravitante attorno alla figura del capitano della Normandy.

I lavori mostratici da Matt Rhodes coprono l’intero arco temporale della trilogia e offrono degli interessanti spunti di riflessione sulle forme che avrebbero potuto assumere determinati aspetti del plot narrativo e della componente grafica: scorrendo i bozzetti, infatti, possiamo scoprire la visione originaria degli artisti di BioWare in merito alle fattezze fisionomiche dei Prothean, agli atti finali dell’ultimo capitolo, alla conformazione delle corazze esoscheletriche delle truppe Cerberus e, soprattutto, all’aspetto di Tali, immaginato da Rhodes con gli occhi di un gatto, il volto glabro e la pelle scarlatta (un aspetto decisamente meno “attraente” di quello sognato dalla gran parte degli appassionati).

Prima di lasciarvi in compagnia delle restanti opere d’arte di Matt Rhodes, ricordiamo a chi ci segue che il prossimo capitolo della saga, conosciuto in maniera impropria come Mass Effect 4, è attualmente in fase di sviluppo. Stando alle frammentarie informazioni forniteci al riguardo da BioWare nel corso di questi mesi e alle risorse impiegate da questi ultimi per garantire a Dragon Age Inquisition il più ampio spazio mediatico e commerciale possibile, il primo episodio post-Shepard di Mass Effect dovrebbe vedere la luce dei negozi nel 2015 su PC, PlayStation 4 e Xbox One.

Mass Effect 3: da BioWare, due immagini sulla prossima espansione

Con una mossa a tenaglia degna del migliore “stratega mediatico”, gli alti dirigenti diBioWare Mike Gamble e Casey Hudson si sono serviti dei rispettivi account Twitter per pubblicare in contemporanea due immagini di gioco riconducibili alla prossima espansione diMass Effect 3.

Tolte le “dichiarazioni strappalacrime” rilasciate il mese scorso dal designer Jos Hendriks e dal compositore Sam Hulick, le immagini proposteci quest’oggi dai due pezzi grossi della sussidiaria canadese di EA ci offrono le prime informazioni “ufficiali” sul contenuto aggiuntivo che, con molta probabilità, chiuderà definitivamente la campagna principale di Mass Effect 3 e con essa l’avventura fantascientifica del comandante Shepard.

Nell’immagine in apertura d’articolo riusciamo così ad ammirare l’ingresso del Silver Coast Casino segnalato da un’appariscente insegna olografica e da un gruppetto di visitatori interstellari: pur senza conoscere l’esatta ubicazione del pianeta immortalato in foto da Hudson, le luci violacee della “segnaletica” ci inducono a pensare che questo luogo di perdizione possa essere situato su di una colonia Asari.

Meno enigmatica e più “diretta” è invece l’immagine offertaci da Gamble, con un Krogan poco incline al dialogo e intento a schiacciarci con un gigantesco martello all’ombra dei grattacieli di una città che si staglia in lontananza.

La data d’uscita su PC, PS3, Wii U e X360 dell’ultima espansione di Mass Effect 3 non è stata ancora annunciata, ma vista l’indole romantica dei BioWare possiamo facilmente supporre che, essendo l’atto conclusivo della trilogia del capitano della Normandy, avverrà tra il 6 e il 15 marzo, ossia a un anno esatto dalla commercializzazione del titolo “liscio”.

La versione femminile del Comandante Shepard ci sorprende in questo video-cosplay

Solitamente se parliamo di cosplay è per offrirvi tonnellate e tonnellate di fotografie, ma in alcuni casi anche i video possono essere di estremo interesse, soprattutto se hanno come protagonista Crystal Graziano, cosplayer professionista che abbiamo già apprezzato più volte nei panni di tanti personaggi, come ad esempio Poison di Final Fight o l’ultra-sexySelvaria Bles.

Nel filmato che trovate in apertura la giovane cosplayer californiana interpreta “Fem-Shep”, ovverosia la versione femminile del Comandate Shepard di Mass Effect. Si tratta senza ombra di dubbio di uno dei migliori costumi mai dedicati a questo personaggio.

Ad aiutare la realizzazione del costume è intervenuto addirittura Steve Wang, un professionista veterano nella creazione dei costumi che ha lavorato in numerose produzioni hollywoodiane, e in questo caso ha svolto il ruolo di “consigliere” e supervisore.

Insomma, questa Crystal sembra proprio non deluderci mai! Aspettiamo con curiosità il prossimo costume…

Mass Effect 3 – Operation Gearhead è in corso

Mass Effect 3 Planet Impact

Come da programma, è attualmente in corso il nuovo “N7 Bounty Weekend” per Mass Effect 3, intitolato “Operation Gearhead”.

L’evento è partito ieri sera e andrà avanti fino a domenica sera. L’obiettivo individuale è raggiungere 75.000 punti in qualsiasi classe engineer ed effettuare tre estrazioni nelle varie mappe e a vari livelli di difficoltà. Chi ci riesce entro il fine settimana ottiene il Commendation Pack come riconoscimento.

 

ioinviaggiodue

ci guadagno il colore del grano...

Mile Sweet Diary

diario semiserio di una aspirante pasticcera

Illustra.

magazine

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Wikinerd

NERD e dintorni ;)

ioinviaggio

Piego e ripiego la mappa del tuo Infinito in un origami d’amore

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

VOLO SOLO PER TE

Io e la mia vita...sul mio blog troverai parole che in questi angoli di paradiso potranno rasserenarti e regalarti se vorrai un momento di dolcezza..E se vorrai lasciarmi un commento sara' gradito da parte mia

Piccole Storie d'Amore

Vivo i giorni nella solitudine

NON SOLO MODA

La moda, uno strumento per essere positiva, negativa , simpatica, antipatica...semplicente TU

la musica è un luogo

Ogni pensiero risuona come una canzone.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: