Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto

Hunger Games – Il Canto della Rivolta

Quando devi distruggere un governo devi fare una cosa che non vorresti fare e sarebbe andare contro i tuoi amici o contro le persone che conosci . Durante una tua avventura può succedere di tutto anche che un tuo amico venga preso e venga condizionato e cosi reso un tuo nemico . Se prima era pronto a dare aiuto a Katniss per innalzare il suo canto della rivoluzione adesso non lo può più fare visto che è sotto l’influenza del Presidente . Adesso il Presidente cerca di far passare Katniss per il male e accanto a lui c’ e Peeta che è stato catturato e reso uno schiavo e una persona molto importante per dare sostegno alle parole del Presidente Snow . Adesso lui fa la parte del buono che vuole aiutare tutti e Katniss la persona che vuole distruggere il mondo intero . Adesso lui deve cerca di distruggere tutto quello che cerca Katniss . Il presidente Snow manda un messaggio e li dice che tutti siamo fratelli e ci dobbiamo aiutare a vicenda per catturare Katniss . Ma lui non vuole Katniss viva ma la vuole morte visto che lei non può ritornare a quella di un tempo cioè nel credere in tutto questo .

Categorie
Ada Knight Casa del Detective Daniel Saintcall Mondo Rebecca Russo Valentina Richardson

Adozione di Valentina Richardson

Valentina Richardson inizialmente non voleva proprio andare in altre famiglie , voleva stare dentro la Casa del Detective con me e con Rebecca Russo . Li dentro ci prendevamo cura a vicenda , noi due essendo più grandi stavamo molto attenti alle cose di cui potevamo parlare visto che li dentro c’ era questa giovane bambina , lei doveva ancora conoscere tutti i pericoli che c’erano non solo in Bright Falls ma anche nel tempo , nello spazio e nei mondi . Quindi per il momento la tenevamo all’ oscuro di molte cose brutte che succedevano nel mondo . Anche se lei non voleva essere adottata , lei ci volle provare a fare questa non solo per me ma sopratutto per lei . Tutta la sera precedente non aveva fatto che pensare alla discussione che io e lei avevamo fatto sul suo futuro , lei pensava che tra quelle famiglie adottive poteva esserci quella che l’ avrebbe adotta e inoltre portata sulla strada giusta per rendere il suo futuro radioso e bellissimo . Ci sarebbero stati molti pericoli , ma sono sicuro che Valentina con o senza l’ aiuto degli altri se la sarebbe cavata benissimo , anche quando era con i suoi genitori , loro erano sempre occupati e per questo Valentina si faceva tutto da sola . Per questo i suoi genitori sapevano che lei poteva stare da solo anche tre o quattro ore perché era molto responsabile nonostante la giovane età . Lei per conto suo si era fatta delle regole per sopravvivere anche se stava da solo . Io ero pronto ma dovevo vedere se Valentina era pronta per questo fatto dell’ adozione , non è che io non voglio farla vivere in questa casa , ma lo volevo fare per farle ottenere un futuro . Valentina anche se a malincuore si preparò molto bene , perché volevamo farmi contento e sopratutto voleva fare in modo che anche se non voleva essere adottata lei voleva fare buona figura . Le avevo spiegato più volte che se non voleva stare con una delle famiglie che le presentavano , basta che mi chiamava e io la venivo a prendere da quel luogo e la portava alla prossima famiglia adottiva .

Ok , ho capito se ho bisogno di qualcosa ti chiamo e se non mi piace stare in nessuna delle famiglie adottive che succede ? – Valentina mi aveva fatto una bella domanda e io sapevo già la risposta cioè che poi cercherò di farti affidare a me , ma per farlo avrò bisogno di una persona femminile che mi aiuti in questi compito . Tutte le famiglie che avevano scelto per Valentina erano molto lontano dalla casa del Detective , alcune famiglie erano ricche e altre invece non erano ricche ma erano molto cattivi . Io non potevo sapere quali erano cattivi e quali no , dovevo seguire Valentina e ascoltare da lontano tutte le loro conversazioni e intervenire se lei era in pericolo . Quando arrivavamo al centro di adozioni , io tenevo la mano di Valentina e la scontrai fino al luogo dove io e lei avremmo avuto le varie informazioni sulle loro famiglie adottive e dove abitavano . Eravamo venuti con la mia macchina , avevo parcheggiato al primo posto vuoto che trovai e feci scendere Valentina che era nel sedile accanto al mio e avevo quello sguardo un po’ arrabbiato e un po’ imbronciato . Addirittura quando dovevamo uscire per fare questa cosa molto importante per Valentina , la casa diventò grigio cioè di umore molto arrabbiata e chiuse la porta con la magia , non voleva farci uscire . Valentina nei mesi in cui era stata nella casa del Detective aveva creato uno stretto legame con la casa e con estrema dolcezza che le proveniva dal suo grande cuore – Casa lo so che vuoi proteggermi , ma devo vedere se questa cosa può rendermi felice non solo per me ma anche per il mio futuro e se non sarà cosi io tornerò qui e resterò qui . La casa del Detective alla fine utilizzo la sua magia che aveva utilizzato per non farci uscire , per farci uscire e cosi noi potemmo andare al Centro di Adozioni di Bright Falls che si trova sulla quinta strada vicino a diverse abitazioni . Il Centro di Adozioni di Bright Falls accettava bambini di ogni età ma sopratutto chi era in pericolo e chi non li voleva nessuno al mondo . Una volta entrati io andai a parlare con la persona che gestiva quel luogo , il luogo era gestito da una donna di 25 anni , molto carina e gentile con tutti era un po’ come Biancaneve . Rita Ferrari , lei era davvero molto cordiale con tutti , lo era sopratutto con i bambini e grazie a questa sua dote lei riusciva subito a creare un legame con loro . Il padre che gestiva questo luogo inizialmente lo voleva dare al figlio ma poi quando il figlio si comportava male con i bambini li maltrattava e se il padre di Rita avesse permesso a lui di ottenere questo luogo . Il Centro di Adozioni di Bright Falls sarebbe divenuto una cosa mostruosa e il luogo peggiore dove i bambini andavano .

Strinsi la mano di Rita – Piacere di conoscerla , io sono Daniel Saintcall e questa piccola bambina è Valentina Richardson , lei si è ritrovata improvvisamente nella Casa del Detective , io l’ ho tenuta per un po’ di tempo . L’ ho portata qui perché voglio vedere se può avere un futuro felice in un altro posto e se non sarà cosi vorrei adottarla io . Rita mi strinse la mano – Piacere di conoscerla , io sono Rita Ferrari dirigo questo posto e come dice lei spero anche io che Valentina Richardson possa trovare una famiglia nella quale lei può vivere in modo felice . Rita si avvicina a Valentina e disse in maniera molto carina – che bella signorina abbiamo qui .

Valentina si senti un po’ in imbarazzo e dire in modo molto cordiale – Grazie , io sono Valentina piacere di conoscerla . Poi le disse in faccia – non so se qui riuscirò a trovare una famiglia che mi accetti , ma se non la trovo voglio tornare a vivere con Daniel . Rita anche se dirigeva il luogo , c’ era una cosa che non poteva fare cioè non poteva dire agli altri cosa fare , anche se Valentina era una bambina Rita non poteva dire a lei cosa doveva fare e quindi se Valentina aveva scelto quella cosa , lei doveva rispettare la sua scelta . Rita non sapevo cosa aspettarsi da Valentina , voglio dire che lei poteva fare cose che nemmeno io sapevo . Questo era possibile , lei non mi dice tutto non so perché fa cosi , se lo solo mi dice le cose io potrei fare qualcosa per lei . Essendo questo fatto Rita Ferrari decise di far conoscere a Valentina tre famiglie con super-poteri , tutte loro volevano una figlia da educare e da prendere sotto la loro ala protettiva per poi allenarne se aveva dei super-poteri. Io sapevo solo gli indirizzi di queste persone e dovevo portare Valentina li e basta , ma io volevo stare pronto ad agire e cosi mi misi non molto lontano da agire . La prima famiglia che provò a far stare Valentina in casa loro erano gli Shoemaker , persone che come poteri hanno poteri elettrici . Io portai Valentina li con la mia macchina , una volta che Valentina scese dalla mia macchina – senti lo so che tu vuoi stare con me e non con loro , non è che non ti voglio accanto a me . Il punto è che voglio vedere se anche senza di me o da un ‘ altra parte vuoi avere un futuro .

Ho capito cosa vuoi dire , ma se succede qualcosa di brutto in questi posti grido e tu mi aiuti – me lo disse in modo un preoccupato visto che li non sapevo cosa sarebbe successo . Io me ne andai da li e no misi molto lontano da quel luogo , cioè mi misi non molto lontano cioè in un parcheggio li vicino . Almeno cosi se Valentina era in pericolo io la potevo sentire .

All’ inizio gli Shoemaker erano delle persone felice e contenti , cioè i migliori vicini che ognuno volesse avere ma quello che mi aspettavo era qualcosa di peggio . Russel Shoemaker e Janel Shoemaker erano persone felicissime anche se non avevano una figlia , ma dopo un pensarono di volerla . Ci proveranno a farla ma niente , alla fine decise di adottarne una con dei super-poteri come li avevano loro ma anche senza super-poteri gli andava bene . Per loro doveva essere tutto perfetto e la bambina doveva volere tutti e due come genitori cosi poi potevano fare quello che nessun genitore avrebbe fatto a una bambina . Nessun genitore vorrebbe far del male ai suoi figli o fare quello che avrebbero fatto gli Shoemaker . Una cosa vi dico non mi sarei mai aspettato che l’ Hydra fosse qui a Bright Falls , ma quando lo scopri non ci potevo credere e rimasi senza parole . Gli Shoemaker erano molto bravi a fare quello che facevano , si mettevano vicino alla loro vittima e poi grazie ai loro poteri uniti , facevano alla vittima un condizionamento mentale alla vittima grazie ai loro poteri elettrici , non so come facevano ma loro erano riusciti a trasformare tutte le loro vittime in membri dell’ Hydra operativi e funzionali . Per il momento gli Shoemaker non fecero niente perché volevano vedere se Valentina aveva i super-poteri o no , loro avevano visto che Valentina non aveva fatto vedere a noi e a loro se aveva dei super-poteri ma questo non significava che lei non li avesse . Anche io pensavo questo , come potevo dire che Valentina non li aveva e neanche gli Shoemaker . Gli Shoemaker cercarono di metterla in una casa dove lei si poteva fidare e grazie a questo loro potevano capire , quali poteri aveva lei . Dopo molto tempo accurarono che Valentina aveva i poteri , ma non pochi ma molti e capirono che lei era capacissima di controllarli . Russel e sua moglie Janel Shoemaker capirono che Valentina era un grande bottino per l’ Hydra , se l’ Hydra avesse ottenuto una persona che controllava tutti i poteri sarebbe stata la fine per il mondo . Mentre ero nel parcheggio ebbi una visione in cui il mondo che conoscevo era distrutto e poi vidi questa donna con i capelli neri e con un costume oscuro e su questo costume oscuro c’ era il simbolo dell’ Hydra . Poi la vidi meglio e notai i vari particolari e capì subito all’ istante che quella non era una sconosciuta per me , quella era Valentina Richardson ed era con l’ Hydra . Valentina mentre era li dentro per molto tempo aveva letto il loro pensiero e aveva capito che loro erano dell’ Hydra e aveva capito cosa volevano fargli , cosi alle tre di notte lei si sveglio e mi chiamò in modo telepatico “ Daniel , mi devi aiutare . Sono in pericolo ho letto la mente di queste due persone e vogliono farmi qualcosa per conquistare e distruggere il mondo intero . Quindi vienimi a prendere subito “ . Scesi dalla macchina e andai a prendere Valentina per riportarla a casa e poi domani farla tornare farle entrare nella seconda casa . Bussai alla porta e Russel si sveglio e – Felice di conoscerla , adesso devo portare via Valentina e poi ce andiamo . Lui e sua moglie erano pronti a tutto per non farmi portare via Valentina , per tutto il tempo hanno cercato di avere una persona con le sue capacità . Con lei avrebbero conquistato il mondo intero e cosi Russel mi lancio una onda d’ urto elettrica , io la intercettai all’ ultimo minuto e la scansai e poi la lancia più forte contro di loro e visto che era forte svennero , io poi chiesi alla mia collega Ada Knight di venire a prenderli per arrestarli per molti reati . Valentina mi diede un lungo abbraccio e disse arrabbiata – non voglio andare più in nessuna casa famiglia o in un ‘ altra famiglia , voglio stare con te . Alla fine decisi di fare questo , portai Valentina alla Casa del Detective e poi l’ indomani la portavo con Rebecca Russo al Centro di Adozioni per farla adottarla . Valentina era stanca , molto stanca e cosi la misi a letto e poi andai a bussare alla porta di Rebecca , lei era ancora sveglia e lei chiesi – mi puoi raggiungere in salotto . Spense il computer con il quale si stava prendendo informazioni su alcune cose che voleva vedere in città . Rebecca mi raggiunse in salotto e chiese in modo molto gentile e curioso – Senti , ti vorrei chiedere aiuto per ottenere l’ adozione di Valentina , cosi lei può stare qui per sempre e inoltre può stare con noi due , cioè come una famiglia . Rebecca non ci pensò a lungo per un motivo valido per tutto il tempo in cui Valentina stava con Rebecca loro erano andati d’ accordo subito , erano come due spiriti affini che il destino ha legato insieme . Le uniche parole che io senti dalle labbra di Rebecca furono – si , fui molto felice di fare questa cosa e pure Rebecca era contenta di far restare qui Valentina . Pure io e Valentina andammo subito d’ accordo , certo su alcune cose non andavamo d’ accordo ma su altre invece andavamo molto d’ accordo . Inizialmente non sapevo cosa facevano alle loro vittime , ma poi quando le toccai capì tutto , loro si stringevano le mani e concentravano la loro elettricità nel punto in cui la persona tiene tutti i suoi ricordi . Loro non li tolgono soltanto , fanno di peggio cioè riescono a condizionare mentalmente una persona che la fanno diventare qualunque cosa vogliono loro . Meno male che sono riuscito a sconfiggerli e sono riuscito ad impedire la visione che ho visto nel parcheggio , dentro la mia macchina . Io andai al Commissariato della Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi , dovevo capire loro come facevano quello che facevano cioè come utilizzavano i loro poteri per condizionare le persone ed entrare nella pericolosa organizzazione ormai conosciuta come l’ Hydra . Io sapevo cosa facevano e dissi ad Ada Knight – separarli , non farli entrare in contatto in nessun modo possibile e quando stanno vicino non fargli toccare nessuno o non far entrare nessun nel loro campo di azione .

Perché ? – mi chiese tramite auricolare , l’ auricolare glielo avevo fatto io , perché lei me lo aveva chiesto e io essendo colleghi glielo feci , prima non glielo avrei fatto perché noi prima non eravamo amici , ma nel conoscersi noi diventammo amici e cosi io la aiutavo e lei mi aiutava .

Una volta arrivato alla commissariato , incontrai Ada – ho fatto come hai detto e non li ho fatto entrare in contatto in nessuno modo e non ho fatto entrare nessuno nel loro campo di azione .

Entrai nella prima sala di interrogatori e li c’ era Russel Shoemaker ammanettato con delle manette che bloccavano i suoi poteri , io andai vicino a lei e lo toccai e una volta toccato , entrai nella sua mente vedendo tutti i suoi ricordi . Con calma e con pazienza mi feci strada nei suoi ricordi e trovai quello che mi interessava , cioè la lista delle persone che grazie a lui facevano parte dell’ Hydra . Una volta ottenuta tale cosa da loro , dopo un lungo interrogatorio che era duramente moltissimo tempo . Ma dopo un bel po’ di tempo noi riuscimmo a farli cantare e io insieme a Rebecca Russo e a Valentina potemmo andare insieme al Centro di Adozioni di Bright Falls e parlando con Rita , non solo io ma anche Valentina e disse con la sua dolcezza – io voglio stare con Daniel e con Rebecca , sono rimasto con loro moltissimo tempo e sono un po’ coma la famiglia . Sentendo queste parole dette da Valentina e mentre lo diceva lei aveva uno sguardo felice , non era né forzato e per questo Rita Ferrari decise di accettare la nostra richiesta per ottenere la custodia di Valentina Richardson .

Valentina guardò me e guardò Rebecca e lei disse molto felice – torniamo a casa , dopo tanto tempo Valentina aveva una casa in cui tornare e sopratutto persone felici che la volevano li e sopratutto una casa che non era come le altre , lei era viva e quando non c’ era nessuno lei si prendeva cura di lei , in tutto e per tutto . Vi dico un ‘ altra cosa della Casa del Detective quando la casa si è affezionata a una persona e sta per lasciarla o muore , la casa da colore rosa antico sia fuori che dentro , tutte le pareti diventano nere come la pece questo per far capire il suo stato d’ animo . Che era nero e molto brutto , un po’ come le persone che vanno a un funerale vestite di nero e sono triste e la casa era triste per questo motivo .