Categorie
Cheeleders Jessica Piano Roberta

Roberta si inizia a preparare

deserto5

Roberta era nella sua stanza e si vide che era magnifica e ringrazio Jessica – grazie per le tue creme e i tuoi rossetti . Sono magnifici e mi hanno reso bellissima . Jessica vide le sue labbra bellissime grazie al rossetto rosso che le aveva messo prima . Jessica prese la sua mano e tocco le labbra – sono cosi belle da baciare . Tutti i ragazzi e le ragazze uccidono per baciare quelle labbra e pure io vorrei baciarle . Roberta non aveva detto un altro segreto e non lo voleva far scoprire . Ma in quella occasione si lascio andare – allora fallo baciale . I miei genitori non ci sono fino a sera e io non ho sorelle o fratelli e nemmeno cugini che mi possono giudicare per quello che vogliamo fare . Jessica si avvicino di più e adesso era vicino a Roberta . inizio a baciare le sue labbra e poi Roberta inizio a fare la sua parte . Poi Jessica ci inizio a mettere la lingua e Roberta provava sempre più piacere a farlo . Jessica bacio il collo di Roberta e lei provo ancora più piacere – non fermarti mi piace sempre di più . Ma Jessica si fermo quando le cose si facevano più bollenti e lo fece per sua volontà e perchè aveva deciso una condizione tra loro due  – adesso mi fermo amica mia . Se vuoi che io faccia tutto devi fare tutto il mio piano questa è la mia condizione . Roberta si avvicino – per favore fammi avere solo un altro bacio e poi finiamo . Roberta fece la prima mossa e bacio Jessica sulle labbra e non la lasciava andare . Jessica uso le sue mani e riusci a staccarsi dalla bocca di Roberta – so cosa volevi fare . Ma io ho detto la mia condizione . Noi contiamo dopo e non adesso . Roberta decise di aspettare – allora aspetto ma una volta fatto il tuo piano voglio tutto e se non lo avrò non ti lascio uscire da qui . Jessica sapeva che Roberta non scherzava e cosi prima di andare si mise una mano sul cuore – te lo giuro che lo farò ma solo dopo il nostro piano .

Categorie
Aurora Holmes Foto Galaxandra Evans Gazzetta dell' Universo Marion Stride Universing Universo

Marion Stride dice ad Aurora il suo vero nome

Fantasy warrior woman Wallpaper__yvt2

Marion Stride aveva detto che loro due dovevano avere un rapporto tra due sorelle che si dicono sempre la verità . Ma adesso quella che stava mentendo non era Aurora Holmes ma era Marion e lo faceva per un buon motivo . Marion aveva visto che Aurora era stata molto più coraggiosa di lei e invece Marion diceva ancora una bugia che avrebbe potuto rompere il rapporto tra loro due . Marion decise di prendere tutto il coraggio che aveva nel cuore e sali le scale e andò verso la terza stanza che era divenuta la stanza di Aurora . Marion vide la porta chiusa e busso – Aurora posso entrare ti devo dire una cosa ? . Aurora scese dal letto e apri la porta con calma e fece entrare sua sorella maggiore Marion . Marion si mise sul letto vicino ad Aurora – ti devo chiedere scusa . Ti ho mentito sulla mia identità . Io non sono Marion Stride . Aurora era li e si giro verso Marion – allora chi sei ? . Lo voglio sapere ? . Marion decise di fidarsi di Aurora – te lo dico a una sola condizione ? . Aurora non capiva perchè tutta questa segretezza – quale ? . Marion era li sul letto ancora stesa – non lo devi dire a nessuno . A nessuno se no potrebbe succedere una cosa molto brutta . Aurora si mise la mano sul petto e disse – lo giuro . Marion si alzo e disse ad alta voce – io sono La Regina Galaxandra Evans . Aurora non aveva detto una cosa a Marion e sarebbe che aveva i poteri e uno dei quali era capire le bugie e vide che quella non era una bugia . Aurora non capiva e andò vicino a sua sorella maggiore – ma io ho letto la Gazzetta dell’ Universo e ho letto che tu e il tuo popolo siete tutti morti e invece tu sei viva . Mi puoi spiegare tutto sono confusa e non mi piace . Galaxandra prese tra le sue bracce Aurora – certo appena sarò pronta come lo sei stata tu ti dirò tutto ma per adesso non ti voglio dire niente . Sei troppo piccola e questa è una storia di morte , dolore e sofferenza e tu non sei ancora pronta a sapere tutto questo . Fidati di me appena tua sorella è pronta ti dice tutto . Aurora abbraccio Galaxandra – va be Marion . Mi fido di te e aspetterò fino a quando tu non sei pronta .

 

Categorie
1996 Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Me Parlare con la Rete Racconto Sarah la Fenice Rossa Tecnologie Telefonini

La Rete mi dice che non ci possiamo mai incontrare faccia a faccia

Nel tardo pomeriggio veso le 16:45 del giorno in cui io , Sarah la Fenice Rossa e la Rete avevamo finito l’ auricolare per parlare con lei con tutte le persone con con volevo parlare senza avere il telefonino vicino all’ orecchio ogni volta . Sarah la Fenice Rossa se ne era andata e io dissi a lei – Rete , ma questo è il tuo vero oppure no e lei rispose – no , questo non è il mio vero nome , il mio vero è Rebecca Leone . Non potevo sapere se questo era il suo vero nome oppure se lo era inventato al momento , La Rete disse in maniera molto curiosa – perchè vuoi sapere il mio nome o altre informazioni ? , io le risposi – io di te mi fido , però non voglio scoprire che tu mi utilizzi solo per avere informazioni su di me e poi tradirmi . La Rete mi disse – te lo giuro Daniel , non ti voglio tradire nè ora nè mai , i tuoi genitori erano miei amici e quindi loro mi hanno detto di aiutarti nel tuo addestramento e se hai bisogno di aiuto io ci sono . Poi io dissi a lei – non ci possiamo incontrare faccia a faccia ? e La Rete rispose – mi diospiace no , perchè i miei nemici sanno che io sono morta e tutti devono continuare a pensarlo , se uscissi allo scoperto mi scoprono e io e te saremmo morti . Quindi te lo chiedo come amica non cercarmi e sopratutto non dobbiamo mai incontrarci . Io capì questa faccenda , pure io ho molti nemici e con amarezza dissi a lei – va bene , ma a una condizione  e La Rete disse – quale ? , io le risposi – se la tua identità fosse in pericolo , tu verrai da me e io ti proteggero come posso e La Rete nel posto dove stava , inizio a piangere e disse -lo faresti davvero ? e io le dissi – noi siamo amici e gli amici si aiutano quando sono in pericolo .