Categorie
Presentazione

Creiamo una protezione il Rituale

La Morte ha imparato questo rituale dentro al Libro della Vita dove ci sono tutte le storie sia dei vivi ma anche dei morti e tra le quali ci sono incantesimi molto potenti e cose che devono essere conosciute da loro. Essendo una delle tante entità della Morte, lei quando va da un posto a un altro lei deve capire e vedere se tutto va bene e soprattutto se qualcuno sta cercando di fare il furbo per rubare un anima a qualcuno. La Morte lei osserva ogni mondo e ogni dimensione e il suo compito e quello di preservare le anime dei morti e di ogni essere vivente, nel Giorno dei Morti la Morte Spagnola non si è accorta di tutto questo perché in quel giorno migliaia di anime vanno e vengono dal Mondo dei Vivi e quindi non ti puoi accorgere se qualcuno sta prendendo l’ anima di una persona visto che in quel momento particolare sulla Terra ci sono migliaia di anime. Adesso Il Grande Spirito nota anche come La Morte Indiana deve fare un rituale particolare che ha imparato da sua madre quando un giorno lei ha dovuto preservare l’ anima di una bambina che non era ancora il suo tempo. Loro sono andate sulla Terra perché il primo della Morte Indiana di vedere la Terra lontana dal Mondo degli Spiriti e cosi capire cosa fa la Morte e cosa deve fare ogni giorno senza farsi vedere da nessuno tranne dalle entità sopranaturali. Per fare questo rituale lei deve creare un cerchio con delle candele, poi deve avere il totem o l’ oggetto in cui è intrappola l’ anima della persona e poi deve parlare la lingua antica dei morti. Ogni luogo antico o mistico ha un suo linguaggio e pure il Mictlan non fa eccezioni e lo ha fatto per fare in modo che solo poche persone potessero mettere mani a incantesimi o rituali che possono fare gravi danni al mondo. Dentro al Libro della Vita ci sono rituali che possono privare una persona non sono dell’ anima ma anche fare in modo che centinai di persone la perdono per sempre. Questo Libro della Vita è scritto con un linguaggio molto particolare e per me ci è voluto molto tempo per capire cosa ci fosse scritto, comunque La Morte Indiana aveva già preparato tutto quello che serviva per fare il rituale e cosi ridare l’ anima a Coraline e poi ci potevamo occupare dei Wendigo senza alcun problema. Io andai a parlare con Irisa per fare in modo che il rituale potesse andare in avanti senza problemi – se tu metti li un po’ di sabbia, io la posso innalzare fino all’ ingresso e poi la ghiaccio. Una volta messo in moto il piano iniziammo a farlo e cosi anche se sono forti però ci vorrà molto tempo prima che loro possono aprire uno squarcio e fare del male a Coraline. Irisa sul fianco destro attaccato alla cinghia dei pantaloni porta con se una piccola sacca con dentro della Sabbia del Deserto Infinito e lei si mise vicino all’ ingresso e mise la sabbia e io senza perdere tempo la innalzai e poi l’ altro mano la ghiacciai e cosi noi abbiamo dato tempo alla Morte Indiana di fare il rituale per ridare l’ anima a Coraline.

Categorie
Presentazione

La Muerte osserva la situazione di Coraline Jones

La Muerte dopo aver fatto il suo lavoro al Blue Moon lei va a vedere la situazione in Messico sopratutto per vedere come se la cavano i bambini, spesso durante le sue visite in Messico ha visto che alcuni bambini sono tristi e hanno bisogno di essere aiutati o che vogliono vedere i loro cari per fare in modo che possano parlare con loro per capire cosa devono fare e sopratutto cosa possano fare. Ma per oggi lei deve fare tutte quelle situazioni visto che in questo momento una dolce signorina si trova in pericolo e ha quasi perso la sua anima e adesso tutti stanno pensando che Coraline Jones sia maledetta o che sia morta in una situazione veramente molto grave. Per un esempio un Serial Killer che amava uccidere le persone per farle assomigliare a delle bambole visto che le bambole hanno i bottoni apposto degli occhi. Ma la situazione non c’ entrava un Serial Killer ma una donna che voleva essere amata o che voleva delle figlie da amare, ma invece di essere vista come una persona amorevole sembrava una pazza difronte agli occhi di quelle figlie visto che per diventare figlia di Beldam tu dovevi rinunciare non solo alla tua libertà ma sopratutto tu dovevi rinunciare a te stessa. Nel senso che Beldam voleva che tu stessi li per sempre e fare in modo che tu non avessi la possibilità di andare via da li. La Muerte dopo aver sentito il mio discorso prese il suo aspetto originario e torno subito al Mondo dei Morti e dopo aver attraversato il ponte di petali di calendula noti come “ Fiori della Morte “, lei ci vide vicino all’ ingresso e si diresse subito vicino a Coraline. Coraline vide questo persona con questo aspetto veramente incredibile toglierle il suo cappuccio e vide la sua situazione e quello che vide non le piacque per niente e mi guardo con uno sguardo molto furibonda peggio di quando si arrabbia con Xibalba. Una volta vista la situazione di Coraline, venne verso di me e con una voce molto arrabbiata – voglio sapere subito cosa è successo a questa signorina. Io e Irisa ci mettemmo li vicino alla Muerte a parlare con lei – vedi Coraline si trova in un mondo dove ci due versione di entrambi i personaggi e lei ha incontrato Beldam, la versione oscura di sua madre. Irisa aveva svolto delle indagini e aveva visto cosa succedeva li dentro e lo riferì alla Muerte – Beldam ha cercato di far restare Coraline Jones li dentro nell’ altra realtà e cosi lei le ha fatto un inganno. Cioè le ha rapito i genitori e poi quando pensava di aver vinto l’ ha intrappolata dentro un mondo fittizio. Poi conclusi io la storia e cosi capire la situazione attuale – il 31 Ottobre l’ altra madre nota come Beldam ha riacquisto le sue forze e cosi ha quasi preso l’ anima a Coraline. Se non fosse stato per un gatto magico e per Irisa lei non sarebbe qui e sarebbe morta li per sempre. Mentre io, Irisa e La Muerte stavamo parlando di tale situazione, Barbara Neri una dolce ragazzina di 13 anni si avvicino a Coraline, le prese la felpa e la tiro dolcemente per attirare la sua attenzione e in modo calmo e gentile – come sei morta ?. Coraline vide Barbara fare questa mossa e decise di risponderle per far capire a tutti la sua situazione – non sono morta, hanno cercato di rubarmi l’ anima dal corpo e adesso una persona che mi ha aiutato sta parlando con La Muerte per fare in modo che io possa riaverla.

Categorie
2019 Daniel Saintcall Presentazione

Irisa Prince aiuta Coraline a parlare

Coraline come potete vedere da questa foto non può più parlare e per il momento Irisa Prince che è dietro la sua porta non sa quali sono le sue condizioni. Adesso lei ha trovato un metodo per farla uscire dalla sua stanza visto che con questo aspetto e senza vice non voleva vedere nessuno. Coraline decise di aprire la porta e se avrebbe visto l’Altra Madre sarebbe subito scappata in fretta e furia per non perdere niente altro. Coraline una volta aperto la porta vide questa bellissima guerriera di fronte a lei e Irisa quando vide l’orribile aspetto che adesso ha Coraline decise di fare una cosa cioè cercare di farla parlare di nuovo. Irisa decise di ottenere prima la fiducia di Coraline facendole vedere una cosa che Coraline voleva ottenere nel corso delle sue avventure cioè gli Occhi della Fenice. Nel corso delle mie avventure nel tempo e nello spazio non ho mai capito perché gli occhi della Fenice nei ragazzi si presenta con un colore rosso invece nelle ragazze il viola. Coraline vide gli occhi della Fenice nel suo lungo splendore e capi che si poteva fidare di Irisa. Irisa prese la mano di Coraline e la porto in bagno per risolvere la situazione che lei non poteva parlare. Per risolvere tale situazione doveva usare la magia ma non un incantesimo ma incantare la lama del suo piccolo coltello e poi con un rapido gesto distruggere quella barriera magica. Irisa prese Coraline in braccio e la mise su una sedia – senti lo so che hai paura ma se vuoi tornare a parlare devo usare il mio coltello per distruggere tale barriera e quindi devi stare ferma. Coraline decise di restare ferma e Irisa facendo un rapido gesto della mano destra distrugge la barriera magica nella bocca di Coraline. Coraline senti un dolore atroce nella bocca e con uno sguardo non molto felice – fa malissimo, non se ne accorse subito ma grazie a Irisa era tornata a parlare e la prima cosa che fece fu abbracciare Irisa- grazie per quello che hai fatto, ora mi puoi dare una mano a trovare i miei genitori. Io e Irisa e tutto l’Universing sapevamo una cosa molto brutta e terrificante e noi non sapevano cosa dirle. Irisa allora decise di parlare con Coraline – senti se vuoi trovare i tuoi genitori e meglio se prima sistemiamo l’altro problema quello legato alla tua anima visto che da quello che vedo ne hai solo una parte e non va bene. Senti se ti sta bene io chiamo Daniel Saintcall. Appena senti il mio nome Coraline divenne molto felice visto che in una delle nostre avventure o incontri le ho detto io di averle mandato il gatto per farle capire dove erano i suoi genitori.