Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Storia d’inverno – Winter’s Tale: trailer italiano del fantasy con Colin Farrell e Russell Crowe

Disponibile un primo trailer italiano per il fantasy a tinte romance Storia d’inverno che segna il debutto alla regia dello sceneggiatore e produttore Akiva Goldsman, premio Oscar per lo script di A Beautiful Mind e tra i suoi adattamenti segnaliamo anche Il Codice Da Vinci di Dan Brown per il film di Ron Howard.

Storia d’inverno è basato sull’omonimo romanzo di Mark Helprin ed è ambientato nel 1916, in una moderna Manhattan “alternativa” e racconta la storia di Peter Lake (Colin Farrell) e della sua incredibile avventura che lo porterà a cavallo di due epoche, per una straordinaria avventura alla ricerca di un amore perduto tra le pieghe del tempo.

Una notte d’inverno, Peter Lake, orfano ed esperto meccanico, tenta di svaligiare un palazzo-fortezza nell’Upper West Side. Sebbene creda che la residenza sia vuota, la figlia dei proprietari è a casa. Inizia così l’amore tra Peter, uno scassinatore irlandese di mezza età e Beverly Penn (Jessica Brown Findlay), una giovane ragazza che sta morendo. Anthansor, un misterioso cavallo bianco, salverà Peter Lake dal folle gangster Pearly Soames (Russell Crowe) e diventerà il suo angelo custode.

 

Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Dante’s Inferno – Fede Alvarez alla regia

Finalmente un regista. La Universal ha infatti trovato il nome che andrà ad occuparsi dell’attesa trasposizione cinematografica di Dante’s Inferno, ovvero Fede Alvarez, già regista del remake de La Casa, Evil Dead. Sviluppato da Visceral Games, e liberamente ispirato alla cantica dell’Inferno della Divina Commedia di Dante Alighieri, il videogioco è uscito nel 2010, con il giocatore chiamato a vestire i panni di un veterano della terza crociata che ha lasciato la sua amata Beatrice e cerca di salvare la sua anima da Lucifero, che ha bisogno di essa per liberarsi dall’Inferno e tentare nuovamente di riprendere il Trono di Dio. Nel suo viaggio attraverso i terribili cerchi dell’Inferno, Dante si confronta con i propri peccati, il passato della sua famiglia e i suoi crimini di guerra.

Dopo aver esagerato nello splatter estremo in Evil Dead, per Alvarez questo non è altro che pane per i propri denti, tra gironi danteschi e creature orrorifiche. Marc Abraham ed Eric Newman produrranno il tutto al fianco di Patrick O’Brien, con Jay Basu autore della prima bozza di sceneggiatura.

In attesa di vedere Inferno di Dan Brown, con Ron Howard di nuovo in cabina di regia, Hollywood torna così ad omaggiare il nostro Alighieri, anche se in forma videoludica. Nessuno sa, al momento, chi andrà ad interpretare il temerario veterano della terza Crociata pronto ad affrontare i 9 ‘cerchi’ dell’Inferno dantesco: il limbo, il cerchio dei Lussuriosi, quello dei Golosi, degli Avari, degli Iracondi, degli Eretici, dei Violenti, dei Fraudolenti e dei Traditori. Presenti nel videogioco, ovviamente, lo stesso Dante, Beatrice Portinari, Lucifero, Virgilio, Caronte, Minosse, Cleopatra, Cerbero, il Minotauro e Santa Lucia, tra mostri e magie.

 

Categorie
2013 2015 2016 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Roberto Benigni torna al cinema con Dante: ma con un suo film o per Inferno di Dan Brown?

«Sarebbe un onore avere Roberto Benigni, grandissimo attore, nel prossimo film. Ho visto su Youtube gli spettacoli di Benigni su Dante e sono meravigliosi». «Non ho ancora parlato con Benigni e spero di farlo presto». «Lascio l’onore alla Sony di annunciare i nomi delle star, ma posso svelare che la casa di produzione è davvero entusiasta di fare la trasposizione cinematografica del film. E spero che anche Firenze si possa sentire onorata dall’accogliere il set del film con tante movie star». 

Queste parole, pronunciate un mese fa da Dan Brown, riguardano ovviamente l’immancabile trasposizione cinematografica del suo ultimo romanzo, Inferno, nuovamente ambientato in Italia, dopo la Roma di Angeli e Demoni. 7 anni dopo i 758 milioni di dollari incassati da Il Codice Da Vinci, e 4 anni dopo i 486 milioni di dollari targati proprio Angeli e Demoni, Tom Hankspotrebbe seriamente tornare a vestire i panni di Robert Langdon, con il ‘nostro’ Benigni possibile co-protagonista all’interno della pellicola. O almeno questo è quello che ha fatto intendere Brown. Parole in qualche modo rilanciate dal Roberto nazionale, Premio Oscar con La Vita è Bella e pochi giorni fa intervistato da Vincenzo Mollica per ‘lanciare’ il nuovo Tutto Dante, con cui sarà a teatro a Firenze dal 20 luglio al 6 agosto.

Ed è proprio qui, tra una chiacchiera e l’altra, che Benigni è finalmente tornato a parlare di Cinema, annunciando l’arrivo di un nuovo film.

«Uno di quelli belli belli dove ci si diverte, dalla piazza andiamo al cinema». «La Divina Commedia è l’opera letteraria più grande del mondo, dobbiamo veramente volergli bene» .«È da un po’ che manco dal cinema, ed è la cosa che più mi infiamma».

Parole chiare ed inequivocabili, se non fosse per l’apertura del mese scorso di Dan Brown. Perché cosa avrà voluto dire l’attore e regista toscano con un nuovo film ‘ispirato’ a Dante? Che stesse parlando di una commedia tutta sua, in arrivo 20 anni dopo il boom dell’indimenticabile Il Mostro, o più semplicemente una sua partecipazione al ‘dantesco’ kolossal Sony? Visto un anno fa nel pessimo To Rome with Love di Woody Allen, Roberto Benigni non gira un film dal lontanissimo 2005, anno de La tigre e la neve, stroncato negli Usa dopo le pernacchie targatePinocchio, uscito nel 2002. Abbandonate le velleità di un tipo di cinema ‘alto’, il Roberto nazionale riprenderà a sfornare quei capolavori comici che hanno scritto la storia del cinema nazionale, senza ambire a chissà quali trionfi internazionali, o tornerà a farsi dirigere, 12 mesi dopo l’inutile titolo di Allen?

Nel dubbio, per chi non lo avesse letto, questa la sinossi ufficiale di Inferno, trasposizione cinematografica che quasi sicuramente tramuterà Firenze in un set hollywoodiano da qui ad un anno:

Robert Langdon, il professore di simbologia di Harvard, è il protagonista di un’avventura che si svolge in Italia, incentrata su uno dei capolavori più complessi e abissali della letteratura di ogni tempo: l’”Inferno” di Dante. Langdon combatte contro un terribile avversario e affronta un misterioso enigma che lo proietta in uno scenario fatto di arte classica, passaggi segreti e scienze futuristiche. Addentrandosi nelle oscure pieghe del poema dantesco, Langdon si lancia alla ricerca di risposte e deve decidere di chi fidarsi… prima che il mondo cambi irrimediabilmente.