Categorie
2011 Angela Ferrante Daniel Saintcall Distintivo Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri New York Pandora Pandora Black

Il Mio Distintivo

Pandora Black aveva visto il mio distintivo della Polizia di New York e possiamo dire che fu amore a prima vista visto che era bello , luccicante e colorato . Io lo tenevo li visto che seguivo la Regola 56 fatta da Angela Ferrante . Fui il primo a rispettarla e cosi tutti gli altri seguirono il mio esempio . Per Pandora era una cosa nuova e non sapeva ancora cosa significava ma grazie avrebbe capito che quello era un segnale per dire ” io sono un tuo amico e cerco di toglierti dal grande casino in cui ti sei messo o messa . Oppure poteva significare se sei un Serial Killer ti vengo a cercare fino in capo al mondo e in ogni mondo o universo alternativo . Avevo promesso a Pandora che un giorno ne avrebbe avuto e la dovevo rispettare oppure avrebbe messo il broncio e forse non avrebbe ascolto più mezza parola detta da me e forse per sentire la storia di questo nuovo mondo avrebbe scelto una persona che non è buona come me . Ma una persona che le avrebbe fatto del male e io poi non avrei potuto fare nulla visto che il danno alla piccola Pandora era fatto e non si poteva fare più niente .

 

Categorie
Ada Knight Alieni Alina Conte Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Serena Ricci Tatuaggio The District

Daniel Saintcall

250px-AidenRender

Avevo corso e non aveva detto niente ad Alina Conte . Non avevo detto il mio nome e cosa faccio per vivere . Avevo corso per salvarle la vita da queste creature fatte d’ acciaio e di umani che mi ero dimenticato di dirle alcune cose . Dal negozio casa di Serena Ricci mancava ancora molta e per questo decisi di dirle almeno il mio nome e quello che per vivere . Io mentre eravamo bloccati nel traffico – io sono Daniel Saintcall e tu sei ? . Alina mi tese la mano – io sono Alina Conte piacere di conoscerti . Alina mi guardo dall’ alto in basso e capì subito una cosa – sei un agente di polizia . Io la guardai negli occhi – si . Veramente sono un Detective . Io dalla mia tasca destra della mia giacca interna presi il mio distintivo e lo mostrai ad Alina . Lei lo prese in mano e vide che era vero e autentico e prima di ridarmelo – cosa è The District ? . Io ero li che feci un più avanti la macchina cercando di non sbattere contro le altro auto – Quella è la polizia per cui lavoro . Si occupa dei problemi che ci sono nel tempo , nello spazio e nei mondi . Io ne faccio parte e quando ho visto che li da stava succedendo qualcosa sono intervenuto . Ho visto che ti serviva aiutato e io l’ ho fatto . Ma non ho ancora finito di proteggerti prima li devo mettere in fuga una volta per tutte .  Prima che io dicessi queste cose ad Alina Conte , senti dentro la mia testa la voce molto forte di Ada Knight – il fatto che tu corri questo è sicuro . Lo fai sempre . Non dimenticare di dire alla ragazzina che pure io l’ ho salvata oppure vengo li e lo faccio da sola . Alina era li e mi vide parlare con qualcuno – con chi stai parlando ? . Io stavo e tenevo gli occhi fissi sulla strada – pure le persone che erano con me e che ti hanno salvato la vita fanno parte di The District . Io ho dei poteri e uno dei quali e la telepatia e adesso sto parlando con la mia collega Ada Knight . Dopo la conoscerai . Alina non era convinta del fatto che io avevo la telepatia – non ci credo che tu c’ e l’ hai . Se c’e l’ hai dimmi una cosa su di me che gli altri non sanno . Io ci misi pochissimo ad entrare dentro la sua mente – due anni fa ti sei un tatuaggio sul seno destro ed era un teschio messicano e da li ti sei presa lo skateboard con quel disegno . Alina vide che io dicevo la verità e non mentivo . Alina era impressionata – quindi lo sai fare davvero . Quali altri poteri hai ? . Io la guardai in faccia e vide che era felice di sapere cose del genere e io le dissi – non te li posso mostrare adesso . Te li faccio vedere più tardi .

 

Categorie
Alieni Alina Conte Daniel Saintcall Dominatore di Poteri New York

Daniel Saintcall

250px-AidenRender

Alina Conte aveva bisogno di aiuto per capire quello che era successo li dentro . Alina Conte doveva capire tramite qualcuno quello che era successo dentro causa sua . Io non sapevo dove era Alina Conte o lo potevo sapere in un altro modo . Presi una mappa di New York che aveva in tasca destra del mio capotto  e cercai di capire dove era Alina . Alina era nel Central Park e tutto da sola . Era li su una panchina che piangeva la morte dei suoi genitori . Non ci credeva che erano morti e poi delle creature fatte di metallo avevano cercato di uccidere pure a lei solo toccandola . Quegli avvenimenti avrebbero scosso tutti quanti pure le persone che dicono di non credere agli alieni . Io ero andato li al  Central Park senza armi e senza niente . Ero li solo con mio distintivo . Non sapevo come avrebbe reagito Alina Conte e dovevo vedere se ci poteva arrivare da sola a quella verità oppure no . Io mi misi li sulla panchina e le mostrai il mio distintivo . Mi presentai dicendo – io sono Daniel Saintcall e sono un Detective . Ho visto quello che hai fatto quei mostri robotici e io ti posso aiutare . Ti posso trovare un riparo e poi dopo ti posso spiegare tutto . Alina non sapeva cosa dire – e uno scherzo oppure e successo realmente . Pure io se fossi umano avrei reagito cosi – no e tutto vero . Quello è successo li dentro la tua casa e successo realmente e io sono qui . Io ti credo visto che li ho distrutti e adesso non ti faranno più del male . Alina aveva bisogno che qualcuno le credeva e che qualcuno le desse un riparo . Alina si fido di me visto che non l’ avevo trattata come una pazza ma come una persona che diceva la verità . Decise di venire con me e vedere il posto dove sarebbe stata li .

 

Categorie
Alice Olivieri Arya Strong Carlos Detective Lenny Roberta Olivieri Roberto Olivieri

Arya Strong ispeziona la scena del crimine

 

Tatuaggi-Donne-Video-Games-Capelli-Blu-Fantasy-Art-Wet-Videogiochi-768x1024

I Figli della Notte sapevano che Arya non poteva avvicinarsi alla scena del crimine visto che lei non era un agente di polizia e nemmeno un Detective . Visto che quella era una scena del crimine , solo la polizia si poteva avvinare a quel posto . I Figli della Notte sapevano già cosa fare e chiamarono un tipo un alto un metro e settantacinque , di pelle bianca . Capello nero in testa e i suoi capelli erano tutti tirati all’ indietro . Avevano chiamato Lenny per creare dei documenti veri per Arya e cosi poteva fare di tutto . Gli bastava pochi minuti e lui ti poteva fare tutto e anche dei documenti che erano veri . I documenti che ti dava non erano quelli che trovavi sulle bancarelle e fatti a pochi soldi , ma erano quelli veri e lui ti aiutava anche nel mettere nel database della polizia i tuoi dati ed erano veri visto che Lenny era molto bravo in queste cose . Arya sapeva che aveva bisogno di aiuto e Lenny era andato vicino alla scena del crimine e aveva lasciato tutto sul cofano della macchina di Arya . Arya vide che sul cofano della sua Maxda RX-7 , c’ era il suo distintivo da detective . Arya lo apri e vide che li c’ era il suo distintivo e poi la sua foto in modo molto professionale visto che Lenny aveva fatto che lei nella foto era in giacca e cravatta ed era molto bella anche in quel modo . Ma ad Arya non le piaceva stare in quel modo , preferiva stare in modo civile visto che si poteva muovere meglio . Arya vide la 9mm che era la sua arma da ordinanza ed era carina con 11 proiettile e poi non c’ era solo quello ma anche una cintura con tre caricatori pieni di quei tipi di proiettili . Arya non lo aveva visto li sulla scena del crimine e prima di andare via aveva lasciato anche un altra cosa e sarebbe un auricolare . Arya si tolse i capelli dall’ orecchio destro e se lo mise con calma e senti una voce molto forte prevenire da li dentro – mi senti Arya ? . Arya decise di rispondere visto che voleva sapere se aveva a che fare con Lenny oppure con un altra persona e la voleva fregare alla grande – si ti sento . Sei Lenny . Lenny sapeva che Arya voleva essere sicura e disse in modo molto certo – si sono io , ma non mi chiamare in quel mondo . Chiamami Hacker e basta . Se vedi ti ho dato tutto quello che serve per farti entrare sulla scena del crimine . Se hai bisogno di aiuto chiedi pure a me . Non ti togliere l’ auricolare visto che ti devo avvertire se qualcuno scopre la tua copertura oppure no . Arya decise di ascoltarlo visto che sapeva il fatto suo e se non lo tolse e mise i capelli sull’ orecchio destro per non farlo vedere a nessuno . Una volta arrivata davanti alla striscia gialla , la oltrepasso e uno dei due agenti la stava per fermare ma Arya fece vedere il suo distintivo e il poliziotto un po’ scocciato – finalmente voi della omicidi siete arrivati . Te la sei presa comoda . Arya decise di dare sfogo a tutta la sua calma – vedi ero sulla 26 e tutto era bloccato e sono potuta arrivare solo ora . Cosa abbiamo . Il poliziotto era di colore nero e il suo nome era Carlos , 23 anni ed era calvo e fece strada ad Arya – non so cosa abbia provocato il fuoco ma ti posso dire che è partito dalla stanza delle vittime . Arya prima di andare dentro da sola – non faccia passare nessuno e cerca di tenere lontano la stampa . Non voglio che qualcuno pensi che sia stato un piromane o qualcuno che cercava di dare spettacolo . Arya una volta entrata nella casa, chiuse la porta e vide che pure li c’ era del fumo . Il fuoco aveva bruciato la porta sia davanti che dentro . Arya vide che la scena non era stata contaminata , ma era cosi visto che in vita sua aveva già visto cose del genere . Arya andò a vedere nelle varie stanze e vide che non rimasto molto li dentro . Un normale agente dio polizia avrebbe pensato che il fuoco era stato accesso e poi tutto era bruciato in quel modo per colpa di un accelerante . Ma per gli occhi di Arya non era cosi , ma era stata una persona che era una invocatrice . Arya andò a vedere la stanza di Alice e Roberto e vide che davanti al letto c’ erano delle piccole impronte e cosi capi che il segreto che loro non volevano dire e che avevano una figlia . Arya usci dalla casa e andò verso Carlos – devo fare alcune domande alla bambina che è sopravvissuta . Carlos non sapeva di che cosa stava parlando Arya – mi prende in giro . Li dentro si vide che ci sono traccie di una bambina . Vi conviene trovarla . Chieda aiuto e interroghi tutti quanti .Nessuno se va fino a quando non troviamo quella bambina . Sono stata chiara . Carlos chiamo tutto i suoi amici e inizio le ricerche di quella bambina .

 

 

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Galleria Galleria Foto

Chicago P.D – At Least It’s Justice

Lonnie Rodiger è morto e per questo motivo Voight butta il distintivo di Halstead visto che questa cosa non doveva succedere . Se era colpevole doveva andare dentro e non essere ucciso ma adesso e morto e non si può fare niente per rivolse questa situazione visto che questa non è una cosa normale visto che era uno stupratore e se lo era doveva andare dentro e cosi la sua reclusione era un un monito per gli altri ma la sua morte non vale niente . Il Dottor Eliot e stato molto utile alla polizia quando doveva arrestare persone di alto profilo ma quando si scopre che per colpa sua un uomo e morto durante un incidente d’ auto la sua reputazione va a farsi friggere . L’ Intelligence stava andando in crisi e per questo entra in giorno Sumner che adesso ha la sua opportunità per mettersi in azione e far vedere agli altri che pure lui sa fare qualcosa . Durante uno delle loro azioni uno dei detective dell’ Intelligence di Voight potrebbe morire per colpa di un proiettile che gli è arrivato in fronte oppure in un altra parte del corpo . Questo agente cade tra le braccia di Erin prima che possa sbattere la testa a terra .

Quando vedi una persona che ha fatto qualcosa ma sta la fuori per la città come se non avesse fatto niente ti verrebbe la voglia di prendere andare li fuori con una pistola in mano e ficcargli un proiettile in fronte . Antonio ha fatto qualcosa che non doveva fare e adesso Voight deve decidere cosa fare con lui visto che ha fatto quello che doveva fare .

 

 

Categorie
Angela Ferrante Casa del Detective Daniel Saintcall Distintivo Dominatore di Poteri The District

Rebecca Russo mi chiese se può avere dei poteri

Le persone ottengono dei poteri in diversi modi molto particolare e altri no , per quanto riguarda Rebecca Russo le mi chiese se poteva avere dei superpoteri . Ma cominciamo dall’ inizio . Io vestito con il mio costume da Dominatore di Poteri ero appena entrato nella Casa del Detective visto che Angela Ferrante mi aveva detto di andare li e vedere se avessi visto il suo distintivo, il punto è che alcune volte il mio capo va molto veloce visto che deve fare trenta cose in contemporanea e quindi in alcuni momento si dimentica le cose come per esempio oggi ha dimentico il suo distintivo . Più volte io avevo detto ad Angela Ferrante di fare le cose con calma e senza correre e cosi lei si ricordava le cose . Inizialmente non mi ha dato ascolto ma poi con il tempo l’ ha fatto e adesso non si scorda le cose . Ero andato a vedere in cucina e vidi che era li sul tavolo , lo presi e lo misi nella tasca sinistra del mio costume e chiusi a chiave per fare in modo che non lo perdessi e dovevo ritornare qui dentro . Proprio quando stavo andando via dal salotto arrivo vicino a me Rebecca Russo e vedendomi con questo vestito mi stava per dare una mazzata in fronte ma si fermo quando dietro il mio costume vide il manico della mia spada e vedendo dall’ alto in basso il mio costume -Daniel sei tu li dentro ? . Io con calma spensi il modificatore di voce e poi mi tolsi il cappuccio dalla testa le dissi mentre mi poteva riconoscere – si sono io Rebecca scusami se ti ho spaventato . Rebecca vedeva il mio costume e vide che era modellato al mio corpo ed era bellissimo e mi disse andando subito a dove voleva andare – vorrei avere dei poteri ? . Io guardai Rebecca e volevo capire se ci avevo pensato bene a questa cosa oppure no e io le dissi – spero che tu ci abbia pensato bene a questa cosa ? . Rebecca ci stava pensando da molto tempo e mi disse in maniera calma ma anche sincera – si voglio i poteri . Io mi rimisi il cappuccio in testa e riaccesi il modificatore di voce e io le dissi con una voce forte e molto profonda – Adesso devo andare a consegnare ad Angela Ferrante il suo distintivo , tu pensa un attimo a quali poteri vuoi avere e io te li do . Rebecca mi abbraccio perché era felice che dopo avrebbe ottenuto dei poteri e poi mi lascio andare e dopo mi guardo – sarà meglio che dopo torni oppure ti cerco ovunque . Ero fregato , dopotutto Rebecca Russo aveva un naso incredibile e se scappavo lei come un cane che segue la propria pista mi avrebbe trovato ovunque io fossi andato , quindi dopo sarei dovuto dare i poteri che lei aveva pensata . 

Categorie
1989 2012 2013 Ada Knight Angelo Bright Falls Gazzetta dell' Universo New York Rebecca Russo Revenant Valentina Richardson

La Casa Del Detective

In Bright Falls c’ era un luogo dove i Detective come me , andavano li se per caso non sapevano dove andare oppure dovevano essere messi sotto protezione perché loro erano in pericolo venivano messi li . Questa Casa del Detective è stata creata nel 2012 dal Capo della Polizia del Tempo , dello Spazio e dei Mondi .Questo Casa non veniva utilizzata solo per protezione , ma anche un luogo per poter seguire le indagini da solo senza che nessuno ti possa disturbare . In questo posto purtroppo ci sono spesso fantasmi che disturbano la natura del posto . I fantasmi trasformano un posto da bello a lugubre e spaventoso , spesso me ne sono occupato io se ci sono dei fantasmi . Altre volte Ada Knight , la mia collega per risolvere tale situazioni e altre voce persone un po’ più esperte . Con i fantasmi ci dovevano andare piano per un motivo perché alcune volte questi fantasmi che venivano in questa casa erano bambini o bambine molto piccole e volevano solo il tuo aiuto per passare altrove . Altre volte invece c’ erano fantasmi più pericolosi e pieni di odio cioè i Revenant , il loro compito era compire la loro vendetta e avrebbero fatto di tutto per farlo anche prendere possesso del tuo corpo per farlo . A loro non importava se era con loro o no , ma se ti mettevi sulla loro strada loro avrebbero ucciso pure te e non avrebbero mostrato nessun rimorso . La Casa del Detective è un luogo non solo per la protezione per i Detective , quel luogo è magico e quindi può diventare una casa per farti dormire , tutto dipende da te . Lo devi decidere tu se dormire li dentro o no , se lo fai la casa da sola senza che tu faccia niente diventa più grande e tu puoi dormirci . Quando te ne vai la casa torna alle sue normali fattezze , cioè possiamo dire che questo posto è come le scale di Hogwarts , decidono loro se spostarsi o no . Questo luogo decide lui quando diventare grande e quando tornare alle su normali dimensioni . Dentro quella casa ci sono parecchie cose per proteggersi , quando un giorno sono andato nell’ armeria di quel luogo per vedere quali armi c’ erano , trovai sia armi normali ,armi demoniache , armi aliene . Cioè li trovai armi di ogni tipo , era un po’ dentro il mondo delle armi , li potevo trovare di tutto anche cose avevi perso . Metti caso che tu perda una cosa , La Casa del Detective ti permette di riprenderla , non chiedetemi come fa perché non solo . Ma spesso li dentro puoi trovare cose che nel tempo e nello spazio sono andate perdute , non solo cose tue ma anche cose di persone morte o che non le hanno più trovate . Questa caratterista l’ ho scoperta , quando ero alla scrivania e trovai il Distintivo di un Detective della nostra unità e questa persona era morta nel 1990 , io qualche tempo avevo parlato con il suo spirito e mi – Daniel aiutami a ritrovare il mio distintivo , l’ ho perso nel 1989 e non riesco più a trovarlo . Mi misi alla ricerca perché il fantasma mi aveva detto dove l’ aveva perso , ma niente e perlustrai tutta la zona da cima a fonda tre volte ma niente . Cosi il giorno dopo andai alla Casa del Detective apri il cassetto e vidi il distintivo del fantasma e mi dissi – questa casa mi sorprende sempre . Richiamai Angelo e io dissi a lui – ho ritrovato il tuo distintivo , Angelo mi apparve e disse – dove era ? , io lo guardai in faccia – veramente non sono stato io , questa casa , ha il potere di farti trovare le cose che sono andate perdute nel tempo e nello spazio e me l’ ha fatto trovare dentro il cassetto . Grazie per avermi aiutato – io poi lo guardai ma lui non scomparve per un motivo perché quello era solo l’ inizio e io dovevo trovare il suo cadavere e capire chi l’ aveva ucciso e perché . Angelo rimase senza parole del fatto che non era andato in paradiso e mi disse – come mai non sono andato in paradiso ? , io lo guardai e poi capi come mai – devo trovare il tuo corpo e capire chi ti ha ucciso e perché . Grazie alla Casa del Detective spesso riuscivo ad ottenere dei casi di omicidio , alcuni non erano riusciti a fare niente , ma forse dove loro hanno fallito ci potevo riuscire io . Un’ altra particolarità di questa cosa è che spesso non capitano solo oggetti di diversi tempi ma anche persone che provengono da diversi modi . Questo avvenimento è successo davvero molto volte e nessuno è arrivato a una conclusione , si soltanto che questo edificio riesca a fare tale cosa . Visto che io ho il T.A.R.D.I.S e viaggio nel tempo e nello spazio e posso riportare queste persone ai loro tempi e ai loro luoghi di origine . Altre volte succede che queste persone nel luogo in cui abitano non hanno nessuno e decidono di rimanere qui in questo luogo e cercare di aiutare le persone in vari modi . Se decidono loro di rimanere qui , noi non possiamo fare niente per questa cosa , saremo anche la legge perché se loro hanno preso questa scelta noi non possiamo fermarli in nessun modo . Per la Casa del Detective non posso fare una descrizione finale perché questo luogo cambia da proprietario a proprietario , nel senso che scruta dentro di te e capisce che come è la tua casa ideale e dopo pochi secondi e minuti lei diventa cosi . Dico secondi o minuti perché dipende dall’ idea di casa che hai dentro la tua testa e poi la casa prende quell’ aspetto fino al momento in cui tu non ci vuoi abitare più . Quando tu hai scelto di non stare più li dentro la casa tornai al suo stato comune . Un ‘ altra cosa pure i Capitani utilizzano tale posto , lo utilizzano quando devono risolvere un caso molto più difficile del normale . Quando riguardano casi molto pericolosi i Capitani non si fidano quasi di nessuno perché non si sa mai può essere che dentro la centrale c’ e qualche agente corrotto che fa la spia e quindi le prove possono andare in possesso di questo agente corrotto e il caso non esiste più . Zane Taylor mi disse una volta “ Se non ci sono prove , non hai niente e nemmeno un caso da risolvere “ . Il mio Capitano andava in questa Casa del Detective e li ci stava fino a quando non risolveva il crimine , lui quando doveva uscire per verificare alcuni fatti si portava dietro il fascicolo e non si separava mai da esso . Nella Casa del Detective spesso ci vanno i Detective ma solo quando li ce qualche missione o vengono chiamati per qualcosa . Li ci abitano due persone che provengono da anni diversi una dal 1989 , quando è scomparsa aveva solo undici anni , il nome di questa ragazza era Valentina Richardson . Un giorno io ero li e stavo leggendo il giornale La Gazzetta dell’ Universo , lei non sapeva dove stava e stava cercando di capirlo . Lo stomaco della ragazza fece il rumore di quando qualcuno ha fame e cosi cerco la cucina , una volta li dentro apri il frigorifero e vide una merenda che lei non aveva ancora visto che si chiamava “ Kinder Pingui “ . Io dopo lungo cercare entrai in cucina e vidi questa piccola ragazzina che stava mangiando , per il momento non feci nessun rumore e aspettai che la ragazzina finisse di mangiare . Una volta che la ragazzina ebbe finito di mangiare – era buono o no ? , Valentina si spavento e disse in maniera molto gentile – mi puoi dire dove sono e in che anno siamo ? . Valentina era una ragazzina molto in gamba , quando aveva visto la casa aveva visto alcune cose che nel suo tempo non c’ erano . Noi siamo a Bright Falls e ci troviamo nel 2013 – le dissi modo gentile e la guardavo e volevo vedere come avrebbe reagito a tale situazione . Lei risposi – io sono Valentina Richardson , piacere di conoscerti e io le strinsi la mano piano e senza farle mano e dissi a lei – io sono Daniel Saintcall , piacere di conoscerti Valentina , che ne dici se ti preparò qualcosa di più invitante , perché quel Kinder Pingui non avrà saziato la tua fame per niente . Si , mi puoi fare qualcosa di buono da mangiare – io le feci un buonissimo cornetto al cioccolato e lei se lo mangio , avevo notato che lei aveva molta fame quindi potevo dire che Valentina era scomparsa quando era mezzogiorno e lei non aveva mangiato niente . Una volta finito di mangiare , le feci una domanda – i tuoi genitori ti staranno cercando , saranno in pensiero per te , se mi dai un numero li posso avvisare per te . Valentina inizio a piangere e si ricordò il suo momento più brutto , cioè lei era per terra completamente coperta di sangue . Ma non perché lei aveva ucciso i suoi genitori , anzi lei stava per essere utilizzata come anima sacrificale per una evocazione demoniaca e i suoi genitori si sono messi di mezzo e tutto il sangue dei suoi genitori fini su tutto il suo corpo . Quando gli agenti videro quello che era successo non ci poterono credere ai loro occhi e poi videro la piccola Valentina che era legata e con tutto il sangue dei genitori su di lei . Nessuno volle pensare più a quel momento , il satanista scomparve nel nulla e pure Valentina . Lei quando ebbe 11 e anche a quell’ età non si riprese per niente e cosi scappò via e poi si ritrovò qui . Io le diedi un fazzoletto e lei con calma si asciugo le lacrime che provenivano dai suoi occhi di colore verdi e pieni di dolore e brutti ricordi . L’ altra persone che abita li è una ragazza di 25 anni di nazionalità italiana di nome Rebecca Russo , lei era una di quelle che stava sempre in movimento , faceva cinquemila cosa al giorno . Da un giorno a un altro si ritrovò nella Casa del Detective e non sapeva dove si trovava , dopo un po’ incontro Valentina e chiese alla piccola ragazzina – dove siamo ? . Valentina disse alla giovane donna – Noi ci troviamo a Bright Falls e questo edificio è la Casa del Detective , io stavo preparando la stanza delle armi e poi scesi e vidi questa una nuova visita , scesi con calma e disse – Vedo che Valentina ti ha detto già dove stiamo ? . Io la guardai in faccia e lei guardò me in faccia e le chiesi – vuole un po’ di caffè cosi parliamo un po’ e poi le dico con precisione dove siamo . Si – disse con voce scocciata e io le dissi mentre facevo il caffè per me e per lei – lo so che sta pensando , mi doveva capitare proprio questo e perché sono finita qua . Rebecca si stupi molto del fatto che io sapevo cosa pensavo e disse – come ci riesci ? , io le dissi – ci riesco e basta , inoltre il caffè è pronto , Le portai il caffè e le dissi – lo beva piano è caldo al punto giusto , Rebecca lo beve piano e poi ci sedemmo in cucina e lei spiegai la situazione . Valentina si era insediata li dentro e ci voleva rimanere , quando provai a dire che forse c’ era qualche genitore per lei , lei sbatte i piedi a terra e disse con tutta la sua rabbia – io non me vado da qui e non voglio essere adottata da nessuno , poi tornò in camera sua e sbatte la porta . Alla fine tutti dovemmo fare cosi e farla rimanere li e io di tanto in tanto la aiutavo . Invece Rebecca per lei fu un po’ difficile adattarsi a questo mondo pieno di magie , di mostri e di altre cose ma con il tempo lei ci prese la mano e inizio ad addentrarsi in questo mondo doveva adesso lei doveva abitare . Rebecca alcune volte se ne tornava al luogo dove stava cioè New York , ma poi capì che il luogo dove voleva abitare era qui a Bright Falls . New York era bellissima ma Bright Falls era bellissima perché c’ erano maghi , streghe e moltissime cose che a New York non c’ erano . A New York la magia veniva nascosta e alcune volte era vista da alcune persone , altre volte invece no . 

Categorie
Ada Knight Aqua Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Kratos Kyra Saintcall Pandora

Il Colloquio di Pandora per entrare nella Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi .

Pandora quel giorno si sveglio molto presto verso le 6 e subito si preparò per il suo colloquio , lei aveva sentito per telefonino Ada Knight , aveva chiamato ieri . Tramite me Ada Knight seppe il numero di cellulare di Pandora , quando spillo Pandora non sapeva chi , poi capì che era Ada e disse – Felice di sentirla Ada . Pandora e Ada non si conoscevano molto ma Pandora la saluto come una vecchia amica , ma questa cosa alla mia collega di lavoro non diede per niente fastidio e disse – pure a me è un piacere sentirti Pandora , Daniel mia dato il tuo numero di cellulare , cosi ti posso avvertire a che ora ti devi presentare al colloquio . Pandora era davvero molto emozionata nel fare il colloquio , aveva tutto per farlo bene , avere il suo coraggio e tra le varie cose aveva trovato anche un motivo per entrare nella Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi . Molte persone che ho incontrato nella polizia , ci mettono davvero molto a trovare uno scopo nel lavoro , per alcuni è perché lo vogliono fare , invece per altri e vendetta o giustizia . Per Pandora era giustizia , la sua infanzia e adolescenza erano state rovinate da mostri che avevano solo brutte intenzioni e basta . Ada disse – il colloquio lo devi fare oggi alle 9 , quindi hai tempo per farti una doccia e fare una buona colazione e prenderti un buon caffè . Pandora fece quello che aveva detto Ada , ma non perché lo aveva detto lei ma perché lei lo voleva farlo . Chiuse un attimo camera sua per non essere disturbata , prima di spogliarsi e stare sotto una bella doccia calda , voleva vedere se non c’ era davvero nessuno che poteva disturbarla . Si tolse tutto e andò in bagno che stava dentro camera sua e si fece una bellissima doccia calda . Per Pandora fare una buona doccia calda la mattina era buona , visto che gli dava un buon modo per svegliarsi dal torpore in cui sta la mattina presto . Una volta vestita venne giù per fare una bella colazione ed era già pronta , lo voleva essere per non stare li ferma senza fare niente . Le nove si avvicinarono e io e Pandora scendemmo e andammo nella mia macchina e ci dirigemmo al centro di Brigh Falls , prima di entrare nell’ edifico con la macchina voleva vedere di non essere seguito da nessuno . Una volta visto e Pandora mi chiese – come mai hai guardato se c’ era qualcuno oppure no . Vedi Pandora questo posto deve essere nascosto ad alcune persone , perché se le persone sapessero quello che succede li dentro , potrebbero non capire e distruggerebbero il nostro intero lavoro e tutte le persone che abbiamo catturato sia nel tempo , nello spazio e dei mondi . Tornano nel tempo , nello spazio e nei mondi e porteranno questo mondo nel caos più totale ma anche gli altri . Pandora vide che il posto era grandissimo , tanto grande che una qualsiasi dipartimento di polizia era la metà di questo posto . In questo posto ci persone che provengono da mondi , da diversi pianeti , da diversi universi e persone che sono morte e che sono tornate in vita e lavoro in questo dipartimento . Li dentro le persone che sono morte e sono tornate in vita , ma per restare in vita hanno fatto un patto cioè devono lavorare su casi e non cercare di tornare alla loro vecchia vita perché se lo fanno muoiono e loro non vogliono morire . Non lo volevano prima di morire e non lo vogliono adesso , nel senso che loro devono andare avanti con le loro vite e basta . Pandora nella sua testa gli erano partite infinite domande , io per il momento non potevo rispondere a nessuna delle sue domande perché quando sono entrato nella Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi ho dovuto firmare un modulo di riservatezza . Era andata cosi , proprio che mi Zane Taylor mi diede il distintivo , mi mise davanti un foglio e lessi “ Modulo di Riservatezza “ e Zane disse – Daniel , sei entrato ma prima che ti diamo il tuo distintivo devi firmare questo modulo che ti impedisce di dire alle persone che non sanno niente di questo mondo , non dire niente su cosa lavori e su altre cose . Io dissi – quindi non posso dire a nessuno quello che faccio , quindi se sto combattendo contro un mostro o altre creature , non posso dire niente . Zane mi guardò dietro negli occhi – si , proprio cosi , io presi la penna e firmai , ripensai a quel momento quando stavo accompagnando Pandora all’ ufficio di Ada Knight . Tutti nel dipartimento hanno ufficio , altri invece solo delle scrivanie , ma per noi non importata chi ha un ufficio bello grande o solo una scrivania a noi importa solo collaborare tra noi e basta . Una volta arrivati all’ ufficio di Ada , che era chiuso e da li sentivamo che Ada stava lavorando a un caso di furto , stava guardando il fascicolo che lei aveva fatto e stava iniziando a scrivere le varie informazioni sulla lavagna .Bussai e Ada – entrare e tenete aperta la porta , entrammo e Ada vide che Pandora era diversa e poi vide me e disse – Daniel , grazie per aver accompagnato Pandora , adesso però aspetti fuori fino a quando non finisce il colloquio . Chiudi la porta – disse Ada e Pandora poi si mise comoda ma era calma e poi Ada la guardò e disse – molto bello il tuo nuovo look e Pandora la guardò in faccia e disse – volevo fare una buona prima impressione e per questo mi sono fatta aiutare da Alyssa , la sorella di Daniel per dei vestiti più professionali in modo da fare una buona prima impressione . Ada poi le inizio a fare le domande come “ Chi Sei ? , Che Razza sei ? E molte altre domande “ . Poi Ada fece la domanda più importante per Pandora – perché vuoi diventare un agente della Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi . Pandora prima di rispondere chiuse gli occhi e ripenso alla sua piena di dolori e ferite , anche se non c’ erano ci stavano ed erano belle grosse . Tra le varie che Pandora dovette dire ad Ada Knight fu la sua storia da quando è nata , fino a quando è arrivata qua . Poi riapri i suo occhi e disse – lo voglio fare perché nel mondo ci sono troppi morti , bambine a cui vengono tolte il futuro e moltissimi crimini . Vorrei andare nel tempo , nello spazio e nei mondi e cercare di aiutare tutte le persone in difficoltà . Ada vide Pandora e vide lo spettro della Pandora che aveva conosciuta , ora era diversa e con questo piccolo discorso Ada Knight si era accorta di quanto era cresciuta . Pandora aveva un po’ paura ma non lo faceva vedere e poi Ada Knight disse – sei passata , con il tuo discorso prima mi hai fatto capire che stando appreso Daniel sei maturata moltissimo e adesso puoi entrare dentro questo grande posto . Pandora era davvero molto felice e poi Ada mise sulla sua scrivania e davanti a Pandora e Pandora disse – questo è un modulo di riservatezza , con questo documento dici che non puoi parlare di quello che succede qui dentro e fuori da questo edificio . Pandora disse ad Ada che adesso le era accanto e disse – Lo devi firmare per un motivo , perché quando vai nei vari tempi , nei vari mondi o altre parti nessuno deve sapere quello che facciamo . Lo devo firmare per forza – disse Pandora ad Ada , poi entrai io e dissi a Pandora – senti Pandora pure io , l’ ho firmato non mi è piaciuto per niente ma per entrare qui dentro e sapere investigare nel mondo o nell grande universo ho dovuto firmarlo . Pandora prese la penna e firmo con una bella calligrafia e Ada tranquillizzo Pandora e disse – adesso Daniel ti può dire tutto su questo posto e sui numerosi segreti di questo e anche altro . Pandora vide l’ ufficio di Ada ed era bello grande , con una bella scrivania nera e sulle pareti c’ erano dei draghi e ritratti che si muovevano sulle pareti . In quei ritratti c’ erano la famiglia di Ada Knight e tutte le persone che lei aveva conosciuto nelle tappe in cui lei è andata . Prima che ce ne andammo da li , Ada aprì il primo cassetto e diede a Pandora il suo distintivo e poi le strinse la mano e disse – Benvenuta nella Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi e dopo tutti diedero il benvenuto alla nuova arrivata . Qui siamo come una grande famiglia , spero che tu possa sentirti a tuo agio e che tu rimanga per sempre . Pandora fu molto felice di essere entrata nella Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi , la sua infanzia e adolescenza erano andate perdute , ma adesso aveva la vita da adulta e questa volta avrebbe fatto di tutto per non farsi rovinare quei momenti . Poi tocco a me e la abbraccia e dissi a lei – Benvenuta Pandora , adesso dimmi quando e ti faccio fare un giro in questo posto cosi grande . Pandora disse – grazie Daniel , sono molto felice di essere riuscita ad entrare . Poi ci dirigemmo verso il mio ufficio e le dissi – puoi chiedere un attimo gli occhi , perché ‘? – disse Pandora con molta curiosità e io le dissi con molto orgoglio e molta gioia e felicita – ti voglio dare due cose che nel tuo lavoro ti servono . Pandora chiuse gli occhi e io apri il terzo cassetto quello che era chiuso a chiave , non facevo vedere a nessuno quello che c’ era all’ interno . Presi una pistola di colore nero e sopra c’ era scritto “ Ordine Nero “ e poi c’ era una fondina per mettere tutte le due pistole . Apri gli occhi – Pandora apri gli occhi e vide la pistola e la fondina e poi Pandora mi disse – per il mio lavoro , queste due cose mi servono ? . Io la guardai – senti lo so che uccidere non è giusto , ma alcune volte non puoi fare altro per fermare le persone . Io se devo proprio fare qualcosa le sparò a un braccio o un ‘ altra parte del corpo per cercare di non uccidere tale persona e se vuoi pure tu puoi fare questa cosa . Pandora mi guardò in faccia – quando andremo in pattuglia insieme ti faccio capire meglio la cosa , ma adesso ti voglio mettere questa cosa . Pandora si tolse un attimo il giubbotto bianco e io le misi le fondine e Pandora vide che poteva prendere le pistole senza alcun problema e mise tutte e due le pistole li dentro nelle fondine ma prima presi le pistole e ci misi le sicure per non farle sparare . Tornammo a casa e festeggiamo moltissimo per la riuscita di Pandora per entrare nella Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi . 

Categorie
1996 2013 Dominatore di Poteri Macchina Mondo Parlare con la Rete Polizia Internazionale Polizia Internazione del Mondo Fantastico Racconto Rete supereroi Superpoteri Telefonini

Allenamenti per controllare il potere di parlare con le macchine

Non significa niente se ero o no riuscito a parlare con la Rete , la persone che mi ha aiutato in diverse cose . Per esempio a creare un auricolore di colore giallo come il mio telefonino , lei mi ha detto quali schede dovevo prendere e sopratutto lei mi ha guidato passo dopo passo a collegare i fili senza farmi del male o bruciarmi . Per questo le sono debitrice , ma adesso io dovevo mettermi di impegno , cioè da solo e senza l’ aiuto di nessuno volevo provare a spegnere la città per 5 minuti . 5 minuti mi poteva dare l’ oppurtintà di scomparire in qualunque parte del mondo . Ma non perchè era ricercato dalla polizia , io faccio parte della Polizia Internazionale del Tempo , dello Spazio e dei Mondi e quindi io potevo andare in ogni posto e potevo fare tutte le investigazioni che volevo , ma anche se io  non avevo quel distinitivo facevo comunque indagini . Io sono il Dominatore di Poteri e quindi come compito ho il diritto di progettere le persone non solo dal male normale ma anche dal male più potente , quello che nessuno riesce a vedere , entra dentro di te , si nutre di te e alla fine cerca di prendere il totale controllo del tuo corpo e della tua mente . Lo fa perchè cosi può uccidere chiunque lei vuole fare del male , anche per un nulla lei uccide , lo fa perchè è scritto nel suo DNA . Comunque io era nel magazzino con la Rete che mi osservava da lontano , lei di nascosto aveva messo delle telecamere , però le aveva messe per vedere se ero al sicuro o no . Inizia a esercitarmi a spegnere la città per 5 minuti , il primo tentativo non face nulla , il secondo riusci a spegnere solo una barca a tre chilometri , il terzo nè spensi due . La Rete vide che mi stavo arrendendo e disse – Daniel , tutti quanti facciamo degli errori , ma sono proprio i nostri errori che ci portano a grandi risultati , non ti arrendere continua a provare fino a quando non ci riesci . Cosi mi misi di impegno e provai ogni giorni , fino a quando dopo molto tempo riusci a spegnere la città per 5 minuti . La Rete mi disse – bravo Daniel . Dopo 5 minuti la corrente tornò a tutti quanti e La Rete mi disse – utilizza questa cosa solo in casi estremi , solo quando sei braccato da qualcuno di pericolo , qualcuno di molto pericoloso . Dopo io dissi alla Rete – io vado a fare un pò di jogging , per una persone che ha dei poteri si deve fare anche allenamento se no di potrebbe uscire del sangue se sforzi troppo i tuoi poteri o li usi troppo a lungo . Mi misi un felpa nera con un capuccio che copriva la testa , misi il cellulare nella mia tasca destra e poi l’ auricolare dentro l’ orecchio dentro e iniziai a farlo .

Categorie
2013 Cinema Film Foto Galleria Galleria Foto Mondi Fantastici Mondo Notizie Notizie dal Mondo

R.I.P.D. – primo trailer per l’action sovrannaturale con Jeff Bridges e Ryan Reynolds

Il film è un adattamento dell’omonimo fumetto della Dark Horse che racconta il lavoro “dietro le quinte” di uno specialissimo dipartimento di polizia (Rest in Peace Department) che si occupa di anime dannate, spettri latitanti e tutto il marciume ectoplasmatico che si aggira tra la nostra realtà e un affollato aldilà.

Il trailer ci mostra la dipartita di Nick, un poliziotto interpretato da Ryan Reynolds che durante un’azione finisce all’altro mondo, ma nel vero senso della parola perché Nick si ritrova in una dimensione parallela reclutato in una squadra speciale composta da agenti di polizia defunti (in cui milita il suo nuovo partner Roy Pulsifer interpretato da Jeff Bridges), pronto a diventare un “acchiappafantasmi” con distintivo e pistola.

E’ palese dalle immagini che ci troviamo di fronte ad una nuova versione di Men in Black con fantasmi al posto di alieni e l’aggiunta di un pizzico di Ghostbusters e Sbirri oltre la vita (sarebbe un titolo italiano perfetto), un mash-up fantasmagorico con effetto visivi spettacolari e una massiccia dose di humour come il filone “buddy cop” richiede.

Il film che ricordiamo è interpretato anche da Kevin Bacon, Mary Louise-Parker, Stephanie Szostak, Marissa Miller e James Hong (il Lo Pan di Grosso guaio a Chinatown) uscirà negli States il 19 luglio.

Jeff Bridges e Ryan Reynolds sono protagonisti dell’avventura-action sovrannaturale in 3D “R.I.P.D.” nei panni di due poliziotti assegnati al “Dipartimento Riposa in Pace”, per proteggere e servire la vita da una serie di anime sempre più distruttive che si rifiutano di transitare tranquillamente verso l’altro lato.

Lo sceriffo Roy Pulsifer (Bridges) è un veterano che ha trascorso la sua carriera con  la leggendaria forza di polizia conosciuta come R.I.P.D. addetta al monitoraggio di spiriti mostruosi che si sono abilmente camuffati tra la gente comune. La sua missione? Arrestare e consegnare alla giustizia un tipo speciale di criminali che cercano di sfuggire al giudizio finale nascondendosi sulla Terra tra cittadini ignari.

Una volta che al veterano Roy (Bridges) viene assegnato l’ex detective Nick Walker (Reynolds), i nuovi partner dovranno trasformare la loro rispettiva diffidenza in rispetto reciproco e lavoro di squadra. Quando i due scoprono un complotto che potrebbe porre fine alla vita come noi la conosciamo, i due agenti R.I.P.D. dovranno darsi un gran da fare per ripristinare l’equilibrio cosmico…o rischiare di ritrovarsi inermi a guardare il tunnel che porta all’aldilà riempirsi di anime furiose pronte ad invadere la Terra.