Dishonored 2- Riflessioni su Emily Kaldwin

Risultati immagini per Emily Kaldwin

Emily Kaldwin prima era una Imperatrice e adesso invece è in fuga e lei non se la deve vedere solo con Delilah Cooperspoon ma anche con un duca. Quando io e Ada abbiamo abbandonato questo mondo abbiamo capito che per Delilah era la fine e quindi noi abbiamo pensato che tutto fosse andato bene come doveva andare. Abbiamo pensato che era la fine per Delilah, ma poi anni dopo quando siamo entrati nel mondo di Dishonored 2 abbiamo capito che per Delilah questo era solo l’ inizio. Prima noi abbiamo visto una cosa molto interessante cioè Corvo Attorno che era ancora vivo e poi abbiamo visto che Emily Kaldwin non era più una bambina ma era una donna adesso e poi con il tempo e guardando i vari manifesti abbiamo capito che lei non è più l’ imperatrice. Quando abbiamo lasciato il mondo di Dishonored 2 noi eravamo a Dunwall, ma adesso noi siamo a Karnaca cioè la città dove ha vissuto Corvo Attorno tanto tempo fa. Sono passati 15 anni e Emily non è più una bambina che ha paura, adesso lei si fa difendere da sola visto che lei un giorno ha capito che i suoi nemici la potevano attaccare. Pure Corvo ha capito che Emily non era più al sicuro e quindi lui ha deciso di farla diventare una Guerriera e poi non so se da solo oppure con Corvo, lei ha ottenuto delle abilità uniche nel suo genere cioè poteri sopranaturali e cosi lei può diventare imprevedibile negli scontri contro i nemici. Corvo Attorno e Emily Kaldwin adesso sono un unica squadra e sono pronti a fermare questo Duca e a riprendersi il trono da Delilah Cooperspoon. Io pensavo che non ci era riuscita visto che nessuno aveva sentito più parlare di lei e quindi se non c’ erano tracce, lei non avrebbe fatto nulla. Ma invece mi sbagliavo e Delilah ha fatto le cose in grande e senza farsi vedere o sentire da nessuno. Delilah Cooperspoon è divenuta Imperatrice senza farsi aiutare da nessuno e ci credo visto che lei è una strega davvero molto potente e piena di poteri. Io, Ada e la mia squadra abbiamo visto cosa ha fatto Delilah a questa città e possiamo dire che ci sono morti, feriti e tutti da un potere a me sconosciuto. Non so quale potere ha fatto una cosa del genere, ma Karnaca adesso è simile a una città cimitero.

Seguo Emily Kaldwin dentro al mondo di Dishonored 2

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

Da molto tempo non entravo dentro al mondo di Dishonored 2 con Ada Knight e quindi non sapevo cosa altro aveva scoperto Emily Kaldwin. Forse aveva scoperto numerosi segreti del nuovo nemico o non aveva scoperto nulla e noi la dovevamo solo seguire. Ada era entrata per prima e mi stava aspettando prima di seguire Emily e cosi capire cosa ha scoperto e cosa non ha scoperto dentro alla città natale di Corvo Attorno. Io arrivai dopo visto che stavo seguendo un caso e stavo scoprendo dove era andata una ragazzina che è scomparsa da mesi e nessuna l’ ha più vista da cinque mesi. Poi squillo il mio telefonino e ricevetti un messaggio Whatsapp – Daniel muovi il culo, ti sto aspettando nel mondo di Dishonored 2 da 10 minuti. Io risposi usando il potere della tecnopatia – sto cercando di capire dove è finita una ragazzina che è perduta nel tempo e nello spazio. Adesso mi muovo, dammi cinque minuti e arrivo. Una volta messo il fascicolo dentro al mio monospalla nera che ho dietro la schiena, andai dentro al mondo di Dishonored 2 e li trovai Ada Knight con un sguardo un pò arrabbiato e quando mi vide – Daniel la prossima volta vado a vedere cosa ha scoperto l’ ex Imperatrice Emily Kaldwin da sola. Io andai verso di lei – lo so scusa, ma devo cercare questa ragazzina perchè lei ha i poteri del fuoco, non li sa controllare e devo impedire che lei incontri gente sbagliata e cosi diventi un mostro. Emily Kaldwin era ferma sul tetto e noi la vedemmo e come se lo avesse fatto apposta per far capire a me ed Ada dove stava andando. Una volta arrivati sul tetto trovammo un suo messaggio – Daniel, Ada se mi dovete seguite allora fatelo bene oppure non lo fate affatto. Era scritto con rabbia e con molto odio e lo potevo comprendere visto che lei vuole uccidere la persone che le ha portato via il suo trono. Emily inizio ad andare in avanti e noi la trovammo dentro una stanza, un nascondiglio forse lei si voleva fare una maschera che metteva paura a tutti e cosi lei poteva per una volta non Emily Kaldwin, ma soltanto Emily che si riprende il trono con ogni sforzo

Emily Kaldwin vuole uccidere e lo vuole fare perchè si vuole riprendere il trono a ogni costo, anche se si sta macchiando l’ anima con questa cosa però è una cosa che deve fare oppure lei non cancella il male che si trova qui a Valencia e quindi non si può riprendere il trono ed essere la regina che deve essere. Per riprendersi il trono ha incontrato pure lei la persona che ha incontrato Corvo Attorno e adesso lei ha dei poteri e li usa per salvare la città nota come Valencia

Emily non usa sempre i suoi poteri per muoversi da una parte a un altra, usa una nave che viene trainata da una donna di colore, lei guarda fissa Emily e lo fa perchè l’ ha riconosciuta e ha capito per quale motivo è qui. Mentre io e Ada guardavamo tale scena, puntai il dito verso la mano di Emily e vedemmo che è fasciata, come se lei ha fatto un patto di sangue per avere i poteri

Non importa che siamo a Valencia o siamo a Dunwall, i nostri nemici per uccidere noi e il bene che si trova nelle parti basse della città usa delle persone che sono le vere essenze del male e fanno di tutto per avere un regno. Io, Ada e Emily di nascosto abbiamo visto questa persona che ha ucciso un cane e adesso lui assaggia il suo sangue come se fosse la cosa più normale di tutto il mondo

Emily ha partecipato alla festa per ricordare sua madre Jessamine Kaldwin e noi li abbiamo visto che Emily o la persona che ha dato i poteri a loro due, ha deciso di fare sul serio e li c’ e Delilah Cooperspoon. Ha uno sguardo più cattivo e freddo e sta guardando qualcosa o qualcuno

Nella città di Valencia è tutto diverso e ci sono dei luoghi molto oscuri e forse questo luogo che io e Ada stiamo vedendo forse è il luogo dove Emily Kaldwin usa come rifugio

Oppure questo è uno dei tanti obbiettivi di Emily. Una volta seguita ci siamo trovati dentro a una casa, li c’ e una stata oppure questa è Emily che ha usato uno dei suoi poteri per fare una cosa del genere e lo ha fatto per uccidere questa persona.

Dopo che noi avevamo visto queste scene dentro al mondo di Dishonored 2, ho fatto vedere ad Ada del caso e le ha fatto capire che è molto importante per noi visto che riguarda un nostro vecchio caso e di alcuni eventi che sono accaduti sulla Terra e noi grazie a tale caso potevamo capire cosa era successo realmente a quella ragazzina e cosi lei è divenuto un mostro e adesso fa molti danni dentro l’ Universing.

 

 

Dishonored: l’edizione Game of the Year è disponibile – guarda il video di lancio

L’edizione Game of the Year di Dishonored è disponibile da qualche giorno, e per ricordarceloBethesda e i ragazzi degli Arkane Studios hanno pubblicato un trailer dedicato all’avventura di Corvo e ai corposi contenuti aggiuntivi che si sono susseguiti nei mesi successivi al lancio, ossia Dunwall City Trials, Il Pugnale di Dunwall, Le Steghe di Brigmore e Void Walker’s Arsenal

Come ben ricorderanno i nostri lettori più attenti, l’edizione “liscia” del titolo targato Arkane ha saputo ritagliarsi uno spazio incredibilmente ampio nel competitivo mercato videoludico invernale dello scorso anno per la grande cura riposta dagli sviluppatori francesi nella rappresentazione artistica della splendida città fantascientifico-vittoriana di Dunwall, così come nella costruzione dell’impianto di gioco e nella stesura del canovaccio narrativo.

Collocatasi a metà strada tra le avventure in prima persona e i giochi di ruolo, l’avventura principale di Corvo Attano è riuscita ad offrire un’ampia libertà di movimento ed esplorazione, delle missioni dalla spiccata vocazione stealth e un sistema morale tanto profondo da permettere delle modifiche dinamiche alla storia in base alle azioni compiute dal protagonista. Tutti elementi ripresi e ampliati ulteriormente dalle espansioni che si sono avvicendate in questi mesi e che, discostandosi dalla figura di Corvo, hanno concesso agli appassionati l’occasione di immergersi ancor di più nella splendida dimensione retrofuturistica di Dunwall.

Senza indugiare oltre, quindi, vi lasciamo al video di lancio della GOTY di Dishonored e ricordiamo a chi ci segue che questa particolare edizione del gioiello di Viktor Antonov è disponibile su PlayStation 3, Xbox 360 e PC: la versione console è proposta al prezzo indicativo di 39,99 €, mentre quella rivolta agli appassionati di action stealth su PC a 29,99 €.

 

Una Lettera per Delilah Cooperspoon

La lettera che avevo scritto per Delilah Cooperspoon , l’ avevo scritta qualche giorno prima che succedesse tutta la storia dello scontro tra noi due . Mi ero messo in camera mia e l’ avevo iniziata a scrivere , volevo essere sicura che c’ ero solo io nella stanza e nessun ‘ altro .Era una cosa privata per il momento e che poi sarebbe divenuta una cosa pubblica solo per Delilah Cooperspoon . Dopo il nostro scontro lei si risveglio nel suo letto e senti un forte dolore al collo , da uno dei suoi uomini si fece portare del ghiaccio e lo mise sul collo . Mentre stava andando via da camera sua , vide una lettera sulla porta di camera sua ed era scritta da me . Lei prese la lettera e la mise sulla sua scrivania , non sapeva se leggerla oppure incendiarla . Ma dopo averci pensato un po’ apri la lettera . “ Mi dispiace per il dolore al collo , anche tu e i tuoi uomini avete cercato di uccidermi , io non ti ho voluto uccidere solo perché non volevo diventare come te , ma anche per un altro motivo e questo te lo dire assolutamente . Questo fa parte della storia , io so chi ti ucciderà nel futuro . Prima che tu mi facessi attaccare dai tuoi uomini ho avuto una visione di un uomo noto come Daud che ti uccideva . Forse conosci già questo nome e non mi sorprende , lui è il responsabile della morte dell’ imperatrice di Dunwall . Non so se leggerai la lettera o no , anche se tu hai provato a uccidermi e a prendere i miei occhi della fenice per entrare nell’ Universing per uccidere un sacco di persone e portare il male in quel mondo . Ti voglio dire stai molto attenta , anche se sei molto potente , cerca di non farti uccidere da lui . Cerca di sopravvivere in un modo o nell’ altro , tu sei forte . Mentre ero li ti ho studiata e sei molto potente e se vuoi puoi fare , quindi anche cercare di riscrivere il tuo destino . Cordiali saluti da Daniel Saintcall Il Dominatore di Poteri .” Sotto avevo scritto “ PS grazie per avermi aiutato a diventare un grande mago e cerca d sopravvivere , cosi forse un giorno potremmo aggiustare il nostro rapporto e da nemici ad amici “ . Delilah prese la lettera e la mise tra le sue missive , voleva che quella lettera non doveva essere letta da nessuno neanche dalle sue guardie . Delilah pensò molto a quello che le avevo detto e non sapeva cosa fare , ma per il momento quello che lei doveva fare era essere pronta a incontrare il suo prossimo nemico cioè Daud l’ assassino dell ‘ Imperatrice di Dunwall . Non sapeva quando sarebbe arrivato , non sapeva cosa avrebbe fatto , ma se in pochi giorni ho conosciuto Delilah Cooperspoon lei era pronta a fare di tutto per sopravvivere contro di lui . Il dolore al collo che le avevo fatto io duro tre giorni , il colpo era molto forte , ma ho dovuto fare cosi invece di ucciderla pugnalandola al cuore con un coltello o con la mia spada . Ma se l’ avessi uccisa ci sarebbe stato un pezzo mancante nella storia di una persona cioè Daud . Io guardo e osservo il tempo , lo spazio e i mondi e vedo attraverso le mie visioni del futuro cosa possa succedere a loro . Nella mia visione del futuro su Daud avevo visto che lui uccideva Delilah Cooperspoon , quindi se l’ avessi uccisa io , avrei fatto un grave danno non solo al tempo ma anche allo spazio . Cioè si sarebbe creata una realtà alternativa e questo non era nei miei piani , il mio piano era li e imparare a utilizzare la magia , anche lo scontro c’ era ma ucciderla non faceva parte del mio piano . Delilah decise di fare questo un piano malvagio , molto malvagio con me è stata buona e forse un po’ dura . Ma con Daud non si sarebbe risparmiata , avrebbe utilizzato tutte le sue streghe , avrebbe messo trappole e le sue statue che nel mondo reale potevano solo parlare , ma nell’ Oblio potevano fare tutto e quindi diventavano da cose quasi inutili a potenti risorse . Delilah con me non aveva fatto nessun male a nessuno , perché sapeva che io mi sarei intromesso , ma adesso visto che non c’ ero io o nessun’ altro a fermare il suo piano . Lei decise di agire con il suo grande piano malvagio . Anche io quando ero la vidi che Villa Brighmore era un rudere e tutte le persone li dentro si lamentavano di stare qui , pure io mi lamentavo che questo posto era bruttissimo . Delilah pure lei voleva stare bene , vivere in un posto migliore e avere tutto il potere per se . Il suo grande piano era quello di prendere possesso della giovane Emily Kaldwin , la figlia dell’ Imperatrice Jessamine Kaldwin . Lo voleva a ogni costo e ci sarebbe riuscita . Delilah voleva utilizzare Emily per diventare Imperatrice Delilah I , se ci sarebbe riuscita lei avrebbe fatto diventare Dunwall un posto molto più brutto e terrificante . Dunwall era riuscita a riprendesi non solo dalla peste , ma anche dalla morte della sua amata Imperatrice . Se il piano di Delilah fosse riuscito , Dunwall forse non sarebbe mai più un posto bello da vivere , ma sarebbe divenuto un posto dove né gli Aristocratici e persone normali dovevano guardarsi le spalle e vedere davanti se una delle Streghe di Brighmore avesse ucciso loro o avesse fatto qualcosa di peggio . 

Una Lettera interdimensionale per me

Alukard per aiutarmi aveva lasciato alcune lettere in vari posti , molto particolari e in posti che sicuramente grazie ai miei poteri ci potevo arrivare . In queste lettere interdimensionali parlavamo di varie cose , tra le quali cose chi mi doveva allenare . Non vi dico chi mi doveva insegnare a usare le arti magiche , una più pazza non mi poteva toccare . Tra lei avrei preferito qualcuno , anzi mi sarei bruciato che farmi allenare da lei . Quando apri la lettera che trovai a Londra in un appartamento abbandonato , il numero civico 90 . Era un appartamento abbandonato e ed era come se veramente non ci abitasse nessuno perché la cosa che distingueva quel posto dagli altri che c’ erano mobili , foto e molto altro . Ma li non c’ era niente , ma una cosa però era diverso dalle altre li agli occhi mortali non c’ era niente , ma ai miei occhi c’ era una lettera che era destinata a me . L’ apri e fu teletrasporto su Maraxus , nel giorno in cui la lettera fu scritta , Alukard fu molto felice di vedermi . Lui e io ci potevamo vedere e parlare solo cosi , anche se era un fantasma lui però come fantasma faceva molte cose e stava sempre in giro . Comunque lui disse – ti ho convocato qui , per parlarti di chi ti aiuterà a utilizzare la magia . Io ero pronto a imparare la magia , la magia mi piace moltissimo è la cosa più bella in assoluto . Io guardai mio padre negli occhi e dissi – chi è che mi deve allenare nella magia ? , ero davvero pronto lo dovevo fare , dovevo imparare la magia . Io ero ancora all’ oscuro di chi era mio parente e sopratutto mio padre e mia madre dove sono andati e cosa hanno fatto nell’ universo . Mio padre mi guardò e disse ad alta voce – la persone che ti allenerà è Delilah Cooperspoon . Delilah Cooperspoon è una strega molto potente e per questo è il capo delle Streghe di Brighmore . Negli ultimi anni pure io avevo sentito diverse storie su di lei , alcune belle e altre brutte . Io dissi a mio padre – mi devo allenare nella magia con lei per forza , Alukard mi chiese come mai non volevo allenarmi con lei e io – ho sentito delle voci che è cattiva , crudele con altri . Il momento peggiore arrivò dopo , perché mio padre senza dirmi niente nella lettera interdimensionale aveva invitato pure lei . Lei senti tutto quello che ho detto io e dietro di me – cosi io sarei cattiva , dove l’ hai sentito questa voce ? . Io mi girai e senza avere paura – ho girato per strade di Dunwall e ho sentito diverse storie che riguardavano te . Delilah mi squadrò e disse con molta presunzione – cosi saresti tu la persone che dovrei allenare . Poi fece lo sguardo che utilizzava per mettere paura agli altri e poi disse – non mi interessa chi sei o chi ti credi di essere , ti conviene non farmi perdere tempo . Ho parecchie cose da fare , quindi mettiti di impegno e impara in fretta . Mettiti sulla mia strada e la pagherai molto cara . Io la guardai negli occhi , per fargli vedere che non avevo paura di lei e le dissi con molta serietà – Non mi fai paura , io imparerò e poi mi toglierò dalla tua strada . Una cosa ti voglio avvertire Delilah prova a far del male a un solo innocente o altro e io ti faccio vedere io cosi significa morire di una morte molto violenta e dolorosa . Alukard vide già che io e Delilah avevamo le nostre discussioni , tra me e me dicevo “ Se già non andiamo d’ accordo , non potrai mai allenarmi con lei “ . Alukard mio padre disse ad alta voce – voi due andrete d’ accordo e tu Daniel imparerai da lei tutto quello che c’ e da sapere sulla magia . Poi si rivolse con Delilah con sguardo deciso , quello che sguardo che utilizza per mettere paura , sopratutto ai suoi nemici e poi disse ad alta voce – Delilah impara a mio figlio Daniel tutto quello che ce da sapere sulla magia . Delilah era una stata una nemica di mio padre , ma con il tempo e con tutti gli scontri che avevano fatto tra loro , loro erano nemici ma si rispettavano tra loro e con il tempo divennero amici . Alcune volte si facevano favori tra loro , certo Delilah ha fatto del male , ma quando stava con mio padre lei cercava di fare del suo meglio per non uccidere e fare dal male a nessuno . Alla fine Delilah mi guardò e disse – Daniel ti aspetto al Maniero di Brighmore , fa in fretta ti aspetto nel pomeriggio . Dirò ai miei uomini di farti passare , sta attento qualcuno proverà a rubarti la tua roba . Io feci comparire la mia spada e disse con lo stesso sguardo che aveva mio padre e dissi a lei – non ti preoccupare , so badare a me stesso e se qualcuno prova a rubarmi qualcosa io me la riprendo . Poi dissi a lei – a tra poco Delilah , io sono pronto a farmi insegnare e tu sei pronta a insegnarmi ? . Delilah mi guardò e disse – sono prontissima , ma come ti ho detto fammi perdere tempo e tu rimpiangere di non aver dimenticato il mio nome quando l’ hai sentito . Delilah se ne andò a inizio a preparare una stanza in cui io e lei ci potevamo allenare , Alukard mi disse – cerca di andarci d’ accordo e imparerai molto da lei . Si ok , proverò ad andarci d’ accordo – dopo me ne andai e iniziai a preparare tutto quello che serviva per andare a Brighmore .

 

Gifts of the Outsider: i modder portano i poteri di Dishonored nel mondo di gioco di Skyrim

Nonostante sia passato ormai un anno e mezzo dalla commercializzazione di The Elder Scrolls V: Skyrim, la nutrita comunità di modder sorta all’ombra del capolavoro ruolistico di Bethesdanon smette di sorprenderci e continua imperterrita ad estendere gli orizzonti digitali dell’universo videoludico del Sangue di Drago.

Decidendo di immergersi nello sterminato oceano di mod pubblicate giornalmente dagli sviluppatori amatoriali iscritti al portale Skyrim Nexus per dare il giusto risalto ai lavori più meritevoli, i colleghi di Kotaku si sono così imbattuti in Gifts of the Outsider, una conversione totale ispirata a Dishonored e alle ambientazioni dell’iconico action-stealth dato alle stampe dagli studi Arkane alla fine dello scorso anno.

Realizzata dal modder Robin Scott, l’avventura di Gifts of the Outsider apre uno squarcio dimensionale tra il mondo di Dishonored e quello di Skyrim per permettere a Dovahkiin di incontrare l’Esterno e di fregiarsi del suo marchio: una volta superata la breve fase di tutorial necessaria per acquisire esperienza con i poteri dell’Esterno, il Sangue di Drago sarà in grado di sfruttare le medesime abilità soprannaturali utilizzate da Corvo Attano (e successivamente da Daud nei contenuti aggiuntivi a lui dedicati) tra i palazzi della decadente e umida città di Dunwall.

Per intraprendere la quest e acquisire i poteri di Corvo superando le diverse missioni secondarie scritte da Scott basterà installare la mod e recarsi nei pressi del lago Honrich, situato a est di Riften, e aprire la porta fatiscente della casetta abbarbicata sulla collina che domina il lago. In maniera non troppo dissimile dal sistema necessario per sbloccare gli Urli “dragheschi” nella versione originaria di Skyrim, per apprendere le abilità dell’Esterno bisognerà interagire con le rune poste sugli altari rintracciabili nelle aree delle quest: il ventaglio di poteri comprenderà Traslazione (per teletraspotarci quasi istantaneamente tra due punti vicini della mappa), Visione Oscura (per determinare la posizione dei nemici visualizzandone l’aura anche attraverso le pareti), Possessione (per controllare i nemici entrando nella mente e nel corpo degli esseri umani e degli animali per pochi secondi), Distorsione (per rallentare il tempo e attaccare indisturbati il proprio avversario), Branco Famelico (per evocare un brando di ratti famelici) e Ciclone (per spazzare via i nemici lanciandogli addosso delle folate di vento gelido).

A tutti gli utenti PC di The Elder Scrolls V desiderosi di aggiungere un pizzico di azione stealth alle dinamiche di gioco del loro GDR fantasy preferito, perciò, consigliamo vivamente di scaricare dal portale di Skyrim Nexus la mod gratuita Gifts of the Outsider.

 

Dishonored è l’affare del fine settimana su Steam

Anche per questo fine settimana, Steam fa una delle sue “offerte che non si possono rifiutare”, alquanto interessante anche questa volta.

Il protagonista dell’affare del fine settimana è dunque Dishonored, il recente FPS con elementi stealth sviluppato da Arkane e pubblicato da Bethesda può dunque essere scaricato con il 50% di sconto, a 29,99 euro, sulla piattaforma online di Valve. L’affare del giorno, invece, è Limbo a 2,49 euro.

Dishonored: “Il Pugnale di Dunwall” – immagini, data d’uscita e dettagli del prossimo DLC

Viktor Antonov e i boss degli studi Arkane decidono di confermare le indiscrezioni rincorsesi in queste ore sui siti e sui forum di settore annunciando in via ufficiale lo sviluppo della prossima espansione di Dishonored, la prima dedicata esclusivamente alla campagna in singolo.

Nelle missioni che si snoderanno nella campagna paralllela de “Il Pugnale di Dunwall”dovremo impersonare Daud, il famigerato assassino dell’Imperatrice: vestendo i suoi panni dovremo seguire le indicazioni che l’Esterno darà a questo antieroe per offrirgli l’opportunità di redimersi e di porre rimedio al male che ha causato agli abitanti del regno.

Similarmente a quanto accaduto a Corvo nella campagna “liscia”, anche per Daud il Marchio dell’Esterno sarà la fonte di tutta una serie di poteri soprannaturali legati, ad esempio, alla possibilità di rintracciare le Rune e gli Amuleti d’Osso (con la Visione dell’Oblio), alla capacità di piegare il tessuto spazio-temporale per compiere dei salti altrimenti impossibili (conTraslazione) o all’inedita possibilità di richiamare i Balenieri per poter essere assistiti in battaglia per un periodo di tempo limitato (con Chiama Assassino).

Il Pugnale di Dunwall sarà disponibile a partire dal 16 aprile su PC, PS3 e X360 al prezzo di 800 Punti Microsoft o 9,99 € : il contenuto aggiuntivo offrirà nuovi elementi d’equipaggiamento (sia armi che oggetti), alternerà ambientazioni inedite a luoghi già visitati da Corvo (offrendo, ovviamente, la prospettiva di Daud) e permetterà all’utente di approcciarsi liberamente alle missioni. Il finale di questo DLC sarà dinamico e influenzerà gli eventi della seconda espansione dedicata sempre a Daud, intitolata Le Streghe di Brigmore e prevista in uscita nei prossimi mesi.

 

Dishonored: un’immagine e prime info sul prossimo DLC

Dopo essersi compiaciuti per il quantitativo di RAM “equipaggiato” da PlayStation 4 e dopo aver praticamente confermato l’intenzione di voler sviluppare il seguito di Dishonored, i ragazzi degli studi Arkane sfruttano il proprio profilo Twitter ufficiale per pubblicare l’immagine di quella che, con tutta probabilità, sarà la prima espansione della campagna principale del loro pluripremiata avventura fantascientifico-vittoriana.

Stando a quanto è possibile ammirare in questo scatto, e alle seppur frammentarie informazioni offerteci dagli sviluppatori francesi, il contenuto aggiuntivo in questione dovrebbe intitolarsi “The Other Side of the Coin” (”l’altra faccia della medaglia”) e, sempre in via teorica, dovrebbe permetterci di vestire i panni di un membro dei Baleniei, ossia del gruppo di assassini soprannaturali artefice dell’uccisione dell’Imperatrice di Dunwall.

Diversamente da quanto sperimentato con l’espansione Dunwall City Trials, quindi, il DLC che gli Arkane ci proporranno in un futuro prossimo andrà a riallacciarsi direttamente all’avventura di Corvo, ampliando in questo modo gli orizzonti narrativi della saga attraverso delle missioni open-world con finale influenzato dalle scelte di gameplay compiute dal nostro alter-ego.

Speriamo quindi di ritornare quanto prima sull’argomento per svelare l’arcano degli Arkane legato a questo contenuto aggiuntivo: nel frattempo, vi lasciamo alla nostra recensione di Dishonored.

 

Dishonored: il processo di sviluppo nelle parole e nelle immagini del direttore artistico

Il grande successo di pubblico e di critica ricevuto in queste settimane con il lancio di Dishonored ha indotto il direttore artistico degli studi ArkaneSebastien Mitton, a illustrare il lungo e delicato processo creativo spiegando gli aspetti più importanti dello sviluppo attraverso delle immagini di gioco e dei bozzetti preparatori corredati da un commento esteso sulle scene ritratte. L’immagine che fa bella mostra di sé ad inizio articolo, ad esempio, è il fondamentale schizzo a matita che gli artisti hanno disegnato quando il gioco, nelle sue fasi iniziali di sviluppo, era ancora ambientato nella Londra del 1966. Mitton spiega:

“[Questo schizzo] mi mette un po’ di nostalgia, ma in senso positivo. Da qui sono derivati molti ottimi disegni sull’architettura dell’ambiente. A quel tempo, sulla linea dell’orizzonte si vedevano più di 80 cattedrali. Le facciate hanno un aspetto scheletrico particolare, le strade ricordano dei canyon e le ombre sono molto particolari.”

Seguiteci dopo la pausa per leggere le altre dichiarazioni di Mitton e per osservare le restanti immagini di Dishonored in galleria.

“Nel nostro gioco, la peste ricopre un ruolo molto importante. Dopo molte ore di ricerche sui resoconti della Peste Nera, abbiamo utilizzato alcune di quelle testimonianze come punto di partenza per esprimerci visivamente. Lo scopo delle ricerche era fornire al giocatore un enorme impatto estetico, accentuando la visione distopica della città. L’ispirazione per questo esempio in particolare (eliminato per mantenere la coerenza del gioco) ci è venuta dalle opere di Christo e Jeanne-Claude, che hanno lavorato con la calce viva utilizzata nelle fosse comuni.”

“Essendo un designer, per me è una sfida molto divertente combinare un aspetto intrigante, funzionalità, meccanica, buone animazioni e una sensazione di potenza in un’arma che puoi potenziare in molti modi!”

“Adoro questa nave. La sua prua mobile può catturare le balene, dopo che sono state arpionate. Ho avuto l’idea visitando i nostri uffici ad Austin. Ho notato un ragazzo sui trampoli, che puliva la facciata del palazzo. Ho detto ad Harvey (Co-Creative Director) che avremmo potuto mettere sui trampoli lo strillone della città (alla fine, abbiamo scelto di usare gli altoparlanti). Lui è stato d’accordo con me e così il ragazzo è diventato immediatamente un Tallboy. Col passare del tempo, i progettisti hanno modificato la sua funzione all’interno del gioco, trasformandolo in una guardia armata di arco. Allora ho proposto di posizionare un contenitore pieno di fosforo sulla schiena per ottenere un bell’effetto visivo allo scoccare delle frecce. Harvey preferiva l’olio di balena. OK, ma allora ci servivano le balene. Giusto? Ed è difficile trovare le balene, se non nuoti nel bel mezzo dell’oceano! Quindi è stato necessario creare una nave baleniera ed ecco il risultato! A quel punto, ho capito che il gioco era ambientato in un suo universo autonomo e non c’era bisogno di aggiungere nulla dal mondo reale: conteneva già tutte le soluzioni alle sue necessità.”

“Questo è un dettaglio del dipinto del Reggente, eseguito da Sergey Kolesov. Secondo me, è uno dei pittori e illustratori più talentuosi al mondo. Questo dipinto ha vinto il premio “2012 into the pixel” all’E3. C’è tutto quello che amo nei dipinti. Guardando la guardia del corpo, si scopre un secondo strato di narrazione visiva. Non te ne accorgi immediatamente ma, se ti prendi il tempo di esaminarlo per bene, è lì. Una brava guardia del corpo deve essere discreta!”

“È sempre molto triste dover eliminare caratteristiche, idee o concetti. Ciononostante, questo è il nostro ruolo! Un grafico deve sempre essere molto aperto e reagire positivamente ai cambiamenti per il bene del progetto. In questo caso, abbiamo dovuto eliminare un manicomio infestato da alcuni abitanti del luogo: i Lunatici. Mi piaceva molto la meccanica di questi personaggi: erano estremamente sensibili ai suoni e non combattevano, limitandosi a spingere il giocatore in un angolo e a lanciare un grido non appena lo scoprivano.”

“Dopo una lunga fase di ricerca in musei e biblioteche, arriva il momento di mettere qualcosa su carta che sia coerente con i punti chiave e i filtri visuali che abbiamo stabilito. Mi piace questo pannello, perché dimostra fino a che punto possiamo arrivare durante le riunioni creative. Jean-Luc, il mio assistente, non si limita a prendere degli appunti: riempie pagine e pagine!”

“Uno degli obiettivi principali che mi ero prefissato durante la creazione di Dishonored è stato dare vita a personaggi immediatamente riconoscibili. Questa ragazza è il risultato di lunghe ricerche fotografiche a Londra ed Edimburgo. Ho analizzato i primi piani e gli studi dei tipici tratti somatici anglosassoni, così come si trovano nei libri e nelle illustrazioni dei romanzi pulp. Se ti basi su caratteristiche universalmente conosciute, i tuoi personaggi veicoleranno emozioni prima ancora di parlare o muoversi. Questa è narrazione visiva.”

“In questa immagine vediamo una delle prime integrazioni di un nostro personaggio all’interno del gioco. Quando vedi che tutto combacia, è un momento di grande gioia. Stai andando nella giusta direzione e, tutto a un tratto, non ti preoccupano più i lunghi e difficili giorni che ti aspettano.”

“Ho già parlato della narrazione visiva ed eccone un esempio perfetto. Qui ad Arkane adoriamo creare universi densi e viscerali!”

ioinviaggiodue

ci guadagno il colore del grano...

Mile Sweet Diary

diario semiserio di una aspirante pasticcera

Illustra.

magazine

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Wikinerd

NERD e dintorni ;)

ioinviaggio

Dopo un po’ impari che il sole scotta, se ne prendi troppo. Perciò pianti il tuo giardino e decori la tua anima, invece di aspettare che qualcuno ti porti i fiori. E impari che puoi davvero sopportare, che sei davvero forte, e che vali davvero. E impari e impari e impari. Con ogni addio impari. (V. Shoffstall)

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

VOLO SOLO PER TE

Io e la mia vita...sul mio blog troverai parole che in questi angoli di paradiso potranno rasserenarti e regalarti se vorrai un momento di dolcezza..E se vorrai lasciarmi un commento sara' gradito da parte mia

Piccole Storie d'Amore

Vivo i giorni nella solitudine

NON SOLO MODA

La moda, uno strumento per essere positiva, negativa , simpatica, antipatica...semplicente TU

la musica è un luogo

Ogni pensiero risuona come una canzone.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: