Categorie
Dominatore di Poteri Draghi Drago Nero Dragon Age : Inquisition Foto Kratos Kratos Black

Kratos vs Drago

Il Drago Nero che Kratos aveva davanti a se era grande ed era di colore nero e stava sbuffando aria dai polmoni per dire sono pronto a renderti un cadavere incenerito e nessuno ti riconosce e quello era un modo per preparasi e sputare fuoco dall bocca . Kratos inizio a correre contro il drago e lui si mise subito pronto a sputare fuoco ma Kratos fece un salto sopra il suo corpo . Adesso era sopra di lui e fece in modo di non cadere anche se lui stava muovendo le ali in modo molto forte . Kratos mise le sue mani forti sulla pelle dell’ ala desta e non si muoveva di un solo metro visto che la presa era forte e molto stretta . Kratos con una delle mani lascio la prese l’ ala destra e prese la Lama dell’ Esilio e taglio un po’ dell’ ala destra . Il Drago senti una ferita molto forte all’ ala destra e cerco di buttare Kratos giù con l’ altra ala . Il Drago fece muovere l’ ala destra verso Kratos ma lui era pronto e la fermo con una mano sola . Il Drago cercava di toglierla dalla mano di Kratos muovendosi ma Kratos era li fermo e l’ ala era dentro la sua mano in modo molto forte e stretto . Kratos prese la lama dell’ esilio e gliela ficco dentro l’ ala destra e gliela tolse tutta quanta e cosi non poteva più volare via da li . Kratos vide che il drago era molto violento e davvero molto agitato e con i suoi pronti a mettere uno sguardo di vendetta . Kratos e il Drago avevano lo stesso sguardo e da li si poteva capire che lo scontro era appena iniziato . Il Drago si preparo e invece di sputare fuoco da questa sua bocca enorme sputo fulmini ed erano puntati da tutte le parti .Kratos si era protetto e le fece pure con il vello d’ oro e cosi rimando il suo attacco al mittente ma con molta più potenza e il drago resti tramortito per un po’ . Possiamo dire che era pronto per essere cucinato alla griglia . Quando lo scontro sembrava essere finito lui si riprese e inizio ad attaccare con la testa e aveva quasi preso Kratos . Kratos scansava i colpi del drago molto veloce . Il Drago cercava di prendere Kratos alla sprovvista ma non ci riuscita visto che era troppo lento . Kratos vedeva che il drago si voleva giocare il tutto per tutto contro . Il Drago voleva vincere a tutti i costi e non perdere contro questo umano . Lui decise di parlare con una voce molto forte e potente – non mi farò battere da un umano che sa fare qualche trucco magico . Io sono creatura leggendaria e magica e non mi farò certo battere cosi facilmente . Kratos aveva le spade – molto bene lo scontro si fa più interessante . Non vedo l’ ora di uccidere un mostro leggendario cosi invece di chiamarmi Fantasma di Sparta mi chiamano il Distruttore di Draghi . Il Drago non si fece nessuna paura – se vuoi quel titolo mi devi battere . Il Drago inizio a preparasi per lanciare il suo attacco di ghiaccio . Si mise in posizione anche se gli facevano male le ali e non solo poco ma molto . Inizio a espirare l’ aria e poi si concentro sul ghiaccio e fece uscire dalla sua bocca una grande tempesta di ghiaccio . Kratos inizio a girare su se stesso e fece girare pure le Lame dell’ Esilio e si preparo a usare una Tempesta di Fuoco . La Tempesta di Fuoco distrusse tutto il ghiaccio in colpo solo . Il Drago vide meglio le spade che aveva Kratos e sapevano che erano delle spade molto potenti e quindi cerco di toglierle dalle sue mani . Kratos inizio a vedere gli attacchi uno a uno e ci mise a poco a capire cosa stava facendo il drago – belle mosse e bel tentativo di togliermi di mano le spade . Kratos decise di mettere fino alla scontro e si fece attaccare con un colpo di testa ma poi con le sue mani forti all’ ultimo secondo gli tenne fermo il collo e lo uccise con un colpo solo . La sua testa era crollata terra . Kratos aveva sconfitto un drago tutto da solo . Alla fine dello scontro aveva tutto il sangue di drago li sul corpo e si prese la testa come riconoscimento di quello che era riuscito a fare .

Categorie
Anna Conte Foto Tatuaggio

Tatuaggio di Roberta Arcieri

Roberta Arcieri dietro la sua schiena che è molto forte , dura pronta a fare grandi cose ha un tatuaggio che mostra che ha il controllo dei 5 elementi . Roberta controlla il ghiaccio , il fuoco , l’ aria , l’ acqua , il fulmine . Divisi sono forti questi elementi ma quando sono insieme sono il tutto e formano un grande e mistico equilibrio . Roberta ha deciso di metterlo sul suo corpo perchè gli piaceva e Anna non lo seppe che lei aveva questo tatuaggio visto che non voleva dare a lei la possibilità di farsene uno . Roberta non sapeva che Anna ne aveva già uno e forse lo scopre il giorno in cui vedrà il suo corpo coperto di ghiaccio e mentre aspetta che ritorna normale . Roberta la vedrà nuda e vedrà anche il suo tatuaggio che ha sul petto .

4-elements

Categorie
Acqua Aqua Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Elementi Maestro Eraques

Aqua impara a controllare l’ acqua

 

Tutti quanti in un momento particolare dobbiamo scoprire quale elemento dobbiamo controllare e altri invece come me riescono a controllare tutti gli elementi e e tutti i poteri . Aqua sapeva che il suo elemento era quello dell’ acqua visto che questa scoperta non l’ aveva fatta con me ma con il maestro Eraques . Erano vicino a una fontana e ad Aqua piacque subito l’ acqua e sentiva dentro di se come di un legame a tale elemento . Il maestro Eraques si misi vicino alla sua allieva che stava toccando con la mano destra l’ acqua che era nella fontana . Aqua guardo in volto il suo maestro e gli disse con calma come il suo elemento visto che lei era calma come l’ acqua e poteva essere come una tempesta quando si arrabbia . Eraques vide che negli anni Aqua era divenuta grande visto che aveva 14 anni a quell’ età ed era arrivato il momento per lei di scoprire il suo elemento . L’ aveva portata li visto che aveva visto che Aqua doveva essere collegata all’ elemento dell’ acqua e quale luogo migliore di una fontana per farle capire il suo elemento . Eraques guardo Aqua in volto – e ora che tu scopra il tuo elemento . Quando hai toccato l’ acqua non hai percepito qualcosa che è dentro . Non hai sentito che l’ acqua che scorre dentro di te e quello che stai toccando cercano di unirsi . Aqua lo aveva notato visto che sentiva il suo cuore che era puro e non pieno di oscurità quando aveva cercato di uccidere il suo clone malvagio . Aqua sentiva dentro di se l’ acqua muoversi e cercare di renderla più forte e vide che tra le sue mani inizio a scorrere dell’ acqua anche senza averlo fatto . Anche se portava dei guanti neri le sue mani erano piene d’ acqua e non sapeva il perché – come mai dalle mie mani scorre dell’ acqua e senza che io abbia fatto niente . Eraques guardo in modo calmo Aqua e le disse – adesso se fai come ti dico tutto andrà bene visto che oggi e un giorno importante per te . Aqua vide il suo maestro che era calmo e non agitato come lei visto che fino ad allora non le era successo niente del genere . Alla fine guardo il suo maestro e si inizio a calmare visto che accanto a lui tutto sarebbe andato bene e avrebbe superato questo giorno – che devo fare per fermare questa cosa ? . Eraques vide che Aqua era agita e vide che lui nella stessa posizione e con la stessa paura – Se lo vuoi fermare ti devi calmare e poi inizia a chiedere gli occhi e inizia a pensare che l’ acqua e già dentro di te . Quindi usa il tuo cuore e inizia a fermare l’ acqua e fa con calma visto che l’ acqua e un elemento imprevedibile e devi procedere con estrema calma visto che più ti agiti e più acqua esce dalle tue mani . Aqua inizio a fare come disse il suo maestro visto che lui era capace di controllare tutti gli elementi anche quello dell’ acqua e quello che stava succedendo ad Aqua quel giorno tanto tempo fa era successa pure a lui quando aveva la stessa età . Aqua vide che dalle sue mani non usciva più l’ acqua e poi disse – Aqua il tuo elemento e l’ acqua e un elemento da non sottovalutare visto che l’ acqua può sembrare calma e che non faccia nessun danno ma se diventa agitata può diventare imprevedibile come una grande tempesta pronta a scatenarsi verso i tuoi nemici . Basta che tu ti concentra non solo sull’ acqua che sta vicino a te ma anche a quella che sta dentro di te visto che le due cose sono collegate . Aqua quel giorno di novembre aveva scoperto il suo elemento visto che non solo quello controlla ma anche altri elementi visto che quando fai un viaggio puoi fare tutto e anche imparare a controllare gli altri elementi come il fuoco e come il ghiaccio .

 

Categorie
Bright Falls Foto L' Ombra Roberto Auditore

Frecce Nere dell’ Ombra

L’ Ombra per scappare dalle Guardie quando erano tante doveva sempre avere delle frecce che erano diverse visto che una frecce lanciava un gas fumogeno nero per fare in modo per scappare nella notte e cosi non essere visto dalle altre guardie . Di frecce ne aveva diverse visto che se ne era fatte 3 con l’ elemento dell’ acqua per spegnere il fuoco quando le guardie da una parte accendevano un falò oppure 2 che contenevano le fiamme per riaccendere il fuoco che aveva spento . Si era fatto fare molte frecce per impiccare i suo nemici e fare in modo che poteva dare un messaggio ai suoi nemici del tipo ” Non seguitemi oppure finirete come il vostro nemico qui presente ” . Per salvarsi dalle guardie si era fatta fare 6 frecce con delle corde per scappare nella parte più bassa del palazzo e del posto in cui si trova . Le altre frecce invece servono a fare trappole con flash accecanti per non farsi seguire dalle guardie visto che con quei flash non possono distinguere nè luce e nè oscurità e questo da un doppio vantaggio all’ Ombra e questo gli da un maggiore vantaggio sulle guardie .

 

 

Categorie
Foto L' Ombra Roberto Auditore

Arco dell’Ombra

L’ Ombra per andare da una parte all’ altra della città in che modo cioè con questo arco che lancia frecce con una coda per andare sotto o sopra e cosi scappare dai suoi nemici . Per distrarre i nemici usa frecce con elementi come il fuoco o come il vento per far apparire il fuoco dove non c’ era e dove c’ era il fuoco poteva farlo scomparire con il fuoco che era dentro alle lanterne e cosi scappare dalle guardie nella notte che lo protegge e lo rende quello che è cioè l’ Ombra . L’ Ombra alcune volte deve uccidere ma solo in rari casi ma decide di non farlo visto che lui è molto bravo a nascondersi nell’ ombra e quindi e proprio per questo lo rende impossibile . Se invece riguarda persone che sono addestrate meglio di lui allora lui deve uccidere con delle frecce molto particolari e con quelle frecce le impala per dare un segno ai nemici per far capire che non si devono mettere sulla sua strada .

Categorie
Annie Claus Babbo Natale Buon Anno Buon Natale Capodanno Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Natale Polo Nord

Auguro un Felice Anno Nuovo a Babbo Natale

Dopo aver passato il Capodanno con la mia famiglia andai al Polo Nord per dare gli auguri di Buon Anno Nuovo a una persona molto importante cioè Babbo Natale . Ero andato nel suo ufficio e lui stava parlando con sua figlia Annie Claus che era davvero molto carina , stava parlando do tornare a Los Angeles anche questo anno . A Los Angeles aveva passato dei bellissimi momenti e anche se non era il Polo Nord ed era rimasta li per quasi tutta la vita apparte nel 2011 . Aveva i capelli lisci , vestiti di natale e un bellissimo capello da natale . Li era sempre natale e io dissi a Babbo Natale con molte forte – Buon Anno Nuovo Babbo Natale e anche a te Annie Claus . Babbo Natale si giro verso di me e poi mi disse – Buon Anno Nuovo pure a te Daniel e poi Babbo Natale venne verso di me e mi abbraccio e poi mi presento sua figlia Annie e le disse – Anni lasca che ti presento un mio amico molto antico e molto grande e si chiama Daniel Saintcall . Io mi presentai a Annie Claus e le disse – Piacere di Conoscerti Annie , io sono Daniel Saintcall e Buon Anno Nuovo . Dopo pochi minuti dalla porta del suo ufficio arrivo anche la moglie di Babbo Natale ed era venuto con delle buona cioccolata calda e me ne offri un po’ ed era buonissima .Prima di andarmene lessi i pensieri di Annie Claus e lei diceva “ non vedo l’ora di tornare a Los Angeles . Chissà se mio padre mi farà tornare li .” Annie Claus ne stava parlando con lui e visto che c’ era molto lavoro da fare e quindi doveva rimandare il viaggio e lei non era felice . Io presi parola e dissi a Babbo Natale – lascia andare tua figlia a Los Angeles e mentre lei e li e io ti con i magici poteri di aiuto a gestire tutto questo . Ce la posso fare e poi non vuoi che tua figlia sia infelice . Babbo Natale ci penso un po’ e poi disse a sua figlia Annie – va bene tesoro puoi ritornare a Los Angeles e poi disse a me – tu mi aiuterai tantissimo da adesso visto che ci sono parecchie cose che bisogna fare che bisogna fare per questo nuovo Natale . Io le dissi con molta felicità – certo che ti aiuto a fare tutto questo , non voglio mica rovinare il Natale . Annie era molto felice di tornare li a Los Angeles e aiutare la fabbrica dei giocatoli in cui lavorava li a Los Angeles per il suo viaggio di due anni fa . Dopo aver detto questo Annie mi chiese – Daniel ma come facevi a sapere che volevo tornare li a Los Angeles ? , io allora la guardai e mi stava scrutando con uno sguardo tipo per dire “ tu sei un mistero e io voglio sapere cosa sei e chi sei “ . Alla fine io le dissi – io leggo il pensiero e ho letto i tuoi pensieri , anche se non dovevo farlo ti ho fatto ritornare a Los Angeles e spero che ti piaccia il regalo per Capodanno . Annie mi ringrazio e disse – grazie Daniel per aver reso possibile questo mio viaggio verso Los Angeles . Grazie ancora di nuovo e Buon Anno Nuovo pure a te . Annie mi chiese per curiosità perché voleva sapere cosa altro potevo fare e sopratutto chi ero – cosa sai fare oltre al fatto di leggere la mente ? . Io le dissi – so fare molto altro ma non mi piace molto parlare , mi piace più fare le cose . Se vieni fuori con me te lo mostro . Annie Claus e io uscimmo e io le feci vedere cosa sapevo fare con il fuoco , con il ghiaccio e con tutti i miei poteri e lei si divertiva tantissimo nel vedere tali cose che facevo .  

Categorie
Alukard Saintcall Daniel Saintcall Distruttori Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Helena Saintcall Malefica Mangiare

Malefica scopre cosa ho fatto

Per tornare quello che ero un tempo sono andato da Malefica la Regina del Male , andare da lei forse è stata una pazzia ma quando non sai cosa fare alcune volte devi fare delle pazzie . Malefica inizio a cercare di capire cosa è successo nella Guerra dell’ Universo , lo voleva sapere per aiutarmi a farmi controllare la Furia Nera . Per farlo dovevo affrontare quello che avevo fatto e quando si ricordo della nostra discussione vide che io non guardavo negli occhi i miei genitori Alukard e Helena Saintcall . Alla fine quando capì quello che avevo fatto venne da me e mi affronto dicendomi – ho capito quello che hai fatto ? . Io la guardai e disse – lo so che hai capito , avanti uccidimi per quello che ho fatto . Anche se con la mia mossa ho salvato l’ intero universo io non dormo per questa situazione . Malefica mi guardo negli occhi e disse – perché hai fatto questa cosa ? , io la guardai negli e vidi oscurità ma anche rabbia e poi era pronta a sentire quello che avevo da dire – Tu lo sai che i miei genitori erano molto bravi negli incantesimi e sapevano molti poteri e alcuni erano molto devastanti e  se qualcuno come i Distruttori li avessero avuto sarebbe stata la fine per ogni pianeta o razza aliena e per questo l’ ho fatto . Ascolto tutto il mio discorso e disse – hai fatto bene , spesso si deve sacrificare qualcosa per fare del bene e tu sei quello che ha sacrificato di più . Ora dormi e domani ti aiuto a controllare la Furia Nera e la guardai e le dissi prima che se andasse dalla stanza – io non dormo più , dopo quello che ho fatto ho gli incubi , chiudo gli occhi e sento e vedo tutto quello che hanno fatto i Distruttori e i Dominatori di Poteri . Malefica aveva sentito parlare dei Distruttori ed erano davvero molto cattivi e diversi pianeti sono diventati cenere per colpa loro e alcune volte hanno distrutto il futuro di miliardi di persone . Malefica e i miei genitori avevano parlato della minaccia dei Distruttori e anche se erano potenti i miei genitori avevano paura di non farcela e di perdere contro di loro . Malefica aveva chiesto a mio padre Alukard come mai volevano attaccare il loro popolo e per questo Malefica mi disse quelle parole perché sapeva loro come erano potenti e se avessero preso alcuni dei poteri di mio padre sarebbero diventi una delle potenti forze oscure dell’ intero universo e questo Malefica capì il mio gesto .

Categorie
Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Garret Me Racconto Roberto Serena The City

Cerco di riprendere un quadro da una guardia

Ero in The City la città natale di Garret il grande maestro ladro , ma la città non si doveva solo preoccupare di lui anche di guardie che spesso utilizzavano il loro lavoro per prendere soldi , quadri e spesso la virtù dalle figlie delle persone che dalle quali rubavano loro e se uno diceva loro qualcosa finiva molto male . Mentre nel mio universo c’ era l’ ospedale con le tue tecniche per aiutare i malati , qui c’era l’ ospedale ma era lontano anni luce alle conoscenze che abbiamo nel nostro universo . Andai vicino a delle guardie che avevano benuto e stavano per picchiare a morte un uomo che voleva riprendersi il quadro di sua moglia . Arrivai li e li fermai , la guardia sulla destra mi stava per dare un pugno lo bloccai e poi gli diedi un pugno nello stomaco e lui si accascio a terra . Poi tocco all’ altro , era lui che aveva preso il quadro e lui che mi poteva dare informazioni . Cosi lo presi e dissi – dove si trova il quadro ? , lui mi guardò e disse – si trova a 360 metri da te , lui non mi poteva mentire aveva la mia spada puntata alla gola . Mi occupai prima del signore e lo curai con i miei poteri e poi dissi a lui – sta bene signore ? .

Si sto bene , grazie per avermi aiutato . Adesso se lei resta in casa io le prendo il quadro che è tanto importate per lei . Se ha rischiato di perdere una mano , quel quadro deve raffigurare una persona molto cara per lei . Roberto mi disse – si , raffigura mia moglie che è morte tre anni fa . Dopo andai a prendere il quadro e li c’ erano moltissime guardie , prendere il quadro sarebbe stata una impresa se non avessi fatto piano . Se avessi fatto solo un pò di rumore o mi avesserò visto le guardie tutte sarebbero scattate li . Decisi di fare con calma , mi misi nell’ ombra , l’ ombra della notte e con calma sconfiggevo le guardie una dopo l’ altro senza ucciderle . Se lo potevo lo evitavo e portare cadeveri non mi avrebbe fatto che portare guai , alla fine su un carro c’ era il quadro che raffigurava una bellissima donna . Io la riportai a Roberto e lui fu molto contento di vedere il quadro , quando lo vide vidi nei suoi occhi che il quadro era più importante della sua vita . Roberto aveva pure una figlia , purtroppo per lei era arrivato troppo tardi e non potevo fare nienre per te neanche tornare indietro nel tempo . Andai dalla ragazza e mi misi accanto a lei stava piangendo sul suo letto , io la abbraccai e dissi – ora è passato tutto , calmati . Serena non era più felice come lo era prima le era stata privata la propria virtù da un mostro e non si poteva riporre rimedio , nessun rimedio poteva fare qualcosa . Anche io che avevo i miei poteri o la mia macchina nel tempo poteva fare niente , io però per lei potevo fare una cosa sola cioè portare via Serena da li .Serena non se ne voleva andare e dissi – Senti Serena qui non sei al sicuro e tuo padre è stato più preoccupato di un quadro a te , quindi non è meglio che vieni con me e forse ti daranno a una famiglia più generosa e tu li possa rendere orgliosi oppure stare qui e farti fare le cose peggiori e senza che tuo padre faccia niente . Devi essere coraggosa , la scelta è tua soltanto , io fino a quando non  decidi tu non posso fare niente . Serena capì che era una sua responsabiltà vivere una vita felice e cosi mi diede la mano e io la portai via da li , da quell’ inferno che lei chiamava casa . Tutti giorni solo lei lavorava , possiamo dire che suo padre da quando era morta sua madre lui era morto . Nel mondo non c’era più niente per lei e lui tutti i giorni stava li a guardare il quadro . Per me è stato brutto portare via Serena al padre , ma Serena invece di un padre che era vivo , il suo possiamo dire che era morto lo stesso giorno in cui era morta sua moglie . Roberto aveva provato due o tre volte a togliersi la vita ma per il bene di sua figlia non l’ aveva fatto ma adesso che a sua figlia le avevano tolto la sua virtù e cosi secondo lui non poteva avere un erede lui con o senza Serena tra due o tre giorni si sarebbe tolto la vità .

Categorie
Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto

Il mio vero volto

Il volto che avevo , non era quello vero . Adesso vi faccio vedere il vero volto che ho . Dopo una lunga decisione vi faccio vedere il mio vero volto .

Quello nella foto sono io . Quello è il vero aspetto .
Quello nella foto sono io . Quello è il vero aspetto .
Categorie
Alukard Saintcall Assassinare Assassino Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Helena Saintcall Isole Jack Norrington La Rosa Nera Port Royal Templari

Addestramento con Rosa Nera parte 3

Avevo trovato la spia dei Templari che si unito alla banda dei pirati della Rosa Nera , conosciuta cosi perché quando uccide lei lascia sul corpo della vittima una rosa nera per far capire a tutti chi è stato . Una volta scoperta la talpa tornai alla bar dove stavano tutta la banda della Rosa Nera , lei ancora li a bere rum , era un po’ pezzo senza fondo né beveva tantissimi . Era un po’ ubriaca , ma cercava di rimanere sveglia e pronta ad ascoltare tutto quello che avevo scoperto sulla sua nave e chi era talpa . Nessuno degli uomini della ciurma della Rosa Nera mi avrebbero notato ma anche prima lo aveva fatto , io entra li dentro e mi diressi diritto contro Rosa Nera . Mi misi a sedere accanto a lei e le dissi – Rosa Nera ho scoperto chi è la tua talpa , però non né voglio parlare qui dentro , incontriamoci qui fuori alle quattro di notte e ti dirò chi è e come agiamo contro di lui . Rosa Nera mi guardò in faccia ed era molto felice di sapere che avevo scoperto chi era la talpa , ma poi lei senti quello che avevo detto e disse – come mai mi vuoi incontrare qui fuori e non vuoi parlare qui dentro . Ora ti spiego , qui siamo osservati da tutti anche dalla tua talpa e quindi lui potrebbe vederci parlare , lui si allerta e scappa . Invece se te lo dico dopo con calma da soli e senza che nessuno ci possa né vedere né sentire e cosi noi possiamo proteggere come sbaraccarci della talpa senza essere interrotti dai Templari . Rosa Nera capì il mio ragionamento , cioè volevo sbarazzarmi della talpa in un luogo isola e dove lui non possa chiedere aiuto a nessuno dei suoi amici templari . Ottima idea Daniel , adesso che ne dici di bere un po’ di rum e far finta di non sapere niente di questa storia e poi ce ne occupiamo dopo che tutti gli uomini della mia ciurma se sono andati a dormire . Si – mi prese un po’ di rum e iniziai a berlo , tanto a me non faceva nessun effetto sopratutto grazie alla mia rigenerazione cellulare accelerata . Verso le due tutti gli uomini della banda della Rosa Nera , pure Jack Norrington lo fece però era un po’ preoccupato ma poi la Rosa Nera lo guardò e disse – non stavamo parlando di te , stavamo parlando di altro tra me e la persona con cui parlavo . Per un po’ le preoccupazioni di Jack Norrington si affievolirono e lui pote andare a dormire come tutti gli altri , pure lui aveva bevuto un bel po’ di rum . Tutti erano andati a dormire tranne noi due , io non dormivo perché dopo che ho visto morire la mia gente , chiudo gli occhi anche solo per un minuto e la mia testa si riempe delle loro urla .La Rosa Nera non era stanca e poi io e lei dovevamo parlare di chi era la talpa e come sbaraccarci di lui senza dirgli niente . Ci dirigemmo verso il porto di Port Royal e le mi chiese – come mai , m hai fatto venire in un posto affollato e pieno di gente ? , io le risposi in modo semplice e diretto – al bar ci guardavano tutti i tuoi uomini , qui nessuno ci può guardare e nessuno dei Templari può fare niente , c’ e troppa gente . Adesso ti dirò chi è la talpa e poi ti dirò anche come procediamo per ucciderla senza farci scoprire dai Templari . Chi è la talpa ? , lo voglio sapere subito – mi guardò in modo serio e poi io le dissi – Jack Norrington , lui è la talpa che spiffera tutto ai tuoi pericolosi nemici . La Rosa Nera era parecchio arrabbiata e stava per tornare alla sua base per uccidere la talpa , io le fermai e le mi guardò con quello sguardo che sfoderava contro i suoi nemici e disse – togliti e fammi andare ad uccidere la talpa . No , adesso tu mi ascolti prima di fare una scemenza e scatenare la furia dei Templari , ho un metodo per uccidere la talpa senza che loro lo sappiano .

Avanti spara , voglio sentire il tuo piano e spero che sia buono . Ma se sei figlio di Alukard e Helena Saintcall è sicuramente buono il tuo piano . – poi mi rivolsi a lei – Jack Norrington qualunque cosa tu dici a lui , i Templari la sapranno , utilizziamo questa cosa a nostro vantaggio . Che vuoi dire ? – disse La Rosa Nera , io continuai – noi daremo a lui delle false informazioni , lui dirà ai Templari tutto , loro si ritroveranno in un punto dove noi non ci siamo e noi invece siamo in un posto tranquillo e isolato dove Jack Norrington sarà in trappola e lui li non potrà chiedere aiuto a nessuno e lo uccidiamo . La Rosa Nera aveva sentito il mio piano e inizio a pensare e disse – è un piano buono e molto fattibile , l’ unica cosa prima di fare questa cosa è avvertire i miei uomini senza avvertire Jack Norrington . Io la guardai e dissi – ho pensato pure a questo , tu mandali porto di Port Royal , io li troverò e li avviserò io . Se ti vedono li loro penseranno che tu abbia scoperto qualcosa , se vedono me nessuno sospetterà niente perché nessuno sa chi sono e penseranno che io gli abbia detto una cosa qualsiasi . Poi mi guardò e disse – si vede che hai la mente di Alukard , ma la domanda più importate che mi faccio , avrai il coraggio di uccidere Jack Norrington . Non preoccuparti ce la faccio lo uccido e la storia finisce qui . La guardai con gli occhi della fenice puntati contro i suoi occhi e disse – va bene .

 

Il Giorno Dopo ore 9:00 a.m

 

Port Royal è bellissima sia la mattina e sia la sera , ma di più la sera e bellissima e magnifica . La Rosa Nera aveva detto ai suoi uomini tutti tranne a Jack Norrington di andare al porto di Port Royal per vedere c’ era qualche nemico , una scusa per andare li . Dopo pochi metri non trovarono niente , poi io li vidi e loro videro me e dissero – ma quello non è quell’ uomo che al bar parlava con il nostro capitano . Si avvicinarono a me e dissero – Chi sei ? , Cosa vuoi dal Capitano ? , quelle erano domande giuste visto che non mi avevano mai visto e non sapevano chi io fossi . Mi presentai – Io sono Daniel Saintcall e vi ho fatti venire qui io perché dentro la vostra ciurma di pirati c’ e una talpa dei Templari che spiffera tutto a loro . Tutte sciocchezze , non ci sono talpe nella nostra ciurma – io li guardai e dissi – né siete sicuro , vediamo se vi dico alcune cosette e tutto quadra a quello che avete visto nei pochi giorni . Ogni volta che state prendere un tesoro su un isola i Templari sono li , ogni volta che state per attaccare una nave o altre cose i Templari sono li , non mi dite che nella vostra testa non c’ e questa idea che uno di voi è una talpa , io so chi è ho pure un piano per ucciderla senza suscitare la rabbia dei Templari . Tutto quello che avevo detto quadrava a pennello e poi dissi – Dicci il tuo piano per uccidere la talpa , a nord-ovest c’è un’ isola deserta e nessuna la conosce apparte me , nessuno sa che esiste e nessuno ci abita . Quindi quello è il luogo perfetto per ucciderlo , neanche i Templari sanno che esiste questa isola che conosco solo io . Uno di loro si fece avanti e disse – perché non ci hai detto questa cosa sul ponte della nostra nave o al bar . Poi li guardai e dissi – la talpa è Jack Norrington , se lo avessi detto al bar o sul ponte della vostra nave lui avrebbe detto ai Templari che hanno scoperto che lui era la talpa e che lui insieme a i Templari avrebbero fatto un piano per uccidervi e la lotta del vostro Capitano sarebbe finita . Poi prima che li lasciassi andare – questa cosa non la dovete dire a Jack Norrington che sapete e comportatevi in modo normale con lui e poi su quell’ isola lo uccidiamo . Il piano era pronto per essere azionato , non aveva ancora detto niente a nessuno degli uomini della ciurma di Rosa Nera quale bottino dovevamo rubare , quella era la nostra copertura cercare un tesoro sottomarino nel Mare del Nord e noi invece andiamo a nord-ovest di Port Royal e mettiamo fine alla vita della spia e cosi noi possiamo continuare a salvare le persone dai Templari .