Categorie
2016 2535 Alicia Walker Alukard Saintcall Bright Falls Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Helena Saintcall T.A.R.D.I.S

Alukard Saintcall si fa creare il suo costume definitivo

Nell’ anno 2535 hanno delle potenti tecnologie e fu proprio grazie a quelle tecnologie che mio padre fece il suo costume definitivo . Ma iniziamo con gradi mio padre era tornato da un posto che non ci disse il nome ci disse solo che li c’ era stata una guerra e lui ci aveva partecipato . Molte volte lui andava sulla Terra un posto che era in lotta tra luce e e le tenebre e aveva deciso di aiutare la luce a trionfare e per questo una volta visto che se nel 2016 c’ erano delle tecnologie adeguate per creare il costume che lui aveva dentro la sua mente ma non ce l’ avevano e per questo se ne andò da li e decise di andare nel suo T.A.R.D.I.S . Una volta rientrato il suo T.A.R.D.I.S capì cosa cercava il suo padrone e alla fine decise di azionarsi da solo visto che il T.A.R.D.I.S non è solo una macchina ma un essere vivente che pensa e sa tutto dell’ universo e sopratutto quello che stava cercando mio padre . Il T.A.R.D.I.S lo aveva portato nella Londra del 2535 e visto che il chip per camuffarsi non era difettoso visto che mio padre sapeva dove trovare i pezzi cioè su Gallifrey il pianeta dei Signori del Tempo . Il T.A.R.D.I.S aveva assunto una forma davvero molto bella non ve la posso mostrare se no faccio uno squarcio nell’ universo e per questa mia cosa faccio arrabbiare davvero molto gli Osservatori . Alukard vide che il 18 Novembre del 2535 ed era nella Londra ed era bellissima visto che li c’ erano persone aliene , persone con poteri che potevano stare li per le strade senza essere guardati storti da nessuno . Alukard prima di chiudere il T.A.R.D.I.S a chiave per non farlo prendere da nessuno e cosi capire che quello era un vero T.A.R.D.I.S visto che da molto tempo Gallifrey era stato distrutto per colpa della Guerra del Tempo . Alukard decise di mettersi nel suo studio e fare su un foglio A4 uno schizzo del costume che voleva e cosa doveva fare , nel senso che una delle caratteristiche principale del costume e chi lo indossa può regolare le dimensione e cosi se io avrei cambiato aspetto lo potevo mettere nonostante il mio cambio di aspetto . Una volta camminato un po’ per le strade arrivo all Emporio di Alicia Walker e l’ insegna era con un vestito . Alukard entro con il suo disegno sotto al braccio e prima di andare vide se era sporco in faccia oppure no e vide che non lo era visto . Entro e vide quella giovane donna di 21 anni , occhi blu che andavano d’ accordo con i suoi bellissimi capelli blu e poi vide che tutto il suo look era tutto sul blu . Alukard si avvicino alla giovane donna e si schiarì la voce e Alicia chiese a mio padre – in cosa posso essere utile ? . Mio padre prese il disegno e fece vedere il progetto del suo costume alla ragazza che era molto gentile e davvero molto bella ma mio padre era già fidanzato con mia madre Helena . Alukard le chiese in modo gentile – vorrei avere questo completo pronto per domani ? . Alicia vide che il progetto era molto ben fatto e li sopra c’ era scritto tutto il materiale con cui doveva essere fatto e molto altro . Alicia era la migliore sarta del 23 secolo e solo le persone che hanno davvero bisogno di lei e sopratutto Alicia fa parte dei buoni e quando vide i progetti del costume capì subito a cosa dovevano servire ma il suo compito era fare e non dire e per questo glielo fece in tre giorni ed era perfetto . Mio padre prima di questo costume con il quale si poteva coprire tutto il volto , ne aveva un altro e non gli copriva tutto il volto e per questo poteva essere un problema visto che lui non doveva far vedere chi era oppure tutte le persone che avevano dei problemi con la sua identità segreta facevano di tutto per mandare a monte tutto il bene che aveva fatto . Ad Alukard serviva questo costume visto che con quel costume avrebbe fatto un sacco di cose e sarebbe divenuto Eroe degli Eroi di Bright Falls e dell’ intero Universing .

 

Categorie
Larry Faraday Mondo Racconto Rete

Rebecca costruire un computer portatile che si utilizza con le dita

Rebecca tra le varie cose che voleva sapere era l’ informatica , il gusto dell’ informatica era grande , codici da fare , riuscire a craccare siti o computer degli altri . Entrare in sistemi non autorizzati e fare moltissime cose , quello era il più grande interesse di Rebecca . Gli interessava combattere , ma voleva combattere anche nell’ informatico , era sempre più un passo in avanti al nemico . Voleva essere pronta , decisa e determinata , non voleva essere più la ragazzina piccolina che non sapeva fare niente e che per pietà deve essere risparmiata dal nemico . La prima cosa che dovette fare fu crearsi un computer portatile ma come il nostro che abbiamo qui con i tasti o che si bloccava . Ma in modo diverso , cioè con un computer che si poteva utilizzare con le dita , allungare le immagini e vederle in modo più grande , come se fossimo proprio li . Il padre e la madre di Rebecca viderò che lei si stava impegnando moltissimo nel progetto di fare questo computer cosi . Il padre andò da Rebecca e disse – senti Rebecca so che vuoi fare questo computer che si possa fare tutto con le dita , noi siamo qui se hai bisogno di aiuto chiedi pure aiuto a noi . Io e tua madre siamo bravi in moltissime cose , anche con il computer . Rebecca disse con uno sguardo molto felice e disse – si , ho bisogno del vostro aiuto , devo trovare componenti , schede madri , schede di rete e molto altri altri pezzi . Il padre disse – Rebecca vieni con me e io ti mostrerò il luogo giusto dove trovare le parti mancanti e Rebecca disse molto felice , come se fosse eccitata – avanti dimmelo , voglio saperlo adesso . Il padre disse a Rebecca – è un segreto , quindi adesso vieni con me e mi promettere una cosa . Rebecca disse – quando andiamo nel posto dove andiamo prima di arrivarci e prima che io te lo mostro devi teneri gli occhi chiusi , Rebecca promise questa cosa a suo padre . Il padre portò sua figlia sulla nave che era molto grande , il loro viaggio non ebbe intoppi e nessun incidente . Alla fine dopo molto tempo disse a Rebecca – Rebecca chiudi gli occhi . Il posto in cui suo padre la stava portando era L’ Emporio di Larry Faraday , li c’ erano pezzi unici e cose che nessuno trovava . Se volevi qualcosa di unico dovevi andare li e li trovavi quello che non trovavi da nessuna parte . Il padre fece attraccare la nave e scese insieme a Rebecca e li Rebecca subito come se fosse una esperta vide tutti i pezzi che le servivano per il progetto che le serviva . Lei inizio a prendere tutti i pezzi che le serviva per il suo progetto e suo padre pagò i vari pezzi che Rebecca aveva preso . Quando tornarono a casa Rebecca con l’ aiuto di suo padre e di sua madre iniziarono a fare questo progetto insieme , ci vollero molte ore di lavoro . I pezzi era molti , una piccola scossa e il pezzo o più pezzi andavano sostituiti e quindi altri soldi da spendere in altri pezzi e altro ancora . Ogni pezzo e ogni cosa doveva essere messo al posto giusto e messo con molta attenzione , una cosa messa nel posto sbagliato e il progetto di Rebecca sarebbe sfumato in attimo . Dopo molto ore di lavoro sia con suo padre e sua madre , finirono il computer , quando lo accesse tutto era possibile utilizzarlo con le dita . Rebecca che era piccola ed riuscita a fare questo , figuriamoci nel futuro lei cosa sarebbe riuscita a fare .