Categorie
2013 Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Carlotta Ferlito in esclusiva: “Ora la maturità. I Mondiali? Ci provo”

Sempre più amata dalle fan che la seguono durante il docu-reality Ginnaste – Vite Parallele. Stella dell’artistica italiana con un ricco palmares alle spalle e la partecipazione olimpica a Londra 2012. Ora, di rientro dagli Europei e con gli occhi puntati alla maturità ormai imminente (per questo motivo non parteciperà agli imminenti Giochi del Mediterraneo), Carlotta Ferlito si racconta in esclusiva per Olimpiazzurra. A tutto tondo, con uno sguardo al passato e uno lungo verso il futuro.

 

Scudetto con la Gal, esperienza di successo in Coppa del Mondo, poi l’Europeo. Come valuti questa prima parte di stagione?

Sicuramente è stata positiva. Mi sono sempre allenata e mi sono sempre fatta trovare pronta per gli appuntamenti importanti (nonostante l’imminente maturità). Il terzo scudetto con la Gal, le due medaglie in coppa del Mondo alla prima esperienza e le due finali agli Europei sono senz’altro risultati positivi. Certo c’è il rammarico per quel quarto posto alla trave a Mosca, ma purtroppo non tutto va come vorremmo”.

Gli Europei. Ti sei voluta concentrare su trave e corpo libero. Sui 10cm tutti si aspettavano una medaglia da te ma è arrivato un quarto posto. Pensi che sia stato giusto così o valevi di più?

Io penso di aver fatto un esercizio abbastanza pulito e senza gravi errori. Proprio per questo motivo, non mi spiego il punteggio di esecuzione. Non credo di aver fatto il mio miglior esercizio, ma mi aspettavo qualcosa di più”.

Ora ti sei presa un meritato periodo di pausa per concentrarti sull’Esame di Stato. Come vedi questa maturità? Ti sta agitando o ti fa più “paura” una gara?

All’inizio mi faceva tantissima paura, forse anche più di una gara. Adesso che ho già affrontato i pre-esami per accedere alla maturità, mi fa un po’ meno paura. Tengo molto alla scuola e pretendo sempre il massimo da me stessa, sto studiando tanto e spero che vada bene”.

Il tuo percorso di studi finirà a luglio oppure hai intenzione di iscriverti a un corso di Laurea?

Ancora non lo so. Penso che frequenterò l’Università, ma non so se subito a settembre oppure se mi prenderò un anno sabbatico per riordinare le idee. Ho sempre dovuto conciliare allenamenti e scuola: un periodo pausa potrebbe aiutarmi”.

Ultimamente si è discusso molto del rapporto tra scuola e sport. Alcuni dicono che i professori non aiutano gli agonisti. Come ti senti di parlarne in base alla tua esperienza?

I miei professori hanno sempre cercato di venire incontro ai miei impegni e ai miei orari. I professori esterni, invece, non sempre aiutano noi agonisti. Certamente il nostro non è un Paese in cui praticare sport a livello agonistico è un pregio: alcuni professori non sempre vedono di buon occhio chi sacrifica la propria vita per lo sport”.

Dopo Mosca hai abbandonato totalmente la palestra oppure sei riuscita a ricavarti qualche ora per mantenere l’allenamento? È una Ferlito che tornerà a pieno regime dopo le vacanze e proverà ad andare ai Mondiali?

Non ho mai abbandonato totalmente la palestra. Anche nei giorni di esame ci sono stata: anche due orette giusto per non perdere il tono muscolare. I Mondiali? Certamente proverò a conquistare la convocazione”.

A marzo sei andata a Los Angeles per fare da madrina ai Kids’ di Nickeldeon. Che esperienza è stata negli Stati Uniti d’America? Raccontaci qualche aneddoto divertente.

È stata un’esperienza bellissima. Gli americani sono un popolo molto allegro, gioviale. Erano tutti molto disponibili e “alla mano” Una cosa incredibile che ho notato è l’estrema efficienza e organizzazione: non solo ai Kid’s Choice ma ovunque. Fare da madrina è stato un grandissimo onore per me: ho avuto l’opportunità di incontrare tantissimi attori, come il bellissimo Johnny Depp. Sicuramente un ricordo che porterò dentro di me per sempre”.

Ormai possiamo tranquillamente dire che a settembre-ottobre uscirà il tuo libro. Di certo hai soddisfatto le richieste di tutte le fan che ti seguono sempre con tanto affetto.

L’idea è nata proprio dall’impossibilità di rispondere a tutti i miei fan tramite i social network. Ricevo sempre tantissime domande e per questo motivo ho deciso di scrivere questo libro: parlerò non solo della mia esperienza da ginnasta ma ci saranno anche tante curiosità e chicche “inedite”.

Negli ultimi mesi hai presentato il tuo nuovo esercizio al corpo libero con tanto di nuova base musicale (Moon Trance di Lindsay Stirling). Come sono stati i passi per arrivare a montare quella coreografia e come hai scelto la traccia?

Come al solito ho scelto la traccia e montato la coreografia insieme a Tiziana Di Pilato. Lei fa una prima selezione di brani e me li sottopone. Alla fine io scelgio quello che mi piace di più e che rispecchia di più il mio carattere. In seguito ci divertiamo insieme a inserire dei movimenti che siano a tempo con la base”.

Un futuro da all-arounder o da super specialista?

Non lo so. Mi piacerebbe molto continuare su tutti gli attrezzi. Vedremo fin dove il mio fisico e altri fattori esterni me lo permetteranno”.

Casella aveva detto che è fondamentale aumentare i coefficienti di difficoltà degli esercizi: cosa ne pensi? Hai già in mente qualche nuovo elemento per il futuro?

È chiaro che bisogna sempre tentare di aumentare i propri coefficienti di difficoltà, ma senza danneggiare l’esecuzione e l’artisticità. Un esempio lampante è la russa Grishina: agli Europei ha semplificato e ridotto le difficoltà rispetto alla qualifica e in questo modo è riuscita a soffiarmi il terzo posto”.

Dieci giorni fa Tea Ugrin è diventata la nuova campionessa d’Italia. Te lo aspettavi? Esternamente come hai visto le altre azzurre negli ultimi mesi?

Detto sinceramente, in quei giorni ero molto impegnata con gli esami e non ho potuto guardare le gare. Sono contenta per Tea. L’anno posto-olimpico è sempre un po’ confusionario, anche per i cambiamenti del codice. Ci sono tante giovani che stanno emergendo e credo che riusciremo a mettere su un gruppo forte e compatto”.

L’anteprima della terza stagione di Ginnaste – Vite parallele è giunta al termine. Si riprenderà in autunno con la messa in onda integrale. Solito successo, solito calore delle ragazze. Ormai hai preso abitudine alle telecamere, è cambiato qualcosa rispetto alle edizioni passate?

Non è cambiato nulla. Ormai i “ruoli” all’interno del programma sono stati costruiti e si va avanti così. Quello che mi piace del mio personaggio è che io non fingo, non nascondo i miei difetti solo perché ci sono le telecamere, Poi ovviamente ha anche i suoi lati positivi: non smetterò mai di ringraziare tutte le persone che mi sostengono per i loro messaggi e per il loro affetto”.

Categorie
2013 Carlotta Ferlito Foto Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, Europei: che Italia ritorna da Mosca?

La Nazionale Italiana di ginnastica artistica è tornata ieri dalla lunga trasferta di Mosca. Un gruppo corposo di rientro dagli Europei di ginnastica artistica. Un bilancio molto soddisfacente al maschile(sorprendente bronzo di Andrea Cingolani al corpo libero e la definitiva esplosione di un giovane promettente, l’ennesima risposta di Matteo Morandi agli anelli, la solita sfortuna di Alberto Busnari al cavallo con maniglie), di discreto livello (tutto sommato positivo) al femminile. Valutiamo con un occhio più attento le prestazioni delle azzurre impegnate nella capitale moscovita.

 

VANESSA FERRARI. Sapevamo che la nostra campionessa non era al top della forma fisica. L’infortunio al piede, patito a Jesolo durante l’esercizio alla trave, si è fatto pesantemente sentire in questa rassegna continentale. Come ha detto Enrico Casella, “si è provato a tirare fuori il coniglio dal cilindro, ma la magia non è riuscita. Non era facile in una situazione del genere, con un imprevisto capitato tre settimane prima dell’appuntamento clou d’inizio 2013 e con gli allenamenti che hanno dovuto ovviamente calare di intensità. Che la bresciana non stesse stupendamente si era già capitato mercoledì quando aveva rinunciato a volteggio e parallele, risparmiandosi per la trave e per l’amato corpo libero. Sui 10cm è risultata essere la peggiore italiana (ma per punteggio era comunque tra le prime otto d’Europa), sul suo quadrato magico non è riuscita ad entrare in finale. E addio sogni di gloria.

Si doveva forse lasciarla a riposo? Assolutamente no! Anche se c’è un minimo barlume di speranza, il talento puro della ginnasta italiana migliore di sempre va convocato e provato ad ogni costo. Ovunque, se c’è una gara importante. Soprattutto perché doveva fungere da riscatto dopo l’amaro quarto posto di Londra. Inutile fare il gioco del se e del ma, ma è logico che senza l’incidente alla classicissima, Vanessa sarebbe stata da podio al corpo libero (non sono sembrati irresistibili gli esercizi di Bulimar e Iordache) e sarebbe agevolmente entrata tra le cinque nel concorso generale. Cuore in pace e ora sotto con gli allenamenti: che si provi l’approccio ai Giochi del Mediterraneo (ricordiamo ancora l’incetta di medaglie di Almeria 2005 che funse da trampolino per gli indimenticabili successi del 2006), prima dei Mondiali di Anversa? Staremo a vedere…

 

CARLOTTA FERLITO. Difficile decifrare l’Europeo della siciliana. Vedere il bicchiere mezzo pieno perché ha centrato due finali su due, oppure meno vuoto perché non ha conquistato una medaglia alla trave? Dipende dai punti di vista, ma propendiamo che la seconda valutazione sia quella più azzeccata. Salire sul podio di specialità era assolutamente una missione possibile per la diciottenne a cui bastava mantenere il proprio standard per riprendersi una gioia dopo l’argento di Berlino 2011.Probabilmente ha risentito della pressione del grande appuntamento (dopo la defezione di Vanessa, le speranze erano tutte riposte su di lei) come già le è capitato a Londra. Un vero peccato perché tante avversarie mancavano e l’occasione era davvero ghiotta.

Il suo esercizio, comunque, è stato tutt’altro che perfetto (e il punteggio attribuito all’esecuzione parla da sé): i salti artistici sono stati poco ampi, l’uscita ha visto un passo abbastanza grande, rovinando un eccellente inizio caratterizzato da una bella combinazione ribaltata senza più montone e dalla consueta serie flic flic salto teso. A questo punto, però, il suo D Score è calato: Carlotta mancava la combinazione giro normale più giro impugnato e scappava via il decimo abbuono e calava una difficoltà. Come ha detto Casella bisognerà concentrarsi sull’incrementare le proprie difficoltà per ambire a qualcosa di più concreto e non accontentarsi di questi quarti posti (ci torneremo domani). Da apprezzare, invece, la bella prova al corpo libero: nonostante la delusione di mezzora prima, la catanese si esibiva senza sbagliare sostanzialmente nulla e si classifica al quinto posto.

Ora una pausa di qualche giorno. Dovremo ovviamente rivederla agli Assoluti, ma attenzione perché c’è anche un Esame di Stato da preparare. Dopo la maturità, si è già detto, si faranno delle valutazioni più approfondite sugli esercizi.

 

ELISA MENEGHINI. Un signor Europeo per la quindicenne alla prima vera uscita importante da seniores. A soli quattro mesi dal passaggio di categoria, la comasca conquistava la finale nell’all-around ed entrava addirittura tra le prime otto. Dopo l’Armata russa, dopo la coppia rumena, dopo una professionista fatta e finita come Giulia Steingruber, dopo la sorpresa spagnola, c’è la nostra Mini. Premiata da un mito come Svetlana Khorkina, accanto al suo idolo Aliya Mustafina. Non osiamo immaginare l’emozione.

Per quanto riguarda le prestazioni: nell’atto conclusivo del generale molto bene (peccato per il semplice avvitamento al volteggio, dove in futuro si dovrà osare qualcosa in più per andare ben oltre) e grande maturità dal rifarsi dall’errore commesso in qualifica al corpo libera. Nella finale alla trave, invece, peccato per l’errore sul Johnson che le è costato la caduta dall’attrezzo e l’addio alle possibilità di un buon piazzamento (un quarto-quinto era alla portata). Comunque tutto fa esperienza e ci sono ampi margini di crescita.

Si conclude così un grandissimo quadrimestre: due successi all-around in Serie A1, lo scudetto con la Gal Lissone, la trasferta in Coppa del Mondo e questa stupenda partecipazione alla rassegna continentale. Meglio di così…

 

GIORGIA CAMPANA. Ha confermato alla grande i meritarsi il body azzurro. Sarò ripetitivo, lo ammetto, ma indubbiamente uno dei più meritati degli ultimi anni. L’all-around di Firenze aveva messo il sigillo su due mesi di grandi prestazioni che si sono ampiamente confermate in Russia. Bastano i risultati per capirlo: 11esima nel generale, quarta nelle qualifiche alla trave (parimerito con la Meneghini, scelta poi da Enrico, e out solo per la regola dei passaporti), quinta nella finale alle parallele. Sugli staggi è stata davvero brava, dimostrando il suo feeling con l’attrezzo. E dire che non aveva il giro e mezzo prima dell’uscita: con quello si guadagnerebbe intorno ai quattro decimi. Certo con i mostri che sono in circolazione è sempre più difficile, ma questa è l’atteggiamento giusto. Frutto di una grandissima preparazione nel periodo invernale, che siamo sicuri proseguirà ancora per poter crescere ulteriormente.

 

A domani per un approfondimento sulle parole di Enrico Casella e sul futuro dell’artistica al femminile.

Categorie
2013 Carolina Kostner Foto Mondo Notizie Notizie dal Mondo Pattinaggio sul Ghiaccio Spazio Sport Tempo

Pattinaggio Artistico, Carolina Kostner festeggia l’oro europeo: “Ho rischiato ma è andata bene”

Intervistata da La Gazzetta dello Sport, Carolina Kostner ha festeggiato l’ultimo oro conquistato agli Europei di Zagabria, che si sono svolti lo scorso 26 e 27 gennaio. Un’edizione particolarmente fortunata per i nostri colori: l’Italia, infatti, è giunta al secondo posto nel medagliere con 3 medaglie contro le 5 conquistate dalla Russia.

Oltre alla vittoria della Kostner, quinto oro europeo conquistato in carriera, ci sono da segnalare le medaglie di bronzo vinta dalla coppia formata da Stefania Berton e Ondrej Hotarek e dalla coppia Anna Cappellini e Luca Lanotte e anche l’ottimo quarto conquistato da Valentina Marchei.

Tornando a Carolina Kostner, parlando della sua ultima impresa sportiva, la pattinatrice bolzanina ha concesso le seguenti dichiarazioni:

Ho avuto programmi ricchi di insidie ed esigenti. Ho rischiato, è andata bene. Ma quanta fatica…

Riguardo la scelta di continuare, Carolina Kostner, a posteriori, si è resa conto di aver preso la decisione giusta:

In qualche modo è stato un salto nel buio, poteva finire diversamente. Ormai ho centrato tutti gli obiettivi che mi ero posta. Se sono ancora qui è perché ora riesco a pattinare col sorriso sulle labbra e mi sento felice. Mia cugina Isolde mi ha detto che il giorno di smettere arriva quando nel fare quel che si fa non si prova più gioia. Per me quel giorno non è ancora arrivato.

Nonostante l’abitudine, ormai, a salire sul podio, la pattinatrice ammette di avvertire sempre la stessa emozione:

Emozioni enormi e quando partono le note dell’inno di Mameli ancora di più. Non ci si abitua mai.

Questi, infine, sono i programmi di Carolina per il prossimo futuro:

Torno a Oberstdorf una settimana, poi mi concederò qualche giorno a casa, in Val Gardena. Quindi comincerò la preparazione per i Mondiali in Canada di metà marzo. Può darsi mi raggiunga la mia coreografa Lori Nichol, può darsi che, tra Vienna e L’Aia, ci metta in mezzo un’altra gara.