Categorie
Kara King Melissa Mcarthur Osservatore Osservatori Settembre

Melissa Mcarthur parte 4

Gli Osservatori sono in grado di fare molte cose , per esempio sanno quali parole dici , cosa fai e molto altro . Tutte le persone che hanno scoperto questi individui particolari si sono sempre chiesti , come loro riescono a fare queste cose . Loro non solo osservano il tempo , loro lo conservano il tempo e sopratutto decidono loro se entrare o no in una faccenda molto particolare . Cioè devono entrare in eventi , ma cercare di restare sempre senza emozioni , di non far vedere niente di loro . Lo devono fare per fare in modo che la persona che hanno incontrato o altro tengono accessi la loro curiosità che con il tempo del loro grande addestramento sono riusciti a tenere chiusi dentro il loro . L’ addestramento degli Osservatori è molto pesante e non tutti riescono a farcela , ma non significa che loro non lo diventano . Cioè né fanno parte e non devono perdere le loro emozioni , alcuni Osservatori possono provare emozioni . Altri invece decidono invece di far diventare il loro cuore freddo come il ghiaccio e sopratutto loro non parlano molto con le altre persone , come ho detto lo fanno sia perché non hanno tanta voglia di parlare con le altre apparte che non sia proprio necessario e sopratutto loro sono degli alieni . I poteri degli Osservatori sono pochi , ma davvero molto utili in tutte le circostanze e ti arrivano dopo pochi giorni che tu sei divenuto un Osservatore . Melissa si alzo verso le sette di mattina , si fece una doccia calda e poi prima di vestirsi in camera da letto , vomito nel water forse era colpa della botta in testa oppure di altro . Ma lo dovette fare , dopo si vesti in fretta e furia e si fece una bella colazione e un po’ di caffè caldo con due zollette di zucchero tanto per risvegliarsi un po’ dal torpore . Doveva andare a lavorare anche se si sentiva un po’ male , ma doveva andarci era il suo lavoro , anche se la sua amica Laura le aveva detto di stare a casa un po’ di giorni e di riposarsi Melissa è una donna davvero molto testarda . Neanche un uragano l’ avrebbe fermata , se voleva qualcosa faceva di tutto per ottenerla . Cosi lei prese il suo capotto nero con un cappuccio nero , prese le chiavi che si trovavano vicino all’ ingresso su un tavolino nero che aveva scelto lei . Poi tornò in camera e prese il distintivo e la sua pistola e usci chiudendo la porta a chiave e andò al lavoro . Quando si presento al lavoro la prima persona che incontro fu la sua migliore amica cioè Laura e la guardò un po’ preoccupata ma anche in modo – ma tu non dovevi stare a casa , a riposarti . Melissa la guardò e disse – sto meglio , adesso voglio mettermi a lavoro , cosi Melissa andò alla sua scrivania con molta calma e vide che li c’ era un fascicolo . Dentro c’ era una foto di una persona scomparsa , una ragazzina di 9 anni , che era stata rapita . Successe una cosa strana , quando Melissa prese la foto in mano ebbe una visione , la visione riguardava la ragazzina che era stata rapita , era dentro un deposito abbandonato e i due rapitori si avvicinarono a lei – scendi giù dal letto , adesso mandiamo un messaggio ai tuoi genitori fa come diciamo e non ti succederà niente e sopratutto non succerà niente di male ai tuoi genitori . La ragazzina di nome Francesca Russo di nove anni , la ragazzina fece come gli avevano detto i rapitori . Lei non voleva che loro facessero del male ai loro genitori . La visione che aveva visto non poteva dirlo a nessuno , l’ avrebbero tratta come una pazza o peggio , quindi doveva stare zitta . L’ unica cosa che Melissa poteva fare era aspettare che la famiglia andava alla polizia e chiedeva il loro aiuto nel trovare la loro figlia . I genitori arrivarono e come la normale procedura una poliziotta di nome Alessandra Ferrara , 29 anni capelli neri , li fece accomodare su due sedie che sono vicine alla sua scrivania e inizio a prendere informazioni su tutto quello che iniziavano a dire sulla figlia rapita mentre stava uscendo da scuola . I rapitori erano riusciti a prendere Francesca all’ uscita della scuola , quello era il momento migliore prima che arrivano i genitori ci avrebbero messo un po’ di tempo . I rapitori si spacciarono per degli amici dei suoi genitori cioè Francesco e Mara Russo , per Francesca erano i genitori migliori del mondo . Una volta risposta a tutte le domande , Francesca disse – grazie per averci dato tutte queste informazioni , se i rapitori si mettono in contatto chiamateci . Se vi mandano qualunque cosa chiamateci e noi arriveremo a casa vostra e noi faremo di tutto per prendere le persone che hanno rapito vostra figlia . Francesco chiese alla poliziotta in modo gentile una penna e inizio a scrivere li sopra su un foglio il loro indirizzo . Era meglio saperlo se Melissa o qualcun’ altro doveva andare a casa loro e vedere quello che aveva lasciato i rapitori . Gli Osservatori non potevano intervenire con caso di Melissa , per un motivo perché ogni Osservatore interviene quando un nuovo Osservatore in un determinata occasione sviluppa i poteri . I poteri degli Osservatori si sviluppano quando meno te lo aspetti e loro non possono intervenire . Solo dopo che hai sviluppato i tuoi poteri una persona alleata degli Osservatori , interviene e ti da il binocolo e un libricino dove scrivi quello che vedi con il binocolo .Kara King stava per farsi la doccia , una bella doccia calda quando il telefonino le spillo era Settembre e in modo serio e senza nessuna emozione come sempre – ci devi aiutare a tenere d’ occhio Melissa Mcarthur ? . Non lo potete fare voi , voi siete sapete già tutto e la potreste pedinare meglio di me .Settembre le rispose – e proprio questo il fatto che noi sappiamo tutto , lei ha visto uno di noi e se vede uno dall’ aria sospetta , vorrà sapere delle risposte . Noi nel passato l’ abbiamo vista in azione non si arrenderà mai neanche di fronte alla morte . Vista la situazione molto particolare , decise di fare questo – va bene la seguirò e vi dirò tutto quello che scopro , si fece la doccia e poi si vesti tutto in nero anche con una maglietta nera con il cappuccio .Poi torno in camera sua e prese tutto quello che le serviva cioè il binocolo , il quadernino e prese la sua pistola ad arma sonica e usci , inizio a cercare Melissa e dopo poco la trovò li nel Dipartimento di Polizia . Kara si era messa su un palazzo per la precisione sul tetto e grazie al binocolo vedeva tutto quello che faceva e tutto che avrebbe fatto da li a poco . Kara teneva il cappuccio in testa , lo teneva sui bellissimi capelli rossi e da li vedeva che Melissa sta guardando di nuovo la foto e poi vide una nuova visione . La visione che ottenne da quella foto fu che i genitori di Francesca stavano guardando il messaggio che gli avevano mandato . L’ unica cosa che non quadrava era questo , cioè che nessuno dei rapitori disse di non rivolgersi alla polizia , cosi loro chiamarono la polizia . Kara vide grazie al telescopio quello che Melissa era riuscita a vedere con il binocolo e inizio a segnarlo sul quaderno nella lingua degli Osservatori . Poi chiamò Settembre e disse – Melissa è un Osservatore , per il momento ha soltanto visioni , ma nella giornata di oggi potrebbe ottenere tutti i vostri poteri . Settembre disse – continua a seguirla e dimmi se sviluppa altri poteri degli Osservatori , poi se li ottiene tutti quanti oggi devi andarci tu a dare a lei il binocolo e il libricino . Kara disse un po’ scocciata – va bene lo faccio , Kara non voleva fare era una scocciatura , una grande rottura di scatole . Nessuno lo voleva fare , ma Kara lo dovette fare sul serio , perché faceva parte del suo destino , gli Osservatori avevano già visto quello che sarebbe successo nel futuro tra Kara e Melissa .

 

Continua … 

Categorie
2013 2014 2015 android ipad iphone Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Pc

I Soldi di Kickstar non sono bastiti per finire Broken Age

A quanto pare il modello Kickstarter sta iniziando a mostrare le prime incrinature. Tim Schafer, il boss di Double Fine, ha infatti dichiarato che i fondi raccolti tramite la celebre piattaforma di crowdsourcing non sono bastati per completare lo sviluppo di Broken Age (conosciuto inizialmente come Double Fine’s Adventure).

Per risolvere la situazione, l’anno prossimo la prima metà del gioco sarà messa in vendita su Steam come early access e con i soldi raccolti il progetto verrà quindi chiuso.

La situazione è comunque alquanto strana, se ci permettete di dirlo, visto che la raccolta di Kickstarter aveva come obiettivo di ottenere 400 mila dollari, ma ne riuscì a racimolare la bellezza di 3,3 milioni, ossia una cifra molto più grossa. Non per niente fu proprio Broken Age l’evento che lanciò la moda Kickstarter nel mondo videoludico (e non solo).

Schafer ha affermato che il problema è stato lui, ossia che il progetto gli è praticamente sfuggito di mano diventando più grande di quanto pensasse. Addirittura la data di rilascio prevista, luglio 2014 (fra un anno esatto), è slittata e ora si parla apertamente di 2015.

Di nostro siamo molto dubbiosi su tutta la faccenda: possibile che un veterano dell’industria come Tim Schafer, con decine di titoli all’attivo, abbia fatto i calcoli per un progetto da 400mila dollari, ne abbia ottenuti otto volte tanti, ma non sia comunque riuscito a gestirlo?

Scusate la malignità, ma non sarà che Double Fine si è lanciata in troppi progetti contemporaneamente? Oltre a Broken Age, infatti, ha appena raccolto fondi (sempre su Kickstarter) per uno strategico, Massive Chalice, e ha ottenuto un finanziamento per altri due progetti dei quali finora non si sa nulla. Che il simpatico Tim non ce la racconti giusta?

 

Categorie
1996 Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Me Parlare con la Rete Racconto Sarah la Fenice Rossa Tecnologie Telefonini

La Rete mi dice che non ci possiamo mai incontrare faccia a faccia

Nel tardo pomeriggio veso le 16:45 del giorno in cui io , Sarah la Fenice Rossa e la Rete avevamo finito l’ auricolare per parlare con lei con tutte le persone con con volevo parlare senza avere il telefonino vicino all’ orecchio ogni volta . Sarah la Fenice Rossa se ne era andata e io dissi a lei – Rete , ma questo è il tuo vero oppure no e lei rispose – no , questo non è il mio vero nome , il mio vero è Rebecca Leone . Non potevo sapere se questo era il suo vero nome oppure se lo era inventato al momento , La Rete disse in maniera molto curiosa – perchè vuoi sapere il mio nome o altre informazioni ? , io le risposi – io di te mi fido , però non voglio scoprire che tu mi utilizzi solo per avere informazioni su di me e poi tradirmi . La Rete mi disse – te lo giuro Daniel , non ti voglio tradire nè ora nè mai , i tuoi genitori erano miei amici e quindi loro mi hanno detto di aiutarti nel tuo addestramento e se hai bisogno di aiuto io ci sono . Poi io dissi a lei – non ci possiamo incontrare faccia a faccia ? e La Rete rispose – mi diospiace no , perchè i miei nemici sanno che io sono morta e tutti devono continuare a pensarlo , se uscissi allo scoperto mi scoprono e io e te saremmo morti . Quindi te lo chiedo come amica non cercarmi e sopratutto non dobbiamo mai incontrarci . Io capì questa faccenda , pure io ho molti nemici e con amarezza dissi a lei – va bene , ma a una condizione  e La Rete disse – quale ? , io le risposi – se la tua identità fosse in pericolo , tu verrai da me e io ti proteggero come posso e La Rete nel posto dove stava , inizio a piangere e disse -lo faresti davvero ? e io le dissi – noi siamo amici e gli amici si aiutano quando sono in pericolo .

Categorie
2013 Aqua Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Kratos Mondo Pandora Parlare con Kratos Pioners 5 Racconto Sarah la Fenice Rossa Sistema Solare Spazio Tempo Universo

Parlo con Kratos di alcune cose

Era da un pò di tempo che volevo fare un discorso con Kratos , per tutti lui era morto e io facendogli usare questa cosa volevo farlo diventare qualcosa di migliore . Allora andai da lui che si stava allenando come al solito , con molta intesita , lui non voleva smettersi allenarsi perchè non sapeva mai quando il suo prossimo avversario sarebbe arrivato . Io dissi a Kratos – ti devo parlare di alcune cose che ti riguardano , Kratos mi disse – è di cosa vuoi parlarmi ? , io risposi a lui stostenendo il suo sguardo – tu per il mondo intero sei morto , anche per gli dei dell’ olimpo , quindi perchè non utilizzare questa faccenda che tu sei morto per far cambiare , per trasformarti in una cosa buona . Di far uscire sia il lato buone con le persone che ti trattano bene , ma cerca di utilizzare il tuo lato più cattivo contro i tuoi nemici , perchè in questo mondo ci sono persone che ti alcune volte ti aiutano e altre invece cercano di ucciderti e alcune volte fanno vedere il lato peggiore . Poi Kratos mi guardò e disse – devo vedere se ci riesco a far uscire il lato positivo che dici che è dentro di me , perchè è dura io ho ucciso gli dei dell’ olimpo e l’ ho fatto per vendetta ma adesso io con pò di aiuto posso diventare qualcosa di migliore qualcosa di buono , anche se mi ci vorrà tanto ci riuscirò . Poi Kratos vide al mio collo un medaglione , tutto all’ esterno  era d’ oro e c’ era una gemma e mi chiese – cos’ e quel medaglione ? , io risposi -riguarda quello che è successo al mio pianeta natale Maraxus e quello che è successo al mio popolo . Kratos chiese – cosa è successo al tuo popolo e al tuo pianeta ? , io lo guardai e gli dissi – il mio pianeta e il mio popolo non ci sono più sono stati distrutti dai Distruttori , mostri senza emozioni , volevano uccidere e hanno uccisono tutti quanti tranne me e mia sorella , io però lo shock di quello che è successo l’ ho subito due volte , perchè c’ e una cosa che non ho detto a Sarah la Fenice Rossa , io ci sono stato li e ho cercato di fare tutto il possibile per fermare tutti quei morti e la distruzione del mio pianeta , ma niente non c’ e l’ ho fatta . Kratos disse – pure io ho fatto qualcosa di molto grave e per colpa delle Furie e di Ares non ho potuto fare niente per impedirlo . Io dissi a Kratos prima di andarmene – tra tre 3 giorni noi andiamo in cui alcuni posti per migliore l’ equipaggiamento di tutti , ma miglioriamo anche i tuoi vestiti e altro . Kratos disse – quindi ci porterai in mondi che noi non abbiamo mai visto ? e io dissi – si , questo lo devo ancora a Pandora ed Aqua . Comunque adesso vado , salutai Kratos e me ne tornai in camera mia per cefcare di capire chi sono i nuovi nemici di Faith Connors nel suo nuovo universo che è stato modificato pochi giorni fa .

Categorie
2013 Foto Mondi Fantastici Mondo Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps2 Videogiochi Xbox 360

Criterion smentisce le voci sul reboot di Need for Speed: Underground

Alcuni giorni fa abbiamo riportato i rumor che parlavano dello sviluppo di un reboot per Need for Speed: Underground, l’episodio della serie Electronic Arts pubblicato originariamente nel 2003 su PC e Xbox.

Ebbene Alex Ward, creative director presso Criterion, ha smentito su Twitter tutta la faccenda, bollandola come assolutamente falsa. Ward ha contestualmente fornito un assist per indicare ciò di cui il suo team si sta occupando al momento, ovvero non sequel né reboot ma qualcosa di completamente nuovo.

 

Categorie
2012 Federica Pellegrini Foto Nuoto Persone

Nuoto, Giovanni Malagò preoccupato per Federica Pellegrini: “Non è serena”

Dopo i Mondiali di Nuoto in vasca corta, che si sono svolti a Istanbul e che hanno portato all’Italia anche due storiche medaglie d’oro individuali, Federica Pellegrini aveva rotto il silenzio sulla questione riguardante il nuovo allenatore, lasciandosi andare ad uno sfogo che ovviamente non è rimasto inascoltato.

La nuotatrice veneta, amareggiata perché non è ancora giunto l’accordo con Philippe Lucas, l’allenatore francese considerato dalla Pellegrini come l’unica scelta possibile per tornare ai fasti di un tempo, in vista anche delle Olimpiadi di Rio 2016, aveva dichiarato di non sentirsi considerata dalla Federazione, soprattutto dopo il sonoro flop di Londra 2012.

Ora, ad intervenire sulla faccenda, ci ha pensato anche Giovanni Malagò, presidente del Canottieri Aniene, che ha parlato dell’attuale stato emotivo di Federica, affermando che la campionessa non è serena.

Queste sono le sue dichiarazioni pubblicate da Eurosport:

Federica è serena? Mica tanto. È una persona che investe talmente la sua vita nel suo lavoro, nel mestiere di nuotatrice, che fino a quando non ha messo tutti i puntini sulle i difficilmente riesce a trovare serenità. Mi auguro, nell’interesse di tutti, che questo avvenga nel più breve tempo possibile.

Malagò, però, ha anche affermato che la soluzione potrebbe essere più vicina di quanto si pensi:

La soluzione sulla carta è stata condivisa da tutti quanti. Si tratta di trovare il prima possibile il modo di cucinare il piatto con gli ingredienti che ci sono. Lei chiede solo di sapere sino a che termini uno la vuole supportare in questa scelta che ha fatto. Una scelta legittima, non entro nel merito, ci sono componenti tecniche e psicologiche decisive in queste valutazioni.

Il candidato alla presidenza del Coni, infine, ha aggiunto:

E’ nell’interesse di tutti, anche della federazione, che credo faccia la sua parte, il resto lo farà Federica e il suo club se può. Se vuole siamo sempre disposti a darle una mano ma questo lo sanno tutti.