Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, Carlotta Ferlito: “Un 2013 agrodolce: ho pensato al ritiro, ma poi…”

Numero di fine anno anche per il magazine (FGI News) della Federazione Ginnastica d’Italia. Tra le tante curiosità (ne pubblicheremo poi un altro paio che ho trovato particolarmente interessanti), è stata pubblicità un’intervista a Carlotta Ferlito firmata da Giulia Righi.

 

Una lunga chiacchierata, per ripercorrere la carriera e il 2013 che si sta per concludere. Rilancio un paio di battute dell’azzurra che assumono una valenza specifica per diversi motivi.

Domanda: Nel 2013, il 15 febbraio, compi 18 anni. Vinci ancora lo scudetto e prendi parte agli Europei di Mosca, dopo aver vinto, l’anno precedente, il bronzo a squadre a quelli di Bruxelles, Ormai sei una stella conclamata, non più l’outsider berlinese. Ma ancora più emozionante è ciò che ti accade fuori dalla pedana […]. Quante emozioni!

Risposta: “In verità è stato un anno agrodolce. Ho festeggiato la maggiore età con i miei amici e la mia famiglia. Anche vincere il terzo scudetto consecutivo con la GAL è stato gratificante. Poi però in Russia (agli Europei di Mosca, ndr) ho mancato la medaglia e non nego che quello sia stato uno dei periodi più difficili della mia carriera. Avevo seriamente pensato di smettere o comunque di prendermi una pausa. Per fortuna ho superato quella crisi, sono tornata ad allenarmi, nonostante l’impegno scolastico, riuscendo ad ottenere un posto per i Mondiali di Anversa dove però la medaglia mi è sfuggita di nuovo. Sono contenta, invece, di tutto il resto. Ho dato il mio piccolo contributo all’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, ho conosciuto Johnny Depp. E adesso ci sono tante altre cose in ballo di cui spero di potervi parlare molto presto”.

 

Domanda: Stai pensando per il futuro di alzare i contenuti tecnici  dei tuoi esercizi?

Risposta: “A parole è facile sostenere che si debbano alzare le difficoltà. A certi livelli gli elementi si fanno sempre più complicati, quindi anche per aumentare di pochi decimi il tuo programma ci vuole tantissimo allenamento. E io non sono il tipo da rischiare esercizi non pronti col pericolo di farmi male seriamente. Vero, d’altro canto, che per competere seriamente in campo internazionale ormai bisogna presentare un valore di partenza molto alto”.

 

Cliccate qui per sfogliare gratuitamente il magazine della Federazione (intervista da pagina 24).

 

Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

“Razzismo”: gli USA vogliono le scuse della Federginnastica italiana!

Si inasprisce ulteriormente la polemica per le frasi “razziste” (presunte tali) pronunciate (ridendo) da Carlotta Ferlito dopo la vittoria di Simone Biles nell’all-around: “Ho detto a Vanessa che la prossima volta dovremo dipingerci la faccia di nero, così potremmo vincere”.

L’intervista realizzata dall’ufficio stampa della nostra Federginnastica era stata postata sul profilo Facebook della FGI ma nella giornata di ieri è stata prontamente tolta. Per vederla vi rimandiamo all’articolo del Chicago Tribune (clicca qui), che poi ci fornisce un’altra brutta notizia.

 

La Federazione statunitense ha chiesto ufficialmente delle scuse alla nostra Federginnastica! Questo il comunicato ufficiale (il cosiddetto statement) del Presidente Steve Penny: “USA Gymnastics is disappointed by the recent comments made by Carlotta Ferlito and apparently by the Italian Gymnastics Federations. Gymnastics is a global inclusive sport with talented athletes, and there is no place for racial insensitivity. We are contacting the Italian Federation for clarification on its comments”.

Traduciamo: “La Federazione Ginnastica USA è delusa dai recenti commenti di Carlotta Ferlito e apparentemente della Federazione Ginnastica d’Italia. La ginnastica è uno sport globale con atleti di talento e non c’è posto per l’insensibilità razziale. Stiamo contattando la Federazione Italiana per avere delle spiegazioni riguardo a questi commenti”.

 

Penny mette in mezzo la nostra FGI perché un addetto stampa, a titolo personale, avrebbe scritto: “Carlotta si riferiva a un trend del momento della ginnastica, dove si stanno aprendo delle nuove strade per le atlete di colore, molto note per la loro potenza, mentre è penalizzata la grande artisticità della scuola dell’Est che ha consentito a Russia e Romania di dominare questo sport per anni”.

Avrebbe poi continuato: “Perché non ci sono persone di colore nel nuoto? Perché quello sport non si adatte alle loro caratteristiche fisiche. Dunque sta diventando lo stesso per la ginnastica, al punto di voler essere di colore?”.

 

Al giornalista del Chicago, l’addetto stampa della FGI avrebbe dichiarato di aver espresso semplicemente le sue opinioni e non quelle della Federazione, che Carlotta ha risposto ridendo alla sua domanda sulla vittoria della Biles e che non si voleva assolutamente offendere né gli Stati Uniti né le ginnaste di colore.

Ora lo squadrone a stelle e strisce si è mosso. Speriamo possano bastare le scuse che la Ferlito ha pubblicato l’altro ieri su Twitter (clicca qui per leggere).

 

Categorie
2012 2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, annullate (in parte) le Elezioni Federali!

Questo il comunicato dell’Alta Corte del Coni (Comitato Olimpico Nazionale Italiano) con cui ha accolto (in parte) il ricorso di Riccardo Zillio contro la Fgi (Federazione Ginnastica d’Italia).

L’Alta Corte ha accolto parzialmente, in base alla motivazione che sarà resa nota contestualmente al deposito della sentenza, il ricorso presentato il 7 marzo 2013 da Riccardo Zillio contro la FGI per l’annullamento dell’assemblea elettiva della Federazione, che si è svolta il 15 dicembre 2012. L’accoglimento parziale del ricorso implica il fatto che sono state annullate solo ed esclusivamente le elezioni relative ai rappresentanti degli atleti“.

Sono quindi da annullarsi le nomine di Monica Bergamelli ed Enrico Pozzo. Si dovrà procedere a nuove votazioni.