Categorie
Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, UFFICIALE: Olimpiadi, nuove regole!

La Federazione Internazionale della Ginnastica ha ufficializzato quelle che fino a qualche mese fa erano solo delle voci semi ufficiali: cambierà il sistema di qualificazione alle Olimpiadi!

 

Se in estate Bruno Grandi aveva accennato alla nuova rivoluzione (clicca qui per conoscere tutti i dettagli e in cosa consiste), il simposio che è terminato domenica ha ufficializzato il tutto. A partire dal 1° gennaio 2017 cambieranno le regole per qualificarsi alla rassegna a cinque cerchi e, dunque, per Tokyo 2020 assisteremo a qualcosa di totalmente nuovo.

 

I delegati delle varie Federazioni hanno presentato le loro personali proposte che sono piaciute molto al Professore il quale ha sottolineato che l’obiettivo principale è quello di modificare il calendario internazionale per renderlo più adatto al ruolo e all’importanza della ginnastica. In sostanza, sembra di aver capito, che si vorrebbe renderlo armonico con gli appuntamenti internazionali degli altri sport e che soprattutto tutta la stagione non si concentri solo ed esclusivamente sui Mondiali.

Le Olimpiadi devono essere il centro del quadriennio e tutti i quattro anni devono essere rivolti a quell’appuntamento.

 

La Federazione riferisce che dovrebbero essere tre i capisaldi delle nuove regole (come già vi avevamo anticipato a giugno): mantenere le competizioni a squadre; aumentare l’importanza dei campionati continentali (Europei e i corrispettivi tornei di America, Asia, Africa e Oceania) e delle tappe diCoppa del Mondo (questo sarà un passaggio cruciale!) nel processo di qualificazione verso le Olimpiadi;rispettare l’universalità della ginnastica (assegnare un determinato numero di posti a tutti i continenti come si fa per il calcio?).

 

Ora il processo sarà molto lineare. Tutte le proposte presentate in questo weekend verranno raccolte e verranno messe all’ordine del giorno del prossimo Comitato Esecutivo il quale poi le sottoporrà al Consiglio della FIG che si riunirà a maggio 2014.

In quella sede verranno prese delle decisioni e ci verranno comunicati i dettagli e le modalità delle nuove regole le quali entreranno in vigore il 1° gennaio 2017, quando inizierà ufficialmente la corsa verso le Olimpiadi del 2020.

 

Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

Ginnastica, RIVOLUZIONE nei diritti televisivi!

Un’altra rivoluzione per la Polvere di Magnesio, che in questo 2013 ha subito tantissimi cambiamenti(o proposte di). La Federazione Internazionale ha firmato ieri una partnership con IEC in sport, la celeberrima media company internazionale attiva nella distribuzione dei diritti televisivi e facente parte del Gruppo Lagardère.

 

L’intento della FIG è quello di centralizzare la distribuzione dei diritti e la messa in onda delle principali competizioni: un unico grande gruppo (IEC appunto) riprende i vari eventi, distribuisce il segnale (cioè le immagini) e i vari gruppi televisivi, che hanno acquistato i diritti, ritrasmettono il segnale sulle proprie piattaforme.

Un sistema innovativo che consente di non perdere nemmeno un evento di ginnastica per i grandi network che acquisteranno il pacchetto completo, che permetterà di ottimizzare le risorse e di avere una qualità superiore, che porta la ginnastica ai livelli di altri sport come sci, calcio e basket ormai da anni all’avanguardia in questo settore.

 

IEC (che ha la sede principale a Stoccolma, Svezia) si occuperà: di tutte le tappe di Coppa del Mondo(Glasgow, Stoccarda, American Cup, Giappone), di tutte le tappe del World Challenge (la cosiddetta Coppa del Mondo per attrezzi), di altri eventi di secondo piano inclusi nel calendario internazionale(ad esempio il Trofeo Gander, l’Abierto Mexicano, etc.).

 

Rimangono fuori i Mondiali. La rassegna iridata verrà unicamente distribuita dalla Federazione Internazionale che assegnerà man mano i diritti televisivi ai richiedenti (e abbiamo brutti ricordi, anche se fortunatamente la RAI ha poi trasmesso i Campionati).

 

Categorie
2013 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, cosa ci aspetta nei prossimi mesi? Il calendario!

Il mese di luglio è quello in cui le ginnaste staccano un attimo dagli allenamenti (non più di due settimane), per poi preparare al meglio il rush finale che porta all’appuntamento clou: i Mondiali di Anversa (30 settembre – 6 ottobre), dove non vedremo la competizione a squadre.

 

Ora le nostre eroine sono praticamente tutte tornate in palestra (o stanno per farlo) pronte ad affrontare le competizioni dei prossimi quattro mesi.

Le prime a tornare in pedana saranno le statunitensi, con il loro campionato nazionale: a Ferragosto ci sarà l’attesissimo P&G di Hartford (Connecticut) dove Martha Karolyi selezionerà la formazione che parteciperà alla rassegna iridata. Preceduto dal Classics in programma sabato.

L’Italia scoprirà le carte nell’incontro internazionale del 14 settembre contro la Germania. A Vigevano, Enrico Casella farà l’ultima valutazione prima di rendere noti i quattro fatidici nomi, aiutatoanche da quanto avrà visto durante il collegiale a Brescia (12-17 agosto).

Il calendario internazionale, però, prevede anche altri appuntamenti, utili proprio in preparazione al Mondiale.

 

Dopo il Mondiale il calendario, però, non si ferma e prevede i classici gala tra cui spicca il nostro Grand Prix in programma a Modena il 9 novembre. Il calendario italiano ha in serbo anche il campionato di serie C (dedicato alle allieve), i campionati di categoria e di specialità. Quello internazionale invece si concentrerà sulle prime due tappe della Coppa del Mondo 2013/2014: Stoccarda e Glasgow le sedi, come ormai da tradizione.

Ma per le juniores il clou della stagione sarà a dicembre con le Gymnasiadi!

Tutte, invece, dovranno puntare un occhio su quanto succederà alle varie riunioni della Federazione Internazionale: in ballo il futuro delle parallele asimmetriche (potrebbero essere alzate di 10 centimetri) e del sistema di qualificazione ai Giochi Olimpici.

 

Di seguito tutto il calendario dettagliato (internazionale e nazionale).

DATA

LOCALITA’

EVENTO

27 luglio

Chicago (USA)

US Classics

8-11 agosto San Juan (Portorico) Pan-American Senior Cup
15-18 agosto Hartford (USA) P&G USA Gymnastics Championship (Trials)
23-24 agosto Mogilev (Bielorussia) Scherbo Cup
31 agosto Alphen (Paesi Bassi) The Dutch Invitational
6-8 settembre Szombothely (Ungheria) Grand Prix di Ungheria
13-15 settembre Osijek (Croazia) Coppa del Mondo di specialità 2013 – Ultima tappa
14 settembre Vigevano (Italia) Incontro Internazionale Italia – Germania
30 settembre – 6 ottobre Anversa (Belgio) XLIV Campionati del Mondo
30 ottobre Morges (Svizzera) XXX Memorial Gander
1-3 novembre Liberec (Rep. Ceca) The Olympic Hope’s Cup
9 novembre Modena (Italia) Grand Prix
16-17 novembre Sedi varie Interregionali Serie C
20-21 novembre Symposium della Federazione Internazionale
23-24 novembre Mortara (Italia) Campionato Nazionale di categoria (maschile)
23-24 novembre Biella (Italia) Campionato Nazionale di categoria (femminile)
26-30 novembre Acapulco (Messico) III Abierto Mexicano
27 novembre – 4 dicembre Brasilia (Brasile) XV Gymnasiadi
30 novembre – 1° dicembre Stoccarda (Germania) Coppa del Mondo generale 2013/2014 – Prima tappa
30 novembre – 1° dicembre Jesolo (Italia) Finale Nazionale Serie C
7 dicembre Glasgow (Scozia) Coppa del Mondo generale 2013/2014 – II tappa
7-8 dicembre Civitavecchia (Italia) Campionato Nazionale di Specialità (maschile)
7-8 dicembre Mortara (Italia) Campionato Nazionale di Specialità (femminile)
Categorie
2013 2014 Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Ginnastica, clamoroso! E se alzano le parallele? Cambia tutto…

Una rivoluzione dal Mondo della polvere di magnesio? Due settimana fa, al meeting della Federazione Internazionale, sono emerse alcune proposte che potrebbero cambiare radicalmente uno degli attrezzi più amati della ginnastica artistica: le parallele asimmetriche.

 

Ebbene, i piani alti della disciplina hanno proposto di alzare gli staggi di ben 10cm! Superfluo dire che, se la norma dovesse essere applicata, la disciplina subirebbe un cambiamento radicale!

Certo, siamo abituati a vedere delle modifiche in questo sport. Ricordiamo ancora quando il pericoloso cavallo con maniglie venne sostituito con l’attuale tavola del volteggio per motivi di sicurezza.

Ma portando la sbarra superiore alla vertiginosa quota di 2.40 metri (dal tappetino superiore, ma se contiamo dal pavimento sono 2.60) e quella inferiore a 1.60m (1.80 se si misura da terra), cosa succederebbe agli esercizi delle ragazze?

 

Innanzitutto mettiamo in conto un’iniziale “disagio” psicologico: trovarsi, da un giorno all’altro, a un altezza radicalmente diversa non sarà facile da gestire per le ginnaste. Contando che, già adesso, le parallele sono indigeste a molto proprio per questo motivo, figuriamoci in futuro…

Un’altezza maggiore implica anche un diverso comportamento in fase di salto. Nel passaggio dallo staggio alto a quello basso potrebbe subentrare una maggior velocità (si parla di pochissimo, ma in uno sport focalizzato sui dettagli) che andrebbe controllata con attenzione. Volare da quello inferiore a quello superiore, invece, potrebbe rendere più difficile afferrare l’attrezzo: il salto è sempre di 80cm, ma i 2.60m sono qualcosa di veramente incredibile…

E arriviamo al punto più importante: l’uscita. Le ginnaste avranno 10cm di spazio in più per eseguire la propria evoluzione. Questo consentirebbe di aggiungere magari un avvitamento, una rotazione, di proporre qualcosa che ora sarebbe impossibile. E qui potrebbe anche mutare il codice, abbassarsi le difficoltà, inventare, innovare…

 

Ma teniamo ben presente una cosa: la salute delle atlete. Proprio questa è la preoccupazione maggiore della Federazione che ha chiesto delle analisi più attente e di valutare con scrupolo i nuovi, eventuali rischi. Proprio per questo ci sarà tempo fino al 20-21 novembre prossimi quando è stata convocata la prossima riunione a Losanna (Svizzera) per prendere una decisione definitiva in merito.

 

Altra innovazione dovrebbe essere l’introduzione di un nuovo dispositivo di misurazione della forza. Un dispositivo digitale che misura la tensione delle parallele e che aiuterà gli allenatori a regolare la tensione dell’attrezzo in modo da capire meglio come prepararlo per la propria allieva. E questa ci sembra una novità assolutamente positiva

Poi si è discusso anche di alcuni cambiamenti al corpo libero per quanto riguarda le tecniche di misurazione, ma non si hanno dettagli ulteriori.

 

Ad ogni modo appuntamento a fine stagione (a quel punto mancheranno solo le due tappe iniziali della Coppa del Mondo 2013-2014) per saperne di più.