Categorie
Mondo Notizie Notizie dal Mondo Serie Tv

The Vampire Diaries 4, Candice Accola: “”Il ballo di fine anno mi ha emozionata”

In attesa di scoprire quello che accadrà nella quinta stagione della serie televisiva targataCW, The Vampire DiariesCandice Accola ci racconta i suoi momenti preferiti della quarta stagione dello show in alcune dichiarazioni, che vi proponiamo subito dopo il salto.

 

L’attrice ha dichiarato:

Il momento che preferisco della quarta stagione dello show è sicuramente il ballo di fine anno e la sua atmosfera sentimentale e romantica, dove tutti sembrano così luminosi ed ognuno ha avuto il proprio momento di gloria.

L’attrice poi aggiunge:

Mi ha colpito anche l’episodio del diploma, nel quale ho respirato un sentimento di profonda condivisione con il cast, davvero emozionante.

 

Categorie
Foto Galleria Galleria Foto Microsoft Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Xbox One

Forza Motorsport 5: immagini e video dalla GamesCom 2013

Approfittiamo della consueta penuria di news domenicale per smaltire l’enorme mole di annunci della GamesCom 2013 occupandoci, tra gli altri, di Forza Motorsport 5.

Giocabile in fiera negli stand approntati per l’occasione da Microsoft, il prossimo, attesissimo similumatore di guida di Turn 10 è stato al centro delle attenzioni dei futuri acquirenti di Xbox One accorsi alla kermesse videoludica di Colonia per avere un piccolo assaggio di ciò che li attende a fine anno sui tracciati virtuali di un titolo che, notizia di questi giorni, vanterà la presenza dei circuiti di Laguna Seca e Spa Francorchamps.

Le immagini mostrateci dal team di Dan Greenawalt per celebrare la GC 13 immortalano in foto la splendida Audi R8 e-tron, mentre i video realizzati per l’occasione dagli inviati di Gamespot ci riportano, appunto, sull’infuocato dedalo di curve di Laguna Seca.

Grazie alla superiore potenza computazionale garantitagli dalla prossima console casalinga di Microsoft, i vertici di Turn 10 incrociati dalla stampa di settore tra gli stand della fiera tedesca hanno promesso un sensibile miglioramento degli elementi simulativi dell’impianto di gioco relativi, ad esempio, al comportamento delle sospensioni, all’intelligenza artificiale dei piloti comandati dalla CPU, all’aerodinamicità, alla fisica di guida e alle variabili causate dall’usura delle gomme (in quest’ultimo caso grazie al lavoro svolto con la Calspan, famosa società americana specializzata nella produzione di pneumatici da competizione).

Prima di lasciarvi alle restanti immagini in galleria e al doppio filmato dimostrativo di cui sopra, chiudiamo il pezzo ricordando a chi ci segue e a tutti gli interessati che Forza Motorsport 5 è previsto in uscita a novembre in concomitanza con il lancio di Xbox One.

 

Categorie
Carlotta Ferlito Ginnastica Artistica Mondo Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo Vanessa Ferrari

RAI – Mondiali Ginnastica in tv: ecco com’è andata la trattativa!

Come ben sappiamo, i Mondiali di ginnastica (artistica e ritmica) non si vedranno sulla televisione italiana per i prossimi tre anni (salvo miracoli nei prossimi mesi): clicca qui per saperne di più.

Ieri abbiamo analizzato che danni comporterebbe al movimento il fatto di non avere le dirette dei massimi eventi sportivi. Clicca qui per leggere l’articolo.

 

Nella serata di ieri è arrivato un nuovo comunicato della Federginnastica con cui si ricostruisce ancora più da vicino la vicenda.

Integro con alcune suggestioni personali per provare a dare un quadro più completo di una situazione davvero paradossale.

 

Partiamo con lo spiegare cosa si deve fare per acquistare dei diritti che consentano di trasmettere (in diretta, in differita, in sintesi: ci sono diverse forme di contratto) un determinato evento sportivo (ma è un discorso che vale anche per qualsiasi prodotto) in televisione.

Un network/canale/emittente avanza una proposta economica all’organizzatore dell’evento: in alcuni casi ci sono delle tariffe ben precise che l’organizzatore richiede, in altre si valutano le offerte che man mano arrivano sul tavolo. Queste ultime possono essere accettate o rifiutate, a seconda che rispettino o meno i parametri scelti proprio dall’organizzatore.

 

In questo caso l’organizzatore è la Federazione Internazionale di Ginnastica (FIG) e l’offerente/acquirente è la RAI – Radiotelevisione Italiana, la tv pubblica del Bel Paese. Viale Mazzini avanza un’offerta economica (la cui entità non è ancora stata resa nota, e ci chiediamo il perché visto che sono soldi pubblici…) alla massima istituzione dello sport in questione.

Questa proceduta veniva fatta con una mail formale il 7 novembre 2012. Molto bene, procedura corretta visto che a fine anno sarebbero scaduti i diritti per il quadriennio olimpico 2009-2012. Si doveva dunque procedere alla rinegoziazione del contratto e alla successiva acquisizione per il periodo 2013-2016 (quello che porta ai Giochi di Rio de Janeiro):

 

A quanto dice la RAI, la Federazione Internazionale non ha risposto alla mail fino al 7 agosto 2013, cioè nove mesi esatti dopo l’invio della lettera! Praticamente un parto.

Dato per certo che l’organizzatore può prendersi tutto il periodo che vuole per accettare o meno un’offerta, stava al network televisivo ri-farsi avanti in tutto quel periodo intercorso tra domanda e risposta. Cioè in nove mesi ci si è aggrappati a una sola mail, senza chiedere un sollecito? Nel comunicato di Viale Mazzini si legge di “ripetuti tentativi di contattare la Federazione Internazionale, quest’ultima non ha mai dato riscontro se non in data 7 agosto 2013”.

Cioè a Losanna (Svizzera, sede della FIG) i telefoni squillavano a vuoto, le e-mail non venivano aperte e le lettere cartacee venivano smarrite… Si sta facendo dell’ironia e del riso amaro. Ma senza voler diffamare nessuno: la situazione è molto strana ed è difficile negarlo.

 

Step successivo. Il 24 luglio, in diretta su RaiSport, direttamente dal Salone d’Onore del Coni (Comitato Olimpico Nazionale Italiano, che citiamo ma che è totalmente estraneo alla vicenda coma lo è la nostra FGI) veniva presentato l’Agosto Azzurro, un mese con sette Mondiali in cui l’Italia sarebbe stata grande protagonista: scherma (a inizio mese, secondi nel medagliere), atletica leggera (appena terminati, una medaglia d’argento per l’Italia), canottaggio, canoa e pentathlon (tutti in calendario nei prossimi giorni), judo (a fine mese) e appunto ginnastica ritmica (28 agosto – 1° settembre).

Proprio questa rassegna iridata aveva avuto grande spazio in quell’occasione e alla manifestazione erano pure presenti le Farfalle di Emanuela Maccarani che, pur se rinnovate, dovranno difendere tre titoli mondiali in quel di Kiev. Si dava dunque per scontato che l’evento venisse trasmesso in diretta dalla Rai. Anche, soprattutto, per un semplice motivo: in quel salone c’era anche il Presidente Agabio e nessuno si è preso cura di informarlo della situazione di stallo della trattativa per i diritti.

 

Passo successivo. La RAI ha precisato che non è tenuta a informare la nostra Federazione sulle eventuali trattative. Burocraticamente accettiamo questo punto, ma i fitti rapporti di collaborazione tra il network e la FGI dovrebbero lasciar presagire a una “informazione di cortesia”. E precisiamo che la FGI non si è mai intromessa negli affari Rai, anche perché si confidava con grande tranquillità nella messa in onda dei due eventi (in ballo c’è anche il Mondiale di artistica, visto che è un pacchetto unico come già detto) in quanto è da decenni che la Rai li trasmette.

 

Penultimo passaggio. L’ufficio stampa della Federginnastica chiama l’ufficio palinsesto della RAI il 5 agosto 2013 per sapere come verranno mandati in onda i Mondiali di ritmica. E lì ci si trova la sorpresa: “non abbiamo ricevuto risposte da Losanna”.

Agabio viene subito informato e chiama Bruno Grandi, il Presidente della Federazione Internazionale sollecitando una risposta. Proprio quella negativa arrivata solo dopo due giorni (sic).

Quindi potrebbe pensare che il silenzio internazionale si riferisse a una tacita non accettazione dell’offerta? Molto probabile. E che poi sia arrivata una risposta da Losanna solo per pura cortesia nei confronti della Federginnastica.

 

Sistemare ora la situazione appare improbabile. A meno che la RAI non ritorni sui suoi passi, rialzi l’offerta, la porti a un livello adeguato agli standard Mondiali (USA, Russia, Giappone, Cina e Australia hanno sborsato cifre molto interessanti)… Fantascienza? Staremo a vedere nei prossimi giorni… Di certo ora siamo curiosi di sapere cosa risponderà la RAI all’e-mail del 7 agosto: sono già passate due settimane…

 

Postilla. La Federazione Internazionale di judo ha da tempo aperto un canale streaming su Youtube in cui si vedono tutte le competizioni (Olimpiazzurra lo ha proposto svariate volte con enormi successi in termini di audience). E il ritorno economico è stato molto buono per gli organizzatori. Il pubblico dell’arte marziale è vastissimo (come praticanti molto di più della ginnastica), ma un po’ più freddino quando si tratta di vedere le gare di “estranei”. L’esatto contrario di quanto accade con la ginnastica. Non potrebbe essere una buona scelta per la FIG adottare questo sistema? I soldi arrivano comunque, bacino di utenti più largo, maggior diffusione delle sport e si eviterebbero pure questi “pasticci”…

 

Postilla due (copio e incollo dal comunicato della nostra Federginnastica). “La FGI […] si  è messa al lavoro, anche durante la settimana di chiusura degli uffici, per cercare di risolvere il problema internazionale, che in teoria non la riguarderebbe. Tuttora si stanno studiando soluzioni alternative per coprire i Campionati del Mondo di Kiev su altre piattaforme. Speriamo di dare presto ai nostri appassionati buone notizie. Però è giusto che ognuno faccia il proprio mestiere e la Federazione non è un network televisivo. La Rai, che quando vuole il suo lavoro lo sa fare benissimo, faccia sapere ai tanti tifosi della Ginnastica – che non hanno altra voce se non quella della loro Federazione – cosa intende rispondere, adesso, all’e-mail della FIG del 7 agosto. In ballo ci sono i mondiali di Anversa di Artistica, maschile e femminile, e le rassegne iridate del 2014 e 2015. “I tempi tecnici”, stavolta, non mancano”.

 

Categorie
2013 2015 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Mean Business on North Ganson Street: Leonardo DiCaprio e Jamie Foxx di nuovo insieme

Dopo aver fatto furore in Django Unchained di Quentin Tarantino, Leonardo DiCaprio e Jamie Foxx torneranno a recitare fianco a fianco grazie alla Warner e all’adattamento per il grande schermo del prossimo romanzo di S. Craig Zahler, intitolato ‘Mean Business on North Ganson Street‘.

Secondo quanto riportato da Deadline, DiCaprio andrà a vestire i panni di un detective incallito e ormai caduto in disgrazia, spedito in una città d’inferno chiamata Victory, Missouri, dove il crimine è alle stelle. Qui sarà chiamato a collaborare con un altro poliziotto, retrocesso per aver abusato pubblicamente di un sospetto. Insieme, i due inizieranno a lavorare sodo, mettendo un po’ d’ordine non solo in città ma anche nel dipartimento di polizia di Victoria.

Ad occuparsi dell’adattamento lo stesso S. Craig Zahler, con DiCaprio anche produttore grazie alla sua Appian Way. L’idea di un abbandono temporaneo dai set, annunciata tempo fa, è ancora una volta caduta nel vuoto per il talentuoso Leo, in realtà iper-impegnato, a fine anno in sala con ‘The Wolf of Wall Street’, e ora pronto a sposare il genere poliziesco.

Per Foxx, letteralmente ‘rilanciato’ dal Django tarantiniano, si stanno invece per spalancare le porte dei cinema grazie a White House Down di Roland Emmerich, da domani in programmazione negli States e ad ottobre in Italia.

 

Categorie
2013 Foto Galleria Galleria Foto Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Ps3 Ps4

Gran Turismo 6: svelati i bonus preordine e i contenuti dell’Anniversary Edition

Dopo essersi dimostrato più che disponibile allo sviluppo futuro di una versione di Gran Turismo 6 da destinare all’utenza di PlayStation 4, Kazunori Yamauchi ridà la parola ai suoi Polyphony Digital per garantire ai suoi ragazzi tutto lo spazio mediatico necessario per l’annuncio dellaAnniversary Edition e dei bonus previsti per chi preordinerà (o per chi lo ha già fatto in queste settimane) l’attesissimo gioco di guida in esclusiva su PS3.

I contenuti aggiuntivi dell’edizione Anniversary coincideranno con quelli dei preordini, anche se con delle piccole ma importanti differenziazioni tra i bonus legati alle offerte dei diversi rivenditori aderenti all’iniziativa. A prescindere dal negozio digitale scelto, comunque, sia per i preorder “classici” che per gli acquirenti della Anniversary verrà proposto il 4-Car Pack, un DLC contenente quattro bolidi (la Nissan GT-R NISMO GT3 13, la BMW Z4 GT3 11, la Chevrolet Corvette Stingray (C7) e la Tesla Model S Signature Performance 13).

In base al negozio scelto per il preordine, inoltre, il proprio pilota virtuale di Gran Turismo 6 potrà godere di un ulteriore pacchetto aggiuntivo di 20 auto (comunque sbloccabili conseguendo gli obiettivi della Carriera) con livree customizzate e dei leggeri potenziamenti delle prestazioni, di un milione di crediti spendibili nel negozio digitale della modalità singleplayer (con riflessi diretti sulle auto utilizzabili nelle sfide in rete sin dal giorno di lancio), di una guida al gioco (l’Apex II) e di diversi gadget per le personalizzazioni estetiche dell’avatar e dello stesso pilota (dal casco alla tuta indossata in ogni gara).

Prima di lasciarvi alla lista completa dei 20 bolidi proposti da Polyphony Digital per festeggiare il 15° anniversario della loro leggendaria saga e, tanto per gradire, alle immagini di gioco pubblicate in queste settimane dall’esperto team di Yamauchi, ricordiamo a tutti gli interessati che Gran Turismo 6 è previsto in uscita a fine anno (si spera non più tardi di ottobre/novembre) solo ed esclusivamente su PlayStation 3.

Alfa Romeo TZ3 Stradale (2011)
Alpine A110 1600S (1968)
Aston Martin V12 Vantage (2010)
Audi R8 LMS ultra (Audi Sport Team Phoenix) #3 (2012)
BMW Z4 GT3 (2011)
Chevrolet Corvette Stingray (C7) (2014)
Ford Focus ST (2013)
Ford Mustang Shelby GT500 (2013)
Honda weider HSV-010 (SUPER GT) (2011)
KTM X-BOW R
Lamborghini Aventador LP 700-4 (2011)
Lexus IS F Racing Concept (2008)
Lotus Europa (type54) (1968)
Mercedes-Benz SLS AMG GT3 2011
Nissan GT-R NISMO GT3 N24 Schulze Motorsport (2013)
Renault Sport Megane Trophy V6 Race Car (2011)
SRT Viper GTS (2013)
Tesla Motors Model S Signature Performance (2013)
TRD 86 Racing (2008)
Volkswagen Scirocco GT24 Race Car (2008)

 

Categorie
2013 eroi Foto Galleria Galleria Foto Mondi Fantastici Mondo Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps3 Uscite Future Video e Trailer Videogiochi Xbox 360

Castle of Illusion: immagini d’annuncio e teaser trailer

Non potendo più arginare l’onda anomala di indiscrezioni sulla realizzazione di un remake diCastle of Illusion abbattutasi sui siti di settore in questi ultimi giorni, le alte sfere di SEGAdecidono saggiamente di cavalcarla annunciando in via ufficiale lo sviluppo del titolo attraverso le immagini e le scene del teaser trailer che vi proponiamo quest’oggi.

Similarmente al seguito spirituale Power of Illusion dato alle stampe alla fine del 2011 dal team “concorrente” di Junction Point, anche questo “nuovo” Castle of Illusion non sarà un semplice rifacimento diretto ma andrà a proporre delle dinamiche di gioco “fresche” con sfide inedite da affrontare all’interno di decine di nuovi livelli.

Castle of Illusion sarà il canto del cigno di SEGA Australia: l’esperto studio dietro al discreto London 2012 dovrà infatti chiudere i battenti a fine anno per consentire alla casa madre di riorganizzare i team di sviluppo in previsione della battaglia che dovrà essere combattuta nella prossima, imminente generazione videoludica.

Agli autori “oceanici” di SEGA spetterà così l’arduo compito di ripetere lo straordinario successo del capolavoro originario, pubblicato nel 1990 su Mega Drive e considerato unanimemente come uno dei migliori platform bidimensionali che siano mai stati creati. Sin dalle immagini d’annuncio possiamo cogliere le assonanze grafiche tra il remake e il titolo primigenio, dalla rappresentazione stilistica delle ambientazioni alla scelta della particolare palette cromatica utilizzata per dare forma ai livelli.

Prima di chiudere il pezzo, quindi, informiamo chi ci segue che Castle of Illusion sarà disponibile a partire dalla prossima estate su PC, Xbox 360 e PlayStation 3, in tutti e tre i casi solo ed esclusivamente in versione digitale.