Categorie
2011 2012 Daniel Saintcall Dei Dei dell' Olimpo Demone Demoni Kratos Kratos Black Pandora Pandora Black Rifugio dell' Infinito Vendetta Venere

Curiosità su Kratos

Kratos prima di andare dentro al futuro capì molte cose visto che grazie alla speranza e grazie a Pandora ma anche grazie al suo viaggio capì molte cose importanti su di lui e sulla Lame dell’ Esilio. Kratos una volta arrivato in casa mia cioè dentro al Rifugio dell’ Infinito aveva molte domande e non sapeva se tenere le Lame dell’ Esilio oppure no visto che dentro di lui c’ era un presentimento ” forse dentro ci sono ancora le furie e quindi io posso di nuovo uccidere un sacco di persone senza saperlo. Oppure posso uccidere Pandora senza saperlo di averlo fatto, non voglio tornare ad essere solo adesso ho una famiglia e non voglio perdere di nuovo tutto”. Kratos grazie al suo ultimo viaggio aveva visto che Pandora aveva sofferto molto anche sopratutto agli dei che ai quei tempi erano corrotti e volevano ucciderlò facendo del male a tutti quanti. Kratos vide che Zeus e gli dei altri Dei erano messi veramente male dopo che Zeus ha aperto lo Scrigno di Pandora e ha dato la copa a Pandora ma durante i messi e gli anni passati dentro casa mia lui capì che Pandora non ha mai aperto lo Scrigno. La storia diceva che lei lo aveva fatto invece Kratos e pure io e la mia famiglia abbiamo scoperto che Pandora ha tentato di aprire lo scrigno ma non l’ ha mai fatto visto che lei era intrappolata dentro al Labirito di Dedalo. Kratos dentro camera sua fece una vera lotta interna per capire se tenere le Lame dell’ Esilio oppure usare un altra arma e cosi cercare di tornare ad avere un rapporto con le persone visto che qui sulla Terra c’ e Pandora sua nipote e quindi lui sta cercando di creare un rapporto con lei. Ogni volta che lui si toglieva le Lame dell’ Esilio una forza faceva di tutto per farle tornare in mano al Fantasma di Sparta. Ogni volta che lui prendeva in mano le Lame dell’ Esilio una grande rabbia entrava dentro di lui e vedeva tutto quando in modo diverso e cosi lui non riusciva a vedere la magia e quello che c’ e attorno a lui. Io avevo notato una grande potenza dentro le Lame dell’ Esilio ma grazie a lo scanner del mio cacciavite sonico notai tre presenze dentro a queste potenti armi che Kratos usava per combattere. Per scansionare le Lame dell’ Esilio mi misi dentro da solo con Kratos il 12 Novembre del 2012 e poi guardando Kratos con uno sguardo molto serio – le Furie si sono volute vendicare di quello che hai fatto e cosi si sono messe dentro le spade. Quindi adesso devi cambiare arma oppure le Furie ti impediranno di ottenere poteri o di usare la tua vera potenza contro i tuoi nemici. Kratos adesso che non aveva in mano le Lame dell’ Esilio si riusciva a concentrare sugli altri sensi e con un cenno mi fece smettere di parlare e poi con un tono non molto arrabbiato – Pandora se volevi sentire la nostra conversazione puoi anche entrare. Kratos aveva sentito i passi di Pandora fino a una parte del corridoio e poi lei si era messa vicino alle porta per sentire quello che io con Kratos. Io apri la porta con calma e notammo Pandora sulla soglia pronta a sentire tutto, la facemmo entrare e lei senti che dovevamo cercare una nuova arma per Kratos e cosi lui poteva tornare a combattere.

Categorie
2013 Aqua Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Kratos Mondi Fantastici Mondo Nomi Pandora Sorella Spiegazione Storia Tempo

Dico a Kratos , Pandora e Aqua il mio vero nome e altre identita

Era le 17:13 , oggi pomeriggio e io feci venire Kratos , Pandora e Aqua in camera mia , era il momento di dirgi il mio vero nome e altre identità con cui ero conosciuto . Kratos , Pandora e Aqua si stavano domandano perchè io li avessi chiamato , io dissi a loro – dovete sapere una cosa , io non mi chiamo veramente Marcello , il mio vero nome è Daniel Saintcall . Ho utilizzato il nome Marcello per poter vedere se potevo fidarmi di voi . Kratos lo capì subito perchè lui si era fidato degli di Ares e lui insieme alle furie , Ares gli ha fatto uccidere la sua famiglia . Pandora disse a me con uno sguardo un pò sconcertato e anche Aqua c’e l’ aveva e inisime all’ unisono disserò – perchè ci hai mentito sul tuo nome e non ci hai detto subito la verità . Io dissi a loro guardandole negli occhi – nel mondo ci sono molti nemici e alcune volte ci sono persone di cui non ti puoi fidare e altre di cui ti puoi fidare , allora io utilizzo una delle mie diverse identità e poi se posso fidarmi di loro dico veramente il mio vero nome . Dopo questa spiegazione Pandora e Aqua lo accettarono e disserò – perchè adesso ci hai detto il tuo vero nome ? , io risposi – vi ho detto il mio vero nome perchè voi siete rimasti molto tempo con me e voi non mi avete mai tradito e alla fine ho detto diciamo a Kratos , a Pandora e ad Aqua il mio vero nome . Dopo io dissi a loro – io ho moltissime identità , le ho creato perchè in diverse occasioni non si sa mai di chi ci si può fidare o altro . Kratos essendo un guerriero spartano mi strinse la mano fino all’ avambraccio destro , cosi si salutano i guerrieri , invece Pandora e Aqua mi abbraciarono e disserò – quindi adesso ti fidi di noi e io dissi a loro – si . A mia sorella Alyssa non serviva nessuna spiegazione perchè lo sapeva da sempre che il mio nome è Daniel Saintcall .

Categorie
2013 Foto Galleria Galleria Foto God of War Ascension Mondi Fantastici Mondo Notizie Notizie dal Mondo Ps3 Storia Videogiochi

God of War: Ascension – nuovi bozzetti sulle ambientazioni

Nell’attesa che l’ormai imminente PlayStation Meeting ci permetta di dare un veloce sguardo al futuro delle piattaforme targate Sony, gli artisti digitali e gli esperti designer degli studi californiani di SCE Santa Monica rimangono concentrati sul presente per mostrarci i bozzetti preparatori delle ambientazioni che saremo chiamati a esplorare nella campagna a giocatore singolo e nelle modalità multiplayer di God of War: Ascension.

Il titolo, come tutti i fan più sfegatati della serie ormai sapranno, farà da prologo agli eventi narrati nel capitolo originario dell’epopea mitologica di Kratos e ci permetterà di scoprire le ragioni che lo spingeranno a diventare lo spietato guerriero assetato di vendetta che abbiamo imparato ad amare (e a temere) in questi anni.

I bozzetti datici in pasto quest’oggi dagli sviluppatori, ad esempio, ritraggono il Canyon del Minotauro attraversato da Kratos dopo essere riuscito a fuggire dalla spaventosa prigione di Hecatonchires, l’ambientazione più estesa e, a detta degli stessi SCE Santa Monica, più “oscura” che si sia mai vista in tutta la serie: abbarbicata su una delle montagne più alte del Regno di Ade, la prigione dello spietato Titano Hecatonchires sarà il parco dei divertimenti che le tre Furie utilizzeranno per compiere le loro atrocità nei confronti dei condottieri umani colpiti dall’ira degli Dei dell’Olimpo.

Prima di lasciarvi ai restanti artwork in galleria, approfittiamo dell’occasione per ricordarvi che l’uscita di God of War: Ascension è prevista in Europa per il prossimo 13 marzo solo ed esclusivamente su PlayStation 3.

 

Categorie
2013 Foto Galleria Galleria Foto God of War Ascension Mondi Fantastici Mondo Ps3 Videogiochi Xbox 360

God of War: Ascension – nuovi bozzetti su Megera

Dopo averci dato un ricco assaggio della demo di God of War: Ascension contenuta all’interno del Blu-ray di Total Recall, i ragazzi di SCE Santa Monica festeggiano il nuovo anno pubblicando i bozzetti preparatori del personaggio di Megera, una delle tre Furie che Kratos dovrà sconfiggere in questa sua nuova avventura per spezzare i sigilli che lo legano ad Ares.

A giudicare dalla descrizione offertaci dai rinomati sviluppatori californiani attraverso le pagine del blog ufficiale della saga di God of War, il processo creativo che ha portato alla realizzazione di questo boss è stato assai lungo e faticoso. Nata dal sangue di Urano scaturito dalla ferita infertagli da Crono, Megera è l’incarnazione dell’invidia e della gelosia: dai primissimi artwork ritraenti una “semplice” cortigiana con le fattezze del volto e le vesti corrose, appunto, dall’invidia, si è passati così alla figura decisamente meno “rassicurante” di una sacerdotessa munita di corazza dorata e di quattro arti aggiuntivi simili a quelli dei ragni, un espediente, quest’ultimo, trovato dagli autori per conferirgli un’agilità senza pari nei combattimenti corpo a corpo. Continua dopo la pausa.

L‘aracno-assassina Megera sarà la prima delle tre Furie che dovremo fronteggiare per mettere a soqquadro l’Olimpo nei panni di un Kratos ardente di rabbia nei confronti di Ares e di tutti gli esseri mitologici che oseranno ostacolare il nostro cammino.

In questa sua “ascesa” all’Olimpo, il buon Kratos potrà fare affidamento sulle Spade del Caos e su tutti gli accorgimenti presi dagli SCE Santa Monica per migliorare le animazioni del protagonista e per rendere ancora più fluido e godibile il sistema di combattimento.

Prima di lasciarvi tra le  chele di Megera, vi ricordiamo che God of War: Ascensionsarà disponibile a partire dal 13 maggio in esclusiva assoluta su PlayStation 3 e che l’uscita sarà anticipata da una fase di beta test aperta agli utenti PS Plus dal 9 al 21 gennaio.