Categorie
2016 Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Faith Connors Mirror's Edge Catalyst Presente Runner

Mostro a Faith alcuni segreti del suo nuovo mondo

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

Nel mondo principale Faith scopre tutto da solo, ma io l’ ho salvata da un attacco di Novembre Nero e l’ ho portata in un mondo alternativo e li gli voglio far capire alcune cose prima di riportarla indietro nel suo vero mondo. Tra le varie cose che le devo far vedere o le devo mostrare c’ e una faccenda personale molto importante e la deve sapere da me visto che riguarda la sua famiglia. Se non faccio qualcosa tutti pensano che la famiglia di Faith nel passato non faceva solo manifestazioni o rivoluzioni popolari ma metteva anche delle bombe. Non le metteva ma visto che in nome dei genitori di Faith parla una donna che non sa tutti i fatti potrebbe dire a tutti cose che non sono vere e quindi far cambiare opinione alla gente. Cioè se non dico a Faith di fare questa cosa tutti vedono la sua famiglia o i suoi genitori come degli estremisti che avrebbero fatto di tutto per rendere il posto migliore anche uccidere. Visto che fuori dalla persona che sta portando in avanti la battaglia creata dai genitori di Faith tutti credono che sia vero. Io avevo detto a Faith che l’ avrei aiutata a salvare Kate e la sua città e cosi oggi io sono tornato al quartier generale dei Runner e io guardai tutti con uno sguardo di rabbia visto che gli Osservatori mi avevano dato delle informazioni su un gruppo che era molto noto qui dentro. Tutti non mi volevano guardare in volto visto che questo fatto non volevo far sapere a Faith visto che lei lo avrebbe saputo lei avrebbe fatto qualcosa. Faith venne verso di me – Daniel perché stai guardando tutti come se nascondono un grande segreto ?. Io ero vicino a Faith con calma – visto che i Runner non te lo vogliono dire, te lo dico e te lo mostro io. Vieni a questo indirizzo tra un ora. L’ indirizzo che ho dato a Faith e di un bar che si muove tra le dimensioni e si può trovare in ogni posto e in ogni luogo cioè Hunter’s Bar. Io andai li con il mio T.A.R.D.I.S e Faith lo trovo subito, busso e io la feci entrare e poi tornammo indietro di qualche settimana. Faith si fermo vicino a una ringhiera – quando stiamo andando indietro ?. Avevo portato Faith a un mese e tre settimane prima e tutto per farle vedere quel palazzo distrutto dove l’ avevo salvata. Non uscimmo ma le feci vedere dallo schermo grande il palazzo e poi le feci la domanda – chi ha colpito tale palazzo ?. Faith non sapeva chi lo aveva fatto – forse è stato il mio nemico principale per riottenere il chip che gli ho preso. Ma non era la risposta giusta e poi io misi più vicino a lei per farle capire meglio cosa stava succedendo e sopratutto quale era la risposta giusta visto che lei non sapeva proprio nulla di questo movimento fatto nell’ ombra – i tuoi genitori in questo mondo hanno fatto tante cose. Ma adesso c’ e un gruppo di persone note come il Novembre Nero e loro dicono che hanno gli stessi ideali dei tuoi genitori. Ma non è vero, loro usano bombe contro tutte le persone che sono con o contro di loro. Quello che ti ho voluto mostrare e che il movimento noto come Novembre Nero sta portando in avanti le azioni che facevano i tuoi genitori, ma se non li fermi subito loro possono distruggere la tua città e sopratutto loro faranno vedere a tutti quanti che i tuoi genitori non facevano solo manifestazioni o rivolte ma usano le bombe e tutti ci crederanno visto che tale persone sono dette da una persona che ha riportato in vita quello che hanno creato i tuoi genitori. Faith era li vicino a me – quindi io devo salvare la mia città, mia sorella Kate e adesso devo anche riportare all’ antico splendore la reputazione dei miei genitori. Non so se ce la faccio tutti mi dicono che io non sono più quella di un tempo. Io ero vicino a lei – vedi Faith tutti hanno paura di perderti, pure io ho paura di perderti. Ma adesso tu devi far capire agli altri che anche se eri in prigione o eri in un posto oscuro tu sei rimasta la stessa persona. Devi solo guardare dentro di te e trovare il motivo giusto per fare tale cosa e sono sicuro che troverai quel motivo che ti fa fare tutto questo. Io sarà sempre dietro di te e ti aiuto. Adesso io devo riportare al quartier generale dei Runner e per fare non si duro con loro stanno facendo solo quello che è giusto per non perdere te e perdere la persona che può salvare questa città.

Categorie
Alieni Cortana Dalek Daniel Saintcall Dominatrice dei Portali Federica Arcieri Rapimenti Zygons

Jessica Fermont scappa dagli Zygons

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

Jessica non aveva ancora l’ età per guidare visto che poteva guidare solo quando aveva 18 anni e quindi quando era scappata dagli Zygons non poteva usare l’ auto di suo padre James e anche se sapeva guidare non poteva usare quell’ auto visto che era stata disabilitata da un congegno che avevano preso dai Dalek visto che loro si erano uniti per uccidere la famiglia Arcieri una volta per tutte . Jessica era stata presa dai suoi genitori dopo la festa della sua migliore amica Marissa e cosi lei poteva tornare a casa e riposarsi per la lunga notte passata a casa della sua migliore amica . Suo padre James e sua madre Alexia erano in auto tranquilli e non avevano detto nulla a Jessica visto che lei non si era ubriacata e sopratutto non aveva fatto niente e i suoi genitori erano fieri . Non erano molto lontani da casa loro e avevano deciso di farla in auto la strada verso casa e cosi loro non prendevano troppo freddo e sopratutto non venivano aggrediti da qualcuno di molto pericoloso . Durante il viaggio a casa Jessica decise di dire un piccolo segreto a sua madre Alexia cioè che aveva baciato un ragazzo e tra loro sarebbe iniziata una storia . Ma proprio quando sua madre Alexia e Jessica avevano iniziato la conversazione l’ auto e i telefonino smisero di funzionare . L’ auto e i telefonini erano come morti e quindi per chiamare aiuto o usare l’ auto per andare via da li il più presto possibile , ma non si poteva fare visto che tutto sembrava morto . Gli Zygons avevano deciso di fare la loro mossa nell’ oscurità più totale e non parlo solo del fatto che li c’ era un po’ di luce , no all’ inizio avevano smesso di far funzionare l’ auto e i telefoni ma poi usarono di nuovo il congegno avuto dai Dalek e pure i lampioni smisero di funzionare . Adesso che nessuno poteva vedere cosa succedeva li loro potevano prendere i genitori di Jessica Fermont per fare in modo che lei si metesse in contatto con una certa Federica Arcieri , che poi loro diventano amiche e poi la facevano venire li per poi scambiarla con uno degli Zygons e cosi uccidere la Famiglia Arcieri da dentro . Alexia e James scesero dall’ auto e insieme all’ unisono dissero a alla loro figlia – resta in auto e cosi loro andarono li a vedere cosa stava succedendo . Jessica aveva deciso di restare in auto visto che sentiva i rumori dei passi dei suoi genitori e di tutte le altre auto che c’ erano li attorno , ma poi Jessica non senti più nessun rumore e nemmeno i passi dei suoi genitori e cosi scese dall’ auto . Una volta scesa vide li nell’oscurità più totale due grosse figure e capì che non erano i suoi genitori visto che erano troppo grossi e loro erano li fermi senza dire neanche una parola o una frase che facesse capire a lei chi fossero . Io ero ancora dentro il mio ufficio visto che stavo vedendo se uno degli Zygons era ancora sulla Terra oppure no . Lo potevo capire grazie a Cortana che era li davanti a me , cioè dentro al T.A.R.D.I.S e con calma stava cercando di capire dove potessero essere e li trovo quando mi indico di una strada che era nell’oscurità più totale . Io scesi e presi l’ auto e correndo andai li e mi trovai vicino un’ altra auto che era vuota e li usando gli occhi della fenice per vedere chi c’ era e chi non c’ era . Davanti a me c’ era una ragazzina che stava andando vicino all’ auto e cosi io andai vicino a lei con calma – vieni con me oppure potresti scomparire come i tuoi genitori . Quando dissi quella frase Jessica si mise paura e sali sulla mia auto e noi ce ne andammo il più lontano possibile da questo posto molto oscuro . Mentre guidavo sentivo il cuore di Jessica che batteva all’ impazzata e dentro la sua mente c’ era un solo e unico pensiero – dove sono i miei genitori ? . Io mi fermai vicino a una stazione della polizia e poi guardai Jessica negli occhi – respira , adesso . Se sono andati e non credo che ti colpiscano davanti a tutte queste persone . Jessica fece un lungo respiro – tu chi sei ? , dove sono i miei genitori ? . Io non potevo dire a Jessica che ero un alieno , già ha visto gli Zygons e quindi le dissi – io sono Daniel Saintcall e grazie ai miei strumenti ho capito che tu e la tua famiglia eravate in pericolo e cosi sono intervenuto . I tuoi genitori sono ancora vivi ma li devo trovare . Adesso tu te ne andavi a Londra e cambia il tuo look e con calma fatti una nuova vita e io nel frattempo cerco i tuoi genitori . Jessica pensava che erano morti ma io la guardai negli occhi – no a quelle creature le persone servono vive e vegete . Da morte non gli servono a niente . Quindi io adesso li devo solo trovare . Tu invece fai come ti dico io cioè vai a Londra e fatti una nuova vita .

Categorie
Alieni Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Federica Arcieri Presentazione Zygons

Aspetto di Jessica Fermont

12240337_10208153045769295_3394905233030668582_o

Jessica Fermont prima non aveva questo aspetto cosi oscuro e cosi seria , prima aveva un altro aspetto più rassicurante e con un look più bello e con colori caldi . Ma quando aveva 17 anni , perse i suoi genitori e non li trovo più visto che sapeva che erano stati rapiti non da umani ma da alieni e cosi decise di fare la cosa che sapeva fare cioè scappare per non essere presa da loro e cosi non scomparire nel buoi come i suoi genitori . Jennifer aveva deciso di non vedere cosa era successo ai suoi genitori visto che sua madre Alexia prima di scomparire le aveva detto di stare li vicino alla macchina e non venire con loro perchè era troppo pericoloso . Jessica voleva vedere cosa era successo ai suoi genitori ma quello che vide nella oscurità le mise una grande paura che decise di scappare e cosi non farsi prendere dagli Zygons e cosi essere uccisa o altro . Jessica vide la prima macchina e decise di buttarsi per vedere se si fermarono e si fermarono e cosi lei andò via da li e poi prima di andare alla polizia scompari nel nulla visto che non voleva dire a nessuno cosa era successo . Se lo avrebbe detto a qualcuno sarebbe stata presa come una pazza o la polizia avrebbe detto subito – sei stata tu a uccidere i tuoi genitori . Jessica aveva visto che loro non l’ avevano vista in faccia e cosi lei cambio totalmente look e si trasformo nella Jessica Fermont che conosce Federica Arcieri . La persona che si era fermata a dare un passaggio a Jessica Fermont ero io cioè Daniel Saintcall e non ero venuto con il mio T.A.R.D.I.S ma con la mia auto e ci avevo fatto salire la ragazza e l’ aveva portata vicino alla stazione di polizia e io le dissi – ora fai come ti dico , cioè vattene a Londra e cambia look . Quei mostri non ti hanno visto in faccia e grazie a tale fatto sei in salvo , ma non so per quanto tempo e cosi scappa via e sta attenta a loro .  Jessica prima di andare via mi chiese – ma tu chi sei ? , io ero li che vedevo se uno degli umani vicini a noi ero uno Zygons oppure no – io sono Daniel Saintcall e grazie ai miei strumenti ho capito che c’ erano degli alieni vicino a te e cosi sono intervenuto e ti ho salvato la vita . Adesso con calma mentre tu vai a Londra e ti fai una nuova vita , io cerco i tuoi genitori dovunque sono . Jessica prima di andare via dalla mia auto – grazie .

Categorie
Città Disegno Famiglia Genitori Lisa Londra Mondo Moderno Napoli Paura Pericoli Rabbia Sarah Saintcall Solitudine

Disegno di Lisa

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

Sarah Saintcall quando era sul tetto di quel palazzo, aveva visto che Lisa con la sua mano delicata e molto calma aveva creato quel bel disegno. Sarah era lì e non si era mossa di un millimetro visto che voleva vedere il disegno finito e se era bello forse lo avrebbe preso come spunto per avere un nuovo aspetto. Sarah mentre vedeva Lisa fare il disegno li sul foglio e senza essere disturbata da nessuno e nemmeno dal vento o dal suono di un autobus che stava arrivando. Sarah vide grazie agli occhi della fenice che in Lisa c’era qualcosa di speciale e non era il disegno e il fatto che era brava, ma che dentro di lei c’era un potere molto speciale e molto particolare. Sarah aveva percepito il potere di vedere e di dipingere il futuro dentro Lisa e questo le fece capire che forse era questo il motivo per i suoi genitori l’avevano abbandonata in una casa famiglia di notte quando lei stava dormendo. Ma Sarah non senti solo il potere dentro al corpo di Lisa, ma senti anche una profonda solitudine e grande rabbia. La solitudine perché nessuno la voleva per colpa del suo potere di vedere il futuro o di dipingerlo su una tela o su un foglio. La rabbia invece era per i suoi genitori visto che senza scrivere un biglietto la lasciarono dentro una casa famiglia senza nessuna spiegazione. Sarah era per le strade per cercare un nuovo aspetto, ma non trovo solo quello ma anche una persona molto simile a lei. Sarah aveva trovato una ragazzina molto carina e molto gentile, ma dentro di lei c’ erano quelle emozioni che distruggevano ogni rapporto e ogni possibilità di avere una famiglia o di essere affidati a una famiglia. Sarah vedeva li Lisa e non ci poteva credere che dei genitori avevano abbandonato un grande tesoro come questo. Sarah non torno subito ma decise di vedere come mai Lisa era stata abbandonata e che gente erano i suoi genitori. Sarah prima di tornare indietro voleva vedere il passato di Lisa e capire come era arrivata a questo punto. Prima di prendere il suo nuovo aspetto davanti a me, mio fratello Damon, mia sorella Alyssa e i miei zii Kira e Oliver si voleva occupare di questa dolce signorina che era da sola. Sarah era lì sul tetto e una parte del suo corpo diceva “fai qualcosa a questa signorina. Non può stare lì da sola in un mondo così pericoloso e cosi oscuro. I suoi genitori non le hanno insegnato i pericoli del mondo moderno e così può finire in ogni situazione pericolosa. Sarah Saintcall era lì sul tetto di un palazzo e decise di dare un futuro a Lisa e non farla vagare per le strade di Napoli tutta da sola e cosi essere vista come un mostro o come un rifiuto dagli. Sarah aveva già capito che non era cosi visto che adesso era una simpatica signorina e fino a quando era considerata cosi dagli altri, il suo futuro poteva cambiare e cosi diventare importante per questo grande e imponente mondo.

Categorie
Aliena Genitori Irisa Prince Nemici Razza Uccidere Vendetta Votan

Aspetto di Irisa Prince

defiance103-1

Irisa Prince è un aliena che proviene da un pianeta molto lontano nello spazio . Lei proviene dal pianeta dei Votan e lei in tenere età ha perso tutto . Irisa ha sempre cercato un motivo per restare in vita e lo ha capito quando ebbe il suo potere cioè trovare le persone che avevano ucciso la sua famiglia e la sua gente . All’ inizio lei era spinta dalla vendetta ma ogni passo che faceva verso l’ Universing capiva che doveva farlo visto che quelle persone lo avrebbero fatto ogni volta e cosi un altro pianeta e un altra persona sarebbe stata l’ ultima della sua razza . Lei credeva che era sbagliato uccidere quelle persone ma una volta entrato nelle loro menti vide solo distruzione , rabbia e nessuna compassione . Irisa Prince decise di uccidere quelle persone visto che loro erano dei mostri che avrebbero preso una persona o un bambino e lo avrebbero preso come ostaggio ma una volta che lei è arrivata li sul posto , quelle persone avrebbero ucciso il bambino o l’ ostaggio come niente e davanti agli occhi di Irisa . Quindi se uno le chiedeva con calma e con un sguardo serio – valeva la pena ucciderli ? . Irisa avrebbe guardato quella persona negli occhi e gli avrebbe detto con una grande calma ma anche con uno sguardo serio – si , ne valeva la pena visto che questi sono mostri o assassini che uccidono anche un bambino in fasce per far vedere al prossimo che si deve aver paura di loro .

Categorie
Anna Arandelle Cugina Cugini Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Spazio Tempo

Aspetto di mia cugina Anna

ELIZABETH LAIL

Prima di andare via dalla stanza di Anna lei venne verso di me e mi diede un pugno forte ma io non senti nulla . Lei ruppe la mano – di cosa sei fatto acciaio o qualcosa del genere . Io mi misi a ridere e lei mi disse con una faccia – smettila per colpa tua mi sono rotto la mano . Io presi la mano di mia cugina e gliela curai . Dopo pochi minuti la potè usare in modo perfetto – cosi pure tu sai usare la magia e io no . Pure Elsa lo sa fare e io no . Io andai verso di lei e senti con il mio potere di leggere dentro le persone e vidi che pure dentro di lei c’ era qualcosa di magico . Una volta andato verso di lei – ho guardato dentro di te e ho visto pure tu hai qualcosa di magico . Se vuoi te lo sblocco . Anna lo voleva ma non lo voleva – per il momento non lo voglio ma se voglio avere i poteri te lo dirò . Adesso dimmi come mai la tua pelle e cosi resistente . Mia cugina era parecchio curiosa – non lasciarmi sulle spine voglio sapere . Io alla fine parlai – vedi io ho il potere di essere invulnerabile e grazie a questa abilità se tu mi dai un pugno o mi lanci addosso un oggetto io non sento nulla a meno che non fermo il mio potere e cosi lo faccio . Allora Anna venne verso di me – disabilità questa abilità perchè adesso ti devo dare questo pugno . Io lo feci e lei melo diede bello forte il pugno . Io mi ripresi in fretta – se hai questa forza si può dire che siamo cugini . Una volta ripristinato il mio potere andai verso Anna – vedi io ho un sacco di poteri e li uso per salvare le persone . Anna inizio a sapere tutto di me – e perchè non li hai usati per salvare i miei genitori . Anna andò vicino alla porta e si mise davanti e parlai – vedi io lo volevo fare ma non potevo salvarli  . Quello era un punto fisso nel tempo e nello spazio . Nel senso che quello era un evento che doveva succedere e io non ci potevo fare nulla . Ma se tu o tua sorella siete in difficoltà chiamatemi e io intervengo . Anna era felice di saperlo e mi abbraccio – come ti ho detto prima non sparire e cerca di farti vedere più volte .

 

 

Categorie
Ada Knight Anna Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Elsa Mondo

Conosco mia cugina Anna

250px-AidenRender

Prima di andare via da Arandelle , Ada mi prese per il braccio in modo molto forte e mi porto nella sala del trono visto che era li che c’ erano Anna e Elsa . Una volta portato li Ada mi guardo in modo molto storto – ora vai li dentro e incontri tua cugina Anna oppure mi prendo la chiave del T.A.R.D.I.S e la brucio . Fui costretto ad andare li dentro e andai li vicino ad Elsa – Ciao cugina come stai ? . Elsa mi vide arrivare – Daniel è da un anno che non ci vediamo . Che cosa sei venuto a fare qui ? . Io mi tolsi il capello dalla testa e mi tolsi la benda dalla faccia – Ada Knight mi ha costretto ad incontrare mia cugina Anna . Anna era li vicino – quindi lui sarebbe nostro cugino ? . Elsa era vicino ad Anna – si è nostro cugino , lui viaggia davvero molto e adesso lui è qui per conoscere te .

Anna mi abbraccio molto forte e poi arrivo Ada Knight verso di noi . Ada era li ed era felice di vedermi li con mia cugina . La guardai negli occhi – adesso che ho conosciuto mia cugina Anna posso riavere la chiave si o no . Ada me la mise nella tasca e poi mi diede un pugno e io le chiesi – perchè questo pugno ? . Ada guardo Anna e Elsa – questo è per aver aspettato cosi tanto per conoscere tua cugina Anna . Io fini l’ abbraccio con Anna e le mi trascino a vedere camera sua che era bellissima e davvero molto bella . Anna voleva essere sicura – sei veramente nostro cugino oppure no ? . Io la guardai in faccia – certo che lo sono . Io ho conosciuto i tuoi genitori e so che sono morti e hanno lasciato un messaggio . Anna sapeva del messaggio – si lo hanno mandato ma adesso pensiamo a noi due . Perchè non mi hai mai fatto visita ? . Io la vidi andare vicino alla finestra – vedi volevo però dovevo salvare alcune persone e quindi ho salvato loro e non ho avuto il tempo per visitare te . Ma da adesso in poi io verrò ogni volta che posso . Adesso però devo andare in un altro mondo per vedere se li ci sono pericolo oppure no . Se vuoi la prossima volta ti porto a visitare un altro mondo e lo visitiamo insieme . Anna era felice di avermi conosciuto e per il fatto di vedere altri mondi – mi piacerebbe davvero tanto vedere altri mondi . Alla prossima cugino fatti vedere e non sparire .

 

Categorie
Alieni Alina Conte Cyberman Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Serena Ricci

Daniel Saintcall

250px-AidenRender

Io ero in macchina e stavo girando verso una curva non molto stretta e dopo averla presa bene e li Alina mi vide fare drifting . Una volta fatta la curva e aver fatto divertire per un pò Alina Conte e cosi farle calare la pressione presi il mio telefonino e feci il numero di Serena Ricci . Misi nel mio orecchio destro l’ auricolare e parlai con lei . Serena era li al negozio e per il momento stava facendo l’ inventario per vedere se mancava qualche skate oppure no . Serena si fermo e senti il suo cellulare squillare e vide che ero io – Daniel come mai mi chiami ? . Io ero li e vidi che Alina aveva iniziata a dormire un pò – io so che tu conosci Alina Conte . Lei era li e quando senti il suo nome la ricordo subito – si perchè le è successo qualcosa di brutto ? . Dopo pochi minuti Serena senti freddo non solo nel cuore ma anche su tutta la schiena – Daniel se sai qualcosa su Alina Conte la voglio sapere . Io ero li e sapevo cosa era successo ai suoi genitori e lo dissi ad Alina Conte – allora lei sta bene ma non posso dirlo per i suoi genitori . Sono stati uccisi e io adesso sto portando da te Alina Conte . Voglio che tu la ospiti per alcuni giorni . Forse lei si potrà calmare e potrà parlare di te tutta questa storia e dei suoi sentimenti . Vedi ha bisogno di un amica con cui confidarsi e visto che tu la conosci con te si apre . Invece con me non tanto . Serena sapeva che Alina stava passando un momento molto brutto – va bene portala qui . Con il mio aiuto lei passera questo momento . Prima che chiudi la telefonata voglio sapere se i genitori di Alina Conte sono morti per colpa di un uomo oppure di un Cyberman . Io dovevo rispondere dopotutto non potevo scappare per sempre da questa risposta e anche se andavo al suo negozio veniva verso di me e mi iniziava a guardare con uno sguardo serio – ora dimmi chi ha ucciso i genitori di Alina Conte . Io ero li e decisi di dire la verità a Serena Ricci – si sono stati uccisi dai Cyberman . Serena chiuse gli occhi e penso al suo passato e poi torno al presente – grazie per avermi detto la verità . Adesso portala qui e cosi lei sarà al sicuro .

 

Categorie
Ada Knight Alieni Alina Conte Assassin's Creed Cyberman Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Kratos Black

Alina Conte

Skater_girl_by_tatareen

Alina Conte giocava molto spesso alla saga di Assassin’s Creed e questo le permise di prendere gli oggetti di nascosto . Alina voleva mangiare ma sua madre le diceva che doveva mangiare una solo merendina oppure non nè avrebbe più comprato e allora lei grazie a giocare a quel gioco capì come nascondere . Io e Alina eravamo in macchina da un pò di tempo e mi stavo chiedendo che non aveva mangiato nulla . Io girai la testa con calma verso Alina – ma tu non mangi nulla ? . Alina la teneva nascosta nella manica e tiro fuori una barretta di cioccolata . Aveva fatto la stessa cosa che facevo io – questo si che è un bel modo per prendere gli oggetti senza farsi vedere da nessuno . Quando l’ hai presa ? . Alina si mise composta e mise la testa dritta – vedi prima che avevo visto i Cyberman nel mio salotto e uccidere i miei genitori con una scarica elettrica ero andato al mio frigorifero e avevo preso una barretta di cioccolata . Una volta che li ho visti l’ ho messa dentro la manica sinistra e poi me ne sono scappata e una volta fatto l’ ho tenuta al fresco . Vedevo che Alina era piena di sorprese – vedi che te la sei cavare da sola . Ma contro quei Cyberman non si scherza . Hai bisogno del mio aiuto per sconfiggerli . Ada era li dentro il Rifugio dell’ Infinito e mi segui dal suo computer e poi entro dentro la mia mente – non ti scordare di me o di Kratos . Io ero li che tenevo gli occhi sulla strada – certo non mi sono scordato di voi . Ada era li pronta a dire il contrario – da quello che ti ho sentito dire . Hai detto alla ragazza che solo tu la puoi aiutare e noi invece . Ricordati che quella sera ci eravamo pure noi e insieme come una squadra abbiamo salvato Alina Conte dai Cyberman . Quindi dici un altra volta che hai fatto tutto da solo e io e Kratos ci teletrasportiamo in macchina e poi vediamo se hai il coraggio di dire se hai fatto tutto da solo . Kratos entro dentro la mia mente – non ti consiglio prenderti meriti che sono solo tuoi . Posso diventare molto distruttivo e la tua macchina sarà solo un vago ricordo  . Girai la testa verso Alina Conte – vedi non ti ho aiutato da solo ma con due persone . Una è la mia collega Ada Knight e l’ altro è il guerriero Kratos Black . Tra poco verranno con noi dentro la macchina e quindi sta attenta . Alina voleva sapere perchè adesso le stavo dicendo questo – come adesso mi stai dicendo la verità ? . Io con calma andando in avanti – vedi se non lo faccio tre persone si mettono in collaborazione e la macchina che sto guidando non sarà più cosi bella . E per questo te lo sto dicendo .

 

 

Categorie
Alieni Alina Conte Cyberman Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Occhio della Fenice

Alina Conte

Skater_girl_by_tatareen

Alina Conte ha un grande occhio per vedere le cose e aveva capito che nei miei occhi c’ era qualche potere o qualcosa che non stavo dicendo . Alina vide che erano rossi come il fuoco e voleva sapere come mai . Era li sveglia e pronte a farmi tutte le domande possibili e tutte quelle che aveva dentro la sua mente . Alina si giro verso di me – vedo che i tuoi occhi sono rossi . Secondo me pure li hai dei poteri dimmelo e ti lascio guidare in santa pace . Io avevo il potere di capire se una persona mentiva oppure no e Alina mentiva ma decisi di dirlo tanto era un modo come un altro per conoscermi e cosi avevo la totale fiducia della ragazzina . Grazie a questo Alina si poteva di me e di quello che dicevo io . Io mentre giravo il volante con calma per mettermi sulla destra e cosi superare un altro auto che era grigia ed era davanti a me . Era un vecchio che andava molto piano con una macchina molto veloce . Una volta superato guardai Alina – vedi i miei occhi sono rossi perchè ho una abilità oculare che mi permette di vedere cose che gli altri non vedono . Alina voleva sapere cosa potevo vedere con questa abilità oculare – che cosa puoi vedere con i tuoi occhi . Io ero li che tenevo gli occhi sulla strada e li girai subito in pochi secondo verso di lei e poi li feci tornare sulla strada – posso vedere che attorno a te c’ e una aurea verde e questo significa che hai paura . Non solo di quello che ti può accadere con i Cyberman ma anche di quello che puoi scoprire con i tuoi genitori . Alina sapeva che avevo ragione ma sbuffo e si mise a dormire visto che non voleva sentire .