Categorie
Ada Knight Angela Ferrante Creativi Creativi Principale Universing

Project BlueStreak

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

I Creativi avevano creato un nuovo mondo che per il momento aveva Project Bluestark . Per il momento questo mondo si chiama cosi e forse nel futuro avrà un vero nome e noi sapemmo in cosa consiste questo mondo . Io e Ada non sapevamo di questo mondo ma mi chiamo Angela Ferrante –  Daniel , Ada e uscito un nuovo mondo . Andate li e vedete di cosa si tratta e poi venite a fare rapporto . Una volta andati in quel mondo ci ritrovammo dentro a una sala comando dove tutto era avanti coi i tempi . La roba che io e Ada abbiamo visto arriva dal 25 secolo o dal futuro visto che tutto si fa con le mani e non con bottoni o altri tasti . Dentro quella stanza vedemmo un armatura del Giappone Feudale . Sopra c’ erano anche delle maschere adatte per questa armatura . Quando poi andammo in armeria non trovammo spade ma trovammo pistole e fucili e armi molto pesanti . Quella armeria era adatta per fare una guerra o qualcosa del genere . Una volta usciti dal tempio vedemmo dei ciliegi in fiore e questo poteva significare una cosa sola cioè che noi eravamo nel Giappone . Oppure non eravamo li ma in un altra parte e questa era una struttura simile a quelle che si trovano li . Per il momento non lo sapevamo .

Una volta visto li andai vicino ad Ada – ti va di vedere in aria cosa c’ e ? . Ada aveva capito cosa voleva dire – vuoi vedere se ci altri posti o altre città . Una volta saliti in aria andammo dove c’ era la scritta Hollywood perchè li c’erano delle persone . Erano pronte a combattere e stavano vedendo quando potevano tornare in città visto che c’ era una tempesta molto potente . Pure io e Ada la vedemmo li in alto e cosi come la stava li in mezzo alla città non l’ aveva mai fatta . Quella tempesta era qualcosa di incredibile .

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Foto Hollywood

Step Up All In

Ad Hollywood si sono radunati tutti i migliori Street Dance visto che li sta per svolgere una grande competizione e tutti i migliori sono li per essere coronati i migliori di tutto il mondo . Sean grazie a Muso e grazie a Andie riesce a creare una nuova squadra molto più forte e molto più in gamba visto che provengono da ogni dove . Sean e Andie si innamorano l’ una dell’ altra e grazie a tale relazione possono dare alla fine dello show una grandissima e bellissima mossa . Qui solo i migliori ci partecipano e solo pronti a dare tutto se stessi per essere considerati i migliori ballerini di Street Dance del mondo intero . La nuova crew di Sean darà corpo , mente e pure l’ anima per conquistare quel titolo .

 

 

Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Hot Wheels: le macchinine Mattel arrivano al Cinema

Continua la ‘fusione’ tra mondo dei giocattoli ed Hollywood. Dopo la sfilza di titoli Hasbro visti in sala negli ultimi anni, anche la Mattel è scesa prepotentemente in campo. La Legendary Pictures ha infatti affidato a Simon Crane e allo sceneggiatore Paul Attanasio il compito di dar vita ad un lungometraggio basato sulla linea di giocattoli Hot Wheels. Attanasio sarà chiamato a rimettere mano allo script inizialmente partorito da Art Marcum e Matt Holloway.

Joe Roth, Palak Patel e Sam Mercer della Roth Films produrranno il tutto con la Legendary. Simon Crane è uno dei più autorevoli registi di ’seconda unità’ su piazza in quel di Hollywood. Ha girato World War Z, Salt, Men in Black 3, Quantum of Solace, X-Men – Conflitto finale, Mr. & Mrs. Smith, Troy e Terminator 3 – Le macchine ribelli, così come l’imminente Edge of Tomorrow, fino al debutto in qualità di regista con Echelon, action/adventure in produzione. Paul Attanasio, invece, è stato due volte nominato agli Oscar, per gli script di Quiz Show e di Donnie Brasco. Era da 7 anni che non produceva sceneggiature per il cinema, ovvero dai tempi di Intrigo a Berlino.

Tornando ad Hot Wheels, per chi non lo sapesse questo era il nome di una linea di modellini di automobili lanciata sul mercato nel 1968. All’epoca fu la principale concorrente della Matchbox, fino a quando nel 1996 la Mattel acquisì i diritti dei modellini Matchbox dalla Tyco. Inizialmente queste automobiline in grado di cambiare colore se immerse nell’acqua fredda e/o calda erano in scala 1:64. Praticamente i genitori delle Micro Machines, arrivate solo 25 anni dopo. In seguito furono prodotti anche modellini più grandi, benché la linea rimase principalmente famosa per i modellini di piccole dimensioni di vetture muscle car e hot rod. Con quale credibilità potranno sbarcare in sala? Nessuno può dirlo. Ma presto diverranno realtà.

 

Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Luca Calvani villain in The Man From U.N.C.L.E. di Guy Ritchie

Dall’Isola dei Famosi ad Hollywood. Il Cinema sa fare anche questo. Luca Calvani, attore che in Italia ha sempre fatto poco o nulla sul grande schermo, sarà il villain di The Man From U.N.C.L.E., atteso nuovo film di Guy Ritchie.

A riportare lo scoop Deadline, per una scelta da parte della Warner che vedrà il nostro Luca confrontarsi con stelle del calibro di Henry Cavill, Armie Hammer, Hugh Grant, Alicia Vikander, Elizabeth Debicki e Jared Harris. Tratto dalla popolare serie televisiva anni 60, Organizzazione UNCLE vedeva due spie, una russa ed una americana, interpretate da Robert Vaughn e David McCallum, far parte di un’organizzazione, la United Network Command for Law and Enforcement per l’appunto, chiamata a contrastare la temibile Technological Hierarchy for the Removal of Undesirables and the Subjugation of Humanity (T.H.R.U.S.H.). Napoleon Solo e Illya Kuryakin i nomi dei due, in lotta contro il male facendo leva sul fascino, l’intelletto e una gamma infinita di gadget.

La sceneggiatura è stata scritta da Ritchie e Wigram, che sono anche i produttori insieme a John Davis (Chronicle) e Steve Clark-Hall (RocknRolla, Sherlock Holmes), con David Dobkin produttore esecutivo. Via alle riprese imminente, con diversi set allestiti nel nostro Paese. Dal 23 al 30 settembre la produzione della pellicola sarà sul Molo Caligoliano, tra la spiaggia antistante ‘Villa Ferretti’, bene confiscato alla camorra, il Castello di Baia e il tunnel di Capo Miseno, tutte location nel territorio del comune di Bacoli. Ma non è finita qui, perché Ritchie si sposterà poi a Pozzuoli. E sarà proprio qui, molto probabilmente, che si farà strada il personaggio di Calvani, un anno fa ‘comparsa’ in To Rome with Love di Roberto Benigni ed ora pronto a sfidare The Lone Ranger e Superman al Cinema.

 

Categorie
2011 2012 2013 2014 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo Sport Sport nel Mondo

Fast and Furious 7: arriva la judoka Ronda Rousey

Sembrava impossibile far meglio dei 626,137,675 dollari incassati nel 2011 da Fast Five. Ma ci sbagliavamo, perché Fast and Furious 6 ne ha incassati addirittura 771,184,440. Rarità in quel di Hollywood, per un franchise che vede crescere gli incassi capitolo dopo capitolo, film dopo film, obbligando di fatto la Universal a proseguire, a continuare, ad allungare all’infinito il brodo cinematografico.

Perso per strada Justin Lin, padre degli ultimi 4 episodi, lo studios si è affidato al Re dell’horrorJames Wan, per un settimo capitolo che uscirà tra meno di un anno. L’11 luglio del 2014 Fast and Furious 7 sarà infatti realtà, con il via alle riprese davvero dietro l’angolo. E un cast che pian piano inizia a delinearsi. Incassato il ‘no’ di Denzel Washington, a cui era stato offerto un ruolo da ‘villain’ per l’ottavo capitolo, Wan avrebbe chiesto e ormai quasi ottenuto Ronda Rousey, 25enne atleta di arti marziali miste e judoka statunitense. Ronda vanta una carriera da campionessa pluridecorata nel Judo, grazie alla medaglia di bronzo conquistata alle Olimpiadi di Pechino del 2008, ed è stata premiata Female Fighter of the Year ai Fighters Only World MMA Awards nel 2012, nonché Fighter of the Year nel 2011 e 2012, Featherweight of the Year nel 2011, Bantamweight of the Year nel 2012 e Newcomer of the Year nel 2011 ai Women’s Mixed Martial Arts Awards.

Cercata anche da Sylvester Stallone per I Mercenari 3, la Rousey potrebbe essere una delle novità di F&F7, andando così ad affiancare Vin Diesel, Paul Walker, Jason Statham e la ‘collega lottatrice’ Gina Carano, ormai star di Hollywood. Primi ciak in arrivo, tra Los Angeles e Atlanta, per un titolo che non ha davvero tempo da perdere. Perché l’11 luglio del 2014 è lì, praticamente dietro l’angolo.

 

Categorie
2013 Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps3 Ps4 Wiiu Xbox 360 Xbox One

Call of Duty: Ghosts – nella trama molta attenzione agli aspetti emotivi

Call of Duty: Ghosts avrà una forte componente emozionale. A rivelarlo è Mark Rubin di Infinity Ward, che spiega come sia stato ingaggiato uno sceneggiatore hollywoodiano del calibro di Stephen Gaghan per creare una trama che coinvolga maggiormente gli utenti.

Dalle pagine di GI International (via VG247), Rubin ha dichiarato:

«Stephen sta veramente lavorando al gioco in un modo che non ho mai visto fare a uno sceneggiatore di Hollywood. Vede il poter scrivere la trama di un gioco come un’occasione straordinaria e una sfida unica a livello artistico. Una delle cose che ci ha detto è stata ‘Come sceneggiatore, lavorare su Ghosts è come un film d’arte. Basilarmente, se ci pensate, il personaggio principale, la stella del film, non si vede mai e non parla mai. E quindi devi inventarti una storia che tiene conto di queste particolarità’»

E continua approfondendo l’argomento:

«Pensateci. Se prendete il nostro gioco e lo mettete su di un film dove il protagonista non parla mai e non lo vedete mai, sarebbe come uno di quei folli film francesi in bianco e nero. Quindi Stephen ama veramente questa sfida, ed è molto emozionato per ogni cosa. L’industria dei videogiochi e Hollywood parlano due lingue diverse. E in passato non hanno mai comunicato un granché bene. Ma credo che questo stia cambiando.»

Ricordiamo a tutti i nostri lettori che la commercializzazione di Call of Duty: Ghosts è prevista per il 5 novembre 2013 su PC, PlayStation 3, Xbox 360 e Wii U. Il gioco approderà poi anche sulle nuove PlayStation 4 e Xbox One, una volta che le due console di prossima generazione next-gen saranno disponibili sul mercato.

 

Categorie
2013 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Cani Sciolti: recensione in anteprima del film con Mark Wahlberg e Denzel Washington

Denzel Washington e Mark Wahlberg sono in formissima in Cani Sciolti, il film d’azione cheapre il Festival di Locarno 2013 e che è da pochi giorni uscito negli States. Basato sulla graphic novel di Steven Grant, è un buddy cop movie che ogni tanto sa di anni 80 e che funziona soprattutto grazie ai suoi due protagonisti, coppia di spacconi che trascina la pellicola.

Per una volta il titolo italiano non è così idiota come può sembrare a prima vista. Perché gli agenti interpretati da Washington e Wahlberg sono davvero due “cani sciolti”. Prima in missione in incognito, poi abbandonati da tutti in un marasma in cui DEA, Marines, CIA e cartelli della droga sono tutti contro tutti…

Durante gli ultimi 12 mesi, l’agente della DEA Bobby Trench (Washington) e l’ufficiale dell’Intelligence della Marina degli Stati Uniti, Marcus Stigman (Wahlberg), hanno lavorato fianco a fianco in incognito come membri di una gang di trafficanti di droga. Ma sono diffidenti l’uno verso l’altro proprio come lo sono nei confronti dei criminali che sono tenuti a smascherare ed arrestare: perché nessuno sa la vera identità dell’altro.

Quando il loro tentativo di infiltrarsi in un cartello di droga messicano con il conseguente recupero di milioni di dollari va in fumo, Trench e Stigman vengono immediatamente sconfessati dai loro superiori. Ora che tutti li vorrebbero o in carcere o morti, possono contare soltanto l’uno sull’altro…

Un tempo Baltasar Kormákur, regista islandese qui alla sua terza prova americana (la seconda assieme a Wahlberg dopo Contraband), era considerato una delle giovani promesse del cinema europeo. Poi Hollywood l’ha chiamato e la critica ne ha preso subito le distanze: e infatti le sue prove americane mostrano i suoi limiti rispetto ai lavori in patria.

Però c’è da dire che con Cani Sciolti, scritto da Blake Masters (ideatore di Brotherhood e Law & Order: Los Angeles), azzecca finalmente una prova piuttosto onesta che come unico scopo ha quello di intrattenere lo spettatore. E, nel suo piccolo, il film riesce a non insultare mai lo spettatore, divertendo a sufficienza grazie a riuscite scene d’azione e ad una sceneggiatura più brillante del previsto per quel che riguarda il reparto dialoghi.

Ci sono almeno un paio di sequenze che valgono il prezzo del biglietto: un inseguimento in macchina fra i due protagonisti (con tanto di boss tenuto in ostaggio in uno dei bauli), e una caccia all’uomo in un appartamento con tanto di cecchino. Nulla di eccezionale, per carità: ma almeno la professionalità c’è. Anche perché le cosette che mettono il sorriso non sono poche.

La storia è ricca di twist e sorprese, tanti quanto bastano per far sì che Washington e Wahlberg portino a casa due ottime prove fisiche e con sfumature da commedia a tratti molto efficaci. Wahlberg poi, tutto “occhiolino alle ragazze” e gomma perennemente in bocca, è sinceramente irresistibile. I due protagonisti non si prendono mai sul serio, e così fa il film stesso: è qui cheCani Sciolti trova la sua giusta dimensione.

E se la prova dei due protagonisti supera alla grande l’esame, sono supportati da un cast secondario che fa il proprio dovere con altrettanta ironia. Bill Paxton è un folle e “cattivissimo” agente della CIA disposto a tutto pur di ritrovare i suoi soldi rubati in banca, mentre un’intrigantePaula Patton dà la giusta carica sexy alla pellicola. E non pare un caso che Edward James Olmos (qui Papi Greco) lo rivedremo in Machete Kills

C’è anche da dire che Cani Sciolti si regge bene per un’oretta. Poi sceneggiatura e regia iniziano un po’ a deragliare, non mantenendo lo standard di divertimento onesto e “corretto” che ci era stato offerto in precedenza. Tutto sembra un po’ andare all’aria verso la fine: ma a questo punto è meglio la caciara della seconda parte di Cani Sciolti che quella di In Trance, per capirci. Tra poco del film ce ne scorderemo, vero: ma attenzione al probabile sequel…

Voto di Gabriele: 6

Cani sciolti (2 Guns, USA 2013, azione 109′) di Baltasar Kormákur; con Mark Wahlberg, Denzel Washington, Paula Patton, Bill Paxton, James Marsden, Fred Ward, Edward James Olmos, Robert John Burke, Patrick Fischler, Tenaj L. Jackson, Evie Thompson, Lucky Johnson.Qui il trailer italianoUscita in sala il 24 ottobre 2013.

 

Categorie
2013 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Alec Baldwin ha rifiutato un ruolo da villain in un film Marvel

Tra fase 1, fase 2 e fase 3, l’universo dei cinecomic Marvel si sta espandendo a più non posso e praticamente mezza Hollywood, prima o poi, ne sta venendo coinvolta. E allora capita che in questo tornado di film su super-eori vengano trascinati anche nomi insospettabili. Come quello di Alec Baldwin… L’elegantissimo e stiloso attore (visto le ultime volte sui nostri grandi schermi in To Rome with Love e Rock of Ages) ha infatti confessato di aver ricevuto una proposta dagli studi Marvel per interpretare un ruolo da villain. Proposta che ha poi rifiutato.

Ospite al Howard Stern Show, ad Alec Baldwin è stato chiesto sul perché nessuno gli avesse mai offerto una parte da cattivo in un cinecomic e lui ha risposto: «Be’, in effetti qualcuno l’ha fatto, ma io ho detto no». Immediato lo stupore e la curiosità di tutti, peccato che la star sia stata molto vaga in merito: «non voglio raccontare troppo su quest’episodio perché non voglio sminuire chi è stato preso al mio posto. Ma posso dirvi che, sì, mi è stato chiesto di recitare in un film Marvel nel ruolo di un cattivo».

E perché Alec Baldwin avrebbe poi rifiutato? Nessuno snobismo; soltanto questioni di famiglia. Racconta l’attore: «non ho potuto accettare perché avrei dovuto lavorare per un certo tempo, e per me era un periodo delicato perché mia moglie è incinta e così ho dovuto rinunciare a due film che avrei voluto fare». Sebbene il conduttore Howard Stern abbia insistito per avere maggiori dettagli, Balwin non si è sbottonato e ha detto che avrebbe rivelato il misterioso ruolo solo a telecamere spente.

Ma soprattutto in quale dei fatidici cinecomic Marvel Alec Baldwin avrebbe potuto rivestire il ruolo del cattivo? Prendendo in considerazione che sua moglie è incinta di 6 mesi, i film che rimangono papabili sono allora: The Amazing Spider-Man 2, Captain America: The Winter Soldier, X-Men: Days of Future Past, e Guardians of the Galaxy… Quali sono le vostre ipotesi? Vi sarebbe piaciuto vedere Alec Baldwin in un film di super-eroi?

 

Categorie
2013 2014 2015 2016 Cinema Film Lara Croft Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Marti Noxon sceneggerà il nuovo Tomb Raider

Da Buffy l’Ammazzavampiri a Tomb Raider. Colpo a sorpresa della MGM e della GK Films, affidatisi proprio a Marti Noxon per riportare in vita Lara Croft. Ad annunciare l’avvenuto accordo Variety.

Pubblicato per la prima volta nel 1996, il videogioco Tomb Raider ha venduto oltre 35 milioni di ‘unità’ in giro per il mondo, tanto da tramutare la Croft in uno dei nomi simbolo del settore. Ad aiutare il ‘fenomeno pop’ legato a Tomb Raider, ovviamente, anche i due titoli cinematografici visti in sala nel 2001 e nel 2003, con protagonista Angelina Jolie.

Ultimamente (5 marzo 2013), Square Enix ha rilanciato il gioco in grande stile, riavviando la serie con un titolo semplice ed eloquente. Tomb Raider. Hollywood seguirà queste orme, riportando in sala il mito. 432 i milioni di dollari all’epoca incassati dal doppio capitolo, ancora a caccia della ‘nuova’ Lara Croft.

Tra gli script per il grande schermo di Marti Noxon si ricordano i dimenticabili I Am Number Four e Fright Night, remake proprio dell’Ammazzavampiri del 1985. Ad una donna, in conclusione, il compito di far risorgere Tomb Raider.

 

Categorie
1994 1997 2011 2013 2014 2015 2016 Cinema Film Mondi Fantastici Mondo Notizie Notizie dal Mondo

Timecop torna al cinema: arriva il reboot Universal

Ancora reboot in quel di Hollywood, grazie al fumetto Dark Horse Timecop, pronto a tornare in sala per volere della Universal Pictures. Nel 1994, grazie alla regia di Peter Hyams e con Jean-Claude Van Damme protagonista, il film fece la sua comparsa al cinema, incassando 44.853.581 dollari negli USA e 56.793.000 nel resto del mondo, per un totale globale di 101.646.581 dollari.

Al centro della trama i viaggi nel tempo. Perché si possono cambiare sia il passato che il futuro. Il nostro futuro. Protagonista indiscusso Max Walker, poliziotto duro ed intransigente, chiamato a fermare un nefasto complotto per distruggere il tempo a noi conosciuto. La pellicola del 1994 trasse ovviamente ispirazione dai fumetti di Mike Richardson (autore del soggetto) e Mark Verheiden (che l’ha anche sceneggiato), con Sam Raimi alla produzione. Ad occuparsi del reboot, invece, saranno Marc Shmuger e Tom McNulty.

“Ragazzi, mi piacerebbe l’idea di un ritorno. Mi piace come rumor. ‘Timecop’ stato un progetto divertente e uno dei miei primi film. Fu divertente da fare e credo davvero che ci sia la possibilità di dar vita ad un franchise, per la TV o il cinema. Sarebbe bello riportarlo in sala”.

Parole di Verheiden, rilasciate nel 2011 al sito Comingsoon.net ed oggi diventate realtà, per un film, quello del 1994, che ebbe anche un breve spin-off televisivo nel 1997 e un sequel, uscito direttamente in dvd nel 2003, titolato Timecop 2: The Berlin Decision. Al momento non si hanno notizie ulteriori, riguardanti regista e soprattutto protagonista, ma certo è che Timecop tornerà tra noi. Ma chi chiamare in sostituzione di Jean-Claude Van Damme, nel lontano 1994 autentico divo dell’action?