Categorie
Alieni Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Jessica Fermont Londra Paura Pazzia Pericolo Zygons

Jessica Fermont decide di affrontare i suoi incubi

12240337_10208153045769295_3394905233030668582_o

Jessica Fermont era dentro la sua stanza di albero che era situata al primo piano di quel piccolo hotel e quindi doveva fare attenzione se faceva qualcosa di strano visto che tutti la potevano sentire e non solo quello ma anche vedere . E se accadeva qualcosa di brutto loro sarebbero andati in camera della ragazzina e si sarebbero fatti i fatti di Jessica e cosi la sua idea di avere una nuova identità o dare inizio alle ricerche dei suoi genitori sarebbe stato tutto più difficile visto che avrebbe dovuto dare delle spiegazioni a tutti e pure alla polizia e cosi l’ avrebbero mandata in una casa famiglia e i suoi piani sarebbero sfumati in pochi minuti . Prima di fare qualunque cosa anche fare un colloquio di lavoro doveva fare una cosa cioè affrontare i suoi demoni cioè entrare nel sogno e sconfiggere quello che più temeva di più e solo cosi poteva riprendere la lucidità e cosi avere un lavoro e una vita normale . Ma se non riprendeva la lucidità lei non avrebbe potuto sostenere un colloquio di lavoro , anzi sarebbe stata cacciata via a calci o sarebbe stata portata via dalla sicurezza e cosi lei non può avere soldi da usare per prendere un quaderno vuoto , una penna o dei vestiti e cosi dare inizio alla sua nuova identità cioè Jessica Fermont . Jessica prima di tornare nel mondo dei sogni fece un lungo respiro e poi si mise a letto e chiuse gli occhi con calma e si concentro su quell’ incubo e alla fine arrivo li . Tutto era andato come l’ altra volta e poi c’ erano quelle creature che erano ferme come non mai e Jessica era ferma e decise di fare la prima mossa cioè andare verso di loro e affrontarli faccia a faccia . Ma erano li fermi e non scomparivano e Jessica non capiva come mai non erano andati via dopotutto era riuscita a muoversi e andare verso di loro . Ma poi si ricordo una cosa che aveva detto una sua amica – l’ oscurità non si può uccidere , si deve solo accettare . La sua amica era Francesca e nel futuro voleva diventare studiosa di psicologia infantile e cosi poteva aiutare tutti quanti a capire la mente delle persone visto che a quel tempo era un grande mistero ma anche adesso la mente è un grande mistero . Jessica allora andò da loro correndo e li abbraccio e poi l’ incubo spari davanti ai suoi occhi e inizio a entrare la luce del sole e cosi lei torno a casa con i suoi genitori e lo fece nel sogno visto che una ragazzina o un bambino vogliono tornare a casa con i genitori sani e salvi e senza nessun graffo. Jessica si sveglio e adesso era più calma , più lucida e più tranquilla visto che aveva affrontato i suoi demoni e lo aveva fatto tutto da sola e senza nessun aiuto o con l’ aiuto della sua amica Francesca . Jessica aveva fatto come Francesca aveva detto e funziono alla grande e questo era un grande passo per lei visto che adesso poteva lavorare su di lei sia fisicamente e sia mentalmente e cosi rinascere con una nuova identità e cosi poteva andare in giro per il mondo con il nome di Jessica Fermont e nessuno le poteva dire niente visto che la sua storia era vera e pure il suo cognome era cosi .

Categorie
Alice Saintcall Clara Saintcall Cugina Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri T.A.R.D.I.S

Mando un messaggio a Claire Saintcall

Sins_of_NeonCity_by_OmeN2501

Era da un po’ di tempo che non sentivo mia cugina Claire ma non ero molto preoccupato visto che aveva i poteri e sopratutto era una grande hacker in questo grande mondo . Io entrai nel mio T.A.R.D.I.S e per il momento non c’ era nessuno visto che l’ appuntamento era alle 16 e per il momento erano le 12 e quindi avevo tutto il tempo del mondo . Una volta andato vicino ai comandi parlai con Cortana – vorrei sapere dove sta mia cugina Claire ? . Cortana si mise ad agire e inizio a cercare subito . Cortana aveva capito dal mio tono di voce che era una faccenda molto seria e importante e cosi decise di usare tutte le sue forze per trovare mia cugina nel minore tempo possibile . Cortana ci mise davvero poco cioè un minuto e cinque secondi . Una volta avuto la conferma che era lei mandami una foto dal telefonino per confermare che era lei oppure , lei mi guardo in faccia – si trova in Spagna e non è da sola . Ma con altre persone . Non so perché sono li ma attraverso la videocamera ho visto che stanno per fare una missione insieme . Questo è tutto quello che so . Visto che mia cugina era dentro una missione non potevo andare li perché seno avrebbero pensato che io ero un Terrorista o una Minaccia per la loro missione sotto copertura . Cosi presi il mio telefonino e mandai un messaggio a mia cugina – Senti verso le 16: 30 devi venire qui nel mio T.A.R.D.I.S . Non so se ce la fai oppure no . Ma devi venire riguarda nostra cugina Alice Saintcall . Si è cacciata in un grande casino e ho bisogno del tuo aiuto . Quindi cerca di venire . Claire era li in un hotel e stava aspettando il momento giusto in cui agire e poi vide il mio messaggio – in che casino si è messa nostra cugina ? . Io ero li vicino ai comandi e Cortana mi guardava in faccia e mi diceva non proprio a voce – dille tutto . Alla fine glielo dissi – centra Bloody Mary e il suo coltello . Quando hai finito la missione , vieni nel mio T.A.R.D.I.S e li saprai tutto .

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri John Reese Pandora Black Person of Interest Persone Root

Person Of Interest: 4.13 M.I.A.

Una volta che ero arrivato nel modo di Person of Interest con Ada Knight cercammo il luogo perfetto per vedere cosa vedevano John e Root . Una volta arrivati li in quel posto che era pieno di gente li vidi subito e lo feci notare pure ad Ada Knight ma anche a Pandora che era venuta con noi . Pandora inizio a vedere in giro – sono tutti qui per l’ elezione di un presidente o di un nuovo consigliere . Questa cosa era possibile visto che era un grosso avvenimento e poteva essere un evento su cui la Macchina o Samarithan sarebbero stati nei guai

John si era allontanato da Root ed era vicino a una macchina e stava vedendo qualcuno da lontano

John e Root vanno in giro e cercare di capire cosa succede li . Tutte quelle persone ci fece capire che l’ idea di Pandora non poteva essere sbagliata ma dovevamo vedere

Io seguivo John e Root invece Pandora e Ada erano andati a vedere cosa facevano Fusco e Shaw

All’ improvviso John e Root si fermano e mi fermai pure io a vedere quale evento aveva scatenato la loro attenzione

Dentro la casa Root sta portando una borsa molto pesante e non so cosa ci sia dentro . Invece John sta li e sorride e forse lo fa per fermare qualcuno

John sta fermando una coppia che sta cercando di salire mentre Root porta la valigia tutta da sola

Pandora vede che Fusco parla con Shaw

Prima di vedere John e Root dentro all’ hotel , li vidi vicino a un posto e stavano parlando di una cosa molto importante

John e Root prima di entrare nell’ hotel fanno una ultima fermata vicino a un mercatino

Categorie
Laura Neri Luca Neri New York Omicidio Polizia

Luca parla Laura

Luca aveva portata sua sorella maggiore sul divano senza farsi vedere da nessuno e nemmeno da sua madre . Non sapeva come avrebbe reagito Arwen se suo figlio diceva a sua madre che sua figlia , il suo grande tesoro era una persona con i poteri . Luca aveva deciso di non dire niente a sua madre . Luca decise di non dire niente a nessuno . Nè a suo padre e nemmeno a sua madre . Voleva difendere sua sorella minore dagli sguardi delle persone oppure da essere cacciata dalle persone di quell’ albergo ed essere trattata come un mostro . Molte persone non amano le persone con i poteri , altre si . Arwen era una di quelle persone che non amano molto le persone con i poteri e Luca lo sapeva . Sapeva cosa sarebbe successo se avesse detto a sua madre dell’ incidente che è successo li nel vicolo vicino all’ hotel . Luca decise di fare qualunque cosa per proteggere sua sorella . Anche se l’ odiava in alcuni momenti però in alcuni momenti le voleva bene . Decise di pensare a tutti i momenti belli che aveva passato con sua sorella minore . Decise di pensare a quei momenti visto che doveva prendere una decisione . Anche se aveva 7 anni in quel momento doveva prendere una ardua decisione e sarebbe a dire . Condannare sua sorella a essere un mostro oppure essere una persona con i poteri ma senza dirlo a nessuno . A un primo momento pensava che lo poteva dire a sua madre e sapeva che avrebbe fatto la cosa migliora ma sapeva che non era cosi . Ma Luca decise di non dirlo a nessuno e lo fece per salvare la vita a sua sorella maggiore . Laura se scopriva che Luca aveva dei poteri avrebbe la stessa cosa . Laura avrebbe cercato di aiutare Luca con questo grande problema . Laura avrebbe aiutato Luca a capire come risolvere questo situazione in cui era . Se non stava attento poteva essere etichettato come mostro oppure doveva rimanere nascosto fino a quando non capiva come usare i suoi poteri per il bene e non per il male . Luca in quel momento non era lui ad i poteri ma era sua sorella maggiore Laura . Laura era svenuta nel vicolo dopo aver visto cosa aveva fatto in quel vicolo . Dopo un ora Laura si sveglio con un gran mal di testa e la testa gli girava alla grande . Aveva la forte voglia di vomitare e Luca gli prese il cestino . Laura inizio a vomitare alla grande tutto quello che aveva nello stomaco . Tutto quello aveva nello stomaco era dentro al cestino . Ma Laura non aveva vomitato per cosi poco ma anche per aver visto la fine dei suoi piccoli gattini . Erano dei piccoli gattini che volevano solo amore e una casa . Laura mentre vomitava vedeva dentro la sua testa delle immagini . Vedeva dei gattini morti e poi vedeva fuoco e fiamme li dentro al vicolo e poi il corpo carbonizzato di Michele . Luca adesso aveva un grande problema e sarebbe a dire sua sorella maggiore Laura . Laura era spaventata e non sapeva cosa visto che Laura era sempre quella che voleva la cosa giusta . Era una cosa molto bella ma Luca doveva impedire a sua sorella di chiamare la polizia e dirgli quello che aveva fatto . Laura guardo negli occhi Luca – dimmelo ho ucciso qualcuno ? . Luca decise di dire la verità a sua sorella e quando lo fece aveva uno sguardo di paura – si lo hai fatto . Ma noi non possiamo chiamare la polizia . Anche se hai ucciso un uomo io ti devo proteggere . Non puoi andare li e dire quello che hai fatto . Se lo fai la tua vita finisce e tu non potrai realizzare il tuo sogno di essere una veterinaria . Non te lo lascio fare . Anche se usi il tuo potere contro di me non ti lascio chiamare la polizia e cosi mettere fine alla tua vita . Laura vide che grazie a quell’ evento Luca era divenuto una persona matura . Una persona con un grande coraggio ed era tanto grande che avrebbe sfidato una persona con i poteri . Laura decise di fare come diceva suo fratello e non chiamo la polizia . Laura voleva realizzare il suo sogno e per questo decise di fare finta di niente . Per nascondere le prove si fece una bella doccia calda e cosi togliersi la puzza di fumo che aveva addosso . La prossima fase era avere un solido movente per far capire a tutti che non era li .

Categorie
Laura Neri Luca Neri New York Welma Price

Laura Neri parla con Luca Neri

Welma Price porto a casa sua Luca Neri e non sapeva se avrebbe mantenuto il suo segreto ma poteva fare solo una cosa e sarebbe a dire fidarsi della parola di un ragazzino . Welma non sapeva se Luca avrebbe detto a qualcuno del suo segreto e cosi lei se ne doveva andare via da li visto che tutti l’ avrebbero chiamato mostro . Welma ce lo aveva portato di persona . Non lo teneva per la maglietta ma camminava con lui con calma e senza nessuna fretta . Luca che era nel corridoio che era grande , lungo e li si poteva vedere dei muri con un colore davvero molto brutto . Era uno di quei colori che nessuno vuole in camera sua . Welma era vicino a camera di Luca e si fermo li vicino – cerca di non dire a nessuno dei miei poteri oppure noi due non ci vedremo più . Se lo dici a qualcuno tutti mi guardano molto male e io me ne dovrò andare via . Luca capiva che questa era una cosa seria visto che stava parlando della vita di una persona e quindi decise di mantenere il segreto di Welma . Si giro verso Welma prima di andare in camera sua – lo mantengo il tuo segreto . Ma se posso darti un consiglio ? . Welma divenne curiosa pure lei e ascolto il consiglio di Luca Neri – quale consiglio mi vuoi dare ? . Luca rimase li fermo vicino alla stanza di camera sua – vedo che sei una brava ragazza . Il consiglio che ti voglio dare e che devi cambiare il tuo look e solo cosi le persone capiscono come sei davvero . Una volta entrato nella sua stanza sua sorella maggiore era li . Laura vide suo fratello minore e voleva sapere dove era stato per tutto questo tempo . Laura si avvicino a lui mentre andava in camera sua e vedeva qualcosa in televisione senza essere disturbato da lei . Laura aveva lo stesso potere che aveva Welma e Luca non aveva detto niente di questo fatto visto che non sapeva se lei aveva del tempo per aiutare Laura a controllare i suoi poteri . Laura andò verso Luca Neri e gli fece il solletico per cercare di farlo cantare . Laura vide che stava funzionando alla grande e Luca – basta , fermati . Te lo dico ma fermati . Luca si mise seduto davanti a sua sorella che era li con le gamba una sopra l’ altra ed era seduta su una sedia e non vedeva l’ ora di sentire quello che aveva da dire suo fratello – Se non me lo dici non ti faccio solo il solletico ma ti faccio ben altro . Luca davanti a quella grande minaccia non pote fare altro che dire tutto a sua sorella maggiore – So che tu hai il potere del fuoco e non lo sai controllare alcune volte . Anche se hai cercato di nasconderlo io lo so per colpa della rabbia che hai dentro non lo riesci a controllare . Ora vado al dunque . Sono stato in una stanza di albergo e ho conosciuto questa ragazza di nome Welma Price e ha il tuo stesso potere . Non le ho ancora detto di te . Volevo vedere se lei era una persona che aveva il potere del fuoco oppure faceva finta . Mi ha detto cosa le è successo e corrisponde a quello che è successo a te il giorno in cui i tuoi poteri si sono risvegliati . Mi ha fatto vedere cosa fare e mi ha detto che non lo dovevo dire a nessuno . Laura si era messa sulla sedia che era lontana da Luca per due motivo . Il primo motivo perché Luca puzzava di fuoco e sopratutto perché lei non voleva puzzare . Laura da lontano – ti credo fratellino ma adesso che ne dici se ti vai a fare una doccia calda . Puzzi davvero molto e non ci penso nemmeno a stare vicino a te . Luca alzo il braccio destro e senti con il suo naso lo stesso odore che sentiva lei e vide che era molto forte – hai ragione me la vado a fare subito . Prima di andarsi a fare la doccia lui guardo sua sorella maggiore – lo so che ci vuoi andare subito ma voglio venire con te e cosi parlo a lei di te e forse ti aiuta . Laura decise di aspettare – ma muoviti a fare la doccia oppure tra 5 minuti ci vado senza di te .

Categorie
Luca Neri New York Welma Price

Luca Neri

Luca Neri un ragazzino di cinque anni che era sempre molto solare e curioso . Voleva sempre scoprire tutto . Anche se le persone gli dicevano che lui doveva restare fermo , ma lui non ci riusciva perché dentro di lui c’ era una vena di un grande esploratore . Luca era un amico di Welma visto che per tutto il tempo in cui erano nello stesso Hotel si era conosciuti e avevano stretto una grande amicizia . Luca una volta era fuori dalla sua stanza e cercava qualcosa da fare . Si mise a girare per le varie stanze e poi vide Welma Price che era molto bella . Entro dentro la sua stanza mentre usava i suoi poteri . Welma era li seduta sul letto e stava facendo uscire dalla sua mano una palla di fuoco . Luca era li e inizio a vedere con grande emozione la sfera di fuoco – come ci riesci ? . Welma apri gli occhi e vide che questo ragazzino che era li ed era molto curioso . Welma si alzo – lo faccio e basta . Torna in camera tua . Adesso non voglio essere disturbata . Luca fece un sospiro – ma io mi sto annoiando . Non c’ e nulla da fare in camera mia o in questo hotel . Per favore fammi restare un po qui . Luca fece uno sguardo che Welma non poteva dire di no – va bene puoi restare ma fa attenzione e non farmi distrarre quando uso i miei poteri . Luca si mise li vicino alla porta e vide che Welma per far divertire Luca fece volare delle sfere di fuoco . Da li fece che giravano attorno e Luca era felicissimo . Luca era davvero molto felice – mi puoi dire quando questo tuo potere si è risvegliato ? . Welma fini di far volare le sfere di fuoco in aria e inizio a bere un po di acqua fresca – da 15 anni . Prima non li avevo ma un giorno questi miei poteri si sono risvegliati e io ho imparato a usarli per proteggere le persone . Luca voleva sapere sempre di più su Welma Price e sui suoi poteri del fuoco – in quale occasione si sono risvegliati ? . Il momento in cui si sono risvegliati i poteri di Welma fu un giorno molto brutto visto che lei aveva ucciso delle persone e decise di dire non tutta la verità a Luca – Quando avevo 15 anni io ero a casa mia e successe per caso . Apri la mano e mi ritrovai delle fiamme in mano . Ero in preda al panico e misi la mano sotto la fontana perché pensavo che la mia mano poteva bruciare . Ma poi alla fine mi resi conto che la mia non scottava . Da quel piccolo incidente io imparai a usare i miei poteri e alla fine li uso per difendere le persone . Luca era bravo con alcune cose e una delle varie cose era chi diceva le bugie – mi stai dicendo una bugia . Lo so . Ho capito dalla tua faccia che questa è una cosa di cui non vuoi parlare . Welma era li sul letto e decise di dire la verità a Luca – vuoi sapere perché non ti sto dicendo la verità ? . Luca era li vicino a Welma e aspettava una risposta per quella bugia che aveva detto prima Welma . Welma cerco un modo per dirlo – Non ti ho detto tutta la verità . Perché il giorno in cui ci sono risvegliati i miei poteri e stato il giorno più brutto della mia vita . Tutti volevano sapere chi era stato e mia madre e molto protettiva e quando si cercava di capire chi era quella persona noi andiamo via . Adesso sono da sola . Spero che tu non dica il mio segreto a nessuno . Luca decise di non dire niente a nessuno visto che sapeva che gli altri avrebbero chiamato The District e lei sarebbe finita in galera per un incidente che poteva capire a tutti . Per chi controlla il fuoco e quel potere si deve risvegliare , si risveglia sempre in un solo e unico modo e sarebbe a dire una esplosione . Welma era li e si riposo un attimo . Una volta chiusi gli occhi Luca vide che le palpebre della donna erano di colore nero come le altre cose che portava . Luca era stato cosi gentile da non dire niente a nessuno del segreto della sua amica . Una volta visto che lei dormiva Luca se ne andò via , chiuse la porta e mise il biglietto di non disturbare . Una volta tornata nella sua stanza e si mise pure lui a letto per capire cosa doveva fare adesso . Decise di non dirlo visto che adesso aveva un amica molto bella e carina .

Categorie
Ada Knight Aurora Holmes Daniel Saintcall Dominatore di Poteri New York Welma Price

Curiosità su Welma Price

Welma Price sapeva fare un sacco di cose e non diceva tutto del suo passato o di quello che faceva nel suo tempo libero . Una cosa che non aveva detto ai suoi genitori e anche ai suoi amici . Quando Welma aveva 22 anni era a New York . Era andata li per fare un viaggio per conto suo e da sola . Welma era li vicino a un albergo che era vicina a una fontana . Quella fontana era molto bella e inondava l’ acqua in due parti . Molte persone andavano a bere visto che alcuni facevano jogging o altri tipi di sport . Welma senti un rumore dietro a un vicolo buoi che era vicino all’ hotel . Li c’ era un ragazzino che stava giocando con un coltello ma non era un coltello normale ma un coltello che era militare . Il ragazzino aveva cinque anni e lo aveva trovato vicino a un bidone . Il ragazzino abitava nella stanza 389 di quell’ hotel . Il ragazzino aveva ucciso un gatto con quel coltellino militare . Welma andò da lui senza farsi del male visto che quello che era un coltellino che con un colpo solo ti poteva uccidere in pochi minuti . Il coltello era il Karambit e sono i soldati migliori lo potevano utilizzare . Ma nelle mani di un ragazzino era una cosa molto brutta e che poteva finire male . Welma andò vicino a lui . Una volta vicino a lui vide il ragazzino e non era per niente spaventata – dammi il coltellino . Ti fai male . Il ragazzino diede il coltellino a Welma . Una volta preso il coltellino militare se ne andò da li . Prima di prenderlo pulì il coltellino con un fazzoletto . Poi riporto il ragazzino all’ hotel . Quel coltello militare era una cosa molto utile se utilizzata con calma e con un grande addestramento . Il ragazzino di nome Luca era andata a vedere con calma il in quel vicolo buoi perchè aveva sentito un rumore . Era un gatto di colore rosso e aveva fatto dei rumori . Luca era andata a vedere li con calma e una volta andato a vedere . Trovo vicino a un cassonetto un coltello militare . Lo prese e inizio a giocare con quel coltello . Una volta iniziato a giocare , lo lancio per caso e uccise il gatto . Luca lo aveva preso dal gatto e la lama era piena di sangue . Welma aveva sempre un fazzoletto dentro la sua giacca di pelle e adesso era sporco di sangue visto che aveva pulito il sangue del coltello Karambit . Una volta tornata a casa capì come utilizzare il suo potere pure sugli oggetti e dopo 8 tentativi a vuoto riusci a rendere la lama di fuoco . Welma adesso aveva un arma molto potente . Una lama poteva uccidere , ma una lama fatta con il fuoco poteva fare ancora più male . Quello non era un fuoco che potevi spegnere con un pò di acqua ma con molta acqua oppure con un incantesimo che fa uscire l’ acqua . Welma Price adesso si poteva difendere non solo con i suoi poteri ma anche con una lama . Io sapevo che Welma non avrebbe fatto mai del male a un gatto e quindi decisi di aiutarla . Andai li con Ada Knight e capì subito la situazione . Una volta visto che era stato il ragazzino e che era stato un incidente – aiutiamo Welma Price . Facciamo in modo che questa cosa non vada sul fascicolo scolastico . Ada Knight era li con la sua tuta da moto – perchè ? . Io avevo toccato per poco Welma e avevo visto che nel futuro l’ avrei rincontrata ma non sapevo in che ambito – quando l’ ho toccata ho visto che nel futuro noi la rincontriamo che ci aiuta con il caso di una ragazzina scomparsa . Ada in quel caso decise di chiudere con un occhio e cosi farla passare a Welma . Le facemmo tenere pure il coltello visto che avevo capito che a lei serviva . Quello nel futuro sarebbe divenuto la sua arma principale .

 

 

 

Categorie
Ada Knight Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Fargo

Fargo – Morton’s Fork

Lorne Malvo per molto tempo si era fermato e non aveva ucciso più nessuno . Lorne Malvo adesso aveva cambiato vita ma adesso sembra tutto sia ricominciato . Lorne Malvo sembra essere tornato a dare ascolto alla sua natura da Serial Killer . Nessuno ci voleva credere e invece Molly ci crede visto che dopotutto non ma lasciato perdere . Anche se il suo capo e i suoi colleghi le ripetevano che le sue teorie erano false e per questo non c’ era nessun bisogno di fare indagini . Ma adesso sembra che sia ora di farle e da adesso inizia tutto . Da qui si capirà come andrà a finire tutto . Lorne Malvo ha un nuovo obbiettivo e credo che possa essere Lester oppure qualcuno altro . Lester l’ ho visto ferito alla bocca e credo possa essere stato una persona che sapeva chi era e che non doveva parlare del suo passato . L’ unica persona potrebbe essere Lorne Malvo . Lester vede un omicidio in un hotel e telefona alla polizia e loro arrivano subito .

Categorie
Demone Demoni Dr Ilaria Fermi Druido Invocatore Invocatrice Serena Arcieri Vanessa Arcieri

Serena aiuta Vanessa a crearsi una nuova identità

Serena aveva guidato fino a quando non aveva trovato un motel da due stelle , visto che aveva cercato sua sorella notte e giorno e per tre settimane e un mese e in tutto quel tempo non aveva dormito nemmeno . Serena e Vanessa arrivano alla reception e parlo Serena visto che voleva subito darsi una ripulita e poi dormire per almeno tre o cinque ore – vorrei una stanza al piano terra . Il responsabile un uomo di 25 anni , capelli neri e davvero molto e diede a loro due la stanza n° 7 che era a piano terra . Serena e Vanessa erano andate nella stanza con calma e senza molti bagagli e Serena con se si era portata un taccuino della Moleskine che aveva comprato e non aveva mai usato , ma adesso per sua cugina era arrivato il momento di usarlo visto che grazie a quel taccuino si sarebbe creata una nuova identità e poi sarebbero andate in avanti nel loro lungo viaggio verso la casa degli Zii di Vanessa . Serena aveva dormito tre ore sul quel letto soffice e fatto di lenzuola nere , ma molto belle e poi si era andata a fare una bella doccia calda . Serena si mise una maglietta viola e dei pantaloncini corti di colore blu scuro e vide che Vanessa era sveglia . Vanessa si prese qualcosa di fresco e poi una volta tornato in camera – che ci devi fare con questo taccuino che hai in mano . Serena lo lancio a Vanessa – io niente , ma se dobbiamo andare avanti ti dobbiamo creare una nuova identità e poi da questo parte tutta la tua vita . Vanessa non aveva mai fatto niente del genere – ma io non ho mai falsificato documenti e non ho mai fatto niente . Serena lo sapeva già visto che aveva visto la vita di sua sorella e vedeva che era troppo pulita – ti ho osservata e ho visto che sei troppo pulita . Ma adesso se vuoi vivere in questo mondo tra invocatore , demoni e druidi ti devi sporcare un po’ le mani . Vanessa cerco di capire se si poteva fare in modo pulito – c’ e un modo per farlo pulito si o no . Serena fece capire subito a Vanessa che in modo pulito non si poteva fare e se lo voleva fare era un suicidio – Ora ti spiego , non stiamo parlando di persone che non sanno il fatto loro . Loro hanno appigli ovunque e quindi se vuoi fare il gioco pulito come dice la tua prossima destinazione e il manicomio visto che nessuno ti vorrà credere . I Figli della Notte farà di tutto per farti sembrare una pazza e tu non ottieni nulla . Vanessa ci rimase un po’ delusa del fatto che non poteva fare questa cosa in modo legale e Serena lo pote vedere negli occhi di Vanessa – Vanessa ti aiuto io a fare questa cosa . Adesso te la creo online la tua identità e cosi noi potremo andare in avanti . Vanessa ci penso per molto tempo e alla fine riusci a trovare una identità giusta – Ilaria Fermi . Il mio nuovo nome sarà Ilaria Fermi , sono di New York e poi il resto lo fai tu . Serena aveva preso il suo portatile dalla macchina e pure la sua macchina fotografica visto che per quello che doveva fare ci voleva una sua foto . Serena prese una sedia – Vanessa ti siedi un attimo qui e resta ferma seno non faccio bene la foto e ne devo fare un altra . Vanessa si mise seduta sulla sedia con le gambe e la schiena dritta e Serena con la sua macchina fotografica fece la foto e poi la mise sul computer e poi inizio a fare l’ hacker e cosi creo una nuova identità a Vanessa . Prima di finire con tutta questa storia Serena torno nella sua auto e prese una macchina per creare dei documenti veri e non quelli falsi . Entro dentro la sua stanza e si mise sul suo letto e con le gambe incrociate fece il nuovo documento di Vanessa . Adesso non era più Vanessa , ma era Ilaria Fermi e fino a quando qualcuno non scopriva tutto , erano al sicuro .

Categorie
2012 Foto Foto del Giono

Foto del Giorno : La casa degli spiriti liberi

(Tom Chudleigh – http://www.freespiritspheres.com)

Per una notte o per tutta la vita, qualcuno ha pensato di realizzare il sogno fanciullesco di dormire in una casa sugli alberi ma dedicato ai soli adulti. Non si tratta di veri e propri edifici, ma di sfere artigianali in legno sospese tra gli alberi della foresta pluviale: sono le Free Spirit Spheres di Vancouver Island, in Canada, ideate e realizzate da Tom Chudleigh.
Lo spazio all’interno delle tre piccole sfere è minimale: arredate con letto, lavandino, un piccolo frigo e un forno a microonde, dispongono però di ampi oblò che permettono di osservare la foresta da una posizione assolutamente privilegiata. Il bagno invece è esterno, al “piano terra”.
Accessibili tramite lunghe scale a chiocciola o ponti sospesi, queste costruzioni simili a noci appese ai rami possono essere affittate per una o più notti come un normale albergo. Ma per chi si innamorasse della sensazione di ondeggiare tra gli alberi sospinti dalla brezza è possibile farsene costruire una tutta per sè da montare ovunque si voglia, mettendo in conto una spesa tra i 30mila e i 120mila dollari.