Categorie
Angela Ferrante Beatrice Ferrante Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Dr Alyssa Saintcall Foto Stella Ferrante Stella Ferrari

HTC One di Stella Ferrante

kar3uu

Stella Ferrante come telefonino ha l’ HTC One . Lui lo ha voluto regalo da sua sorella Angela Ferrante . Stella si è scritta il mio numero di telefonino su quel cellulare . Lei non si scorda niente ma si è voluta scrivere il mio numero dato da mia sorella Alyssa . Adesso grazie a quel numero può sapere tutto sulla mia indagine e se ho trovato Aurora Holmes . Angela Ferrante nel giorno del suo 28 compleanno gli ha comprato questo telefonino . Perché sapere che voleva e glielo ha comprato . Beatrice Ferrante ha deciso di usare alcuni dei suoi soldi per fare un regalo a sua zia . Stella quando era entrata in infermeria aveva in mano il suo telefonino e li sopra subito si segno il mio numero .

HTC-One-max-Glacial-Silver-3V

 

 

Categorie
Anna Conte Daniela Ferrari Francesco Rossi Mark Alwright New York New York University

Anna Conte parla con Mark Alwright

 

Anna aveva salvato la vita di Aurora e l’ infermeria che Anna aveva incontrata per aiutare Aurora e Anna decise di dire che Anna e Francesco non erano mai stati li e che loro erano riusciti a curare Aurora con del ghiaccio . Anna decise di andare a parlare con Mark per fargli sapere quello che aveva fatto e come lo aveva fatto . Anna era andata da sola dentro la stanza del preside e chiuse la porta a chiave . Mark prima di parlare decise di distruggere la telecamera che era nel suo ufficio visto che non voleva dare un altro vantaggio ad Daniela . Daniela aveva troppo vantaggio e grazie a quel gesto , adesso era Anna e Mark e Francesco ad essere in vantaggio su di lei . Mark pensava che Anna era li per dirle che Aurora era morta visto che aveva un aria cosi fredda – Aurora come sta ? . Anna decise di vedere prima se c’era qualcuno oppure ad ascoltare e poi disse con aria molto calma e senza nessuna fretta – Aurora sta benissimo . Adesso è casa sua a mangiare qualcosa e non si sta vendicando sulla persona che le ha fatto questo . Mark sapeva che Anna era brava ma non sapeva tutto sul suo conto visto che non sapeva se aveva un potere oppure no – quindi hai dei poteri ? . Perché non lo hai detto ? . Anna sapeva che non era giusto non dire le bugie ma aveva paura di non essere accettato – avevo paura di dirlo . Avevo paura che se dicevo di avere il potere di controllare il ghiaccio , le persone mi vedevano in modo strano e poi mi potevano chiamare mostro o farmi di peggio . Ecco perché non l’ ho detto a nessuno tranne che a lei e a Francesco . Nessuna altra persona sa del mio potere e vorrei che non lo disse a nessuno visto che lo devo usare per salvare le persone e per impedire a questa persona di fare del male . Mark vide negli occhi Anna e capì che sapeva chi era la persona che faceva tutto questo – Anna se sai chi è che fa queste cose , me lo devi dire . La possiamo buttare fuori dalla scuola . Anna lo sapeva che questo non avrebbe fatto niente di buono visto che avrebbe portato solo il male . Buttare dalla New York University Daniela Ferrari sarebbe stato solo un grande errore e non avrebbe fatto che portare via altre persone e non avrebbe fatto che portare morte e dolore agli altri . Anna con quegli occhi pieni di ghiaccio – no , non ve lo posso dire . So che può fare del bene dire il nome a lei , ma penso che se ve lo dico posso morire subito visto che il criminale sa chi sono e che ho questo potere . Inoltre penso che mi possa fare del male anche da lontano con il suo potere . Quindi mi dispiace davvero tanto ma non ve lo posso dire . Mi puoi mettere in punizione ma non lo posso dire né a lei né alla polizia porterei solo un altro grande male alla New York University . Mark vide che Anna era sincera e capiva che stava proteggendo non solo lei ma anche tutti gli studenti li dentro – Non ti voglio forzare . Ma sta attenta se come dici tu che questa persona e cosi forte anche lontana dalla scuola sta attenta visto che ti potrebbe attaccare nel tuo alloggio . Anna non aveva nessuna paura visto che era una vera donna di ghiaccio e il suo cuore in alcuni momenti le permetteva di nascondere le sue emozioni . Anna in quel momento non aveva paura visto che aveva il ghiaccio dalla sua parte e decise di dire questa cosa al preside visto che era molto importante non solo per lei ma anche per Francesco . Anna sapeva cosa stava facendo e non si poteva fermare adesso visto che stava lasciando delle briciole per Francesco . Anna non so come faceva ma sapeva che stava per morire e per questo stava lasciando degli alleati per Francesco e anche delle prove . Quelle cose erano il suo lascito , cosi se moriva per mano di Daniela Ferrari , Francesco poteva usare tutto quello che aveva lasciato per mettere dentro le sbarre una volta per tutte Daniela . Grazie a quello che aveva trovato Anna poteva essere usato per fermare la pazza omicida nota come Daniela Ferrari .

 

Categorie
Anna Conte Aurora Neri Daniela Ferrari Francesco Rossi Mark Alwright New York New York University

Anna Conte visita Aurora Neri

 

Aurora Neri era stata portata via ancora viva . Anche se il suo corpo erano pieno di ustioni lei non mollava visto che se restava ferma e non provava a fare qualcosa di scemo poteva vivere e non morire senza far arrestare Daniela Ferrari . Anna Conte sapeva di Aurora e decise di andarla a visitare con Francesco Rossi . Francesco sapeva di Aurora e si incolpava visto che tutto questo era stata colpa sua e non di altri . Anna sapeva che non era vero – non è vero che è colpa tua . Quello che è successo ad Aurora non è stata colpa tua , ma solo del vero criminale e sarebbe a dire Daniela Ferrari . Non ti puoi incolpare per quello che ha fatto Daniela . Anche se so che voi che tu e lei non state più insieme e credi che sia colpa di questo , non lo devi pensare . Francesco capi cosa voleva fare Anna e lo apprezzava visto che era riuscito a tirarlo su di morale e di farlo tornare alla realtà e non al passato perché pensava che se non avesse rotto con lei tutto questo non sarebbe successo . Ma secondo Anna sarebbe successo lo stesso e sarebbe morto anche Francesco visto che Daniela doveva coprire ogni traccia e ogni testimone e anche se lei amava Francesco , lo avrebbe ucciso visto che non voleva una persona che sapeva di quello che aveva fatto . Anna e Francesco andarono al letto n° 7 , il letto di Aurora . Aurora era li sotto e non si poteva muovere e cosi Anna decise di fare una cosa visto che non la poteva vedere soffrire in questo stato . Anna inizio a vedere negli occhi Francesco e poi con un tono calmo – ho bisogno del tuo aiuto . Mi devi coprire perché adesso devo curare le ferite di Aurora e forse dopo ci può dare qualche notizia o qualcosa che ha fatto Daniela . Francesco non sapeva cosa poteva fare Anna visto che la conosceva da poco , ma decise di fidarsi visto che la conosceva ed era un amica . Francesco usci e si mise a vedere se veniva qualcuno oppure no . Anna con un tocco molto delicato inizio a togliere la coperte che erano sopra il corpo di Aurora . Anna con quell’ aria fredda vide quelle ferite . Se le avesse viste una persona normale non avrebbe resistito ma lei non era normale aveva il freddo nel cuore e come elemento . Mise la sua mano che era delicata come un piccolo fiocco di neve e inizio a curare la prima ferita poi le altre ferite . In pochi minuti Aurora stava meglio e si pote alzare dal letto come le altre volte . Una infermeria arrivo e vide che le ferite sul corpo di Aurora Neri erano guarite e vide che li c’ era Anna – tu centri qualcosa con questo miracolo ? . Anna inizio a fare un sorriso malizioso – non c’ e bisogno che nessuno lo sappia che noi siamo state qui . Potete sempre dire che aveva trovato un modo per curare Aurora e che noi non siamo mai state qui . L’ infermeria decise di fare come aveva detto Anna – grazie piccolina . Fa attenzione con la persona che ha fatto tutto questo . Non voglio il tuo corpo su questo tavolo operatorio . Anna , Francesco e Aurora erano ancora in infermeria e li Aurora decise di raccontare quello che sapeva – Quello che so e che la porta si è chiusa , ho provato a uscire in tutti i modi ma non ci riuscivo e poi tutti i computer sono esplosi . Aurora chiuse un attimo gli occhi e poi arrabbiata – voglio uccidere Daniela visto che so che l’ ha fatto lei questo . Anna si mise davanti ad Aurora – tu non vai da nessuna parte . Ti ho ridonato la vita , non posso lasciarti andare li a farti gettare la tua vita di nuovo e poi sei senza forte . Lei ha tutte le forze e tu invece non ti reggi in piedi , per favore torna a casa riposa e poi grazie a noi e alla nostra indagine puoi ottenere la tua vendetta . Aurora decise di dare ascolto ad Anna – hai ragione Anna . Te lo prometto torno a casa mia e poi vado a mangiare qualcosa e grazie alla nostra indagine posso ottenere la mia vendetta .

 

 

Categorie
Anna Conte Francesco Rossi Mark Alwright New York New York University

Anna Conte osserva la sala del Computer

 

Mark Alwright 36 anni , capelli neri , occhi blu e molto alto tipo un metro e sessanta era il preside della New York University . Aveva saputo della brutte fine fatta da Aurora Neri , Chiara Sergi e Alessia Olivieri . Erano morte e quando chiamo la polizia non ci capirono molto visto che non sapevano che li erano stati usati dei poteri . Mark prima non ci voleva credere visto che tutto era facile da capire , ma quando la polizia arrivo vicino ai computer pensavano che erano stati sabotati dall’ interno e dentro c’era dell’ esplosivo ma quando andarono a vedere all’ interno videro che li non c’era nessuna traccia di bomba o di altre manomissioni . Dentro la piscina non videro niente e li capirono che poteva essere stato un suicidio . Ma Mark non ci poteva credere visto che Chiara era la migliore in piscina , aveva 5 medaglie d’ oro e quindi non poteva essere un suicidio . Mark sapeva che non poteva essere un suicidio e sapeva del passato di Anna e sapeva che era molto brava a capire le cose . Sapeva come erano andati i fatti a una rapida occhiata e decise di chiamarla nel suo ufficio . Anna quando arrivo davanti al preside con quell’ aria fredda che aveva sempre avuto – perché mi ha fatto chiamare ? . Spero di non aver fatto qualcosa di male ? . Mark prima era serio e questo aveva fatto preoccupare Anna visto che pensava di aver fatto qualcosa di brutto e che adesso stava per chiamare sua madre Rebecca e farla finire in qualche guaio . Ma poi l’ espressione sul volto di Mark si fece meno seria – no , sei qui per il tuo passato . So che sei molto in gamba in indagini e nel capire come possa essere morta una persona . Hai un tale sangue freddo che non ti spaventa niente . Voglio che tu vada nella sala del computer e che tu cerca di capire cosa possa essere successo ad Aurora . Sento che solo tu puoi capire cosa possa essere successo , non voglio una pazza omicida con dei poteri . Mark aveva un udito molto fine e senti che qualcuno era vicino alla porta e stava sentendo e poi disse – Francesco puoi entrare e visto che sei tanto preoccupato per la tua compagna la puoi seguire li dentro . Francesco entro nella stanza del preside – Non dovevo farlo , ma tutto questo sta accadendo per colpa mia e non voglio che un altra mia amica possa morire . Mark prima di farli andare fece due permessi per Anna e per Francesco . Anna e Francesco si avviarono li nella Sala del Computer che adesso erano come delle vecchie rovine nelle quali nessuno metteva piede da molto tempo . Aurora quando era andata a vedere il passato di Daniela Ferrari , era andata in uno dei computer che era al centro della stanza li c’ erano sei computer in fila uno vicino all’ altro ed erano accessi . Anna anche se vedeva che i poliziotti che erano venuti avevano contaminato la scena del crimine . Francesco era davanti alla porta cosi Daniela non poteva chiudere dentro Anna e ucciderla nello stesso modo di Aurora . Anna si chino un po’ e inizio a vedere i passi fatti da Aurora e li inizio a seguire fino al computer centrale che era vicino al computer . Anna non poteva toccare niente visto che aveva le impronte digitali e quindi poteva contaminare la scena del crimine e tutto quello che aveva scoperto era inutile . Anna inizio a vedere lo schermo del computer e vide che non c’ erano tracce di esplosivo né dentro né fuori . Anna allora capì che non poteva essere stato una persona normale ma una persona con dei poteri . Anna inizio a girare per la stanza e inizio a pensare senza toccare nulla dentro la stanza . Inizio vedere dentro la sua mente la porta che si chiude visto che dopo che era entrata Aurora la porta si era chiusa e non poteva uscire da nessuna parte . Anna capì che quella era una grande trappola pronta per Aurora e poi si avvicino verso Francesco – ho scoperto come è morta Aurora ? . Francesco voleva saperlo , ma per fare un solo unico viaggio andò dal Preside e gli inizio a dire la sua teoria – Penso che la persona che stiamo cercando abbia il potere di parlare con le macchine . Visto che quando la polizia ha cercato esplosivi non c’ erano e poi tutti i computer sono esplosi nello stesso momento . Inoltre ho visto che qualcuno ha messo del ferro dietro a delle mura e penso che pure Aurora aveva un potere . Mark vedeva che aveva fatto bene a chiamare Anna – quale potere aveva ? . Anna riprese fiato – il potere di attraversare le pareti . Io penso che quella era una grande trappola per Aurora . Ecco cosa penso , adesso voglio vedere Aurora se è viva , forse le posso fare qualche domanda e forse possiamo sapere altro da lei . Mark le disse – Aurora e in infermeria , per favore state attenti non voglio perdere nessuno di voi .

 

 

Categorie
Dottor Alex Mercer Icy Jenna Milton Robert Foreman

Il Dottor Alex Mercer cura le ferite di Icy

Icy era stesa sul lettino e anche se stava dormendo grazie allo svenimento sentiva tutti dolori e le ferite che Jenna le aveva fatta . Icy nel futuro sarebbe stata malvagia ma quello che voleva fare Jenna ad Icy era una cosa sadica e una cosa molto brutta visto che non poteva vedere più . Jenna era davvero molto pazza visto che il Dottor Alex Mercer aveva guarito con i suoi poteri tutte le persone che erano state ferite da Jenna Milton . Jenna Milton era una cheerlader e voleva stare con Rober Foreman il quaterback della squadra di Football America Universale . Robert Foreman nell’ universo era conosciuto in lungo e in largo e Jenna avrebbe fatto di tutto per averlo e sopratutto per non spartilo con nessuno . Da quando Jenna si era messa con lui era entrata in guerra ed era pronta a far fuori tutte le ragazze che toccavano , salutavano o faceva qualcosa al suo uomo . Cioè in poche parole Jenna era divenuta una pazza sadica da fermare ma tutti avevano paura di lei e di quello che faceva a chi osava fare qualcosa con Robert . Robert non ci aveva fatto caso e sembravano delle casualità ma poi quando tocco alla sua migliore amica Icy decise che era finita tra loro due . Icy era li sul lettino e quando si sveglio dopo due ore non riusci a muoversi visto che aveva i piedi molto doloranti e tutto il corpo le faceva male e pure la testa . Alex vide che Icy si era svegliata e non fece vedere il suo volto visto che lui lo teneva sempre coperto e nessuno sapeva il motivo e vide se Icy stava bene oppure no . Icy non vedeva tanto bene visto che aveva due occhi neri e poi la testa e i capelli le facevano molto bene e per colpa di questa sua situazione non vedeva bene né da vicino e né da lontano . Alex vide che la sua pazienza aveva questo problema e decise di andare vicino al letto di Icy sedersi sulla sedia – se mi dai le tue mani ti curo in modo molto rapido . Icy decise di fidarsi e diede le mani ad Alex che una volta messe le mani dentro le sue inizio a usare il tocco curativo . Alex inizio a usare l’ elettricità che aveva dentro di se e poi la trasferì dentro il corpo di Icy . Mano a Mano le ferite che Icy aveva sul suo corpo erano sparite nel nulla e fu tutto grazie alle cure del Dottore che non era una persona normale visto che lui aveva i poteri di un mostro dentro di se . Alex aveva ucciso una persona e prima di morire gli aveva dato questi poteri ed era quel mostro di nome Lorelai che aveva ucciso maggior parte della sua famiglia e adesso era rimasta solo sua sorella Dana . Alex aveva deciso di non fare vendetta visto la persona di cui si voleva vendicare era morta e decise di fare questo cioè utilizzare i suoi poteri per il bene e non per il male visto che voleva cercare di dare qualcosa a tutti quanti visto che lui aveva cercato di salvare la sua famiglia e nel farlo aveva questi poteri . Nasconde il suo viso per ricordarsi di quel brutto giorno che e dentro di se e se non lo può più dimenticare sopratutto grazie ai poteri . 

Categorie
Dottor Alex Mercer Ellen Storm Icy Jenna

Robert Foreman porta Icy in Infermeria

Icy era ferita in modo molto grave visto che i suoi occhi di colore viola erano divenuti neri visto che una delle cose che Jenna aveva fatto era dalle un pugno nell’ occhio dopo il pugno nello stomaco . Se Robert non arrivava questa volta per Icy era la fine visto che Jenna non le voleva bruciare la testa ma voleva privare della vista Icy . Se Robert non arrivava Icy sarebbe divenuta una di quelle persone ceche e cosi non poteva più controllare il suo potere che tra pochi giorni sarebbe arrivato a lei . Il pugno nero era per farla stare ferma visto che Icy non stava ferma un solo minuto e le aveva dato un pugno nell’ occhio destro per farla stare ferma come una statua . Jenna non era con le sue amiche e quindi per lei da sola privare della vista Icy era un po’ difficile visto che per non farglielo fare muoveva mani e gambe . Icy colpi al viso Jenna e lei disse nell’ orecchio – questo e stato il tuo ultimo sbaglio puttanella . Icy cercava di scappare da lei ma Jenna la prese per i capelli e la teneva molto stretta con le sue forti dita e poi inizio a bruciare i suoi capelli e fu in quella occasione che Robert entro e vide Icy ridotta molto male e fu quella la goccia che fece traccobare il vaso . Icy dopo alcuni passi e fu sorretta dal suo amico Robert svenne dalla paura e come se aveva paura visto che quello non era stato solo una punizione ma era stata una vera tortura e lo aveva fatto perché era nel suo intento farlo . Insieme a Robert fece alcuni passi ma era difficile visto che era pesante ogni suo passo e fu lui a portarla dentro l’ infermeria visto che era svenuta e lui la porto tra le sue forti braccia . Una volta entrati dentro l’ infermeria li dentro c’ era il Dottor Alex Mercer e li c’ era anche il professore di educazione fisica che era una donna molto in gamba di nome Ellen Storm . Ellen conosceva fondo Jenna e quando vide Icy ridotta in quello stato capì che poteva essere stata solo una persona . Robert decise di non mentire visto che solo la verità avrebbe salvato Icy e cosi si mise seduto su una sedia vicino al lettino dove era stesa Icy – Non so cosa sia successo ma quando sono entrato nel bagno delle ragazze ho visto Jenna che aveva mano piene di fiamme e Icy per terra chiedendo aiuto . Robert fece la cosa giusta cioè racconto tutto alla professoressa che di Jenna non si metteva paura visto che lei aveva il potere di aspirare il fuoco e usarlo contro il suo nemico e per Jenna questo era un problema . Ellen aveva visto un sacco di ragazze menate nello stesso modo di Icy e cosi che era stata solo una persona visto che tutte quante le dissero che avevano parlato con Robert e poi erano state ridotte in quello stato . Ellen capì che far allontanare Jenna dalla scuola era la cosa giusta da fare e sopratutto per far sopravvivere Icy li dentro . Icy riposa sul letto e ce ne era bisogno visto che era ridotto peggio di uno straccio e solo una persona che aveva il potere di curare la gente poteva salvarla e il Dottor Alex Mercer era una di quelle persone che avevano il potere del tocco curativo .  

Categorie
Daphne Strange Dottoressa Amelia Neri Guerriera Oscura L' Ombra Roberto Auditore Serena Rafferty

L’ Ombra e Amelia Neri salvano Daphne Strange

Amelia si era alzata e vide Daphne a terra e il suo primo pensiero fu di metterla sul lettino e di iniziare subito a curarla con il suo tocco curativo . La prima volta che Amelia provò il suo tocco curativo sul colpo senza vita di Daphne era stato inutile . Ogni minuto che si perdeva il corpo di Daphne perdeva colore e stava diventando nero come quello delle vittime di omicidio o suicidio che Amelia aveva visto . Ma questa volta dovevamo impedire a Daphne di morire visto che se moriva lei forse moriva la possibilità di non soccorre più quelle ragazzine che erano state rapite . Amelia decise di non arrendersi e ci provo di nuovo nel curare la donna col il suo tocco curativo ma niente e stava perdendo ancora più calore e non c’ era più tempo . L’ Ombra si sveglio e vide il corpo quasi senza vita di Daphne sul lettino e Amelia stava provando di tutto per rianimarla ma niente visto che si era messa un sacco di morphina dentro al suo corpo . L’ Ombra voleva averla al suo fianco per darle uno schiaffo visto che secondo lui stava facendo una scemenza visto che non morendo ci si libera dai pesi ma lottando e agendo . Ma non poteva visto che senza che il suo cuore battesse non poteva entrare dentro la sua mente visto che cuore e mente sono uniti e per questo se il cuore non batteva non poteva fare niente . Daphne stava per morire e alla fine L’ Ombra si ricordo una cosa che aveva imparato in una lezione di guarigione cioè che se non riuscivi con il tocco curativo c’ era una sola cosa da fare cioè provare con il respiro vitale . Dentro tutte le guaritrici e chi ha il potere di guarire esiste una cosa che si chiama respiro vitale e da li che le persone possono guarire altre persone . L’ Ombra vedeva che Amelia si stava perdendo d’ animo e si mise dietro le sue spalle e disse – adesso fai come ti dico e possiamo salvare Daphne . Amelia si fidava ciecamente dell’ Ombra visto che era Roberto Auditore e decise di fare tutto quello che diceva lui – allora dentro di te c’è una cosa che si chiama il respiro vitale e c’ e un modo per darlo un po’ a Daphne devi dire questo incantesimi ad alta voce “ Respiro Vitale tu che mi dai la vita , tu che mi dai la forza e che tu sei il motivo per guarire le persone . Io pretendo che tu dia un po’ del mio respiro vitale a Daphne “ . Amelia non sapeva che se funzionare oppure no e decise di farlo tanto non c’ era altro che potevano fare e lo fece e scandi ogni parola e le disse ad alta voce . Dopo pochi minuti un po’ del respiro vitale usci da Amelia che era vicina all’ Ombra visto che dopo questo incantesimo si sarebbe sentita molto debole e solo con il riposo avrebbe ripreso le sue forze e il suo respiro vitale . Dopo pochi minuti questo respiro vitale entro dentro il corpo morente di Daphne e in pochi minuti la pelle della donna torno da nera al suo colore normale . Una volta alzata era arrabbiata con L’ Ombra per avergli impedito di fare tale cosa e L’ Ombra reagi in un solo modo cioè gli diede uno schiaffo e gli disse – Tu pensi che morire ti renda liberi be ragazza stai sbagliando . Perché se morivi diventavi uno spirito e invece di andare in paradiso o nell’ inferno saresti stata bloccata sulla Terra e fino a quando qualcuno che non vedeva i fantasmi tu non potevi andare in nessuna delle due parti . Daphne non sapeva questo e poi una volta smesso di piangere e disse in maniera seria – come mi posso liberare del peso che ho sul mio cuore . L’ Ombra era pronta a dirlo e una volta pensato un po’ disse dando la mano sinistra a Daphne – aiutaci a liberare le ragazze e solo cosi tu potrai togliere il peso che hai sul tuo cuore . Daphne aveva deciso di diventare buona e quella era la sua prima decisione e questo le rendeva felice come non mai . 

Categorie
Alessandra Neri Daphne Strange Guerriera Oscura Pistolera Oscura Roberto Auditore Serena Rafferty

Daphne Strange decise di uccidersi

Dopo che L’ Ombra aveva fatto calmare un po’ Daphne visto che erano tutti e due sul lettino abbracciati l’ uno all’ altro visto che era molto triste . Le sue grandi lacrime stavano andando sul lettino che era sulla destra ed era vicino al lettino dove la Dottoressa Amelia Neri stava dormendo . Non sentiva il suo pianto visto che era nel suo sonno profondo e per questo era meglio cosi un modo per dormire e non sentire niente . Dopo essersi alzata dal lettino decise di andare in un posto dove poteva trovare pace e cosi pensare sul suo futuro ma non solo per il suo ma anche quello degli altri . Anche se L’ Ombra gli aveva detto che non era colpa sua del fatto che era stata manipolata e del fatto che aveva rapito quelle ragazzine indifese . La sua mente non la pensava cosi visto che secondo lei era stata colpa sua se le ragazze erano state rapite . Daphne era cosi che la pensava cosi visto che per colpa sua le ragazzine erano state rapite e adesso non sapeva cosa fare visto che aveva fatto del male ma solo poco ma adesso aveva fatto rapimento . Era stata manipolata visto che per quello che le era successo durante tutta la sua infanzia e la sua adolescenza . Durante la sua vita aveva visto un sacco di cose e per colpa di questa situazione lei aveva una mente debole visto che agli altri dava l’ impressione di essere forte . Daphne rubava soltanto e non voleva fare troppo male alle persone ma adesso lo aveva fatto a 12 ragazzine che non avevano fatto niente di male . Daphne dopo che se ne era andato dall’ Infermeria visto che voleva stare da sola visto che voleva andare in un posto dove pensare con calma . Una volta messe a camminare inizio a farlo dentro i corridoio e poi trovo una stanza vuota e aveva visto che li non ci doveva stare nessun studente . Non era una stanza ma un soggiorno visto che gli studenti una volta entrati in quella scuola ci poteva stare li per parlare con gli altri e fare molte altre cose . Si mise li seduta su un bel divano a sentire i suoi pensieri sul fatto di cosa fare in quella brutta situazione . Daphne aveva le mani tra i suoi bellissimi capelli bianchi e cercava di capire cosa fare visto che era in una situazione molto complessa . Aveva rapito delle ragazzine in uno stato di manipolazione e se non lo ricordava per niente e per tutto questa situazione la sua mente era piena di oscurità . Una volta che era seduta sul divano con le gambe accavalcate e non più con le mani non più dentro i suoi capelli bianchi visto che poco dopo capì cosa fare . Non voleva scappare ma voleva fare un ‘ altra cosa secondo lei avrebbe facilitato il compito all’ Ombra , alla Guerriera Oscura e alla Pistolera Oscura cioè uccidersi . Una volta presa questa decisione torno in infermeria con passi lenti e senza fare nessun rumore prese un po’ di morphina . Amelia teneva la morfina dentro una teca di vetro e se c’ era qualcuno che poteva scassinarla quella era Daphne . Una volta presa i suoi ferri del mestiere cioè i ferri con il quale ha rubato in un sacco di casa e li inizio ad aprire la teca di vetro e poi prese una siringa che era sempre dentro la teca di vetro che non era molto lontano dalla morphina . Amelia aveva messo cosi per facilitare il suo compito se aveva bisogno di utilizzarla se i suoi poteri di guarigione non funzionavano . Daphne mise l’ ago dentro la fiala di morphina che aveva preso dalla teca di vetro che era davanti al letto dove lei prima era stesa da sola e non con L’ Ombra . Una volta presa un po’ ma la giusta quantità per morire visto che secondo lei non meritava di vivere visto che aveva fatto tanto male a delle ragazzine . Una volta che la siringa era piena di tutta la morphina se la inietto nel cuore , si fece un po’ male ma alla fine secondo lei era la giusta decisione non solo per lei ma anche per tutti quanti gli altri . Secondo lei era l’ unico modo per avere più pesi e cosi non aveva più il peso di quelle 12 ragazzine dentro la sua mente . Da quando l’ Ombra glielo aveva detto non aveva dormito un solo momento e non aveva smesso di pensare a quella cosa visto che secondo lei morire era l’ unica possibilità per non avere più pesi nella sua vita e cosi stare in pace non solo con lei ma anche con il mondo . 

Categorie
Daphne Strange Dottoressa Amelia Neri Guerriera Oscura L' Ombra Roberto Auditore Serena Rafferty

Daphne Strange e L’ Ombra riprendono le forze in infermeria

Tutto era risolto ma per il troppo sforzo L’ Ombra era svenuto e la Dottoressa Amelia Neri si era fatta aiutare dalla Guerriera Oscura che sapeva che era Serena Rafferty visto che aveva venduto a lei delle lenti che potevano cambiare il colore degli occhi ma lo stesso non aveva detto niente visto che sapeva che se lo diceva a qualcuno poteva morire . Una volta messo sul letto adesso loro due dovevano solo riposare visto che avevano fatto troppo sforzo . Daphne giorno dopo giorno faceva quello che aveva fatto L’ Ombra cioè salvare la sua mente ma non ci riusciva visto che il parassita che aveva dentro la sua mente era molto forte e ogni giorno perdeva la speranza di tornare a vivere come prima . L’ Ombra aveva bisogno di riposo visto che aveva usato il suo potere di leggere la mente troppo a lungo e in alcuni momenti durante l’ operazione perdeva sangue dal naso . La Dottoressa Amelia Neri visto che era un suo caro studente decise di aiutarlo e cosi prese un pezzo di carta e con molto dolcezza le tolse il sangue che stava colando dal naso . L’ Ombra aveva faticato tanto visto che era nella mente nemica e si era dovuto concentrare tanto per far apparire le sue frecce , il suo arco e il suo bastone che erano oltre al potere di leggere la mente erano i suoi strumenti per vincere contro i suoi nemici . Ci volle molto tempo prima che Daphne si sveglio ma poi svenne subito visto che non dormiva bene da anni visto che quando dormiva iniziava la lotta nella sua mente . La lotta era tra lei e chi la voleva possedere e ogni notte perdeva ma adesso grazie all’ Ombra aveva vinto quella lotta e non doveva più lottare ma solo sognare e riposarsi . L’ Ombra doveva fare lo stesso e prima di essere stato messo sul letto aveva detto – non devo dormire e Amelia che era con una siringa in mano e mentre stava per fargliela vedere gli disse – o ti metti a dormire in modo normale oppure ti do un po’ di morfina per farti dormire e cosi tu non puoi fare niente per un po’ . Alla fine l’ Ombra si mise a letto e si mise a dormire visto che sapeva che era stanco . Verso la mattina tutti e due erano svegli e alla fine tutti e due si alzarono con molta calma visto che erano ancora un po’ appisolato . Prima di fare colazione visto che Alessandra Neri aveva preso per loro due un bel cornetto al cioccolato Daphne si alzo dal letto e andò ad abbracciare L’ Ombra – grazie per quello che hai fatto . Dopo aver fatto colazione con calma L’ Ombra prese Amelia che era stanca e la mise nel letto doveva aveva dormito e invece Daphne le mise sopra una coperta visto che le aveva curato la testa . Daphne si stava chiedendo come era arrivata qui e poi vide la ferita dietro la testa e disse – come mai ho questa ferita ? . Poi si giro verso L’ Ombra e vide che aveva una faccia strana come se stesse nascondendo qualcosa – sei tu che mi hai fatto questa ferita . L’ Ombra si inizio a scusare con Daphne e poi le inizio a spiegare tutto – L’ ho fatto perché sapevo che tu non mi avresti seguita visto che eri stata manipolata da Amelia Strong e per questo che ti ho portato qui .Daphne non se lo ricordava – non me lo ricordo come mai ? , L’ Ombra si avvicino a lei e cerco di farla calmare visto che era agitata – calmati adesso con calma potrai riottenere i tuoi ricordi anche se non vorresti farlo . Daphne si chiedeva come mai non doveva riprendere i suoi ricordi e poi sbattendo la mano su un letto in modo molto forte – se ho fatto qualcosa di male lo voglio sapere . L’ Ombra aveva deciso di dirlo in modo chiaro visto che era una sua scelta – allora Amelia ti ha manipolata per farti rapire 12 ragazze . Daphne si mise su un lettino e inizio a piangere e poi L’ Ombra decise di farla calmare con un grosso abbraccio per farla calmare visto che adesso aveva questo nuovo peso . 

Categorie
Alessandra Neri Daphne Strange Dottoressa Amelia Neri Guerriera Oscura Roberto Auditore Serena Rafferty

L’ Ombra distrugge la manipolazione di Daphne

Una volta sedata la donna la Dottoressa Amelia Neri se ne era andata da li dentro visto che sapeva che stava per accedere il putiferio li dentro e quindi nessuno si poteva avvicinare all’ infermeria . Una volta che l’ Infermeria fosse chiusa a chiave L’ Ombra si mise seduto su una sedia ed entro nella mente di Daphne . Li dentro aveva visto che c’ era una grande oscurità come nessuno l’ aveva mai visto e faceva freddo come non mai ed era freddo che ti faceva gelare il sangue . Ogni passo che faceva era come muovere un sasso ma alla fine L’ Ombra per muoversi più velocemente si concentro su di lui e si trasformo in un ombra che si poteva muovere veloce come il suono . Una volta iniziato cerco di andare nel centro della mente di Daphne visto che li era situato quello che non le permetteva di pensare in modo proprio . Li dentro era il centro di quello che aveva fatto Amelia e adesso doveva essere spezzato visto che era l’ unico modo per salvarla . Ci mise un po’ visto che li dentro era pieno di mostri che stavano cercando la persona che era entrata nella mente del loro soggetto che avevano manipolato . L’ Ombra per non farsi scoprire doveva stare molto attento qui non era su un tetto di un palazzo e quindi era su una posizione stabile qui era nella mente e quindi non era lui che faceva le regole . Una volta visto tutto attorno a lui crollava e quindi invece di un ombra che faceva gesti svelti e piccoli li invece se sarebbe caduto tutto sarebbe stato un elefante che si trovava in una cristalliera e rompeva tutto . Ma L’ Ombra era in gamba e non si fece mai scoprire se era sul punto di essere scoperto lanciava una lancia nella direzione opposta dove lui era . Visto che li c’ era l’ eco della scoccio della freccia tutti andavano nella direzione della freccia e invece L’ Ombra era da un altra parte . L’ Ombra stava oltrepassando tutti i nemici voleva essere un Ombra che era arrivata e poi come un ombra era svanite cosi dal nulla e nessuno sapeva della sua presenza . Ma poi davanti a lui si parò davanti delle guardie che avevano acceso un falò e stavano per bruciare una persona che era Daphne ed era nuda . Quella era una parte della sua mente e L’ Ombra muovendosi nell’ ombra colpi il nemico che la stava spintonando contro il fuoco visto che la volevano morta a tutti i costi . Visto che non si muoveva la presero per i capelli e la stavano trascinando verso il fuoco e in quel momento quando era apparsa l’ oscurità dietro la guardia . L’ Ombra prese il suo bastone nero e lo colpi con tutta la sua forza e poi diede la mano a Daphne e poi una volta toccata vide che era scomparsa in direzione del centro ma non prima di dirgli – Se mi vuoi aiutare dovrai trovare le altre miei parti e poi le devi salvare tutte e solo cosi io potrò riottenere la mia mente . L’ Ombra si doveva dare una mossa visto che non sapeva quanto tempo aveva per salvare tutte quante visto che potevano essere tante . Li dentro c’era un mostro che si era scocciato di fare dei falò e decise di fare uno bello grosso e radunare tutte le parti di Daphne e ucciderle . L’ Ombra ci mise un po’ visto che nessuno sapeva molte e una volta messo fino alla vita di alcuni mostri uccidendoli riusci a trovare uno che sapeva tutto e con una grande e bella tortura disse tutto all’ Ombra – a 500 km da dove stiamo adesso si sta per fare un grande falò e li uccideremo tutte le Daphne e tu non puoi fare niente. Il mostro aveva un coltello molto lungo e L’Ombra prese quel coltello e gli taglio la testa e alla fine decise di muoversi in modo molto più veloce per impedire il falò e arrivo giusto in tempo . Quando vide che tutti i mostri erano dentro al cerchio dove avrebbero fatto il falò si mise sopra un albero prese il suo arco e scoccio una freccia di fuoco e intrappolo i demoni in un grande cerchio di fuoco e loro non lo potevano superare . Una volta salvate tutte andarono al centro e ci andò pure L’ Ombra che adesso aveva salvato tutte le Daphne e cosi dare a lei la possibilità di vincere . L’ Ombra si avvicino alla donna che era nuda ma non ci fece caso visto che dovevano sconfiggere Amelia versione spettro e le disse – non lo devi fare con la mente ma con il cuore . Visto che tutto parte da li e solo cosi ti puoi libererà di questa persona che blocca il tuo essere Daphne . Daphne ci mise il cuore e con tutto quello che aveva lo scaglio contro Amelia e alla fine riusci a essere di nuovo Daphne . Daphne per tutta l’ operazione non si era mossa visto che Amelia non aveva dato ascolto all’ Ombra ed era entrata e aveva tenuto sedata la donna ogni volta che cercava di dare di matto .