Categorie
Ada Knight Angela Ferrante Aqua Saintcall Creativi Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Galaxandra Evans Gazzetta dell' Universo Kratos Black Melissa Mcarthur Pandora Black

Notizie dall’ Universing

Melissa Mcarthur aveva saputo da una sua fonte che Jade Raymond aveva lasciato la sua Ubisoft . Spesso i creativi fanno delle aziende per mettere insieme le menti di tutti i vari creativi per creare mondi sempre più fantastici . Jade Raymond dentro l’ azienda famosa nota come Ubisoft per aver creato mondi come Assassin’s Creed , Assassin’s Creed II , Watch Dogs e Splinter Cell Blacklist . Melissa era li dentro il suo grande ufficio e apri la modalità vide li si mise in primo piano e nel grande schermo  decise di parlare di Jade Raymond . Ma prima ci mise una foto di lei per far capire di chi stiamo parlando  – Ecco Jade Raymond una grande creatrice , Grazie a lei sono nati un sacco di mondi presenti qui dentro l’ Universing . In questi 10 anni ha dato tutta se stessa per rendere reali mondi come Assassin’s Creed , Assassin’s Creed II , Watch Dogs e Splinter Cell Blacklist . Lei adesso sta cercando di donare tutto quello che sa fare per creare nuovi mondi . Speriamo che grazie a lei nel futuro riusciamo ad avere mondi sempre più belli e fantastici . Tutti stavamo ascoltando guardando il video di Melissa non solo dal grande schermo che era li nella piazza ma anche attraverso il giornale noto come la Gazzetta dell’ Universo .

 

Categorie
2013 Assassin's Creed 4 Assassino Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps3 Ps4 Wiiu Xbox 360 Xbox One

Ubisoft ha in mente il finale di Assassin’s Creed

Ubisoft ha rivelato di avere già delle idee per l’eventuale fine della saga di Assassin’s Creed.

Ashraf Ismail, game director di Assassin’s Creed 4: Black Flag ha spiegato a Eurogamer che i direttori della serie sanno, anche se approssimativamente, come si concluderà la saga.

“Abbiamo molteplici team di sviluppo e in cima a questi il team che gestisce la serie, a cui appartengono gli autori e i designer che si occupano dello svolgimento dell’intera saga”, ha spiegato Ismail. “C’è una trama principale ben delineata, e ogni episodio ha il suo posto ben preciso all’interno di essa”.

“Abbiamo un’idea di quale sia la fine, ma ovviamente produciamo un episodio all’anno come ha detto Yves Guillemot. A seconda dell’ambientazione e di ciò che vogliono i fan abbiamo spazio di manovra all’interno della trama principale, ma come ho detto c’è una fine”.

Uno dei vantaggi di avere più giochi in sviluppo allo stesso tempo è la condivisione di note e l’inclusione di accenni a episodi futuri della serie.

“Ora possiamo accennare a qualcosa molto prima che ciò venga mostrato”, ha proseguito Ismail. “Per esempio in AC4 abbiamo Edward, le cui radici sono state mostrate in AC3. Ma c’è molto di più nel nostro gioco che suggerisce possibilità future”.

Nonostante gli studi di Ubisoft abbiano almeno due anni per ogni nuovo capitolo, ci sono sempre dei contenuti che vengono rinviati.

L’abbordaggio ad esempio è stato ridotto a un intermezzo in AC3, nonostante all’inizio fosse stato previsto come un evento in tempo reale. Il team di AC4 è riuscito a implementare la sezione come si voleva in Black Flag, ma ha dovuto rinunciare ad altre cose.

“Il taglio più grande che abbiamo fatto, per cui abbiamo lavorato molto senza però riuscire ad arrivare a risultati accettabili, è stato il multiplayer per le battaglie navali”, spiega Ismail.

“Avevamo dei prototipi eccezionali, ma far funzionare tutto e bilanciare il sistema in multiplayer… semplicemente non ce l’abbiamo fatta per quest’episodio”.

Per quanto riguarda il prossimo Assassin’s Creed è già noto che uno degli studi principali al lavoro sul progetto è Ubisoft Toronto, diretto da Jade Raymond, co-creatrice della serie.