Categorie
Foto Galleria Galleria Foto Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps3 Xbox 360

Lichdom: trailer d’annuncio e prime immagini di gioco

Nel corso del keynote tenuto poche ore fa dai vertici di AMD per presentare l’ultima serie di schede grafiche Radeon, lo sviluppatore capo di Xaviant, una casa di sviluppo indipendente con sede in Georgia, ha annunciato Lichdom pubblicando per l’occasione delle immagini di gioco e delle scene di gameplay esplicative.

Avvistato in forma embrionale tra gli spezzoni di un trailer confezionato da Crytek nel marzo di quest’anno per rendere omaggio alla creatività dimostrata dalle case di sviluppo terze in occasione della GDC 2013, il progetto di Lichdom nasce nel 2010 come semplice mod di Crysis per poi divenire, sempre su CryEngine, un titolo a se stante con un suo plot narrativo e delle dinamiche di gioco uniche.

Dal punto di vista della giocabilità spicciola, il titolo utilizzerà l’ormai consolidata formula dei GDR in prima persona e sarà incentrato quasi esclusivamente sull’impiego delle magie e degli incantesimi, con una piccola “escursione action” legata all’esecuzione di alcuni attacchi corpo a corpo.

Come in qualsiasi altro gioco di ruolo fantasy che si rispetti, anche in Lichdom l’eroe impersonabile sarà il fulcro attorno al quale vertereranno tutti gli eventi che si susseguiranno nel corso dell’avventura. Il nostro alter-ego, quindi, sarà il classico “salvatore della patria” portatospintaneamente a caricarsi sulle proprie spalle il destino del suo regno minacciato da orde di diavoli, di mostri abominevoli e di scheletri armati fino ai denti: a tal proposito, gli Xaviant assicurano agli appassionati di giochi “simil-Skyrim” che la storia sarà abbastanza duttile da permettere un’ampia libertà d’esplorazione con un ventaglio estremamente ampio di opzioni tra cui scegliere nella scelta delle missioni e dei compiti da portare a termine di volta in volta.

Il lancio di Lichdom è previsto nell’estate del prossimo anno su PC e, grazie alla straordinaria duttilità degli strumenti di modding del CryEngine, anche su PlayStation 3 e Xbox 360.

 

Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

The Grandmaster: clip in italiano con intervista al regista Wong Kar-wai

Visto che oggi debutta nei cinema italiani The Grandmaster, il nuovo biopic su Yip Man, leggendario maestro di kung-fu (stile Wing Chun) nonché mentore di Bruce Lee, cogliamo l’occasione per proporvi una video-intervista al regista del film, il cineasta cinese Wong Kar-wai(”In the Mood for Love”, “2046″).

A seguire Wong Kar-wai parla della genesi del film, mentre in coda all’articolo trovate la clip:

Fu in Argentina nel 1996, mentre stava girando Happy Together (con cui vinse la Palma d’oro per il Migliore regista a Cannes nel 1997) che Wong Kar-wai iniziò il suo viaggio di avvicinamento a THE GRANDMASTER. Stava passando davanti a un’edicola quando notò una rivista con la foto di Bruce Lee in copertina. Lo colpì il fatto che a vent’anni dalla sua morte, Lee fosse ancora un’icona internazionale. “Sono cresciuto guardando i film di Bruce Lee”, dice. “Li adoravo”. Il suo primo pensiero fu che doveva assolutamente fare un film su Bruce Lee. Ma più leggeva la stria del suo maestro Ip Man, e più ne restava affascinato. Uomo colto e raffinato, nato in una famiglia ricca della città di Foshan, nel sud della Cina, Ip Man finì in esilio a Hong Kong, dove divenne il massimo esponente di quella forma di Kung fu che si chiama Wing Chun. Tra i suoi allievi c’era Bruce Lee. Ip Man – come ha scoperto Wong Kar-wai – era solo uno dei tanti maestri di arti marziali che erano finiti a Hong Kong negli anni cinquanta, e che lì aprirono alcune scuole di arti marziali in concorrenza fra loro. Lungo certe strade, c’erano più scuole di kung fu che case, e i lottatori si sfidavano a vicenda, misurandosi in accesi combattimenti. Originariamente, Wong Kar-wai pensava di raccontare la storia di una strada e di un maestro. Ma più leggeva per documentarsi, e più si rendeva conto che quella strada rappresentava la storia di un’intera epoca. Alla fine, si è reso conto che quello che gli interessava era rievocare sul grande schermo il mondo delle arti marziali nell’epoca repubblicana (1911-1949), l’età dell’oro del kung fu cinese, con le sue rivalità, le sue tragedie e i suoi misteri esoterici Si è gettato a capofitto nel lavoro di ricerca, raccogliendo fotografie d’epoca, libri e documenti, e riempiendo diari e quaderni di ritagli e appunti. E così, ha intrapreso un difficile viaggio durato più di tre anni (documentati nel film The road to THE GRANDMASTER, prodotto da Jet Tone Films) che lo ha condotto in nove città della Cina e di Taiwan, sotto la guida del più grande maestro cinese di wushu (arti marziali), Wu Bin. Wu è stato il maestro di Jet Li, l’artista marziale più popolare nel mondo, dopo Bruce Lee. Wong Kar-wai è rimasto affascinato dal fatto che tanti maestri di kung fu fossero arrivati a Hong Kong dal nord della Cina, in particolare dal nord-est occupato dai giapponesi, negli anni trenta. Prima di essere costretti all’esilio, molti di loro avevano incontrato i grandi maestri del sud, per condividere le proprie conoscenze. Durante il lavoro di preparazione, il regista ha intervistato un gran numero di artisti marziali, che gli hanno parlato della loro filosofia e del loro lavoro, rivelandogli anche episodi e particolari inediti legati al mondo delle arti marziali. A un certo punto, si è reso conto di essere diventato il depositario di una preziosa eredità culturale che rischiava di andare perduta. Così, ha deciso che in questo film avrebbe documentato e valorizzato questa eredità, e in particolare gli stili di kung fu Wing Chun, Bagua, Xingyi e Baji. THE GRANDMASTER doveva essere un film epico e al tempo stesso profondamente autentico. A testimoniare la forza di attrazione che il kung fu e le arti marziali ancora esercitano sulla mente dei cinesi, la versione online del documentario The Road to THE GRANDMASTER (in lingua cinese) ha registrato 10 milioni di visualizzazioni ancora prima dell’uscita nelle sale del film THE GRANDMASTER.

 

Categorie
Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Ps3 Xbox 360

Grand Theft Auto V: 800 milioni di dollari di ricavi nel primo giorno di lancio

Attraverso un comunicato stampa destinato ad entrare nella storia dell’industria videoludica, i dirigenti di Take-Two ci comunicano che, stando alle loro stime interne, i ricavi generati daGrand Theft Auto V nel giorno di lancio del capolavoro di Rockstar Games hanno raggiunto e superato gli 800 milioni di dollari: una cifra, quest’ultima, che supera di tre volte esatte i 265 milioni di dollari investiti in questi mesi dai vertici di Take-Two per lo sviluppo del progetto.

Le stime del famoso publisher statunitense cui fanno capo i team di sviluppo della galassia di studios di Rockstar comprendono i dati di vendita delle edizioni Xbox 360 e PlayStation 3 (sia retail che digitali) provenienti dai mercati dell’Europa e del Nord America ma non di quelli (di certo non secondari) del Brasile e del Giappone dove il titolo, lo ricordiamo, deve ancora vedere la luce dei negozi. I numeri record del day one di GTA V, quindi, sono destinati ad aumentare ulteriormente e a stracciare le previsioni iniziali di diversi analisti del settore convinti che il gioco avrebbe raggiunto il miliardo di dollari di ricavi solo a un mese dal lancio.

Con le classiche frasi di circostanza pronunciate per l’occasione da Strauss Zelnick, il presidente e amministratore delegato di Take-Two ha così avuto modo di anticiparci che l’azienda si è già attivata per non trovarsi impreparata con l’avvento della next-gen ed è conseguentemente impegnata nella produzione e nello sviluppo di nuove proprietà intellettuali e di titoli di franchise collaudati.

Nel complimentarci con Rockstar Games e con Take-Two per lo straordinario risultato raggiunto, approfittiamo quindi dell’occasione per rimandarvi, qualora non l’aveste ancora letta, alla nostra recensione di Grand Theft Auto V pubblicata in concomitanza con il lancio internazionale del kolossal della grande R.

 

Categorie
Cinema Film Foto Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Thor: The Dark World – nuovo trailer esteso, foto e tappa a Disneyland

Disponibili online un nuovo trailer esteso e una manciata di nuove immagini per Thor: The Dark World di Alan Taylor, terza incursione su grande schermo del Dio del tuono dopo il debutto da protagonista con il Thor di Kenneth Branagh e come parte del team dei Vendicatori nel blockbuster The Avengers.

In questo sequel Thor (Chris Hemsworth), collabora con il suo nefando fratello Loki (Tom Hiddleston) per fermare l’elfo oscuro Malekith (Christopher Eccleston) intenzionato a distruggere la Terra e i Nove Regni. Natalie Portman, Ray Stevenson, Kat Dennings, Anthony Hopkins, Idris Elba e Zachary Levi sono co-protagonisti in questa nuova e attesissima avventura.

Cogliamo l’occasione anche per segnalarvi che Thor: The Dark World a novembre farà tappa aDisneyland con una mostra come annuncia il sito Marvel.com:

L’astrofisico Jane Foster, che ha stabilito un rapporto speciale con Thor, ha studiato il Bifrost, un ponte cosmico che permette a Thor di viaggiare tra i Nove Regni, compresa la Terra. Si è stabilito che il Bifrost è impostato per aprirsi di nuovo nel sud della California e si è individuato la posizione precisa: Innoventions a Disneyland.

All’interno di Innoventions, Foster e il suo team si stanno preparando per l’apertura del Bifrost con l’installazione di Thor: i tesori di Asgard, una collezione di oggetti portati sulla Terra direttamente da Asgard. Dopo aver visto la mostra, sarete invitati ad entrare in una camera dove il Bifrost vi trasporterà ad Asgard per un’udienza con Thor in persona!

Se volete vedere il trailer di Thor : The Dark World – http://www.cineblog.it/post/76077/thor-the-dark-world-nuovo-trailer-esteso-foto-e-tappa-a-disneyland

Categorie
Mondo Notizie Notizie dal Mondo Serie Tv

Sigur Ros in Game of Thrones 4, Jean Smart ricorrente in Sirens, novità per Bones 9, Community 5, Hart of Dixie 3 e The Affair

Sigur Ros sempre più televisivi, dopo la comparsata nei Simpson l’anno scorso la band slandese ha ottenuto un ruolo nella quarta stagione di Game Of ThronesJón Þór “Jónsi” Birgisson, Georg Hólm e Orri Páll Dýrason, rivela EW.com, stanno girando le scene in questi giorni (in Croazia) ma i loro ruoli sono super-segreti; di certo, c’è cheDavid Benioff e Dan Weiss sono da tempo fan della band e che lo show HBO è sempre più ‘musicale’, dopo le apparizioni degli Snow Patrol e dei Coldplay.

Jean Smart sarà ricorrente nella comedy Sirens, serie Usa Network sceneggiata da Denis Leary e Bob Fisher (debutto previsto nel 2014) con protagonisti tre paramedici di Chicago – Johnny (Michael Mosley), Hank (Kevin Daniels) e Brian (Kevin Bigley) – ‘bamboccioni’ nella vita ma molto bravi sul lavoro; la Smart darà il volto alla mamma di Johnny, sposata ad un vigile del fuoco interpretato da Lenny Clarke.

Nella quinta stagione di Community ritroveremo John Oliver nel ruolo del professore di psicologia Ian Duncan; sconosciuta la storyline relativa al personaggio (apparso nel pilot e nelle prime due stagioni della comedy) ma si sa che lo vedremo in sei episodi; in Bones 9 apparirà invece David Hornsby, marito della protagonista e, per l’occasione, prete che sposerà Booth e Bones nell’episodio che si sta girando proprio in questi giorni, mentre nella terza stagione di Hart of Dixie vedremo Lauren Bittner nel ruolo di Vivian, cugina di Harley Wilkes, padre di Zoe.

Julia Goldani Telles è stata infine scritturata nel pilot drammatico di Showtime The Affair, che vede un cast mostruoso composto da Dominic West, Maura Tierney, Joshua Jackson e Ruth Wilson: la storia è quella di Noah (West), newwyorkese che passa le vacanze a Long Island e che comincia una storia con Allison (Wilson), proprietaria della locale pasticceria e sposata a Cole (Jackson), duro cowboy che gestisce un ranch; a sua volta Noah è sposato con Helen (Tierney), la fidanzatina del college e migliore amica che è letteralmente choccata dall’infedeltà del marito, con il quale ha anche dei figli (tra cui la Goldani Telles che interpreterà Whitney, la figlia più vecchia.

 

Categorie
Microsoft Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Xbox One

Microsoft annuncia la data d’uscita di Xbox One

Microsoft ha finalmente svelato la data d’uscita di Xbox One.

La console next-gen sarà disponibile nei primi tredici territori previsti, tra cui figura l’Italia, dal 22 novembre 2013, a otto anni esatti dal lancio americano di Xbox 360.

In una nota inviata ai nostri colleghi di Eurogamer.net, l’addetto al marketing Yusuf Mehdi ha inoltre confermato che i tecnici di Microsoft sono riusciti a far passare la CPU dagli 1.6GHz finora pronosticati a 1.75GHz. Aggiunta che va sommata “all’incremento del 6% precedentemente annunciato per la GPU”.

Il colosso di Redmond ha colto l’occasione per rivelare una nuova ondata di rifornimenti di Xbox One Day One Edition per i retailer che hanno esaurito le loro scorte.

Di seguito trovate i 23 titoli di lancio confermati:

  • Assassin’s Creed 4: Black Flag
  • Battlefield 4
  • Call of Duty: Ghosts
  • Crimson Dragon
  • Dead Rising 3
  • FIFA 14
  • Fighter Within
  • Forza Motorsport 5
  • Just Dance 2014
  • Killer Instinct
  • LEGO Marvel Super Heroes
  • Lococycle
  • Madden NFL 25
  • NBA 2K14
  • NBA LIVE 14
  • Need for Speed: Rivals
  • Peggle 2
  • Powerstar Golf
  • Ryse: Son of Rome
  • Skylanders: Swap Force
  • Watch Dogs
  • Zoo Tycoon
  • Zumba Fitness: World Party

 

Categorie
Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Ps3 Sony

The Last of Us: il nuovo aggiornamento introduce una modalità multiplayer inedita – guarda il video

Rimasti volutamente in disparte per non rubare la scena agli sviluppatori e ai dirigenti di Sony durante l’infuocata settimana della GamesCom 2013, i ragazzi di Naughty Dog approfittano della chiusura della kermesse videoludica di Colonia per informarci che a partire da oggi (o al massimo da domani) sarà disponibile una corposa patch per The Last of Us.

L’Update 1.03 è stato realizzato tenendo conto delle richieste e delle proposte avanzate dagli appassionati di questo capolavoro assoluto del genere action: per questo, oltre alla proverbiale serie di correzioni e di “aggiustamenti” alle porzioni meno riuscite del codice di gioco della campagna in singolo e della componente in rete, l’aggiornamento in questione porterà con sé l’introduzione di una nuova modalità per il comparto multiplayer.

Grazie alla video-dimostrazione confezionata per l’occasione e alla concomitante pubblicazione del changelog sulle pagine del PlayStation Blog ufficiale americano sappiamo così che le sfide Interrogatorio assumeranno la forma di un deathmatch a squadre “speciale”, con due fazioni a contendersi il cibo, le munizioni e i preziosi “materiali” presenti all’interno del contenitore custodito dalla squadra avversaria: per avere accesso alla cassaforte nemica bisognerà conoscerne l’esatta ubicazione, e per riuscirci, ovviamente, occorrerà strappare con la forza questa delicata informazione dai sopravvissuti dell’altra fazione.

La posizione del contenitore della squadra avversa sarà svelato alla fazione che, per prima, riuscirà a portare a termine cinque interrogatori: rispetto alle modalità Sopravvissuti e Caccia ai Rifornimenti, quindi, in questo nuovo tipo di sfide la componente tattica ricoprirà un ruolo decisamente più importante per la necessità assoluta, da parte degli utenti, di collaborare a stretto contatto con gli altri membri della propria squadra per evitare che il team nemico riesca a scoprire la posizione del contenitore e, infine, a vincere il match aprendolo e rubandone il contenuto sotto il nostro naso.

 

Categorie
Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Ps4

Killzone: Shadow Fall – nuovo video sul multiplayer

Di ritorno dalla GamesCom 2013 di Colonia, i curatori di PlayStation Access hanno intervistato il direttore di Killzone: Shadow Fall Steven ter Heide per avere da lui tutta una serie di interessanti indiscrezioni (condite da qualche scena di gioco inedita) sul comparto multiplayer del primo, attesissimo sparatutto next-gen dei Guerrilla Games.

La prima e, forse, la più importante delle notizie forniteci da Steven ter Heide riguarda la conferma del fatto che il comparto multigiocatore di Shadow Fall, grazie alla potenza computazionale di PlayStation 4 e agli ancora enormi margini di sviluppo della piattaforma, manterrà gli stessi standard qualitativi della componente singleplayer: le frenetiche sfide che si disputeranno in rete tra gli Helghast e gli ISA, quindi, avranno una risoluzione nativa di 1080p e gireranno stabilmente a 60 frame al secondo, e questo a prescindere dalla grandezza della mappa selezionata, dal numero di utenti connessi simultaneamente e dalla “pesantezza” degli effetti particellari e delle luci dinamiche scaturiti dall’esplosione delle granate, dagli spari dei soldati e da qualsiasi altro evento ambientale predeterminato (come ad esempio i fari puntati sulla mappa da un gigantesco drone in perlustrazione o un’improvvisa tempesta di sabbia).

Le altre importanti informazioni dateci per l’occasione dal direttore di Shadow Fall riguardano lo sblocco dell’intero arsenale per chi vorrà cimentarsi nelle sfide personalizzate della Warzone (una scelta dettata dalla necessità di equilibrare i “rapporti di forza” tra gli utenti a prescindere dal loro livello di esperienza) e infine la completa riformulazione delle classi personaggi in tre “macro-classi” (Scout, Assalto e Supporto) modificabili sia nell’aspetto che nell’equipaggiamento.

Prima di lasciarvi al filmato di cui sopra, ricordiamo a chi ci segue che il lancio di Killzone: Shadow Fall avverrà in concomitanza con la commercializzazione di PlayStation 4, prevista per il 15 novembre negli States e per il 29 novembre in Europa.

 

Categorie
Foto Galleria Galleria Foto Microsoft Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Xbox One

Forza Motorsport 5: immagini e video dalla GamesCom 2013

Approfittiamo della consueta penuria di news domenicale per smaltire l’enorme mole di annunci della GamesCom 2013 occupandoci, tra gli altri, di Forza Motorsport 5.

Giocabile in fiera negli stand approntati per l’occasione da Microsoft, il prossimo, attesissimo similumatore di guida di Turn 10 è stato al centro delle attenzioni dei futuri acquirenti di Xbox One accorsi alla kermesse videoludica di Colonia per avere un piccolo assaggio di ciò che li attende a fine anno sui tracciati virtuali di un titolo che, notizia di questi giorni, vanterà la presenza dei circuiti di Laguna Seca e Spa Francorchamps.

Le immagini mostrateci dal team di Dan Greenawalt per celebrare la GC 13 immortalano in foto la splendida Audi R8 e-tron, mentre i video realizzati per l’occasione dagli inviati di Gamespot ci riportano, appunto, sull’infuocato dedalo di curve di Laguna Seca.

Grazie alla superiore potenza computazionale garantitagli dalla prossima console casalinga di Microsoft, i vertici di Turn 10 incrociati dalla stampa di settore tra gli stand della fiera tedesca hanno promesso un sensibile miglioramento degli elementi simulativi dell’impianto di gioco relativi, ad esempio, al comportamento delle sospensioni, all’intelligenza artificiale dei piloti comandati dalla CPU, all’aerodinamicità, alla fisica di guida e alle variabili causate dall’usura delle gomme (in quest’ultimo caso grazie al lavoro svolto con la Calspan, famosa società americana specializzata nella produzione di pneumatici da competizione).

Prima di lasciarvi alle restanti immagini in galleria e al doppio filmato dimostrativo di cui sopra, chiudiamo il pezzo ricordando a chi ci segue e a tutti gli interessati che Forza Motorsport 5 è previsto in uscita a novembre in concomitanza con il lancio di Xbox One.

 

Categorie
Foto Galleria Galleria Foto Mondo Mondo dei Videogiochi Notizie Notizie dal Mondo Pc Ps3 Ps4 Xbox 360 Xbox One

Mad Max: nuove immagini e info sulla customizzazione delle auto

Non potendo assolutamente bucare l’appuntamento con la GamesCom 2013, gli sviluppatori svedesi degli studi Avalanche si giocano il loro prezioso gettone di presenza e approfittanno della manifestazione videoludica di Colonia per tornare ad offrirci delle immagini e delle informazioni inedite su Mad Max, l’atteso action a mondo aperto a cui stanno lavorando per conto di Warner Bros. Interactive per onorare la memora dell’indimenticabile capolavoro cinematografico di George Miller del 1979 e per accompagnare il lancio del sequel Fury Road, atteso nelle sale cinematografiche di tutto il mondo nel corso del prossimo anno.

Nonostante la concomitante uscita del nuovo film della saga, lo sviluppatore capo Emil Kraftling ha colto al volo l’occasione offertagli dalla GC 13 per spiegare ai curatori di Joystiq che il videogioco non sarà un mero tie-in ma, al contrario, rappresenterà un prodotto a se stante con una storia e una struttura di gioco tutta sua:

“Non abbiamo alcuna limitazione di rifarci al nuovo film della serie e non dobbiamo riprendere per forza le ambientazioni e la storia di Fury Road. Certo, se in questo film troveremo qualcosa di buono che può legarsi bene al nostro progetto non esiteremo a tentare di legarla al titolo, ma sarà solo ed esclusivamente una nostra scelta e, se per dare forma ad alcuni aspetti della trama o del gameplay ci ritroveremo ad andare in quella direzione, lo faremo in totale autonomia. Perchè lo sappiamo tutti, i tie-in videoludici di un film non portano mai a nulla di buono.”

A ribadire il concetto espresso da Kraftling e a confermare la completa autonomia degli Avalanche Studios ci ha pensato l’altro sviluppatore capo, Andreas Gschwari, sulle pagine diVG247 attraverso una serie di importanti considerazioni sugli elementi di personalizzazione che ritroveremo nel titolo: stando a Gschwari, infatti, nel corso dell’avventura potremo gingillarci con milioni di moduli per la customizzazione estetica e per l’elaborazione meccanica del mezzo del nostro alter-ego, ciascuno dei quali potrà essere recuperato sia nelle sessioni d’esplorazione libera che come premio per il buon esito di una missione secondaria o di un capitolo della linea narrativa principale.

La commercializzazione di Mad Max è prevista nella prima metà del 2014 su PC, PlayStation 3, Xbox 360, PlayStation 4 e Xbox One.