Categorie
Angelo Baldassare Elizabeth Storm Foto New York supereroi Superpoteri

Irisa racconta la verità a Elizabeth Storm

 

Anche se noi pensiamo che la polizia ci può aiutare in rari casi non ci puoi aiutare e proprio per questo che Irisa non ha voluto dire la verità a Elizabeth Storm visto che non sapeva se gli avesse creduto oppure no . Quando alla fine Irisa si era riposata e adesso non aveva più paura vide che Elizabeth Storm non era nel loro distretto ma era a casa di Angelo . Angelo aveva chiesto a Elizabeth di fare qui l’ interrogatorio visto che se fosse andata li forse quei due tipi in moto ci avrebbero potuto riprovare quando ci stava andando . Elizabeth aveva pensato la stessa cosa e cosi disse ad Angelo – io verso le 10:30 del mattino sarò li a casa tua per parlare con Irisa e cosi lei e insieme a noi e cosi si sente al sicuro e ci puoi dire la verità . Irisa era in quella camera e si stava per mettere qualcosa addosso e vicino alla porta chiusa c’ era Angelo che busso e dopo aver aspettato che lei fosse vestita . Entro e andò verso di lei e le disse – senti sono qui per dirti che il mio capo domani alle 10 e mezza sarà qui per parlarti e cosi insieme a noi ci puoi dire la verità . Come vedi io ho accettato di buon grado i tuoi poteri e pure lei lo farà . Irisa si giro verso Angelo – dici davvero ? . Lo farà ? . Angelo decise di far vedere questa cosa a Irisa visto che era una persona con i poteri e quindi si poteva fidare di lei . Prese dalla tasca destra dei suoi pantaloni il suo Samsung Galaxy s4 e fece vedere la foto che aveva fatto e non era una foto di un evento qualsiasi ma era nel centro di New York ed era lo scontro tra gli Avengers e Chitauri . Ma la foto non riguardava loro ma vedeva Elizabeth Storm mentre con una delle loro armi uccideva uno dei Chitauri . Irisa prese in mano il telefonino di Angelo e inizio a vedere la foto e da li capì che si poteva fidare non solo di Angelo ma anche di Elizabeth . Quando Elizabeth arrivo a casa di Angelo che non era molto grande ma era una normale casa che si trova a Storm City . Irisa si era messa una maglietta e dei pantaloni e cosi decise di raccontare tutta la verità su quella sera visto che la sparatoria era iniziata per colpa sua . Irisa si mise seduta e poi Elizabeth si mise seduta e inizio a raccontare partendo da un giorno prima della sparatoria – Ero con l’ uomo che aveva deciso di avermi sua e cosi decise di farmi bere per far conoscere tutti i miei segreti e capì che io avevo i poteri per leggere il pensiero . Appena fossi sobria gli diedi una dimostrazione di questo mio potere e cosi lui capì di cosa ero capace . Ma poi il giorno della dimostrazione uno degli uomini voleva dire a qualcun altro di questa cosa e cosi lo uccise a sangue freddo davanti ai miei occhi . Mi prese per la mandibola e me la teneva molto stretta e mi disse che se diceva una sola parola del mio potere ad altre persone sarei stata una persona morta . Non so in che modo ma alcune persone con dei poteri sapevano che io ero la e cosi e iniziato questo scontro e la dentro sono morte un sacco di persone . La persona che avete arrestato ha ucciso tutti quanti li dentro e a me invece mi ha colpito di striscio ma mi sono finta morta cosi da essere salvata . Ha ucciso pure le persone con i poteri con dei proiettili dritti in fronte e adesso vi ho detto tutto . Elizabeth prima di lasciarla andare le fece un ultima domanda – come sapeva che le era la prossima . Irisa le dissi in modo molto chiaro – lui aveva la pistola puntata verso di me e io lessi i suoi pensieri e cosi capì che io ero la prossima e cosi feci di tutto per non farmi uccidere e cosi arrivai al vostro tavolo operatorio . Elizabeth aveva visto che tutto quello che diceva Irisa era successo in quel posto e quindi aveva detto la verità . Angelo andò a confortare Irisa che era molto agitata visto che per colpa sua erano morte delle persone . Angelo la fece calmare e cosi riposo un po’ visto che ne aveva bisogno .

 

Categorie
Angelo Baldassare Elizabeth Storm Irisa

Angelo Baldassare conosce Irisa

 

Irisa era una donna di 25 anni e si metteva nei guai per colpa del suo potere di leggere il pensiero visto che ce lo aveva lo voleva utilizzare per fare del bene o non del male . Visto che faceva queste cose alcune volte poteva finire male e un giorno fini male visto che era quasi morta e per questo fini sul tavolo operatorio di Angelo . Angelo prima di far fare al suo assistente la sua prima autopsia controllo che c’ era del polso e cosi inizio a fare la respirazione bocca a bocca a questa bellissima donna . Angelo mentre vedeva che la faccia della donna riprendeva colore normale prese i suoi vestiti che non erano distrutti ma erano solo un po’ bagnati ma con il tempo si asciugarono e cosi la donna se li pote mettere . Irisa si risveglio e vide che vicino a lei c’ era un dottore molto bello e disse – lei chi è ? . Angelo vide che la paziente era sveglia e da dietro visto che era ancora tutta nuda – io sono il Dottore Angelo Baldassare non mi giro a darle la mano visto che è nuda e io non voglio essere scortese con lei . Irisa si rialzo con calma e aziono la tenda che era vicino a uno dei letti e li si mise i suoi vestiti . Xander che era l’ assistente di Angelo stava vedendo e Irisa lo sapeva e cosi tramite i suoi poteri gli disse di girarsi e lui lo fece subito . Irisa se ne voleva solo andare e farsi una buona doccia calda e cosi dimenticare quello che era successo . Ma quando vide Elizabeth Storm venire li capì che non se ne poteva andare . Elizabeth era andata verso Angelo visto che non aveva visto il cadavere – dove sta il cadavere . Irisa dopo essersi messi i suoi vestiti apri la tenda e si rivolse a Elizabeth Storm – forse sta parlando di me . Non sono morta , ma lo hanno pensato e mi hanno portato qui e io sono stata riportata in vita da un bravissimo dottore . Elizabeth andò verso di lei – adesso deve venire con me e dirmi tutto quello che ricorda sulla sparatoria che le è successa in quel vicolo della 334 strada . Se non lo fa l’ arresto per falsa testimonianza . Irisa decise di andare con Elizabeth nel suo ufficio per dire per filo e per segno come era andata la sparatoria . Irisa si avvicino ad Angelo e disse – forse dopo più tardi possiamo uscire insieme oppure possiamo andare a casa mia . Dopo che Irisa se ne era andata dall’ obitorio Xander divenne un po’ geloso e disse – come mai lei ha ottenuto un appuntamento con questa bellissima donna e io invece quando sono qui non ho ottenuto ancora nulla . Angelo andò verso lui e mettendogli la mano sulla sua spalla destra – e tutta questione di fortuna . La prossima volta può capitare a te quando sarai da solo e devi affrontare una cosa del genere . Angelo non vedeva l’ ora di uscire con Irisa visto che non era una sospettata ma una persona che poteva dire tutto sulla sparatoria visto che aveva visto tutto e se lo ricordava molto bene . Angelo quando Irisa gli aveva chiesto di uscire voleva farlo lui ma quando non c’ era il suo superiore Elizabeth . Irisa con il suo potere aveva capito che Angelo Baldassare voleva chiederle di uscire con lui ma non sapeva se accettava oppure no e cosi decise di fare la prima mossa lei . Irisa utilizzava il suo potere per ottenere informazioni di ogni genere e in questo le era stato utile per capire che tipo di persone era Angelo e aveva visto che era un tipo apposto e una persona molto gentile e cosi decise di uscire con lui quella sera a casa sua . Angelo non sapeva niente di questa donna apparte che era bellissima e che il suo nome era Irisa e forse grazie a questo appuntamento poteva scoprire molto di più su di lei e cosi forse uscire ancora di più e forse nel futuro sarebbe potuti diventare una coppia fissa . Angelo non fu nervoso , anzi fu molto calmo e anche se Elizabeth lo aveva guardato con uno sguardo le disse – non si preoccupi la terrò al sicuro e cosi potrà esserci utile se arresta qualcuno di quella sparatoria e cosi la persona che ha fatto questa cosa a lei sarà in prigione . Alla fine uscirono per andare a casa sua e cosi li dentro si iniziarono a conoscere a vicenda e avevano molto in comune e aveva ottenuto un secondo appuntamento con lei .

 

Categorie
Aida Fontana Carlo Fontana Colorado Foto Mutaforme

Aspetto di Aida Fontana

In quei 10 anni Aida Fontana aveva fatto cose che il marito Carlo non sapeva e tra le quali aveva fatto una cosa che poteva essere disgustosa per alcune persone ma per lui non lo fu per niente dopo un anno . Aida non voleva invecchiare e cosi andò alla ricerche di leggende e una tra le quali le poteva interessare . Questa leggenda riguardava i mutaforme e si diceva che se dopo che avevi ucciso uno di loro ti cibi di tutto il loro sangue non invecchi mai . Aida all’ inizio non ci credette ma alla dopo un anno trovo una mutaforme visto che aveva visto su internet come si cibavano e come operavano e tramite queste cose capì che nel Colorado c’ era una mutaforme . Quando la uccise prese tutto il sangue di quest’ ultima e il sangue una volta entrato in circolo la fece ringiovanire e la rese immortale  . Quando il processo fini si rispecchio e vide che era molto bella ed era da mozzare il fiato .

need-for-speed-the-run-immagini-crissy-teigen

Aida Fontana era divenuta cosi dopo aver bevuto il sangue di una mutaforme e non lo trovo niente male il cambiamento visto da li in poi sarebbe cominciata una nuova vita per lei e in quell’ arco di 10 anni avrebbe imparato a usare i suoi poteri per leggere la mente e fare tutto quello che gli altri non sapevano fare con questo potere .

 

Categorie
Bruce Rafferty Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Dr Alyssa Saintcall Federica Arcieri Lazarus Hawking Serena Rafferty

Cerco di scoprire chi ha aiutato Lazarus Hawking a uccidere Serena Rafferty durante il funerale

Era arrivato il giorno del funerale di Serena Rafferty e per era arrivato il giorno della mia missione e avevo fatto tutto per non farlo scoprire a nessuno visto che era una cosa molto segreta e quindi nessuna la doveva scoprire . Per prima cosa andai a fare le condoglianze alla famiglia di Serena Rafferty visto che erano molto disperati per la morte della loro unica figlia . Per il padre era l’unica cosa che gli impediva di andare oltre e cosi diventare un mostro che avrebbe ucciso un uomo . Durante tutto il funerale cercava di non fare niente e dovette utilizzare tutta la sua forza per non fare male a Lazarus Hawking . Gli occhi di Bruce Rafferty erano pieni di dolore ma anche rabbia e sopratutto si stavano quasi per dipingere rossi sangue per andare li e uccidere davanti a tutti quanti Lazarus Hawking ma stava cercando di non fare niente visto che era il giorno dove poteva ricordare sua figlia e per lei era come uno dei suoi soldati e per questo tra lei e suo padre c’ era un grande rapporto e per questo Bruce dava a sua figlia il sopranome di “ Piccola Soldatessa “ . Serena le piaceva moltissimo questo sopranome e quindi faceva felice davvero tanto suo padre visto che era felice di vedere suo padre che dava ancora gli ordini ai suoi soldati . C’ erano davvero molto persone che potevano essere delle Amazzoni del tipo tutte le persone che faceva parte delle lezioni di combattimento e quindi tutti gli studenti della scuola poteva essere . Ma poi mi ricordai quello che mi aveva insegnato Rain Sheppard sul conto delle Amazzoni che erano bellissime , aveva un corpo davvero molto ben allenato e sopratutto si allenavano tutti i giorni . Mentre mi spiegava avevo capito subito chi erano le Amazzoni ma prima di puntare il mio dito e cosi non dare loro nemmeno una possibilità per dire se sono innocenti oppure no dovevo capire se sono loro oppure no . Per capirlo mi avvicinai alle cheerlader che erano legate a Daniela Hernandez e lessi i loro pensieri e vidi molto cose ma quello che vidi fu che loro avevano aiutato Lazarus Hawking a uccidere Serena Rafferty . Allora capì che le Amazzoni erano loro visto che avevano nei loro ricordi gli allenamenti che fanno le Amazzoni e non solo quello avevano le loro più belle caratteristiche cioè bellezza e forza . Me ne stavo quasi andando da li quando notai una tra le varie Amazzoni che era bella ma non era molto forte con le altre e rispetto alle altre era innocente per l’ omicidio di Serena Rafferty . Decisi di non fare niente per il momento visto che se le Amazzoni avrebbero visto che Federica Arcieri si comportava in maniera strana sarebbe intervenuto Lazarus Hawking e avrebbe scoperto grazie all’ Informatico dove ero io e lui mi avrebbe ucciso . Una cosa però l’ avevo fatta cioè vedere i ricordi di Federica e lei era gentile e altruista e non era come le cheerlader per niente al mondo e quindi se tutto andava per il verso giusto avrei potuto far diventare una mia nemica una amica che era pronta ad aiutarmi nel cercare di mettere dentro le sue amiche . Forse Lazarus Hawking era intoccabile ma le Amazzoni non lo erano e per questo le potevo mettere dentro visto che su di loro avevano un sacco di cose cioè impronte , le corde e sopratutto i lividi sul corpo di Serena Rafferty e poi tutto era contro di loro visto che avevamo prove schiaccianti contro di loro e nessuno poteva dire niente ma per rendere tutto questo ancora più bello e sopratutto più infallibile avevo bisogno di una persona che aveva visto tutto quanto e quella persona era Federica Arcieri . 

Categorie
Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Lazarus Hawking Maraxus Serena Delgato Valentina Nora

Valentina Nora mi allena nella lettura del pensiero

Valentina Nora decise di entrare nella mia mente per cercare di capire cosa pensavo su di lei e vedevo che pensavo delle cose davvero molto belle su di lei . Secondo me se avessi pensato delle cose brutte sul suo conto forse mi avrebbe dato uno schiaffo o forse mi avesse fatto di peggio e lei aveva il potere per farmi qualcosa di brutto . Quando entro nella mia mente vide che era come uno spazio nero e io potevo simulare le cose che volevo e cosi capire cosa succedeva in un determinato luogo o momento e poi vide una cosa che stavo vedendo che io stavo provando a bloccare cioè stavo provando a bloccare i momenti su Maraxus per non farli a vedere a lei . Ma visto che non lo sapevo fare bene Valentina capì’ che io ero un Dominatore di Poteri e poi diedi un bastone addosso sulla spalla molto forte e tornammo alla realtà . Il bastone non mi fece nulla però non lo doveva fare e aveva visto che io avevo un grande potenziale ma non lo sapevo usare ancora e poi mi disse – Ascoltami bene io ti colpirò con il bastone ogni volta che non riesci a buttarmi fuori dalla tua mente . Non ci fermeremo visto che per controllare questo potere hai solo oggi e per questo cerca di non farmi perdere tempo . Quando vidi Valentina negli occhi videro che erano quelli di una persona forte e anche come me lo aveva detto era forte e quindi decisi di mettermi d’ impegno nel fare questo visto che questo non era solo per me ma anche per portare giustizia nei confronti di Serena Rafferty che era morta tra le mani di un nostro compagno che io considero solo un mostro che ha tolto la vita a una persona che non aveva fatto niente di male cioè l’ unica cosa che aveva fatto era aiutare persone che non erano molto famose ma le cheerlader non volevano che questa cosa continuasse e insieme a Lazarus Hawking la uccisero . Adesso toccava a me fare qualcosa , avevo solo 11 anni ma io ero l’ unico che poteva portare Lazarus Hawking in prigione e farlo rimanere li per sempre ma prima di tutto questo dovevo fare una cosa molto brutta e che non sapevo come sarebbe andato cioè dovevo togliere di mezzo la fidanzata di Lazarus Hawking e sopratutto le altre cheerlader che non erano normali cheerlader ma erano amazzoni ma diverse da tutte le altre queste volevano stare con gli uomini e sopratutto andare a caccia e uccidere . Per molte volte ci provammo ma senza nessun risultato e Valentina venne verso di me e mi disse una cosa per farmi ottenere i risultati voluti cioè – Daniel pensa a Serena Rafferty , pensa a voler portare giustizia nei suoi confronti e solo cosi potrai fare quello che devi fare cioè controllare il potere di leggere il pensiero . Valentina ci provo ad entrare nella mia mente ma questa volta ero pronto a buttarla fuori dalla mia mente e non fargli leggere nemmeno uno dei miei ricordi passati o presenti , inizia a pensare a Serena Rafferty e a potare giustizia nei suoi confronti e anche al mio senso di giustizia e alla fine dentro la mia mente si emano un potente fascio blu che butto fuori la mente di Valentina Nora . Valentina Nora era davanti a me e vide che grazie a lei ero migliorato tantissimo , io la abbracciai e vicino al suo orecchio sinistro – grazie per il tuo aiuto . Valentina mi abbraccio e mi disse in modo calmo e gentile – non c’ e di che ma per quella missione che vuoi fare durante il funerale di Serena Rafferty ci sto pure io oppure tu non fai niente . Ero con le spalle al muro e le dovetti dire – va bene puoi partecipare insieme a noi due ma cerca di stare attenti da quello che so le persone che cerchiamo non sono persone normali ma sono persone molto forti .