Categorie
Cassandra Wood Giulio Londra Willard

Cassandra Wood

Cassandra Wood era una mutante che aveva il potere di leggere nella mente delle persone e il suo potere molto forte e davvero molto potente ma per questa cosa che aveva tutti la chiamavano mostro visto che per tutti era cosi . Se una persona leggeva la mente di una persona non era giusto visto che non era una cosa possibile e invece Cassandra lo aveva fatto e si era vergognata moltissimo per questa cosa che le era successo . Visto che era un mostro per tutti decise un giorno di fare una cosa che avrebbe fatto smettere di sentire le voci e cosi non essere più un mostro per tutti cioè si voleva suicidare . Decise di andare a scuola un giorno e stava andando verso il palazzo più alto che conosceva di Londra , andò fino in cima e si butto . Proprio in quel momento arrivo Giulio un suo compagno di banco e lo era stato per 9 anni ed era superamici e con il potere dell’ aria fece venire un vento che porto la ragazza nelle sue braccia . Cassandra era felice di sapere che non era sola a fare questa cosa e pensava che il potere che aveva era una maledizione invece di un dono . Giulio le fece capire che se voleva una vita normale come tutti quanti doveva cercare di controllare il suo potere e cosi leggere i pensieri delle persone quando voleva lei e non in ogni momento . Se avrebbe fatto questo forse sarebbe potuta diventare una persona che faceva parte di questa comunità e avere un lavoro normale come tutti . Ma il fatto che di telepati ce ne sono pochi nei mutanti e proprio il fatto che il loro potere e molto potente e quindi questo è il potere più difficile da controllare . Cassandra non sapeva se ce la poteva fare oppure no a fare questa cosa ma per non essere più un mostro verso gli occhi di tutti e essere una ragazzina che vuole vivere la sua vita con i poteri ma essere trattata come una persona . Ma non tutte le persone che vivono nella Londra che c’ e nell’ Universing sono tutte persone con dei poteri e proprio per questo molte persone hanno paura che uno dei loro poteri può loro fare del male visto che è una mutante . Cassandra ci provo con tutte le sue forze a fare quello che andava fatto per avere una vita normale ma non era per niente facile visto che non aveva nessuno che la poteva aiutare e nessuno le poteva spiegare le cose . Non era come gli alieni che hanno già da subito il totale controllo dei loro poteri visto che alcuni li hanno già e altri no ma Cassandra era una mutante e quindi un mostro . Giulio aveva provato di tutto ma non conosceva molti telepati visto che quelli si contano sulle dita di una mano e quindi molto difficili da trovare . Cassandra visto che tutti la considerarono come un mostro decise di cambiare il colore dei suoi capelli da neri a corvini rossi e poi inizio ad andare di città in città e fare in modo che il suo potere non entrasse in azione visto che non appena sarebbe successo se ne sarebbe dovuta andare via visto che tutti quanti l’ avrebbero data del mostro . Tutto le stava andando a rotoli , aveva perso 5 lavori e aveva perso l’ appartamento dove stava e cosi decise di fare un ultimo tentativo con un negozio di scarpe . La proprietaria di nome Aisha non era persona normale, era una mutante come Cassandra ma lei non lo sapeva ancora . Aisha aveva bisogno di una mano per il negozio visto che da sola non ce la faceva e aveva come potere quello di volare . Cassandra entro nel negozio e vide che era molto in disordine e visto che non c’ era nessuno decise di mettere a posto le scarpe . Aisha aveva visto da lontano Cassandra che era stata trattata male da molte persone e aveva bisogno di una persona per essere trattata come una persona normale e decise di entrare qui . Aisha senza farsi sentire vide che Cassandra aveva messo il negozio a nuovo e poi scese e si avvicino a Cassandra andando dietro le sue spalle – grazie tesoro per aver messo apposto il mio negozio . Cassandra era molto curiosa di sapere cosa era successo e visto che Aisha era una donna che voleva cercare di fare un legame con Cassandra – è stato un cliente e visto che stava facendo tardi ha usato la super velocità ma ha corso troppo veloce e mi ha buttato all’ aria tutto il negozio . Cassandra aveva visto che Aisha era alla cassa e stava mettendo a posto i soldi visto che non li lasciava mai sul bancone ma dentro le sue tasche e poi mise sul tavolo il tesserino con scritto Cassandra e disse – sei assunta . Cassandra era felice di sapere che era assunta e poi volle sapere – mi puoi dire come facevi a sapere che stava cercando un lavoro ? . Aisha decise di essere sincera – in verità ti ho vista per le strade chiedendo molti lavori ma tutti dicevano no visto che sei un mutante , giusto tesoro . Cassandra decise di accettare un lavoro visto che quello era il posto giusto per lei visto che aveva due cose che rendevano quel posto di lavoro perfetto cioè l’ amicizia visto che aveva una nuova amica e la seconda che la proprietaria era una mutante e quindi nessuno le poteva dire niente . Quando Cassandra era stata rapita era notte e stava chiudendo il negozio visto che Aisha si era molto fidata di Cassandra ed era come una figlia per lei . Willard vide che Cassandra era una ragazzina sola e quindi una persona che non poteva mancare a nessuno e decise di rapirla . Willard scese dalla macchina e le disse – ti posso accompagnare da una parte , ma Cassandra non accetto il passaggio e stava per andare a piedi ma Willard la prese per i capelli e la porto dentro la macchina e le mise un ago nel collo e dormi subito . Quando Aisha andò ad aprire il negozio vide che per terra c’ erano tutte le sue cose il telefonino , le chiavi del negozio e il bracciale che aveva fatto e che significava la loro amicizia . Aisha decise di chiamare The District per vedere se potevano trovarla ma visto che non aveva nessuna traccia non potevano fare niente e poi pensavano che era scappata e quindi se ne era andata nel mondo . 

Categorie
Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Dr Alyssa Saintcall Roberto Auditore Valentina Nora

Chiedo a Valentina Nora di allenarmi nel leggere la mente

Visto che mancava poco tempo nel funerale di Serena Rafferty e cosi decisi di andare da una persona che mi poteva aiutare a controllare il mio potere di leggere la mente . La lettura del pensiero era bello ma non mi stava piacendo poi cosi tanto visto che il mio potere di leggere il pensiero non lo controllava e se non lo controllava la cosa mi poteva andare molto male . Per controllare decisi di andare da una persona che sapeva farlo alla grande cioè Valentina Nora che era in gamba e quindi lei mi poteva aiutare a leggere la mente delle persone . Valentina Nora era in biblioteca a studiare , una persona sapeva che io non la riuscivo a trovare e una persona di cui non mi volle dire il nome per il momento ma sapevo chi era cioè un certo Roberto Auditore e sapeva che io ero nei guai e sapeva che io ero il Dominatore di Poteri visto che aveva letto i miei pensieri come se fosse niente e aveva visto la mia memoria e cosi capì che io provenivo da Maraxus e visto che io ero il bene e cosi lui decise di aiutarmi . Roberto mi disse in modo telepatico in modo molto forte e ben preciso – Valentina Nora si trova in biblioteca . Io anche se la testa mi stava scoppiando e cosi andai in biblioteca e trovai Valentina Nora che stava leggendo un libro di incantesimi ed era seduta in modo molto comodo . Valentina Nora mi vide con le mani in testa e avevo le mani tra i capelli visto che la testa mi stava scoppiando per colpa di tutti i pensieri delle persone che non solo erano li ma anche dell’ intera scuola . Valentina poso il libro di incantesimi e venne verso di me e capì subito cosa mi era successo visto che quando il suo potere si era rivelato gli era successa la stessa cosa che adesso era successa a me quel giorno . Valentina mi fece sedere su una sedia e poi mi disse – Daniel pensa con il cuore e controlla i tuoi poteri , decisi di fare come disse Valentina e con calma riusci a controllare il potere di leggere il pensiero . Con calma la mia testa inizio a sentirsi più leggera e con calma riuscivo a leggere i pensieri delle persone ma con calma li riuscivo a gestire e senza che la mia testa scoppiasse . Valentina si mise seduta dove era prima e controllava sempre me per vedere se stavo bene oppure no . Alla fine tocco a me , anche se stava studiano glielo dovevo chiedere visto che mia sorella stava facendo altro e pure Sarah Saintcall e quindi solo Valentina Nora mi poteva aiutare a controllare il potere di leggere la mente . Guardai Valentina Nora e lei inizio a guardare me negli occhi e capì subito cosa volevo chiederle come se fosse nell’ esercito mi disse con un tono non troppo forte – Daniel se mi vuoi chiedere di allenarti nel controllo del lettera del pensiero , chiedimelo e basta . Alla fine decisi di fare come aveva detto Valentina che aveva posato il libro sul tavolo , si era messa il mono-spalla che poteva portare un sacco di cose e visto che era allenata le poteva portare senza fare lamenti o dire “ è troppo pensate “ visto che quando era nella sua squadra lei portava il doppio del peso che è adesso nel suo mono-spalla . Mi alleni nel leggere la mente – dissi a Valentina in modo diretto e senza fare troppi giri di parole . Speravo che mi avrebbe detto di se oppure la mia testa in un giorno o due sarebbe scoppiata in mille pezzi . Io vidi che Valentina se ne stava andando e poi si giro verso di me e mi dissi – certo , adesso vieni oppure non ti alleno . Alla fine per il nostro allenamento ce ne andammo in palestra visto che per il momento li non c’ era nessuno e poi era il posto migliore per fare tutti gli allenamenti possibili e quello era il luogo giusto per allenarsi nel controllo mentale . 

Categorie
Beatrice Beatrix Daniel Saintcall Demoni Dominatore di Poteri Dominatrice di Poteri Dottore Dr Alyssa Saintcall Fantasmi Tecnologie Telefonini Torturatori

Alyssa incontra Beatrice Ferrante

Mia sorella Alyssa era sempre in movimento e un giorno era andata al negozio di animali per curare qualche animali e quel giorno Beatrice e mia sorella Alyssa si incontrarono . Beatrice aveva visto che Beatrix era un po strana e non mangiava molto e cosi prese la sua bicicletta e la porto al negozio di animali . Alyssa andò li con la sua moto e arrivo li a curare gli animali ,entro e saluto Amelia baciandola sulle guance e disse – Buon Giorno Amelia e lei disse – Buon Giorno Alyssa . Alyssa aveva visitato molti animali e alla fine tocco a Beatrice e porto Beatrix con lei . Beatrice era molto preoccupata per Beatrix e si avvicino a mia sorella Alyssa con calma e disse – come sta Beatrix ? e mia sorella Alyssa mise Beatrice sul tavolo dove c’ era Beatrix e disse – sta bene , però aveva mangiato troppo e per questo non mangiava più . Beatrice vide il tesserino di mia sorella e vide che c’ era scritto Dr Alyssa Saintcall e poi lei penso lo stesso cognome di Daniel , non saranno fratello e sorella . Alyssa aveva letto il pensiero di Beatrice e disse – si Daniel è mio fratello , piacere di conoscerti Beatrice .

Beatrice la guardo e disse – Daniel non mi ha detto che aveva una sorella . So soltanto che io sono un  fantasma e lui mi ha salvato dai Torturatori . Alyssa si mise accanto a lei , le bacio la fronte e disse – Se hai bisogno di auto , puoi chiamare me oppure mio fratello Daniel . Prese il suo Samsung Galaxy S4 e le scrisse il suo numero telefonico su un foglio e prima di farla andare via le disse – se hai bisogno di aiuto per la tua gatta o sei sola a casa e hai paura di stare da sola mi puoi chiamare e poi Beatrice prendendo Beatrix e mettendola nel cestino che Angela le aveva messo sulla bici e torno a casa e Angels le dissi una volta tornata a casa – come è andata la visita medica della tua gatta . Beatrice andò in cucina e disse a sua madre Angela – è andata molto bene e li ho incontrata la sorella di Daniel , Alyssa Saintcall e lei mi ha dato un foglietto di carta e li c’ e scritto il  suo numero di telefonino e Angela disse a sua figlia Beatrice – vedi , sei andata li e per caso hai incontrata la sorella di Daniel . Cosi se sei in pericolo o se io non ci sono tu puoi chiamare lei e farti aiutare da lei . Beatrice inizio a bere un po del latte che sua madre Angela si era versata nel bicchiere e poi per gentilezza e vedeva che sua figlia aveva bisogno di bere , glielo verso a lei .

Categorie
Angela Neri Inferno Kira King

Kira King capisce che deve giocare sporco

Io e Kira ci eravamo allenati per un sacco di tempo , con la spada e anche in molti campi sopratutto quello di giocare sporco . Kira non voleva giocare sporco e quando le mi disse- no , io le dissi – ascoltami lo so che che non vuoi giocare sporco ma che ti pensi e che quando affronterai Angela Neri sarai tu e lei li nel Colosseo e Kira in modo spontaneo – si . Io allora le dissi – sai ultimamente ho avuto diverse visioni e ho visto diverse cosa e sai cosa ho visto . Ho visto la tua resa a lei e lei ti strappava il cuore ancora pulsate e se lo mangiava davanti a tutti quanti . Kira stava dicendo – non posso perdere , non nemmeno cominciato lo scontro e tu mi dici che perderò . Io misi la mia mano sulla sua spalla e lei dissi – non sto dicendo che perdi ma sto dicendo che questo potrebbe avvenire se da oggi non decidi di giocare sporco come fa Angela Neri e gli altri demoni . In quel momento dall’ altra parte Angela Neri decise di mandare tre demoni per mettere fuori combattimento Kira , spezzate le sue gambe . Non deve vincere l’ incontro per nessun motivo logico . Io ero vicino alla parete e vicino c’ era una finestra e da li vidi tre demoni armati fino ai denti ed erano pronti ad entrare in casa e a mettere fuori gioco Kira . Io presi Kira e le misi la mano davanti alla bocca e lei poi mi chiese  – che succede ? .

Ti ricordi del fatto di non giocare pulito , Angela Neri ha pagato tre demoni che sono molto ben armati a spezzarti le gambe – dissi a lei serio .  Ero entrato nei loro pensieri e avevo capito che volevano fare e visto che erano demoni avevano deciso di fare di testa loro e non avevano deciso solo di spezzare le gambe a Kira ma anche di ucciderla e uccidere me . Io tolsi la mano dalla bocca di Kira e io dissi a lei – tu rimani nascosta qui , io invece adesso li prendo alla sprovvista e li sconfiggo . Kira voleva venire pure lei ma io le dissi – tu non sei pronta e loro faranno di tutto per ucciderti , quindi rimani qui e cerca di fare il minor rumore possibile o ti sentono e tu sei morta . Io mi teletrasporti dietro di lei e iniziai a duellare con loro , KIra vide dalla finestra che io tenevo testa a tre demoni in contemporanea e poi decisi di fare sul serio , distrussi le loro spada con un colpo della mia e poi li uccisi e poi un bel lancio le loro testa arrivano ai piedi di Angela e per colpa mia le sue scarpe erano piene di sangue. Io entrai in casa e Kira disse – quindi secondo te durante lo scontro combatto contro con Angela Neri lei farà di tutto per impedirmi di vincere lo scontro e io fui sincero , dovevo e dissi a lei – si purtroppo e adesso non ti puoi più ritirare . Sentivo che il cuore di Kira stava scoppiando e stava scorrendo in una maniera incredibile e io la rassicurai – Se ti alleni tutti i giorni e giochi sporco ce la puoi fare a sconfiggerla. Kira alla fine credette in me e disse – Ok .

Categorie
Allenamento Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Pandora Parlare con Pandora

Casa Mia 18:10 24 ottobre 2013

La sera tardi mi allenavo , rimanevo alzato anche fino a tardi tutte le sere non solo di questo mese ma anche di tutti gli altri mesi .Non dormivo perché appena lo facevo dentro la mia mente riaffiorava i ricordi della Guerra fatta su Maraxus , il mio pianeta oramai è distrutto e perduto per sempre nemmeno io con i miei poteri posso fare qualcosa per recuperarlo . Visto che restavo alzato mi allenavo non solo con i miei poteri ma anche con il corpo a corpo grazie alla mia I.A nota come P.R.O.F.E.T il mio nemico non colpiva in modo normale e sempre negli stessi punti ma anche in punti che io non potevo prevedere . Dovevo allenarmi in ogni punto , il mio nemico non mostrerà pietà , non dirà non uccidiamolo apparte in rare occasioni in cui il loto capo non mi vuole vedere per parlare con me . Il mio allenamento iniziava prima da solo con 29 flessioni e lo stesso numero per gli addominali , poi iniziava il mio vero allenamento con il mio ologramma , il nemico ero io stesso . Quando nel 2005 ero in Cina per cercare di sconfiggere l’ oscurità che risedeva dentro di me un monaco mi ha detto “ L’ oscurità che ti porti dentro non puoi né distruggerla né sconfiggerla , devi fare solo una e una cosa soltanto cioè accelerata per quello che è , cioè una parte di te , distruggerla è come distruggere una parte fondamentale di te stesso .” Da li capì che il modo per allenarmi era confrontarmi con me stesso medesimo e grazie a P.R.O.F.E.T lo potevo fare . Con il mio ologramma mi allevano moltissimo e quello mi è servito a capire moltissime cose , una tra le quali è che dovevo cambiare il mio modo di combattere perché il mio nemico aveva un modo di combattere diverso dal mio e io dovevo capire in che modo cambiare il mio modo di combattere in quelle determinata circostanza , quando il nemico è davanti a te con gli occhi puntati contro di te . Tu non sai cosa farà , io però lo dovevo capire per sconfiggerlo li e per questo che io mi alleno tutte le notti . Una volta Pandora a provato a capire cosa è successo quel giorno su Maraxus entrano nella mia mente mentre io mi allenavo , ma io ero molto più in gamba nella lettura del pensiero e con il pensiero le disse “ invece di leggere il mio pensiero , vai a dormire che domani mattina io e te ci alleniamo ma non ci andrò leggero con te . I tuoi nemico non lo faranno e nemmeno io farò lo stesso . Quindi vai a dormire Pandora .” Questo successe il 21 ottobre del 2013 alle 21:39 di sera , me lo ricordo perché mentre leggevo il pensiero di Pandora stavo vedendo il mio orologio .