Categorie
Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Island of Lemurs: Madagascar – trailer e poster del documentario in 3D narrato da Morgan Freeman

Disponibile un primo trailer di Island of Lemurs: Madagascar, il nuovo documentario naturalistico in 3D del regista David Douglas.

Narrato dal veterano Morgan Freeman questo film trasporterà il pubblico attraverso le meraviglie dell’isola remota e unica del Madagascar che ad oggi ospita centinaia di diverse specie di lemuri. La naturalista Patricia Wright invita gli spettatori lungo la sua missione permanente per aiutare queste creature in via di estinzione a sopravvivere nel mondo moderno.

Il titolo di questo documentario e i suoi curiosi protagonisti forniscono diverse reminiscenze cinematografiche, dal nome dell’isola che è anche quello della celebre serie di film d’animazione della Dreamworks ai Lemuri apparsi in diverse pellicole tra cui ricordiamo Re Julien apparso proprio nel citato Madagascar e la colonia di Lemuri protagonisti del film Disney Dinosauri che accoglie un piccolo di iguanodonte.

Prima di lasciarvi al trailer vi segnaliamo che lo scorso 28 novembre nei cinema italiani è approdato il documentario African Safari 3D.

L’attore Premio Oscar Morgan Freeman (”Million Dollar Baby”) racconta il documentario su l’incredibile storia vera di grandi esploratori della natura, i Lemuri. Ripreso con l’ausilio di macchine da presa IMAX 3D, “Island of Lemurs: Madagascar” porta il pubblico in un viaggio spettacolare nel mondo remoto e meraviglioso del Madagascar. I Lemuri sono giunti sull’isola come naufraghi milioni di anni fa e si sono evoluti in centinaia di specie diverse, ma oggi la loro sopravvivenza è a rischio. Unisciti alla scienziata e pioniera Patricia Wright nella sua missione per la vita: aiutare queste creature strane e adorabili a sopravvivere nel mondo moderno.

 

Categorie
2013 Cinema Film Mondo Mondo del Cinema Notizie Notizie dal Mondo

Turbo: featurette in italiano, clip e locandine per il nuovo cartoon Dreamworks

Dreamworks Animation ha reso disponibili due featurette e una clip sottotitolate in italiano, per il cartoon diretto e co-sceneggiato dall’animatore e doppiatore canadese David Soren, che esordisce su grande schermo dopo aver diretto i cortometraggi Madly Madagascar e Buon Natale, Madagascar!.

Nella prima featurette “Pimp my shell” scopriamo come è stato creato il look delle lumache protagoniste del film e in particolare dei loro sgargianti gusci, nella seconda l’attore Ryan Reynolds, che doppia il protagonista, parla del film e infine nella clip scopriamo i personaggi “umani” che vedremo su schermo.

Prima di lasciarvi alle clip a seguire trovate una dichiarazione del regista sul film, mentre se volete approfondire sono disponibili la colonna sonora e una nostra recensione in anteprima.

TURBO, come spiega il regista e co-sceneggiatore David Soren, è un mix di generi cinematografici, perché abbina il supereroe alle corse automobilistiche, ma, “fondamentalmente, TURBO è la storia di un perdente che ce la fa. Turbo ha tutte le caratteristiche del personaggio destinato ad avere la peggio. Dalle lumache, la cui vita è irta di ostacoli, non ci si aspetta nient’altro che una lentezza estrema. Ma, andando un po’ più a fondo, una lumaca è perfetta per essere il cuore di una storia su un personaggio con poche chance nella vita”. E che dire invece di una comune lumaca da giardino che si trasforma in un potente invertebrato capace di viaggiare a tutta velocità? “Il sogno di Turbo di diventare qualcosa che è agli antipodi della sua natura non può che generare frustrazione, sorpresa e felicità quando il sogno diventa realtà”, afferma Soren.

 

Categorie
2013 Foto Foto del Giono Mondo

Foto del Giorno : L’uovo più grande del mondo

L’uovo che tutti gli amanti dei dinosauri vorrebbero ricevere per Pasqua è stato battuto all’asta daChristie’s lo scorso mese di aprile. Si tratta di un rarissimo uovo fossile di uccello elefante (Aepyornis) del Madagascar.
Alto 30 cm e con un diametro di 21, rappresenta l’uovo in assoluto più grande del mondo, ben 100 volte più grande di quello di gallina. A deporlo è stato un esemplare di uccello elefante, un parente dello struzzo alto oltre 3 metri e del peso di 400 chili che viveva nell’isola africana tra il XIV e XVI secolo, quando la specie si è estinta per mano dell’uomo. Per ovvie ragioni, non era in grado di volare.
Anche se in realtà i fossili di queste uova gigantesche sono abbastana comuni nel Madagascar meridionale, integri come questo sono una vera rarità tanto che il reperto è stato battuto all’asta per la stratosferica cifra di 101.813 dollari.