Categorie
Alina Conte Daniel Saintcall Dominatore di Poteri Serena Ricci

Alina Conte

Skater_girl_by_tatareen

Alina Conte non ci aveva detto tutta la verità . Ci aveva detto una grande bugia e io non sapevo il motivo e nemmeno Serena Ricci . Forse per dirmi la verità voleva sapere se si poteva fidare di me oppure no e forse voleva vedere che diceva Serena Ricci oppure no  . Alina stava dormendo profondamente e si sveglio direttamente  verso le sei del mattino . Alina si alzo dal letto che era comodissimo come non mai , le lenzuola erano belle e carine . Una volta alzata vide che li c’ era uno specchio e sopra c’ era un velo . Lo tolse e si vide allo specchio . Prima di alzarsi la maglietta e vedere il piercing all’ ombelico vide se non c’ era nessuno nei paraggi . Alina si alzo la maglietta fino all’ ombelico e vide il suo piercing all’ ombelico . Alina non lo disse a nessuno e nemmeno a noi . Alina si fece una bella lavata e cosi potè scendere a fare colazione però doveva capire dove era la cucina e le altre parti della casa visto che era un negozio e una casa al tempo stesso .

 

Categorie
Ada Knight Aqua Daniel Saintcall Digimon Digiworld Dominatore di Poteri Foto Kratos Pandora

Digimon Story: Cyber Sleuth

Il protagonista di questo universo e che cerca di chiudere questo soprannominato tra il Digiworld e quello umano e un hacker .  Lo avevo visto con gli altri mentre andava vicino a una cabina telefonica del futuro . Che non era una solita cabina telefonica visto che era li vicino e poi se ne ero andato da un altra parte . Lo avevo visto all’ospedale e anche da altre parti . Prima che lui se ne andasse all’ ospedale da dietro gli feci una foto bella chiara e che si vedeva bene . Certo non si vedeva il volto ma adesso avevamo un modo per riconoscerlo . Aqua vide la foto – ma la sua faccia non si vede . Lo sapevo perchè non potevo dirgli mi fai vedere il tuo volto – lo so che non si vede il volto . Ma visto che lui ha solo questa maglietta e in tutto questo viaggio usa solo quella abbiamo una cosa per capire se è lui oppure no . La foto passo da Aqua a Kratos e poi a Pandora e cosi tutti potevano vedere come era e se andavamo in giro in questo mondo lo potevamo riconoscere .

 

 

 

 

Categorie
Alex Chendler Armi Foto Katrine Chandler Storm City

Colt 45 di Alex Chandler

Quando Alex ha saputo per primo da suo padre la verità lui di nascosto ha decise di prendere il porto d’ armi e di prendere non una grossa arma o un ‘ arma lunga ma un ‘ arma che poteva portare dietro una maglietta oppure dietro una giaccia . Alex non sapeva quando l’ invasione di Zombie dentro la città di Storm City sarebbe avvenuta ma lo sapeva e per questo prese una Colt 45 e la nascose molto bene per non farla vedere nè ai suoi fratelli e alle sue sorelle visto che solo quando avrebbero scoperto la sua pistola gli avrebbero potuto chiedere per cosa era e sopratutto se stava nascondendo qualcosa di grosso oppure no .

colt 45 1911-01

Categorie
Alice Alice Miller Karma Katrine Chandler

Kora dice ad Alice del simbolo vicino all’ ombelico

 

Durante la notte sull’ ombelico di Alice si stava mettendo il simbolo del Karma . Il Karma per metterlo sull’ ombelico di Alice aveva aspettato che lei dormiva e cosi lo poteva farlo senza farle sentire nessun dolore . Il Karma sapeva che se lo faceva quando era sveglia poteva sentire dolore e nemmeno il potere del fuoco e del fumo gli poteva impedire di soffrire sotto quel simbolo .Il Simbolo non solo ti faceva capire il tuo viaggio verso il bene o verso il male ma ti faceva capire che dentro di te c’ e molto di più . Il Simbolo del Karma poteva essere usato per entrare dentro una dimensione alternativa dove li potevi vedere le scelte che hai fatto . Li dentro puoi vedere tutto e li puoi capire quanto di manca per essere un vero eroe . Alice non sapeva del simbolo visto che si era alzata dal letto e si era andata a fare una buona doccia calda ma non aveva visto per niente il simbolo che era vicino al suo ombelico . Kora si era svegliata ed era andata a fare colazione con delle frittelle che aveva fatto lei e Alice si mise qualcosa addosso e poi andò a fare colazione con Kora . Kora non era il suo vero nome visto che stava aspettando che un incantesimo che aveva fatto si dissolveva e cosi poteva assumere il suo vero aspetto . Kora non era una normale ragazza ma un ammazza zombie fino a quando domani non svaniva l’ incantesimo non sembrava per niente una vera ammazza zombie . Kora vedeva Alice entrare mentre si metteva la maglietta addosso e li vide il simbolo . Kora andò verso Alice e lei non capiva cosa voleva e cosi Kora alzo la maglietta di Alice e le fece vedere il simbolo che aveva vicino al suo ombelico . Alice vide che Kora aveva un ottimo occhio in certe cose e cosi chiese – Kora tu cosa fare oltre a fare la mercante . Kora decise di dire la verità tanto oggi o domani lo doveva sapere – allora io non mi chiamo Kora ma mi chiama Katrine Chandler . Questo che vedi non e il mio vero aspetto , il punto che ho sbagliato una formula e domani otterrò di nuovo il mio vero aspetto . Alice la guardo negli occhi e capì’ che stava dicendo la verità e poi disse tra se e se come se avesse già sentito parlare di questo nome e poi disse – Quindi sei tu Katrine Chandler l’ Ammazza Zombie . Katrine dopo aver dato un primo morso alle frittelle che erano buonissime – si sono io e se vuoi ti posso dire che cosa significa questa simbolo . Alice lo voleva sapere e si mise a tavola e mentre mangiava visto che non aveva ancora mangiato niente e quelle frittelle dicevano solo di essere mangiate – Quello è il simbolo del Karma . Il Karma ha visto che hai fatto un sacco di cose buone e adesso ha deciso di metterti il suo stemma vicino all’ ombelico per farti diventare una grande eroina . Alice decise di chiedere a Katrine come sapeva del simbolo e mentre beveva molto acqua – adesso non posso ma domani appena ottengo il mio vero aspetto ti faccio vedere il mio simbolo karmiko . Alice aveva sentito parlare di Katrine l’ Ammazza Zombie e non l’ aveva mai incontrata ma se lo avesse fatto prima non si sarebbe messa di mezzo visto che uccideva non morti e quindi era una cosa normale per lei salvare le persone da non morti .

 

Categorie
Alice Alice Miller Ghost Fire John il Fabbro Kora The Watcher

Alice Milton si crea il suo bastone

Alice sa fare un sacco di cose e tra le quali e crearsi un arma e per questo ha scelto un bastone . Prima di fare la poliziotta per The District ha lavorato in diverse parti tra le quali dal fabbro ed era la migliore lavoratrice li dentro . Gli altri volevano fare di testa loro in quel campo ma non per Alice e per questo dal fabbro John . John era un uomo sulla trentina , occhi neri davvero molto belli , capelli rasati a zero e poi era molto muscoloso . Lo era per maneggiare il martello che aveva la base fatta del metallo più pesante dell’ Universing e per questo ci voleva molta forza fisica . Alice fece di tutto li dentro e lavorava senza maglietta e stava con il reggiseno solo . Dentro la fucina faceva molto caldo tipo da stare dentro un vulcano attivo e mentre gli altri morivano nello stare li dentro , Alice resisteva tutto il tempo e pure quando doveva fare qualunque cosa . Tutti quanti vedevano che Alice non era come gli altri e un giorno capirono il suo segreto visto che dentro la fucina si fece male ma la sua ferita guarì presto grazie al fumo che usciva dal fuoco li dentro . Alice li guardo e si mise le mani vicino ai fianchi – non è per questo che non soffro il caldo ma perché io mi sono allenato giorno dopo giorno . In che modo mi sono allenata senza dire niente a nessuna sono entrata dentro la montagna del fuoco e ho fatto un sacco di flessioni li dentro . Tutti vedevano i suoi occhi e c’ era il fuoco ma era caldo e infuocato come quello della montagna di fuoco . Il fuoco che era dentro i suoi occhi era stato preso dalla montagna e tutti non ci credevano . Alice allora fece vedere una cosa a tutti quanti , si giro e fece vedere dietro le sue spalle un tatuaggio ma non era come gli altri questo era vivo come se si muoveva . Il tatuaggio significava una cosa sola e sarebbe a dire il fuoco che scorreva dentro alla montagna adesso era dentro al suo cuore . Alice si ricordava quel giorno per molto tempo e anche tutto oggi se lo ricorda visto che fu li che imparo come creare un bastone di ferro . Alice che era dentro il suo rifugio e con l’ aiuto di Kora e di The Watcher tutto fu portato sopra e poi Alice davanti a loro si tolse la maglietta che indossava . Kora non capiva quel gesto e cosi andò verso Alice con il suo reggiseno addosso – perché ti sei tolta la maglietta ? . Alice decise di rispondere alla domanda prima di prendere il martello – tra poco farò diventare questa stanza molto calda visto che qui ci devo creare un martello di ferro molto robusto e per questo che mi sono tolta la maglietta . Alice dopo che Kora e The Watcher se ne erano andate dalla stanza fece diventare la stanza molto calda e poi prese i pezzi di ferro uno alla volta e li lavoro . Alice fece come diceva il suo vecchio capo John e sarebbe a dire lavoro per un po’ e poi mettilo nell’acqua per far raffreddare un po’ se no si rompe e non ci puoi fare più niente . Kora tocco la porta per entrare dentro la porta dove stava lavorando il suo martello ma era molto calda ma come il sole che arde . Kora nella mano dove si era bruciata aveva il guanto nero e The Watcher decise di aiutarla usando il suo tocco curativo . Alice senti le grida di Kora e si fermo un attimo e poi andò a vedere cosa stava succedendo . Quando apri la porta vide Kora con la mano un po’ piena di bruciature e vicino a lei c’ era The Watcher che la guariva . Alice vide che Kora stava bene e poi si riposo un attimo e fece riposare Kora in uno dei letti che aveva fatto The Watcher . Alice si mise vicino al letto di Kora e mentre le metteva la sua mano sulla fronte in modo molto gentile e la fece dormire e poi si mise a fare il suo bastone . Alice per fare il bastone ci mise tutta la notte e quando lo fini era mattina presto verso le 6 e poi quando lo stava per provare crollo al suolo . Kora vide Alice a terra e si fece aiutare da The Watcher a metterla a letto e poi mentre era li nel letto The Watcher gli disse – non mi ascolti mai . Fai sempre a modo tuo , adesso dormi per favore . 

Categorie
Adalind Murales Toy Writer Zara

Trane aiuta Adalind a diventare una writer

Adalind dopo che era stata aiutata da Trane per andare nel suo negozio e per togliersi il sangue che aveva sulla faccia per colpa di Zara visto che le aveva spalmato il faccia il suo skateboard che era davvero molto bello e grazie a quello era una grande . Adalind mentre si faceva la doccia vedeva tutto il sangue cadere nella doccia e farla per lei era stata una liberazione e quindi un modo per liberarsi da quel senso di rabbia che aveva dentro . Adalind dopo essersi messa qualcosa di nuovo visto che quello che aveva addosso era da buttare visto che era tutto strappato e non era proprio l’ abbigliamento giusto per ricontare Trane che era dentro il suo negozio e per tutti lui era una leggenda . Trane era andata nella strada per prendere un quaderno ma non era per lui ma era per Adalind visto che lei le serviva come book nel senso che le serviva per programmare i suoi murales e per tutti i Writer era come una bibbia visto che quello era utile per capire tutto di te e parlava della tua storia . Una volta tornato Trane vide Adalind con degli occhiali molto belli e possiamo dire che erano molto buffi e si stava per mettere a ridere . Trane vedeva che lei stava riparando il suo skater che era spaccato in due ed era molto difficile visto che era molto brutta e decise di farlo daccapo nel senso che prese una nuova tavola e fece lo stesso disegno e lo mise sulla nuova tavola . Trane dalla sua borsa a tracolla prese il book per lei e lo mise sul tavolo di vetro di Adalind e lei non capiva cosa doveva fare – cosa ci devo fare con questo ? . Trane venne vicino a lei e inizio a spiegare con calma cosa ci doveva fare e disse – Ora ti spiego tu adesso sei considerato un toy una persona che non vale niente e se adesso tu vuoi riprenderti il rispetto che hai perso devi batterti con Zara ma prima di fare tutto questo devi diventare una writer e diventare una persona molto importante . Adalind non sapeva cosa fare visto che davanti a tutti aveva fatta una brutta prima impressione in quel mondo e Trane lo vide dal suo sguardo oppure no e per convincerla fece una cosa cioè si tolse il maglione per copriva quello che le aveva fatto Gabe . Adalind vide che c’ era scritto Toy sulla maglietta grigia e poi c’ era una croce dall’ altra parte e le disse – la prima volta che ho provato ad entrare in questo mondo ho una grande pazzia ma era stata una cosa bellissima e se fossi di nuovo li lo farei di nuovo perché era una cosa bellissima e che mi stava dando una grandissima scossa di adrenalina nel cuore . Sentivo il mio cuore pompare un sacco ed era bellissima quella sensazione e poi alla fine io mi sono fatto una reputazione e adesso io in quel mondo su una leggenda . Avanti apri il book e vedrai che sono stato io il primo a firmare il tuo book visto che adesso io ti farò entrare dentro questo e ti darò tutte le dritte per vivere dentro questo grande mondo che è molto duro e molto pericoloso . Adalind apre il suo book e vide Trane scritto in un modo molto bello e il murales li sopra era magnifico e quindi proprio per questo era considerato una vera leggenda in questo mondo . Trane si giro verso Adalind e le disse – avanti muoviamoci , dobbiamo tornare al Pool Yard . Adalind aveva paura ma poi inizio ad averne poca visto che Trane andava con lui e con calma vedeva ovunque murales e Trane le disse quello che gli disse la prima volta che incontro Futura 3000 – Vedi questi murales che sono sulle pareti sono murales di persone famose che hanno lasciato un segno sulle strade e le devi fotografare per migliorare il tuo stile , vedere come fanno e cosi essere una leggenda . Passarono dalle fogne e andarono nel Pool Yard ed era arrivato il momento di fare il primo murales per lei e prima doveva scegliere un nome visto che tutto inizia da li . Il Pool Yard era l’ inizio di tutti i Writer visto che era il punto principale del loro viaggio e quando Tina fece il suo primo Murales fu l’ inizio del suo nuovo viaggio in quel nuovo mondo che si pareva davanti a lei . 

Categorie
Alice Miller Angela Marini Azzurra Alfieri Luce Miller

Azzurra Alfieri cerca di calmare Alice e Luce Miller

Da quando Angela aveva rasato a zero le loro teste il loro comportamento era cambiato visto che appena sentivano una porta aprirsi avevano paura che fosse un ‘ altra volta Angela a farle qualcosa di peggio . Azzurra le aveva portate sul suo letto che era come quello degli altri cioè sporco e davvero molto scomoda ma era meglio di niente . Una volta sul letto Azzurra si inizio a comportare come una madre affettuosa e prese un fazzoletto che aveva nella tasca destra dei suoi pantaloni e inizio a togliere le lacrime delle ragazze dal volto . Il volto era quello di sempre ma appena sentivano una porta cambiava in pochi minuti da essere felice a essere tristi e piene di paura visto che quello che le aveva fatto quella pazza sadica era stato molto brutto . Azzurra abbraccio Alice e Luce e le poteva solo accarezzare solo la testa visto che dei loro capelli non c’ era traccia visto che erano in una stanza a terra e solo il tempo li avrebbe fatti ricrescere . Per farle calmare ci voleva ben altro di una giornata , c’ era bisogno di più tempo visto che erano ancora molto scosse e quando sentivano una porta aprirsi andavano sotto i loro letti per non farsi prendere da nessuno visto che aveva paura che questa volta le ferite potevano essere sul loro dolce volto oppure sul loro corpo . Azzurra era l’ unica persona che poteva farle calmare visto che anche quando era a scuola e stava succedendo qualcosa di male per loro Azzurra le prendeva sotto le sue dolci attenzione e le proteggeva . Alice e Luce avevano davvero molto paura visto che Angela con loro era stata davvero molto malvagia e crudele visto che lo aveva fatto per vendetta e quella volta non le poteva difendere nessuno neanche Azzurra che aveva provato a fare qualcosa ma quella volta era troppo tardi visto che le prove erano li e anche il colpevole . Angela dopo aver rasato a zero la testa delle gemelle Alice e Luce Miller andò da Azzurra e la prese da dietro per i capelli e li teneva molto stretti con la sua mano destra – non le potrai proteggere per sempre queste ragazzine . Puoi fare quello che vuoi ma prima o poi loro soccomberanno per mano mia e prima di farle morire tu dovrai sentirle gridare il tuo nome e tu le vedrai morire una dopo l’ altra e tu vivrai ma con un grande peso nel cuore cioè che tu le potevi salvare ma eri legata da una parte e quindi sono morte per colpa della tua paura anche se non è vero però io gli dirò cosi prima di morire e tu non potrai fare niente . Angela vide che Azzurra aveva uno straccio in mano e stava pulendo nelle varie parti e per far diventare il suo lavoro più levante sputo su una maglietta nera e dopo averla lasciata andare – vedi su quella maglietta c’ e una macchia prendila e lavala prima che io mi tolga la cintura dei pantaloni e ti do una frustata di fuoco e i se i tuoi capelli per la piccola prese che ti ho fatto male figuriamoci la schiena dopo la frustata di fuoco . Azzurra prese la maglietta nera dove sulla quale aveva sputato Angela e poi per rendere ancora il lavoro più pesante e schifoso fermo Azzurra prese la maglietta e vide che non era ancora molto sporca e visto che aveva nell’ altra mano il suo caffè e lo verso sulla maglietta nera e poi disse – adesso muoviti oppure farò quello che ti ho detto prima e per farti passare il dolore dovrai andare molte volte dalla guaritrice . Azzurra mise la maglietta nella lavatrice e poi decise di tornare dalle gemelle Miller per curare il loro stato mentale e proprio in quel momento il suo potere si risveglio ed era quello di distruggere le loro paure . Azzurra distrusse la loro paura che era grande visto che le loro paure aveva l’ aspetto di Angela e dopo aver fatto vedere come affrontarlo loro non avevano più nessuna paura di quella persona . Quando lo faceva tutto attorno al suo corpo c’ era una luce blu molto illuminante e non solo il suo corpo ma anche quello di Alice e Luce Miller . Dopo aver finito Alice e Luce smisero di piangere e adesso erano più forte e quindi adesso potevano affrontare tutto e per questo era una cosa molto bella . Alice e Luce ringraziarono Azzurra che aveva tolto la sua paura dal loro cuore che aveva un peso dentro e non sapevano come toglierselo visto che era dentro di lei e puntava sulla sua paura e questo le faceva mettere a piangere in ogni occasione . Azzurra anche se aveva tolto la paura dal cuore delle sue amiche e quello che voleva fare era uccidere Angela con il coltello di quella stronza che aveva tolto i capelli dalle teste di Angela . Quello che voleva fare era dargli un messaggio bello forte del tipo scrivere puttana sul armadietto di Angela ma non sapeva se farlo oppure no visto che se lo faceva questa volta non sarebbe stata punita solo Azzurra ma anche le altre ragazze ma in modo molto brutto . Angela decise di non farlo per non far punire le altre ragazze e quindi fare una cavolata del genere non era un buon momento visto che se faceva questa cosa le ragazze si sarebbero arrabbiate con Azzurra e quindi invece di essere unite sarebbero state unite e quindi non tutto sarebbe stato bello . 

Categorie
Alice Miller Angela Marini Azzurra Alfieri Luce Miller

Angela Marini rade a zero la Alice e Luce Miller

Un giorno quando Alice era al lavoro ed era spariti dei soldi ma un enorme cifra tipo 2900 euro tutti quanti volevano sapere chi era stato . Era stata Angela a rubarli ma non lo avrebbe mai ammesso visto che lei avrebbe ricadere la colpa su una delle ragazzina e sapeva già su quale farla cadere cioè su Alice . Angela non era riuscita a dare la punizione adeguata ad Alice e secondo lei era arrivato il momento di porre rimedio . Angela rubo quei soldi e poi andò a sbattere contro la piccola Alice e con un gesto rapido della mano ci aveva messo dei soldi nella tasca . Amelia prima di chiudere il negozio volle vedere se c’ era tutto il denaro e vide che ci mancavano 2900 skulls . Amelia chiuse la saracinesca con un pulsate e poi con passo lento si mise davanti alla saracinesca e disse con un tono davvero molto feroce – nessuno esce di più fino a quando non escono i soldi . Angela andò vicino ad Amelia e le disse vicino al suo orecchio sinistro – ho visto Alice prendere quei soldi e metterseli dentro la tasca . Amelia si fece spazio tra la folla e prese la piccola Alice per i bellissimi capelli che era sotto forma di coda . Amelia con la mano sinistra la teneva molto stretta per i suoi capelli neri e poi con la mano destra inizio a tirare fuori dalle tasche dei suoi pantaloni tutto quello che aveva e poi uscirono fuori i soldi . Amelia lascio i capelli di Alice e poi la inizio a tenere per il braccio destro in modo molto forte e poi si il suo sguardo era puntato su Angela e il suo sguardo voleva dire una cosa sola cioè punire . Ma non era una punizione qualunque ma una punizione molto adeguata e molto dura per far capire a loro cosa significa rubare ma non era una frustata sul petto o altro . La punizione che aveva in mente Angela era tagliere i capelli della ragazzina non con un taglia-capelli e vedere tutti i capelli cadere a terra . Quello era fatta nell’ esercito ma quello che aveva in mente Angela era prendere il suo coltello e utilizzare quello per tagliare i capelli a quelle due ragazze . Questa volta Azzurra non poteva fare niente visto che era stato vedere a tutti quanti la prova cioè i soldi e per aumentare la tortura Angela prese dallo scantinato anche Luce . Luce era sul letto a riposare quando poi arrivo Angela che la trascino con il pieno e per trascinarla stava utilizzando tutta la sua rabbia . Tutte e due erano state portate in una stanza dove entrambe furono legate e imbavagliate e Angela con dei colpi molto ben fatti aveva rasato a zero la testa di quelle due ragazzine . Una volta finita la tortura che era iniziata e sembrare non finire più e una volta finita prima di lasciarle andare e fare vedere a tutti come esempio per chi ruba o chi cerca di scappare dalla punizione di Angela . Angela si avvicino a loro e mise il coltello vicino al loro bello collo e le disse mentre lo stava leccando perché quasi voleva il loro sangue su quel coltello e leccarlo e le disse – la prossima volta che cercate di scappare dalla vostra tortura . So che quella maglietta l’ hai distrutta tu e non Azzurra e per questo ti ho fatto questa tortura per farti capire che tu non dovevi scappare dalla mia tortura . Per il momento di ho solo tagliato i capelli a zero ma la prossima volta sul petto avrete tutte e due un segno di dolore fatto con il fuoco e tutte le mattine lo vedete e dite ho sbagliato a scappare da Angela se non scappavo forse poteva essere un po’ clemente con me . Una volta uscite dalla stanza nessuno le riconoscevano visto che sulla loro testa non c’ era più nessuno dei loro bellissimi capelli . Angela mise le braccia sulle spalle di Alice e Luce Miller e poi disse a tutti quanti gli altri ragazzi una volta che le aveva portate vicino a loro – se provate a scappare da una delle mie torture io vi faro molto male a loro ho solo tolto i capelli ma se fate qualcosa di brutto e qualcosa che non va bene io stesso con questo coltello che ho tra le mie mani vi farò un segno sul petto come sul loro petto se fanno qualcosa di male . Tutti capirono e poi Alice e Luce che stavano piangendo a dirotto andarono da Azzurra per farsi coccolare da lei e cosi far passare la loro paura . 

Categorie
Allenamento Angela Ferrante Beatrice Beatrice Ferrante Daniel Saintcall Dominatore di Poteri

Allenamento Beatrice Ferrante parte 1

Avevo deciso di andarci piano con allenamento visto che stavo allenando una ragazzina e non stavo allenando una persona che aveva già molto allenata ma doveva ancora esserlo e per questo motivo non solo per mia decisione ma anche per decisione di sua madre Angela Ferrante . Angela Ferrante anche negli altri giorni mi chiese di andarci piano con sua figlia Beatrice e cosi feci . Il primo giorno non facemmo niente di molto particolare ma addominali e molto flessioni . Facemmo delle serie di 10 , ma per Beatrice era pesante ma come dargli torto io ero stato allenato da molte persone e quindi io queste cose le potevo fare come se fosse stato niente ma Beatrice era una ragazzina quindi non poteva fare queste addominali e flessioni tipo 20 o trenta volte . Facevo riposare Beatrice ogni tanto e dopo cinque o dieci minuti che Beatrice si era riposata e dopo che si mise una tuta leggera che Angela Ferrante le aveva detto di comprare per lei . Dopo aver messo questa tuta che era modellata al suo corpo che era snello ma molto ben poco allenato io e lei con calma e senza troppa fretta riprendemmo il nostro allenamento . Beatrice con la sua tuta nera si sentiva più leggera e cosi poteva fare le addominali e le flessioni senza fare troppi sforzi e sopratutto sudava di meno . Angela Ferrante quando vide me e sua figlia Beatrice vide me e Angela nella stessa situazioni ma in condizioni completamente diverse . Angela vide che sua figlia ancora un po’ e cosi fermo il nostro allenamento una volta , prese delle forcine per capelli e un elastico e fece una capigliatura a cyghon per sua figlia Beatrice . Beatrice con questa capigliatura sudava ancora meno e poi le stava davvero molto bene ed era molto bella e carina . Tutto quello che le permetteva di sudare di meno e di fare meno fatica andava bene non solo per me ma anche per Beatrice . Beatrice si fermo e le facemmo bere molta acqua visto che aveva davvero molto lavoro e aveva fatto degli enormi passi in avanti , io andai da lei e con un tono calmo ma anche felice di vedere tutti i passi in avanti che aveva fatto Beatrice – Sei stata bravissima Beatrice . Il primo passo del nostro allenamento è finito , adesso noi più tardi o domani continuiamo il nostro allenamento ma nella giornata di oggi fa ancora qualche addominali o qualche flessioni ma solo dopo più tardi nel pomeriggio quando ti sei fatta una buona doccia calda e ti sei ripresa totalmente dal nostro allenamento . Beatrice era felice un po’ di aver finito e poi andò in bagno che era affianco a camera sua , si mise totalmente nuda , prima di buttarsi sotto la doccia mise tutte le sue cose sul suo letto e poi andò a farsi una bella doccia calda . Si mise una maglietta rossa , pantaloncini corti e delle scarpe e poi venne giù a salutarmi quando stavo per andarmene da li per iniziare a fare il mio lavoro . Beatrice mi abbraccio molte forte e mi disse con un tono calmo e molto gentile – grazie per l’ allenamento di oggi . Non vedo l’ ora che sia domani per fare qualcosa con te .

Salutai Beatrice con un abbraccio e le dissi mentre la vedevo con questa capigliatura fatta da sua madre Angela – con questa capigliatura sembri una vera signorina . Beatrice era felice di piacere con questa nuova capigliatura e molto emozionata e con un bel sorriso sul suo bel volto mi disse – grazie del complimento . 

Categorie
2011 Dr Alyssa Saintcall Mondo Pandora Parlare con Alyssa Parlare con Pandora Sorella supereroi Superpoteri Switched

Alyssa prova a modificare la tunica di Pandora

 

Alyssa era li in camera sua con la tunica di Pandora in mano , era nera , era sporca e puzzava moltissimo cosi lei decise di metterla in lavatrice per pulirla . Era davvero molto sporca , ma non solo questo era strappata in varie parti , c’ erano traccie di sangue in alcuni parti . Appena lei la tocco vide la storia della persona che la indossava , cioè vide il momento in cui era prigioniera di Zeus , quando fu liberata da Kratos e poi per aiutarlo era morta nel vaso o cosi si pensava . Il vaso era molto peggio di qualunque cosa esistesse , tutte le prigioni erano niente a confronto di quello che si trovava li . Quello che vide mia sorella Alyssa la lascio davvero senza parole , la dentro c’ era molte creature oscure che giorno dopo giorno picchiavano , legavano e spezzavano le gambe a Pandora . Pandora è sopravvissuta li dentro perché appena è entrata li dentro lei entrata in un zona oscura ma anche piena di luce , li la trasformarono in una Switched . Attorno a lei appari una sfera rossa con tutti i simboli sia di tutti i poteri sia di tutti gli elementi , una volta finita la trasformazioni Pandora fu trasportata nella parte più bassa del vaso . Dentro il vaso c’ e l’ oscurità più totale , una oscurità fatta da l’ insieme di tutte le creature all’ interno . Se uno ottenesse un simile potere lui sarebbe inarrestabile . Comunque Alyssa senti dentro la sua visione le urla , la disperazione , la rabbia e tutto che provò Pandora , li dentro era stata davvero molto dura . Comunque lei inizio a lavorare sulla tunica di Pandora , inizio a riparare i vari pezzi e poi inizio a farla diventare molto più bella e come immagine li ci mise le palme e altre cose . Pandora andò a vedere come stava procedendo i lavori con della sua tunica con Alyssa , Alyssa appena vide entrare Pandora fece una cosa che a Pandora non piaceva , cioè chiuse la porta . Pandora non sapeva cosa voleva fare Alyssa e cosi un po’ impaurita disse – che cosa vuoi farmi ? , non farmi del male . Alyssa disse – non voglio farti del male , ma ho visto che hai passato nel vaso , quindi se hai bisogno di aiuto nel riuscire a superare tale cose vieni da me e io cercherò di aiutarti e pure Marcello . Alyssa mise un attimo la maglietta di Pandora sul suo letto e andò ad abbracciarla e disse – noi siamo accanto a te , anche se ti conosco da poco , ti vedo come una sorellina piccola da aiutare nei momenti più pericolosi , se hai bisogno chiama e io ti aiuto e lo farò anche Marcello . Pandora che era abbracciata ad Alyssa – se tu mi vedi come la tua sorellina , io ti vedo come una sorella maggiore da cui farmi aiutare , quindi se ho bisogno di aiuto vengo da te o da Marcello . Poi Alyssa fece provare a Pandora la maglietta che lei aveva fatto e gli stava benissimo e sopratutto a Pandora piaceva moltissimo .